Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
Daldiario alblog
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Daldiario alblog

  • 92 views
Published

Appunti per capire cosa sono i blog, come si sono evoluti e come si è evoluta la narrazione di sé con l'avvento del web. Dal privato del diario al pubblico del web: similitudini e differenze.

Appunti per capire cosa sono i blog, come si sono evoluti e come si è evoluta la narrazione di sé con l'avvento del web. Dal privato del diario al pubblico del web: similitudini e differenze.

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
92
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
1
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Dal diario al blog I luoghi della narrazione personale
  • 2. Caro diario ti scrivo
  • 3. Una stanza tutta per sé • Il diario “personale” e segreto è un luogo privato, dove scriviamo per noi stessi • E’ anche: – Un laboratorio creativo – Un modo per fare esercizio di scrittura – Un archivio di ricordi personali.
  • 4. Il diario può essere anche patrimonio di una comunità?
  • 5. Come cambia la narrazione di sé con il web? I blog
  • 6. Blog – storia Il termine blog è la contrazione di web-log, ovvero "diario in rete”. Il fenomeno ha iniziato a prendere piede nel 1997 in America; il 18 luglio 1997, è stato scelto come data di nascita simbolica del blog, riferendosi allo sviluppo, da parte dello statunitense Dave Winer, del software che ne permette la pubblicazione (si parla di proto-blog). Il primo blog è stato effettivamente pubblicato il 23 dicembre dello stesso anno, grazie a Jorn Barger, un commerciante americano appassionato di caccia. Nel 2001 è divenuto di moda anche in Italia, con la nascita dei primi servizi gratuiti dedicati alla gestione di blog; tra i più utilizzati: Blogger, AlterVista, wordpress.com, blogsome, Il Cannocchiale, Io Bloggo, Blogdrops, Noiblogger, Libero, LiveJournal, Windows Live Spaces, MySpace, Skyrock. Fonte: Wikipedia
  • 7. Caratteristiche di un blog • Un blog è un sito in cui gli articoli (post) hanno un ordine cronologico inverso (dal più giovane al più vecchio) e sono archiviati per mese/anno • Ogni post può essere commentato: la maggior parte dei blog permette a TUTTI di commentare, a patto di inserire uno USERNAME e un indirizzo mail.
  • 8. TESTATA DEL BLOG MENU TITOLO DEL POST CORPO DEL POST
  • 9. COMMENTI DEI LETTORI
  • 10. Correva l’anno 2001 I blog
  • 11. I primi blog in Italia La Pizia – 2001 (non esiste più)
  • 12. I primi blog in Italia Leonardo – 2001 tuttora molto attivo e seguito
  • 13. 2001: odissea in Terra Genova – New York
  • 14. Arrivano anche gli scrittori “All’inizio c’è Scrivere sul fronte occidentale, un convegno autoconvocato di scrittori, artisti e intellettuali nel novembre del 2001, nel clima di generale turbamento che contraddistingue quell’anno Per non disperdere le energie di pensiero e invenzione che si sono riunite in occasione di Scrivere sul fronte occidentale, Carla Benedetti, Antonio Moresco e Tiziano Scarpa pensano di creare un sito in rete: qualcosa di più agile e duraturo di un convegno, che si protragga nel tempo, caratterizzato da uno spirito di apertura e di libera messa in gioco delle proprie idee, e che permetta di saltare il filtro dei mediatori culturali. E stilano una sorta di decalogo degli “stili di comportamento” che dovrebbero ispirare questa nuova avventura comune. Si fanno alcune riunioni, a cui partecipano anche Federica Fracassi e Renzo Martinelli di Teatro i, Helena Janeczek, Giuseppe Genna, Giulio Mozzi, tutti provenienti dall’esperienza di Scrivere sul fronte occidentale.”
  • 15. Nazione Indiana
  • 16. Ma i blog fanno ANCHE paura • Mettono “in piazza” le storie e le idee delle persone, assottigliando i confini tra pubblico e privato. Qualcuno teme anche furti di identità, pedofilia online, furto di dati sensibili. • Sovvertono – per primi – una storica e netta divisione tra chi produce notizie e storie (Media, editoria) e chi le legge (lettori). Siamo potenzialmente tutti UTENTI che possono creare e fruire di contenuti, diventando “scrittori”, “editori”, cittadini attivi e attivando circoli virtuosi di passaparola culturale.
  • 17. 14 febbraio 2004 Galassia GutembergBlog: come cambia la scrittura nella rete Conferenza con interventi di Giovanni De Mauro, La Pizia, Giulio Mozzi, Personalità Confusa, Tiziano Scarpa, Luca Sofri – Coordinamento di Marino Sinibaldi Alcuni blogger spiegano che cos’è per loro un blog [fonte Blog didattici] Un lancio dell’ANSA commenta la tavola rotonda come: “un incontro di diaristi anonimi dalla sessualità incerta”
  • 18. Tra il 2004 e il 2005 Fonte: Gandalf
  • 19. Tra il 2004 e il 2005 Fonte: Gandalf • Aprire un blog diventa “una moda” e allarga la base delle persone che usano ATTIVAMENTE la Rete. • Il desiderio di narrazione collettiva a cui risponde il blog suscita perplessità in chi “smanetta” in Rete da più tempo. Ci ricorda qualcosa? ;-)
  • 20. E’ davvero necessario aprire un blog? “Un altro problema è che, per “seguire la moda”, alcuni aprono un blog senza avere alcuna idea di perché lo fanno. Ci sono parecchi esempi di soliloqui: una pagina nata per ospitare interventi e dialoghi contiene una serie desolatamente vuota di spazi disponibili per commenti e contributi che non ci sono. Se qualcuno ha voglia di tenere un diario, è proprio indispensabile che lo metta online?” Giancarlo Livraghi – Gandalf anno 2006
  • 21. Un blog personale: perché
  • 22. Il Cluetrain Manifesto [1999] Fonte: Luisa Carrada
  • 23. Blog VRS Diario • Il DIARIO è un luogo PRIVATO che scriviamo solo per noi • Il BLOG è un luogo PRIVATO che può essere letto da un PUBBLICO. • Scrivere per un blog comporta pensare a una comunità di lettori e di altri blogger con cui ci relazioneremo • Un blog personale – come un diario – segue l’evoluzione di una persona ma avendo un pubblico può contenere sia post narrativi che post informativi, di denuncia, di testimonianza “storica”. • Scrivere presumendo un pubblico serve a monitorare il proprio stile, ci impone delle domande: “Interesserà davvero a qualcuno quello che sto scrivendo?” “Posso scriverlo meglio o in maniera più chiara?” • I commenti sono il feedback dei lettori: ci impongono di interrogarci sulle nostre idee, metterle in discussione, approfondire
  • 24. Writer in progress Nulla die sine linea – Plinio il Vecchio
  • 25. Writer in progress • Il blog può diventare la palestra quotidiana dove ci alleniamo per poi cominciare a “scrivere sul serio” • Avere un blog ci rende più attenti a quello che ci sta intorno perché vogliamo raccontarlo • Scrivere per un blog non è come fare un tema o una relazione: possiamo sperimentare stili, un modo personale di scrivere, un punto di vista sulle cose non convenzionale.
  • 26. Un buon blogger… • Legge e si informa anche su altri blog • Partecipa positivamente alle discussioni online • E’ disposto a mettersi in discussione • Fa parte di una comunità
  • 27. Quali differenze con i Social Network? “Mentre tutti gli altri network crescono sulla base (e secondo le regole) di un’applicazione progettata da qualcuno e legata a un indirizzo web, i weblog non sono costruiti attorno ad un social software: sono “ovunque” e hanno determinato le loro regole attraverso la prassi seguita da milioni di persone. Non ci sono stati design o progettazione, ma autodeterminazione e sviluppo collaborativo.” Giuseppe Granieri – Blog Generation, Laterza 2005
  • 28. Wordpress “WordPress è una via di mezzo tra un blog engine, un'applicazione per la creazione e la gestione dei blog, e un CMS, una piattaforma per la realizzazione di siti Internet e per l'amministrazione di contenuti testuali, grafici e multimediali. Il suo essere uno strumento molto semplice da utilizzare, ricco di funzionalità e dotato di un'architettura facile da estendere tramite plugin (estensioni non comprese nel core), lo hanno reso uno degli script più utilizzati per la creazione di pagine Web dinamiche; WordPress è stato concepito per essere utilizzato anche dall'utenza meno esperta e per questo motivo oggi milioni di bloggers, anche privi di conoscenze in fatto di linguaggi di sviluppo, lo utilizzano come motore del proprio sito.” Fonte: MrWebMaster
  • 29. Un blog gratuito
  • 30. Francesca Sanzo - www.francescasanzo.net Wordpress: la piattaforma di gestione
  • 31. Bibliografia • La parte abitata della Rete, Sergio Maistrello, Hops • Blog Generation, Giuseppe Granieri, Laterza • Il mestiere di scrivere, Luisa Carrada, Apogeo • http://www.gandalf.it/ • Cluetrain Manifesto • Blogger nel 2005, blogger nel 2012: cos’è cambiato? (francesca sanzo)
  • 32. Grazie! www.francescasanzo.net www.panzallaria.com www.tesserelarete.it