Italiani si diventa ma come diritto cittadinanza immigrati

12,689
-1

Published on

Tra gli “8 punti per il cambiamento” proposti dal PD come base per formare il nuovo esecutivo c’è “Norme sull’acquisizione della cittadinanza per chi nasce, cresce, studia in Italia”. Come funziona il diritto di cittadinanza? Le proposte di riforma per riconoscere una nuova generazione di italiani.

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
12,689
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Italiani si diventa ma come diritto cittadinanza immigrati

  1. 1. Il diritto di cittadinanza per i figli degli immigrati Italiani si diventa! Ma come? di Laura Bartolini
  2. 2. Una nuova legge sulla cittadinanza Negli “8 punti per il cambiamento” proposti da Bersani come base per formare il prossimo esecutivo, alla voce “Diritti” troviamo : “Norme sull’acquisizione della cittadinanza per chi nasce, cresce, studia in Italia”  Il tema della riforma del diritto di cittadinanza è entrato nel 2012 nel dibattito politico e nell’ultima campagna elettorale.  Come spesso accade per ciò che riguarda immigrazione e integrazione, le dichiarazioni di esponenti politici nazionali e amministratori locali sono spesso poco precise e in forma di slogan. 2 Ma di CHI stiamo parlando? Perché c’è bisogno di riformare la legge sulla cittadinanza?
  3. 3. Nati in Italia e non italiani: qualche numero (1) Negli ultimi 10 anni i bambini stranieri nati in Italia sono circa 590 mila. Il 40% è cittadino di un paese europeo. 3 - 5,000 10,000 15,000 20,000 25,000 30,000 35,000 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 Bambini nati in Italia per continente di cittadinanza, 2002-2011. Europa (UE + non UE) Nord Africa Asia Africa Sub-Sahariana America Latina Fonte: Istat.
  4. 4. Nel 2011 sono stati registrati alla nascita come stranieri 79,261 bambini. 4 Nati in Italia e non italiani: qualche numero (2) Prime 10 nazionalità Nati nel 2011 Romania 15,500 Marocco 12,403 Albania 9,253 Cina 5,353 India 2,711 Tunisia 2,392 Bangladesh 2,388 Egitto 2,157 Pakistan 2,122 Nigeria 1,872 Si tratta del 14,9% del totale delle nascite registrate in Italia nello stesso anno (530,770). Nord Africa 22% Unione Europea 22% Europa, non UE 22% Asia 21% Africa Sub- Sahar. 8% America Latina 5% Stranieri 15% Italiani 85% Fonte: Istat.
  5. 5. Con pieni diritti, finché sono minori 5 Secondo la legge italiana, i bambini stranieri presenti in Italia, nati qua o altrove, godono di molti diritti in quanto minori:  residenza (anche se i genitori sono irregolari, non possono essere espulsi)  unità familiare (diritto a non essere separati dai propri genitori)  accesso alla salute  accesso al sistema scolastico Ma per le cosiddette “seconde generazioni” il percorso di integrazione subisce uno STOP al compimento del 18°anno: • una volta maggiorenni, devono richiedere la cittadinanza o farsi rilasciare un permesso di soggiorno seguendo le norme del Testo Unico sull’Immigrazione (Legge Bossi-Fini, 2002), con procedimenti burocratici lunghi e dall’esito non scontato.
  6. 6. Facciamo un esempio: Fatma ha 17 anni. È nata in Italia da genitori egiziani e frequenta la 4° liceo scientifico. Per la legge italiana, è cittadina straniera:  per andare in gita scolastica in Francia ha dovuto portarsi dietro i documenti dei genitori, la carta di identità non basta.  per fare sport agonistico, finisce nella quota “stranieri” della sua squadra di pallavolo.  vuole richiedere la cittadinanza appena diventa maggiorenne ma quando aveva 2 anni ha trascorso 6 mesi a casa dei nonni in Egitto e spera che questo non sia un problema!* 6 Manuel ha 19 anni. E’ nato e cresciuto in Argentina e non è mai stato in Italia. I suoi nonni sono italiani. Per la legge italiana può richiedere e ottenere la cittadinanza italiana perché è discendente di italiani.  può quindi partecipare alle elezioni politiche, votando dall’estero .  può scegliere di trasferirsi in Italia senza bisogno di un permesso di soggiorno (per studio o lavoro). * Tra i requisiti per la cittadinanza c’è la residenza senza interruzioni dal momento della nascita. Vedi le prossime slide per i dettagli.
  7. 7. Ricapitolando... In Italia prevale il principio dello ius sanguinis (legge 5 febbraio 1992, n.91) è cittadino italiano chi nasce da almeno un cittadino italiano (ha sangue italiano nelle vene!)  è straniero all’anagrafe chi nasce in Italia da genitori stranieri. 7 Non è previsto lo ius soli  si riconosce la cittadinanza a chi nasce nel territorio, a prescindere dalla nazionalità dei genitori.
  8. 8. Quindi? Un bambino straniero nato in Italia può: Richiedere di diventare cittadino italiano dopo il compimento del 18° anno, SE può dimostrare che:  ha SEMPRE risieduto in Italia senza interruzioni e senza allontanamenti superiori a 6 mesi  al momento della richiesta fa parte della famiglia di origine  presenta la domanda entro il 19° compleanno. Oppure, dopo il 19° compleanno:  può richiedere la naturalizzazione dopo 3 anni di residenza legale e ininterrotta  può rimanere regolarmente in Italia solo dietro rilascio di un permesso di soggiorno per studio o per lavoro 8 Ci sono casi limite di persone che, avendo ritardato a fare richiesta , trovate senza permesso di soggiorno, sono state portate in un CIE come stranieri irregolari da espellere verso un paese che non è il loro…
  9. 9. Cosa fanno gli altri paesi europei? 9Fonte: EUDO-citizenship, Law Indicators Ius soli alla nascita La mappa indica la possibilità o meno di ottenere la cittadinanza del paese in cui si nasce. In altri paesi d’Europa Rosso = Ius soli non previsto Viola = Ius soli previsto in alcuni casi, Blu = Ius soli sempre previsto • Irlanda, Portogallo, Belgio, Grecia, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, e Regno Unito prevedono lo ius soli. • Sono tutti paesi dell’Unione Europea, spesso con storie di migrazione e politiche di integrazione più lunghe di quella italiana.
  10. 10. Il dibattito durante il 2012 (1) Marzo 2012: una Campagna promossa da numerose organizzazioni della società civile italiana ha depositato in Parlamento 200,000 firme per sostenere due proposte di legge di iniziativa popolare: Nuove norme sulla cittadinanza (introduzione ius soli*) Norme sulla partecipazione politica e diritto di voto agli stranieri alle amministrative Giugno 2012: le proposte arrivano alla Camera. Pur dichiarandosi favorevoli, il Governo Monti e in particolare il Ministro Riccardi pensano che una decisione in materia debba essere presa dal Parlamento... 10 * NB: Introdurre lo ius soli non comporta l’eliminazione dello ius sanguinis.
  11. 11. Il dibattito durante il 2012 (2) Gli appelli per una riforma della legge sulla cittadinanza aumentano:  L’ANCI chiede a tutti i Comuni di ricordare ai ragazzi stranieri che stanno per diventare maggiorenni che hanno solo un anno di tempo per richiedere la cittadinanza  Alcuni Comuni italiani scelgono di dare la cittadinanza onoraria ai bambini stranieri che risiedono nei loro territori (es. Torino, Scandicci)  Il Presidente Napolitano nel suo Discorso di fine anno ricorda: “(…) è concepibile che, dopo essere cresciuti ed essersi formati qui, restino stranieri in Italia?” Per tutti i favorevoli, la cittadinanza (e tutti i diritti e i doveri ad essa collegati) è uno strumento necessario per una migliore INTEGRAZIONE delle seconde generazioni nel nostro paese. … e il tema entra nei programmi dei partiti in campagna elettorale 11
  12. 12. Posizioni dei principali partiti eletti in Parlamento 12 PD SEL PdL – Lega Nord M5S Scelta Civica IUS SOLI IUS SOLI IUS SANGUINIS No allo IUS SOLI IUS SOLI (?) Diritto di cittadinanza a chi nasce, cresce e studia in Italia. Si trova nel Programma elettorale e negli “8 punti per il cambiamento”. Diritto di cittadinanza a chi nasce in Italia, accelerare procedure burocratiche. Si trova nel Programma elettorale. Mantenimento Legge Bossi-Fini. Il tema immigrazione è presente solo alla voce “Sicurezza” (contrasto immigrazione clandestina, espulsioni) dei due Programmi elettorali. Il tema immigrazione non è presente nel Programma elettorale. Dichiarazioni di Grillo e neo- parlamentari sul pericolo di immigrazione incontrollata. Il tema immigrazione non è presente nell’Agenda Monti. Dichiarazioni pre- elettorali a favore del diritto di cittadinanza a chi nasce in Italia.
  13. 13. Per approfondire Le fonti EUDO-Citizenship: Law Indicators ISTAT: Demostat. L’Italia sono anch’io: Campagna per i diritti di cittadinanza. Ministero dell’Interno: Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, Cittadinanza. Sulle seconde generazioni, il diritto di cittadinanza e l’immigrazione Yalla Italia (http://www.yallaitalia.it/) , Seconde Generazioni (http://www.secondegenerazioni.it/) , ASGI (http://www.asgi.it/), FIERI (http://www.fieri.it/), Fondazione ISMU (banca dati nazionale), Meltingpot (http://www.meltingpot.org/). 13

×