Disturbi Dell’Ansia

4,964 views

Published on

Relazione della Dr.ssa Giuliana Proietti (psicoterapeuta) al Convegno IL SINTOMO IN PSICOTERAPIA: LINGUAGGIO E SIGNIFICATO. Ancona, 17-11-2009

0 Comments
3 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,964
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
19
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
3
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Disturbi Dell’Ansia

  1. 1. Disturbi dell’ansia: segni, sintomi e trattamenti Dr. Giuliana Proietti psicoterapeuta
  2. 2. L’ansia: definizioni letterarie Desiderio tormentoso , bramosia Stato tormentoso dell’anima , provocato dall’incertezza circa il conseguimento di un bene sperato o la minaccia di un male temuto Angustia, affanno, dolorosa apprensione Inquietudine tormentosa , una trepidazione, causata da uno stato di dubbio, di timore o da intensa, violenta bramosia
  3. 3. Cos’è l’ansia ?
  4. 4. L’ansia: definizioni scientifiche Insieme di quadri sintomatologici che in passato rientravano nel grande capitolo delle “ nevrosi ” Sentimento di penosa attesa nei confronti di una situazione pericolosa e minacciosa nella realtà, o avvertita come tale, soggettivamente, dall’individuo. L'ansia è un'emozione caratterizzata da preoccupazioni ingiustificate o eccessive senza che vi sia una causa precisa. A volte questo stato si evolve in malattia fino a disturbare il sonno e rappresentare l'evoluzione di alcune dissonnie. Condizione aspecifica determinata da una combinazione di emozioni negative come paura, preoccupazione, apprensione L’ansia è un sintomo comune e normale di fronte a situazioni traumatiche
  5. 5. L’ansia è una condizione mentale che fa parte dell’esperienza umana. Immagine: Darkmatter
  6. 6. L’ANSIA E I LIMITI UMANI <ul><li>L’ansia, più di qualsiasi altra condizione, fa avvertire all’essere umano il limite invalicabile della sua impotenza , facendogli toccare con mano la sua effettiva fragilità . </li></ul><ul><li>Immagine: Prudencebrown121 </li></ul>
  7. 7. ANSIA E PAURA emozioni “adattive” L’Ansia ha la facoltà di indurre un organismo a reagire di fronte ad un pericolo, a un’aggressione, ecc., al fine di salvaguardare la propria esistenza. In questo è simile alla Paura . <ul><li>Immagine: FlickrJunkie /Flickr </li></ul>
  8. 8. <ul><li>Le cause </li></ul>
  9. 9. EZIOPATOGENESI DELL’ANSIA <ul><li>E’ influenzata da fattori sia genetici che ambientali di diversa natura i quali, interagendo tra loro, rendono l’individuo più vulnerabile allo stress. </li></ul>Immagine: Sara. Nel/Flickr
  10. 10. STRESS E COMPONENTE GENETICA <ul><li>In genere l’ansia è causata dallo stress. A sua volta lo stress produce ansia. </li></ul><ul><li>Quando vi è una forte componente genetica, anche uno stress moderato può condurre ad una patologia di un certo rilievo. </li></ul><ul><li>Immagine: http://www.flickr.com/photos/mikekline/ </li></ul>
  11. 11. STRESS E COMPONENTE GENETICA <ul><li>Al contrario, sono necessari stress intensi per indurre disturbi mentali in soggetti che hanno una minore determinante genetica. </li></ul>Immagine: http://www.flickr.com/photos/kennyuhh/
  12. 12. <ul><li>Sintomi </li></ul>
  13. 13. <ul><li>Palpitazioni </li></ul><ul><li>Debolezza, svenimento </li></ul><ul><li>Aumento della pressione sanguigna </li></ul><ul><li>Respirazione rapida </li></ul><ul><li>Respiro affannoso </li></ul><ul><li>Pressione al torace </li></ul><ul><li>Senso di soffocamento </li></ul><ul><li>Incremento dei riflessi </li></ul><ul><li>Tremore </li></ul><ul><li>Spasmi muscolari </li></ul>Ansia : Sintomi fisiologici <ul><li>Bocca e gola secche </li></ul><ul><li>Sudorazione aumentata </li></ul><ul><li>Momenti di caldo o freddo </li></ul><ul><li>Prurito </li></ul><ul><li>Impulso a urinare </li></ul><ul><li>Rossore del volto o pallore </li></ul><ul><li>Perdita di appetito </li></ul><ul><li>Nausea, dolori addominali </li></ul><ul><li>Bruciore di stomaco, vomito </li></ul><ul><li>Rigidità </li></ul>
  14. 15. Ansia: Sintomi psicologici <ul><li>Fragilità, </li></ul><ul><li>Trasparenza del corpo, </li></ul><ul><li>Incapacità di difendersi, </li></ul><ul><li>Mancanza di autocontrollo, </li></ul><ul><li>Osservazione e valutazione negativa degli altri, </li></ul><ul><li>Pensieri negativi su di sé e sulle proprie prestazioni, </li></ul><ul><li>Sopravvalutazione degli altri (es. più potenti, più competenti, ecc.) </li></ul><ul><li>Sopravvalutazione delle richieste specifiche della situazione </li></ul>
  15. 16. L’esasperazione delle continue reazioni di allarme rende l’ansia PATOLOGICA
  16. 17. ANSIA PATOLOGICA L‘ansia patologica si caratterizza come una risposta inappropriata a preoccupazioni esistenziali o relative all‘ambiente e la cui conseguenza principale è rappresentata da un‘alterazione delle normali capacità individuali Immagine: Rima Xarox /Flickr
  17. 18. Caratteristiche dell’ansia patologica <ul><li>Anche in assenza di gravi, ma soprattutto realistiche motivazioni, i pazienti riferiscono sentimenti di apprensione circa la salute e l‘incolumità fisica dei familiari, la situazione finanziaria, le capacità di rendimento lavorativo o scolastico, ecc. </li></ul>
  18. 19. <ul><li>Ansia e Pratica Clinica </li></ul>
  19. 20. Frequenza <ul><li>Nella pratica clinica i disturbi d’ansia rappresentano una delle patologie più frequenti. Ne soffre circa il 10% della popolazione. </li></ul>Immagine: Elise Esq/Flickr
  20. 21. ansia : “psic” = febbre : medico Diffusione del sintomo
  21. 22. L’auto-terapia per l’ansia <ul><li>Nei soggetti ansiosi si riscontra frequentemente una sorta di “ autoterapia ” con alcool, benzodiazepine, antalgici o stimolanti il sistema nervoso centrale; </li></ul><ul><li>Tutto ciò mette i soggetti ansiosi a rischio di dipendenza e/o abuso. </li></ul>
  22. 23. Freud e la psicoanalisi <ul><li>Sigmund Freud considerò l' ansia come una conseguenza di tensioni emotive inespresse , di conflitti interiori e di aspettative perennemente frustrate. Lo psicoanalista riteneva che le cause dell' ansia fossero dovute a desideri, pulsioni e aspetti della personalità, rimossi e negati, ma capaci di  rigenerare ansia e angosce, espresse da vari sintomi, nel quadro complessivo della NEVROSI . </li></ul>Immagine Saschapohflepp
  23. 24. Dalla nevrosi al DSM <ul><li>La “Nevrosi” divenne così un concetto molto esteso ed onnicomprensivo </li></ul><ul><li>… da svuotarsi di ogni significato quale categoria diagnostica. </li></ul>
  24. 25. <ul><li>A partire dalla terza versione del DSM ( Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali ), e specialmente nella quarta ( ed ultima, al momento ), le vecchie categorie delle nevrosi sono state redistribuite tra nuove e più precise categorie diagnostiche , fra le quali vi sono ben definiti i disturbi d'ansia </li></ul>I DISTURBI D’ANSIA NEL DSM
  25. 26. DSM IV – Disturbi psichiatrici <ul><li>- disturbi schizofrenici </li></ul><ul><li>- disturbi dell'umore </li></ul><ul><li>- disturbi della personalità </li></ul><ul><li>- disturbi di ansia </li></ul><ul><li>- disturbi somatoformi </li></ul><ul><li>- disturbi dell'alimentazione </li></ul><ul><li>- disturbi della sessualità </li></ul><ul><li>- disturbi dissociativi </li></ul><ul><li>- disturbi fittizi </li></ul><ul><li>- delirium </li></ul><ul><li>- disturbi correlati ad una condizione medica generale </li></ul><ul><li>- disturbi correlati all'uso di sostanze </li></ul><ul><li>- disturbi di adattamento </li></ul><ul><li>- disturbi del controllo degli impulsi </li></ul><ul><li>- disturbi del sonno </li></ul>Sono quindici le categorie nei quali rientrano i disturbi psichiatrici:
  26. 27. <ul><li>Il DSM propone sei categorie principali per i disturbi d’ansia: </li></ul><ul><li>fobie , </li></ul><ul><li>disturbo di panico , </li></ul><ul><li>disturbo d'ansia generalizzato , </li></ul><ul><li>disturbo ossessivo-compulsivo , </li></ul><ul><li>disturbo post-traumatico da stress </li></ul><ul><li>disturbo acuto da stress </li></ul>Il DSM IV: disturbi d’ansia
  27. 28. Vantaggi delle nuove categorie diagnostiche <ul><li>Aumento di numero, per cui ogni caso può essere inquadrato in una singola categoria; </li></ul><ul><li>I caratteri specifici di ogni singola categoria sono più dettagliati; </li></ul><ul><li>Comunicazione più facile, con maggiore somiglianza di linguaggi e di definizioni </li></ul>
  28. 29. Svantaggi <ul><li>Difficoltà a tradurre in quadri categoriali alcuni vissuti psicopatologici dei pazienti; </li></ul><ul><li>Bassa stabilità diagnostica nel tempo; </li></ul><ul><li>Incertezza nella diagnosi di confine tra le categorie; </li></ul><ul><li>Sovrapposizione di criteri, con elevata frequenza di diagnosi in comorbidità. </li></ul>
  29. 30. Sovrapposizione di criteri per Ansia e Depressione Ansia - Umore depresso -Perdita di interessi - Anedonia - Disturbi dell’appetito - Ideazioni suicidarie - Bassa autostima - Agitazione - Irritabilità - Astenia - Difficoltà di concentrazione - Dist. del sonno - Tensione muscolare - Dolore - Ansia - Preoccupazione - Xerostomia - Palpitazioni - Sudorazione - Tremori - Rossore Depressione DSM-IV-TR. Washigton, DC: American Psychiatric Association; 2000.
  30. 31. <ul><li>Trattamenti </li></ul>
  31. 32. TRATTAMENTO FARMACOLOGICO DEI DISTURBI D’ANSIA <ul><li>Il trattamento farmacologico dei disturbi dell’ansia deve necessariamente considerare l’interazione tra fattori biologici e fattori psicologici. </li></ul>Immagine: Aussiegal, Flickr
  32. 33. Trattamenti psicologici <ul><li>In genere il trattamento (tranne in particolari setting psicodinamici) si basa su: - riconoscimento di eventuali cause scatenanti, </li></ul><ul><li>- rassicurazione del paziente, </li></ul><ul><li>- risoluzione dei conflitti, </li></ul><ul><li>- messa in atto di strategie di adattamento </li></ul><ul><li>- apprendimento di tecniche di rilassamento </li></ul>
  33. 34. LA PSICOTERAPIA E IL TRATTAMENTO DELL’ANSIA <ul><li>Dalla presa di coscienza della propria vulnerabilità e delle proprie risorse , può determinarsi quel processo necessario a consentire al paziente il cambiamento . </li></ul>Il cambiamento produce un maggiore adattamento ambientale e dunque il raggiungimento di un equilibrio psico-fisico, che conduce poi al benessere. Cambiamento Benessere
  34. 35. Medicine complementari <ul><li>Tutto ciò che mantiene e migliora il benessere psicofisico può e deve essere utilizzato contro l'ansia. </li></ul><ul><li>Le cure alternative vanno però usate nel contesto di una diagnosi attenta : ove vi fosse disturbo psicopatologico, gli interventi devono essere di altro tipo. </li></ul>Agopuntura, Omeopatia, Yoga ecc. Immagine: Tiarescot Flickr
  35. 36. COMUNITA’ VIRTUALI <ul><li>L’uso di messagistica online, chat room e Forum diventa sempre più diffuso, permettendo la nascita di comunità virtuali con </li></ul><ul><li>pazienti che si rivolgono ad altri pazienti </li></ul><ul><li>che condividono una determinata patologia. </li></ul>Immagine: Jared/Flickr
  36. 37. TRATTAMENTI PSICOTERAPEUTICI ONLINE <ul><li>Numerosi sono ormai gli studi che dimostrano il successo negli esperimenti di trattamento psicoterapico cognitivo-comportamentale online in pazienti con disturbo post-traumatico da stress, ansia e depressione. (Tuttora vietati in Italia) </li></ul>
  37. 38. Superare l’ansia <ul><li>L'ansia non ci sottrae il dolore di domani, ma ci priva della felicità di oggi. Leo Buscaglia </li></ul>Immagine: Pink Sherbet/Flickr
  38. 39. <ul><li>Fine </li></ul><ul><li>Arrivederci su </li></ul>

×