Your SlideShare is downloading. ×
Documento congresso
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Documento congresso

214
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
214
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1.       CIRCOLO  DI  MASSAFRA   1°  CONGRESSO  CITTADINO   13  /  14    OTTOBRE    2011        CANDIDATO  ALLA  CARICA  DI  SEGRETARIO  DI  CIRCOLO:        Imma  Semeraro       1
  • 2. ..........   POLITICA,  ISTITUZIONALE,  EUROPEA,  INTERNAZIONALE,   OCCUPAZIONALE,  ECONOMICA,  BANCARIA,  DI  VALORI,  CULTURALE  ..............         In  tanti,  troppi  modi  la  parola  CRISI  è  stata  declinata  negli  ultimi  tempi.     Altrettante   volte,   però,   noi   ci   siamo   nascosti   dietro   la   parola   crisi   per   celare,   in   realtà,   la   nostra  pigrizia,   la   nostra   inettitudine,   il   nostro   disinteresse   verso   tutto   ciò   che   ci   circonda   e   ci   siamo   solo  limitati  a  criticare  tutto  e  tutti,  cadendo,  noi  stessi,  nella  trappola  pericolosissima  dellantipolitica  e  del  populismo.     Ora,   però,   non   è   più   tempo   di   parole,   perché   la   crisi   è   REALE,   non   è   soltanto   un   alibi   cui  ricorrere.     Definire  la  nostra  economia  “stagnante  ed  immobile”  significa  essere  riduttivi  e  minimalisti!         Non  cè  più  domanda  sul  mercato  perché  non  ci  sono  soldi  da  spendere;  non  ci  sono  soldi  da  spendere   perché   è   diminuito   il   potere   dacquisto   a   causa   della   mancanza   di   lavoro;   non   cè   lavoro  perché  non  cè  domanda,  né  di  prodotti  né  di  manodopera.     Leconomia  è  avvitata  su  se  stessa,  in  una  spirale  che  sembra  un  gatto  che  gioca  con  la  propria  coda!             LUnione   Europea,   inizialmente   guardata   come   un   modello   esemplare,   unico   al   mondo,   di  moneta  senza  Stato,  ormai  ha  mostrato  tutta  la  sua  debolezza.     Le  conseguenze  di  unUnione  monetaria  realizzata  senza  una  politica  economica  e  finanziaria  unica,  ma  demandata  ai  singoli  Stati,  è  una  questione  che  i  nostri  politici  dovranno  affrontare  a  breve  termine  e  che  è  già  oggetto  di  analisi  da  parte  del  nostro  partito  nazionale.         La  zona  euro,  infatti,  è  in  crisi  non  perché,  come  dice  la  destra,  vi  è  un  eccesso  di  spesa  pubblica  e  di  debiti  di  stato,  né,  come  dice  la  sinistra,  per  un  eccesso  di  finanziarizzazione  delleconomia  e  per  le  disuguaglianze  sociali,  ma  è  in  crisi  per  quello  che  è  stato  appunto  definito  “DEFICIT  DI  SOVRANITA  EUROPEA”     2
  • 3. E  che  dire  di  chi  sta  al  governo  e,  non  solo,  non  è  in  grado  di  superare  le  difficoltà  contingenti,  ma  danneggia  limmagine  del  nostro  paese,  screditandola  davanti  al  mondo  intero.   Non  resta  che  consolarci  con  le  parole  del  nostro  buon  presidente  Giorgio  Napolitano!       Ma  ora  basta  !!!!!  impegniamoci  tutti!  In  prima  persona!    “E  ora  di  chiedere  poco  per  noi  stessi  MA  MOLTO  PER  TUTTI!”    (cfr  lincontro  svoltosi  qualche  giorno  fa  a  Milano  dallassociazione  “libertà  e  giustizia”).         È  ora  di  superare  i  protagonismi,  gli  egoismi,  i  personalismi;  è  ora  che  ciascuno  di  noi  metta  a  disposizione  del  Paese,  del  Partito  e  del  nostro  Circolo,  le  proprie  competenze,  le  proprie  esperienze  di  vita  e  politiche!       Il   dato   delle   passate   elezioni   amministrative   ormai   esaminato,   in   ogni   sua   più   piccola   parte,   ha  evidenziato,   a   prescindere   da   ogni   altro   elemento,   che   possa   aver   influito   sul   risultato,   un   quadro  preciso:  lassenza  di  radicamento  nella  società  massafrese  delle  nostre  liste  e  della  nostra  coalizione,  benché  realizzata  in  modo  politicamente  ampio  ed  ineccepibile.           Ripartire   dai   circoli   di   partito,   avviare   un   lavoro   di   profondo   cambiamento   con   tutti   gli  iscritti,   rilanciare   lattività   politica   attraverso   una   gestione   POLICENTRICA,   creare  COMMISSIONI  cui  affidare  COMPITI  e  RESPONSABILITA,  avvicinare  la  gente  ed  indurla  a  palesare   la   propria   idea   di   CAMBIAMENTO,   devono   essere   gli   obiettivi   primari   del   Partito  DEMOCRATICO!                           3
  • 4. IL  PARTITO  DEMOCRATICO     Un   partito   non   può   definirsi   veramente   DEMOCRATICO   se   non   restituisce   a   tutti   i   propri  iscritti,  indistintamente,  quella  centralità  e  quel  ruolo  propulsivo  che  ha  sempre  consentito  alle  masse  di  cambiare  lassetto  sociale.   Le  decisioni  di  pochi  incidono  sulle  vite  di  tanti.  È  un  diritto  –  dovere  degli  iscritti  partecipare  alle  scelte  politiche  del  partito.     Il   circolo   deve   tornare   ad   essere   lo   strumento   principale   attraverso   cui   attuare   quel  cambiamento   di   Massafra   tanto   agognato;   perché   ciò   avvenga,   però,   è   necessario   che   i   circoli  ritornino  a  dimensione  di  “persona”,  che  siano  il  luogo  dellaccoglienza;  è  necessario  creare  occasioni  di   ascolto,   avvicinare   gli   sfiduciati   ed   i   dimenticati   dal   sistema   politico   e   far   tesoro   delle   loro   idee   di  cambiamento.     Ogni   singolo   iscritto   è   per   il   partito   un   osservatorio   privilegiato   della   realtà   cittadina;   ciascuno  può  segnalare  problematiche  legate  al  proprio  quartiere,  alla  viabilità,  alla  propria  attività  lavorativa,  alla  scuola,  ai  servizi;  riferire  sui  problemi  degli  anziani,  degli  ammalati  e  degli  invalidi,  che  siano  legati  allinefficienza  ed  allabbandono  dellamministrazione,  creando  una  capillare  rete  di  informazione.       Un   valore   aggiunto   del   nostro   circolo   sono   i   nostri   Consiglieri   Comunali:   un   dialogo   fitto   e  costante  con  ciascuno  di  loro  permetterà  di  svolgere  una  pressante  attività  politica  e  di  opposizione.       Come  vasi  comunicanti,  il  circolo  attingerà  dai  consiglieri  e  viceversa.     Il   lavoro   a   stretto   contatto   tra   i   due   permetterà   al   partito   di   fungere   da   cassa   di   risonanza  mediante   la   diffusione   costante   dellattività   svolta   in   consiglio   ed   allinterno   del   nostro   circolo,  utilizzando  tutti  i  moderni  mezzi  di  comunicazione  della  cosi  detta  E-­‐  democracy.     Ognuno   di   noi   potrà   essere   il   portavoce   di   iniziative   e   questioni   da   sottoporre   allesame   del  gruppo  consigliare.     Fondamentale,  altresì,  sarà  tenere  un  dialogo  periodico  con  il  futuro  Segretario  Provinciale  sullandamento  e  le  scelte  politiche  del  partito.     Impegnarsi   nella   individuazione   e   nella   crescita   di   giovani   promesse   deve   essere   un  obiettivo   da   affiancare   al   sostegno   ed   alla   valorizzazione   delle   attività   dei   nostri   GIOVANI  DEMOCRATICI.           Tanto  si  è  detto  sulla  necessità  che  il  Partito  Democratico  assuma  una  sua  identità  precipua.   Lidentità   passa   anche   attraverso   eventi   che   diventino   segni   distintivi   di   un   partito   e   di   un  circolo:   bisogna   ridare   centralità   alla   Festa   Democratica   affinché   diventi   per   il   nostro   circolo   4
  • 5. levento  dellanno;  trasformare  liniziativa  dello  scorso  anno,  “Se  non  ora  quando...”  in  unoccasione  di  incontro,  annuale,  delle  donne,  ogni  8  marzo.   E  che  il  1°  Maggio  non  passi  più  inosservato  nel  nostro  Circolo!     Avere  una  gestione  economica  fondata  sul  regolare  contributo  dei  nostri  consiglieri,  ciascuno  in  misura  proporzionale  ai  compiti  assunti,  permetterà  la  realizzazione  dei  nostri  propositi.   Più  economia,  più  autonomia!         °*°°*°*    I  NOSTRI  GRANDI  TEMI,  IN  SINTESI       LAVORO     - Mantenere   desta   lattenzione   su   tutte   le   vertenze   e   le   emergenze   lavorative,   specie   quelle   da   troppo  tempo  in  attesa  di  risoluzione  e  dimenticate  dai  più;     - Creare  una  rete  di  informazione  e  scambio  dati  con  il  centro  per  limpiego;   - Creare  occasioni  di  incontro  e  dialogo  con  i  sindacati,  in  primis,  la  Cgil  ed  avvicinamento  di  tutte   le  forze  sindacali;   - Dialogo  ed  iniziative  congiunte  con  gli  imprenditori,  gli  agricoltori  ed  i  braccianti  agricoli;   - Affrontare   il   problema   del   precariato   quale   effetto   di   una   flessibilità   delle   condizioni   di   lavoro,   senza  regole,  nè  tutela  dei  lavoratori.         SANITA       Dopo   la   chiusura   dei   reparti   del   nostro   ospedale   sarà   necessario   affrontare   con   decisione   il  problema  sanità  e  dare  una  risposta  immediata  ai  bisogni  dei  cittadini,  nonostante  il  periodo  di  crisi  economica  ed  i  continui  tagli  ai  servizi.   È   per   questo   che   il   partito   democratico   di   Massafra   è   impegnato   a   sostenere   e   rendere   il   più  funzionale  possibile  un  nuovo  modello  ospedaliero  del  territorio,  che  non  potendo  più  contare  su  posti  letto  per  acuti,  deve  prevedere  una  vasta  offerta  di  servizi  sanitari  ed  assistenziali  alternativi  per  i  non  acuti.           Imprescindibile,   però,   deve   essere   la   battaglia   per   la   riattivazione   del   pronto   soccorso   per   la  sicurezza  dei  cittadini.   5
  • 6. WELFARE  E  SERVIZI  SOCIALI     Affrontare   non   solo   politiche   di   sostegno   a   favore   dei   bisogni   delle   fasce   più   deboli,   ma  implementare   tutti   quei   servizi   che   conciliano   il   binomio   VITA   –   LAVORO,   con   particolare   attenzione   a  strutture   quali   asili   nido   o   altre   per   linfanzia,   finalizzate   non   solo   alleducazione   e   formazione   dei  minori  ma  anche  a  supportare  le  esigenze  di  vita  e  lavoro  delle  madri.     Immigrati  ed  extra  comunitari:  non  si  può  restare  ancora  indifferenti!       AMBIENTE           Monitoraggio   continuo,   anche   a   scopo   preventivo,   del   nostro   ambiente   e   del   nostro   mare;  trovare  il  giusto  equilibrio  tra  sviluppo  industriale  e  rispetto  dellambiente  e  della  nostra  salute.       Incentivare   una   politica   di   sostegno   per   la   raccolta   differenziata   dei   rifiuti   non   solo   a   tutela  dellambiente,  ma  anche  quale  forma  di  risparmio  sulla  relativa  tassazione.       Iniziare  una  battaglia  contro  laumento  della  TARSU:  pagare  laliquota  più  alta  della  provincia,  pur  avendo  la  discarica,  è  una  delle  più  grosse  contraddizioni  della  nostra  città!           CULTURA         Creare  numerose  occasioni  di  crescita  culturale:  la  costante  lettura  critica  di  giornali  e  di  libri,  il  cinema  ed  il  teatro,  quale  fonte  ed  occasione  di  aggregazione  e  dialogo  con  la  cittadinanza,  con  eventi  dislocati  anche  nel  nostro  centro  storico  e  nelle  nuove  zone  di  incontro  e  socializzazione  dei  giovani.           Promuovere  attività  formative  quale  occasione  di  un  migliore  accesso  al  mondo  del  lavoro.       Cooperare   con   le   Associazioni:   ciascuna   di   loro   può   essere   un   valido   sostegno   alla   tutela   e  promozione   del   nostro   territorio,   delle   nostre   gravine,   della   nostra   storia,   della   nostra   agricoltura,  della  nostra  enogastronomia  e  del  nostro  CARNEVALE.       TURISMO         Favorire   esclusivamente   la   nuova   edificazione   ha   comportato   labbandono   a   se   stesso   del  nostro  centro  storico  e  la  perdita  di  una  crescita  turistica.         La   riqualificazione   del   centro   storico   deve   essere   il   punto   di   partenza   per   la   valorizzazione  turistica  del  nostro  paese,  che  può  diversificare  la  propria  offerta,  potendo  contare  su  un  patrimonio  naturalistico   variegato   (mare,   gravine,   colline,   boschi),   su   tradizioni   enogastronomiche   ed   eventi   di   6
  • 7. eccellenza   quali   il   carnevale,   che   meriterebbe   una   vetrina   non   circoscritta   ad   una   sola   settimana  lanno.       SVILUPPO  ECONOMICO  E  SOSTENIBILITA     Tornare  ad  affrontare  i  temi  più  cari  delle  nostre  ultime  tre  campagne  elettorali:   il  porto  e  la  retroportualità  di  tutto  il  versante  occidentale;   lo  sviluppo  ed  il  sostegno  dellagricoltura  quale  attività  primaria  della  nostra  città;   seguire   attentamente   la   politica   europea,   per   intercettare   occasioni   di   crescita   e   sviluppo   della   nostra  intera  regione;   sostenere  ed  incentivare  politiche  per  lo  sviluppo  di  tutte  le  fonti  energetiche  alternative.                                                 Imma  Semeraro   7