Fare impresa in italia tra tasse e burocrazia

2,717 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,717
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
816
Actions
Shares
0
Downloads
30
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Fare impresa in italia tra tasse e burocrazia

  1. 1. Fare impresa in Italia: tra tasse eburocrazia? di Italo Angelo Petrone 24/01/2013
  2. 2. Fare impresa: unattività da promuovereSi parla spesso della necessità di crescere promuovendo l’imprenditoria. Favorire lacrescita e l’apertura di nuove imprese significa stimolare la crescita economica di unanazione, ovvero il benessere in termini di reddito pro capite, occupazione e sviluppo dinuove tecnologie.Purtroppo, nella classifiche delle organizzazioni internazionali, l’Italia spesso nonrisulta tra i paesi che più favoriscono l’apertura e la crescita di imprese.Analiziamo i rapporti «Doing Business Italy» e «Paying Taxes» della Banca Mondialeper ottenere una panoramica di come il mondo vede il fare impresa in Italia.•  Quali sono i principali ostacoli per l’apertura e la gestione di piccole e medie imprese (PMI)?•  Che interventi propongono le coalizioni politiche in corsa per le elezioni politiche 2013? 2
  3. 3. L’Italia è un paese di piccole e medie imprese?La definizione di PMI è uniforme in tutta l’Unione Europea:•  Sono imprese con meno di 250 dipendenti e meno di 50 milioni di fatturato Occupati settore privato per tipo di impresaCi focalizziamo sulla PMI in 19.00%quanto è la forma d’impresa piùdiffusa sul territorio 47.80% Micro impresenazionale e il centro nevralgico PMIdell’occupazione nel settore Grandi imprese 33.20%privato. Fonti: Dati Istat; Doing business Italia 2013 banca mondiale. 3
  4. 4. Fare impresa: un confronto globale! L’indice «Ease of doing business 2013» della Banca Mondiale misura la facilità di apertura e gestione di imprese a livello globale. Posizione Nazione 1° Singapore 4° USA 5° Danimarca Su un totale di 185 paesi, l’Italia si trova poco 7° Regno Unito prima di metà classifica, distante dalle maggiori 20°  Germania economie europee come Germania, Francia, 34° Francia Regno Unito e Spagna. 44° Spagna 73° Italia Andiamo a vedere perché… 78° Grecia 185° (ultimo) Repubblica Centrale AfricanaFonte: Doing business 2013 4
  5. 5. Ecco gli ostacoli da superare:I fattori che determinano le scarse performance del nostro paese secondo l’indice«Doing Business» sono: •  Forti barriere all’ingresso: tempi e costi per ottenere la licenza per svolgere attività imprenditoriale. 1 •  Tempi e costi eccessivi per una comune disputa/controversia commerciale tra imprese locali 2 (esempio: crediti insoluti, cambiali scadute, ecc.). •  Tempi e costi eccessivi per l’ottenimento del permesso di costruzione per un magazzino/fabbricato 3 adibito ad uso commerciale. •  Tassazione elevata. 4 •  Mercato del lavoro rigido, lento e costoso. 5 •  Ricevere credito non è facile come si pensa. 6 Andiamo a vederli uno per volta..Fonte: Doing business Italia 2013 (Banca Mondiale) 5
  6. 6. 1. Barriere all’ingresso eccessive? Il tempo tra domanda e In Italia il costo medio per aprire ottenimento del permesso di un’impresa è di circa €3700 contro i svolgere attività economica in €1500 in Germania e € 280 in Francia. Italia è di 62 giorni.Regno Unito 4 Regno Unito 0.7 Tra il Senegal e Grecia 36 l’Italia vi sono Francia 0.9 solo 7 giorni di Germania 42 Germania 4.9 differenza ... Francia 53 Media UE 4.9 Italia 62 Italia 14.5 Senegal 69 Spagna 82 Grecia 58.6 0 20 40 60 80 100 0 20 40 60 80 Giorni medi Costi in % al PIL pro capite Fonti: Doing Business 2013; The regulation of entry (Djankov et al.) 6
  7. 7. 2. I lunghi tempi della giustizia b. Costo in percentuale del valore I grafici ci mostrano che in Italia, per risolvere una della disputa disputa commerciale in tribunale (intesa come 30% 26.20% inadempimento di un contratto di vendita) 25% 17.40% 17.20% 20% a.  si impiega più tempo che in altri paesi europei, 15% 14.40% b.  si paga di più (un quarto del valore della 10% 5% disputa) 0% c.  si va incontro a una burocrazia piena di Italia Francia Spagna Germania procedure (fasi processuali). a. Durata disputa in giorni c. Fasi processuali 1400 50 41 1500 40 40 30 29 1000 30 510 20 500 394 390 10 0 0 Italia Spagna Germania Francia Italia Spagna Germania FranciaFonte: Doing business Italia 2013 7
  8. 8. 3. Permesso di costruzione: prima la burocrazia. Tempo in giorni Il nostro paese registra i tempi e i costi più alti d’Europa per ottenere un Germania 97 permesso di costruzione:Regno Unito 99 Spagna 182 •  Il tempo medio e’ di 231 giorni Francia 184 •  il costo è di circa €64.700, in Spagna Italia 231 di circa €12.000 0 50 100 150 200 250 Costi e tempi eccessivamente alti Costo in percentuale al PIL pro capite favoriscono la corruzione: nelle regioni italiane in cui è più difficile ottenere il Germania 48% permesso di costruzione il 30% degli Spagna 52% Regno Unito 62% imprenditori si aspetta di dover pagare Francia 68% una tangente. Italia 254% La burocrazia è tra le strutture sociali più 0% 50% 100% 150% 200% 250% 300% difficili da distruggere. (Max Weber)Fonte: Doing Business Italia 2013; nota che il permesso di costruzione di un magazzino/fabbricato destinato ad usocommerciale comprende anche l’allacciamento alla rete idrica, fognaria e telefonica. 8
  9. 9. 4. Il fardello della tassazione.Questo grafico mostra il «Total Tax Rate» formato dalla somma delle tasse sul reddito d’impresa, sullavoro e della altre tasse che comprendono l’IVA e le imposte locali. Algeria 6.6% 29.7% 35.7% Italia 22.9% 43.4% 2.0% Francia 8.2% 51.7% 5.8% Danimarca 20.0% 36.0% 4.1% Grecia 11.0% 32.2% 14.0% Il livello di tassazione Spagna 12.0% 36.8% 0.7% in Italia è il più alto Stati Uniti 27.6% 10.0% 9.1% dell’Unione Europea. Germania 18.9% 21.9% 5.9%Burkina Faso 14.8% 22.6% 6.2%Regno Unito 22.2% 10.2% 3.1% 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% Tasse sul profitto tasse sul lavoro altre tasseFonte: Paying Taxes 2013, Banca Mondiale 9
  10. 10. Il dualismo e la giungla dei contratti – Aprile 2012 5. E la rigidita’ del mercato del lavoro? 2.5 Protezione contro i licenziamenti individuali 2 (contratti a tempo indeterminato) Differenza di protezione rispetto 1.5 alla media dei paesi OCSE 1 0.5 0 -0.5 -1 -1.5 -2 -2.5 L’indice OCSE indica che i lavoratori a tempo indeterminato in Italia sono meno protetti rispetto alla media degli altri paesi. L’indice OCSE. La metodologia è descritta qui. Dati e ai profili dei vari paesi qui. 10
  11. 11. Il dualismo e la giungla dei contratti – Aprile 2012 5. Ma protezione è molto legale e poco economica Regolamentazione dei contratti a termine Durata del periodo di notifica di 4 anni di anzianità (i)  Scarsa protezione economica: i periodi di notifica e le liquidazioni sono Liquidazione a 4 anni di anzianità inferiori rispetto agli altri paesi Compensazione a seguito di licenziamento ingiustificato Possibilità di reintegro a seguito di licenziamento senza giusta causa -2 -1.5 -1 -0.5 0 0.5 1 1.5 Differenza di protezione rispetto alla media dei paesi OCSE (ii) Alta protezione legale: le regole sui licenziamenti non giustificati sono invece più severe che negli altri paesi. Questa protezione è dovuta in gran parte al famoso “articolo 18”. I processi per le cause di lavoro sono spesso molto lunghi e dall’esito incerto, aumentanto l’incertezza cui deve affrontare l’impresa. L’indice OCSE. La metodologia è descritta qui. Dati e ai profili dei vari paesi qui.
  12. 12. 6. Un sistema del credito non competitivo? Paese Posizione L’indice misura la facilità di ottenere credito in termini di Sud Africa 1° protezione dei diritti di creditori e debitori e di Regno Unito 1° informazioni (rating) disponibili sui debitori in registri pubblici e privati. Usa 4° Danimarca 23° Secondo la Banca Mondiale, in confronto alle maggiori Germania 23° economie europee, in Italia è più difficile per una PMI ottenere credito. Francia 53° Spagna 53° Ottenere facilmente credito è di importanza vitale per la Grecia 83° vita e la crescita di un’impresa operante in un mercato globale ad alta competitività. Italia 104° Tagikistan 180°Fonte: www.doingbusiness. 12
  13. 13. Programmi politici a confronto!Nessun programma pone particolari attenzioni sul fare impresa in Italia, ma si possono notareriferimenti generici sulla riduzione del carico fiscale e su una generale riforma della burocrazia mentre illavoro è oggetto di grande dibattito: Partito Democratico (carta Il Popolo della libertà + Lega Scelta Civica, con Monti per d’intenti con SEL e PSI) Nord l’Italia Si senza riferimenti specifici e con Riduzione carico fiscale Si senza riferimenti specifici. Si senza riferimenti specifici. riequilibrio. Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti Permessi di costruzione sulla materia in questione. sulla materia in questione sulla materia in questione. Riduzione tempi per disputa Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti commerciale sulla materia in questione. sulla materia in questione sulla materia in questione. Semplificazione procedure Semplificazione procedure Semplificazione procedure Riduzione tempi/costi pubblica amministrazione senza pubblica amministrazione senza pubblica amministrazione senza apertura d’impresa riferimenti particolari all’apertura riferimenti particolari all’apertura riferimenti particolari all’apertura di imprese. di imprese di imprese. Promuovere un modello di Diminuire il costo del lavoro stabile Mercato del lavoro e no alle modifiche dell’articolo 18. Ritorno alla Legge Biagi. flessibilità e sicurezza simile ai paesi scandinavi. Introdurre nuove forme di Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti Ricevere Credito sulla materia in questione. sulla materia in questione. finanziamento per migliorare l’accesso al credito.Fonte: Programmi sui siti ufficiali dei partiti menzionati 13
  14. 14. Programmi politici a confronto Movimento 5 stelle (Beppe Rivoluzione civile (Ingroia) Fare – Fermare il declino Grillo) (Giannino) Ridurre la pressione fiscale di Il programma non ha riferimenti almeno 5 punti in 5 anni. Priorità a Riduzione carico fiscale sulla materia in questione Si senza riferimenti specifici. imposte sul reddito da lavoro e dimpresa. Abbassamento costi per rete Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti Permessi di costruzione telefonica/internet sulla materia in questione sulla materia in questione. Introdurre forme di Riduzione tempi per disputa Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti specializzazione per accrescere commerciale sulla materia in questione sulla materia in questione lefficienza e la prevedibilità delle decisioni. Semplificazione procedure Facilitare la creazione di nuove Riduzione tempi/costi Il programma non ha riferimenti pubblica amministrazione senza imprese, permettere effettiva apertura d’impresa sulla materia in questione riferimenti particolari all’apertura mobilità meritocratica. di imprese Abrogazione della riforma Fornero, difesa dei contratti  Sostenere i disoccupati anziché Mercato del lavoro Abolizione della legge Biagi collettivi nazionali, ripristino tutelare il posto di lavoro esistente dell’articolo 18 Il programma non ha riferimenti Il programma non ha riferimenti Ricevere credito sulla materia in questione sulla materia in questione Liberalizzare il settore bancario.Fonte: Programmi sui siti ufficiali dei partiti menzionati 14
  15. 15. Grazie! Se hai apprezzato la presentazione, inoltra il link ai tuoi amici e sostieni il nostro progetto! Si ringrazia Giuseppe Curatolo per i commenti ricevuti. Contatti:quattrogatti@quattrogatti.info | @_quattrogatti | facebook.com/quattrogatti.info

×