Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Presentazione a cura di Carlo Fiorentini, serata pubblica a Bagnacavallo del 22.12.10
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Presentazione a cura di Carlo Fiorentini, serata pubblica a Bagnacavallo del 22.12.10

  • 990 views
Published

Presentazione a cura di Carlo Fiorentini, nel relazione principale nel corso della serata pubblica sul progetto della centrale a biomasse di Russi, organizzato dalla Amministrazione Comunale e dai …

Presentazione a cura di Carlo Fiorentini, nel relazione principale nel corso della serata pubblica sul progetto della centrale a biomasse di Russi, organizzato dalla Amministrazione Comunale e dai Consigli di Zona

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
990
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
5
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Consiglio di Zona di Bagnacavallo
      • Serata di informazione sulla
      • Centrale a Biomasse di Russi
      • Bagnacavallo 22 dicembre 2010
  • 2. Riforma mercato dello zucchero
      • Il 24/11/2005 Il Consiglio dei Ministri dell'Agricoltura della UE approva una importante riforma del settore dello zucchero con l'intento di avvicinare il prezzo comunitario del prodotto a quello internazionale e di conformarsi ai vincoli e alle condizioni degli accordi commerciali di libero scambio
  • 3. Riforma mercato dello zucchero
      • L'effetto della riforma provoca per l'Italia l'avvio di un profondo processo di ristrutturazione del settore che prevede una riduzione superiore al 50% della superficie coltivata a barbabietola da zucchero e una conseguente riduzione degli impianti di trasformazione operanti sul territorio nazionale
  • 4. Riforma mercato dello zucchero
      • Lo zuccherificio di Russi, che veniva alimentato da un bacino bieticolo di circa 12.000 ettari coltivati entro un raggio medio di circa 38 Km. da Russi viene chiuso nel 2005 per gli effetti della riforma OCM.
  • 5. Chi è il proponente l'intervento?
  • 6. Verso l'accordo di riconversione
      • In data 8 novembre 2006 Il Ministro dell'Agricoltura Italiano con una apposita lettera invita le Regioni a verificare e supportare l'avvio esecutivo delle proposte progettuali di riconversione degli impianti dismessi come quello di Russi in conformità alla direttiva di prossima emanazione che definirà i criteri per l'approvazione dei progetti di riconversione ai sensi della Legge 81/2006
  • 7. Verso l'accordo di riconversione
      • 10 gennaio 2007
      • Dichiarazione congiunta di Regione ER, Provincia di Ravenna, Comune di Russi ed Eridania in cui sono definiti alcuni punti fra i quali:
      • 1)Realizzare un impianto di produzione energia elettrica con le migliori tecnologie disponibili;
      • 2)Alimentazione dell'impianto solo con biomassa della filiera agricola locale;
      • 3)Bonifica e valorizzazione turistica dell'ex sito dello zuccherificio dismesso
  • 8. Verso l'accordo di riconversione
      • 18 settembre 2007
      • Verbale di incontro relativo alla sola parte economica fra proponente, CIA, Coldiretti, Copagri, Unione Prov. Agricoltori Ravenna e Regione ER.
      • Vengono definiti e proposti dalla proprietà dei meccanismi economici per la valutazione della biomassa da termovalorizzare. Vengono verbalizzate alcune osservazioni delle OO.PP.AA relativamente al rischio di un possibile monopolio produttivo territoriale
  • 9. Verso l'accordo di riconversione
      • 11 ottobre 2007
      • Il Comune di Russi individua nell'area S. Eufemia l'ubicazione adeguata dell'investimento.
      • Powercrop esprime parere favorevole ma con la riserva di verificare la compatibilità economica del sito prescelto in relazione agli impegni già presi con la parte agricola e con gli oneri connessi alle opere di mitigazione ambientale richiesti dal Comune di Russi.
  • 10. Verso l'accordo di riconversione
      • 29 ottobre 2007
      • Siglata una ipotesi di intesa in cui si stabilisce:
      • 1) Il sito prescelto per la realizzazione è l'area dell'ex zuccherificio
      • 2)Definizione dei benefici economici per il Comune di Russi
      • 3)Verifica del proponente della effettiva possibilità di sviluppo urbanistico dell'area S. Eufemia sulla base della destinazione d'uso indicata (D4/D7) ‏
  • 11. Accordo di riconversione
      • 8 novembre 2007
      • Siglato a Roma l'accordo di riconversione produttiva ai sensi ex art. 2 comma 2 lettera a) della Legge 81/2006
      • in esso la Regione ER, la Provincia di Ravenna, il Comune di Russi e Powercrop convengono che:
  • 12. Accordo di riconversione
      • 1)L'accordo è conforme a quanto previsto dalle direttive per l'approvazione dei progetti di riconversione della produzione
      • bieticolo-saccarifera.
      • 2)L'area di intervento è il sito dismesso dell'ex zuccherificio.
  • 13. Accordo di riconversione
      • 3)Viene definita la potenzialità della centrale, il tipo di combustibile da utilizzarsi nonché viene sancito che l'impianto deve essere realizzato con le migliori tecnologie disponibili.
  • 14. Accordo di riconversione
      • 4)Il progetto complessivo di riconversione dell'ex zuccherificio deve essere accompagnato in generale dagli interventi previsti nel Programma Nazionale di ristrutturazione del settore bieticolo e saccarifero (art. 6 Reg. CE 320/06) ed in particolare si definiscono i seguenti impegni da parte di Powercrop
  • 15. Accordo di riconversione. Gli impegni di Powercrop
      • Il progetto di riconversione dovrà fare perno sulle colture ligneocellulosiche pluriennali entro un raggio di 70 Km. e/o nell'ambito di accordi di filiera
  • 16. Accordo di riconversione. Gli impegni di Powercrop
      • 1) raccogliere i contratti pluriennali di approvigionamento delle biomasse da avviare a termovalorizzazione corrispondenti al fabbisogno della centrale
  • 17. Accordo di riconversione. Gli impegni di Powercrop
      • 2) Comunicare a Regione, Provincia e Comune di Russi lo stato di avanzamento della sottoscrizione dei contratti pluriennali da raccogliersi prioritariamente entro il bacino ex bieticolo dello zuccherificio, entro 70 Km. dal sito produttivo e prima che sia rilasciata l'autorizzazione regionale per l'operatività dell'impianto.
  • 18. Accordo di riconversione. Gli impegni di Powercrop
      • 3) Se venisse a mancare la iniziale disponibilità di biomassa necessaria all'operatività dell'impianto, una diversa funzione della centrale dovrà essere autorizzata previo parere favorevole delle autorità competenti.
  • 19. Accordo di riconversione. Gli impegni di Powercrop
      • 4) Relativamente all'area S. Eufemia Powercrop si impegna a concorrere alle opere di infrastrutturizzazione viarie connesse anche alla migliore soluzione dei temi di mobilità derivanti dalla realizzazione della nuova centrale elettrica
  • 20. Percorso Autorizzativo seguito da Powercrop a seguito dell'accordo di riconversione
    • Pubblicazione del progetto: 4 novembre 2009
    • Osservazioni al progetto presentate dal Comune di Bagnacavallo alla Regione Emilia Romagna in data 16 dicembre 2009
    • Conferenza di servizio indetta dalla Regione Emilia Romagna in data 24 febbraio 2010 per l'esame di tutte le osservazioni presentate
    • Presentazione delle integrazioni progettuali da parte del proponente in settembre 2010
  • 21. Percorso Autorizzativo seguito da Powercrop a seguito dell'accordo di riconversione
    • Presentazione in data 14 ottobre 2010 da parte del Comune di Bagnacavallo delle nuove osservazioni inerenti le integrazioni e le modifiche progettuali
    • Indizione da parte della Regione Emilia Romagna di nuova conferenza di servizio.
    • Probabile conclusione dell'iter burocratico entro i primi mesi del 2011
  • 22. Possibilità conseguenti alle decisioni della Regione E-R.
    • Rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale che consente sia la COSTRUZIONE che la GESTIONE dell'impianto;
    • Richiesta di RIPUBBLICAZIONE dell'intero progetto a seguito di eventuali carenze ancora riscontrate nella documentazione progettuale integrativa presentata da PowerCrop in settembre 2010.
  • 23. Elenco completo di tutte le integrazioni presentate in settembre 2010 da PowerCrop
      • Elaborati non depositati in forma cartacea alla data del pubblicazione del BUR del 4 novembre 2009 per mero errore tipografico;
      • Analisi Paesaggistica del Polo Energetico;
      • Ricadute, impatto odorigeno e impatto visivo delle emissioni gassose del Polo Energetico e impatto acustico dell’opera ai beni tutelati;
      • Relazione Paesaggistica “Modifiche Progettuali all’Opera di Presa e di Scarico nel Fiume Lamone del Polo Energetico di Russi (RA)”;
      • Analisi Paesaggistica dell’Elettrodotto;
      • Attestazioni e Pratiche di Connessione;
      • Dichiarazione di conformità progettazione illuminotecnica ai fine della Valutazione dell’impatto luminoso;
      • Caratteristiche Acustiche Aerotermi;
      • Domanda autorizzazione scarico acque reflue industriali in pubblica fognatura;
  • 24. Elenco completo di tutte le integrazioni presentate in settembre 2010 da PowerCrop
      • “ HIGH DUST” SCR, Data Sheet - Andamento qualitativo “Ammonia Slip”;
      • Emissioni eccezionali in condizioni prevedibili, secondo DGR 29 novembre 2004, n. 2411;
      • Schede e Planimetrie AIA;
      • Cartografia PRG, con dicitura Proposta di Variante;
      • Decreto MiPAAF n. 7493 del 12/05/2010 e Decreto MiPAAF n. 8041 del 20/05/2010;
      • Integrazioni in materia di Certificato Prevenzione Incendi;
      • Domanda Di Autorizzazione Distributore Privato Di Carburanti.
  • 25. Principali modifiche apportate in settembre 2010 all'impianto
    • Rivisitazione architettonica e riduzione volumetrica dell’edificio principale;
    • Variazione del percorso ed interramento dell’elettrodotto ad esclusione dei principali attraversamenti stradali.
    • Precedentemente (nov. 2009) Powercrop aveva modificato il raffreddamento della centrale da acqua ad aria
  • 26. Le modifiche principali consistono in:
    • Abbassamento dell'altezza dell'edificio principale che ora non è più alto degli attuali silos dello zucchero già oggi presenti
    • Interramento del percorso dell'elettrodotto che consente l'immissione in rete dell'energia elettrica prodotta dalla centrale limitatamente alla parte che ricade nel Comune di Ravenna.
    • VEDIAMO NEL DETTAGLIO QUESTE MODIFICHE
  • 27. Modifica dell'aspetto esteriore dell'impianto
    • Riduzione di 10,00 m dell'altezza massima dell'edificio principale che porta l’edificio caldaia ad attestarsi al di sotto dell’altezza dei silos dello zucchero esistenti pari a 42,00 metri dal p.c.;
    • Rivestimento dell'intero corpo di fabbrica con lamelle in legno romboidali e quindi abbandono del rivestimento con tappeto erboso;
    • Rivestimento del camino con una struttura in lamiera forata in metallo.
  • 28. Progetto elettrodotto
    • Il tracciato dell'elettrodotto si sviluppa interamente interrato lungo la Via degli Angeli, per una lunghezza di circa 3300 m.
    • La soluzione proposta ha ridotto a 1400 metri il tracciato aereo adottando la soluzione con sostegni del tipo a pali poligonali invece che a traliccio
  • 29. Vista della Centrale
  • 30. Schema a blocchi (da presentazione Powercrop Bologna 22/01/2009) ‏
  • 31. Principali aspetti critici che permangono anche dopo le integrazioni progettuali di settembre 2010
    • REPERIMENTO MATERIALE PER ALIMENTARE LA CENTRALE
    • SISTEMA DI ABBATTIMENTO DELLE EMISSIONI GASSOSE
    • FLUSSI DI TRAFFFICO DIRETTI ALLA CENTRALE
  • 32. Alimentazione della centrale
    • In data 5 maggio 2010 viene pubblicato in G.U. il decreto n. 103 del 02/03/10 inerente i criteri di tracciabilità delle biomasse utilizzate per produrre energia elettrica. In particolare all'art. 2 comma b) vengono definite le “biomasse da intese di filiera” come quelle prodotte nell'ambito di intese di filiera o contratti quadro ai sensi degli art. 9 e 10 del Dlgs n. 102/2005.
  • 33. Alimentazione della centrale
    • In tale decreto (DM 103 del 02/03/2010) all'art. 3 comma 1) si dispone che le biomasse prodotte nell'ambito di intese di filiera o da contratti quadro possono godere del coefficiente moltiplicativo k=1,8 (certificati verdi) purchè si producano al Ministero dell'Agricoltura una serie di documenti e certificazioni.
  • 34. Alimentazione della centrale
    • Il 12 maggio 2010 il Ministro delle Politiche Agricole emana il decreto n.007493 in cui si stabilisce che “ in mancanza di intese di filiera possono stipulare i contratti quadro le imprese singole o associate della filiera agroenergetica purchè garantiscano la tracciabilità della materia prima, e che il progetto di trasformazione sia conforme alla legge 81/06 .
  • 35. Alimentazione della centrale
    • Successivamente al 12 maggio 2010, viene stipulato fra S.E.C.I Spa, Coldiretti e Consorzi Agrari d'Italia un contratto quadro di intesa in cui genericamente si instaura un regime di collaborazione per l'istituzione di una filiera agroenergetica italiana e all'art. 7 (Obblighi fra le parti), viene sancito che i contraenti si impegnano al rispetto di quanto contenuto nel DM 103 pubblicato in G.U. il 05/05/2010 sulla tracciabilità delle biomasse da destinare a produzione di energia elelttrica
  • 36. Alimentazione della centrale
    • Infine il 20 maggio 2010 il Ministero delle Politiche Agricole emana il decreto n.0008041 in cui si stabilisce che il contratto quadro per la produzione di biomasse agricole destinate alla trasformazione in energia elettrica per impianti di potenza installata maggiore di 1 Mw siglato fra Coldiretti, Consorzi Agrari d'Italia e Seci S.p.A è conforme alla vigente normativa nazionale e comunitaria in particolare è conforme al DM 103 del 02/03/10 pubblicato il 05/05/2010 sulla tracciabilità delle biomasse e ne dispone la pubblicazione sul sito del Ministero.
  • 37. Alimentazione della centrale
    • Il risultato di questa serie di decreti ministeriali (tutti emanati in maggio 2010) e del contratto quadro stipulato fra S.E.C.I. Spa, Coldiretti e Consorzi Agrari d'Italia (anch'esso pubblicato in maggio 2010) è che l'alimentazione della centrale può avvenire con biomassa proveniente da territori posti anche oltre i 70 Km. dalla centrale senza perdere i benefici economici riservati alle biomasse derivanti da filiera corta (entro i 70 Km.). A seguito di questo e rigorosamente a termini di legge, infatti a settembre 2010 PowerCrop propone l'alimentazione della centrale con biomassa “raccolta entro 300 Km. dalla centrale”.(Paragrafo 8 pag 54 della relazione del 30/07/2010) ‏
  • 38. Alimentazione della centrale
    • Gli impianti che saranno alimentati con la biomassa derivante dal contratto quadro stipulato con Coldiretti e CAI sono i cinque ex zuccherifici Eridania Sadam oggetto di riconversione produttiva:
    • Russi (RA), Castiglion Fiorentino (AR), Celano (AQ), Villasor (CA) e Fermo.
  • 39. Alimentazione della centrale
    • Dalla relazione di Powercrop presentata in settembre 2010 (Par. 8 pag. 54) si legge:
    • “ Gli impianti (Russi, Celano, C. Fiorentino, Villasor, Fermo) saranno alimentati ogni anno complessivamente con 400 mila tonnellate di cippato di pioppo e 160.000 tonnellate di semi di oleaginose, provenienti da coltivazioni realizzate nell’arco di 300 km dagli stabilimenti.” Non è tuttavia presente alcuna evidenza di un piano operativo di dettaglio che dichiari la totale disponibilità della biomassa per Russi.
  • 40. Alimentazione della centrale. (Nota di riflessione)‏
    • Solo per la centrale di Russi occorrono 270.000 Ton/anno di materiale. Da quanto dichiarato rimarrebbero 560.000-270.000= 290.000 Ton/anno di materiale per le altre 4 centrali.
    • Non sembra, a prima vista, che ciò possa essere sufficiente considerando che solo per l'impianto di Castiglion Fiorentino si parla di una potenza simile a quella della centrale di Russi.
  • 41. Alimentazione della centrale
    • Il contratto quadro stipulato fra le organizzazioni Coldiretti, Consorzi Agrari d’Italia e S.E.C.I. S.p.A NON definisce alcuna modalità operativa di dettaglio della fornitura della biomassa da termovalorizzare a Russi ma permette a Powercrop di superare i vincoli dei 70 Km. dettati dalla cosiddetta filiera corta senza perdere i benefici economici ad essa riservati per tutti gli ex stabilimenti di sua proprietà da riconvertire a centrali elettriche.
  • 42. Alimentazione della centrale
    • Nonostante l'accordo quadro stipulato con Coldiretti e CAI, ad oggi non vi è alcuna evidenza nella documentazione ufficiale consegnata alla Regione E-R che sia garantita la quantità di materiale sufficiente all’avvio dell’impianto. Si ritiene necessario che PowerCrop chiarisca obbligatoriamente a Regione, Provincia e Comune in relazione all'art. 3.1) del documento di Accordo di Riconversione Produttiva lo stato di avanzamento del reperimento della biomassa necessaria ed in generale fornisca un quadro di dettaglio ed esaustivo del reperimento del materiale da termovalorizzare prima di ogni eventuale provvedimento autorizzativo così come chiaramente indicato all'art. 3.1) dell'Accordo di Riconversione.
  • 43. Filiera corta 70 km. non più necessaria per avere i benefici economici. (da presentazione Powercrop Bologna 22/01/2009) ‏
  • 44. Tecnica di raccolta coltivazioni dedicate. (da presentazione Powercrop Bologna 22/01/2009. Alta meccanizzazione e scarsa mano d'opera richiesta per coltivazioni di pioppi in pianura) ‏
  • 45. Sistema di abbattimento delle emissioni gassose
    • Nelle integrazioni di settembre 2010 non viene specificato nulla riguardo l’aumento di 50 T/anno delle emissioni totali di NOx rispetto al precedente impianto industriale (Zuccherificio). Ciò non è conforme a quanto previsto e sottoscritto nella dichiarazione congiunta fra Regione ER, Provincia di Ravenna, Comune di Russi ed Eridania del 10 gennaio 2007 punto c) in cui si prevede che le tecnologie realizzative dell'impianto garantiscano un miglioramento della situazione ambientale rispetto alle emissioni indotte dallo zuccherificio.
  • 46. Confronto emissioni fra ex zuccherificio e nuova centrale (tab. 1.ei Relazione Powercrop del 21/10/09 non successivamente modificata) ‏
  • 47. Sistema di abbattimento delle emissioni gassose
    • Per quanto esposto da Powercrop quindi le emissioni del polo energetico di Russi appaiono non allineate con le migliori tecnologie disponibili così come invece affermato ANCHE all’art. 3 punto a) del Contratto fra Coldiretti, Consorzi Agrari d’Italia e S.E.C.I. S.p.A in cui si richiede alla parte industriale (S.E.C.I. S.p.A) “ l’adozione delle migliori soluzioni tecnologiche per garantire il minore impatto ambientale degli impianti ….” .
  • 48. Confronto fra limiti di emissione al camino proposti da PowerCrop rispetto ad altro impianto di termovalorizzazione autorizzato.
  • 49. Sistema di abbattimento delle emissioni gassose
    • Rispetto alla valutazione quantitativa delle concentrazioni degli inquinanti emessi, continua a mancare una valutazione sanitaria per TUTTE le popolazioni coinvolte ed in particolare anche per i bambini NON residenti nel Comune di Russi.
    • Tale mancanza appare ancora più inspiegabile se si considerano i modelli e le distribuzioni di ricaduta degli inquinanti forniti dal proponente che evidenziano l'interessamento di ampie aree del Comune di Bagnacavallo.
  • 50. Ma cosa emette il camino della centrale?
    • Il camino ha una portata dichiarata di 262.000 Nmc/ora.
    • Se funziona, come dichiarato, circa 8.000 ore all'anno esso emette 2.096.000.000 Nmc di fumi.
  • 51. Emissioni della centrale (All. 19a Relazione Powercrop del 21/10/2009) ‏
  • 52. Emissioni della centrale Dalla tabella di Powercrop (Scheda Emissioni in atmosfera richiesta dalla Regione per poter autorizzare la centrale) inerente le emissioni si evidenziano in particolare i seguenti quantitativi di inquinanti: PTS (Polveri totali sospese): 21,23 Ton/anno Vediamo come sono composte e che tipo di polveri vengono prodotte dal processo di combustione e cosa può provocare l'acido cloridrico se presente nella biomassa da termovalorizzare:
  • 53. Come sono composte le ceneri (All. 9.a.b Relazione Powercrop del 21/10/2009) ‏
  • 54. Acido Cloridrico nella biomassa. Cosa può provocare?
  • 55. Acido Cloridrico nella biomassa. Cosa può provocare? (Pag 8 del Rapporto “Fenomenologia della combustione delle biomasse”)‏
  • 56. Acido Cloridrico nella biomassa. Cosa può provocare? (Pag 8 e 9 del Rapporto “Fenomenologia della combustione delle biomasse”)‏
  • 57. Concentrazioni Medie Annue di PM 10
  • 58. Concentrazioni Medie Annue di NOx
  • 59. PERCORSI DEI MEZZI DIRETTI ALLA CENTRALE
    • Per quanto riguarda i flussi di traffico pesante che interesserebbero il Comune di Bagnacavallo, prendendo atto dei nuovi percorsi indicati, si richiede come possa essere controllato l’effettivo utilizzo degli stessi nella considerazione che sono molto più lunghi rispetto a quelli presentati in data 04/11/2009.
  • 60. Viabilità per autocarri provenienti da Ferrara
  • 61. Viabilità per autocarri provenienti da Bologna
  • 62. Ma quanto materiale serve alla Centrale e come si trasporta?
    • 270.000 Ton di cippato di legno corrispondono a un accumulo che occupa un volume pari a una superficie uguale ad un campo da calcio alta circa 65 metri ogni anno.
    • Per trasportarlo in centrale servono circa 11.000 mezzi all'anno della capacità pari ad almeno 25 mc.
  • 63. Ma quanto materiale serve alla Centrale e come si trasporta?
    • Ipotizzando il ritiro del materiale tutti i giorni dal lunedì al venerdì e tralasciando le punte stagionali (che invece sono tuttavia presenti in periodo estivo come dichiarato dal proponente), abbiamo circa 42 mezzi in arrivo i quali devono anche tornare indietro. Pertanto si hanno 84 passaggi giornalieri in una sezione stradale prossima all'impianto. Nei periodi di punta (agosto) si hanno 222 passaggi giornalieri (A/R).
  • 64. Ma quanto materiale serve alla Centrale e come si trasporta?
    • Ipotizzando 2 direttrici di traffico principale, come indicato dal proponente, proveniente da Ferrara e Bologna e considerando una apertura media giornaliera di 10 ore in accettazione del materiale (orario pesa) si ha un passaggio di un mezzo pesante ogni 14 minuti per le 2 direttrici di traffico. Nei periodi di punta, invece, si ha un passaggio di un mezzo pesante ogni 6 minuti circa per ogni direttrice di traffico.
  • 65. Cosa emerge da tutto questo? Powercrop ad oggi non ha dato evidenza preventiva e dettagliata della disponibilità della biomassa necessaria per alimentare la centrale (sia che essa provenga da filiera corta o dal contratto quadro con Coldiretti e CAI). Tale aspetto è contrario all'art. 3.1) del documento di Accordo di Riconversione Produttiva che è alla base del Progetto che prevede tale disponibilità PRIMA DELLA AUTORIZZAZIONE REGIONALE
  • 66. Cosa emerge da tutto questo? Inoltre, il materiale da termovalorizzare doveva essere acquisito entro 70 Km. dalla centrale (art. 2.2 del documento di Accordo di Riconversione Produttiva che è alla base del Progetto) mentre ora, grazie alla serie di decreti emanati dal Ministero dell'Agricoltura nel 2010 e al contratto quadro con Coldiretti e CAI sono previste acquisizioni di materiale “entro 300 Km. dalla centrale” senza perdere i benefici economici riservati alla cosiddetta “filiera corta” dei 70 Km.
  • 67. Cosa emerge da tutto questo Rispetto a tale modificazione di un aspetto fondamentale dell'Accordo di Riconversione firmato in data 08/11/2007, sarebbe opportuno ed auspicabile per una maggiore chiarezza una verifica da parte della Regione della conformità della nuova strategia di alimentazione della centrale proposta da Powercrop con l'effettivo soccorso alla filiera della barbabietola e degli ex zuccherifici.
  • 68. Cosa emerge da tutto questo?
      • Complessivamente vi è un aumento di 50 T/anno delle emissioni totali di NOx rispetto al precedente impianto industriale (Lo Zuccherificio). Ciò non è conforme a quanto previsto nella dichiarazione congiunta fra Regione ER, Provincia di Ravenna, Comune di Russi ed Eridania del 10 gennaio 2007 punto c) in cui si prevede che le tecnologie realizzative dell'impianto garantiscano un miglioramento della situazione ambientale rispetto alle emissioni indotte dallo zuccherificio.
  • 69. Cosa emerge da tutto questo? Considerando il grado tecnologico con cui era stato costruito lo zuccherificio (tecnologia anni 50-60), e visto il peggioramento delle emissioni di NOx dichiarate da Powercrop (tab. 1.ei Relazione Powercrop del 21/10/09 non modificata dalle integrazioni di settembre 2010) , si deduce che NON SONO STATE ADOTTATE LE MIGLIORI TECNOLOGIE PER LIMITARE L'IMPATTO AMBIETALE DELLA CENTRALE. Ciò è contrario al punto 2.1.1) del documento di Accordo di Riconversione Produttiva che è alla base del Progetto e che prevede l'utilizzo delle migliori tecniche oggi disponibili.
  • 70. Conclusioni Dall'esame della documentazione tecnica fornita da Powercrop ad oggi disponibile, confrontata con quanto contenuto nell'Accordo di Riconversione Produttiva del 08/11/2007 posto alla base di tutto il progetto si deduce che il progetto NON risponde pienamente in almeno 3 punti fondamentali a quanto previsto dall'Accordo e cioè:
  • 71. Conclusioni 1) Powercrop non ha esplicitato ad oggi la disponibilità dimostrabile e nel dettaglio della biomassa necessaria all'alimentazione della centrale prima della autorizzazione nonostante l'accordo con CAI e Coldiretti . 2)La biomassa è prevista in arrivo da un raggio di 300 Km. da Russi che è lecita e conforme al decreto sulla tracciabilità (DM 103 pubblicato il 05/05/2010) per beneficiare degli incentivi economici di legge previsti. Il soccorso al bacino ex bieticolo di raggio 38 Km. da Russi sembra però passare in secondo piano (Accordo di riconversione del 08/11/2010) . 3)Dai dati emissivi dichiarati da Powercrop , l'impianto non risulta costruito con le migliori tecniche disponibili per limitare l'impatto ambientale delle emissioni gassosse.
  • 72. Conclusioni Inoltre, considerando il contesto normativo di riferimento per la costruzione e l'esercizio di impianti di produzione energia elettrica (Scaricabile dal sito della Prov. di Ra) rappresentato anche dal DM dello sviluppo economico 10 settembre 2010 “Linee guida per l'autorizzazione degli impianti alimentati da fonti rinnovabili” in cui nella parte IV paragrafo 16 “Criteri generali” commi e, f, g, h, si nota che:
  • 73. Conclusioni e)L'intervento proposto non è legato alla specificità dell'area in cui viene realizzato l'impianto; f)L'intervento non ha aspetti tecnologici volti ad una maggiore sostenibilità rispetto alle caratteristiche storiche, naturali e paesaggistiche del territorio; g)Scarso coinvolgimento dei cittadini nel processo di comunicazione; h)L'intervento non valorizza la risorsa termica prodotta dall'impianto
  • 74. Grazie per l'attenzione !!