Your SlideShare is downloading. ×
Il Parlamento europeo: struttura, composizione e poteri
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Il Parlamento europeo: struttura, composizione e poteri

962
views

Published on

Published in: News & Politics

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
962
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. di Roberta Picchi Il Parlamento europeo Struttura, composizione e poteri
  • 2. Composizione Il Parlamento europeo che uscirà dalle elezioni del 22-25 maggio avrà 751 deputati di 28 nazionalità, ripartiti in proporzione alla popolazione dei vari Stati membri, con un massimo di 96 deputati per gli Stati più grandi e un minimo di 6 per gli Stati più piccoli. 1 Stato N. Stato N. Stato N. Stato N. Germania 96 Paesi Bassi 26 Austria 18 Lituania 11 Francia 74 Belgio 21 Bulgaria 17 Lettonia 8 Italia 73 Grecia 21 Danimarca 13 Slovenia 8 Regno Unito 73 Portogallo 21 Finlandia 13 Cipro 6 Spagna 54 Rep. Ceca 21 Slovacchia 13 Estonia 6 Polonia 51 Ungheria 21 Croazia 11 Lussemburgo 6 Romania 32 Svezia 20 Irlanda 11 Malta 6
  • 3. Elezione degli Eurodeputati Dal 1979 i membri del Parlamento europeo sono eletti direttamente dai cittadini dell’Unione Europea nel rispetto di due procedure legislative: • la legislazione europea, che fissa principi generali validi per tutti gli Stati membri. In particolare, le norme comuni stabiliscono il principio di rappresentanza proporzionale (che dà ai partiti una percentuale di seggi pari ai loro voti) e regolano le incompatibilità con il mandato di Europarlamentare. • le disposizioni nazionali stabilite da ogni Stato per per l’elezione dei propri Eurodeputati, come ad esempio la soglia di sbarramento, la possibilità di esprimere voti di preferenza per i candidati, l’organizzazione delle circoscrizioni territoriali, l’elettorato attivo e passivo e le regole per la campagna elettorale1. 2 1Per saperne di più sui sistemi elettorali guarda la nostra presentazione sul tema.
  • 4. Insediamento e formazione dei gruppi Una volta eletti, i 751 deputati si riuniranno nella prima sessione plenaria per eleggere a loro volta il nuovo Presidente del Parlamento, i vicepresidenti e i questori. Tutti resteranno in carica per due anni e mezzo, con possibilità di riconferma per un ulteriore mandato. Gruppi politici Gli eurodeputati eletti nei vari Stati membri formeranno dei gruppi in base alle loro affinità politiche (e non alla nazionalità). per la formazione del gruppo è neccessario un minimo di 25 deputati provenienti da almeno un quarto degli Stati membri (dunque 7 Stati membri al momento). 3
  • 5. Il sistema elettorale italiano • Formula elettorale: l’Italia elegge i suoi Eurodeputati con metodo proporzionale con soglia di sbarramento al 4%. • Circoscrizioni: il territorio è ripartito in 5 circoscrizioni : Italia nord- occidentale, Italia nord-orientale, Italia centrale, Italia meridionale, Italia insulare. • Elettorato attivo: possono votare tutti i cittadini italiani che hanno compiuto 18 anni, gli italiani iscritti all’Anagrafe Italiani Residenti all’Estero, e i cittadini di altri Paesi UE iscritti nella lista elettorale del comune italiano di residenza. • Elettorato passivo: l’Italia è, insieme a Cipro, il Paese che prevede l’età più alta per l’elezione a deputato europeo: 25 anni. • Modalità di voto: l’elettore può modificare l’ordine di lista dei candidati esprimendo fino a un massimo di tre preferenze. 4
  • 6. Poteri e competenze Negli ultimi anni il ruolo del Parlamento europeo è stato rafforzato attraverso il conferimento di maggiori poteri. Il PE oggi ha competenze in quattro grandi settori: • Legislazione • Bilancio • Supervisione e controllo delle altre istituzioni UE • Rapporti con i Parlamenti degli Stati membri Vediamo queste funzioni più da vicino… 5
  • 7. Potere legislativo Il PE è colegislatore con il Consiglio dei ministri—l’organo che rappresenta i governi nazionali—in tutti i settori coperti dalla procedura legislativa ordinaria (codecisione). In accordo con il Consiglio, il Parlamento approva, respinge o modifica le proposte della Commissione. La procedura ordinaria si applica alla maggior parte della legislazione europea, ad esempio nei settori della governance economica, diritti dei lavoratori e dei consumatori, sicurezza energetica e dell’ambiente, immigrazione e asilo, giustizia e affari interni, cultura e ricerca, sanità pubblica, esclusione sociale. 6
  • 8. Potere legislativo (2) In pochi altri ambiti il PE ha un ruolo più defilato, limitandosi ad esprimere un parere non vincolante sulle proposte legislative della Commissione e lasciando l’approvazione al Consiglio. I settori più importanti in cui si applica questa procedura di consultazione sono le esenzioni fiscali e la disciplina della concorrenza. Il PE è inoltre titolare del cosiddetto potere d’iniziativa dell’iniziativa. Per mezzo di raccomandazioni, l’Europarlamento, a maggioranza dei suoi membri, può sollecitare la Commissione a presentare proposte di legge su determinate questioni che richiedono una disciplina comunitaria. 7
  • 9. Poteri di bilancio Il PE ha un ruolo fondamentale nel processo di adozione del Quadro Finanziario Pluriennale (Multiannual financial framework, MFF), il documento che stabilisce quanto l’UE potrà spendere nei settori di sua competenza sul lungo periodo (5-7 anni). il MFF può infatti essere adottato all’unanimità dal Consiglio solo dopo aver ricevuto l’approvazione del PE. Inoltre, il PE approva in ultima battuta il bilancio annuale dell’UE nel rispetto dei tetti massimi di spesa stabiliti nel MFF. In questo ruolo il PE assicura il controllo democratico sulla gestione dei fondi europei da parte delle istituzioni. 8
  • 10. Supervisione e controllo In occasione del rinnovo della Commissione europea, il PE elegge il Presidente di Commissione proposto dal Consiglio Europeo—che riunioni i Capi di Stato e di governo degli Stati membri—e approva il collegio dei commissari, che viene scelto d'intesa tra il neo-Presidente della Commissione e gli Stati membri2. 2 Per saperne di più guarda la nostra infografica. 9
  • 11. Supervisione e controllo (2) Il PE inoltre controlla l’operato delle altre istituzioni UE sia sotto l’aspetto dei contenuti (stato dei lavori e coerenza con le politiche europee), sia per quanto riguarda la gestione dei fondi a loro disposizione. Il PE può richiedere l’avvio di azioni giudiziarie a carico delle istituzioni in caso di violazione delle norme europee. L’Europarlamento instaura un dialogo continuo con la Commissione europea e con il Consiglio: gli eurodeputati possono per esempio porre interrogazioni sia ai singoli commissari che sul programma della presidenza semestrale, e possono suggerire la formulazione di nuove politiche o la modifica di quelle esistenti. 11
  • 12. Rapporti con i Parlamenti nazionali Soprattutto a partire dagli anni ‘90, il Parlamento europeo ha promosso la cooperazione con i Parlamenti degli Stati membri. L’organo preposto a questi rapporti è la Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti dell’UE: in questa sede il Presidente del PE ascolta e informa i leader dei 28 Parlamenti nazionali sullo stato delle politiche europee. La Conferenza si riunisce una volta all’anno sotto la guida del Paese che ha detenuto la presidenza dell’UE nel secondo semestre dell’anno precedente. 10
  • 13. Se hai apprezzato la presentazione, inoltra il link ai tuoi amici e sostieni il nostro progetto! Contatti: quattrogatti@quattrogatti.info | @_quattrogatti | facebook.com/quattrogatti.info Grazie! Si ringrazia Roberto Castaldi (Scuola Superiore Sant’Anna) per i commenti ricevuti.