Progetto Edilizia 2.0

  • 790 views
Uploaded on

Progetto finalizzato a favorire la diffusione di modalità collaborative per lo sviluppo della conoscenza, presso l'ufficio tecnico del Settore Edilizia del Comune di Brescia.

Progetto finalizzato a favorire la diffusione di modalità collaborative per lo sviluppo della conoscenza, presso l'ufficio tecnico del Settore Edilizia del Comune di Brescia.

More in: Business
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
790
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Comune di BresciaProgetto: Edilizia 2.0
  • 2. Sommario‣  Finalità del progetto‣  Fasi progettuali‣  Conclusione del progetto 2  
  • 3. Finalità del progetto
  • 4. Favorire la diffusione di modalitàcollaborative per lo sviluppo dellaconoscenza L’obiettivo
  • 5. Cosasignifica?
  • 6. Sperimentare i paradigmi tipici del 2.0…▶  Connettere le persone (connecting): le persone sono realmente connesse tra di loro così da poter utilizzare gli strumenti in qualsiasi momento e da qualunque posizione;▶  Far Collaborare le persone (collaboration): le persone sono parte attiva e possono partecipare insieme all’inserimento dei contenuti sfruttando l’effetto rete;▶  Arricchire l’esperienza d’uso (rich experience): grazie ad interfacce semplici e leggere le persone sono più coinvolte e meno frustrate dall’utilizzo degli strumenti informatici. Cambiamento del paradigma
  • 7. … e passare da “1.0” a “2.0” … Offline, Connecting: applicazioni online, desktop applicazioni come piattaforma da Documento statico, singolo Collaboration: effetto rete, a utente partecipazione1.0 degli utenti 2.0 Strutture rigide e spesso confuse, Rich experience: esperienza usabilità, utente frustrante più coinvolto Cambiamento del paradigma 7  
  • 8. ..operando su di un caso che richieda la collaborazione di più persone: Redazione del nuovo regolamento edilizio del Comune di Brescia. Sperimentazione
  • 9. … in sintesi … Connecting  Provare le caratteristiche Richdel paradigma del 2.0 Collaboration   Experience   RedazioneCalandole nella regolamentosperimentazione operativa edilizio Favorire la diffusione diPer raggiungere l’obiettivo modalità collaborative per lodel progetto sviluppo della conoscenza
  • 10. FasiProgettuali
  • 11. •  Analisi della popolazione e dei bisogniFase 1 •  Scelte tecnologicheFase 2 •  FormazioneFase 3 •  SperimentazioneFase 4 deadline fase 1 deadline fase 2 deadline fase 3 deadline fase 4 11  Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre
  • 12. Fase 1Analisi della popolazione e dei bisogni
  • 13. Chi sono gli interlocutori? Abbiamo individuato il gruppo di lavoro all’interno del settore edilizia del Comune di Brescia.Gruppo di lavoro interno composto da: Gruppo di referenti esterni composto da: ▶  assessore ▶  Commissione edilizia ▶  dirigente ▶  Sovrintendenza ▶  dirigente tecnico ▶  ASL ▶  responsabile servizio amministrativo ▶  Colleggio costruttori ▶  informatico di settore ▶  Collegio geometri ▶  resp. unità organizzativa funzioni ▶  Collegio periti paesaggistiche ▶  Ordine degli ingegneri ▶  resp. procedimento ▶  Ordine degli architetti ▶  Ordine degli avvocati ..l’analisi della popolazione si è concentrata sui referenti interni. 13   Fase 1
  • 14. Analisi della popolazione Come? Attraverso un questionario realizzato con Google Docs fatto compilare online. 14   Fase 1
  • 15. Obiettivi del ▶  Identificare il livello di informatizzazione delle questionario: persone coinvolte nel progetto. ▶  Identificare i bisogni latenti. ▶  Identificare i problemi aperti e le aspettative.Cosa è emerso? ▶  Livello di Informatizzazione medio (in termini di conoscenza e fruizione) ▶  Lo strumento informativo maggiormente utilizzato è la e-mail ▶  Difficoltà nella ricerca delle informazioni ▶  Scarsa chiarezza nei criteri di archiviazione delle informazioni ▶  Necessità di maggiore comunicazione 15   Fase 1
  • 16. Sintesi delle necessità relative alla gestione delle informazioni Necessità Considerazioni I tools devono permettere la scrittura online di unScrittura di un documento documento Più persone devono poter modificare un documentoScrittura collaborativa in tempo reale contemporaneamente Messaggistica istantanea e tracking delleComunicazione in tempo reale conversazioni sul documento I tools devono permettere l’inserimento di commentiComunicazione sul documento sul documento Gli utenti devono poter recuperare informazioniRintracciabilità delle comunicazioni riguardo alle sequenze delle conversazioni avvenuteControllo degli accessi Possibilità di controllo degli accessi ai file Gli strumenti individuati dovranno consentireArchiviazione dei documenti percorsi chiari e semplici per l’archiviazione delle informazioni Possibilità di integrazione con altri applicativiApplicazione “open” dufficio 16   Fase 1
  • 17. Fase 2Software selection
  • 18. In campo: Office 365 vs Google docs Fase 2
  • 19. Punti di forza:▶  Interfaccia user friendly basata su ribbon▶  Efficacia nell’archiviazione e condivisione dei file▶  Forte integrazione con gli applicativi della suite Office di Microsoft Fase 2
  • 20. Punti di forza:▶  Possibilità di modifica simultanea da parte di più utenti▶  Espandibilità tramite Google Apps▶  Chat sul documento Fase 2
  • 21. VS Funzionalità Google MicrosoftScrittura di un documentoScrittura collaborativa in tempo realeComunicazione sul documentoComunicazione in tempo realeRintracciabilità delle conversazioniControllo degli accessiArchiviazione dei documentiIntegrazione con altri applicativi 21  
  • 22. È stata scelta la piattaforma di Google Apps in quanto:▶  permette la modifica contemporanea da parte più persone;▶  Migliori caratteristiche di gestione dei permessi per gli utenti (condivisione dei file, lettura/scrittura/commenti). 22   Fase 2
  • 23. Fase 3Formazione
  • 24. In sintesi… La formazione è stata erogata utilizzando la metodologia a “workshop” cioè tramite l’uso di esercizi pratici. Set-up: ▶  1 ambiente protetto all’interno del dominio di Project Group ▶  8 postazioni pc messe a disposizione ▶  8 account utente personali per accedere alla piattaforma ▶  2 incontri da 4 ore Metodologia: I partecipanti al corso mettono in pratica le nozioni apprese mentre vengono spiegate, grazie a continui esercizi (singolo). Esercizio finale di scrittura collaborativa su un documento messo a disposizione all’interno dello spazio in Google Doc (gruppo). 24   Fase 3
  • 25. Fase 3
  • 26. Fase 4Sperimentazione
  • 27. Iniziamo a lavorare sulla “redazione partecipata”del regolamento edilizio, un documento“obbligato” alla produzione del quale partecipanotanti attoriÈ stato sviluppato un workflow documentaleper regolamentare le attività di modifica, revisione epubblicazione. 27   Fase 4
  • 28. Senza dimenticare il confronto continuo … Divisione del regolamento edilizio in documenti comprendenti uno o più titoli e articoli seconda del gruppo d’interesse Individuazione dei referenti e attuazione del flusso documentale individuato precedentemente. 28   Fase 4
  • 29. Next steps:▶  Diffusione delle tematiche del web 2.0 agli altri settori del Comune di Brescia (evangelizzazione).▶  Introduzione di nuove piattaforme collaborative all’interno dei settori del comune. Next steps
  • 30. Project Group S.r.l. Consulenza di Direzione e Organizzazione Aziendale Via Ghislandi , 35 - 25125 Brescia - P.I.03496660170 Tel. 030 3533886 - Fax 030 3547470 www.projectgroup.it 30