2 Previati

433 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
433
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

2 Previati

  1. 1. Il progetto Life LIFE00NAT/IT/7215 “Ripristino ecologico e conservazione degli habitat nella Salina del SIC Valli di Comacchio” Cristina Barbieri – Direttore di progetto
  2. 2. localizzazione <ul><li>La Salina di Comacchio è posta nell'angolo nord-est delle </li></ul><ul><li>Valli di Comacchio, Sito di in interesse Comunitario (SIC) e Zona di </li></ul><ul><li>protezione Speciale (ZPS) </li></ul>
  3. 3. Morfologia porzione orientale caratterizzata da vasche di forma rettangolare in cui era fatta evaporare l’acqua e veniva raccolto il sale; porzione occidentale con bacini di forma ed aspetto completamente naturale, con rive sinuose e dossi emergenti, utilizzati per l’accumulo delle acque marine e la prima evaporazione.
  4. 4. La storia del progetto inizia … <ul><li>Nel 2000… </li></ul><ul><ul><li>Quando viene emanato il Decreto “27 Marzo 2000” con il quale si individuano &quot;immobili appartenenti al patrimonio dello Stato suscettibili di dismissione&quot; tra cui compariva anche l'&quot;ex stabilimento salifero&quot; di Comacchio. </li></ul></ul><ul><li>Nel 2000… </li></ul><ul><ul><li>la Regione Emilia-Romagna e il Parco presentano un progetto LIFE Natura per avviare un processo di recupero (naturalistico e culturale) della Salina di Comacchio sulla base di un protocollo d’intesa sottoscritto dal Parco, la Regione E-R, Comune di Comacchio, Provincia di Ferrara e Associazioni ambientaliste. </li></ul></ul>
  5. 5. I presupposti progettuali <ul><li>Nel 1984 cessa la produzione del sale… </li></ul><ul><ul><li>La Direzione Generale dei Monopoli di Stato decise la chiusura dell’impianto salifero di Comacchio. </li></ul></ul><ul><li>Di conseguenza i l rischio ambientale legato alla mancanza di gestione potrebbe provocare... </li></ul><ul><ul><li>la perdita di habitat e specie alofile </li></ul></ul><ul><ul><li>fatiscenza dei fabbricati </li></ul></ul><ul><ul><li>abbandono delle strutture (capannoni e linee elettriche in disuso) </li></ul></ul>
  6. 6. Il progetto: piano finanziario <ul><li>L’importo totale di progetto è di1.597143 EURO </li></ul><ul><li>Contributo comunitario richiesto </li></ul><ul><li>638.857 – 40% </li></ul><ul><li>2. Quota dei costi a carico del proponente (Regione Emilia-Romagna) </li></ul><ul><li>798.571 – 50% </li></ul><ul><li>3. Quota dei costi a carico dei partner (Consorzio Parco Regionale del Delta del Po) </li></ul><ul><li>159.714 – 10% </li></ul>
  7. 7. Cosa è stato realizzato con il LIFE? <ul><li>Ripristino della funzionalità idraulica </li></ul><ul><li>La Salinetta </li></ul><ul><li>Riqualificazione ecologica </li></ul><ul><li>Riqualificazione paesaggistica </li></ul><ul><li>Strutture e attrezzature per la fruizione </li></ul><ul><li>Monitoraggio acqua, flora e fauna </li></ul><ul><li>Piano di fruizione </li></ul><ul><li>Rilievo Architettonico </li></ul><ul><li>Piano di Gestione </li></ul><ul><li>Sistema GIS </li></ul>
  8. 8. Ripristino della funzionalità idraulica <ul><li>Canale Duomo </li></ul><ul><li>E' stato risezionato un tratto, i terreni di scavo hanno </li></ul><ul><li>permesso di risagomare l’argine occidentale ed in </li></ul><ul><li>parte quello orientale. Lungo l’arginatura </li></ul><ul><li>ripristinata sono state sostituite le vecchie martiliere. </li></ul><ul><li>I 160 m di argine scomparso è stato ricostruito con </li></ul><ul><li>Nei canali immissari aperti che da Uccelliera </li></ul><ul><li>si riversano nel Duomo sono state ripristinate le </li></ul><ul><li>paratoie di regimazione idraulica. </li></ul>
  9. 9. Canale Duomo prima dell’intervento
  10. 10. Canale Duomo dopo l’intervento
  11. 11. Ripristino della funzionalità idraulica <ul><li>Recupero delle chiaviche principali </li></ul><ul><li>indispensabili per la comunicazione tra i </li></ul><ul><li>bacini, in particolare: </li></ul><ul><li>due tra Valle Uccelliera e Montalbano; </li></ul><ul><li>tra Valle Montalbano e Valle Lamenterio; </li></ul><ul><li>la chiavica a tre luci sul canale Duomo. </li></ul>
  12. 12. Recupero delle chiaviche
  13. 13. Il comparto Macchine <ul><li>Presenta una serie di canalizzazioni costruite in muratura </li></ul><ul><li>Tali opere in murature sono state pulite e a ristrutturate </li></ul><ul><li>inoltre sono state sostituite alcune passerelle degradate </li></ul><ul><li>e pericolanti . </li></ul>
  14. 14. Il comparto Macchine <ul><li>Presenta una serie di canalizzazioni costruite in muratura </li></ul><ul><li>Tali opere in murature sono state pulite e a ristrutturate </li></ul><ul><li>inoltre sono state sostituite alcune passerelle degradate </li></ul><ul><li>e pericolanti . </li></ul>
  15. 15. Il comparto Macchine
  16. 16. Ripristino della funzionalità idraulica Grazie al recupero delle strutture la funzionalità idrualica è stata recuperata con ampia possibilità di manovre che consentono un’adeguata circolazione nelle tre vasche occidentali.
  17. 17. <ul><ul><li>La salinetta, piccolo </li></ul></ul><ul><ul><li>impianto ricostruito per </li></ul></ul><ul><ul><li>la produzione del sale e </li></ul></ul><ul><ul><li>delle acque </li></ul></ul><ul><ul><li>soprassalate, occupa </li></ul></ul><ul><ul><li>uno degli otto bacini di </li></ul></ul><ul><ul><li>4 ettari posti nella </li></ul></ul><ul><ul><li>porzione nord orientale </li></ul></ul><ul><ul><li>della Salina. </li></ul></ul>La Salinetta
  18. 18. La Salinetta <ul><ul><li>E’ stata progetta rifacendosi al modello della raccolta manuale con una conformazione morfologica a piccole vasche, disegnate in funzione di precisi rapporti di scala che debbono intercorerre tra: la prima evaporazione, la seconda, la terza, le servitrici ed i bacini salanti. Le vasche sono poi servite dal canale alto di alimentazione ed dal canale basso di abduzione all’impianto di sollevamento. </li></ul></ul><ul><ul><li>La dimensione delle vasche decresce al crescere della salinità delle acque circolanti con flusso gravitazionale. </li></ul></ul>
  19. 20. Riqualificazione ecologica <ul><li>Il bacino di Montalbano è stato destinato alla realizzazione di dossi da gestire per la nidificazione delle colonie di gabbiani e sterne, secondo modalità tali da favorire le seguenti specie e da svantaggiare il Gabbiano reale. </li></ul><ul><li>• Gabbiano comune (Larus ridibundus) </li></ul><ul><li>• Gabbiano corallino (Larus melanocephalus) </li></ul><ul><li>• Gabbiano roseo (Larus genei) </li></ul><ul><li>• Sterna zampenere (Gelochelidon nilotica) </li></ul><ul><li>• Fraticello (Sterna albifrons) </li></ul><ul><li>• Sterna comune (Sterna hirundo) </li></ul><ul><li>• Beccapesci (Sterna sandvicensis). </li></ul>
  20. 21. Riqualificazione ecologica Prima Dopo Dopo Lavori
  21. 22. Riqualificazione ecologica
  22. 23. Riqualificazione paesaggistica <ul><li>Sono stati rimossi complessivamente 82 pali su uno sviluppo lineare di ca 3000 m che creavano degli incongrui elementi di separazione tra diverse aree della Salina in una situazione strategica sia sotto l'aspetto naturalistico (ostacolo e rischio per i trasferimenti degli animali in volo) sia sotto l'aspetto percettivo del fruitore in una zona di accesso alla salina. </li></ul>
  23. 24. Eliminazione delle parti di linee elettriche in disuso <ul><li>E' stata realizzata una linea elettrica Media Tensione interrata con le caratteristiche tecniche richieste per la presenza di acqua salata e con tutte le opere accessorie necessarie (pozzetti, collegamenti ecc.) della lunghezza di 550 m. </li></ul>
  24. 25. Demolizione Capannoni in cemento amianto <ul><li>E’ stato demolito un capannone in cemento armato e cemento amianto di 400 mq e 2.200 mc,, di due piccoli stabili nelle immediate vicinanze uno di dimensioni 3,5 m x 5 m x 3,20 m e uno di 4 m x 4 m x 5,9 m anch’essi realizzati con cemento amianto, ed un quarto manufatto, ricoperto in eternit, di 2m x 1m x 1 m adiacente all’ex centro aziendale. Notevole è stato l'impatto positivo sul paesaggio, senza contare l'eliminazione di una fonte di inquinamento. </li></ul>
  25. 26. Demolizione Capannoni in cemento amianto
  26. 27. Demolizione di un capannone in cemento-armato con copertura in cemento amianto
  27. 28. Lavori per la rimozione della copertura in cemento amianto
  28. 29. Demolizione di un capannone
  29. 31. .
  30. 32. Strutture e attrezzature per la fruizione <ul><li>E' stato effettuato il consolidamento strutturale dell'intera struttura dell’ex mensa (due corpi). </li></ul><ul><li>Sono stati ricavati gli spazi necessari per le funzioni del Centro: un laboratorio con due postazioni: </li></ul><ul><li>una sala di controllo del sistema di monitoraggio attraverso telecamere; </li></ul><ul><li>una terza postazione per l'accoglienza del pubblico; </li></ul><ul><li>una sala polifunzionale adatta anche per la visione da parte del pubblico delle immagini trasmesse dalle telecamere e per l'esposizione di pannelli e materiali informativi; </li></ul><ul><li>servizi igienici; </li></ul><ul><li>due stanze per la custodia della Salina e dei fabbricati con relativo servizio; </li></ul><ul><li>Uno dei due corpi è stato adibito a sala mostra. </li></ul>
  31. 33. Strutture e attrezzature per la fruizione
  32. 34. Strutture e attrezzature per la fruizione
  33. 35. Strutture e attrezzature per la fruizione La fruizione della salina senza creare disturbo alle specie è stata realizzata grazie all’installazione di un sistema di telecamere. Le camere sono state poste nell’area tra Valle Lamenterio e Montalbano, in grado di proiettare le immagini su uno schermo posto nel Centro Operativo. Considerate le difficoltà logistiche le telecamere sono alimentate da pannelli solari, e la trasmissione dei dati avviene via radio, eliminando così la necessità di dover stendere cavi di qualunque tipo. L’intero sistema è posizionato su palafitte in legno.
  34. 36. Strutture e attrezzature per la fruizione
  35. 37. Monitoraggio acqua, flora e fauna <ul><li>Monitoraggio e raccolta dati pregressi su acqua, </li></ul><ul><li>flora e vegetazione </li></ul><ul><li>Ittiofauna </li></ul><ul><li>Avifauna </li></ul><ul><li>Zooplancton </li></ul><ul><li>Macrobenthos </li></ul>
  36. 38. Cosa è stato realizzato con il LIFE? <ul><li>Ripristino della funzionalità idraulica </li></ul><ul><li>La Salinetta </li></ul><ul><li>Riqualificazione ecologica </li></ul><ul><li>Riqualificazione paesaggistica </li></ul><ul><li>Strutture e attrezzature per la fruizione </li></ul><ul><li>Monitoraggio acqua, flora e fauna </li></ul><ul><li>Piano di fruizione </li></ul><ul><li>Rilievo Architettonico </li></ul><ul><li>Piano di Gestione </li></ul><ul><li>Sistema GIS </li></ul>
  37. 39. Piano di fruizione <ul><li>Già nel primo anno di lavoro del progetto è stato messo a punto un Piano di Fruizione che, elaborando i dati già disponibili, formula alcune proposte di modalità di fruizione. </li></ul><ul><li>Tra queste ipotesi, nel corso del progetto si sono attivate quelle più immediatamente praticabili considerando strutture e percorsi utilizzabili e risorse disponibili. </li></ul><ul><li>L’esperienza che viene condotta è costantemente monitorata in modo da ricavare informazioni utili a ricalibrare, all’interno del Piano di Gestione del SIC, proposta praticabile sia in senso ecologico che economico che organizzativo. </li></ul>
  38. 40. Piano di fruizione
  39. 41. Rilievo Architettonico
  40. 42. Rilievo Architettonico
  41. 43. Piano di Gestione <ul><li>Le azioni gestionali sono state ricondotte alle tipologie individuate nel “Manuale per la gestione dei Siti Natura 2000” : </li></ul><ul><li>interventi attivi (IA) </li></ul><ul><li>regolamentazioni (RE) </li></ul><ul><li>programmi di monitoraggio e/o ricerca (MR) </li></ul><ul><li>programmi didattici (PD). </li></ul>
  42. 44. Piano di Gestione <ul><li>Molte delle azioni elaborate sono relative alla gestione della circolazione delle acque. </li></ul><ul><li>Tali attività sono state raggruppate per “Unità gestionali” ovvero i bacini della salina. </li></ul>
  43. 45. Piano di Gestione
  44. 46. Sistema GIS
  45. 47. GRAZIE PER L’ATTENZIONE! LIFE00NAT/IT/7215 “Ripristino ecologico e conservazione degli habitat nella Salina del SIC Valli di Comacchio” Cristina Barbieri – Direttore di progetto

×