La ricetta per un business di successo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

La ricetta per un business di successo

on

  • 1,265 views

Ingredienti e metodi per far volare le imprese dal 3° Salone dell'imprenditoria femminile GammaDonna.

Ingredienti e metodi per far volare le imprese dal 3° Salone dell'imprenditoria femminile GammaDonna.

Statistics

Views

Total Views
1,265
Views on SlideShare
1,240
Embed Views
25

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

3 Embeds 25

http://www.linkedin.com 12
https://www.linkedin.com 12
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

La ricetta per un business di successo La ricetta per un business di successo Document Transcript

  • La ricetta per un business di successo Ingredienti e metodi per far volare le imprese dal 3° Salone dell'imprenditoria femminile GammaDonna. Ingredienti: uomini (circa 50%) donne (circa 50%) competenze specifiche q.b. competenze relazionali q.b. abbondante rispetto reciproco (diffidate dalle imitazioni) una spolverata di intelligenza emozionale una buona dose di flessibilità un pizzico di capacità politiche competizione q.b. (solo se sana) lievito tipo: condivisione della missione aziendale Una ricetta: quale modo migliore per presentare le tante riflessioni emerse al Salone GammaDonna (www.gammadonna.it by Valentina Communication), svoltosi a Torino alla fine dello scorso Gennaio? Manifestazione femminile per eccellenza, la ricetta dà modo di riunire tanti ingredienti anche molto diversi fra loro in un unico significato, ovvero il risultato a cui dovrebbero portare. Dico “dovrebbero” perché spesso le ricette non sono per niente facili da mettere in pratica. Non basta avere gli ingredienti giusti: bisogna miscelarli e dosarli con cura, utilizzando gli strumenti e le tecniche di cottura più adatte. Insomma, per cucinare bene ci vogliono creatività, impegno e pazienza. Ripeto: creatività, impegno e pazienza. Qualità, queste, tipicamente riconosciute alla popolazione femminile. Infatti da che mondo è mondo le donne stanno in cucina. O...no? Procedimento Prima di cominciare... Prima di iniziare a maneggiare gli ingredienti è bene lavarsi via sovrastrutture e modelli d'impresa di antica concezione che mettono l'affermazione della virilità al centro di ogni pratica e sistema valoriale: autoritarismo, esaltazione del potere come status, rifiuto delle emozioni nell'ambiente lavorativo, contrapposizione lavoro-vita privata. Utilizzate piuttosto tali modelli per riflettere su come l'esigenza di un uomo di realizzarsi nel lavoro derivi da una condivisa imposizione sociale (è disdicevole che lui faccia il mantenuto), mentre per una donna questo non è vero. Dunque mentre un uomo avverte una certa (atavica) pressione e una spinta sociale a fare carriera, una donna sceglie questo percorso più liberamente, magari scontrandosi anche con reticenze familiari iper-tradizionaliste dove non solo lei non è tenuta ad avere un ruolo nella società produttiva, ma è quasi preferibile che non l'abbia: il suo ambito è la casa, la famiglia, e tutto quanto distoglie da ciò è male. E' dunque probabile che le donne, a parità di condizioni, siano più motivate, più determinate a costruire con entusiasmo il proprio progetto di lavoro e, in senso più ampio, di vita. A supporto della propria impresa si consiglia di utilizzare l'ottimo manuale di cucina di Luisa Pogliana “Donne senza guscio”.1 1 Fuor di metafora, “Donne senza guscio - percorsi femminili in azienda”, ed. Guerini e Associati, è l'appassionante resoconto di una ricerca psico-sociologica condotta dalla dott.ssa Luisa Pogliana su un campione di donne italiane di alto profilo manageriale, chiamate a raccontare la propria storia aziendale. Ringrazio personalmente Luisa per avermi omaggiata del suo libro illuminandomi così per la mia modesta “ricetta”.
  • Prima fase: la scelta degli ingredienti Procedete alla scelta degli ingredienti uomini e donne, che una volta uniti creano il personale. Servitevi di una teglia modello “meritocrazia” per collocarli e farli crescere. Una volta individuate le competenze e le doti naturali delle persone, fate attenzione a non mischiarle con i campi di applicazione. Diffidate dai modelli reiterati dalla nostra società per anni. Chi l'ha detto che le donne sono buone solo per ricoprire funzioni nel campo della contabilità o delle risorse umane? Ordine, capacità organizzative, gestione degli imprevisti sono qualità tipiche di una mamma. Eppure è evidente quanto siano importanti in qualsiasi contesto, quello aziendale in primis. E ancora, come già sottolineato, creatività, dedizione, pazienza fanno sicuramente parte della femminile predisposizione alle creazioni artigianali e alla cura delle persone. Ma in un contesto aziendale che richiede la massima produttività e propone sfide continue sono senza dubbio carte altrettanto vincenti. Impegnatevi dunque a riconoscere le donne per quello che sono al di là di quello che hanno sempre fatto, riflettendo su quanto valore porterebbero se fossero più presenti ai vertici del mondo del lavoro. Ormai è un dato acquisito che i CdA a composizione mista sono molto più creativi e produttivi di quelli a composizione unicamente maschile, dove di solito i componenti hanno tutti lo stesso background, gli stessi orientamenti, lo stesso modo di vedere l'azienda2. Certo è difficile introdurre elementi di disturbo in questo equilibrio, come può essere una donna. Ma le grandi intuizioni nascono sempre dalla rottura, dal cambiamento, dal movimento. E, come si sa, “la donna è mobile”. Seconda fase: l'impasto Una volta formato il personale, aggiungete la flessibilità, il cui sapore viene esaltato dall'uso del part- time. Sia quello orizzontale che quello verticale vanno bene per rivedere e ottimizzare la gestione del tempo. Stemperate quindi le possibili tensioni all'interno dell'azienda incoraggiando la competizione intesa come “chiedere insieme, viaggiare nella stessa direzione” (dall'etimologia latina “cum-petere”) piuttosto che di lotta all'ultimo sangue dove l'unico riferimento alla civiltà latina appare essere l'arena dei gladiatori romani. Sbollentate gli animi comunicando che non serve circondare con il filo spinato i propri orticelli di conoscenze. Si consiglia però alle donne, che si mettono sempre in gioco personalmente nella loro interezza, di non eccedere in ingenuità e trasparenza. Una piccola dose di capacità politica nella gestione delle relazioni aziendali è pur necessaria. A questo punto aggiungete il lievito della condivisione della missione aziendale e dei suoi valori, affinché tutti possano volare in alto, o credere di poterlo fare. Per consentire al lievito di agire imburrate la teglia della meritocrazia con abbondante rispetto reciproco, che deve essere assolutamente originale e reale. Trasmettete a tal fine il valore della diversità, in ogni sua forma, spiegando che “parità” non significa fingere che tutti siano uguali, ma riconoscere, rispettare e valorizzare le differenze quali fonti di arricchimento.3 Lasciare infine le persone libere di esprimere la propria emotività quanto basta. Quindi infornare. N.B. Assolutamente raccomandata è la diffusione della concezione di famiglia come ambito della coppia, e così quello della maternità. Che non sia più visto come un “problema” e “della donna”, ma diventi una “condizione della coppia”: donne e uomini ugualmente impegnati sul fronte del lavoro e su quello della famiglia. Se la famiglia e il lavoro sono i pilastri della nostra società è bene che si sostengano a vicenda, è bene che i figli siano considerati veramente figli di tutta la comunità4. 2 “Tra il 2001 e il 2007, le società femminili hanno incrementato i ricavi a un ritmo medio annuo superiore rispetto a quelle maschili in ogni fascia di fatturato considerata (dell'8,8% contro l'8,6% tra quelle con ricavi superiori ai 200 milioni, del 7,7% contro il 6,5% tra quelle con ricavi tra i 50 e i 200 milioni, del 3,6% contro il 2,7% tra quelle con ricavi compresi tra 10 e 50 milioni)” - fonte Cerved via ilsole24ore.it 3 “In Unicredit, il Diversity Management non è né un tema di risorse umane, né di responsabilità sociale d'azienda: è un tema di business. L’obiettivo è riflettere la diversità della società per soddisfare meglio i clienti e la diversità di sesso si aggiunge alle molte altre variabili considerate: età, religione, disabilità, orientamento sessuale e cultura”. - Ludovica Lardera, CEO's Personal Assistant
  • Ultima fase: aggiustamenti e risultato finale Si ricordi che l'impasto in questione è una realtà viva e in continuo movimento ed è giusto rivederne le regole, gli schemi e i processi al mutare del contesto. In ogni caso il primo grande cambiamento al contesto aziendale lo porterà proprio il buon cuoco-imprenditore che avrà messo in pratica la ricetta del successo, e con lui/lei tutti i suoi collaboratori che avranno intimamente capito quanto oggi sia più che mai necessario un cambiamento sociale e culturale affinché anche in Italia si abbiano aziende realmente in grado di crescere, di creare valore, di competere internazionalmente. “Perchè la discriminazione non è ingiusta...è stupida!”- ha detto a GammaDonna l'illustre Roger Abravanel. Aggiungo che la controparte virtuosa della discriminazione, cioè la parità, è soprattutto una conquista dal basso, che parte da gesti quotidiani, dalla tenacia e dalla determinazione di persone - donne e uomini - che si battono contro un sistema di valori sociali molto limitanti e interiorizzati anche dalle donne stesse. I fatti però parlano chiaro: quando le donne osano farsi avanti (osano perché temono di non essere all'altezza) e quando gli uomini osano dar loro fiducia (pur temendo che non siano all'altezza) di solito arrivano grandi successi.5 C'è ancora tanta strada da fare, ma il cambiamento è iniziato ed è irreversibile. Melania Pecoraro (aka Pecomelly) 4 “Il Global Gender Gap Report 2008 promosso dal World Economic Forum pone l'Italia al 67esimo posto per disparità tra uomini e donne: per il bene della nostra economia sono necessarie delle contromisure urgenti. In Microsoft, con il progetto futuro@lfemminile, abbiamo introdotto orari flessibili e telelavoro strutturato, offerto smartphone e accesso alla banda larga a casa, creato un asilo interno all’azienda e servizi utili alle famiglie. E questo non per delle politiche di principio favorevoli alle donne di per se stesse, ma perché così facendo possiamo cogliere le enormi opportunità che nascono dal modo femminile di interpretare l’azienda, il business e le tecnologie” - Pietro Scott Jovane, Amministratore Delegato di Microsoft Italia. 5 Gli obiettivi di Lisbona fissati dall'Ue indicano che l'occupazione femminile deve raggiungere il 60% nel 2010. Secondo le stime di Bankitalia se la percentuale di donne occupate fosse equivalente a quella maschile il PIL crescerebbe del 17% mentre per le stime della banca d'affari Goldman Sachs si tratterebbe addirittura del 21%. Fonte: “Donne sull'orlo della crisi economica” di Monica d' Ascenzo e Giada Vercelli, Rizzoli Editore
  • GammaDonna in cifre 1950 i visitatori 65 gli Enti sostenitori 26 gli espositori fra Istituzioni, Associazioni e Sponsor 19 le sessioni non-stop fra seminari, workshop e forum 113 i relatori intervenuti 4 le imprenditrici premiate al concorso GammaDonna/10 e lode: Luciana Delle Donne (Officina Creativa), Sara Mantero (SKE), Lucia Pannese (imaginary), Cristiana Poggio (Piazza dei Mestieri) e Marta Vallino (DiNAMYCODE) 1 la menzione speciale del Ministero della Gioventù: Tiziana Fara (Fara Collection) 2011 l'anno della prossima edizione I DATI EMERSI* 41% le donne sul totale della forza lavoro in Italia 4% la media italiana delle donne nei CdA delle società quotate 11% la media europea delle donne nei CdA delle società quotate 25% circa le imprese italiane guidate da donne -0,2% l'incremento complessivo delle imprese in Italia + 1,5% l'incremento delle imprese di donne (29.500 società di capitali in più) Servizi immobiliari, attività professionali, informatica i settori in espansione Lombardia, Lazio e Toscana le regioni dove l'impresa è più rosa *dati aggiornati a fine 2009. Fonti Istat, Consob, Gartner, Manageritalia, Cerved GammaDonna®,il Salone Nazionale dell’Imprenditoria Femminile, ideato e progettato da Valentina Communication e promosso dall'Associazione Donne nel Turismo, è un evento trasversale a cui partecipano attivamente istituzioni, enti, associazioni datoriali e di genere e rappresenta la più importante manifestazione nazionale sulle tematiche di imprenditoria femminile.