Your SlideShare is downloading. ×
0
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
La sfida della disoccupazione giovanile in Europa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

La sfida della disoccupazione giovanile in Europa

1,510

Published on

Negli ultimi anni, la disoccupazione giovanile è aumentata in modo drammatico nella maggioranza dei paesi europei. Gli interventi, dovranno concentrarsi su una di queste priorità: …

Negli ultimi anni, la disoccupazione giovanile è aumentata in modo drammatico nella maggioranza dei paesi europei. Gli interventi, dovranno concentrarsi su una di queste priorità:
• Far si che i giovani posseggano le competenze accademiche, professionali e personali necessarie nel mercato del lavoro di oggigiorno.
• Armare i giovani con gli strumenti per pianificare la loro transizione dalla scuola al lavoro e prendere le decisioni più adatte alle loro capacità e ambizioni. Allo stesso tempo, i
Governi devono intervenire per ridurre la dualità del mercato del lavoro, permettendo ai giovani di ambire ad un lavoro alla pari degli altri.
• Favorire la crescita di tutto il sistema economico, aiutando ad aumentare le opportunità di lavoro anche nelle regioni UE più svantaggiate.

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,510
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
5
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. La sfida della disoccupazione giovanile in Europa autori Stefano Gurciullo Paolo Lucchino graphic design Emanuele Sangalli
  • 2. La disoccupazione giovanile dopo la crisi
  • 3. Qual È' l´entitÀ' della sfida? Negli ultimi anni, la discoccupazione giovanile è aumentata in modo drammatico nella maggioranza dei paesi Europei. In Grecia e Spagna, più della metà dei giovani che cercano lavoro non lo trovano.
  • 4. La recessione ha avuto un forte impatto sui giovani in particolare... La crisi economica e del debito hanno avuto conseguenze più gravi sulla disoccupazione giovanile che su quella degli adulti. Nella maggior parte dei paesi UE, l’aumento nella percentuale di giovani che sono rimasti senza lavoro è stato il doppio di quello per gli adulti.
  • 5. ... e alcuni hanno semplicemente abbandonato la ricerca di lavoro La disoccupazione è solo parte della storia. Anche il numero di chi non lavora, non studia e non è su un corso di formazione (i cosiddetti NEET, Not in Employment Education or Training) ha raggiunto livelli drammatici.
  • 6. Disoccupazione giovanile: La crisi È solamente un campanello d´allarme
  • 7. Non puntiamo il dito solo verso la crisi La crisi e la recessione che ne ha seguito hanno solo fatto emergere e aggravato problemi che già esistevano. Anche quando tornerà la crescita economica, la sfida della disoccupazione giovanile non verrà risolta a meno che non si interverrà sulle cause sociali e strutturali del fenomeno.
  • 8. CAUSA N.1 Formazione e competenze I giovani che sono più a rischio di disoccupazione sono spesso quelli con scarsi titoli di studio e livelli di formazione. Inoltre, spesso si tratta di giovani che devono affrontare barriere molteplici, come l’essere immigrato o disabile, o essere cresciuto in un contesto famliare disagiato.
  • 9. CAUSA N.2 Il mercato del lavoro duale In molti paesi, semplicemente trovare un lavoro non basta. Spesso, il lavori a cui possono ambire i giovani sono quelli con una retribuzione scarsa o scarse prospettive di avanzamento. Questo fenomeno è accentuato in mercati del lavoro duali. Questi mercati sono caratterizzati da segmenti distinti: uno con lavori stabili e a lungo termine, e l’altro con lavori ‘precari’ con una scarsa protezione sociale. L’incidenza di lavori ‘precari’, che non offrono certezze finanziarie e prospettive di avanzamento sufficienti, è particolarmente alta tra i giovani. Inoltre, questi lavori sono i primi ad essere colpiti dalle recessioni.
  • 10. Notiamo che sono i paesi con una disoccupazione giovanile maggiore ad essere anche quelli con un’incidenza maggiore di giovani insoddisfatti con il loro lavoro.
  • 11. CAUSA N.3 Scarsa crescita economica La disoccupazione giovanile si concentra in alcune regioni dell’UE a causa della scarsa performance economica. Chi vive in regioni svantaggiate spesso ha difficoltà a spostarsi verso aree con opportunità economiche maggiori, e può; rimanere intrappolato dopo ci sono poche prospettive di lavoro.
  • 12. Come intervenire?
  • 13. Prima si interviene, meglio. La letterature parla del fenomeno di ‘scarring’ - lasciare una cicatrice. Un momento di disoccupazione riduce l’accumulazione di esperienze lavorative, e quindi le prospettive di un lavoro migliore nel futuro. Si mette in moto un circolo vizioso, in cui alcuni posso rimanere esclusi dal mercato del lavoro.
  • 14. Gli interventi, piccoli o grandi che siano, dovranno concentrarsi su almeno una di queste prioritÀ': • Far si che i giovani posseggano le competenze accademiche, professionali e personali necessarie nel mercato del lavoro di oggigiorno. • Armare i giovani con gli strumenti per pianificare la loro transizione dalla scuola al lavoro e prendere le decisioni più adatte alle loro capacità e ambizioni. Allo stesso tempo, i Governi devono intervenire per ridurre la dualità del mercato del lavoro, permettendo ai giovani di ambire ad un lavoro alla pari degli altri. • Favorire la crescita di tutto il sistema economico, aiutando ad aumentare le opportunità di lavoro anche nelle regioni UE più svantaggiate.

×