Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Pasquino convegno vercelli 290911
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Pasquino convegno vercelli 290911

  • 49 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
49
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. CONTO ENERGIA, AMIANTO E RIQUALIFICAZIONE Stefano Pasquino Presidente V Commissione Politica Energetica e Ambiente del Comune di Vercelli
  • 2. Il "Conto Energia" è il decreto che stabilisce un incentivo per 20 anni per privati, imprese ed enti pubblici che installano un impianto solare fotovoltaico (cioè un impianto che genera elettricità dall'energia solare) connesso alla rete elettrica. L'incentivo è proporzionale all'energia elettrica prodotta. Il primo conto energia (2005-2007) Il secondo conto energia (2007-2010) Il terzo conto energia (2010-2011) Il quarto conto energia (2011-2016) Cos’è il “Conto Energia”
  • 3. Il D.M 5 maggio 2011 stabilisce le regole per l'accesso agli incentivi per l'installazione di impianti fotovoltaici nel periodo dal 1 giugno 2011 fino al 2016, data entro la quale si presume venga raggiunta la grid parity, ovvero il punto in cui l‘ energia elettrica prodotta con metodi alternativi (energie rinnovabili) ha lo stesso prezzo dell‘energia tradizionale (rete elettrica). L'ulteriore riduzione delle tariffe incentivanti rispetto al terzo conto energia è stata prevista sia per allinearsi alle direttive della Comunità europea, sia per adeguare gli incentivi al progredire della tecnologia e dei relativi risparmi per l'installazione di nuovi impianti fotovoltaici. L'obietto di potenza fotovoltaica totale installata a livello nazionale entro il 2016 è di 23 GW, per un costo stimato di 6-7 miliardi di euro. Vengono introdotte alcune novità, di cui le più significative sono:
  • 4. Distinzione tra piccoli e grandi impianti. I piccoli impianti sono quelli realizzati su edificio di potenza non superiore ad 1 MW, oppure altri impianti fotovoltaici di potenza non superiore a 200 kW e in regime di scambio sul posto, nonché impianti fotovoltaici di qualsiasi potenza realizzati su edifici e aree delle amministrazioni pubbliche. Vengono distinti anche gli impianti fotovoltaici integrati con caratteristiche innovative e gli impianti a concentrazione. Tutti gli altri impianti rientrano tra quelli "grandi".
  • 5. OBIETTIVI E LIMITI DI COSTO Gli impianti fotovoltaici sono ammessi al regime di sostegno nei limiti di costo individuati dal Decreto: • Per il biennio 2011-2012 i limiti di costo hanno effetto solamente sui “grandi impianti” (ovvero impianti su edificio con P>1 MW e altri impianti con P>200 kW. Impianti di proprietà delle P.A. sono “piccoli” indipendentemente da potenza) • A partire dal 2013 tutti gli impianti fotovoltaici, indipendentemente dalla potenza, saranno soggetti alle limitazioni di costo • In ogni caso, il superamento dei costi indicativi non limiterà l’accesso agli incentivi, ma determinerà una riduzione aggiuntiva per il periodo successivo Immagine: ATLASOLE – G.S.E.
  • 6. TIPOLOGIE DI IMPIANTO E CLASSI DI POTENZA • Sei classi di potenza per impianti tradizionali: 1 kW ≤ P ≤ 3 kW 3 kW < P ≤ 20 kW 20 kW < P ≤ 200 kW 200 kW < P ≤ 1.000 kW 1.000 kW < P ≤ 5.000 kW P > 5.000 kW • Per i moduli tradizionali due sole tipologie di installazione: “su edifici” e “altri impianti” • Impianti integrati con caratteristiche innovative • Impianti a concentrazione e impianti con innovazione tecnologica
  • 7. IMPIANTI SUGLI EDIFICI Tetti Piani Qualora sia presente una balaustra perimetrale, la quota massima, riferita all'asse mediano dei moduli fotovoltaici, deve risultare non superiore all'altezza minima della stessa balaustra. Qualora non sia presente una balaustra perimetrale, l’altezza massima dei moduli rispetto al piano non deve superare 30 cm.
  • 8. IMPIANTI SUGLI EDIFICI Tetti a Falda I moduli devono essere installati in modo complanare alla superficie del tetto con o senza sostituzione della medesima superficie.
  • 9. IMPIANTI SUGLI EDIFICI Altri Tetti I moduli devono essere installati in modo complanare al piano tangente o ai piani tangenti del tetto, con una tolleranza di più o meno 10 gradi.
  • 10. IMPIANTI SUGLI EDIFICI Frangisole I moduli sono collegati alla facciata al fine di produrre ombreggiamento e schermatura di superfici trasparenti. La lunghezza totale non può superare il doppio della lunghezza totale delle aperture trasparenti.
  • 11. ALTRI IMPIANTI Impianti ubicati al suolo Impianti fotovoltaici i cui moduli hanno una distanza minima da terra inferiore a 2 m. Tutti gli impianti ad inseguimento sono da considerarsi impianti a terra.
  • 12. ALTRI IMPIANTI Impianti a terra in aree agricole Gli impianti fotovoltaici con moduli collocati a terra nelle aree agricole hanno diritto ad accedere agli incentivi statali a condizione che: • la potenza nominale di ciascun impianto non sia superiore a 1 MW e, nel caso di terreni appartenenti al medesimo proprietario, gli impianti siano collocati ad una distanza non inferiore ai 2 km; • non sia destinato all’installazione degli impianti più del 10% della superficie del terreno agricolo nella disponibilità del proponente. Le precedenti limitazioni non si applicano nel caso di terreni abbandonati da almeno 5 anni. N.B. Ai fini dell’applicazione del Decreto, le cave, le discariche esaurite, le aree di pertinenza di discariche o di siti contaminati non sono da considerarsi aree agricole
  • 13. ALTRI IMPIANTI Soluzioni intermedie Pergole, serre, barriere acustiche, tettoie e pensiline ottengono una tariffa pari alla media aritmetica fra la tariffa per “impianti fotovoltaici realizzati su edifici” e la tariffa per “altri impianti fotovoltaici”.
  • 14. TARIFFE PER L’ANNO 2011 Potenza Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti [kW] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] 1≤P≤3 0,391 0,347 0,387 0,344 0,379 0,337 0,368 0,327 3<P≤20 0,360 0,322 0,356 0,319 0,349 0,312 0,339 0,303 20<P≤200 0,341 0,309 0,338 0,306 0,331 0,300 0,321 0,291 200<P≤1.000 0,335 0,303 0,325 0,291 0,315 0,276 0,303 0,263 1.000<P≤5.000 0,327 0,289 0,314 0,277 0,298 0,264 0,280 0,250 P>5.000 0,311 0,275 0,299 0,264 0,284 0,251 0,269 0,238 Potenza Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti [kW] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] 1≤P≤3 0,361 0,316 0,345 0,302 0,320 0,281 0,298 0,261 3<P≤20 0,325 0,289 0,310 0,276 0,288 0,256 0,268 0,238 20<P≤200 0,307 0,271 0,293 0,258 0,272 0,240 0,253 0,224 200<P≤1.000 0,298 0,245 0,285 0,233 0,265 0,210 0,246 0,189 1.000<P≤5.000 0,278 0,243 0,256 0,223 0,233 0,201 0,212 0,181 P>5.000 0,264 0,231 0,243 0,212 0,221 0,191 0,199 0,172 SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MAGGIO GIUGNO LUGLIO AGOSTO - 6% - 26%
  • 15. TARIFFE PER L’ANNO 2012 Potenza Sugli edifici Altri impianti Sugli edifici Altri impianti [kW] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] 1≤P≤3 0,274 0,240 0,252 0,221 3<P≤20 0,247 0,219 0,227 0,202 20<P≤200 0,233 0,206 0,214 0,189 200<P≤1.000 0,224 0,172 0,202 0,155 1.000<P≤5.000 0,182 0,156 0,164 0,140 P>5.000 0,171 0,148 0,154 0,133 1°SEMESTRE 2°SEMESTRE - 8% Il prezzo della tariffa incentivante, fissato dall'entrata in esercizio dell'impianto fotovoltaico, verrà progressivamente ridotto, con cadenza mensile per il 2011 e semestrale per il 2012.
  • 16. TARIFFE PER L’ANNO 2013 Potenza Tariffa omnicomprensiva Tariffa autoconsumo Tariffa omnicomprensiva Tariffa autoconsumo [kW] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] [€/kWh] 1≤P≤3 0,375 0,230 0,346 0,201 3<P≤20 0,352 0,207 0,329 0,184 20<P≤200 0,299 0,195 0,276 0,172 200<P≤1.000 0,281 0,183 0,239 0,141 1.000<P≤5.000 0,227 0,149 0,205 0,127 P>5.000 0,218 0,140 0,199 0,121 Impianti sugli edifici Altri impianti 1°SEMESTRE 2013 Gli impianti che entreranno in funzione a partire dal 2013, avranno accesso a 2 diverse tariffe in sostituzione dello scambio sul posto: Tariffa autoconsumo, per l'energia prodotta e autoconsumata. Tariffa omnicomprensiva, per l'energia prodotta e immessa in rete. Questa seconda tariffa è maggiore rispetto a quella per l'autoconsumo, poiché tiene in considerazione una sorta di vendita dell'energia al GSE. Nella pratica, non ci sarà più distinzione tra la quantità di energia scambiata con la rete e quella immessa in eccesso, ma verrà riconosciuta una tariffa "omnicomprensiva".
  • 17. Una importante novità riguarda l'incremento della componente incentivante in quattro condizioni ben definite: • premio di 5 centesimi di euro per kWh nel caso in cui gli impianti fotovoltaici vadano a sostituire coperture in eternit • premio del 5% per gli impianti fotovoltaici ubicati in zone classificate alla data di entrata in vigore del decreto come industriali, miniere, cave o discariche esaurite, area di pertinenza di discariche o di siti contaminati • premio del 5% per i piccoli impianti, realizzati da comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti • premio del 10% per gli impianti il cui costo di investimento per quanto riguarda i componenti diversi dal lavoro, sia per non meno del 60% riconducibile ad una produzione realizzata all’interno della Unione Europea
  • 18. Amianto e Conto Energia
  • 19. AMIANTO: DOVE E’ STATO UTILIZZATO L'uso più massiccio dell'amianto è avvenuto in edilizia, soprattutto nel periodo 1965-1983 come cemento-amianto (eternit). Dal 1994 non vengono più prodotti e commercializzati materiali con amianto.
  • 20. MATERIALI FRIABILI: materiali che possono essere facilmente sbriciolati o ridotti in polvere con semplice azione manuale; MATERIALI COMPATTI: materiali duri (es. cemento- amianto) che possono essere sbriciolati o ridotti in polvere solo con l’impiego di attrezzi meccanici. TIPOLOGIE DI AMIANTO Esempio di materiale friabile: soffitto intonacato con amianto applicato a spruzzo Esempio di materiale compatto: lastre in cemento-amianto
  • 21. Formulario rifiuto amianto Formulario rifiuto amianto
  • 22. Amianto a Vercelli Sono poco meno di seicentomila i metri quadrati di eternit, fra tetti, coperture e quant’altro, presenti a Vercelli. Il dato emerge dal censimento, voluto dall’assessorato all’Ambiente, che si concluderà nei prossimi giorni e che andrà a integrare quello regionale, redatto nel 2009, secondo il quale in Piemonte sono presenti oltre 40 milioni di metri quadri della lega di amianto e cemento, le cui polveri sono particolarmente pericolose per la salute umana e sono strettamente correlate all’insorgenza del mesotelioma pleurico, una forma di tumore particolarmente aggressiva e difficilmente curabile.
  • 23. Campo CONI Vercelli – Comune di Vercelli IMPIANTO 20 kWp attivato a dicembre 2010
  • 24. www.piemontefotovoltaico.it
  • 25. "AMIANTO+FOTOVOLTAICO“ http://www.comune.casale-monferrato.al.it www.apevv.it
  • 26. anni12anni di ricavo successivi al recupero investimento FV anni8tempo ritorno investimento FV €/a€ 150,00costi gestione FV (€ costanti) €/a€ 1.396,68ricavi complessivi fotovoltaico (€ costanti) €/a€ 402,50ricavi annui vendita energia (€ costanti) €/a€ 994,18ricavi annui conto energia (€ costanti) €/kWh0,247contributo unitario conto energia (entro 1 semestre 2012 ) kWh/a4.025,00produzione annua kWh/m21.472produttività unitaria €€ 10.500,00costo realizzazione impianto FV €/kWp3.000,00costo unitario realizzazione impianto FV kWp3,5potenza di picco max installabile 25°inclinazione tetto m2-superficie sud (100%) € -contributo rimozione amianto max 50% €/m2€ -contributo unitario rimozione amianto € -costo rimozione, smaltimento e rifacimento copertura €/m240 costo unitario rimozione, smaltimento e rifacimento copertura m228,00superficie utilizzata Impianto a VERCELLI 3,5 kWp tetto a SUD inclinato di 25° SENZA Rimozione amianto
  • 27. anni10anni di ricavo successivi al recupero investimento FV anni10tempo ritorno investimento FV €/a€ 150,00costi gestione FV (€ costanti) €/a€ 1.597,93ricavi complessivi fotovoltaico (€ costanti) €/a€ 402,50ricavi annui vendita energia (€ costanti) €/a€ 1.195,43ricavi annui conto energia (€ costanti) €/kWh0,297 contributo unitario conto energia (entro 1 sem 2012 + 0,05€ amianto) kWh/a4.025,00produzione annua kWh/m21.472produttività unitaria €€ 10.500,00costo realizzazione impianto FV €/kWp3.000,00costo unitario realizzazione impianto FV kWp3,5potenza di picco max installabile 25°inclinazione tetto m2100,00superficie sud (100%) €/m2 contributo unitario rimozione amianto € 4.000,00costo rimozione, smaltimento e rifacimento copertura €/m240costo unitario rimozione, smaltimento e rifacimento copertura m228,00superficie utilizzata m2100,00superficie complessiva tetto Impianto a VERCELLI 3,5 kWp tetto a SUD inclinato di 25° CON rimozione amianto
  • 28. GRAZIE pasquinostefano@virgilio.it