L’ATTUALE CONTESTO DI MERCATO
 • Situazione di scarsa liquidità per le banche
   commerciali italiane
 • Obbligo per le ba...
Gli Obiettivi
• Maggior comunicazione banca-impresa:




     •     Qualità degli utili
     •     Capacità del management...
Il punto della situazione

     •Accordo di Basilea II
     •Entrata in vigore: gennaio 2008

     •Fase di piena applicaz...
Aree di intervento

 • Rilevazione e miglioramento delle performance
   aziendali nell’ambito della comunicazione Banca-
 ...
Le azioni correttive

        Corretta individuazione del proprio
         rischio di credito

        Pianificazione de...
(Segue Azioni correttive)
       Struttura patrimoniale dell’azienda

       1. Corretta riclassificazione bilancio
      ...
(Segue Azioni correttive)
        Situazione finanziaria

        1. Struttura dell’indebitamento
        Dovrà essere ana...
(Segue Azioni correttive)
        Struttura economica

        Si renderà opportuno misurare la capacità
        di far re...
Modalità di intervento
 • Audit contabile, patrimoniale, finanziario,
   gestionale
 • Implementazione di un’analisi econo...
In sintesi

      Richiedente                 chi sei?


   Destinazione                cosa ne fai?


  Rimborso         ...
Alcuni esempi

       Ricapitalizzazione dell’azienda
         attraverso:
        interventi di ristrutturazione del de...
Quadro di sintesi
Un esempio / 1                                 anno        x          x+1

                 Fatturato (€...
Un esempio / 2
                    Parametri di previsione per l’anno x + 2

           INTERVENTI SUL M.O.L.
           V...
Un esempio / 3: miglioramento del MOL
                   Parametri di previsione per l’anno x+2
                          ...
Un esempio / 4: Capitalizzazione
                    Parametri di previsione per l’anno x+2
                              ...
Un caso S.p.A.

                                              Il piano di intervento
        I tempi di attuazione – Advis...
Come procedere
  • Raccolta della documentazione aziendale:
     – ultimi tre bilanci definitivi più bilancio aggiornato a...
Basilea 3 Nellattesa Cosa Fare
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Basilea 3 Nellattesa Cosa Fare

1,921

Published on

Published in: Economy & Finance, Business
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,921
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
55
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Basilea 3 Nellattesa Cosa Fare

  1. 1. L’ATTUALE CONTESTO DI MERCATO • Situazione di scarsa liquidità per le banche commerciali italiane • Obbligo per le banche di monitoraggio e misurazione del rischio del credito • Criteri selettivi per l’accesso al credito sulla base del risk management, della valutazione aziendale e dell’analisi del rating • Blocco degli affidamenti o obbligo di rientro per le imprese classificate con maggiori indici di rischiosità
  2. 2. Gli Obiettivi • Maggior comunicazione banca-impresa: • Qualità degli utili • Capacità del management • Corretta programmazione
  3. 3. Il punto della situazione •Accordo di Basilea II •Entrata in vigore: gennaio 2008 •Fase di piena applicazione •Rafforzamento dell’efficacia e della robustezza del Framework di Basilea II •(verso Basilea III?)
  4. 4. Aree di intervento • Rilevazione e miglioramento delle performance aziendali nell’ambito della comunicazione Banca- Impresa • Rinegoziazione del debito (durata,tasso, importo, garanzie) e di contratti derivati • Accordi di ristrutturazione del debito (stand-still, ex artt. 67 e 182 bis L.F.) • Interventi di Turnaround
  5. 5. Le azioni correttive  Corretta individuazione del proprio rischio di credito  Pianificazione delle azioni correttive per ricondurre l’impresa ad un equilibrio economico, patrimoniale e finanziario e all’ottimizzazione dei rating
  6. 6. (Segue Azioni correttive) Struttura patrimoniale dell’azienda 1. Corretta riclassificazione bilancio I bilanci di molte imprese presentano una chiave di lettura che non evidenzia in modo chiaro ed intelligibile il vero valore dell’azienda. 2. Interventi sull’equilibrio patrimoniale COEFF. COPERTURA IMMOB.= CAPITALE PROPRIO IMMOBILIZAZIONI
  7. 7. (Segue Azioni correttive) Situazione finanziaria 1. Struttura dell’indebitamento Dovrà essere analizzata attentamente la struttura dell’indebitamento. 2. Interventi sull’equilibrio finanziario Coefficiente di = Capitale di terzi Indebitamento Capitale proprio Turnover = Fatturato Capitale investito
  8. 8. (Segue Azioni correttive) Struttura economica Si renderà opportuno misurare la capacità di far rendere il capitale investito più di quanto costano i finanziamenti. ROI > i
  9. 9. Modalità di intervento • Audit contabile, patrimoniale, finanziario, gestionale • Implementazione di un’analisi economica, patrimoniale e finanziaria personalizzata sulla società/ gruppo di società; • report sullo stato dell’azienda; • predisposizione e presentazione di un possibile progetto di intervento; • (eventuale) prosecuzione consulenza continuativa.
  10. 10. In sintesi Richiedente chi sei? Destinazione cosa ne fai? Rimborso come lo restituisci? COMUNICAZIONE BANCA - IMPRESA
  11. 11. Alcuni esempi Ricapitalizzazione dell’azienda attraverso:  interventi di ristrutturazione del debito  riallocazione degli assets patrimoniali nell’ambito del gruppo Ridefinizione del sistema delle garanzie in essere nei confronti del sistema bancario Riassetto della struttura del gruppo con interventi di finanza straordinaria; simulazione delle performance dei rating
  12. 12. Quadro di sintesi Un esempio / 1 anno x x+1 Fatturato (€ / 1000) 3.477 3.819 Capitale investito (€ / 1000) 2.534 3.018 Turnover 1,37 1,27 Capitale fisso (€ / 1000) 1.967 1.881 Capitale di giro (€ / 1000) 566 1.137 Ciclo monetario (gg) 58 107 Capitale proprio (€ / 1000) 200 668 Capitale terzi M/L (€ / 1000) 1.963 2.000 Coeff. copertura immobilizzazioni 107,4% 141,9% Capitale terzi a breve (€ / 1000) 421 349 Capitale terzi totale (€ / 1000) 2.384 2.349 Coefficiente di indebitamento 11,9 3,5 R.O.I. (Return On Investments) 9,8% 25,2% Costo medio Capitale di Terzi ( i % ) 9,6% 11,6% Scorta media magazzino (gg) 87 87 Durata crediti di gestione (gg) 102 129 Durata debiti di gestione (gg) 131 109
  13. 13. Un esempio / 2 Parametri di previsione per l’anno x + 2 INTERVENTI SUL M.O.L. Variazione fatturato - 5 % Variazione costo del lavoro 10 % Variazione costo dei servizi 10 % Incidenza dei consumi sul fatturato 30 % INTERVENTI SUL CAPITALE FISSO Nuovi investimenti immob. tecniche € 250.000 INTERVENTI SUL CAPITALE DI GIRO Nuova durata credito ai clienti 120 gg Nuovo periodo scorta media magazz. 90 gg Nuova durata credito dai fornitori (acq.+ servizi) 60 gg INTERVENTI SULL'AREA FINANZIARIA Rimborsi c/capitale mutui esistenti € 200.000
  14. 14. Un esempio / 3: miglioramento del MOL Parametri di previsione per l’anno x+2 BASE Ipotesi 1 INTERVENTI SUL M.O.L. Variazione fatturato - 5 % - 5 % Variazione costo del lavoro 10 % 9 % Variazione costo dei servizi 10 % 9 % Incidenza dei consumi sul fatturato 30 % 29 % INTERVENTI SUL CAPITALE FISSO Nuovi investimenti immob. tecniche € 250.000 € 250.000 INTERVENTI SUL CAPITALE DI GIRO Nuova durata credito ai clienti 120 gg 120 gg Nuovo periodo scorta media magazz. 90 gg 90 gg Nuova durata credito dai fornitori (acq.+ servizi) 60 gg 70 gg INTERVENTI SULL'AREA FINANZIARIA Rimborsi c/capitale mutui esistenti € 200.000 € 200.000
  15. 15. Un esempio / 4: Capitalizzazione Parametri di previsione per l’anno x+2 BASE Ipotesi 2 INTERVENTI SUL M.O.L. Variazione fatturato - 5 % - 5 % Variazione costo del lavoro 10 % 10 % Variazione costo dei servizi 10 % 10 % Incidenza dei consumi sul fatturato 30 % 30 % INTERVENTI SUL CAPITALE FISSO Nuovi investimenti immob. tecniche € 250.000 € 250.000 INTERVENTI SUL CAPITALE DI GIRO Nuova durata credito ai clienti 120 gg 120 gg Nuovo periodo scorta media magazz. 90 gg 90 gg Nuova durata credito dai fornitori (acq.+ servizi) 60 gg 60 gg INTERVENTI SULL'AREA FINANZIARIA Rimborsi c/capitale mutui esistenti € 200.000 € 200.000 Apporti di capitale proprio € 200.000
  16. 16. Un caso S.p.A. Il piano di intervento I tempi di attuazione – Advisor Mese 1 Mese 1 Mese 1 Mese 2 Mese 2 Mese 2 Mese 3 Mese 4 – 5 - 6 Incontro con Banche: Predisposizione per Applicazione Decreto anticrisi Richiesta di intervento per Informazione sugli interventi intervento standstill Postergazione rate leasing tensione finanziaria programmati Ridefinizione contratti derivati Incontro con il Rafforzamento patrimoniale e principale cliente ricapitalizzazione Assistenza societaria-legale Incontri settimanali con Banche, presentazione Analisi dati e pianificazione interventi prima bozza piano Invio al principale cliente piano finanziario industriale, incontri con Predisposizione con flussi di cassa e piano economico principale cliente piano industriale mensilizzato
  17. 17. Come procedere • Raccolta della documentazione aziendale: – ultimi tre bilanci definitivi più bilancio aggiornato al periodo – contratti di leasing se significativi rispetto al volume d’affari – situazione banche affidamenti – visura camerale – centrali rischi alla data dell’ultimo bilancio • Elaborazione ed analisi dei dati • Eventuale incontro con l’azienda per evidenziare ed analizzare eventuali disequilibri (patrimoniale, economico e finanziario) • Valutazione di azioni correttive d’intervento.
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×