Quando la violenza uccide. Femminicidio.

636 views
535 views

Published on

Ogni anno, in Italia, più di 120 donne vengono uccise da uomini che conoscevano e che spesso dicevano di amarle. Per definire queste morti oggi si parla di femminicidio; nel 2013 è stata approvata una legge nazionale che porta questo nome. Ma quanto il quadro normativo italiano è efficace nel contrastare il fenomeno? Come ha risposto il nostro legislatore ai numerosi obblighi imposti a livello internazionale?

Published in: Law
1 Comment
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
636
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
16
Comments
1
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Quando la violenza uccide. Femminicidio.

  1. 1. QUANDO LA VIOLENZA UCCIDE WWW.BONAZZONRACHELE.COM Femminicidio: dal riconoscimento giuridico internazionale ad una legge organica per contrastare la violenza sulle donne.
  2. 2. IL FEMMINICIDIO, COS’È? Femminicidio è un neologismo che esprime un grande potenziale evocativo. Questo vocabolo non nasce per analogia all'omicidio femminile: esso rimanda ad una concetto più ampio rispetto al solo omicidio di donne. Assume un preciso significato politico: indica le violenze di stampo misogino o sessista degli uomini e delle istituzioni maschili sulle donne.
  3. 3. ORIGINE DELTERMINE Diana Russell, sociologa e criminologa statunitense, fu la teorica del “femmicidio”: definito come “l’assassinio di una donna da parte di un uomo per motivi di odio, disprezzo, passionali o per un senso di possesso sulla donna o un senso di legittimazione e superiorità sulle donne” (per es. anche l’aborto selettivo, la schiavitù sessuale, le mutilazioni genitali femminili) ! INDICA GLI OMICIDI DI DONNE “IN QUANTO DONNE” !
  4. 4. IL CASO CIUDAD JUAREZ Alla fine degli anni '90 emerge il dramma dei femminicidi di Ciudad Juarez, città al confine fra Messico e Stati Uniti, nella regione del Chihuahua. La stampa ha svolto un ruolo essenziale nell'internazionalizzazione della lotta contro il femminicidio. ! IL DISCORSO SUL FEMMINICIDIO IN MESSICO È DIVENUTO UN FATTO SOCIALE PUBBLICO!
  5. 5. Marcela Lagarde, docente universitaria di sociologia e di antropologia, utilizzò per la prima volta il termina Femminicidio nel 1997 per definire quanto stava accadendo a Ciudad Juarez in Messico: ! FEMMINICIDIO ! indica non solo gli assassinii di donne ma anche qualsiasi fatto violento contro le donne tale da provare l'annientamento fisico o psicologico della personalità femminile.
  6. 6. IL FEMMINICIDIO RISULTA ESSERE Una pratica connessa alla cultura e alla tradizione, espressione di un'eredità sociopolitica ed economica che riflette un radicato meccanismo di oppressione della donna, in ogni ambito della sua vita. ! ! ! PROBLEMA ENDEMICO E STRUTTURALE FENOMENO SOCIALMENTE E GIURIDICAMENTE ACCETTATO INADEGUATO INTERESSAMENTO DELLE ISTITUZIONI !
  7. 7. RICONOSCIMENTO DEL DIRITTO FONDAMENTALE DELLE DONNE AD UNA VITA LIBERA DA OGNI FORMA DI VIOLENZA
  8. 8. IL RICONOSCIMENTO GIURIDICO Da categoria antropologica, politica e sociale a rivendicazione del femminicidio come violazione dei diritti fondamentali della donne “in quanto donne”: ! • Processo di internazionalizzazione delle istanze di giustizia • Pressante richiesta di codificazione interna del reato di femminicidio (es. in Messico, Guatemala, Costa Rica) !
  9. 9. NORMATIVA INTERNAZIONALE • 1948 – Dichiarazione universale dei Diritti dell'Uomo (art. 2) • 1979 – Convenzione per l'eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) • 1993 – Dichiarazione sull'eliminazione della violenza contro le donne ! ! ! ! !
  10. 10. LA CEDAW Convenzione ratificata da più dei 2/3 degli Stati membri dell'ONU. 
 
 Il Preambolo riconosce la persistenza di gravi discriminazioni contro le donne: essa costituisce violazione manifesta dei diritti fondamentali delle donne e ne ostacola la pari affermazione sociale, danneggiando l'intera comunità.
 
 RITIENE NECESSARIO UN CAMBIAMENTO NEI RUOLI TRADIZIONALI FRA DONNE E UOMINI, NELLA SOCIETÀ E NELLA FAMIGLIA. !
  11. 11. RACCOMANDAZIONI CEDAW 1989 – Raccomandazione CEDAW n. 12: si teorizza la responsabilità dello Stato quando fallisce nel proteggere le donne dalla violenza. 
 1992- Raccomandazione CEDAW n. 19: ex punto 9, gli Stati possono essere ritenuti responsabili rispetto ad atti privati se non agiscono con la dovuta diligenza per impedire le violazioni dei diritti o indagare su atti di violenza e punirli nonché provvedere ad un risarcimento.
  12. 12. CONFERENZA DI VIENNA Dal 14 al 25 giugno 1993 a Vienna ! IL DRAMMA DELLA VIOLENZA DI GENERE EMERGE DALLA SFERA PRIVATA A QUELLA PUBBLICA ! CREAZIONE DELLO SPECIAL RAPPORTEUR DELL'ONU SUI DIRITTI DELLE DONNE ! ! ! ! !
  13. 13. DICHIARAZIONE SULL’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE - 1993 • Il Preambolo stabilisce che la violenza di genere costituisce un ostacolo al raggiungimento dell'uguaglianza e dello sviluppo. • Tali violenza hanno all'origine la disparità di potere esistente fra uomini e donne a livello culturale, sociale, economico e politico. • Ex art. 3 si deve garantire alla donna il diritto al godimento e alla protezione dei diritti umani e di tutte le libertà fondamentali in ogni ambito della vita sociale. !
  14. 14. ARTICOLO 1 “Ai fini della presente Dichiarazione l'espressione violenza contro le donne significa ogni atto di violenza fondata sul genere che abbia come risultato, o che possa probabilmente avere come risultato, un danno o una sofferenza fisica, sessuale o psicologica per le donne, incluse le minacce di tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, che avvenga nella vita pubblica o privata”. ! !
  15. 15. CONFERENZA DI PECHINO Nel 1995 i diritti delle donne entrano a pieno titolo dell'agenda mondiale, come mezzo necessario di sviluppo per il benessere dell'umanità intera. 
 I Governi si impegnano a “condannare la violenza contro le donne ed a non invocare l'abitudine, la tradizione o l'argomentazione religiosa per esimersi dai propri obblighi rispetto alla sua eliminazione”. Inoltre, si obbligano ad evitare forme di violenza contro le donne e a “vigilare per prevenire, indagare e punire gli atti di violenza contro le donne sia se questi siano stati perpetrati dallo Stato sia dai privati”. ! Emerge in capo agli Stati la c.d. obbligazione della 4 P
  16. 16. L’OBBLIGAZIONE DELLE 4 P 1. To Promove = promuovere una cultura che non discrimini le donne 2. To Prevent = adottare ogni misura idonea a prevenire la violenza maschile sulle donne 3. To Protect = proteggere le donne che vogliono fuggire dalla violenza 4. To Punish = perseguire i crimini commessi nei confronti delle donne ! ! !
  17. 17. LA NORMATIVA EUROPEA Il fenomeno della violenza contro le donne ha assunto rilevanza per le agende politiche nazionali dagli anni '90. ! L'UE attribuisce agli Stati la responsabilità primaria nella lotta contro la violenza di genere. L'eliminazione della violenza di genere rimane una priorità dell'UE, indispensabile per raggiungere una piena ed effettiva parità dei sessi.
  18. 18. MISURE ADOTTATE DALL’UE Fino al 2011 mai adottato un atto legislativo di carattere generale sulla violenza di genere nella sua interezza. • Dal 1997 – Programma Daphne: lanciato dalla Commissione Europea per finanziare programmi di ricerca, prevenzione, cura ed integrazione sociale delle vittime. • 2002 - Raccomandazione n. 5 del Parlamento europeo sulla protezione della donna dalla violenza • 2011 – Direttiva n. 99 sull'ordine di protezione europeo del Parlamento europeo • 2012 – Direttiva n. 29 del Parlamento europeo e del Consiglio in materia di diritti, assistenza, protezione delle vittime del reato
  19. 19. CONVENZIONE DI ISTANBUL Il 7 aprile 2011 il Consiglio d'Europa ha adottato la
 
 CONVENZIONE SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE E ALLA VIOLENZA DOMESTICA 
 Aperta alla firma ad Istanbul il 10 e 11 maggio 2011
  20. 20. PRIMO STRUMENTO GIURIDICAMENTE VINCOLANTE E COMPLETO CHE ADOTTA UN APPROCCIO GLOBALE E COORDINATO 
 Entrerà in vigore dopo la ratifica di 10 Stati (almeno 8 membri dell'UE). Ad oggi è stata ratificata da 11 Stati: Italia, Albania, Portogallo, Montenegro, Bosnia-Herzegovina, Austria e Serbia, Turchia, Spagna, Andorra e Danimarca.
 Entrerà in vigore il 1/08/2014. In Italia la Camera ha approvato all'unanimità la ratifica il 28 maggio 2013 ed il Senato ha convertito il testo in legge il 19 giugno 2013.!
  21. 21. La Convenzione riconosce la violenza come violazione dei diritto umani delle donne e una forma di discriminazione. ! I cardini della Convenzione sono: ! 1. La prevenzione della violenza 2. La protezione delle vittime 3. Il perseguimento degli autori ! Ne consegue che gli Stati sono ritenuti responsabili se non garantiscono risposte adeguate per prevenire la violenza.
  22. 22. IN ITALIA
  23. 23. DECRETO LEGGE SUL FEMMINICIDIO Il 14 agosto 2013 il Consiglio di Ministri ha adottato: il Decreto legge n. 93 “Disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonché in tema di protezione civile e di commissariamento delle province” ! Convertito nella Legge 15 ottobre 2013 n. 119 con numerose modificazioni
  24. 24. REATI QUALIFICABILI COME VIOLENZA DI GENERE • Maltrattamenti contro familiari e conviventi - art. 572 c.p. • Omicidio - artt. 575, 576, 577 c.p. • Percosse - art. 581 c.p. • Lesioni personali - artt. 582 e 583 c.p. • Mutilazioni genitali femminili - art. 583 bis c.p. • Violenza sessuale - art. 609 bis c.p. • Minaccia - art. 612 c.p. • Stalking - art. 612 bis c.p.
  25. 25. LUCI ED OMBRE DELLA NUOVA DISCIPLINA NORMATIVA IMPIANTO CHE CONIUGA LA CERTEZZA DELLA PENA CON MISURE DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA E MISURE DI PROTEZIONE DELLE DONNE VITTIME. 
 La misure introdotte dalla l. n. 119/2013 rappresentano, oltre che un adempimento degli obblighi imposti dalla ratifica della Convenzione di Istanbul, anche una risposta alle Raccomandazioni del Comitato CEDAW del 2011 e a quelle della Special Rapporteur Rashida Manjoo dell'ONU sulla violenza contro le donne del 2012.
  26. 26. RACCOMANDAZIONI CEDAW 2011 • Adottare misure onnicomprensive per affrontare la violenza di genere; • Assicurare alle donne vittime di violenza immediata protezione; • Assicurare alle donne vittime il gratuito patrocinio, assistenza psico-sociale e un'adeguata riparazione; • Assicurare che le forze dell'ordine ed i professionisti ricevano una sensibilizzazione completa e sistematica; • Migliorare il sistema per un'appropriata raccolta dei dati; • Predisporre una collaborazione fra tutte le organizzazioni coinvolte, campagne di sensibilizzazione attraverso i media e della campagne di educazione pubblica.
  27. 27. RAPPORTO TEMATICO RASHIDA MANJOO - 2012 “La forma di violenza contro le donne più diffusa in Italia è quella domestica e il continuum di violenza in casa si riflette nei numerosi femminicidi da parte di partner, coniugi ed ex-partner” ! ! ! Il quadro giuridico italiano risulta caratterizzato dalla frammentazione, da pene inadeguate e da inefficaci rimedi giuridici.
  28. 28. CONVENZIONE DI ISTANBUL ED IL QUADRO NORMATIVO ITALIANO • Complessiva inadeguatezza del nostro diritto penale sostanziale rispetto al tema e agli obiettivi di repressione penale; • Necessità di introdurre novità in ambito processuale, in particolare a tutela delle persone offese dai reati di genere; • Necessità di un approccio integrato tra le organizzazioni e di tutte le Istituzioni coinvolte.
  29. 29. CRITICITÁ DELLA NUOVA NORMATIVA • Pacchetto di misure eterogeneo • Ricorso alla decretazione d'urgenza • Utilizzo del diritto penale per finalità dissuasive • Individuazione della donna come soggetto “debole”
 
 Non mette al centro la promozione e la tutela della persona offesa dal reato, ma la percezione di insicurezza legata ai reati che colpiscono soggetti ritenuti “deboli”.
  30. 30. La nuova disciplina risulta perseguire obiettivi diversi e contrari a quelli indicati dalle Nazioni Unite, dal Consiglio d'Europa e dalla Corte europea dei diritti umani, tali, addirittura, da poter sollevare profili di incostituzionalità ! • per la violazione del principio di uguaglianza ex art. 3 della Costituzione • per la contrarietà a norme internazionali ed europee ex art. 117 della Costituzione
  31. 31. NOVITÁ DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE • Valenza aggravante alla violenza c.d. assistita - art. 61 n. 11 quinquies c.p. • Nuova aggravante se reato commesso contro donna in stato di gravidanza o minore - artt. 609 ter e 61 n.11 quinquies c.p. • Nuova aggravante dello stalking se i fatti sono commessi dal coniuge, pure in costanza di vincolo matrimoniale, nonché commessi con strumenti informatici - art. 612 bis comma 2 c.p. • Revoca solo processuale della querela per il reato di stalking, salvo il caso in cui il reato sia stato realizzato mediante minacce reiterate nei modi di cui all’art. 612 bis comma 2 c.p.
  32. 32. NUOVA AGGRAVANTE COMUNE Art. 61 n. 11 quinquies c.p. 
 Delitti non colposi contro la vita, l'incolumità individuale e la libertà personale, nonché il delitto di maltrattamenti commessi ! • IN PRESENZA O IN DANNO DI UN MINORE DI ANNI 18 • IN DANNO DI PERSONA IN STATO DI GRAVIDANZA
  33. 33. NUOVA AGGRAVANTE PER LA VIOLENZA SESSUALE Art. 609 ter c.p. La pena è la reclusione da 6 ai 12 anni
 • Nel caso in cui la vittima sia una donna in stato di gravidanza • Nel caso in cui la vittima sia il coniuge, anche separato o divorziato, dell'agente ovvero persona che a quest'ultimo è legata o è stata legata in passato da relazione affettiva, a prescindere dallo stato di convivenza.
  34. 34. LE NUOVE AGGRAVANTI PER LO STALKING Art. 612 bis comma 2 c.p.
 La pena è aumentata se il fatto è commesso
 • Dal coniuge anche separato o divorziato • Da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa • Se il fatto è commesso attraverso sistemi informatici o telematici
  35. 35. LA PROCEDIBILITÁ DEL REATO DI STALKING Compromesso fra le opposte esigenze di rispettare la libertà della vittima e di garantirle una tutela effettiva contro il rischio di essere sottoposta ad indebite pressioni. ! Art. 612 bis comma 2 c.p. 
 • REMISSIONE SOLO PROCESSUALE • IRREVOCABILITÁ DELLA QUERELA SE IL FATTO È COMMESSO MEDIANTE MINACCE REITERATE ex art. 612 comma 2 c.p. (esempio: commesso con armi o da più persone riunite)
  36. 36. ULTERIORI NOVITÁ IN MATERIA DI STALKING • Art. 266 c.p.p. 
 Possibilità di procedere ad intercettazioni telefoniche 
 • Art. 282 bis c.p.p. 
 Estensione dell'utilizzo del braccialetto elettronico alla misura dell'allontanamento dalla casa familiare
 • Art. 8 d.l. n. 11/2009
 Ammonimento del questore, provvedimenti in materia di armi
 e munizioni
  37. 37. NOVITÁ DI DIRITTO PENALE PROCESSUALE • Obblighi di informazione • Patrocinio gratuito anche in deroga ai limiti di reddito • Testimonianza con modalità protette se soggetto minore o vulnerabile ex art. 398 e 498 c.p.p. • Arresto obbligatorio in flagranza per i maltrattamenti e lo stalking • Intercettazioni telefoniche per il reato di stalking • Allontanamento della casa familiare e divieto di avvicinamento ex art. 282 bis e ter c.p.p. in difetto dei limiti di pena previsti dell'art. 280 c.p.p. • Nuova misura precautelare ex art. 384 bis c.p.p. in caso di pericolo per la vita o l'integrità fisica della vittima
  38. 38. NUOVI OBBLIGHI DI INFORMAZIONE • Art. 408 comma 3 bis c.p.p. 
 Obbligo di notificare l'avviso di richiesta di archiviazione alla persona offesa di un reato commesso con violenza alla persona • Art. 415 bis c.p.p. 
 Obbligo di notificare l'avviso di conclusione delle indagini preliminari alla persona offesa del reato di maltrattamenti e stalking • Art. 299 comma 2 bis, 3 e 4 bis c.p.p. 
 Obbligo di informare il difensore o la persona offesa ed i servizi socio-assistenziali della sostituzione o della revoca delle misure cautelari ex art. 282 bis e 282 ter c.p.p. Anche in caso di richiesta di sostituzione o revoca delle misure coercitive se delitti commessi con violenza alla persona
  39. 39. ALLONTANAMENTO D'URGENZA DALLA CASA FAMILIARE Art. 384 bis c.p.p. ! • Ufficiali o agenti di polizia previa autorizzazione del PM • Allontanamento d'urgenza dalla casa familiare con il divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa • Nei confronti di un soggetto colto in flagranza dei delitti ex art. 282 bis comma 6 c.p.p. • Ove sussistano fondati motivi per ritenere che le condotte criminose possono essere reiterate ponendo in grave ed attuale pericolo la vita o l'integrità fisica della persona offesa
  40. 40. MISURE DI PREVENZIONE E DI PROTEZIONE DELLE DONNE 1. Ammonimento del questore in caso di percosse o di lesioni in ambito domestico ex art. 3 L. n. 119/2013 2. Nuova misura precautelare dell'allontanamento d'urgenza dalla casa familiare ex art. 384 bis c.p.p. 3. Nuova ipotesi di permesso di soggiorno per gli stranieri vittime di violenza domestica ex art. 18 bis T.U. sull'Immigrazione 4. Piano d'azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere ex art. 5 L. n. 119/2013
  41. 41. PIANO D'AZIONE STRAORDINARIO ED AZIONI PER I CENTRI ANTIVIOLENZA 1. Prevenire il fenomeno della violenza attraverso la sensibilizzazione e l’informazione 2. Promuovere l'educazione alla relazione e alla non discriminazione di genere nell'ambito dei programmi scolastici 3. Potenziare le forme di assistenza e di sostegno delle donne vittime di violenza e ai loro figli 4. Garantire la formazione di tutte le professionalità 5. Accrescere le collaborazione tra tutte le istituzioni 6. Prevedere una raccolta strutturata di dati del fenomeno ! NO COLLABORAZIONE CON LA SOCIETÁ CIVILE Artt. 5 e 5 bis L. n. 119/2013
 10 milioni di euro
  42. 42. CENTRI ANTIVIOLENZA E CASE RIFUGIO 127 centri antiviolenza 61 case rifugio 500 posti letto ! Il Consiglio d'Europa raccomanda un centro ogni 10 mila abitanti e una casa rifugio ogni 100 mila. 
 In Italia dovrebbero esserci 5000 posti letto! Mancanza di finanziamenti adeguati!
  43. 43. PROSPETTIVE FUTURE La violenza di genere, prima che un problema di diritto penale, è un problema di natura socio-culturale: richiede un approccio d'intervento complesso e articolato, che parta dalla scuola, dai media e dalla formazione degli operatori del campo.
 ! Il recente intervento normativo ricorre principalmente alla sanzione penale senza rimuovere le cause realmente sottese alla violenza di genere. L'intervento penale non può da solo sradicare il fenomeno del femminicidio, senza essere accompagnato da interventi integrati e coordinati che affrontino il problema globalmente.
  44. 44. CONCLUSIONI CONOSCERE IL FENOMENO NELLA SUA INTEREZZA
 ATTRAVERSO LA RACCOLTA DI DATI 
 GARANTIRE L'EFFETTIVO FUNZIONAMENTO DEI CENTRI ANTIVIOLENZA
 CREARE MISURE DI SOSTEGNO DEGLI UOMINI VIOLENTI
 (come quelle già esistenti in Spagna) 
 FORMARE E SENSIBILIZZARE CONTRO LAVIOLENZA DI GENERE, SRADICARE GLI STEREOTIPI DI GENERE
  45. 45. DOMANDE E RISPOSTE www.bonazzonrachele.com Grazie per l’attenzione dott.ssa@bonazzonrachele.com

×