FAQ Abolizione finanziamento pubblico ai partiti
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

FAQ Abolizione finanziamento pubblico ai partiti

on

  • 3,014 views

 

Statistics

Views

Total Views
3,014
Views on SlideShare
924
Embed Views
2,090

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

12 Embeds 2,090

http://www.partitodemocratico.it 1862
http://pdvedano.blogspot.it 167
http://www.mariachiaragadda.it 36
https://twitter.com 11
http://www.pdsantambrogio.it 4
http://pdvedano.blogspot.com 2
https://www.facebook.com 2
http://pdvedano.blogspot.ch 2
http://storye.partitodemocratico.it 1
http://www.pdsavona.it 1
http://www.partitodemocraticosavona.it 1
http://pdvedano.blogspot.co.uk 1
More...

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

FAQ Abolizione finanziamento pubblico ai partiti Presentation Transcript

  • 1. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti
  • 2. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 1 Il decreto abolisce davvero il finanziamento pubblico ai partiti? Sì. Il decreto prevede la totale abolizione del finanziamento pubblico diretto e dei rimborsi elettorali.
  • 3. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 2 In quanto tempo? I contributi pubblici ai partiti politici vengono ridotti in modo graduale e progressivo fino alla totale abolizione. I rimborsi saranno tagliati del 25% nel 2014, del 50% nel 2015, del 75% nel 2016, e azzerati completamente nel 2017.
  • 4. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 3 Quali sono gli altri temi toccati dal decreto? Il decreto detta le regole per i contributi volontari e indiretti e per la trasparenza e la democrazia interna ai partiti.
  • 5. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 4 In che modo si finanzierà la politica? Attraverso contributi privati comunque non superiori a 100mila euro l’anno e il 2 per mille della denuncia dei redditi. In mancanza di una indicazione il 2 per mille rimarrà nelle casse dello Stato.
  • 6. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti Contributi privati Due per mille Non potranno essere maggiori di 100 mila euro all'anno. Non potranno essere effettuati in contanti e dovranno essere tracciabili e identificabili. I partiti dovranno trasmettere alla Presidenza della Camera un elenco dei contributi, corredato di documentazione contabile, entro 3 mesi dalla percezione, pena un multa da 2 a 6 volte l'ammontare non dichiarato. I partiti avranno l'obbligo di allegare ai propri bilanci anche quelli delle sedi regionali e delle fondazioni e associazioni controllate. È stabilita una detrazione di imposta del 26% - come quella prevista per le Onlus - sulle erogazioni liberali di persone fisiche e giuridiche comprese tra i 30 e i 30mila euro. A partire dal 2014 il contribuente potrà destinare il 2 per mille della propria Irpef in favore di un unico partito, tra quelli inseriti nell'apposita sezione del registro nazionale.
  • 7. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 5 Cosa si intende per democrazia interna? I partiti politici vengono definiti come "libere associazioni" attraverso le quali i cittadini concorrono con "metodi democratici" a determinare la politica nazionale, come stabilito dall’art. 49 della Costituzione. Per usufruire dei benefici previsti dalla legge, i partiti devono dotarsi di uno statuto che rispetti i principi della Costituzione e dell'ordinamento dell'Unione europea.
  • 8. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 6 Cos'è il registro nazionale dei partiti politici? Viene istituito il registro nazionale dei partiti, che consente l'accesso ai contributi volontari in regime di sgravio fiscale e al 2 per mille dell'Irpef.
  • 9. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 7 Donne: promozione della parità di accesso alle cariche elettive In attuazione dell’articolo 51 della Costituzione, le donne dovranno costituire almeno il 40 per cento dei candidati nelle liste per le cariche elettive: i partiti che non garantiranno tale norma verranno sanzionati con multe.
  • 10. sul decreto finanziamento pubblico ai partiti 8 Più trasparenza I tesorieri dei partiti, anche se non parlamentari, saranno tenuti alle stesse disposizioni di pubblicità sulle informazioni patrimoniali e reddituali degli eletti in Parlamento. Tutti gli eletti negli organismi rappresentativi nazionali e territoriali dovranno rendere pubblico ogni contributo ricevuto da persone fisiche e giuridiche superiore ai 5 mila euro, oltre al proprio stato patrimoniale ed economico.