Timidezza d’amore
e
Social Networking
Dr. Giuliana Proietti
psicoterapeuta
1
2
Scarse abilità
sociali
Problemi
organici
Rapporti
conflittuali
Inesperienza
Anzianità
Disabilità
Omosessualità
La timidezza d'amore è una forma di timidezza cronica delle persone che non sono mai state in grado di formare
relazioni s...
L’Autore
4
Brian Gilmartin, classe
1940, psicologo e sociologo,
specializzato in studi sulla
famiglia e il matrimonio.
Dal...
Studi di Gilmartin
Gilmartin ha studiato
un campione di
300 soggetti
di sesso maschile,
età 19-50
che rispondevano ai
suoi...
Il libro
Shyness and Love fu pubblicato nel 1987,
dalla University Press.
Il libro fu attaccato da diversi critici che
lo ...
Nei primi anni del 2000, un
frequentatore del Forum
Yahoo di Gilmartin trovò una
rara copia del libro e, con il
consenso d...
Il Forum si chiama Involuntary Celibacy (Celibato
Involontario) e la loro definizione colloquiale è
“incels” (celibi invol...
Definizione di
«Timidezza d’Amore»
Un tipo specifico di grave timidezza cronica che
colpisce alcuni uomini eterosessuali, ...
Sintomi
• Il timido d’amore sente i suoi
sintomi soprattutto nelle
situazioni informali che
coinvolgono potenziali
partner...
Le donne timide sono più fortunate
• Le donne timide possono
sposarsi e avere figli. Se anche
rimangono nubili, possono
se...
Maschi etero e Ruoli di genere
Le donne (etero e lesbiche) timide, così
come i gay, non hanno bisogno di prendere
iniziati...
Aspetti sociali
• La timidezza può essere
vista negli uomini come un
«tratto femminile»
• Se nella donna la timidezza
può ...
Il «trattamento»
Gilmartin propone
"la pratica del dating"
cioè lo sviluppo di
specifiche abilità sociali
nel corteggiamen...
La prima critica alla teoria:
il «sessismo»
L’ansia è una
condizione
normale
nei comportamenti
di seduzione e di
corteggia...
L’altra critica che
viene fatta a
Gilmartin è che
esistono già
altre categorie
diagnostiche che
prevedono questo
genere di...
Unanuovaetichetta,nonun
nuovoconcetto
SINDROME DI
ASPERGER
sindrome dello
spettro autistico, che
non riguarda le
abilità c...
Definizioni non psicopatologiche
EROTOFOBIA
paura e sensi di colpa
rispetto al sesso. Difficoltà
a parlare di sesso, reazi...
Il segreto di Gilmartin
Tutte queste definizioni parlano del
problema dell’inibizione nei
confronti dei rapporti sociali,
...
Spunti di riflessione sul successo
«postumo» della Love Shyness
1. Effetti della «scelta dal basso» della categoria
diagno...
Ci si potrebbe chiedere…
• La maggiore
intraprendenza
sessuale
femminile
ha cambiato le
cose?
21
• L’avvento dei
social
ne...
Extrapolating psychological insights
from facebook profiles
Young, S., Dutta, D. &
Dommety, G. (2009).
Extrapolating psych...
Facebook profiles can be used
to detect narcissism
Buffardi and Campbell
University of Georgia’s
Department of
Psychology,...
Shyness and online
social networking services
Conclusioni:
I servizi online di social
networking riescono a
creare un ambi...
The influence of shyness
on the use of facebook
Orr, E.S., Sisic, M., Ross, C., Simmering,
M.G., Arsenault, J.M. & Orr, R....
Le tecnologie e i timidi
Dr. Susie Scott, sociologa
dell’Università del Sussex,
esperta in problemi di
timidezza, sta iniz...
27
Bibliositografia
o http://women.timesonline.co.uk/tol/life_and_style/women/relationships/article6740888.ece
o http://it.wi...
• Il testo di questa relazione è reperibile qui:
http://airt.eu/2010/11/23/timidezza-damore-
e-social-networking/
29
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Timidezza d'amore e social networking

92,552 views

Published on

Relazione presentata dalla Dr.ssa Giuliana Proietti al Convegno TIMIDEZZA D'AMORE E ANSIA SESSUALE, Ancona 20 Novembre 2010.

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
92,552
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
88,879
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Timidezza d'amore e social networking

  1. 1. Timidezza d’amore e Social Networking Dr. Giuliana Proietti psicoterapeuta 1
  2. 2. 2 Scarse abilità sociali Problemi organici Rapporti conflittuali Inesperienza Anzianità Disabilità Omosessualità
  3. 3. La timidezza d'amore è una forma di timidezza cronica delle persone che non sono mai state in grado di formare relazioni sessuali o emozionalmente intime con altri. Sono stati costretti a rimanere in quel modo per una forma molto seria di timidezza nelle relazioni informali, compresi possibili compagni per relazioni intime. Si ritiene che sia una combinazione, come parecchie altre caratteristiche psicologiche umane, di fattori genetici e ambientali, come la cultura, la religione, la famiglia e altro. La timidezza d'amore è una condizione di vita assai restrittiva. Spesso i timidi d'amore non possono sposarsi e non partecipano alle normali attività dell'adolescenza e della maturità d'incontro e corteggiamento. 3
  4. 4. L’Autore 4 Brian Gilmartin, classe 1940, psicologo e sociologo, specializzato in studi sulla famiglia e il matrimonio. Dal 1963 al 1973 ha insegnato presso la Humboldt State University ad Arcata, California. Dal 1980 al 1987 ha insegnato presso il Westfield State College di Westfield, Massachusetts , presso il California State Polytechnic, Virginia Polytechnic Institute, presso la State University e la Auburn University e counselor nei campus universitari dello Utah e della California . Dal 1988, si è trasferito presso la Montana State University - Northern.
  5. 5. Studi di Gilmartin Gilmartin ha studiato un campione di 300 soggetti di sesso maschile, età 19-50 che rispondevano ai suoi criteri per la definizione di “love shyness”, mettendoli a confronto con un campione di 200 uomini non timidi. Conclusioni dello studio: La LS interessa circa l’1.5% della popolazione maschile americana. Immagine:http://farm4.static.flickr.com/3154/2941569717_ff3cfa9f87.jpg 5
  6. 6. Il libro Shyness and Love fu pubblicato nel 1987, dalla University Press. Il libro fu attaccato da diversi critici che lo stroncarono: I.per il riferimento che Gilmartin fa nel libro a pseudoscienze come l'astrologia, la reincarnazione, la regressione a vite passate, l'aura Kirlian ecc. II.perché si concentra unicamente su un campione di popolazione maschile eterosessuale. 6 Sparito dalle librerie, il testo fu presto dimenticato.
  7. 7. Nei primi anni del 2000, un frequentatore del Forum Yahoo di Gilmartin trovò una rara copia del libro e, con il consenso dell’autore, la «scannerizzò» rendendola disponibile online, dove è ancora possibile farne liberamente il download. Questo ha consentito che il concetto di «timidezza d’amore» si diffondesse viralmente nelle pagine anglofone del web, tanto che recentemente giornali come Times o Newsweek si sono interessati all’argomento, rendendolo nuovamente di attualità. http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Libri_books2.jpg 7
  8. 8. Il Forum si chiama Involuntary Celibacy (Celibato Involontario) e la loro definizione colloquiale è “incels” (celibi involontari). Love-Shy.com ha più di 500 membri registrati che interagiscono da tutti I Paesi del mondo e che si riconoscono nella definizione di Timidezza d’Amore di Gilmartin. 8
  9. 9. Definizione di «Timidezza d’Amore» Un tipo specifico di grave timidezza cronica che colpisce alcuni uomini eterosessuali, che altera o impedisce le relazioni intime, a causa di un comportamento di inibizione e di reticenza con le potenziali partner, sufficientemente grave da rendere impossibile la relazione interpersonale con un soggetto di sesso femminile e quindi anche il matrimonio e l’assunzione di ruoli familiari. 9
  10. 10. Sintomi • Il timido d’amore sente i suoi sintomi soprattutto nelle situazioni informali che coinvolgono potenziali partner sentimentali o sessuali. • L’uomo ha difficoltà ad avviare conversazioni con qualsiasi soggetto femminile, a causa di forti sentimenti di ansia sociale. Immagine:http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/8/8b/1805-Gillray-Harmony-before-Matrimony.jpg/800px-1805-Gillray-Harmony-before- Matrimony.jpg 10
  11. 11. Le donne timide sono più fortunate • Le donne timide possono sposarsi e avere figli. Se anche rimangono nubili, possono sempre dedicarsi ad altro: alle associazioni di beneficenza, alla carriera… Possono cioè realizzarsi in altro modo; • Gli uomini invece, rimangono persone vulnerabili, per tutta la vita. Immagine: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/75/Theo_van_Doesburg_Old_Spinster.jpg 11
  12. 12. Maschi etero e Ruoli di genere Le donne (etero e lesbiche) timide, così come i gay, non hanno bisogno di prendere iniziative per stabilire una relazione intima con un’altra persona: aspettano semplicemente le avances del/della partner con carattere più assertivo. Questo non è possibile per l’uomo eterosessuale, che è oppresso da ruoli di genere e aspettative sociali che lo vogliono «macho» e seduttore. Immagine: http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Randy_Savage_1986.jpg Dice Gilmartin… 12
  13. 13. Aspetti sociali • La timidezza può essere vista negli uomini come un «tratto femminile» • Se nella donna la timidezza può essere fonte di attrazione, in un uomo è sempre un limite in quanto sono gli uomini che devono fare il primo passo. Per questo la timidezza d’amore riguarda solo gli uomini (eterosessuali) Immagine_ http://commons.wikimedia.org/wiki/File:AtTheCuttingEdge.jpg 13
  14. 14. Il «trattamento» Gilmartin propone "la pratica del dating" cioè lo sviluppo di specifiche abilità sociali nel corteggiamento attraverso l’esperienza, in un contesto di terapia cognitivo- comportamentale di «desensibilizzazione». Quanto alla terapia sessuale, Gilmartin raccomanda un programma completo con dei «surrogati sessuali», cioè terapeute che avranno intimità fisica fino al rapporto sessuale con i loro clienti, con un terapeuta aggiuntivo che supervisioni la scena. 14
  15. 15. La prima critica alla teoria: il «sessismo» L’ansia è una condizione normale nei comportamenti di seduzione e di corteggiamento e riguarda uomini e donne. •Non a caso la pubblicità fa leva su queste ansie e paure, proponendo prodotti per attenuarle, sia negli uomini che nelle donne: dal Viagra ai vestiti, dai dopo barba alla biancheria intima ecc. 15 Immagine: http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/7/79/A_Sleeping_Girl.jpg/415px-A_Sleeping_Girl.jpg
  16. 16. L’altra critica che viene fatta a Gilmartin è che esistono già altre categorie diagnostiche che prevedono questo genere di inibizioni 16 Immagine:http://commons.wikimedia.org/wiki/File:Francesco_Hayez_008.jpg
  17. 17. Unanuovaetichetta,nonun nuovoconcetto SINDROME DI ASPERGER sindrome dello spettro autistico, che non riguarda le abilità cognitive o espressive, ma solo un deficit nelle abilità sociali PERSONALITA’ SCHIZOIDE difficoltà ad esprimere partecipazione emotiva in un contesto di relazione, mentre nelle relazioni superficiali la persona può apparire normale. PERSONALITA’ EVITANTE inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza, estrema sensibilità a valutazioni negative nei propri confronti e la tendenza a evitare le interazioni sociali. DISMORFISMO CORPOREO Preoccupazione per un supposto difetto nell’aspetto fisico che causa disagio nei rapporti sociali. FOBIA SOCIALE Paura marcata e persistente di una o più situazioni sociali o prestazionali nelle quali la persona è esposta a persone non familiari o al possibile giudizio degli altri. 17 Gilmartin ritiene che nel 40% dei casi la Love shyness possa essere assimilabile alla sindrome di Asperger
  18. 18. Definizioni non psicopatologiche EROTOFOBIA paura e sensi di colpa rispetto al sesso. Difficoltà a parlare di sesso, reazioni negative di fronte a materiale sessualmente esplicito scarsi rapporti sessuali ALESSITIMIA «non avere parole per le emozioni». Incapacità di riconoscere le proprie e le altrui emozioni. Mancano di capacità introspettive, sono persone dipendenti e solitarie. TIMIDEZZA CRONICA Timidezza non occasionale, che si protrae nel tempo. 18
  19. 19. Il segreto di Gilmartin Tutte queste definizioni parlano del problema dell’inibizione nei confronti dei rapporti sociali, includendo dunque anche quelli sentimentali e sessuali, ma nessuna di queste definizioni parla esplicitamente della difficoltà di interagire con un potenziale partner… E questo è forse il «segreto» della rinascita di interesse verso la «Love Shyness» 19
  20. 20. Spunti di riflessione sul successo «postumo» della Love Shyness 1. Effetti della «scelta dal basso» della categoria diagnostica 2. Malgrado i tempi siano molto cambiati rispetto agli anni ‘80 coloro che si riconoscono nella «timidezza d’amore» sono aumentati, grazie alla diffusione in Rete di questa teoria. 20
  21. 21. Ci si potrebbe chiedere… • La maggiore intraprendenza sessuale femminile ha cambiato le cose? 21 • L’avvento dei social network ha reso più facile la relazione?
  22. 22. Extrapolating psychological insights from facebook profiles Young, S., Dutta, D. & Dommety, G. (2009). Extrapolating psychological insights from facebook profiles: A study of religion and relationship status. CyberPsychology & Behavior, Vol 12, No 3. Conclusioni: Sono soprattutto i singles ad indicare la loro religione e ciò significa che FB viene usato come mezzo per cercare una relazione stabile, visto che la religione è uno dei dati più importanti nella ricerca di una persona affine 22
  23. 23. Facebook profiles can be used to detect narcissism Buffardi and Campbell University of Georgia’s Department of Psychology, Personality and Social Psychology Bulletin,2008 Conclusioni: Il livello di attività su un social network è strettamente collegato al proprio livello di narcisismo. Chi si ama, ama mostrarsi al mondo tramite iI social network, puntando più sulla quantità che sulla qualità delle amicizie. 23
  24. 24. Shyness and online social networking services Conclusioni: I servizi online di social networking riescono a creare un ambiente confortevole ai timidi, permettendo loro di interagire con altri. • Levi R. Baker Marquette University, USA • Debra L. Oswald Marquette University, USA Settembre 2010 24
  25. 25. The influence of shyness on the use of facebook Orr, E.S., Sisic, M., Ross, C., Simmering, M.G., Arsenault, J.M. & Orr, R.R. (2009). The influence of shyness on the use of facebook in an undergraduate sample. CyberPsychology and Behavior, Vol 12, No 3: 337-340. Le persone timide tendono ad avere meno amici degli altri su Facebook anche se ci trascorrono un tempo maggiore, perché questo mezzo permette loro una più facile interazione sociale. 25
  26. 26. Le tecnologie e i timidi Dr. Susie Scott, sociologa dell’Università del Sussex, esperta in problemi di timidezza, sta iniziando una ricerca per capire se sia “etico ed appropriato” che le nuove tecnologie forzino le persone a interagire, ad avere più amici, ecc. 26 La tesi della sociologa è che l’uso delle tecnologie per non essere considerati dei “dinosauri” sia una forzatura sulla personalità: non tutti vogliono avere tanti amici ed i timidi hanno “diritto a mantenere la loro riservatezza”.
  27. 27. 27
  28. 28. Bibliositografia o http://women.timesonline.co.uk/tol/life_and_style/women/relationships/article6740888.ece o http://it.wikipedia.org/wiki/Timidezza_d%27amore o http://en.wikipedia.org/wiki/Love-shyness o Free Ebook on Love-shyness Syndrome; Shyness & Love by Dr. Gilmartin o http://www.love-shy.com/resources o http://www.sussex.ac.uk/newsandevents/?id=4609 o http://spr.sagepub.com/content/early/2010/09/01/0265407510375261.abstract o Extrapolating psychological insights from Facebook profiles: a study of religion and relationship status (2009) o Narcissism and social networking Web sites (2008) o The influence of shyness on the use of Facebook in an undergraduate sample (2009) o Malignant Self Love: Narcissism Revisited o http://www.laymanpsych.com/2009/06/the-psychology-of-twitter-facebook-and-other-social- networking-devices/ o http://www.psypost.org/2010/03/religion-affiliation-and-relationship-status-on-facebook-417 o http://www.uga.edu/news/artman/publish/080922_Narcissism.shtml o http://www.psypost.org/2010/01/2010-shyness-facebook-use-26 28
  29. 29. • Il testo di questa relazione è reperibile qui: http://airt.eu/2010/11/23/timidezza-damore- e-social-networking/ 29

×