• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Relazione finale
 

Relazione finale

on

  • 2,012 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,012
Views on SlideShare
2,012
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Relazione finale Relazione finale Document Transcript

    • RELAZIONE FINALE - Pon Arte Architettura e Design del Paesaggio – Liceo Artistico Statale De Nittis, BariPON C-1-FSE-2010-137 “ARTE, ARCHITETTURA e DESIGN DEL PAESAGGIO”RELAZIONE FINALEDocente esperto: Arch.Patrizia Paola PirroDocente tutor: Prof. Maria Antonietta GuarnieriDurata del corso: dal 13.01.2011 al 07.04.2011Numero corsisti: 28FINALITA’: 1. Sensibilizzare alla visione del paesaggio come bene comune da tutelare e valorizzare 2. Offrire un approccio metodologico alla osservazione e alla lettura degli elementi eterogenei che lo caratterizzano e ne rappresentano l’identità culturale, storica e ambientale. 3. Promuovere competenze progettuali di intervento sul paesaggio nei diversi casi di recupero, integrazione urbanistica, inserimento di elementi d’arte.OBIETTIVI E STRUTTURA DEL CORSO:FASE 1: IL CONCETTO DI PAESAGGIO E LA SUA RAPPRESENTAZIONEObiettivi specifici: 1. Sviluppare competenze in materia paesaggistica in un’ottica multidisciplinare 2. Sviluppare capacità critiche nella lettura e nell’interpretazione dei luoghi che quotidianamente viviamo, delle immagini e delle rappresentazioni del territorio in ogni sua formaDescrizione delle attività:La prima parte del corso è stata dedicata al concetto di paesaggio e alla sua rappresentazione, dal puntodi vista estetico, ecologico-ambientale, storico e culturale, con cenni specifici ai caratteri del paesaggiopugliese. Durante la prima lezione è stato sottoposto ai ragazzi un test di ingresso per valutare le conoscenzedi base relative ai concetti di paesaggio e di sostenibilità ambientale, la capacità di riconoscere e applicare nelproprio contesto di vita “comportamenti sostenibili”, nonché le competenze nell’uso di programmi informatici dielaborazione grafica e montaggio audio-video, utili nella successiva fase progettuale.Si è scelto di sviluppare il tema attraverso 4 lezioni teoriche, accompagnate da proiezioni video, ricche diimmagini ed esempi. Gli argomenti trattatati sono stati i seguenti: 1. Introduzione alla disciplina della progettazione del paesaggio. Definizione del vocabolario: i concetti di ambiente e sostenibilità. Evoluzione del concetto di paesaggio: dal “pittoresco” a bene comune identitario. La Convenzione Europea del paesaggio. Il ruolo della progettazione paesaggistica per lo sviluppo sostenibile. 2. I caratteri del paesaggio pugliese Letture del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale. La definizione dei contesti di paesaggio regionali a partire dalla lettura dell’ idrogeomorfologia, dei caratteri dello spazio agricolo e naturale e del sistema insediativo storico e recente. Riconoscimento dei paesaggi e degli elementi caratterizzanti. 3. La rappresentazione del paesaggio. Il tema della rappresentazione del paesaggio nei secoli attraverso le opere d’arte: dal Trecento fino alle avanguardie del Novecento. Il paesaggio nella fotografia. 4. Il progetto di paesaggio: L’arte e l’architettura dei giardini. Intervenire nel paesaggio contemporaneo: alcuni progetti europei. Progettare il paesaggio in città.Arch. Patrizia Paola Pirro ----------- Corso Sonnino 140/ b, Bari ------------- patriziapirro@hotmail.it -------------------- tel 3894338422
    • RELAZIONE FINALE - Pon Arte Architettura e Design del Paesaggio – Liceo Artistico Statale De Nittis, BariTutte le lezioni sono state accompagnate da discussioni in aula. E stata svolta una esercitazione relativa aipaesaggi pugliesi, in cui si è chiesto ai ragazzi di riportare su una mappa della Puglia alcuni elementi dei suoipaesaggi, utilizzando la tecnica del collage.FASE 2: IL PROGETTO DI PAESAGGIOModulo applicativo di progettazione “Paesaggi quotidiani”.Obiettivi specifici: 1. Sviluppare un approccio creativo e multidisciplinare al progetto degli spazi urbani 2. Definire criticità e adeguate soluzioni progettualiDescrizione delle attività:Per avvicinare i ragazzi alle questioni relative alla progettazione del paesaggio si è scelto di dedicare unaconsistente parte del corso a unesercitazione pratica di carattere progettuale. E’ stato chiesto ai ragazzi diriprogettare e riqualificare uno spazio verde urbano conosciuto: Piazzetta dei Papi, una piccola piazza nonlontano dallistituto scolastico.Lattività progettuale ha preso le mosse da un sopralluogo in loco per valutare lo stato di degrado dellarea,le criticità, i problemi, i bisogni dei cittadini. Ai ragazzi è stata fornita una mappa del sito e un “promemoria”,contenente indicazioni utili per capire cosa e come osservare: chi e come usa la piazza, quali sono le attivitàpossibili, quali sono gli elementi di arredo urbano, qual è il carattere degli spazi verdi, quale la percezionecomplessiva dello spazio.Tutte queste considerazioni sono state riportate con dei post-it su una grande mappa e sono state alla basedella definizione di obiettivi e strategie di progetto.Arch. Patrizia Paola Pirro ----------- Corso Sonnino 140/ b, Bari ------------- patriziapirro@hotmail.it -------------------- tel 3894338422
    • RELAZIONE FINALE - Pon Arte Architettura e Design del Paesaggio – Liceo Artistico Statale De Nittis, BariDa questo momento del corso i ragazzi sono stati suddivisi in gruppi di quattro-cinque, per elaborare laproposta progettuale. Attraverso la tecnica del fotomontaggio e la ricerca di riferimenti a progetti già realizzati,è stato chiesto ai ragazzi di definire i problemi rilevati durante il sopralluogo e di cominciare ad abbozzarealcune prime proposte progettuali per risolverli. A questo punto delle attività, riscontrata una disomogeneitàallinterno della classe relativamente alle competenze nelluso di programmi informatici per lelaborazionegrafica e alle diverse abilità di espressione artistica, si è ritenuto più utile procedere alla fase diformalizzazione spaziale degli obiettivi utilizzando esclusivamente lo strumento della maquette, un plastico distudio in cartone su cui poter sperimentare tridimensionalmente differenti soluzioni progettuali.Arch. Patrizia Paola Pirro ----------- Corso Sonnino 140/ b, Bari ------------- patriziapirro@hotmail.it -------------------- tel 3894338422
    • RELAZIONE FINALE - Pon Arte Architettura e Design del Paesaggio – Liceo Artistico Statale De Nittis, BariL’idea progettuale è stata quindi sviluppata direttamente su plastici tridimensionali, senza la mediazione deldisegno tecnico (passaggio che non è stato possibile a causa del ridotto numero di ore a disposizione),utilizzando cartone colorato, spugna, plastilina, filo di ferro e materiali di riciclo. Gli interventi di riqualificazionehanno riguardato l’attrezzamento verde, la scelta dei materiali vegetali/minerali da utilizzare, l’ideazione diarredi fissi/mobili, architetture temporanee, e in generale di interventi in grado di trasformare la percezionedello spazio e a migliorare la fruibilità e la qualità ecologica e spaziale del luogo.Durante tutto il suo svolgimento, lattività pratica di progettazione è stata accompagnata da lezioni teoriche asupporto del progetto. Sono state fornite nozioni e riferimenti su temi specifici, come la progettazione deglispazi aperti, la scelta delle essenze vegetali e dei materiali, il design degli elementi di arredo urbano e deiplayground. 1. I materiali vegetali: la scelta delle essenze vegetali nel progetto. Costruire ecosistemi. L’importanza delle specie autoctone e spontanee. Il tema del giardino autosufficiente 2. Disegnare lo spazio del parco: definire le forme, le funzioni, i percorsi e le gerarchie 3. Il ruolo del design nella costruzione dello spazio urbano. Quali usi per lo spazio pubblico? Il tema del playground (spazio per il gioco) e dell’arredo urbano. La sicurezza: recinti e illuminazione. 4. Land art e arte concettuale: L’arte agisce sul paesaggio e si fonde con esso. La ridefinizione attiva del ruolo fra uomo e natura.Arch. Patrizia Paola Pirro ----------- Corso Sonnino 140/ b, Bari ------------- patriziapirro@hotmail.it -------------------- tel 3894338422
    • RELAZIONE FINALE - Pon Arte Architettura e Design del Paesaggio – Liceo Artistico Statale De Nittis, BariA conclusione del laboratorio gli alunni hanno realizzato sei progetti di riqualificazione, presentati in formadi plastico, che affrontano con originalità e senso critico i temi della qualità urbana, della sostenibilitàambientale, delluso pubblico e sociale degli spazi, della accessibilità e della fruibilità degli spazi verdi. Inalcuni casi sono stati prodotti dei piccoli plastici di approfondimento relativi al progetto di design di alcunielementi di arredo urbano.Nel corso dell’ultima lezione è stato chiesto ai ragazzi di presentare alla classe gli esiti dellattività progettuale,esponendo gli obiettivi e le motivazioni delle scelte di progetto sul plastico definitivo. La presentazione è statadocumentata su supporto audiovisivo.Tutti i materiali didattici, gli elaborati prodotti all’interno del corso e la documentazione fotograficadelle attività sono disponibili sul blog: www.paesaggiquotidiani.wordpress.comArch. Patrizia Paola Pirro ----------- Corso Sonnino 140/ b, Bari ------------- patriziapirro@hotmail.it -------------------- tel 3894338422
    • RELAZIONE FINALE - Pon Arte Architettura e Design del Paesaggio – Liceo Artistico Statale De Nittis, BariVALUTAZIONI FINALI:Il corso PON “Arte Architettura e Design del Paesaggio” ha prodotto dei risultati molto positivi dal punto di vistadidattico ed estremamente interessanti per la ricerca sul tema del progetto partecipato degli spazi pubblici.I ragazzi hanno seguito con entusiasmo le attività didattiche hanno conseguito importanti risultatirelativamente a: - la capacità di cogliere gli spunti e le suggestioni progettuali loro mostrate durante le lezioni teoriche - la maturità progettuale delle soluzioni proposte di fronte alle criticità riscontrate, secondo i principi della qualità urbana e della sostenibilità ambientale e sociale - labilità espressiva nella formalizzazione del progettoDall’analisi dei progetti finali sono emersi inoltre elementi interessanti circa i bisogni e i “desideri di spaziopubblico” degli adolescenti. Tali istanze sono spesso ignorate negli interventi di progettazione dello spaziourbano, non considerando che i ragazzi nella fascia di età compresa fra i 13 e i 18 anni sono tra i maggiorifruitori dei parchi e delle piazze. I ragazzi sottolineano la necessità di spazi per il gioco e l’espressione artisticadedicati alla loro fascia di età (piste da pattinaggio e da skate, muri per graffiti), luoghi accoglienti in cui siapossibili sviluppare la socialità (in molti hanno progettato “panchine collettive” per potersi riunire in comitiva),spazi verdi ricchi di biodiversità fruibili e curati, la sicurezza come condizione indispensabile per vivere lospazio pubblico in tranquillità (il tema del recinto è presente in quasi tutti i progetti) e soprattutto richiamano lanostra attenzione sull’assenza di bellezza e qualità degli spazi pubblici delle nostre città. I progetti hanno incomune la visione del parco come un luogo della scoperta, dello stupore e del gioco; un tema antico nellaprogettazione del verde, oggi dimenticato nella progettazione degli spazi pubblici delle nostre città.Arch. Patrizia Paola Pirro ----------- Corso Sonnino 140/ b, Bari ------------- patriziapirro@hotmail.it -------------------- tel 3894338422