Your SlideShare is downloading. ×
0
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Scuola di fotografia - Pratica 6: Il ritratto ambientato

8,766

Published on

Published in: Art & Photos
0 Comments
6 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
8,766
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
701
Comments
0
Likes
6
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. SCUOLA DI FOTOGRAFIAIntroduzione alla prova pratica 6: Il ritrattoambientato.
  • 2. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 2Il ritratto ambientato• Il ritratto «ambientato» è la fotografia di un soggetto immerso in un contesto, sia naturale che volutamente ricercato.• Bisogna dare importanza al soggetto, integrandolo bene con l’ambiente circostante.• Rispetto al ritratto in studio, le pose devono essere più naturali, e bisogna sfruttare la luce ambientale.• Ovviamente è possibile ricorrere a dispositivi di illuminazione artificiale su supporti portatili, come pannelli riflettenti, faretti e flash.
  • 3. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 3 Come mettere in posa il soggetto• Quando si fa un ritratto, bisogna sempre tener presente la personalità ed il fisico del vostro soggetto.• Per questo bisogna quindi porsi delle domande per capire cosa cercare: • Chi è il vostro soggetto? • Quali tratti della sua personalità volete cogliere? • E’ un intellettuale o un body builder? • Un tipo serio o un solare?• Pensate sempre a chi avete davanti. Riflettete bene su come comunicargli le qualità che secondo voi andrebbero valorizzate, perciò discutete dell’abbigliamento che dovrebbe indossare, della migliore location in cui scattare, del tipo di atteggiamenti e gestualità che vorreste sottolineare attraverso la fotografia.
  • 4. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 4Come mettere in posa il soggetto• Dovete entrare a proprio agio con il soggetto. Agite di conseguenza.• L’espressione del volto è ovviamente l’indicazione più chiara e immediata della personalità di qualcuno, ma quando si scatta un ritratto tutti gli elementi dell’inquadratura contribuiscono a metterla in risalto.• Anche elementi che possono sembrare secondari, come gli accessori o gli oggetti presenti in scena, possono contribuire a mettere in risalto le caratteristiche che volete evidenziare del vostro soggetto.
  • 5. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 5L’ambientazione• Studiate bene il luogo in cui volete far posare il soggetto e stabilite in quale punto posizionarvi con la fotocamera.• Verificate la luce ambiente e/o predisponete l’illuminazione che volete usare (in aggiunta o in sostituzione di quella presente).• E’ importante che il vostro soggetto sia rilassato e a proprio agio. Evitate di farlo attendere troppo in piedi durante i preparativi: quando arriva in location, dovreste essere già pronti e dedicargli la vostra attenzione.• Il soggetto deve sentirsi a proprio agio con l’ambiente, e deve quindi essere fisicamente adatto ed avere l’abbigliamento giusto rispetto alla location scelta.
  • 6. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 6Il punto di ripresa• Guardate nel mirino e cercate d’inquadrare il soggetto in varie pose: di profilo, di tre quarti, in primo piano; che guarda in su, in giù, a destra, ecc.• Bisogna osservate come cambia ogni volta la sua espressione e stabilite quale secondo voi sia la migliore. Fate qualche scatto di prova e mostratelo al diretto interessato.• La foto di un soggetto è venuta bene, se e solo se quel qualcuno si vede bene in quella foto.• La prospettiva è importante: bisogna ricordare che le riprese dal basso tendono a slanciare la figura, e quelle dall’alto le appiattiscono.
  • 7. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 7La luce• Come per la fotografia in generale l’illuminazione è l’elemento fondamentale, ma nella fotografia di persone lo è probabilmente ancora di più.• Nel ritratto ambientato, la luce principale è quella usuale della location, sia naturale che artificiale. Non dobbiamo interferire troppo con la luce reale presente in scena, ma la dobbiamo sfruttare a nostro vantaggio.• La luce soffice, diffusa è generalmente quella più indicata quando si scatta un ritratto, ma in molti casi anche una luce laterale, drammatica, potrebbe essere più adatta al tipo di soggetto che vogliamo ritrarre. Dipende ovviamente da chi abbiamo davanti e da cosa vogliamo comunicare con il nostro lavoro: provate diversi tipi di illuminazione in modo da essere sempre a vostro agio con ciascuno.• E’ possibile tuttavia utilizzare dei pannelli riflettenti o dei flash per smorzare le ombre se sono troppo nette, specie per i ritratti all’aperto.
  • 8. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 8La luce• Se siete all’aperto, osservate il luogo nei diversi orari della giornata per stabilire la luce migliore.• Se vi trovate invece in interni, predisponete e verificate prima tutte le luci e gli schermi riflettenti che vi serviranno. Dovendo muovervi molto, è meglio che cerchiate di illuminare lo spazio in modo da potervi spostare senza dover riposizionare le luci tutte le volte.• Ricordatevi che il flash di riempimento (fill-in flash) è utile per smorzare le ombre troppo nette, così come il pannello riflettente.• Se usate il flash non sovrastare l’illuminazione principale. Infatti deve aggiungere un tocco di luce e mettere in risalto più dettagli di quelli visibili in condizioni normali. In caso in cui, poi, desideriate un’illuminazione più dolce e diffusa, il modo migliore per attenuare la luce è applicare un diffusore sulla testa del flash.
  • 9. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 9La luce• Per non caricare troppo la luce del flash, è opportuna usarla riflessa nei pannelli o sulle pareti.• Nel caso utilizziate un flash a slitta esterno ad angolazione regolabile, è consigliabile sollevarlo di un terzo verso l’alto . Se non avete un diffusore, potete usare anche un pezzo di cartoncino bianco (o qualcosa di simile) sul dorso del flash e ripiegatelo in modo che rifletta la luce sul soggetto.• Infine regolate la potenza di emissione del lampeggiatore a un valore di diaframma inferiore di uno stop rispetto alla lettura normale se necessario.
  • 10. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 10Le impostazioni• Di solito, in questo tipo di scatto, la scena è importante e non deve essere soffocata.• E’ bene dunque usare aperture focali abbastanza chiuse (F11 – F32) e scattare con il treppiedi.• Se scattiamo a mano libera, e se ci sono illuminazioni non troppo decise, useremo aperture più ampie (F3,5 –F5,6) facendo bene attenzione al PDC.• Gli ISO saranno sempre piuttosto bassi (100 in esterno, max 400 se possibile, in situazioni di maltempo o al chiuso).
  • 11. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 11L’interazione con il soggetto• Se si scatta un ritratto ad un soggetto nel proprio ambiente di lavoro o casalingo, è importante fare una ricognizione sul luogo di attività del soggetto (possibilmente quando lui è presente).• Chiedete al soggetto se potete osservare quello che fa, pensando a quale potrebbe essere una buona inquadratura per la foto.• Il soggetto dev’essere sì dentro all’ambiente, ma non deve farvi parte come se si trattasse di un elemento qualsiasi.• Bisogna quindi cercare un punto di ripresa atto in qualche modo a separare la figura dal resto della scena. Oltre ad un uso appropriato della luce, nel ritratto ambientato l’inquadratura è da considerarsi di primaria importanza.
  • 12. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 12L’interazione con il soggetto• Cercate di scoprire se c’è qualcosa che piace e con cui il soggetto può interagire. Sarà vostro compito inserire nella scena nel modo più adeguato l’oggetto, l’abito, l’accessorio e una parte della scena di chi dovete ritrarre.• La scena però, non deve prendere il sopravvento sul soggetto.• Scegliete se possibile insieme al soggetto, gli abiti, le pose e gli accessori adatti alla location, tenendo presente il sentimento che volete trasmettere con lo scatto.• Chiedete al soggetto di essere più naturali possibili. Per questo è opportuno scegliere sempre pose che si adattino al soggetto e alla location in cui il modello si senta a proprio agio.
  • 13. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 13L’interazione con il soggetto• Bisogna saper entrare in sintonia e confidenza con il soggetto. Quando sarà assorbito da quanto sta facendo e non penserà più a voi, quello sarà un buon momento per scattare le prime foto.• E’ opportuno capire bene la migliore inquadratura, girando intorno al soggetto, per decidere l’angolazione migliore, e cercate di fotografarlo prima da lontano, poi un po’ più vicino, di fronte e lateralmente.• Tenete sempre a mente chi avete davanti, le sue particolarità e il suo carattere. Scegliete il momento più appropriato e cogliete l’attimo.• Tenete sempre l’occhio nel mirino, per aspettare il momento in cui chi state osservando si dimentichi della vostra presenza per trovare le espressioni migliori.
  • 14. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 14Da tenere a mente:• E’ sempre consigliabile ricordarsi di enfatizzare le forme dei soggetti.• Una buona posa per le donne è quella di farle posare a 3/4 e di enfatizzare la loro siluette e le curve femminili.• Per i soggetti maschili, usare pose simmetriche e decise, per dare risalto alla muscolatura e alle espressioni.• La messa a fuoco va sugli occhi del soggetto, utilizzando il punto di messa a fuoco manuale.
  • 15. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 15Da tenere a mente:• Quando si parla di destra o sinistra con il soggetto, si fa sempre riferimento alla destra o alla sinistra del soggetto.• Nelle situazioni critiche di luce a taglio, meglio sempre sovrasporre leggermente.• Se si scatta un ritratto del volto con luce decisa, posizionare il pannello riflettente sotto il mento per schiarire le ombre.
  • 16. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 16Fotografi famosi di ritratto ambientato• E’ consigliabile esaminare bene fotografi professionisti nel settore per farsi un idea delle pose e delle tecniche:  Fabrizio Ferri  Hiroshi Nonami  Jan Saudek  Richard Avedon  Robert Mapplethorpe  Tim Walker  Dimitri Stheocharis  Davide Cerati  Piero Gemelli  Fabio Lovino  Elio Carchidi
  • 17. © 2012 Officina Fotografica – Tutti i diritti riservati 17Pratica 6 – FineCi sono domande? FINE © Stefano di Pede Officina Fotografica - Foto di Officina Fotografica e tratte dal web

×