Cessione azienda e responsabilità per debiti del cedente
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Cessione azienda e responsabilità per debiti del cedente

  • 2,463 views
Uploaded on

una strana sentenza che forse confonde il debito con il contratto. Tribunale Milano. Sentenza 12673.

una strana sentenza che forse confonde il debito con il contratto. Tribunale Milano. Sentenza 12673.

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
2,463
On Slideshare
2,463
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
2
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. indice ARGOMENTO SLIDE Cronologia dei fatti 3-4 Osservazioni del tribunale di Milano 5-6 Mie osservazioni conclusive 7-8 Note 9-10-11 Link al video: http://www.youtube.com/watch?v=51ybtNWCgpg&feature=youtu.be 2
  • 2. CRONOLOGIA DEI FATTI 1. La parte attrice è creditrice verso una sas per una sovvenzione cambiaria da x euro; 2. La sas è inadempiente verso la parte attrice e non rimborsa tutto il prestito ricevuto (prestito finalizzato espressamente al rafforzamento dell’attività commerciale della s.a.s. – un bar); 3. Il 30 Settembre 2009 la sas cede la sua azienda ad una ditta individuale (convenuta nel procedimento) che la parte attrice ha citato in giudizio in quanto la ritiene responsabile in solido con la s.a.s. cedente l’azienda, ai sensi degli artt.2558 -2560 c.c. 3
  • 3. CRONOLOGIA DEI FATTI 4. La ditta convenuta contesta l’applicabilità dell’art.2560 c.c. [nota 1] perchè il debito non emergeva dalla contabilità della sas cedente, in regime semplificato, dato che le fatture relative al prestito della parte attrice erano annotate solo in un registro Iva; 5. La convenuta contesta anche l’applicabilità dell’art.2558 c.c. [nota 2] perchè la cessione d’azienda non configura un subentro contrattuale ma una successione nel debito e perchè l’art.6 del contratto di cessione di azienda aveva comunque escluso la successione dell’acquirente nei debiti aziendali. 4
  • 4. OSSERVAZIONI DEL TRIBUNALE -1appare piuttosto l'art. 2558 cod. civ. -secondo cui "se non è pattuito diversamente, l'acquirente dell'azienda subentra nei contratti stipulati per l'esercizio dell'azienda stessa che non abbiano carattere personale"- la norma di cui far governo nel caso in esame; -2L’art. 2560 c.c. si applica solo ai debiti liquidi ed esigibili e non a quelli che potrebbero sorgere a seguito di posizioni contrattuali non ancora esaurite, come nel caso in questione. La responsabilità della ditta acquirente è invece di natura contrattuale e ne segue le norme; 5
  • 5. OSSERVAZIONI DEL TRIBUNALE -3Nel contratto di cessione di azienda è stato pattuita l’esclusione dell’acquirente dal subentro nei debiti e crediti aziendali, ma non è stata riprodotta una clausola similare per quanto riguarda il subentro nei contratti aziendali, per i quali nulla è stato scritto; -4Pertanto la convenuta dovrà rifondere l’attrice per le cambiali insolute, gli interessi e le spese legali, in quanto subentrata nel contratto in corso, che vede scoperte le obbligazioni della cedente l’azienda. 6
  • 6. MIE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Per poter comprendere bene la portata e le motivazioni della sentenza in questione, occorre distinguere tra DEBITI e CONTRATTI, in quanto entrambi sono elementi passivi o potenzialmente passivi per chi acquista l’azienda. Solo che i DEBITI sono somme dovute, certe, liquide ed esigibili; i CONTRATTI invece non sono debiti ma obbligazioni in cui ciascuna parte si obbliga ad una azione verso l’altra. La prima fornisce un bene o un servizio, la seconda il pagamento di un prezzo. Il DEBITO in un contratto, sorge in quel momento: quando la prima ha fornito e l’altra parte deve pagare. Nel caso in questione, la ditta che ha ricevuto il prestito cambiario non ha onorato il suo debito se non in parte ed ha ceduto l’azienda nel momento in cui doveva ancora terminare il rimborso. La ditta acquirente l’azienda contesta appunto il fatto che in quel momento il contratto fosse in corso e ritiene quindi di trovarsi di fronte ad un DEBITO. E siccome nel contratto di cessione d’azienda sono stati esclusi i debiti da ogni subentro dell’acquirente......ecco nascere la contestazione. Personalmente, ritengo che l’acquirente dell’azienda abbia ragione. E lo spiego nella slide seguente. 7
  • 7. MIE CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Se esaminiamo la dinamica tipica delle obbligazioni contrattuali (vedi art.1173 c.c. e segg), la cronologia è sempre la seguente (semplificando al massimo), tranne nei casi di somministrazione: 1. Il fornitore del bene o del servizio si obbliga ad effettuare la sua prestazione in cambio di un corrispettivo in denaro; 2. Il cliente ha solo l’obbligo di pagare il corrispettivo – nei termini convenuti – dal momento in cui il fornitore adempie la sua prestazione; 3. Il fornitore adempie; 4. Il cliente da quel momento ha un DEBITO verso di lui 5. Il contratto è concluso (salvo contestazioni sulla prestazione del fornitore) e il DEBITO è liquido ed esigibile. Se l’acquirente dell’azienda subentra prima del punto 3, entra in un CONTRATTO ed acquisisce il diritto di ricevere la prestazione; se subentra dal punto 3 in poi, salvo contestazioni sull’esatto adempimento del fornitore, subentra in un DEBITO. Salvo che i debiti non siano stati espressamente esclusi dal passaggio d’azienda. Come – appunto – nel caso in questione. 8
  • 8. NOTE 9
  • 9. NOTA N.1 Art.2560 Codice Civile 2560. Debiti relativi all'azienda ceduta. L'alienante non è liberato dai debiti, inerenti all'esercizio dell'azienda ceduta anteriori al trasferimento, se non risulta che i creditori vi hanno consentito. Nel trasferimento di un'azienda commerciale risponde dei debiti suddetti anche l'acquirente dell'azienda, se essi risultano dai libri contabili obbligatori . 10
  • 10. NOTA N.2 Art.2558 Codice Civile 2558. Successione nei contratti. Se non è pattuito diversamente, l'acquirente dell'azienda subentra nei contratti stipulati per l'esercizio dell'azienda stessa che non abbiano carattere personale. Il terzo contraente può tuttavia recedere dal contratto entro tre mesi dalla notizia del trasferimento, se sussiste una giusta causa, salvo in questo caso la responsabilità dell'alienante. Le stesse disposizioni si applicano anche nei confronti dell'usufruttuario e dell'affittuario per la durata dell'usufrutto e dell'affitto. 11
  • 11. 12