Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Le mie idee per l'italia.giustizia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Le mie idee per l'italia.giustizia

  • 126 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
126
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ROBERTO MAZZANTI 29 ottobre 2013
  • 2. Perentorietà di tutti i termini stabiliti dalle procedure, anche per i Magistrati. ROBERTO MAZZANTI 2
  • 3. L’autonomia del giudice è fondamentale nell’esercizio delle sue funzioni, ma l’organizzazione (acquisti, sistemi, personale, orari) è centralizzata e fa capo al Ministero della Giustizia. (la digitalizzazione è indispensabile, ma abbiamo già buttato più di 3 miliardi senza ottenere risultati perché tutto si arena sulla frammentazione di uffici e procedure.) ROBERTO MAZZANTI 3
  • 4. Oltre alla carriera per merito deve esserci anche l’espulsione per demerito, per chi continua a perseguire innocenti o scrivere sentenze sbagliate. Lo stabilisca l’organo di autogoverno della Magistratura. ROBERTO MAZZANTI 4
  • 5. Il sistema accusatorio, in campo penale, presuppone la separazione delle carriere fra chi accusa e chi giudica. E’ semplicemente il buon senso a dettarlo.....non sarei contrario a portare il PM ad essere eletto direttamente dai cittadini. ROBERTO MAZZANTI 5
  • 6. Sia in civile che in penale il processo deve essere l’estrema ratio, incentivando i riti alternativi, dalla conciliazione al patteggiamento, la prima con la punizione della causa temeraria, la seconda con sconti di pena che riguardino anche i reati gravi, ben circoscritti, quando il colpevole adotta un comportamento di piena collaborazione. ROBERTO MAZZANTI 6
  • 7. Né la responsabilità dell’accusa né i riti alternativi potranno mai funzionare se non si elimina l’obbligatorietà dell’azione penale, del resto mai rispettata con la scelta selettiva dei tempi e delle prescrizioni.... ROBERTO MAZZANTI 7
  • 8. Rispetto scrupoloso dei limiti della custodia cautelare. Punire chi mette in cella chi sarà poi assolto. ROBERTO MAZZANTI 8
  • 9. Attenuazione della presunzione d’innocenza in caso di condanna in Appello (per reati meno gravi) e già dal primo grado (per i reati di maggiore allarme sociale). ROBERTO MAZZANTI 9
  • 10. L’autogoverno del Csm non può essere auto-organizzazione e auto-referenzialità. L’attuale CSM è un corpo separato dello Stato. Non si limita a compiti amministrativi, va oltre. Fa politica e con tanto di correnti organizzate. ROBERTO MAZZANTI 10
  • 11. Non serve più spesa, ma più controlli e organizzazione, con accorpamento non solo dei tribunali, ma dei distretti giudiziari. ROBERTO MAZZANTI 11
  • 12. Indispensabile per salvare una seria riforma della giustizia, ma non è accettabile, come anche l’indulto, per svuotare le carceri. ROBERTO MAZZANTI 12
  • 13. Profilo dell’autore -Facebook = https://www.facebook.com/Roberto.Mazzanti.LibLab e anche: https://www.facebook.com/RobertoMazzantiFarePerFermareIlDeclino -Twitter = https://twitter.com/mazzantir -Google+ = https://plus.google.com/u/0/106081674767772489131/about -Linkedin = http://www.linkedin.com/profile/view?id=128085430&trk=tab_pro 13