La Sperimentazione della Metodologia Product Environmental Footprint per Valorizzare la Sostenibilità Ambientale

  • 169 views
Uploaded on

Stefano Alini - Direttore QHSE Radici Chimica S.p.A. …

Stefano Alini - Direttore QHSE Radici Chimica S.p.A.
2° Workshop sulla Gestione Responsabile del Prodotto
MILANO, 25 MAGGIO 2014

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
169
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. La Sperimentazione della Metodologia Product Environmental Footprint per Valorizzare la Sostenibilità Ambientale Stefano Alini Direttore QHSE Radici Chimica S.p.A. stefano.alini@radicigroup.com 2° Workshop sulla Gestione Responsabile del Prodotto MILANO, 25 MARZO 2014
  • 2. PROFILO RADICIGROUP RadiciGroup è oggi una tra le realtà chimiche italiane più attive a livello internazionale. Le attività di RadiciGroup, strutturate a livello globale, si diversificano e si focalizzano sulla Chimica, sulle Materie Plastiche e sulla filiera delle Fibre sintetiche. L'integrazione sinergica e verticale, in particolar modo nella filiera della poliammide, costituisce uno dei punti di forza del Gruppo. RadiciGroup ha infatti il controllo della sua catena produttiva, dagli intermedi chimici come l'acido adipico sino alla poliammide 6 e 6.6, ai tecnopolimeri e ai filati sintetici. 3.200 dipendenti 1.089 milioni di euro Radici Partecipazioni Bilancio Consolidato 2012
  • 3. La strategia di RadiciGroup si basa anche sull’indipendenza produttiva, resa possibile dall’integrazione verticale che caratterizza il Gruppo: dalla chimica, al tessile, ai tecnopolimeri … LA FILIERA dagli intermedi chimici come l'acido adipico sino alla poliammide 6 e 6.6, ai tecnopolimeri e ai filati sintetici. PA66PA66PA66PA66PA66PA66PA66PA66 Ed altro ancora: il poliestere, l’acrilico, le poliolefine ….
  • 4. RADICIGROUP: DENTRO IL TUO MONDO PRODOTTI PER ARREDAMENTO Filati per tende, rivestimenti, tappeti, moquettes. PRODOTTI PER ABBIGLIAMENTO Filati per abiti, intimo, calzetteria, costumi da bagno. PRODOTTI PER IL SETTORE AUTO ED ELETTRICO Materie Plastiche per interni auto e componenti del motore, filati per interni e per airbag. Materie plastiche per elettrodomestici e e per il settore elettrico-elettronico
  • 5. RADICIGROUP FOR SUSTAINABILITY 3. I Principi del protocollo di Kyoto e la strategia denominata 20/20/20: risparmio energetico, uso di fonti rinnovabili e biopolimeri, riduzione delle emissioni ed utilizzo di un 20% di prodotto riciclato; 4. Sostenibilità intesa come approccio nella gestione aziendale, una metodologia applicata secondo il protocollo GRI : Global Reporting Initiative. 1. ISO 9001, ISO 14001, OHSAS 18001, SA 8000, ISO 50001 e ISO 14064 diventano i modelli organizzativi per RadiciGroup; 2. Ricerca & Sviluppo, Reach, LCA, misurazioni di prodotto, Eco-Profiles, EPD, Ecolabel, Oekotex; INDICATORI LEGATI AI DIRITTI UMANI, ALLE CONDIZIONI DI LAVORO, ALLA GESTIONE ECONOMICA E SOCIALE, ALL’AMBIENTE ….
  • 6. QUANTE CERTIFICAZIONI SONO DISPONIBILI? ….CHE VALORE HANNO??! ….QUALE SCELGO???! Nel mondo esistono più di 400 etichette ambientali Solo per i GHG esistono 80 metodi di reporting ….COS’È «SOSTENIBILE»?
  • 7. COS’È SOSTENIBILE? Come dimostro che il mio prodotto o la mia società è «sostenibile»? Se scelgo un approccio, sarà accettato da tutti? Devo dimostrare di essere sostenibile in modo differente per i le varie tipologie di cliente? I clienti capiscono le mie rivendicazioni? Sostenibile, significa più costoso?
  • 8. A WORLD OF "SIMILAR-BUT—DIFFERENT" REQUIREMENTS FOR GREEN PRODUCTS
  • 9. QUALI SONO LE CONSEGUENZE DI QUESTA CONFUSIONE? Per convincere i mercati a premiare i prodotti green, a maggior ragione nei periodi di crisi, occorrono motivazioni credibili e fondate, e molto spesso le imprese non sono in grado di fornirle. Fra i tanti indicatori che fotografano questa lacuna, ve n’è uno particolarmente significativo, sviluppato da National Geographic. Il “Greendex” 2013 dimostra che la prima ragione in assoluto, per cui i 14.000 consumatori intervistati non scelgono prodotti “sostenibili”, è l’inaffidabilità chiaramente percepita nelle dichiarazioni dei produttori (che farebbero “false claims”). Si tratta del ben noto fenomeno del greenwashing, ovvero della propensione delle strategie di marketing a valorizzare una presunta reputazione ambientale, non supportata da un impegno reale e da performance migliori rispetto ai concorrenti.
  • 10. SVILUPPO NEL CONTESTO EUROPEO La Commissione Europea, nella tabella di marcia verso un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse, propone diversi modi per incrementare la produttività e dissociare la crescita economica sia dal consumo di risorse che dagli impatti ambientali, in una prospettiva di ciclo di vita. Uno dei suoi obiettivi è quello di: «stabilire un approccio metodologico comune per consentire agli Stati membri e ai settori privati di valutare, dichiarare e commercializzare le performances ambientali di prodotti, servizi e compagnie, che sia basato sulla valutazione degli impatti ambientali lungo tutto il ciclo di vita («Environmental Footprint»)».
  • 11. SVILUPPO NEL CONTESTO EUROPEO Le metodologie relative alla «Organisation Environmental Footprint» (OEF) e alla «Product Environmental Footprint» (PEF) nascono quindi per rispondere al bisogno di una metodologia comune che consenta agli Stati membri e ai settori privati di valutare, dichiarare e commercializzare le performances ambientali di prodotti, servizi e compagnie. RACCOMANDAZIONE DELLA COMMISSIONE Del 9 aprile 2013 Relativa all’uso di metodologie comuni per misurare e comunicare le prestazioni ambientali nel corso del ciclo di vita dei prodotti e delle organizzazioni (2013/179/UE) Raccomandazione sviluppata nell’ambito di uno degli elementi fondamentali dell’iniziativa faro della strategia Europa 2020 - « Un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse».
  • 12. COSA SONO LA PEF E L’OEF? “L’impronta ambientale di un prodotto/ organizzazione è una misura, fondata su una valutazione multi-criteri, delle prestazioni ambientali di un bene o di un servizio lungo tutto il ciclo di vita” ed è “calcolata principalmente al fine di ridurre gli impatti ambientali di tale bene o servizio, considerando tutte le attività della catena di fornitura (supply chain): dall’estrazione delle materie prime, attraverso la produzione e l’uso, fino alla gestione del fine-vita”.
  • 13. DA DOVE NASCONO PEF E OEF? La metodologia PEF/OEF è stata sviluppata dal Joint Research Centre dell’Unione Europea sulla base di metodi esistenti e ampiamente testati ed utilizzati con l’obiettivo di definire una metodologia comune a livello europeo per il calcolo degli impatti ambientali di un prodotto, introducendo la significativa novità dell’applicazione alle organizzazioni. Questa metodologia è stata sviluppata sulla base dell’International Reference Life Cycle Data System (ILCD) Handbook, così come su altri standard metodologici e documenti guida quali: (ISO 14040-44, PAS 2050, BP X30, WRI/WBCSD GHG protocol, etc.
  • 14. SCHEMA DI SVILUPPO ISO 14044 ISO 14067 BP X30-323 PAS 2050 Ecological footprint ILCD Product Standards, Greenhouse Gas Protocol (WRI/ WBCSD)
  • 15. IL GRUPPO DI LAVORO Ottobre 2012 costituito il GdL per sperimentare la metodologia sulla filiera della PA66
  • 16. LA SCELTA DI RADICI GROUP L’Impronta Ambientale di Prodotto (PEF) e di Organizzazione (OEF) è una metodologia dalla valenza soprattutto tecnica ed oggi costituisce: • uno strumento di politica ambientale in cima alle agende di molti Paesi Membri dell’Unione e della stessa Commissione Europea e: Dovrebbe essere «unica» e accettata da tutti; Si propone di avere poche e chiare regole di prodotto e di settore (PEFCRs/OEFSRs) Contribuisce a superare alcuni fallimenti del mercato e del regolatore Basato su multi-criteri per valutare tutti gli aspetti di impatto • una leva per il miglioramento gestionale e competitivo cui molte aziende sono fortemente interessate perché: Supporta le decisioni nel breve e le strategie nel lungo periodo Migliora la comunicazione al mercato e la soddisfazione del cliente Aiuta a scovare margini di efficienza economica
  • 17. OBIETTIVI DELLO STUDIO Gli obiettivi specifici dello studio OEF/PEF in Radici Group sono: • Fare chiarezza, nell’ambito del settore intermedi PA6 e PA66, dei valori di impatto ambientale, delle metodologie di valutazione, delle etichette ambientali. •Ottenere un’indicazione precisa dell’impatto ambientale legato alle attività produttive dell’azienda. • Fornire le basi per individuare eventuali aree di miglioramento all’interno dello stabilimento e nella catena di fornitura delle materie prime a monte. • Fornire all’azienda uno strumento robusto e condiviso a livello europeo per comunicare le proprie performance ambientali.
  • 18. AMBITO DELLO STUDIO: Unità di analisi e portafoglio aziendale Definizione dell’organizzazione (Unità di analisi nello studio OEF): Organizzazione: Radici Chimica S.p.A. Settore: Manufacture of plastics in primary forms. NACE code: 20.16 Locazione: Novara, IT Product/service Portfolio: Prodotto Anno di riferimento Poliammide 6.6 2011 Esametilendiammina 2011 Acido adipico 2011 Acido nitrico 2011 MAB (Miscela acidi bicarbossilici) 2011 Teste e code diammina 2011 CO2 2011 L’unità di analisi dello studio PEF è rappresentata da 1 kg di ciascun singolo prodotto.
  • 19. AMBITO DELLO STUDIO: Definizione dei confini
  • 20. AMBITO DELLO STUDIO: Categorie di impatto e metodi di valutazione Nello studio sono state prese in considerazione tutte le categorie di impatto previste dalla Raccomandazione della Commissione 2013/179/UE, con i rispettivi metodi di calcolo e gli indicatori di categoria. Come ulteriore informazione ambientale sono stati calcolati i consumi lordi di energia lungo tutto il ciclo di vita utilizzando come indicatore il Global Energy Requirement (GER). Categorie di impatto: 1. Cambiamenti climatici 2. Riduzione dello strato di ozono 3. Ecotossicità per ambiente acquatico di acqua dolce 4. Tossicità per gli esseri umani – effetti cancerogeni 5. Tossicità per gli esseri umani – effetti non cancerogeni 6. Particolato/smog provocato dalle emissioni di sostanze inorganiche 7. Radiazione ionizzante – effetti sulla salute umana 8. Formazione di ozono fotochimico 9. Acidificazione 10. Eutrofizzazione – terrestre 11. Eutrofizzazione – acquatica 12. Impoverimento delle risorse – acqua 13. Impoverimento delle risorse – minerali, fossili 14. Trasformazione del terreno Tutto è standardizzato
  • 21. RACCOLTA ED ELABORAZIONE DATI
  • 22. VERIFICA DEI REQUISITI DI QUALITÀ DEI DATI Per avere una prima stima in merito alla qualità dei dati utilizzati è stata effettuata una valutazione semi- quantitativa secondo le specifiche riportate nella Raccomandazione 2013/179/UE. Confrontando il valore complessivo ottenuto con le categorie riportato nella 179/2013, risulta che il livello complessivo di qualità dei dati utilizzati è molto buono. Elaborazioni più approfondite per capire l’incidenza della qualità dei dati sui risultati finali sono state effettuate in fase di interpretazione.
  • 23. LIVELLO DI QUALITÀ DEI DATI Ottima qualità circa 27% Qualità molto buona circa 71% Totale 98%
  • 24. VALUTAZIONE DI IMPATTO DELL’IMPRONTA AMBIENTALE In questa fase sono state calcolate le prestazioni ambientali associate all’azienda nel suo complesso (OEF) e ai singoli prodotti (PEF), associando a ciascuna voce di consumo e di emissione inserita nei profili input/output gli opportuni fattori di caratterizzazione a seconda che esse contribuiscano o meno al valore della specifica categoria di impatto considerata.
  • 25. RISULTATI OEF Categoria d'impatto Unità Totale azienda GER (Totale) TJ 13.149,03 Climate change t CO2eq 753.611 Ozone depletion kg CFC-11 eq 37,02 Human toxicity, cancer effects CTUh 9,54 Human toxicity, non-cancer effects CTUh 6,84 Particulate matter kg PM2.5 eq 166.537 Ionizing radiation HH t U235 eq 8.004,00 Ionizing radiation E (interim) CTUe 24,68 Photochemical ozone formation kg NMVOC eq 1.422.835 Acidification molc H+ eq 2.378.983 Terrestrial eutrophication molc N eq 4.404.844 Fresh water eutrophication kg P eq 21.104 Marine eutrophication kg N eq 467.657 Fresh water ecotoxicity CTUe 362.257.971 Land use t C deficit 303.860,08 Water resource depletion m3 water eq 55.190.533 Nell’OEF oltre agli impatti dovuti alla produzione vengono presi in considerazione ad esempio anche gli impatti dei servizi (uffici) e manutenzioni degli impianti e delle strutture.
  • 26. RISULTATI PEF Categoria d'impatto Unità PA 66 GER (Totale) MJ 128,18 GER (fonti non rinnovabili) MJ 127,17 GER (fonti rinnovabili) MJ 1,00 Climate change kg CO2 eq 6,94 Ozone depletion kg CFC-11 eq 3,48E-07 Human toxicity, cancer effects CTUh 1,02E-07 Human toxicity, non-cancer effects CTUh 6,25E-08 Particulate matter kg PM2.5 eq 1,64E-03 Ionizing radiation HH kg U235 eq 7,99E-02 Ionizing radiation E (interim) CTUe 2,46E-07 Photochemical ozone formation kg NMVOC eq 1,36E-02 Acidification molc H+ eq 2,34E-02 Terrestrial eutrophication molc N eq 4,06E-02 Freshwater eutrophication kg P eq 1,80E-04 Marine eutrophication kg N eq 4,34E-03 Freshwater ecotoxicity CTUe 3,92 Land use kg C deficit 2,84 Water resource depletion m3 water eq 5,04E-01 Mineral, fossil & ren resource depletion kg Sb eq 6,88E-06 Di seguito sono riportati i valori relativi a 1 kg di ciascun singolo prodotto (risultati PEF).
  • 27. STIMA DELL’INCERTEZZA Al fine di valutare la fondatezza e l’applicabilità dei risultati dello studio è stata condotta una stima dell’incertezza attraverso l’Analisi Montecarlo. Di seguito sono mostrati i risultati per il PA 6.6, assunti come rappresentativi in quanto trattasi del prodotto situato più a valle nella filiera produttiva. I risultati sono particolarmente positivi per lo studio, visto che i parametri più significativi sono anche quelli che presentano il minore valore dell’incertezza.
  • 28. INTERVENTI DI MIGLIORAMENTO Gli interventi di miglioramento sono volti alla riduzione delle emissioni di protossido di azoto e NOx generati dalle fasi produttive dell’acido nitrico e dell’acido adipico. Una serie di interventi di natura gestionale a livello di reparto produttivo dell’acido adipico, già intrapresi dall’azienda nell’anno 2010, hanno permesso nel 2011 una riduzione delle emissioni di N2O, ottenendo per la produzione di 1 kg di Poliammide 6.6 un valore associato di GWP100 pari a 6,94 kg di CO2 eq, inferiore rispetto alle attuali medie europee. L’implementazione in progetto di un nuovo sistema di abbattimento del protossido di azoto e degli NOx, per il reparto produttivo dell’acido nitrico, consentirà all’azienda di ridurre ulteriormente il suo impatto in termini di cambiamento climatico, acidificazione e eutrofizzazione.
  • 29. CRITICAL REVIEW INDIPENDENTE
  • 30. OPPORTUNITA’ DI VALORIZZAZIONE Strumento per dimostrare, con una metodologia riconosciuta e con valori oggettivi, il raggiungimento dei progetti di miglioramento ambientale (ISO 14001). Progetti finanziati di R&D Fondo Rotativo Protocollo di Kyoto
  • 31. OPPORTUNITA’ DI COMUNICAZIONE: ACCORDO VOLONTARIO