L' importante è Apparire. Veline, Tronisti, Gieffini... Nuovi modelli di ruolo

5,034 views

Published on

Relazione presentata dalla Dr.ssa Giuliana Proietti al Convegno del 21 Novembre 2009, tenutosi in Ancona, dal titolo: ADOLESCENZA: SESSUALITA', AFFETTI E SOLITUDINI

Published in: Lifestyle, Business
1 Comment
2 Likes
Statistics
Notes
  • Per combattere la societa dello spettacolo Invito a collaborare allo sviluppo del NANOTECH, : http://www.edscuola.it/archivio/lre/nanoweek.pdf
    ed al convegno su INTELLIGENZA STRATEGICA http://dabpensiero.wordpress.com/
    Paolo Manzelli LRE@UNIFI.IT
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
5,034
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
168
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
1
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L' importante è Apparire. Veline, Tronisti, Gieffini... Nuovi modelli di ruolo

  1. 1. L’importante è apparire: Veline, Tronisti, Gieffini… Nuovi Modelli di ruolo Dr. Giuliana Proietti psicoterapeuta Immagine: Marco Gomes/Flickr
  2. 2. <ul><li>I modelli di ruolo </li></ul>
  3. 3. Adolescenti e Modelli di Ruolo <ul><li>Un adolescente che si affaccia alla vita adulta è come una persona che guida a fari spenti nella notte… </li></ul><ul><li>… Cercando una direzione . </li></ul><ul><li>Il “ modello ” indica una direzione, un percorso, e offre all’adolescente una possibilità di identificazione . </li></ul>Immagine: Qfamily/Flickr
  4. 4. I modelli di ruolo: definizione <ul><li>I modelli di ruolo sono delle persone che servono da esempio per gli altri, il cui comportamento viene emulato dagli altri. </li></ul><ul><li>I modelli di ruolo offrono all’adolescente una cornice entro la quale poter determinare i propri valori, le attitudini, i comportamenti. </li></ul>Immagine: David Drexler, Flickr
  5. 5. Modelli di ruolo: chi sono <ul><li>Una persona diventa facilmente un modello di ruolo per un adolescente quando ha carisma, potere, fama, autorità sugli altri, o dispone di una certa ricchezza. </li></ul>Immagine: Marcin Wickary/Flickr
  6. 6. L’importanza dei modelli di ruolo <ul><li>Poiché le scelte dei giovani si creano a partire dai modelli, è importante che la società proponga dei modelli di ruolo positivi, dei “mentori”, che influenzino le motivazioni giovanili in modo costruttivo. </li></ul>Immagine: Paul Keller/Flickr
  7. 7. Giovani = Teste Vuote ? <ul><li>I giovani di oggi sono spesso definiti dagli adulti come una categoria di persone &quot; vuote ”. </li></ul><ul><li>… Forse hanno solo desideri, fantasie, e interessi diversi da quelli del mondo degli adulti. </li></ul>Immagine: Robert Hruzek/Flickr
  8. 8. Sognare in piccolo <ul><li>I bambini dicono di voler assomigliare a personaggi di successo del mondo dello spettacolo o dello sport, scegliendo in modo convenzionale la bella showgirl del momento o lo sportivo più vincente ed in voga ( Valentino Rossi, Belen Rodriguez ). </li></ul><ul><li>Solo una minoranza si proietta in un ruolo più attivo ed incisivo, in sogni di cambiamento concreto del reale o verso ideali ed aspirazioni (come gli adolescenti che prendono come modello il presidente Obama , la scrittrice J.K. Rowling o Rita Levi Montalcini ). </li></ul><ul><li>I ragazzi italiani non aspirano quasi mai a diventare eroi – come conferma l’esiguo numero di coloro che dicono di voler assomigliare, da grandi, a Roberto Saviano –, ma al massimo aspirano a diventare famosi. Rapporto presentato il 17 Novembre 2009 </li></ul>
  9. 9. <ul><li>Gli adolescenti: chi sono? </li></ul>
  10. 10. Gli adolescenti di oggi: <ul><li>Raggiungono prima la pubertà e dunque appaiono più maturi di quello che sono. </li></ul><ul><li>Si sentono più intelligenti, sofisticati e capaci di quello che sono, grazie anche ai messaggi pubblicitari, che li rinforzano (se consumano quanto viene loro proposto). Ma… </li></ul><ul><li>In realtà spesso, al di là di quello che mostrano, non possiedono le competenze necessarie per rispondere alle problematiche complesse della vita. </li></ul>Immagine: Luca Boldrini 69
  11. 11. Futuro <ul><li>La maggior parte dei giovani: </li></ul><ul><li>Non manifesta un vero atteggiamento progettuale nei confronti del proprio futuro (si limita a progetti di breve o brevissimo termine); </li></ul><ul><li>Non ha aspirazioni o particolari speranze , sia nei confronti del futuro personale, sia di quello sociale. </li></ul>Immagine: Aussiegall/Flickr
  12. 12. Italia <ul><li>In numerosi studi i giovani hanno mostrato di ritenere che la società italiana in futuro sarà peggiore di quella attuale , soprattutto per quanto riguarda la solidarietà, la libertà, la giustizia e il benessere. </li></ul>Immagine: Norman B. Leventhal/Flickr
  13. 13. Rassegnazione fatalistica <ul><li>I giovani mostrano una rassegnazione fatalistica , </li></ul><ul><li>fondata sulla convinzione che il futuro della società non possa in alcun modo essere influenzato dalla loro azione individuale (e politica) nel presente. </li></ul>Immagine: “t”eresa/Flickr
  14. 14. Spettatori disincantati e passivi <ul><li>Per la quasi totalità dei giovani il futuro della società è determinato da poteri e fatti che sfuggono al loro controllo e non hanno nessuna fiducia nelle azioni di cambiamento sociale. </li></ul>Immagine: Pink Sherbet Ph./Flickr
  15. 15. I modelli tradizionali non funzionano più <ul><li>Viviamo oggi in un mondo globalizzato e tecnologico, diverso da qualsiasi era del passato; </li></ul><ul><li>Il divario fra le generazioni si è acuito; </li></ul><ul><li>I giovani faticano a trovare modelli di ruolo credibili e ad identificarsi con figure adulte che ricoprano dei ruoli sociali per loro interessanti. </li></ul>Immagine: Hyku/Flickr
  16. 16. Non è una novità… <ul><li>Storicamente, i rapporti tra le generazioni più anziane e quelle più giovani sono sempre stati difficili , a causa delle differenze di tipo sociale e psicologico che si vengono a creare fra persone di differente età. </li></ul><ul><li>… Ma oggi queste differenze sembrano essersi acuite. </li></ul>Immagine: fRandi-Shooters/Flickr
  17. 17. <ul><li>Quali modelli di ruolo vengono proposti agli adolescenti? </li></ul>
  18. 18. <ul><li>La TV </li></ul>
  19. 20. Modelli femminili in TV: Studio Censis su 600 show della Tv italiana (2006) <ul><li>Le donne si trovano soprattutto negli spettacoli di intrattenimento o di cronaca nera; </li></ul><ul><li>Le donne invitate in TV per le loro competenze di solito sono soprattutto astrologhe o artigiane. Le professioniste e le donne impegnate in politica sono rare; </li></ul><ul><li>Aspetto: sono donne belle, eleganti e soprattutto giovani; </li></ul><ul><li>Le donne anziane sono invisibili; </li></ul><ul><li>La condizione socioeconomica prevalente è quella medio borghese; </li></ul><ul><li>Non si vedono mai donne disabili. </li></ul>Immagine: SF Mission.com
  20. 21. Classi di età 12 - 14 anni Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008 Dati SIP Società Italiana Pediatria Rilevamento 2008
  21. 22. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008 Immagine: Spoon/Flickr Classi di età 12 - 14 anni
  22. 23. <ul><li>Effetti dell’esposizione ai modelli presentati dai media </li></ul>
  23. 24. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008 Immagine: www.veline2009.com
  24. 25. Anoressia e Bulimia <ul><li>Anoressia e Bulimia vengono oggi diagnosticate spesso a bambine di 8 o 9 anni , con maggiore frequenza che in passato. </li></ul><ul><li>Se in passato si riteneva che questi disturbi alimentari dipendessero esclusivamente dal tipo di relazione familiare, oggi si pensa ad un’origine multifattoriale , che comprende anche le aspettative culturali relative alla propria bellezza. </li></ul>Immagine: ThreeErin/Flickr
  25. 26. Chirurgia estetica <ul><li>Al 50 per cento delle giovani donne di età compresa tra i 16 e i 21 anni “non dispiace affatto” l'idea di un intervento di chirurgia estetica che le faccia diventare più magre o semplicemente più carine; </li></ul><ul><li>Una possibilità presa in considerazione anche dal 46 per cento delle giovanissime , ossia le ragazze tra gli 11 e i 16 anni . Ricerca Girl Guides, Nov. 2009 </li></ul>
  26. 27. Modelli metrosexual <ul><li>Anche i ragazzi vengono bombardati con immagini di modelli “metrosexual” tanto che molti hanno cominciato a frequentare centri estetici, usare cosmetici e trattamenti di bellezza. </li></ul><ul><li>Questa dismorfofobia indotta produce l’ossessione per la massa muscolare, esercizi, diete e abuso di steroidi anabolizzanti. </li></ul><ul><li>Numerose ricerche hanno dimostrato che leggere riviste di fitness e muscolatura correla con insoddisfazione sul livello del corpo. </li></ul>Immagine: Jcotherals/Fickr
  27. 28. <ul><li>Giovani vite che inseguono i riflettori </li></ul>
  28. 29. Entrare nella scatola magica Immagine: Canale 5/Striscia la notizia Sempre più adolescenti vogliono entrare in quella bellissima scatola che è la televisione: considerano quella della showgirl la loro vera opportunità , che li farà approdare ad una vita di fama e ricchezza e permetterà loro di essere, finalmente, felici.
  29. 30. La “velina” <ul><li>La Velina non è una vera professionista del mondo dello spettacolo. </li></ul><ul><li>La Velina deve essere giovane e attraente e avere una minima capacità di muoversi in scena, ma non le viene richiesto un alto livello di professionalità ed esperienza. </li></ul>Immagine: www.veline2009.com
  30. 31. Il Reality Show <ul><li>Il Reality show fabbrica una celebrità dal nulla : è solamente l’esposizione televisiva che rende famosi i suoi personaggi, non il loro talento. </li></ul><ul><li>Viene celebrato come una “democratizzazione della cultura pubblica ”: la nuova generazione di star televisive non appartiene ad una classe e il pubblico è “sovrano”. </li></ul><ul><li>Il reality show può essere percepito dalle persone comuni come un modo per trionfare sull’anonimato . </li></ul>Immagine: Pietro Taricone, da Mondoreality
  31. 32. L’identificazione <ul><li>Lo spettatore si identifica con questi personaggi dei reality, che appartengono alla vita quotidiana, più di quanto non faccia con i personaggi interpretati da attori in un film. </li></ul>Immagine:
  32. 33. Reality show: modelli proposti <ul><li>I personaggi proposti nei reality hanno spesso comportamenti sleali verso gli altri, fanno sesso occasionale, usano un linguaggio scurrile. </li></ul><ul><li>I valori da essi propugnati sono quelli del denaro, della fama e della bellezza; Adolescenti e Pre-adolescenti: </li></ul><ul><li>Spesso non comprendono la natura artificiosa del reality show; </li></ul><ul><li>Identificandosi con i personaggi di questi show ne assorbono gli atteggiamenti, i valori e le aspettative di vita. </li></ul>
  33. 34. Il modello della Lolita seduttrice <ul><li>Messaggio dei media: le ragazze devono mostrarsi attraenti e sessualmente disponibili. </li></ul><ul><li>Attraverso il così detto “processo di accumulazione” (cioè la ripetizione costante ed ossessiva degli stessi modelli ) queste immagini si “normalizzano” e offrono così un modello di ruolo alle giovani adolescenti </li></ul>Immagine: Index Photograph/Flickr
  34. 35. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008 Classi di età 12 - 14 anni <ul><li>Il 56,2% dei ragazzi è condizionato dai comportamenti di miti e vip ed imita le loro condotte. </li></ul><ul><li>L’ 89,2% desidera acquistare i prodotti pubblicizzati in TV. </li></ul>
  35. 36. Pubblicità <ul><li>In pubblicità l’arma della seduzione viene utilizzata anche per vendere le patatine fritte. </li></ul>
  36. 37. La Moda I bambini sfilano in passerella e posano davanti al fotografo come adulti in miniatura : con la stessa malizia nei gesti e nello sguardo. Immagini: Monna Lisa Dreams
  37. 38. Mamme e Figlie <ul><li>La moda veste in modo sexy le bambine, quando sono ancora piccole e le madri cominciano a proiettare le loro aspirazioni mancate sulle figlie, quando queste sono ancora bambine: </li></ul><ul><li>anche questo contribuisce a contrarre i processi infantili. L’età incerta – I nuovi adolescenti – Prof. Silvia Vegetti Finzi </li></ul>Immagine: MyVirtualLady/Flickr
  38. 39. <ul><li>Internet </li></ul>
  39. 40. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008 Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008
  40. 41. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008
  41. 43. Miss Bimbo: Piccole Veline Crescono <ul><li>E’ un &quot;fashion game“nato in Francia ed &quot;esportato&quot; in Inghilterra, ma sta spopolando anche tra le bambine e le adolescenti italiane (9-13 anni). </li></ul><ul><li>La filosofia del gioco è che si deve essere carine, magre, sexy, alla moda, “very cool”, e per ottenere questo si può ricorrere a tutti gli strumenti, dalle pillole dimagranti al chirurgo estetico, al rimorchiare fidanzati ricchi. </li></ul><ul><li>Obbiettivo del gioco: diventare ricche e famose e trovare un &quot;boyfriend&quot; ricco, per essere mantenute da lui. Contatti: 60 mila al mese, con punte di 70 mila. </li></ul>Immagine: Miss Bimbo
  42. 44. Myfreeimplants.com <ul><li>Sito-vetrina inglese in cui ragazze desiderose di sottoporsi a interventi di chirurgia estetica incontrano virtualmente donatori disposti ad aiutarle economicamente. </li></ul><ul><li>In cambio offrono chat, videochat e fotografie non sempre caste. </li></ul>
  43. 46. Immagine: The Lightworks/Flickr Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008
  44. 47. Smartphone <ul><li>I giovani italiani sono al primo posto nell’impiego dei telefonini smartphone , che consentono non solo di telefonare e inviare sms, ma anche di realizzare foto e filmati, registrare suoni, scambiare file di dati </li></ul><ul><li>Possiede questi telefonini oltre la metà dei giovani italiani, contro circa un quarto dei coetanei europei (esclusi i tedeschi, che si avvicinano ai livelli degli italiani). Dati Censis 2008 </li></ul>Immagine: Nimbuzz/Flickr
  45. 48. You Tube, il surrogato della TV <ul><li>Ci si può “postare” di tutto e per fare le video-riprese basta un telefonino. </li></ul>Immagine:
  46. 49. <ul><li>La voglia di crescere in fretta </li></ul>
  47. 50. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008
  48. 51. Il tempo dell’infanzia si è accorciato <ul><li>Infanzia: si è contratto il tempo del gioco, della fantasia e della creatività; </li></ul><ul><li>Già a 6-7 anni , i bambini cominciano ad evidenziare le classiche inquietudini adolescenziali : ricerca dell'identità, percezione del proprio corpo, distacco dai genitori, chiusura in se stessi; </li></ul><ul><li>L’età incerta – I nuovi adolescenti – Prof. Silvia Vegetti Finzi </li></ul>Immagine: Maria Maggi/Flickr
  49. 52. <ul><li>La sessualità </li></ul>
  50. 53. Dati: SIP Società Italiana Pediatri 2008
  51. 54. Il sesso rappresentato dai media <ul><li>I media rappresentano molto il sesso ma informano poco sul sesso , creando: </li></ul><ul><li>Propensione per sesso di tipo ricreazionale (Ward & Rivadeneyra, 1999), </li></ul><ul><li>Convinzioni errate sulla relazione di coppia (Haferkamp, 1999), </li></ul><ul><li>Credenze errate sull’importanza dell’apparire , (specialmente per le ragazze) (Borzekowski, Robinson, & Killen, 2000), </li></ul><ul><li>Rapporti sessuali visti come un gioco e donne come oggetti sessuali (Ward, 2002). </li></ul>
  52. 55. La sessualizzazione degli atteggiamenti <ul><li>Molti adolescenti oggi si avvicinano al sesso più per una esigenza di “ status ” che per aver maturato la consapevolezza di volerlo fare. </li></ul><ul><li>Da qui il rischio che lo si faccia senza preoccuparsi molto delle conseguenze e non avendo le informazioni adeguate per un’adeguata prevenzione. </li></ul>Immagine: Pedrtoesimoes7/Flickr
  53. 56. <ul><li>Conclusioni </li></ul>
  54. 57. Gli adolescenti sono degli OGM? <ul><li>Gli adolescenti hanno semplicemente assorbito ciò che l’ambiente in cui vivono ha trasmesso loro e che in larghissima misura è stato costruito dalla “società degli adulti”. </li></ul>
  55. 58. I Genitori devono tornare ad essere dei modelli per i propri figli <ul><li>I genitori hanno abdicato al loro ruolo di modelli, facendosi sostituire dalla TV, per mancanza di tempo, per ragioni di praticità, ma anche per sensi di inadeguatezza. </li></ul><ul><li>I genitori e gli adulti devono tornare a proporsi come modelli, ad avere un ruolo di guida e di indirizzo, proponendo modelli di ruolo non solo positivi, ma anche attraenti per i giovani, in modo che sia possibile stimolare l’emulazione. </li></ul>Immagine: Leonid Mamchenkov/Flickr
  56. 59. FINE <ul><li>Non sono abbastanza giovane per sapere tutto. Oscar Wilde </li></ul>Immagine: JenEArt

×