Italia in preghiera gennaio 2013

172 views
140 views

Published on

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
172
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Italia in preghiera gennaio 2013

  1. 1. braio 2008 “Esorto dunque, prima di ogni altra cosa, che si facciano suppliche, preghiere, intercessioni, ringraziamenti per tutti gli uomini...” (1 Tim. 2:1). IL TRAVAGLIO SPIRITUALE“Che Dio possa aprire i nostri occhi per vedere cosè veramente il ministerio santodellintercessione per il quale, come Suoi sacerdoti reali, siamo stati appartati. Passa darci uncuore grande e forte per credere quale influenza potente possono esercitare le nostre preghiere.Che ogni paura di non riuscire ad adempiere alla nostra vocazione possa sparire mentre vediamoGesù che vive in eterno per pregare, che vive dentro di noi per pregare, che è una certezzapermanente per la nostra vita di preghiera” (Andrew Murray “Con Cristo nella Scuola diPreghiera”) La preghiera di intercessione è lespressione di una relazione basata su un patto (Ebrei12:24; Daniele 9:4) ed esercitata con fede e pazienza. È un intervento, una supplica a favore diqualcun altro; è il tipo di preghiera che vince e rimuove qualsiasi ostacolo fino a quando arriva larisposta di Dio. Tutta lintercessione è una comunicazione reale e seria con Dio, non è maiqualcosa di casuale, nemmeno quando è deliziosamente semplice. Lintercessione è sacra, èimportante per Dio, è un atto del Regno e, a volte, è un lavoro spirituale faticoso ed un intensosforzo spirituale.Il travaglio spirituale nellintercessione ci permettere di vedere risultati soprannaturali. Unadomenica notte nellaprile del 1912, la moglie del Col. Gracie, anche se era veramente stancanon riusciva a prendere sonno perché si sentiva oppressa dalla paura. Poi ha sentito un fortepeso di preghiera e in un travaglio tremendo e pressante ha cominciato ad intercedere per ilmarito che in quel momento si trovava in mezzo allOceano Atlantico, diretto verso gli Stati Unitia bordo del Titanic. Con il trascorrere delle ore, non riusciva a sentire alcuna sicurezza ed hacontinuato a pregare in agonia fino alle cinque circa del mattino, quando una grande pace èscesa nel suo cuore e si è finalmente addormentata. Nel frattempo, suo marito era tra lecentinaia di persone che cercavano freneticamente di calare le scialuppe di salvataggio di quellagrande nave colpita da un iceberg e in procinto di affondare; aveva perso ogni speranza disalvarsi e stava di fare del suo meglio per aiutare le donne e i bambini. Poi, mentre la navepiombava nella sua tomba di acqua, si era sentito risucchiare verso il fondo dal gigantescovortice dacqua. Istintivamente aveva cominciato a nuotare sottacqua, per quanto gelida fosse,con il pianto nel cuore. Improvvisamente arrivò in superficie e si ritrovò proprio vicino ad unascialuppa capovolta; insieme a diverse altre persone vi salì sopra e fu poi raccolto da unaltrascialuppa verso le cinque del mattino, proprio quando la pace era scesa nel cuore di della moglieche stava pregando per lui.Il travaglio spirituale è un livello di intensità caratterizzato da un peso dello Spirito Santo diveder realizzata, attraverso la preghiera, una promessa data, una rivelazione profetica, o divedere la risposta ad un bisogno di una persona, chiesa, città o nazione. Samuel Chadwick, ungran commentatore del passato disse “C’è una mancanza notevole di travaglio nella preghiera.Ci sono tante belle frasi, ma poche suppliche. La preghiera è diventata una forma di poesiaanziché essere una passione. Non c’è bisogno di altre spiegazioni per la mancanza di potenzanella Chiesa; essere senza preghiera vuol dire essere senza passione e senza potenza.”. 1
  2. 2. Il risveglio nasce dal grembo dell’intercessione; Dio, cioè, fa nascere i Suoi scopi attraversol’intercessione del Suoi figli, attraverso il travaglio spirituale. Quando la Bibbia parla del travaglioin connessione con l’intercessione, iniziamo a comprendere cosa comporta.Le parole ebraiche usate per “travaglio” danno un significato pieno di colore a questo soggetto: 1. Yalad vuol dire: far nascere qualcosa, un tempo di parto o di intense doglie del parto 2. Telah vuol dire: essere in uno stato di sofferenza, angoscia e agitazioneIsaia 66:7-8 “Prima di provare le doglie di parto, ella ha partorito; prima che le venissero idolori, ha dato alla luce un maschio. Chi ha mai udito una cosa simile, chi ha mai visto cosecome queste? Nasce forse un paese in un sol giorno o una nazione viene forse alla luce in unistante? Ma Sion, appena ha sentito le doglie, ha partorito i suoi figli.”In questo passo troviamo il doppio uso della parla “travaglio” che comprende l’essere in intensedoglie di parto e far nascere qualcosa.Le parole greche tradotte nel Nuovo Testamento con “travaglio” sono: tikto, odino, e mochthos evogliono dire “generare, originare, dare alla luce, partorire, procreare, essere aiutati a partorire,produrre, provare i dolori del parto, faticare duramente, affaticarsi in qualcosa”. Queste parolepossono anche significare “un tempo di tristezza a causa del dolore”. Ancora una volta questaparola descrive il processo di “far nascere” nel regno spirituale quello che Dio ha desiderato darealla luce.Galati 4:19 “Figli miei, per i quali sono di nuovo in doglie, finché Cristo sia formato in voi”Romani 8:26 “Allo stesso modo ancora, lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perchénon sappiamo pregare come si conviene; ma lo Spirito intercede egli stesso per noi con sospiriineffabili”Insieme, il travaglio spirituale e l’intercessione producono i risultati desiderati dallo SpiritoSanto. Mentre portiamo il peso per un’anima, una città, o una nazione possono esserci momentidi travaglio spirituale. Il travaglio spirituale può essere un’attività dello Spirito Santo per unperiodo di tempo, mentre Egli visita gli intercessori per portarli sulle proprie ginocchia per lottaree intercedere per un bisogno specifico.Il travaglio spirituale NON è qualcosa che una persona può evocare da sé o può impararesemplicemente leggendo un libro al riguardo. Deve essere dato dallo Spirito Santo ed imparatonella scuola dello Spirito; può durare per alcuni minuti, oppure per ore, o può continuare perdiverse settimane o mesi. Le persone vengono prese dal travaglio spirituale che farà loro sentireun tale dolore e un peso tale per la situazione che grideranno al Signore e staranno sulla brecciain quel momento cruciale. Coloro che fanno dell’intercessione uno stile di vita, sono quelli chesperimentano questo tipo di preghiera.Ogni volta che Dio da ad una chiesa o ad una persona delle parole profetiche, questedichiarazioni profetiche sono solo una parte dell’opera di Dio e devono essere seguitedall’intercessione profetica che è quella che fa sì che ciò che Dio ha detto o promesso siaadempiuto.Mentre si intercede nel travaglio spirituale, non solo si rivendicano le promesse e le paroleprofetiche ricevute da Dio, ma a volte, si è mossi a pregare con sentimenti ed emozioni moltoprofonde, anche con lacrime. Quando riversiamo i nostri cuori davanti al Signore in un fortetravaglio spirituale, ci sono momenti di pianto e lacrime abbondanti.Ebrei 5:7 “Nei giorni della sua carne, con grandi grida e lacrime, egli [Gesù] offrì preghiere esupplicazioni a colui che lo poteva salvare dalla morte, e fu esaudito a motivo del suo timore diDio.”Supplica e intercessione, la preghiera che non prende un “no” come risposta, che prended’assalto i bastioni celesti e porta confusione e sconfitta a tutte le potenze dell’inferno, anchealla morte stessa. Questo è il vero travaglio spirituale.(Frank Damazio: Seasons of intercession)1. L’ItaliaPreghiamo: Chiediamo perdono a Dio per i peccati commessi nella nostra nazione: 1) Chiediamo perdono per i peccati di idolatria: - Riconosciamo e confessiamo il peccato di idolatria attraverso la nostra avidità, il materialismo, e il benessere. Confessiamo che non ci siamo presi cura dei poveri, ma 2
  3. 3. ammassato beni per noi stessi. Riconosciamo e confessiamo di aver riposto la nostra fiducia nella dea fortuna e nel gioco d’azzardo per provvedere a noi stessi anziché fidarci di Te. Confessiamo che molti di noi sono arroganti, soddisfatti di sé e vivono nel lusso e nei piaceri senza preoccuparsi minimante di coloro che sono nel bisogno. Riconosciamo e confessiamo di aver permesso che questo peccato mettesse radici anche nella chiesa attraverso il “vangelo della prosperità” e le motivazioni egoistiche nascoste con cui, spesso, abbiamo operato anche nella chiesa. Chiediamo perdono per aver ignorato i bisogni di coloro che ci stanno attorno e Ti preghiamo di darci un cuore per il povero e il bisognoso e la capacità di aiutarli. Preghiamo che la chiesa possa essere più coinvolta nel sociale considerandolo un modo pratico attraverso cui predicare la verità dell’evangelo mostrando in modo tangibile l’amore di Cristo e del Padre a chi ancora non lo cosce.- Riconosciamo e confessiamo di aver amato e di amare le nostre tradizioni culturali, famigliari e religiose e praticarle anche quando sono in contrasto con la cultura e le vie del Tuo Regno. Ti chiediamo di aiutarci a riconoscere ed abbandonare queste tradizioni, e che la Tua volontà e la cultura del Tuo Regno possano essere stabilite nella nostra vita.- Riconosciamo e confessiamo di aver adorato e di adorare la creatura invece del Creatore attraverso l’adorazione dei santi e dei morti, l’adorazione di Maria, attraverso l’adorazione delle celebrità del cinema, della musica, della televisione, dello sport. Preghiamo che Dio ci purifichi con il sangue di Cristo e resistiamo, nel nome di Gesù, all’assolto dell’idolatria nei media della nostra società. Confessiamo e ci pentiamo per l’adorazione degli dei delle religioni e pratiche orientali, del sole, della luna, delle stelle e dei pianeti. Chiediamo perdono per tutti i luoghi in cui sono state erette immagini di altri dei e persone che non glorificano il Tuo nome e per aver portato queste immagini anche nelle nostre case.2) Chiediamo perdono per le pratiche dell’occulto che sono sempre più diffuse in Italia:- Confessiamo e ci pentiamo per aver consultato medium, indovini e oroscopi riguardo al nostro futuro anziché ricercare Te. Confessiamo e chiediamo perdono per il peccati della divinazione, della magia, dell’interpretazione dei presagi (tarocchi, fondi del caffè, ecc.), della stregoneria, dei sortilegi. Preghiamo che lo Spirito Santo convinca di peccato coloro che sono coinvolti in queste pratiche; che siano cancellate, nel nome di Gesù, tutte le predizioni fatte sulle nostre vite, le vite dei nostri figli e delle generazioni a venire.- Confessiamo e chiediamo perdono dei molti rituali dell’occulto (es. camminare sul fuoco, evocare gli spiriti dei morti) fatti nel nostro paese- Preghiamo che Dio purifichi noi e la nostra nazione e ci liberi da tutti questi legami3) Riconosciamo e ci pentiamo per tutte le volte che abbiamo permesso allo spirito di religiosità, di controllo e manipolazione, allo spirito di divinazione di operare anche all’interno della chiesa bloccando l’opera dello Spirito Santo, influenzando la chiesa e le singole persone attraverso false profezie, false dottrine, autoritarismo e legalismo. Preghiamo che la chiesa possa essere completamente liberata dalle conseguenze di tutto questo e dall’influenza di qualsiasi spirito contrario allo Spirito Santo e che solo ed esclusivamente la Sua voce possa essere ricercata, ascoltata e seguita. Che ogni falsa rivelazione abbia ad essere esposta e completamente rimossa dal Corpo di Cristo.4) Chiediamo perdono per le società segrete presenti in Italia che hanno tenuto e tengono in schiavitù migliaia di persone.- Preghiamo che Dio esponga le opere delle tenebre e le persone siano liberate.- Confessiamo e ci pentiamo dell’adorazione di Satana nei rituali della Massoneria e delle cerimonie di iniziazione. Chiediamo a Dio di perdonarci e di liberarci dalla maledizione di morte causata dai giuramenti e dai voti fatti da molti dei nostri leader.- Chiediamo perdono per i rituali e le pratiche sataniche fatte nel nostro paese. Preghiamo che Dio esponga queste opere delle tenebre e porti alla libertà di Cristo coloro che sono presi in questa rete.5) Chiediamo che Dio riversi il Suo Spirito Santo sul nostro paese, che porti convinzione di peccato su coloro che sono coinvolti in queste pratiche e ci purifichi da tutte queste iniquità.Continuiamo a pregare per le prossime elezioni ed il nuovo governo che verrà formato.- Che possa essere composto da persone integre che hanno veramente a cuore il bene delle persone di questo paese- Che dal Governo e dal Parlamento abbiano ad essere esclusi coloro che sono corrotti o che sono in qualsiasi modo collegati con le varie forme di criminalità organizzata (mafia, camorra, ‘ndrangheta, ecc.) 3
  4. 4. - Che sia al Governo che al Parlamento ci sia una maggioranza di persone che hanno timore di Dio e desiderano camminare nelle Sue vie, che promuovono le giustizia e fanno leggi giuste a difesa della famiglia, dei più deboli, della moralità e dell’onestà. Che Dio continui a proteggere il nostro paese da altri terremoti e disastri naturali, da ogni atto di violenza e spargimento di sangue e che ogni tentativo criminale, terroristico sia scoperto e fermato prima di essere compiuto.2. Il Mondo Salmi 2:8 “Chiedimi, io ti darò in eredità le nazioni e in possesso le estremità della terra.”ISRAELEPREGHIAMO: - Il 22 gennaio ci saranno le elezioni. Preghiamo che il nuovo governo sia composto da persone scelte da Dio, che desiderano fare la Sua volontà e portare avanti i Suoi piani. Che ogni piano del nemico contro Israele ed ogni suo tentativo di sovvertire i piani di Dio per questa nazione, in questo tempo abbiano ad essere vanificati sul nascere. - Che Dio faccia sorgere più “sentinelle” per pregare che la Sua pace ed i Suoi scopi siano manifestati in questa terra spiritualmente strategica - Israele è circondato da paesi che sono nell’anarchia politica, in cui c’è una forte influenza di gruppi terroristi islamici il cui scopo è dichiaratamente quello di distruggere questa nazione. Ci sono, inoltre, diversi tentativi di provocare scontri da parte di attivisti male informati che cercano di rompere l’embargo di Israele sulla striscia di Gaza e dipingono Israele come trasgressore dei diritti umani. Sino ad ora questi tentativi non hanno avuto il successo sperato, ma è iniziata una tendenza che potrebbe portare future violenze reazioni negative verso Israele. Preghiamo che Dio protegga questa nazione contro i suoi nemici e che Israele possa conoscere che la vera pace viene solo da Dio e non dagli uomini. Salmo 83:1-5,18 - Che le nazioni del mondo non abbiano ad essere ingannate, ma possano allinearsi con la volontà di Dio per Israele. - Per la protezione dei cristiani in Israele e che Dio dia loro sapienza, forza, coraggio, risorse e nuove strategie per predicare il vangelo sia ai giudei che agli arabi che agli stranieri.SOMALIA Nome completo: Repubblica Federale di Somalia Popolazione totale: 10.085.638 (stima 2012) Capitale: Mogadiscio Lingue principali: Arabo, Inglese e Italiano Religione: + del 99% sono Musulmani Forma di Governo: Repubblica FederaleAnticamente, la Somalia è stata un importante centro commerciale con il resto del mondo anticoe, secondo molti studiosi, potrebbe essere lubicazione più probabile del leggendario Paese diPunt. Lungo il medioevo, i flussi commerciali della regione vennero dominati da vari sultanatisomali. Nel tardo XIX secolo, britannici e italiani acquisirono il controllo di parte della costasomala, portando alla creazione dei protettorati della Somalia Britannica (nord) e della SomaliaItaliana (centro e sud). L’indipendenza è stata raggiunta nel 1960 e le due regioni sono stateunite nella Repubblica Somala.Tuttavia, da allora la Somalia non ha conosciuto pace. Nel 1964 e nel 1977 è entrata in guerracon l’Etiopia per il controllo di un territorio popolato da Somali ma rimasto all’Etiopia in seguitoalla divisione delle terre colonizzate dalla Gran Bretagna nelle II metà dell’Ottocento. Il territoriodi Ogaden è rimasto poi all’Etiopia.Nel 1969 un colpo di stato militare, ha portato al potere il generale Siad Barre e ha dato inizio adun periodo di guerra civile che perdura ancora oggi. Nel 1991 Barre è stato estromesso; la lottaper il potere che ne è seguita ha contrapposto diversi gruppi tribali, in un nuovo crescendo di 4
  5. 5. violenza accompagnato, peraltro, da una terribile carestia. Nello stesso anno, lex Somaliland haannunciato la propria secessione, un evento che ha dato origine a nuovi scontri.Il conflitto è diventato sempre più confuso e violento, e nel 1995 lONU, incapace di far frontealla situazione, ha dovuto ritirare le proprie forze. Il periodo è stato caratterizzato dalle violenzedei "Signori della guerra", i temibili capi-clan che hanno sottomesso la popolazione e costrettoalla fuga, nel 1994, anche i caschi blu dellONU e i militari americani. Essi hanno imperversatoper anni in gran parte del sud del Paese (la zona fertile ed agricola della Somalia).Verso la fine degli anni novanta c’è stato un momento di scambi diplomatici importante, cheincluse un accordo fra ventisei fazioni e nel 2004 il processo di pacificazione politica sembravaavviarsi alla conclusione; è stato eletto un parlamento federale e sono stati nominati unpresidente ad interim e il Governo Federale di Transizione somalo, deboli istituzioni, tuttavia, chenon sono riuscite a rendere effettivo il loro potere e a governare, anche a causa dellopposizionedei "signori della guerra" di Mogadiscio, quasi tutti componenti del governo stesso; nessun diloro era disposto a lasciare il proprio feudo e consegnarlo ad un altro signore con cui era inguerra da 16 anni. Questi anni di lotte hanno spinto sempre di più la popolazione verso ilfondamentalismo islamico.L’autorità di questo debole governo è stata ulteriormente compromessa nel 2006 dalla ribellionedi gruppi islamici che hanno guadagnato il controllo di gran parte del sud del paese, compresa lacapital Mogadiscio, dopo aver cacciato i “signori della guerra” che avevano governato per 15anni.Con l’aiuto delle truppe etiopi, l’esercito governativo ha ripreso il controllo dagli islamici alla finedel 2006. Ma gli insorti, compreso il gruppo di Al-Shabab (che nel 2012 ha annunciato proprial’unione con Al-Qaeda) hanno continuato la guerra e riguadagnato il controllo di gran parte dellaSomalia del sud verso la fine del 2008.Nellautunno del 2007 la situazione a Mogadisco era drammatica. La città (in preda a caos,violenze ed epidemie) era in piena catastrofe umanitaria, e gli sfollati hanno raggiunto quota unmilione nel solo anno in corso.Nel giugno 2008 è stata concordata la firma di un accordo tra governo somalo, partedellopposizione ed Etiopia. Per pervenire a tale accordo, a differenza che nei precedentitentativi, sono state coinvolte le realtà moderate collegate alle corti islamiche.Il 29 dicembre 2008 il presidente Abdullahi Yusuf Ahmed ha rassegnato le sue dimissioni. Hamotivato questa decisione con limpossibilità di portare la Somalia in una fase di pacificazione edaccordo tra le parti. Inoltre ha criticato duramente la comunità internazionale per il mancatosostegno economico, senza il quale non sarebbe stato possibile formare un esercito in grado difronteggiare le corti islamiche e gli altri gruppi che si contendono il potere. Aden Mohamed Nur,presidente del parlamento, ha assunto così a interim la funzione di presidente di uno stato che difatto dal 1991 non esiste.Il 31 gennaio 2009 il leader di una fazione moderata dellUnione delle Corti Islamiche SheikhSharif Sheikh Ahmed è stato eletto capo del governo federale di transizione. Sharif, leaderdellAlleanza per la ri-liberazione della Somalia (ARS), ha sconfitto il primo ministro Nur HassanHussein appoggiato della comunità internazionale.Nel 2011 al-Shabab e i suoi combattenti sono stati spiazzati da una serie di offensive delletruppe governative insieme alle forze di pace africane; si sono allontanti da Mogadisconell’agosto del 2011 ed hanno perso la loro ultima città roccaforte nel sud, Kismayo, nell’ottobre2012. Come segno di fiducia crescente, il primo Parlamento formale somalo, in più di 20 anni, haprestato giuramento nell’aeroporto di Mogadiscio ed ha eletto Presidente Hassan SheikhMohamud.Il lungo periodo di assenza di autorità nel paese ha permesso che i pirati somali diventassero unenorme pericolo per le navi internazionali che devono transitare nell’area ed ha spinto la NATO aprendere il comando di un’operazione anti-pirateria. Gli sforzi internazionali hanno dato i lorofrutti nel 2012 quando gli attacchi dei pirati sono scesi bruscamente; ne sono stati contati 70contro i 233 del 2011.Nel 2011 la difficile situazione del popolo somalo è stata esacerbata dalla peggiore siccità in 60anni, che ha lasciato milioni di persone sull’orlo della morte per fame ed ha fatto fuggire decinedi migliaia di persone in Kenya e Etiopia in cerca di cibo.La Somalia è uno dei paesi più poveri del mondo; in sostanza, dipende quasi totalmente dagliaiuti umanitari. A causa della continua guerra civile e della presa di potere dei gruppi islamici,che hanno perseguitato i cristiani e distrutto le chiese, le organizzazioni non islamiche sono statecostrette a lasciare il paese. La libertà religiosa in Somalia è repressa; l’ordinamento prevede,infatti, la pena di morte per apostasia. 5
  6. 6. PREGHIAMO: - La Somalia è il paese più instabile e senza legge nel mondo. Dopo tutti questi anni di anarchia, i somali hanno un desiderio disperato di pace e ripristino dell’ordine civile. Preghiamo che gli attuali e futuri governanti possano imparare dagli errori del passato, cercare il bene del loro popolo, rispettare i diritti umanitari e garantire la libertà religiosa - Che i piani dei fondamentalisti islamici per il controllo totale della Somalia vadano a vuoto e sia impedita la tirannia religiosa. - Che Dio mandi operai nei campi profughi di Kenya, Etiopia e Yemen, che possono ministrare il Suo amore a questi disperati, portando loro la Sua salvezza, la speranza e la pace e gioia che solo Dio può dare. - Che Dio protegga i cristiani somali; che possano crescere nella fede e testimoniare coraggiosamente quando ne hanno la possibilità. - L’islam ha screditato il cristianesimo associandolo all’oppressione. Che questo pregiudizio abbia ad essere distrutto, che i somali che vengono aiutati dai cristiani possano essere toccati dall’amore di Cristo e rispondere positivamente. - Che vengano riaperte le porte alle organizzazioni cristiane e queste possano operare liberamente nel paese. - Che sia rimosso il velo che impedisce ai somali di vedere la verità. Che Dio mandi loro sogni, visioni e rivelazioni e possa esserci una grande raccolta fra questa popolazione così martoriataGRUPPO ETNICO NON ANCORA RAGGIUNTO DAL VANGELO: I KAGORO DEL MALI I Kagoro del Mali sono un gruppo etnico di circa 37.000 persone, per la maggior parte animisti e credono che gli oggetti hanno spiriti. Adorano anche i loro antenati attraverso la celebrazione di rituali. I morti vengono placati con offerte di farina di miglio e acqua. I Kagoro credono che, a volte, i loro antenati possono prendere la forma di animali o, addirittura di vegetali! L’analfabetismo è il problema maggiore. Sono state aperte nel loro mezzo delle scuole islamiche, ma nella maggior parte dei villaggi i bambini non ricevono educazione perché devono aiutare nel lavoro dei campi. Forse ci sono alcuni, pochi, cristiani fra i Kagoro. Il Mali non è un posto ospitale per i cristiani ed è necessario che coloro che vengono da fuori trovino modi creativi per entrare in questo paese.PREGHIAMO:- Che Dio mandi i Suoi “operai” in questa messe e dia loro le giuste strategie per poter entrare e operare liberamente in mezzo a loro.- A causa dell’analfabetismo è necessario usare la comunicazione orale e visiva. Preghiamo che venga prodotto materiale audio e video nella loro lingua e adeguato alla loro cultura, affinché il messaggio del vangelo possa essere facilmente e correttamente recepito- Che vengano stabilite delle scuole cristiane nel loro mezzo affinché sia bambini che adulti possono ricevere un’educazione che non sia influenzata dall’islam.- Che i pochi credenti che ci sono fra i Kagoro possano crescere nella fede e diventare persone mature in Cristo, che possano essere ripieni dello Spirito Santo, testimoniare di Cristo con coraggio, verità e potenza e discepolare nuovi credenti.- Che i Kagoro possano essere liberati dal legame dell’adorazione di cose create e dei morti.- Che le loro condizioni di vita possano essere miglioratePer il Suo RegnoRossana Vittaloni 6

×