Your SlideShare is downloading. ×
OpenGeoData Italia - Luigi Scarpa "I professionisti riusano i dati open"
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

OpenGeoData Italia - Luigi Scarpa "I professionisti riusano i dati open"

496
views

Published on

Published in: Technology

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
496
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. I professionisti usano i dati open Luigi Scarpa luscarpa@unina.it Conferenza OpenGeo Data 2014 CC-BY 3.0 1
  • 2. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open I professionisti usano i dati open I professionisti usano da sempre dati provenienti da fonti diverse ed eterogenee. Largamente usati sono i dati geografici nella natura e struttura in cui essi sono resi disponibili. Oggi consideriamo prevalentemente banche dati numeriche, digitali, più o meno strutturate; compreso immagini digitalizzate di documenti archivistici. La complessità e l’articolazione degli specialismi professionali portano a considerare un numero indeterminato di strutture informative, largamente a carattere corografico e topografico. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 2
  • 3. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Perché l’importanza dei dati geografici? La geografia, o meglio la cartografia, cioè la trasposizione su una mappa dello spazio fisico, costituisce un linguaggio parallelo a quello verbale, elaborato per organizzare la esperienza esterna del mondo. Il linguaggio spaziale, oggi, grazie soprattutto agli sviluppi delle ICT viene utillizzato da un numero sempre crescente di persone. Stiamo assistendo, infatti, ad una trasformazione della organizzazione del lavoro in cui nascono profili e figure nuove che usano prevalentemente l’informazione geografica. Una geografia nuova, pervasiva ed ubiquitaria ad ogni nostra azione. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 3
  • 4. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Accanto alle professioni, come architetti, ingegneri, geometri, geologi, agronomi, biologi, etc. che tradizionalmente usano i dati geografici ordinariamente per il proprio lavoro, si affiancano altre figure e specializzazioni, sia nel campo delle discipline scientifiche che in quelle economiche ed anche umanistiche. Da poco meno di un secolo con la geografia quantitativa abbiamo cominciato a modificare radicalmente il modo di approcciare e risolvere la progettazione, pianificazione e gestione delle trasformazioni del territorio e dell’ambiente. Possiamo certamente affermare che la gran parte dei nuovi livelli di servizio basati sulla ICT avrà l’informazione geografica come modello e metafora operativa. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 4
  • 5. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 5
  • 6. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Ma i dati sono realmente ri-utilizzabili ? Se pur disponibili non tutti i dati però possono essere utilizzati. E’ necessario poter disporre di dati: affidabili, completi, aggiornati, ma anche con una struttura adeguata a poter essere elaborata in maniera univoca. I professionisti nel loro lavoro assumono delle responsabilità sia a carattere civile che penale; non possono decidere, progettare e pianificare o semplicemente certificare sulla base di dati approssimati o addirittura sbagliati. Comunque un alto numero di utilizzazioni professionali può far uso largamente di dati geografici meno sofisticati. Dall’advertising all’orientamento, ai servizi di supporto al geomarketing, servizi per il turismo ed il tempo libero. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 6
  • 7. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Disponibilità I dati geografici debbono essere disponibili, cioè sapere che esistono, dove sono collocati e come possono essere acquisiti ed utilizzati. Struttura Deve essere nota la struttura dei dati, la tipologia di archivio o formato con cui sono organizzati. Contenuto Deve essere noto il contenuto informativo degli stessi, le modalità di rilievo, il livello di aggiornamento e la risoluzione o scala in cui sono stati rilevati. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 7
  • 8. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Metadatazione Le informazioni richieste in precedenza trovano risposta attraverso la matadatazione dei dataset. Una metadatazione sintattica e semantica basata su descrittori standard a livello internazionale fino all’utilizzo di linguaggi naturali ed ontologie, necessarie nei processi complessi di ricerca come per l’accesso e l’utilizzo dei LOD – Linked Open Data. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 8
  • 9. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Quali dati servono? Un esempio L’attività di pianificazione richiede una quantità significativa di dati con una tipologia enormemente diversificata: • • • • • • • • • • • • • • PTR / PTCP : piani sovraordinati Cartografia tecnica comunale Catasto Stradario / mobilità Reti infrastrutturali Volumetrico ed Anagrafe edilizia Standard Uso del suolo Vincoli ambientali Vincoli idrogeologici Geologia Rilievi ambientali Attuazione piano Piani di settore Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 9
  • 10. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 10
  • 11. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Quale riuso dei dati prodotti dalla attività di pianificazione? L’attività di pianificazione produce una quantità enorme di dati geografici; operando: derivazioni, aggiornamenti, integrazioni, nuovi rilievi, creazione di anagrafi, analisi e modellazione, piani e progetti. Molte Regioni prevedono nella propria L.R. che ogni Ente operi per gli interventi di pianificazione attraverso un SIT / GIS. Es. L.R. Campania 16/04 art. 17: sistema informativo territoriale: a) acquisire e fornire gli elementi conoscitivi indispensabili per le scelte di programmazione territoriale generale e settoriale; b) acquisire e fornire le informazioni a supporto di studi scientifici e ricerche a carattere fisico, geomorfologico, pedologico, agroforestale, antropico, urbanistico, paesaggistico-ambientale e, in generale, di uso del suolo; c) realizzare una banca dati relazionale; d) realizzare il repertorio cartografico ed aerofotografico regionale, previa ricognizione della dotazione cartografica ed aerofotografica esistente presso le strutture regionali e gli enti locali; Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 11
  • 12. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Quale riuso dei dati prodotti dalla attività di pianificazione? E’ dall’insieme di queste attività, per ognuno degli Enti amministrativi e tecnici, che a livello Regionale si viene a costituire l’ampio ed articolato patrimonio informativo relativo al territorio. Un insieme troppo eterogeneo in assenza di regole e standard. La distribuzione dei dati, nella gran parte dei casi, si limita a pochissimi strati informativi, quasi sempre limitati agli elaborati finali di zonizzazione (urbanistica, rischio, vincolo …), oppure agli archivi di base come la cartografia tecnica e le ortoimmagini. Ancora limitati sono gli enti che consentono la interoperabilità e riuso dei dati attraverso servizi web standard. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 12
  • 13. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 13
  • 14. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Quale è lo stato del riuso dei dati aperti? 1. Il numero degli Enti che rendono accessibili i dati è limitato ed episodico; 2. La tipologia dei dati resi aperti è esemplificativa, limitata ed assolutamente lontana dall’essere esaustiva per un uso professionale; 3. Basso livello di metadazione e, spesso, descrizioni errate od incomplete; 4. Infrastrutture di servizi di accesso ai dati spesso malfunzionanti; Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 14
  • 15. L. Scarpa - I professionisti usano i dati open Cosa chiedono i professionisti? 1. Una distribuzione di dati open più attenta, qualificata ed esaustiva per un riuso professionale degli stessi; 2. La presenza di infrastrutture di accesso per tutti gli EE.LL. che dispongono di banche dati geografiche significative o vincolanti l’attività professionale; 3. Metadatazione completa per la certificazione dei dati e per una loro reale usabilità. 4. La diffusione di standard e strumenti per la omogenizzazione dei dati resi disponibili; 5. Diffusione di modelli operativi standard sulla elaborazione dei dati della PP.AA. Conferenza OpenGeoData 2014 CC-BY 3.0 15