Partecipazione anno II numero 4

  • 133 views
Uploaded on

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
133
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Partecipazione Microsoft partecipazioneonline@gmail.com Anno II Numero 4Promosso dalle Compagne e dai Compagni del circolo SEL CasadellaSinistra XIII Municipio “Partecipazione”: L’autobiografia del nostro territorio, scritta dai nostri cuori anche su Filippo Lange, Presidente di Affabulazione : “Salvare il Teatro del Lido”di Assunta GiaccaAffabulazione è senza dubbio una delle più importanti realtà culturali presenti ad Ostia e nel XIII Municipio. Filippo Lange ne èil coordinatore ed è da sempre impegnato nelle iniziative culturali del territorio,nella difesa del teatro del Lido e nel recupero dialcuni locali della struttura dell’Ex Vittorio Emanuele per la realizzazione del progetto della Casa della Cultura. A lui rivol-giamo alcune domande….Continua a pag. 2 In Questo Numero: “La Casa della Sinistra” Raddoppia di Maurizio Carrozzi (Coordinatore “Casa della Sinistra” Municipio XIII) Intervista a Filippo Lange È con grande piacere che annunciamo l’apertura della nostra seconda sede. Dopo di Assunta Giacca aver inaugurato il locale di Via Pucci Boncabi n 59 ad Ostia Lido, Venerdì 18 ab- biamo aperto la nuova sede ad Ostia Antica. Oltre un anno fa avevamo deciso di Gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari in Italia chiudere la piccola casa che avevamo in Via delle Saline, per trasferirci in un locale di Vita solaro più grande, delle difficoltà sopraggiunte, non dipendenti dalla nostra volontà hanno pero impedito che questo nostro progetto potesse realizzarsi. Siamo rimasti oltre un anno sen- Cose strane di questo mondo za sede, ma non abbiamo mai rinunciato al nostro progetto, ed ora finalmente siamo riusciti a di Anna Grazia Barsanti realizzarlo la nostra nuova sede è realtà. Una sede più grande e più centrale della precedente, Anche noi, siamo più grandi e più centrali di un anno fa e lo siamo grazie al nostro lavoro e Piazza Cultura nostro impegno. Lavoro ed impegno di Compagne e Compagni che come Alberto Corsi non di Assunta Giacca hanno mai smesso di lavorare per ricostruire la sinistra. La sede la abbiamo intitolata proprio ad Alberto Corsi, perché questa sede è stata un suo sogno, ed averlo realizzato è anche una sua Arsenico nel Cimino vittoria. Perché SEL è un sogno che insieme a lui abbiamo perseguito,e che nel suo ricordo di Edgardo Signoretti vogliamo continuare a perseguire. dopo aver letto questa pubblicità, vieni al ns. punto vendita e potrai fruire dello sconto
  • 2. 2 Partecipazione Partecipazione(Continua da pag. 1) pensato bene di disperdere milioni di euro e di sotterrare lette- ralmente nei seminterrati, umidi e inadeguati, le funzioni perAd Oggi qual è la situazione del Teatro del Lido, ci sono l’infanzia e l’adolescenza, che meritano invece di essere collo-possibilità che i cittadini di Ostia possano usufruire di que- cate in spazi più adatti, nel primo o secondo piano dell’ultimosto importante spazio pubblico? E quali sono oggi le propo- pettine della ex colonia, a fianco della mensa Caritas per inten-ste per rilanciarne l’attività? derci. L’atteggiamento dimostrato verso le potenzialità e le funzioni istituzionali della ex colonia dimostrano tutta l’inadeguatezza di questa giunta, che ha una visione gretta e arretrata nei con- fronti della cultura. Non capisce, o non vuole capire, la funzio- ne strategica della cultura non solo verso la coesione del terri- torio ma anche verso la promozione turistica e civile, due ele- menti di crescita economica e sociale. Mi auguro la prossima amministrazione possa rilanciare la colonia che per la sua natu- ra polivalente rappresenta il polo di aggregazione più importan- te della città. Pensi ci siano potenzialità culturali non ancora espresse che debbano essere ricercate e stimolate ed in che modo? Penso che la città abbia bisogno di una programmazione cultu- rale sensata e non di spot elettorali come è avvenuto per l’ex depo’ in corso duca di Genova. Che senso ha aprire un museo di cintura con una mostra di mosaici romani quando gli scavi archeologici sono a 2 km da noi. Una brutta operazione, confu- sa, priva di un ragionamento. Eppure Il territorio è ricco di sto- rie da raccontare per valorizzare il paesaggio culturale: penso a Pasolini oppure alla vicenda epica della bonifica da parte dei romagnoli. Occorre inoltre uscire da una concezione provincia- le dell’Estate ostiense o romana e passare invece a programma- re il contemporaneo, elemento che attira l’attenzione di un pubblico più attento, che guarda alla qualità della proposta e non si accontenta delle pizze in tour.Il Teatro deve essere ristrutturato per rispondere agli stan-dard sulla sicurezza dei locali pubblici. La società ZetemaProgetto Cultura è incaricata di coordinare i lavori che sonostati già assegnati ad una ditta. Per avviare i lavori è necessa-rio che il Comune e il Municipio rispettino gli accordi presicon il comitato cittadino, che nello specifico sono: 1) forma-lizzare l’associazione di associazioni deputata alla program-mazione del teatro del Lido 2) riassumere gli ex lavoratore3) confermare il modello di management del teatro pubblicoe partecipato previo un contratto di servizio che affida a Ze-tema la responsabilità amministrativa dello stabile eall’associazione di associazione la funzione della program-mazione artistica e culturale. Ci auguriamo che gli enti pub-blici rispettino tutti gli impegni assunti e che lo faccianosenza perdere altro tempo prezioso. La durata del cantieresarà di circa 4 mesi per cui prevedo che il teatro riapra vero-similmente nel mese di settembre del 2013. Ci sono progetti e proposte di recupero di spazi e luoghi per laLo stato di abbandono della ex Colonia Vittorio Emanuele produzione culturale nell’ entroterra?fa il paio con il disinteresse mostrato verso il Teatro delLido, quali sono le proposte per far vivere questo importante Sarebbe utile mettere maggiormente in rete gli spazi teatralispazio e come si pensa poterlo rendere fruibile a tutti i citta- esistenti, anche quelli meno visibili e connetterli alle scuole perdini? favorire una formazione più costante. Noi abitiamo un territorio dispersivo che ha due grandi centralità (Ostia e Acilia) e poiLa giunta Vizzani/Alemanno non ha solo mostrato disinte- centri più piccoli disseminati in un territorio vastissimo. Esisteresse verso le funzioni socioculturali della ex colonia, ha un tessuto associativo molto denso e ricco di idee. Faremmo unfatto molto peggio aggredendo le progettualità esistenti: se buon servizio a creare un terreno di progettazione partecipata,da una parte ha chiuso il Teatro del Lido disperdendo scia- non solo nell’ambito delle iniziative culturali ma anche in quel-guratamente opportunità esistenti e già finanziate dall’altra lo delle scelte urbanistiche. Penso al Bilancio Partecipato comeha affossato il progetto denominato Casa della cultura, un leva per riannodare i fili della partecipazione attiva: si tratta diimportante polo socio culturale formativo che avrebbe dovu- uno strumento già sperimentato ma che necessita di continuitàto vedere la luce già nel 2010. Invece la giunta Vizzani ha per raccogliere i frutti più maturi.
  • 3. 3 PartecipazioneGli Ospedali psichiatrici giudiziari: una pagina nera della storia d’Italiadi Vita Solaro “Davanti a noi uno malato una responsabilità, una capacità spettacolo imbarazzan- critica e di giudizio e un comportamento te. Le lenzuola sporche, adeguato alle circostanze rende la conce- Spazio Salute Mentale i muri scrostati zione della pericolosità sociale del mala- dall’umidità, la muffa, i to psichiatrico modificabile con le op- Ogni Lunedì dalle 17.00 alle 19.00 materassi accatastati, portune terapia e trattamenti di riabilita- zione. Mentre negli altri paesi europei il Presso il Circolo SEL gli uomini lasciati sen- za cure e costretti a responsabile di un reato con diagnosi di “Casa della Sinistra”Alberto Corsicondizioni disumane. Il primo uomo che vizio totale o parziale di mente, conside-ho visto era nudo, legato con delle gar- rato incapace di intendere e di volere, A cura di Enzo Casertaze, sdraiato su un letto. Era in queste viene preso in carico dal sistema sanita-condizioni da cinque giorni”. cosi si rio per la riabilitazione e la risocializza-espresse il senatore Ignazio Marino, zione, in Italia il reo rimaneva in caricopresidente della commissione al sistema giudiziario. Gli Opg sonod’inchiesta del Senato sull’efficacia ed strutture custodialistiche, strutture cioèefficienza del Servizio sanitario nazio- nate per proteggere la società dalle per-nale quando entrò nel manicomio crimi- sone pericolose. La presa in carico dinale di Barcellona Pozzo di Gotto (Me). queste persone finora internate da parteUn vecchio detto italiano recita: meglio del sistema sanitario è una vera e propriatardi che mai. Il proverbio calza a pen- rivoluzione culturale: si tratta di personenello a proposito del d.l. 22/12/2011, n. che hanno bisogno di cure e la pericolo-211, convertito in legge il 17/2/2012, n. sità sociale ha semore un ruolo impor-9, che dispone allart. 3-ter la chiusura tante ma secondario. Infatti solo pocodegli Ospedali Psichiatrici Giudiziari più della metà dei pazienti rinchiusi nei(Opg) per la data del 31 marzo 2013. La manicomi criminali, sono internati per-prima legge in Italia a disporre il ricove- ché ritenuti socialmente pericolosi. Tuttiro coattivo allinterno dei manicomi è gli altri non sono stati liberati perchéstata la legge 14 febbraio 1904, n. 26. non avevano un progetto terapeutico,Successivamente, con la riforma una famiglia che li accogliesse o una Asldellordinamento penitenziario del ‘75 e che li potesse assistere. E’ come se fos-con il relativo regolamento di attuazione sero rifiutati dai “loro” territori perchédi cui al D.P.R. 29/4/1976, n. 431, gli mancano le risorse. La domanda sorgeospedali psichiatrici giudiziari entrarono spontanea: dove andranno a finire? Ila far parte del sistema penale italiano. futuro governo come pensa di far fronteAl 30 giugno 2010 tali strutture conte- alle difficoltà di queste persone e dellenevano un totale di 1.547 detenuti che loro famiglie? La soluzione dovrebbesono prevalentemente persone colpevo- essere costruire strutture sanitarie inli di reati di lieve entità, per lo più in ogni Regione, composte da team di psi-ambito familiare e in genere in crisi cologi, psichiatri e personale medicod’astinenza da stupefacenti. Quali sono pronto ad affrontare le esigenze dei ma-state le motivazione culturali che hanno lati autori di reato. Costruire, cioè, unportato alla costituzione degli Opg? La welfare e un sistema sanitario degno dinormativa sugli Opg risale al codice un paese veramente europeo. Nel ringra-Rocco del 1930 e risente della concezio- ziare la Commissione del Senato presie-ne che si aveva a quei tempi della ma- duta dal senatore Ignazio Marino che silattia mentale. Il folle era considerato è occupata egregiamente della condizio-incurabile, pericoloso e irresponsabile e ne dei cosiddetti Opg, ho creduto dove-quindi da isolare dalla società. La dia- roso, come cittadina italiana che si occu-gnosi di infermità mentale apriva le pa di problemi relativi alla salute menta-porte del manicomio o quelle del mani- le, condividere con tutti i lettori una se-comio criminale se l’azione folle era rie di riflessioni su questa pagina oscurainquadrabile come reato le porte. Oggi della nostra storia perché la memoria euna maggiore conoscenza delle patolo- la conoscenza rappresenta una condizio-gie psichiatriche e una buona efficacia ne indispensabile per elaborare gli orro-degli psicofarmaci, in grado di dare al ri di una società.Inviate articoli e foto a: partecipazioneonline@gmail.com siamo anche su
  • 4. 4 Partecipazione PartecipazioneEugenio Bellomo: “700 Euro bloccano il ritorno dell’Odontoiatria ad Ostia”di Eugenio Bellomo ( Circolo SEL Casa della Sinistra Municipio XIII ) Come al solito sono Qualcuno dirà ma i 700 euro che cen- gli intralci burocratici trano, proseguiamo il raccontino. a far aumentare i Al SantAgostino si è trasferito il Cen- disagi di chi vuol tro Vaccinazioni, che ha lasciato liberi i fruire della sanità locali di Via Vasco De gama, questo pubblica. avrebbe potuto dare il via ad una serieCon ordine,dopo lunghe indecisioni la di trasferimenti, che ha costo zero a-ASL RM/D ha trasferito le attività svol- vrebbero riportato il"dentista" ad Ostia.te nel Poliambulatorio di Via Paolini al Ma ripuliti i locali di via Vasco DeSantAgostino, con plauso di tutte le Gama ci si è accorti che mancano 700forze Politiche e Sindacali del Munici- euro per fare il trasloco di poche sup-pio. pellettili da via Cagni e questo impedi-Si ridava una struttura sanitaria alla città sce il ritorno dellodontoiatria, i bambi-e si potevano utilizzare le risorse messe ni a cui vengoo applicate le protesia disposizione dalla Protezione Civile continueranno a recarsi a Commer city,per la ristrutturazione e la messa a nor- continueranno a saltare le lezioni adma del Poliambulatorio di Via Paolini. intasare la via Portuense, a farsi 30Questo avrebbe comportato dei disagi Kilometri.soprattutto per i pazienti Odontoiatrici, Il mio augurio è che il Direttore Gene-che non trovando locali sufficienti al rale, a cui non sono da attribuire le vi-SantAgostino, si vedevano costretti a cende, dia disposizioni, trovi nel bilan-recarsi a Commercity, per qualunque cio milionario della ASL Rm/D 700problema dentario, ma tutti pensavamo euro e permetta ai bambini di Ostia dia tempi stringenti, poichè i fondi a di- tezione Civile, finanziamento che non avvalersi di un servizio che è stato datosposizione dovevano essere utilizzati prevedeva il completamento dei lavori loro per molti anni, con soddisfazioneentro e non oltre il 15 Novembre. di ristrutturazione ma soltanto la messa dei fruitoriProprio dal 15 Novembre i lavori sono a norma. Morale della favola il Poliam-fermi. Degli operai non cè più traccia, bulatorio di Via Paolini riaprirà quandosemplicemente perchè hanno ultimato i si troveranno i fondi per ultimarne ilavori legati al finanziamento della Pro- lavori e con i tempi che corrono....Cose Strane di Questo Mondo tale per chiedere l’asfaltatura, ricordando la grande pericolosi- tà. A gennaio a via di Castel Fusano appaiono i seguenti car-di Anna Grazia Barsanti telli : strada dissestata e divieto alle biciclette Pur di non asfaltarla si preoccupano di aumentare i divieti. IUna volta si sarebbe detto cose dell’altro mondo, cioè cose da ciclisti potranno rischiare la vita sulla strettissima Via Ostien-non credersi, cose che fanno rabbrividire. Invece oggi cose se, unico collegamento rimasto per andare ad Ostia. Chissà secosì strane accadono e come. Via di Castel Fusano è una stra- stanno pensando di vietarla anche alle autoambulanze, vistoda frequentatissima, da auto- che non possono garantire l’incolumità degli ammalati, visti ivetture, moto , biciclette ed sobbalzi per i dossi e le buche, e che se l’autista vuole salvareautoambulanze. Via di Castel il paziente forse non può andare solo a 30 Km !!! Cose delFusano è da anni una strada mondo attuale, cose che pos-pericolosa, perché dissestata, sono pensare solo coloro cheinfatti c’è il limite di 30 KM non sono capaci di imporreall’ora, da nessuno rispettato. l’impegno di spesa per unL’anno scorso Sinistra Ecolo- asfaltatura indispensabile edgia e Libertà , dopo una for- urgente!!!! Sperando che lemale richiesta, alla quale non era stata data risposta, fece una istituzioni si ravvedono imanifestazione per denunciare il grave degrado della stada. cittadini ringraziano!!!!Dopo circa un mese arrivò una lettera nella quale si dichiaravache al più presto il municipio avrebbe messo in programmal’intervento richiesto. Nel mese di novembre grande dichiara-zione degli amministratori municipali che si sarebbe provve-duto all’asfaltatura. A dicembre viene asfaltato solo un picco- Inviate le foto relative al dissesto stradale a :lo tratto, tra l’altro il meno pericoloso. A Natale Sinistra Eco- partecipazioneonline@gmail.comlogia e Libertà scrive ironicamente una letterina a Babbo Na-
  • 5. 5 Partecipazione PartecipazioneArsenico Nell’Acqua Potabile del Laziodi Edgardo Signoretti Nel Lazio la pre- scambio ionico. Per adeguare la rete idri- lo. In passato l’arseniato di piombo è senza dell’arsenico ca ai parametri consentiti basterebbe in- stato largamente usato come pesticida nell’acqua è nota serire i dearsenificatori (dal costo di po- sugli alberi da frutto e l’arsenocromato di da tempo (IRSA- che decina di migliaia di euro ) all’inizio rame come trattamento del legno contro CNR). La Regione degli acquedotti. Sebbene i sindaci siano gli attacchi degli insetti. L’arsenico è Lazio sin dal 2003 i principali responsabili del disastro, il ancora usato, nonostante la sua pericolo- ha fatto ricorso ruolo chiave lo ha svolto lex presidente sità, negli insetticidi, erbicidi, pesticidi,all’istituto della deroga, una conces- della Regione Lazio Renata Polverini che fuochi d’artificio e in molti farmaci;sione fatta per permettere la risoluzio- nel 2011 si è fatta nominare commissaria l’arseniuro di gallio (GaAs) è usato nelne di un problema e nel contempo per lemergenza arsenico nella regione. laser, nelle celle fotovoltaiche e nei LED.informare la popolazione (art. 13 L’As è anche usato in alcune leghe metal-comma 11 del D. Lgs. 31/2001: ” La liche, nella lavorazione del vetro, dellaRegione o Provincia autonoma che si carta e delle munizioni. Inoltre è un in-avvale delle deroghe di cui al presen- quinante del carbone, per cui centralite articolo provvede affinché la popo- elettriche a carbone sono fontilazione interessata sia tempestiva- d’inquinamento così come le fonderie edmente e adeguatamente informata i cementifici. Ma tutto ciò non basterebbedelle deroghe applicate e delle condi- a giustificare una così alta concentrazionezioni che le disciplinano. ….Le infor- del metallo nelle acque potabili del Lazio.mazioni e raccomandazioni fornite In realtà il Lazio è notoriamente una re-alla popolazione fanno parte inte- gione di origine vulcanica, per cui la pre-grante del provvedimento di dero- senza di arsenico nelle acque sotterraneega“). Nel Lazio la cittadinanza non è dei Distretti Vulcanici Lazialistata adeguatamente informata e mes- (particolarmente nel Cimino-Vicano) èsa in condizioni di potersi cautelare. essenzialmente dovuta a particolari con-Alla fine, scaduti i termini ultimi per dizioni idrogeologiche: Nel suo scorreremettersi in regola, l’Organizzazione attraverso la roccia vulcanica l’acquaMondiale Della Sanità dell’ONU ha Nel suo piano rientrava un’ulteriore dero- raccoglie minuscole quantità di arsenico,intimato la chiusura dei rubinetti. La ga e le situazioni dove i valori di As che si accumula così nella falda. Le mi-principale motivazione è che le popo- nuscole quantità di arsenico sono prodot-lazioni esposte ad acque potabili ric- te dalla dissoluzione di arsenoliteche in arsenico potrebbero avere nel (As2O3), anidride arsenica (As2O5) otempo gravi problemi di salute (tra cui Realgar (AsS).cancro della pelle, cancro polmonare,cancro al fegato e cancro linfatico).Così dal 1° gennaio 2013 sono fuorilegge i territori (oltre 128 comuni delLazio) dove la concentrazionedell’elemento As era superiore al li-mite previsto: 10 μg/l. di As, ossia 10microgrammi di arsenico per litro.Maglia nera per la concentrazionedell’arsenico nell’acqua sono alcunicomuni della Tuscia con punte massi-me a Viterbo fino a 40 μg/l ed a Ve-tralla (48 μg/l.), ma non sono immunida inquinamento nemmeno località superavano i 20 μg/l (milligrammi litro).dei Colli Albani, dei Sabatini e dei Nel corso degli anni si è voluto sottoline-Vulsini. Dieci anni non sono bastati are (anche attraverso la stampa locale)affinché la regione e i comuni interes- che le responsabilità erano da ricercarsisati si attrezzassero per la dearsenifi- in una dissennata gestione del territoriocazione delle acque potabili, nono- da parte dell’uomo. Ciò è vero solo instante siano attualmente disponibili parte poiché un piccola partemolte soluzioni tecnologiche, operati- dell’arsenico riscontrato nelle acque puòve in Italia con procedimenti e metodi essere oggettivamente attribuito a causefra loro diversi. Le più utilizzate sono: antropogeniche quali la produzione della precipitazione, i processi a mem- rame (lavorazione dell’arsenopirite Fe-brana, i processi di adsorbimento, la SAs) o del piombo e dello zinco, o perrimozione biologica, i processi a largo utilizzo del metallo a scopo agrico-
  • 6. 6 PartecipazionePiazza Cultura Febbraio 2013di Assunta Giacca Principali AppuntamentiNasce, da questo numero di“Partecipazione”, la rubrica PiazzaCultura. Grazie alla collaborazionedi ognuno di voi e con l’aiuto di tutte ESSENZA TEATROle realtà aggregative operanti nel Mu- ogni sabato e domenica propone i Domenica 17 ore 11 AperiConcetonicipio XIII, abbiamo costruito questa suoi spettacoli anche in streaming - lezione concerto"Larmonia dellarubrica che non vuole solamente in- musica" a seguire aperitivo a Lo suformare su quali siano le attività cul- sbarco di Enea http://www.essenzateatro.it/turali presenti nel nostro territorio, maha l’ambizione di essere un vero e CENTRO ANZIANI LO SCA- Venerdì 22 ore 21 Omaggio a D.proprio spazio culturale aperto e plu- RIOLANTE SHOSTAKOVICH e N.ROTA -rale, costruito insieme a voi, con le Domenica 10 Polentata in sede Concerto per pianoforte,tromba evostre idee e i vostri suggerimenti. orchestra darchi.Nelle prossime edizioni ci saranno Domenica 17 per le Passeggiateinterviste, approfondimenti culturali, romane - Visita alla Sinagoga di Essenza teatro presentera saba-recensioni cinematografiche e lettera- Roma to e domenica 2 e 3 Febbraio lorie, il programma delle principali atti- spettacolo Soliloquio Magico dallevità nel Municipio XIII. Questo spa- ASSOCIAZIONE MUSICALE A.CORELLI 16 alle 19zio è aperto a tutti, vi invitiamo a se-gnalarci iniziative, eventi, mostre, Venerdì 8 ore 21 Omaggio a Affabulazione sabato 2 Febbra-presentazioni di libri. Inviate i vostri Fabrizio de Andrè per vo- io serata Amnesty international econtributi, articoli e suggerimenti. In ce,chitarra e percussioni domenica 3 Dance dance...e a se-questo numero troverete l’intervista a guire Contest BreakdanceFilippo Lange, Presidente di Affabu-lazione. Vi Aspettiamo.Piazza Cultura consiglia... Scrivete a partecipazioneonline@gmail.com siamo anche su
  • 7. 7 Partecipazione