Zonazione dei Vini Italiani

  • 957 views
Uploaded on

Zonazione dei Vini Italiani Attraverso la Determinazione Analitica con ICP-OES di Alcuni Metalli

Zonazione dei Vini Italiani Attraverso la Determinazione Analitica con ICP-OES di Alcuni Metalli

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
957
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. 31° Congresso Mondiale della Vigna e del Vino Verona 15-20 Giugno 2008 Zonazione dei Vini Italiani Attraverso la Determinazione Analitica con ICP-OES di Alcuni Metalli Maurizio Polo, Alberto Basei, Nevio De Pellegrin e Antonella Dal Bo Laboratorio Enochimico Polo – Oderzo (TV)
  • 2.
    • Studio dei metalli ad effetto ossidativo nei vini o catalizzatori di fattori di invecchiamento (formazione di 2 amminoacetofenone e sotolone), quali alluminio, nichel, cromo, titanio, vanadio, molibdeno, tallio, etc.
    • Interesse agronomico: ricerca dei “range” ottimali dei vari macro e micro elementi sull’uva e sul vino in alternativa alle analisi del terreno e fogliare.
    • Studio del legame tra i vini e il territorio di produzione
    Scopo della ricerca
  • 3.  
  • 4.  
  • 5.  
  • 6. RSD % (deviazione standard relativa) calcolata su 10 repliche Il metodo utilizzato, sopra descritto, è stato accreditato SINAL secondo la norma UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005. 5 S Zolfo 2 Mn Manganese 2 Zn Zinco 2 Mg Magnesio 5 Va Vanadio 4 Li Litio 5 Ti Titanio 2 P Fosforo 2 Sr Stronzio 3 Fe Ferro 1.5 Na Sodio 4 Cr Cromo 2 Si Silicio 4 Co Cobalto 4 Rb Rubidio 2 Ca Calcio 3 Cu Rame 4 Cd Cadmio 1.5 K Potassio 2 B Boro 8 Pb Piombo 4 Be Berillio 5 Ni Nichel 2 Ba Bario 5 Mo Molibdeno 3 Al Alluminio RSD % Simbolo Metallo RSD % Simbolo Metallo
  • 7. Stronzio
    • Il contenuto di stronzio nei vini bianchi, indipendentemente dalla varietà, provenienti dall’Italia del nord è mediamente più basso di quello presente nei vini meridionali.
    • In genere se il contenuto di stronzio è maggiore di 700 μg/L è molto probabile la provenienza del vino dal sud Italia
    • I vini rossi presentano un contenuto di stronzio in genere più alto dei vini bianchi provenienti dalla stessa zona indipendentemente dalla latitudine.
    • Nell’ambito della stessa zona i vini di collina hanno un contenuto di stronzio più alto di quelli di pianura .
  • 8. Rubidio
    • Il rubidio è il rilevatore del tipo di terreno.
    • Si sono osservati valori inferiori a 1.0 mg/L in vini provenienti da terreni privi di argilla, come la zona delle grave del fiume Piave, arrivando fino a oltre 15.0 mg/L in terreni fortemente argillosi al limite della lavorabilità.
    Terreno Lavico > 15 Al limite della lavorabilità 8 - 15 Contenuto in argilla molto elevato 6.5 - 8 Contenuto in argilla medio-alto 4.5 - 6.5 Contenuto in argilla normale 3.5 - 4.5 Contenuto di argilla basso 2 - 3.5 Alto contenuto di scheletro – pochissima argilla 1 - 2 Scheletro prevalente- assenza argilla < 1 Tipologia terreno Rubidio mg/L
  • 9. Prosecco - Valdobbiadene S.Polo di Piave (TV) terreno sassoso, zona greto fiume Piave Trentino - Contenuto in stronzio μ g/L 90 140 65 Bassa collina 2.80 3.40 1.70 160 200 150 Alta collina Prosecco media max min media max min Zona provenienza Tipologia Rubidio mg/L Stronzio μ g/L 0.80 280 360 256 Vini rossi 0.62 169 275 160 Vini bianchi media media max min Rubidio mg/L Stronzio μ g/L Tipologia 290 372 249 Vini rossi 150 210 95 Vini bianchi media max min Tipologia
  • 10.  
  • 11. Alto Adige Bolzano – zona vulcanica 75 108 223 91 Vini rossi 50 130 200 66 Vini bianchi media media max min Tipologia Bario μg/L Stronzio μ g/L 240 340 208 370 400 173 Vini rossi 140 150 100 200 265 125 Vini bianchi media max min media max min Bario μg/L Stronzio μ g/L Tipologia
  • 12. Varietà Aglianico 35 37 22 10 12 5 μ g/L Cobalto 17.39 21.75 11.40 7.5 8.0 4.5 mg/L Rubidio 9.0 12.0 8.8 7.2 7.6 6.9 mg/L Boro 1250 1400 1100 650 964 609 μ g/L Stronzio 48 49 34 25 30 18 mg/L Silicio 350 547 220 175 192 156 μ g/L Bario 770 2600 540 320 333 250 μ g/L Alluminio media max min media max min Unità misura Elemento Zona Vulture Zona Taurasi 35 10 μ g/L Cobalto 17.39 7.5 mg/L Rubidio 1250 650 μ g/L Stronzio 350 175 μ g/L Bario media max min media max min Unità misura Elemento Zona Vulture Zona Taurasi
  • 13.  
  • 14. Soave - Contenuto in Stronzio μ g/l Friuli - Contenuto in Stronzio μ g/l 250 300 240 Bassa collina (150 m) 385 400 340 Alta collina 200-300 m) Garganega media max min Zona provenienza Tipologia 320 341 247 Collio Goriziano 178 220 176 pianura Vini rossi 220 246 170 Collio Goriziano 140 168 101 pianura Vini bianchi Friuli nord 400 570 360 collina 300 330 250 pianura - Grave Vini rossi 460 520 420 collina 280 360 228 pianura Grave Vini bianchi Friuli sud media max min Zona provenienza Tipologia
  • 15. Piemonte zona Barolo - Contenuto in Stronzio μ g/l Montalcino Molise - Contenuto in Stronzio μ g/l Abruzzo - Contenuto in Stronzio μ g/l 440 587 381 Bassa collina 890 1040 762 Alta collina Rosso Barbera/Dolcetto media max min Zona provenienza Tipologia 78 805 790 780 Cabernet 90 900 912 897 Shyraz 50 719 745 570 Sangiovese – alta collina 30 450 512 382 Sangiovese - bassa collina media media max min Bario μg/L Stronzio μ g/L Tipologia 633 726 520 Montepulciano 510 520 436 Cabernet 619 600 493 Merlot media max min Tipologia 1060 1111 780 Bassa collina 1560 1719 1540 Alta collina Vini rossi 540 603 490 Alta collina Vini bianchi media max min Zona provenienza Tipologia
  • 16. Puglia - Primitivo Sardegna 650 1240 591 μg/L Stronzio 34 36 22 mg/L Silicio 170 219 161 μg/L Bario 950 1464 770 μg/L Alluminio media max min Unità misura Elemento 550 700 444 770 772 728 μg/L Stronzio 90 127 44 30 42 13 mg/L Sodio 26 30 20 13 22 11 mg/L Silicio 110 150 87 60 62 60 μg/L Bario 700 1250 400 540 600 300 μg/L Alluminio media max min media max min Unità misura Elemento Vini rossi Vini bianchi
  • 17. Colli Piacentini - Contenuto in Stronzio μ g/l Emilia - Contenuto in Stronzio μ g/l Romagna (Imola e Forlì) - Contenuto in Stronzio μ g/l * 70-100 m s.l.m.; ** 120-170 m s.l.m. 700 860 523 Vini rossi 345 405 268 Vini bianchi media max min Tipologia 700 755 666 Media collina Montepulciano 800 822 752 Media collina Barbera 730 766 616 Media collina Shyraz 640 703 640 Media collina Merlot 580 790 640 Alta collina 530 536 508 Bassa collina Lambrusco media max min Zona provenienza Tipologia 670 770 648 Bassa collina** 1360 1490 943 Alta collina* Vini rossi 455 462 426 Pianura 460 483 441 Bassa collina** 580 627 540 Alta collina* Vini bianchi media max min Zona provenienza Tipologia
  • 18. Irpinia 380 385 360 Malvasia 320 377 222 Chardonnay 720 727 700 Piedirosso 800 880 771 Greco 780 804 670 Fiano 359 370 350 Coda divolpe Rubidio > 13.50 mg/L 400 470 252 Falanghina 832 850 800 Merlot 166 176 123 Verdeca Bario 208 μg/L 745 889 676 Montepulciano - 740 755 534 Cabernet media media max min Altri dati Stronzio μg/L Tipologia
  • 19. Stronzio troppo basso Rubidio troppo basso, Stronzio troppo alto 800 880 771 media max min Stronzio μg/L Rubidio > 13,50 mg/l 400 470 252 media media max min Altri dati Stronzio μg/L
  • 20.  
  • 21. Conclusioni
    • I dati presentati evidenziano la possibilità di caratterizzare, utilizzando specifici metalli, i vini provenienti da determinate aree permettendo quindi di evidenziare eventuali “anomalie” compositive che potrebbero indicare la presenza di frodi di tipo commerciale.
    • Il sistema è sostitutivo e/o integrante alle analisi del terreno e fogliare. Un aiuto importante per gli agronomi.
    • Questo lavoro andrà sviluppato ampliando le aree che fino ad oggi sono state monitorate, creando una vera e propria mappatura dei metalli per ciascuna zone produttiva caratteristica, all’interno delle regioni italiane.
    • Potendo fare un monitoraggio più ampio, provincia per provincia e località per località, sarebbe addirittura possibile caratterizzare produttore per produttore.