• Save

Loading…

Flash Player 9 (or above) is needed to view presentations.
We have detected that you do not have it on your computer. To install it, go here.

Like this document? Why not share!

Comunicazione in un progetto di educativa di strada con strumenti web 2.0

on

  • 2,183 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,183
Views on SlideShare
2,173
Embed Views
10

Actions

Likes
1
Downloads
1
Comments
0

2 Embeds 10

http://www.progettochiave.it 7
https://twitter.com 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Comunicazione in un progetto di educativa di strada con strumenti web 2.0 Comunicazione in un progetto di educativa di strada con strumenti web 2.0 Document Transcript

  • UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Psicologia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche Naturali Corso di Laurea in Teoria e Tecnologia della Comunicazione Comunicazione in un progetto di Educativa di strada con strumenti web 2.0 Relatore: Prof. Roberto POLILLO Correlatore: Dott. Giuseppe SANGIORGIO Tesi di Laurea di: Nicole Valentina Serena COLOMBO Matr. 063968 Anno Accademico 2008/2009
  • Sommario Sommario ................................................................................................ 1  Introduzione ............................................................................................ 5  Nota al lavoro .......................................................................................... 7  1.  Premessa teorica: il web 2.0 ............................................................ 9  1.1  User generated content .............................................................. 11  1.1.1  Le foto e il photosharing con Flickr ...................................... 12  1.1.2  I video e il videosharing con YouTube e Qik ......................... 13  1.2  Gli strumenti web 2.0 ................................................................ 15  1.2.1  Forum................................................................................. 15  1.2.2  Blog .................................................................................... 16  1.2.3  Social network site .............................................................. 17  1.2.4  Facebook ............................................................................ 18  1.2.5  Ning .................................................................................... 21  1.3  Real time web ............................................................................ 22  2 1.3.1  Twitter ................................................................................ 24  2 1.4  La gratuità del web 2.0............................................................... 25  1.5  Cloud computing ....................................................................... 26  2.  La situazione giovanile .................................................................. 28  2.1  Condivisione sul senso delle politiche giovanili: intervista al dott. Giorgio Prada...................................................................................... 28  2.2  Quadro statistico sui giovani della provincia di Varese ............... 33  2.2.1  Quadro demografico ............................................................ 33  2.2.2  Fenomeno migratorio .......................................................... 34  2.2.3  Quadro demografico degli adolescenti nel territorio di Sesto Calende-Vergiate ............................................................................. 38  2.2.4  Abbandono scolastico ......................................................... 40  2.2.5  Uso di sostanze psicoattive.................................................. 42  2.2.6  Considerazioni degli educatori sui giovani ........................... 45  2.2.7  Conclusioni ......................................................................... 45  2.3  I giovani, le nuove tecnologie e la rete ......................................... 46 
  • 2.3.1  I giovani e le nuove tecnologie: i dati Eurisko ...................... 46  2.3.2  I giovani e le nuove tecnologie: il punto di vista degli educatori ……………………………………………………………………..……..48  2.3.3  I giovani e la rete: i dati Eurisko .......................................... 49  2.3.4  I giovani e la rete: il punto di vista degli educatori ............... 51  2.3.5  I giovani e la rete: la mappatura on-line del territorio di Sesto Calende e Vergiate ........................................................................... 52  2.3.6  Conclusioni ......................................................................... 55  3.  Progetto ChiaVe ............................................................................ 57  3.1  Motivazioni e origini del progetto ................................................ 57  3.2  Obiettivi del progetto .................................................................. 57  3.3  Attività del progetto .................................................................... 58  3.3.1  Educativa di strada ............................................................. 59  3.3.2  Interventi focalizzati alla popolazione adolescente femminile e straniera .......................................................................................... 61  3.3.3  Accompagnamento al lavoro ................................................ 62  3 3.3.4  Formazione degli operatori sociali ....................................... 63  3 3.3.5  Eventi culturali: Fuori chi Legge .......................................... 65  3.4  Chi partecipa al progetto ............................................................ 65  3.4.1  I committenti: le amministrazioni comunali ......................... 65  3.4.2  I partner: L’Aquilone Società cooperativa sociale.................. 66  3.4.3  I destinatari del progetto: i ragazzi dell’Educativa di strada e i giovani delle borse lavoro ................................................................. 68  4.  Start-up del progetto ChiaVe ......................................................... 71  4.1  Piano di comunicazione .............................................................. 71  4.2  Con-t@tto Spazio Adolescenti ..................................................... 72  4.3  Logo del progetto ChiaVe ............................................................ 75  4.4  Materiale cartaceo per la conferenza ........................................... 76  4.5  Incontri per la formazione degli educatori ................................... 81  4.5.1  Organizzazione degli incontri............................................... 81  4.5.2  Primo incontro di formazione: introduzione al web 2.0......... 82  4.5.3  Secondo incontro di formazione: strumenti web 2.0............. 83 
  • 4.5.4  Terzo incontro di formazione: format per il social network ... 84  4.5.5  Quarto incontro di formazione: ABC della scrittura su web.. 85  4.5.6  Quinto incontro di formazione: primi passi nel social network su Ning ……………………………………………………………………….……86  4.5.7  Considerazioni degli educatori sulla formazione .................. 87  4.5.8  Considerazioni sugli strumenti proposti .............................. 87  4.6  Ning ........................................................................................... 91  4.6.1  Facebook ............................................................................ 95  4.7  Manifesto pubblicitario .............................................................. 98  5.  Conclusioni e sviluppi futuri ....................................................... 100  5.1  Considerazioni finali ................................................................ 100  5.2  Sviluppi futuri ......................................................................... 102  5.2.1  Prossime iniziative sul web ................................................ 103  6.  Allegati ....................................................................................... 107  Allegato 1: Piano di comunicazione ................................................... 107  Allegato 2: Slide secondo incontro di formazione ............................... 112  4 Allegato 3: Slide terzo incontro di formazione .................................... 117  4 Bibliografia .......................................................................................... 120  Sitografia ............................................................................................. 121  Ringraziamenti .................................................................................... 125 
  • Introduzione Scopo della tesi è capire come poter sfruttare alcuni strumenti web 2.0 per continuare sulla rete una già consolidata esperienza di Educativa di strada1 tradizionale. La scelta di usare internet è data dalla naturale evoluzione della società e, in particolare, del modo di vivere dei ragazzi. Se l’intento dell’Educativa di strada è raggiungere i giovani nei loro luoghi abituali di ritrovo, oggi, è impossibile non considerare il web. La sfida interessante proposta da questo lavoro di tesi è quella di gettare le basi per un buon intervento di Eds on-line. Questa iniziativa s’inserisce nel progetto denominato “ChiaVe: un progetto che apre le frontiere”, che prende il nome dai due Comuni capofila, Chiasso e Vergiate. Chiasso è un paese svizzero del Canton Ticino, vicino al confine con 5 l’Italia. Vergiate è un comune lombardo della provincia di Varese. 5 Il progetto è stato presentato per il finanziamento nell’ambito del Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia - Svizzera dell'Unione Europea. Il progetto s’inserisce nelle azioni già attivate dal Piano di Zona e dai Comuni, relative all’attuazione della ex-Legge 45/99 e della Legge 328. Lo scopo principale è riprendere alcune azioni messe in atto con precedenti interventi oltre che intraprendere nuove iniziative a vantaggio dei giovani nel Distretto di Sesto Calende, comune limitrofo a Vergiate. 1 Educativa di strada abbreviata per comodità con la sigla Eds.
  • La tesi si snoderà in cinque capitoli, ecco cosa si tratterà nel dettaglio. 1. Nel primo capitolo si espone lo stato attuale del web, con particolare attenzione agli strumenti 2.0 più importanti e utilizzati, che potrebbero essere usati per le attività del progetto. 2. Il secondo capitolo si focalizza sulla situazione giovanile e il rapporto degli adolescenti con internet e le nuove tecnologie, attraverso interviste e dati statistici. 3. Nel terzo capitolo si presentano obiettivi, attività e gli attori coinvolti nel progetto ChiaVe. 4. Col quarto capitolo si entra nel vivo del lavoro svolto nell’ambito del progetto. Sono qui presentate le azioni di comunicazione messe in atto sia online sia offline. Una parte importante è dedicata all’intervento formativo di alfabetizzazione al web 2.0, riservato agli educatori. 5. Nel quinto capitolo si espongono le valutazioni sulle azioni online, con 6 6 particolare attenzione alle riflessioni degli educatori. In conclusione, saranno indicati gli sviluppi del progetto e le iniziative che si possono intraprendere per migliorare l’azione sul web.
  • Nota al lavoro Il progetto ChiaVe nasce dall’impegno dei comuni di Chiasso e Vergiate, ma, in questi primi mesi di avvio, nella realtà pratica un ruolo importante è ricoperto dal comune di Sesto Calende. La collaborazione con Chiasso è stata notevolmente ridimensionata rispetto all’impegno iniziale, mentre la posizione di Sesto Calende è più forte. Probabilmente questo è dovuto al fatto che gli educatori che lavorano alle attività del progetto in Italia appartengono alla Cooperativa L’Aquilone, che ha sede a Sesto. Un’altra nota importante da fare è legata alle attività prese in considerazione. Gli interventi messi in atto nella fase di start up del progetto ChiaVe sono di varia natura. Alcuni sono legati alla comunicazione istituzionale dell’intero progetto, altri supportano attività già avviate sul territorio, come il portale Con-t@tto – Spazio Adolescenti. Il progetto è composto da numerose attività: alcune vengono rilanciate, 7 7 come l’Eds, e altre sono appena nate. Di queste ultime la maggior parte non è ancora iniziata, mentre solo una minoranza è già stata avviata, come le borse lavoro. Da notare, infine, che le attività del progetto sono focalizzate nel Distretto di Sesto Calende, dove gli educatori de L’Aquilone operano lavorando su diverse iniziative. Questi sono i motivi per cui nei prossimi capitoli l’attenzione si focalizzerà su diversi aspetti. • Dall’intero progetto ChiaVe alle singole attività già avviate, in particolare: - comunicazione istituzionale legata al progetto - integrazione di ChiaVe nel portale preesistente di www.con- tatto.it - social network su Ning dedicato all’Eds
  • - azioni su Facebook relative all’Informagiovani di Vergiate e all’Eds di Taino. • Focus sul territorio di Vergiate e Sesto Calende • Considerazione di attività extra progettuali, seguite dagli educatori de L’Aquilone, come l’Eds di Taino. 8 8
  • 1. Premessa teorica: il web 2.0 Il web 2.0 è un nuovo modo di intendere la rete, ponendo al centro i contenuti, le informazioni, l’utente e le sue interazioni2. Con questa definizione si indica lo stato di evoluzione di internet rispetto alla condizione precedente, detta 1.0.3 Non è semplice definire il web 2.0 in modo univoco, ma è possibile individuarne alcune caratteristiche. Tipico del web 2.0 è la centralità dell’utente, nella sua nuova interazione col sito e con gli altri utilizzatori. Egli non è più un fruitore passivo, ma un autore attivo poiché è lui stesso che può scrivere e pubblicare un contenuto di cui è esperto o appassionato. La partecipazione dell’utente consiste non semplicemente nella redazione di un testo, ma anche nell’interazione e integrazione del contenuto altrui. Ogni utente può leggere, commentare, rispondere a un articolo condividerlo sul proprio profilo di alcuni social network4. Difatti, il filo e addirittura può 9 9 conduttore della filosofia 2.0 è proprio la collaborazione, data dall’interazione tra le persone grazie alla tecnologia5. In questo senso, i contenuti pubblicati sul web non sono statici. Vengono costantemente aggiornati grazie alla collaborazione di tutti quegli utenti che desiderano partecipare alla discussione e condividere il proprio sapere, offrendo uno spunto critico e arricchendo la conoscenza. Allo stesso modo non solo i contenuti sono dinamici, lo sono anche applicazioni, programmi e strumenti, che sono scaricabili, utilizzabili e alle volte modificabili gratuitamente. 2 Si veda: Montalto, M., Web 2.0: Internet volta pagina, consultabile all’indirizzo internet http://www.microsoft.com/italy/pmi/marketing/internetmarketing/web20.mspx?pf=true, del 10.07.2009. 3 Si veda http://it.wikipedia.org/wiki/Web_2.0, del 10.07.2009. 4 Si veda: O’Really, T., What is Web 2.0, consultabile su http://www.dynamick.it/web-20-una- definizione-in-10-punti-534.html, del 10.07.2009. 5 Cfr: Montalto, M., Op. cit.
  • La relazione che si crea fra gli utenti è una relazione alla pari, in cui tutti possono offrire il loro contributo, commentando un articolo o un post, offrendo la loro riflessione. La conoscenza in questo modo si distribuisce orizzontalmente e non è più calata dall'alto. Altro tema fondamentale del web 2.0 è la gratuità: registrazione e utilizzo di programmi, strumenti o piattaforme sono privi di costo. Questa concezione è l’inevitabile conseguenza della filosofia 2.0 che si basa sull’evoluzione di contenuti e informazioni in base all’apporto delle persone interessate. Ciò significa che i contenuti non sono riservati o protetti ma accessibili, condivisibili e modificabili, proprio perché si crede nella positività dell’apporto che ciascuno può dare. La co-generazione dei contenuti è agevolata da aspetti legati alla tecnologia e alle infrastrutture. Accanto all’evoluzione del web ci sono stati cambiamenti tecnologici e infrastrutturali che hanno permesso una rapida espansione nell'uso del computer e di internet. 10 10 Tra quelli tecnologici ricordiamo l’abbassamento delle conoscenze e competenze necessarie per pubblicare online e l’aumento delle risorse che permettono la pubblicazione e la condivisione di informazioni (blog, social network). I cambiamenti infrastrutturali riguardano la rete e le macchine usate. Ricordiamo il miglioramento della qualità della rete diventata più veloce e potente, la possibilità di essere sempre connessi a internet a costi minimi e il miglioramento tecnologico dei computer stessi, ora più economici, potenti ed usabili. Abbiamo assistito ad un aumento degli utenti internet, favorito da un abbassamento sia dei costi di accesso alle macchine e alla rete, che delle capacità richieste per usare tecnologie e strumenti.
  • 1.1 User generated content Com’è già stato anticipato, il web 2.0 prevede una rivoluzione nel paradigma utente–computer, grazie alla quale l’utente assume un ruolo attivo nell’interazione. Questo cambiamento si traduce nella nascita di piattaforme che non solo permettono la pubblicazione di contenuto, ma anche la condivisione di parole chiave e la classificazione di informazioni. Molti strumenti 2.0 offrono anche servizi di classificazione aperta – social tagging – per classificare i propri contenuti, l’articolo di un blog, una fotografia, un video o altro. La maggiore popolarità di alcuni tag può essere evidenziata attraverso diversi espedienti grafici, ad esempio cambiando colore, dimensione del carattere o posizione nella pagina. Più un tag è usato dagli utenti più il termine diventerà popolare: la categorizzazione in tal modo diventa democratica, non imposta dall’alto, ma dal basso e soggetta a un’evoluzione spontanea. Tale classificazione è definita folksonomy6. 11 Uno dei difetti delle folksonomy può consistere nella proliferazione di 11 varianti dello stesso termine (sinonimi, omonimi, forma al singolare o al plurale, minuscole/maiuscole ecc.). Per evitare questo rischio si possono adottare tecniche come il clustering7 per ottenere che diversi tag siano trattati come se fossero uno. È opportuno adottare il sistema delle folksonomy quando si sceglie di non gestire centralmente la categorizzazione, ma si vuole consentire agli utenti finali di partecipare alla classificazione dei contenuti, facendo così emergere dal basso i modelli mentali8. La scelta di far “taggare” i contenuti dagli utenti dipende dal valore che si attribuisce alla natura soggettiva delle descrizioni non professionali. Bisogna ricordare che non si condivide mai del tutto lo stesso vocabolario: 6 Folksonomy: termine coniato da Thomas Vander Wal nel 2003, che deriva dalle parole folk (popolo) e taxonomy (tassonomia). 7 Clustering significa raggruppamento in grappoli; ad esempio folksonomy, folksonomy o folksonomies possono essere raggruppati. 8Si veda: de Michelis, G., Un’organizzazione che parte dal basso, “Monthly Vision”, marzo 2006, pg. 27.
  • le parole che usa una persona sono spesso così autoreferenziali che un’altra non riuscirebbe a capirne completamente il senso con cui sono state usate. 1.1.1 Le foto e il photosharing con Flickr Le fotografie sono dei contenuti molto diffusi sul web e non solo. Vengono spesso usate per arricchire un post, documentare un fatto, raccontare un evento. La loro popolarità ha fatto sì che il web non potesse limitare gli utenti a usare le foto come corredo o decorazione. Per questo motivo sono nate delle piattaforme definite photosharing9, che permettono di pubblicare in rete e condividere con gli altri le proprie immagini. Una di queste è Flickr, un sito di photosharing multilingua, di proprietà del gruppo Yahoo! dal 2005. Flickr offre una libreria in continua crescita che conta oltre quattro miliardi di fotografie caricate10. Inizialmente il servizio è nato come strumento per ospitare le proprie 12 immagini da pubblicare su altri siti, come i blog. In seguito si è evoluto 12 diventando esso stesso una comunità virtuale, anche grazie alla crescita tecnologica e al largo numero di strumenti fotografici. Come per altri strumenti 2.0 è necessario iscriversi per utilizzare il servizio. Ci sono due possibilità di iscrizione. Si può scegliere di usufruire di un account gratuito con alcune restrizioni, come lo spazio limitato alla visualizzazione di 200 fotografie e al caricamento di 100 MB di foto al mese. Tale account viene chiuso dopo 90 giorni di inutilizzo. In alternativa, c’è la possibilità di creare un account senza limiti, grazie al pagamento di un canone mensile di 24,95 dollari l’anno. L’utente può organizzare le foto con semplicità subito dopo aver scattato la foto, attraverso applicazioni online, web browser, via MMS o e-mail. Le 9 “Il termine photosharing (condivisione foto) denomina i servizi internet che consentono ad un utente di caricare le immagini di propria produzione su un server, per condividerle con gli altri utenti della rete”. Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Photosharing, consultato il 15.12.2009. 10 Dato ad ottobre 2009. Si veda: http://www.downloadblog.it/post/10950/flickr-raggiunge-i-4- miliardi-di-foto-caricate, consultato il 15.12.2009.
  • fotografie vengono catalogate e indicizzate attraverso parole chiave, tag e luogo di scatto. Flickr presenta un sistema di filtraggio per le fotografie potenzialmente controverse e volgari. Il sistema permette agli utenti di giudicare e segnalare un'immagine come sicura, ristretta o da censura. In questo modo, gli utenti possono scegliere se visualizzare tutte le immagini oppure solo quelle sicure, secondo la propria sensibilità. In alcuni paesi queste impostazioni sono state modificate in base alle leggi vigenti. Le immagini caricate su Flickr sono protette da copyright, cioè hanno tutti i diritti riservati. È però possibile riservarsi sulle proprie opere solo alcuni diritti previsti dalla legge, selezionando una licenza Creative Commons. In questo modo si autorizzano la copia, la riproduzione in pubblico o la modifica delle fotografie.11 1.1.2 I video e il videosharing con YouTube e Qik Registrare un video è una pratica molto diffusa che nasce decenni fa, in 13 13 modo indipendente dal web. Oggi appare evidente che i video siano uno strumento molto efficace e utilizzato. Si pensi alle recenti campagne di marketing virale12 dove il filmato è spesso l’elemento centrale per la sua forza comunicativa. Con la rapida evoluzione della rete il video è stato rivalutato per la ricchezza dei canali comunicativi usati – immagine, audio e musica – e per l’immediatezza con cui raggiunge gli utenti. Pubblicare un video è un’azione molto semplice e diffusa grazie ai numerosi strumenti di 11 Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Flickr, consultata il 15.12.2009. 12Il marketing virale è un tipo di marketing non convenzionale che sfrutta la capacità comunicativa di pochi soggetti interessati, per trasmettere il messaggio ad un numero elevato di utenti finali. La modalità di diffusione del messaggio segue un profilo tipico che presenta un andamento esponenziale. È un'evoluzione del passaparola ma se ne distingue per il fatto di avere un'intenzione volontaria da parte dei promotori della campagna. Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Marketing_virale, del 16.11.2009. “Un video virale non è altro che un video così divertente, interessante o innovativo che le persone non si trattengono dal volerlo condividere, che sia per mezzo di video blog, blog, instant messaging, email, attraverso un passaparola online, definito word of mouse.” Cfr: http://www.desmm.com/cose-un-video-virale-590.html, del 16.11.2009.
  • videosharing13 presenti sul web: il più famoso e utilizzato a livello mondiale è YouTube14. Su questo sito è possibile caricare video proprietari e classificarli con dei tag. Ciascun video può essere visto dagli altri utenti che a loro volta possono votarlo, commentarlo, condividerlo oppure incorporarlo nelle pagine personali. Un altro sito di videosharing interessante è Qik15, che permette di trasmettere video sul web in diretta dal cellulare. La nascita di strumenti di questo tipo mostra come le persone siano sempre più attratte dalle informazioni che possono fruire in diretta e in modalità video. È possibile integrare i filmati all’interno di strumenti come i blog: ciò significa corredare un articolo con un video, o addirittura sostituire completamente il testo con un video. Quest’ultima modalità è un strumento che prende il nome di video blogging16, cioè creare un blog di soli video. 14 14 13 Il video sharing o condivisione video indica genericamente l'atto di condivisione di file video attraverso la rete, per mezzo di programmi di file sharing o siti internet appositamente creati, come YouTube, Yahoo! Video o Google video. Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Video_sharing del 10.11.2009. 14 www.youtube.com. YouTube è un sito web che consente la condivisione di video tra i suoi utenti. è il più famoso servizio multilingue di video sharing, fondato nel febbraio 2005. Il suo scopo è di ospitare solamente video realizzati direttamente da chi li carica. Il regolamento del sito vieta l’upload di materiale protetto da diritto d’autore se non se ne è titolari. Il sito accetta video prodotti con videocamere digitali e cellulari nei formati .AVI, .MOV ed .MPG., di qualsiasi durata, al più di 100MB. I video sono indicizzati attraverso dei tag inseriti dall’autore, che può deciderne la riservatezza e l’uso: i video possono essere resi pubblici o possono essere visualizzati solo in privato dai nostri amici o familiari. YouTube consente l’incorporazione dei propri video all’interno di altri siti web, copiando il codice HTML necessario, che viene fornito – se l’autore ne ha dato l’autorizzazione – nella pagina del video. Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/YouTube, consultato il 10.11.2009. 15 www.qik.com. Qik è un altro sito interessante per la condivisione di video. Questo permette di trasmettere video in diretta via internet direttamente dal telefono cellulare (attualmente sono supportati i Nokia con sistema operativo Symbian v3). Per caricare qui i video è necessario iscriversi al sito e dopo aver ricevuto la conferma dell’account si potrà scaricare l’applicazione da installare sul telefonino, personalizzare il proprio account e iniziare con le prime riprese. 16 Il video blogging, abbreviato in vlogging è una forma di blogging per la quale si usano i video. Solitamente i post si scrivono incorporando il codice del video preso da un sito di video sharing. Si veda: http://en.wikipedia.org/wiki/Video_blogging, consultato il 16.11.2009.
  • Inoltre le riprese si possono integrare nella chat con applicazioni dette video chat17, con cui è possibile vedere attraverso una webcam le persone con cui si sta chattando. 1.2 Gli strumenti web 2.0 Gli strumenti web 2.0 sono quelli che permettono le attività appena descritte. Il primo strumento definibile 2.0 è il forum e, in seguito, si sviluppano anche blog, chat, wiki, servizi di messaggistica istantanea, strumenti di social bookmarking, video e photosharing, ognuno dei quali permette una particolare modalità di interazione. Intorno all’anno 2005 nascono i social network che inglobano al loro interno le potenzialità dei singoli strumenti 2.0. 1.2.1 Forum I forum sono i primi strumenti di condivisione di contenuto, fanno la loro 15 comparsa nel 1995. Per la loro natura possiamo già definirli 2.0, anche se 15 la loro nascita risale a un periodo antecedente al web 2.0. Un forum è sia la struttura informatica nella quale degli utenti discutono su vari argomenti, che il software utilizzato per fornire tale struttura. I forum sono caratterizzati da un senso di comunità virtuale, sviluppato grazie alla discussione e condivisione di interessi comuni da parte degli utenti, spesso abituali. Il focus dei forum è l’argomento trattato. La tecnologia, i videogiochi, la politica, l'attualità e lo sport sono temi popolari, ma ci sono forum per un enorme numero di argomenti differenti. 17 La video chat è un’applicazione che deriva dalla video conferenza. Questa può essere definita come una serie di tecnologie interattive per la telecomunicazione che permette a due o più persone o gruppi collocati in diverse aree geografiche di comunicare e collaborare potendo non solo sentire la voce ma anche vedendo gli interlocutori. Si veda: http://en.wikipedia.org/wiki/Video_chat, consultato il 16.11.2009.
  • I forum vengono utilizzati anche come strumenti di supporto on-line per vari prodotti e all'interno di aziende per mettere in comunicazione i dipendenti e permettere loro di reperire informazioni18. Molti forum richiedono la registrazione dell'utente prima di poter inviare messaggi e in alcuni casi anche per poterli leggere. In ogni caso la registrazione e la condivisione di informazioni su un forum sono gratuite. La comunicazione possibile attraverso questo strumento è di tipo asincrono, ciò significa che non è necessaria la presenza online di due persone per interagire. Infatti, i post scritti sono memorizzati e visualizzati nella sezione scelta quando un utente accede alla piattaforma. 1.2.2 Blog Il blog è la più conosciuta piattaforma 2.0. Comparsi nel 1997, questi strumenti iniziarono a diffondersi dal 2001 grazie alla disponibilità in rete di piattaforme gestionali gratuite. 16 La parola “blog” deriva dalla contrazione dell’espressione “web log”, in altre 16 parole diario web. Un blog è un ibrido tra un diario personale e il giornalismo online, ed è caratterizzato dall’ordinamento cronologico inverso delle informazioni19. Il focus di un blog è la persona che scrive. Il fenomeno dei blog si è evoluto a un possibile diritto per chiunque, permettendo a tutti la pubblicazione su internet di dati e documenti. La struttura di un blog normalmente è costruita con applicazioni che creano automaticamente pagine web. Un blog permette a chiunque connesso a internet, di creare facilmente un proprio spazio web su cui pubblicare in totale autonomia storie, informazioni e opinioni. Ogni articolo di un blog – post – è normalmente collegato a un tema – thread – e i lettori possono lasciare i propri commenti in merito. All’interno del blog 18 Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Forum_(internet), consultato il 12.10.2009. 19 Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Blog, consultato il 12.10.2009.
  • ogni post è numerato e può essere individuato specificamente con un permalink, un indirizzo univoco per ogni singolo articolo20. In un blog è necessario registrarsi gratuitamente per interagire con gli altri. La comunicazione è asincrona perché, come nei forum, i messaggi sono visibili agli utenti per molto tempo dalla data di inserimento e i dialoghi non sono simultanei. 1.2.3 Social network site Una rete sociale è formata da un qualsiasi gruppo di persone connesse fra loro da diversi legami sociali, che vanno dalla conoscenza casuale, ai rapporti di lavoro, ai vincoli familiari. La versione virtuale di queste reti sono gli online social network, che oggi rappresentano uno degli elementi fondamentali del web. Un social network site è un insieme di relazioni tra individui e non solo un gruppo chiuso di persone. Rappresentano una nuova frontiera della socializzazione in rete 17 perché mirano a connettere le persone presenti al loro interno21. 17 Possiamo definire un social network site come un servizio web che aiuta gli individui a costruirsi un profilo più o meno pubblico, preparare una lista di utenti con cui condividere informazioni e ampliare la propria lista di contatti guardando quella degli altri. I siti di social network22 non aiutano solo a entrare in contatto sconosciuti, ma consentono agli utenti di ampliare e rendere visibili le proprie reti sociali. Solitamente le persone entrano in comunicazione con altri che fanno già parte della loro rete sociale23. 20 Si veda: http://www.minervaeurope.org/publications/handbookwebusers_it/chapter1_2.html, consultato il 12.10.2009. 21 Si veda: Di Bari, V. (a cura di), Web 2.0. Internet è cambiato. E voi? Il Sole 24 Ore, Milano, 2007, pp. 85-87. 22 Nonostante sia chiara la distinzione tra social network site e rete sociale, per comodità nel corso della tesi i social network site verranno definiti semplicemente social network. 23 Si veda: Boyd, D. M., Ellison, N. B., “Social network sites: definition, history and scholarship”, Journal of Computer-Mediated Communication, 13 (1). Reperibile all’indirizzo http://jcmc.indiana.edu/vol13/issue1/boyd.ellison.html, consultato il 23.01.2010.
  • I social network sono l’esempio più completo di strumento 2.0. La loro potenzialità è molto forte e utile, ma non sempre sono sfruttati per generare esclusivamente contenuti significativi. Alcuni social network hanno la peculiarità di intrattenere e divertire i propri utenti, anche se non si può escludere a priori un uso serio e responsabile del mezzo. Gli esempi che prendiamo in considerazione sono Facebook, il social network più famoso, e Ning, la piattaforma che s’intende usare nel progetto. 1.2.4 Facebook Facebook24, che ad oggi conta più di 350 milioni di utenti25, offre numerose possibilità di interazione e intrattenimento: accanto a gruppi ed applicazioni superficiali e di svago, esperti di vari settori utilizzano questo mezzo per proporre i propri consigli ed idee attraverso un canale non tradizionale, considerando tale anche il sito web. 18 18 Ad esempio, Luca Conti26 usa Facebook per commentare un articolo, un libro o altro, indicare un evento, dare una comunicazione veloce: tutte attività che sul suo sito non avrebbero senso. Anzi, Conti integra sulla sua pagina di Facebook diversi strumenti 2.0, come Twitter27 e Delicious28. 24 Si veda: http://www.facebook.com/home.php. 25 Dati aggiornati a dicembre 2009. Si veda: http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2009/12/facebook- aumenta-privacy.shtml?uuid=8460842e-df5d-11de-a6d3-46f5b7efdae3&DocRulesView=Libero, consultato il 15.12.2009. 26 Luca Conti è nato nel 1975 e laureato in Scienze Ambientali. In questo momento è consulente di Liquida e de Il Sole 24 Ore, insegna presso alcune facoltà italiane, è uno dei più noti blogger italiani oltre che autore di molti libri. Conti ha una vastissima esperienza nell’ambito della comunicazione online e dei social media, è un attento osservatore dei trend e delle nuove opportunità che il mondo digitale offre al privato, alle aziende e al no profit. Per queste informazioni si vedano: http://pandemia.info, http://www.lucaconti.it e http://www.essericomunicazione.it, consultati il 16.10.2009. 27Si veda: http://twitter.com/. Twitter è stato creato nel marzo 2006 dalla Obyious Corporation di San Francisco. Twitter è un servizio di social network e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri. Gli aggiornamenti possono essere fatti tramite il sito stesso, via SMS, con programmi di messaggistica istantanea, e-mail, oppure tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter.
  • Il fatto che esperti di comunicazione sfruttino i social media per diffondere conoscenza significativa è la dimostrazione che è possibile sfruttare questi strumenti in modo costruttivo. Facebook è stato lanciato nella primavera del 2004, concepito ai suoi inizi come annuario elettronico degli studenti dell’Università statunitense di Harvard, allo scopo di far conoscere tra di loro gli alunni attraverso la lettura dei profili e la visione delle foto online. La crescita della rete è stata veloce, ben oltre i confini del campus29. In questo momento Facebook è utilizzato in tutto il mondo da 350 milioni di utenti, che lo utilizzano costantemente ogni giorno30 per rimanere in contatto con amici e conoscenti attraverso diverse applicazioni. Gli scopi principali di chi si iscrive a Facebook sono due. Uno è mantenere vive o rafforzare le relazioni che si hanno nella vita reale, l’altro è conoscere nuove persone. Poiché Facebook permette alle persone di connettersi con gli altri, non è sorprendente che questo e altri social network siano 19 diventati così profondamente radicati nella quotidianità dell'utente31. 19 In Facebook è possibile interagire con gli altri attraverso la posta elettronica interna (collegata alla mail utilizzata per iscriversi), la chat con cui parlare con amici in linea oppure scrivendo commenti sulla propria bacheca o su quella degli altri. Inoltre è possibile pubblicare link, eventi, musica, fotografie e video condividendoli con i propri amici. Si veda http://it.wikipedia.org/wiki/Twitter, consultata il 15.11.2009. Si veda anche il capitolo 1.3.1: Twitter. 28 Si veda: http://delicious.com/. Del.icio.us è un sito web di social bookmarking per l'archiviazione, ricerca e condivisione di bookmark, creato nel 2003. Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Delicious, consultata il 15.11.2009. 29 Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Facebook, consultata il 07.10.2009. 30 I dati di http://www.alexa.com, al 15.11.2009, mostrano che Facebook è il secondo sito più visitato al mondo e in Italia (secondo solo a google.com), mentre negli Stati Uniti scende alla terza posizione (dopo google.com e yahoo.com). A livello mondiale, è stimato che circa il 26% degli utenti Internet accedono a Facebook ogni giorno. 31 Si veda: Boyd, D., M., Ellison, N. B., Op. cit.
  • Facebook utilizza la dicitura “amici” per indicare i contatti di un profilo: l'etimologia della parola “amico” è un po' diversa dal significato attribuito dal social network. Il termine è fuorviante, perché non s’intende l'amicizia nel senso comune, di tutti i giorni. Tra gli amici di Facebook si può avere amici veri anche nella realtà, famigliari, colleghi di lavoro o di scuola, conoscenti, persone incontrate occasionalmente, personaggi famosi, amici di amici o amici solo virtuali32. Dopo l'adesione a Facebook agli utenti è richiesto di cercare altre persone presenti nel sistema con cui hanno un rapporto. L'etichetta di tali rapporti varia secondo il tipo di profilo aperto – personale, gruppo o fan page – da "amici” a "fan". La differenza è che l’amicizia deve essere confermata dall’altra persona, mentre per il fan non è richiesta alcuna autorizzazione33. Tema molto delicato è quello della privacy: Facebook è stato accusato di rendere i dati degli utenti pubblici e mantenere nei propri archivi le 20 informazioni anche dopo la richiesta di cancellazione dell’account34. 20 I problemi nascevano dall’impostazione di default della privacy, che consentiva la visualizzazione dei dati del profilo a tutti gli utenti della rete e dal procedimento poco immediato di rimozione definitiva del profilo. In realtà, Facebook permette un’ampia gestione della riservatezza dei contenuti in modo semplice, permettendo di impostare la privacy per ogni categoria di contenuto35. 32 Si vedano: http://it.wikipedia.org/wiki/Facebook e http://overstated.net/2009/03/09/maintained-relationships-on-facebook, consultate il 07.10.2009. 33 Si veda: Boyd, D., M., Ellison, N. B., Op. cit. 34Sono stati numerosi gli attacchi a Facebook e alla sua gestione della privacy, non sempre da fonti “autorevoli” in campo di comunicazione e social network. Tra gli articoli più recenti segnaliamo i seguenti: • La Commissione UE contro Facebook: “La privacy a rischio”, consultabile all’indirizzo http://iltempo.ilsole24ore.com/2009/04/14/1012986- commissione_contro_facebook_privacy_rischio.shtml, del 15.11.2009. • Facebook è una trappola per la privacy?, consultabile all’indirizzo http://www.dgmag.it/hi- tech/facebook-e-una-trappola-per-la-privacy-11756, del 15.11.2009. 35 Per impostare la privacy dell’account e dei contenuti è sufficiente entrare nel menù “Impostazioni” presente nella banda in alto a destra.
  • Dall’estate 2009 gli amministratori del social network hanno ripensato alla gestione della privacy, proponendo un metodo più semplice e immediato che permette di impostare la visibilità di ogni contenuto inserito direttamente dalla propria pagina personale36. Inoltre, l’impostazione di default della privacy ora è diventata “solo amici”, anche in Italia. Per iscriversi a Facebook è necessario possedere un indirizzo e-mail e avere più di tredici anni. Per accedere al social network è sufficiente essere dotati di un apparecchio – computer, palmare o cellulare – connesso ad internet e saper navigare in rete. Per interagire non occorre alcuna conoscenza di programmazione: grafica e layout sono standard e già impostati, per inserire i contenuti è sufficiente scrivere alcune frasi o seguire i link. Avere un account in Facebook è totalmente gratuito: il social network guadagna con le Google AdSense visibili obbligatoriamente nella colonna destra della pagina. 21 I servizi offerti da Facebook permettono di tenersi in contatto con la 21 propria rete di conoscenze: sono un valore aggiunto per coloro che amano condividere le proprie attività personali e professionali con una cerchia di conoscenti e colleghi. 1.2.5 Ning Ning37 è un’applicazione sviluppata in Java che permette agli utenti di creare social network privati in modo semplice e gratuito. Il principio è creare reti di persone con interessi e obiettivi comuni che possono interagire e condividere informazioni attraverso gli strumenti forniti dalla piattaforma. 36 Per ogni contenuto pubblicato l’utente potrà scegliere il livello di privacy preferito. Ciò include anche gli status, con l’obiettivo dell’azienda sarebbe di realizzare una maggiore semplificazione di tutte le impostazioni relative alla privacy. Si veda: http://web.splesh.net/social-network/facebook/privacy-facebook-nuove-impostazioni-a- breve/, consultato il 10.07.2009. 37 Si veda http://www.ning.com/.
  • È il creatore stesso di ogni singolo social network che decide quali strumenti inserire scegliendo tra varie funzionalità di base: blog, forum, chat, pubblicazione di file, video, audio e immagini. Altre funzionalità permettono di visualizzare tutti i membri, i gruppi, i compleanni dei partecipanti, il loro stato38, le attività recenti e i feed RSS provenienti da altri siti. Recentemente Ning ha implementato nuove applicazioni sempre gratuite, per arricchire i social network di programmi come Google Docs, video chat, calendario e giochi. Come per Facebook, anche per Ning accesso e uso sono molto semplici ed intuitivi. Con una mail ci si registra al sito e si entra a far parte di uno o più social network, in entrambi i casi gratuitamente. Anche qui appariranno nella colonna di destra le pubblicità di Google. Non è richiesta nessuna conoscenza tecnica: la condivisione dei contenuti è a portata di click, come per Facebook. Ning permette di ottenere servizi Premium a pagamento: tra questi si 22 segnalano la possibilità di non visualizzare la pubblicità, di ampliare la 22 banda e la memoria a disposizione. I punti di forza di questo social network sono la possibilità di personalizzare grafica e layout e gestire contenuti, funzionalità e privacy del network. La customizzazione non è obbligatoria e si distribuisce su diversi livelli di difficoltà e profondità: da una vasta scelta di temi già pronti fino alla modifica dei CSS. 1.3 Real time web Il real time web è un insieme di tecnologie e pratiche che consentono agli utenti di consultare un contenuto non appena viene pubblicato, oppure che controllano una fonte per mostrarne gli aggiornamenti.39 38 Lo stato è la frase che racconta qualcosa della persona. In Facebook è “A cosa stai pensando?”, in Ning è possibile inserirla a piacere. 39 Si veda: http://en.wikipedia.org/wiki/Real-time_web consultato il 28.12.2009.
  • Il real time è il nuovo traguardo per i motori di ricerca, che si scontrano con problemi legati al rapido ritmo con cui le notizie si susseguono, al grande volume di nuove informazioni, oltre che al selezionare contenuti pertinenti e significativi. Google ha lanciato la real time search, dove nelle finestre di ricerca i contenuti scorrono man mano che vengono generati da siti e blog. Le persone in tutto il mondo formano un esercito di produttori di contenuti che caricano video su YouTube, postano su Twitter segnalazioni di risorse interessanti e raccontano i fatti non appena accadono nei loro blog. È sicuramente straordinario ricevere notizie tramite canali che i media tradizionali non avrebbero mai potuto utilizzare. La nota stonata, è che le informazioni in tempo reale sono meno complete e non danno particolare considerazione alla fonte originale.40 George Siemens41 ritiene che 23 23 il real time web costituisce un grande cambiamento concettuale, ma non rappresenta qualcosa di nuovo in sé. [… Adesso] non è più necessario che io attenda le 6 di ogni sera per vedere il notiziario che mi racconti quello che è successo durante il giorno. […] Io posso avere un quadro preciso di quello che sta accadendo quasi in tempo reale [sul web]. […] Ho letto recentemente che gli eventi più importanti accaduti quest’anno [2009 ndr], sono stati diffusi da Twitter per primo.42 40 Si veda la video intervista a George Siemens, trascritta nell’articolo A Fundamental Shift In How We Communicate: George Siemens, Twitter And Real-Time Web, tradotto nell’articolo consultabile all’indirizzo: http://www.masternewmedia.org/it/2009/11/06/twitter_e_il_realtime_web_un_cambiamento.htm, consultato il 28.12.2009. 41 George Siemens è il direttore associato nel Learning Technologies Centre all’Università di Manitoba. Scrive sul blog www.elearningspace.org dove condivide la sua visione sul panorama dell’istruzione e l’impatto che le tecnologie hanno sul sistema formativo. Siemens è anche autore del libro Knowing Knownledge, dove sviluppa la teoria del Connettivismo, che utilizza un network come metafora centrale per l’apprendimento e si focalizza sulla conoscenza come modo per creare connessioni. Si veda: Ibidem. 42 Si veda: Ibidem.
  • Twitter43, FriendFeed44 e altri strumenti hanno rivoluzionato il paradigma della comunicazione. Chi di solito era l’interessato a ricevere notizie, ora è il redattore, chi le scrive e le comunica.45 1.3.1 Twitter Twitter46 è considerabile il re del real time tra i social network. La caratteristica base di questo strumento è l’immediatezza, che l’ha reso molto potente e utilizzato. La forza di Twitter risiede anche nell’essere riuscito a creare un senso di coesione sociale non riscontrabile in altri strumenti. Grazie allo spazio ridotto utilizzabile, permette alle persone di scrivere “brandelli di informazione troppo insignificanti per condividerli su un blog, ma estremamente personali, che aiutano a creare una relazione con l’altro.”47 In pratica, Twitter è uno strumento dove poter lasciare un messaggio lungo al massimo 140 caratteri. Per la loro brevità i messaggi sono 24 chiamati twits, cinguettii; non a caso il simbolo distintivo del social 24 network è un uccellino azzurro. L’uso per il quale è nato Twitter è di comunicare agli altri ciò che si sta facendo in un determinato momento. Ovviamente, i modi per utilizzare il servizio sono molti: dal puro svago fino all’uso serio di agenzie e siti istituzionali per comunicare in tempo reale le ultime notizie. Si può raccontare la giornata con brevi messaggi, esprimere un pensiero o una riflessione, condividere link o applicazioni interessanti oppure darsi appuntamento. 43 Si vedano la nota 47 e il capitolo 1.3.1: Twitter. 44 Si veda: http://friendfeed.com/ FriendFeed è un servizio web di proprietà di Facebook Inc., che consente l'aggregazione in tempo reale degli aggiornamenti provenienti da reti sociali, blog e più in generale da qualsiasi servizio che renda disponibili i propri contenuti tramite feed RSS. Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/FriendFeed, consultato il 28.12.2009 45 Si veda: <http://www.masternewmedia.org/it/2009/11/06/twitter... cit., consultato il 28.12.2009. 46 Si veda: www.twitter.com. 47 Si veda: Ibidem
  • I twits che si scrivono sono letti solo dai followers, cioè chi ha deciso di seguire gli aggiornamenti di una persona. In realtà c’è una pagina, la Public Timeline, dove sono postati tutti i messaggi del mondo, ma considerati la frequenza e il volume di twits, è quasi impossibile essere notati su questa pagina. Si possono scrivere anche messaggi privati – direct message – ad un altro utente: in questo caso solo il destinatario designato leggerà il twit. Il successo di Twitter è dovuto al non essere limitato al sito, all’essere istantaneo e utilizzabile in vari modi. È, infatti, possibile twittare anche attraverso Messenger o anche inviando SMS dal cellulare. Oppure, è possibile scaricare un programma per usare il social network senza andare necessariamente sul sito.48 1.4 La gratuità del web 2.0 Un altro aspetto interessante del web è la gratuità delle risorse. 25 25 Alcuni dei siti di cui abbiamo parlato in questo capitolo – come Facebook o Twitter – offrono i loro servizi in modo completamente gratuito. Altri in “modo freemium”. Questo è un modello di business che opera offrendo servizi di base gratuitamente e servizi aggiuntivi – premium – a pagamento. Esso ha raggiunto il massimo consenso con le compagnie web 2.0.49 Su questo modello, come abbiamo già visto, si basano siti come Ning e Flickr che offrono un buon servizio di base gratuito e funzioni maggiori e privilegiate attraverso il pagamento di un canone. È interessante riflettere sulle possibilità offerte dai siti freemium. Se si pensa che registrandosi su questi siti è possibile creare community, scrivere articoli, condividere documenti e informazioni, scambiarsi opinioni e molto altro, in sicurezza e gratuità, allora si percepisce 48 Si veda: http://www.2puntozeropertutti.it/?p=96, consultato il 04.01.2010. 49 Si veda: http://en.wikipedia.org/wiki/Freemium, consultato il 15.12.2009.
  • l’importanza di questa nuova concezione. Difatti, questo significa che a costo zero chiunque può usare questi strumenti. Questo è particolarmente significativo se si pensa all’importanza per una società di farsi conoscere ed essere presenti sul web. Ciò significa che qualsiasi tipo di società – anche un’ONLUS, un’ONG, un’organizzazione senza fini di lucro – può entrare nel mondo di internet. Essere online offre una visibilità vastissima e i costi sono irrisori. I servizi freemium offerti nel panorama del web 2.0 sono un’importante occasione per associazioni o gruppi del settore sociale, senza o con scarse risorse economiche. La presenza in internet oggi significa farsi conoscere potenzialmente in tutto il mondo, avere un posto dove pubblicare informazioni sempre, sfruttare i nuovi strumenti 2.0 per comunicare all’esterno e all’interno del gruppo. 1.5 Cloud computing Con il termine cloud computing s’intende un insieme di tecnologie 26 26 informatiche che permettono l’uso di risorse hardware o software distribuite in modo remoto, su web. Queste risorse sono rese disponibili da un fornitore al cliente, che ha la possibilità – previo pagamento – di implementare ulteriormente l’applicazione in base alle proprie esigenze.50 Una volta implementate, queste risorse possono essere sfruttate online da una platea di utenti molto ampia. In poche parole, possiamo affermare che il cloud computing si basa sul concetto di applicazione su web. Grazie a questo paradigma sarà possibile 50 Si veda: http://it.wikipedia.org/wiki/Cloud_computing, consultato il 28.12.2009.
  • raggiungere ciò che Eric Schmidt51 auspicava, quando affermava che “il browser è il computer”.52 Il cloud computing mette in discussione il paradigma odierno, spostando online quasi tutte le attività. Ciò significa, ad esempio, che se si vuole scrivere una lettera non si avvierà più Word, ma si aprirà il browser e digiterà un indirizzo.53 In questo senso Google è maestro, se si pensa che offra online e gratuitamente strumenti di posta elettronica, chat, strumenti per l’editing collaborativo, mappe del mondo ed altre applicazioni. Tutte queste funzioni risiedono sui server di Google e sono raggiungibili via web, non sono salvate nei PC degli utenti. I lati positivi di questo nuovo modo di lavorare sono facilmente intuibili: costi nulli o comunque bassissimi delle applicazioni, nessun problema di installazione o compatibilità dei sistemi operativi, né di aggiornamento dei software. I dati risiedono su server remoti e quindi sono raggiungibili e 27 27 modificabili con qualunque computer da ogni luogo dove è possibile collegarsi alla rete. Anche i backup sono a carico del server remoto. Ovviamente, non mancano gli aspetti negativi. Innanzitutto, i dati non sono più disponibili fisicamente dall'utente sulla propria macchina e in caso di assenza di collegamento ad internet non sono accessibili. L’aspetto più critico riguarda la privacy e la riservatezza: la sicurezza e la fiducia nei confronti dei gestori del server deve’essere almeno adeguata all’importanza delle informazioni salvate. I dati sono in rete protetti da una password di accesso, coi rischi che ne derivano se questa venisse scoperta.54 51 Emerson Eric Schmidt, nato il 27 aprile 1955, è un ingegnere e presidente di Google Inc. e un ex membro del consiglio di amministrazione di Apple Inc. Si veda: http://en.wikipedia.org/wiki/Eric_E._Schmidt, consultato il 04.01.2010. 52 Quest’affermazione rappresenta la linea espressa da Schmidt nel discorso di presentazione del Google I/O del maggio 2009, un evento che raccoglie sviluppatori da tutto il mondo, intorno alle innovazioni di Google. Schmidt ha sottolineato l'importanza della rete e delle applicazioni web. Si veda: http://www.tomshw.it/news.php?newsid=18269, consultato il 28.12.2009. 53 Si veda: http://www.tomshw.it/business.php?guide=20090715, consultato il 28.12.2009. 54 Si veda la pagina web reperibile al seguente indirizzo:
  • 2. La situazione giovanile In questo secondo capitolo si presenteranno le premesse “ambientali” che hanno portato i comuni di Vergiate, Chiasso e Sesto Calende ad impegnarsi in un progetto a sostegno dei giovani. Per inquadrare meglio la situazione giovanile oggi, ci si focalizzerà su tre aspetti. • Il primo è un’intervista introduttiva fatta ad un esperto pedagogista che spiega com’è mutata la condizione giovanile, il nuovo rapporto genitori- figli e il ruolo delle Istituzioni nell’educazione. • Il secondo è un quadro statistico della provincia di Varese e, dov’è stato possibile reperire i dati, dei territori interessati dal progetto, con particolare attenzione ai giovani e all’immigrazione. Il quadro demografico dei giovani è stato poi commentato dagli educatori della Cooperativa L’Aquilone55 che conoscono i ragazzi del territorio. • Infine, il terzo aspetto considerato è stato il rapporto tra i giovani, le 28 nuove tecnologie e la rete: i dati sono riferiti alla popolazione giovane 28 nazionale, poi commentati dagli educatori per conoscere le tendenze dei ragazzi della zona. Questa terza parte si conclude con una mappatura online degli strumenti più utilizzati sul web - Facebook e YouTube - per verificare se e come questi siti sono usati dai giovani. 2.1 Condivisione sul senso delle politiche giovanili: intervista al dott. Giorgio Prada56 Il 20 novembre 2009 si è svolta a Vergiate la conferenza Come l’aceto sulle fragole57. L’obiettivo era la condivisione delle sensazioni e delle esperienze http://www.pianeta.com/map/index.php/idQ21895/tipoQ/shwDAQsi/ricercaQ31/shSCQ48/pid Q18, consultato il 28.12.2009. 55 Si veda il capitolo 3. 56 Giorgio Prada è pedagogista e formatore, consulente pedagogico e collaboratore alle attività didattiche e di ricerca nei corsi di Pedagogia della disabilità e dell’integrazione e di Consulenza nel disagio educativo presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca. Il dott. Prada ha partecipato come moderatore alla prima conferenza del Progetto ChiaVe, intitolata Come l’aceto sulle fragole.
  • sul senso delle politiche giovanili da parte di amministratori, consiglieri e tecnici dei comuni partecipanti al Progetto ChiaVe (Vergiate, Sesto Calende e Chiasso). Partecipavano all’incontro anche gli educatori e i referenti istituzionali della rete di servizi per adolescenti e giovani. In questa occasione ho avuto la possibilità di intervistare il dott. Giorgio Prada e avere così la sua opinione di pedagogista sulla situazione giovanile oggi, sul cambiamento del ruolo genitoriale e dell’educazione e capire meglio il punto di vista delle amministrazioni comunali e le politiche giovanili adottate. Ci può spiegare il titolo della conferenza: cosa significa Come l’aceto sulle fragole? Chi è l’aceto e chi sono le fragole? L’aceto sulle fragole può essere considerato un piatto un po’ snob. La dolcezza e la freschezza delle fragole perché mai dovrebbero essere “inquinate” dal sapore dell’aceto? Però chi ha provato ad unire nel gusto 29 gli opposti, trova che siano molto piacevoli. 29 Così, cercavamo un titolo per questo incontro che riuscisse a coniugare l’idea che si concludesse a tavola, con quella di avvicinare mondi che per loro natura parrebbero opposti. Da un lato le amministrazioni, un mondo carico di responsabilità e necessità di rigore. La scarsità delle risorse impone di gestire oculatamente la cassa, puntando a risparmiare e a tagliare le spese considerate inutili. Dall’altro l’educazione dei giovani, un mondo altrettanto carico di responsabilità e rigore nell’esercizio di pratiche che ritiene indispensabili, che dovrebbero “ad ogni costo” essere attivate. Ecco, come l’aceto sulle fragole! Non viene in mente di abbinarli, ma se si riesce a trovare il giusto compromesso, si trova la chiave del gusto… 57 L’incontro è durato una mattinata ed è stato un momento di scambio conviviale. Prima dell’apertura dei lavori è stata offerta la colazione, a metà mattinata uno spuntino e al termine della giornata il pranzo. I lavori sono iniziati con una presentazione ufficiale del progetto ChiaVe, una riflessione del dott. Prada come spunto per i lavori di gruppo. Sono stati creati tre gruppi misti (assessori, consiglieri, tecnici e formatori) moderati da un formatore-facilitatore, che al termine delle discussioni ha restituito un riassunto di quanto detto nella mini-assemblea.
  • Secondo la sua esperienza, qual è la situazione che vivono i giovani d’oggi? Com’è il rapporto genitori-figli nella società moderna? Oggi la situazione dei giovani è cambiata. Non si avverte più la sensazione di un'emergenza giovanile, come accaduto nel periodo della contestazione. I giovani trovano un ambiente che tende a bonificare il conflitto intergenerazionale: le disponibilità economiche medie consentono molte opportunità e la dinamica di consumo permette di mitigare le frustrazioni. L’ambiente è sia la società in cui si vive e le sue dinamiche, che la condizione culturale che offre le linee guida per l’educazione famigliare. Oggi è aumentato il tempo in cui entrambi i genitori devono lavorare per mantenere la famiglia. Questo fa sì che i ragazzi si ritrovino spesso materialmente soli: le occasioni di crescita comune diminuiscono in quanto viene meno la possibilità, per genitori e figli, di condividere la realtà concreta, fisica. I ragazzi, ovviamente, si organizzano per non rimanere soli. Il mercato, soprattutto quello delle nuove tecnologie, e il web vengono in soccorso con 30 prodotti e servizi al bisogno di comunicare, di sentirsi vicini e stare in 30 contatto con gli altri. Per i giovani genitori di oggi i modelli sono cambiati: nel tentativo di avere un dialogo coi propri figli nei pochi momenti liberi, padri e madri desiderano essere loro "amici". Con questo meccanismo riparatore tentano di compensare la loro assenza con beni effimeri ma alla moda, come le costose nuove tecnologie, oppure con una relazione “alla pari” o con una libertà spesso eccessiva. I giovani sembrano tollerare la situazione ed essere soddisfatti della loro vita, anche se alcuni non vogliono conformarsi a questa tendenza e minacciano di rompere questo precario equilibrio di superficiale serenità. Per questa minoranza pare riemergere il “problema giovanile”.
  • Emerge chiaramente la necessità di educare. Chi può intervenire se i genitori non ne hanno materialmente il tempo? L'educazione è un fenomeno opaco: la si considera fondamentale, però, spesso, si spera che se ne occupi un’altra istituzione sociale. Pensare che la famiglia oggi possa bastare a reggere i naturali compiti educativi può risultare una pia illusione. Pensare che basti la scuola, dal momento che essa non ha ancora attivato una riforma degna di questo nome, purtroppo, è ancora un sogno. Oppure potrebbe intervenire lo Stato, nella fattispecie delle amministrazioni comunali. Gli amministratori in merito alle politiche giovanili si schierano su due versanti con motivazioni differenti. Da un lato ci sono i preoccupati dell'ordine pubblico e della salute delle giovani generazioni, che credono che i ragazzi in una struttura comunale siano più curati e controllati. Dall’altro ci sono i convinti assertori della libertà di espressione giovanile, certi che i giovani in una struttura comunale possano essere finalmente liberi di esprimere la loro personalità come 31 vogliono. 31 I più attenti amministratori osservano il territorio e imitano iniziative di altri paesi, sviluppando la proliferazione di servizi simili. Negli ultimi anni i Comuni più sensibili hanno risposto con l'offerta dei CAG58, luoghi dove i giovani si ritrovano insieme agli educatori, ascoltano musica, fanno feste, magari laboratori di cinema, teatro o fotografia, ma anche “un po’ di sana confusione". Nel concreto però l’impegno dei comuni non è così scontato. Perché? Per far capire come le amministrazioni vedono l’impegno dell’educazione, vorrei fare un paragone forte ma efficace. Un servizio educativo è simile alle fognature. Queste non si vedono in superficie, costano tantissimo e non si capisce perché occorrerebbe spendere tanto per un investimento simile. Solo chi ha memoria delle città medievali o chi conosce la spesa per 58 Centri di aggregazione giovanile, abbreviati con la sigla CAG.
  • una ditta di spurghi potrebbe capire l'importanza per una città di dotarsi di fognature efficienti. L'educazione è un servizio strano: l'aspettativa comune fa sì che un progetto di questo tipo non sia caldeggiato o sostenuto, perché i risultati e il ritorno d'immagine non sono visibili a breve termine. Il rischio d'impresa che un Comune si assume con un investimento educativo è elevatissimo. A fronte di capitali cospicui investiti, i risultati si vedono, forse, solo dopo molti anni dall'investimento e non sempre possono corrispondere alle aspettative. Per questo, un investimento educativo è difficilmente sostenibile. In realtà, quando si imposta un buon lavoro sui giovani, quando si pone attenzione alla qualità dei servizi proposti i risultati ci sono. Dopo qualche anno il giovane cresciuto nella comunità si riconosce più facilmente dentro un'identità comune e sarà disponibile verso gli altri. Non dovrebbe essere difficile per gli adulti capire l’importanza di 32 un’educazione corretta, robusta, vera. L’importanza di dare ai giovani 32 un’educazione non dovrebbe essere messa in discussione. Eppure siamo qui a parlare di politiche giovanili. Cosa non funziona, cosa manca ancora? Il fatto è che le fragole, in fondo, è meglio mangiarle così, al naturale. L'aceto sulle fragole è solo un piatto snob. Con questo intendo dire che i giovani crescono anche senza servizi appositi. Questa è l'esperienza di molti, forse della maggior parte della popolazione: si può diventare adulti senza l'ausilio di istituzioni educative. Occorre riconoscere, però, che l'educazione della scorsa generazione era diffusa. Cioè c’era un contesto in cui tutti i comportamenti risultavano coerenti a generare quell'ambiente sufficiente all’educazione, che non doveva essere supportato da una specifica azione educativa. Oggi non manca un ambiente educativo. Bambini e ragazzi non vivono del tutto in un altro mondo rispetto agli adulti, anche se molto del loro tempo è assorbito da giochi solitari o dalle nuove tecnologie.
  • L'assenza di una particolare componente dall'educazione non è mai diseducativa: un’educazione avviene sempre, indipendentemente dalla nostra volontà. Quello che è possibile attivare in modo intenzionale è un ambiente competente in grado di fornire un'esperienza di crescita autentica. 2.2 Quadro statistico sui giovani della provincia di Varese In questo capitolo si presenta un quadro statistico dei giovani della provincia di Varese, focalizzandosi sulla zona di Vergiate e Sesto Calende, interessata dalle attività del progetto ChiaVe. I dati che si andranno ad osservare riguardano la situazione demografica, con particolare attenzione ai giovani, alle donne e agli stranieri, l’abbandono scolastico e l’uso di sostanze psicoattive. 2.2.1 Quadro demografico 33 La provincia di Varese conta 871.448 residenti, tra italiani e stranieri, al 33 1° gennaio 2009. Come è mostrato dal grafico, la popolazione si distribuisce soprattutto nella fascia adulta, in modo equo tra i 21 e i 40 anni e i 41 e 60 anni.
  • Grafico 1: Quadro demografico della provincia di Varese. Residenti italiani e stranieri al 1° gennaio 2009, divisi in classi d’età59 La zona interessata dal progetto ChiaVe, invece, conta 19.598 residenti nello stesso periodo di riferimento. I dati di questo territorio confermano la distribuzione demografica dell’intera provincia. 34 34 Grafico 2: Quadro demografico della zona Sesto Calende-Vergiate, interessata dal progetto ChiaVe. Residenti italiani e stranieri al 1° gennaio 2009, divisi in classi d’età60 2.2.2 Fenomeno migratorio Un fenomeno molto importante in questo territorio è l’immigrazione degli stranieri: la provincia di Varese è una zona che percepisce questo cambiamento come problematico. Il grafico 3 mostra il trend dei residenti stranieri nell’intera provincia e nella zona Sesto Calende-Vergiate. 59 Fonte ISTAT 2010. Si veda: http://demoistat.it/pop2009/index.html, consultato il 07.01.2010. 60 Fonte ISTAT 2010. Si veda: http://demoistat.it/pop2009/index.html, consultato il 07.01.2010.
  • Il grafico mostra che gradualmente in provincia si è passati da una porzione di stranieri residenti pari al 5,4% della popolazione nell’anno 2006, al 6,2% del 2009, con un incremento di circa mezzo punto percentuale ogni anno. I dati del territorio del progetto sono leggermente sopra la media provinciale e mostrano un passaggio dal 6,2% di stranieri sulla popolazione nell’anno 2006, all’8,6% del 2009. 35 35 Grafico 3: Andamento percentuale degli stranieri sulla popolazione del territorio di riferimento, dall’anno 2006 all’anno 200961 Tenendo presente che il progetto ChiaVe è dedicato ai giovani, ecco due grafici che si focalizzano sui ragazzi dai 15 ai 30 anni. Questa fascia d’età è stata scelta poiché le attività di cui si compone il progetto si rivolgono a 61 Rielaborazione su dati ISTAT 2010. Si vedano: http://demoistat.it/pop2009/index.html, http://demoistat.it/pop2008/index.html, http://demoistat.it/pop2007/index.html, http://demoistat.it/pop2006/index.html, http://demoistat.it/strasa2009/index2.html, http://demoistat.it/strasa2008/index2.html http://demoistat.it/strasa2007/index2.html e http://demoistat.it/strasa2006/index2.html, consultati il 07.01.2010.
  • questo gruppo: dagli adolescenti che partecipano all’Educativa di strada, ai giovani adulti interessati alle borse lavoro. Il grafico 4 mostra che il trend dei giovani della provincia è in calo, considerando sia italiani sia stranieri residenti. Ciò significa che il numero dei ragazzi sta diminuendo e la popolazione sta invecchiando. Il grafico 5, invece, inquadra la porzione di giovani di origine straniera residenti, sempre di età compresa tra i 15 e i 30 anni. Al contrario dell’andamento generale, il trend dei giovani stranieri è in leggera e costante crescita. 36 36 Grafico 4: Andamento percentuale dei giovani italiani e stranieri dai 15 ai 30 anni sulla popolazione dei territori di riferimento, dall’anno 2006 all’anno 200962 62 Rielaborazione su dati ISTAT 2010. Si vedano: http://demoistat.it/pop2009/index.html, http://demoistat.it/pop2008/index.html, http://demoistat.it/pop2007/index.html e http://demoistat.it/pop2006/index.html, consultati il 07.01.2010.
  • Grafico 5: Andamento percentuale dei giovani stranieri dai 15 ai 30 anni sulla popolazione dei territori di riferimento, dall’anno 2006 all’anno 200963 37 Confrontando in modo più approfondito i dati di questi ultimi due grafici, 37 osserviamo che la classe giovanile in generale (grafico 4) è diminuita dell’1,1%. Nella provincia è passata dal 17,3% del 2006 al 16,2% del 2009 della popolazione totale, mentre nella zona Sesto-Vergiate dal 16,5% del 2006 al 15,4% del 2009. Invece, il trend che interessa solo i giovani stranieri (grafico 5) è lievemente positivo in entrambi i territori considerati. Si è registrato un + 0,4% in provincia, passando dall’1,5% del 2006 all’1,9% di giovani stranieri sul totale dei residenti nel 2009. Invece, nella zona Sesto Calende e Vergiate l’aumento è pari al +0,6%, partendo dall’1,7% del 2006 e arrivando al 2,3% di giovani stranieri sul totale dei residenti nel 2009. Concludendo, possiamo affermare che nel complesso la popolazione giovanile non sta crescendo, mentre la componente straniera sta aumentando. 63 Rielaborazione su dati ISTAT 2010. Si vedano i siti indicati nella precedente, consultati il 07.01.2010.
  • 2.2.3 Quadro demografico degli adolescenti nel territorio di Sesto Calende-Vergiate Prima di passare all’osservazione di altri indicatori, vale la pena considerare in modo più approfondito la situazione demografica degli adolescenti nel territorio di Sesto Calende e Vergiate. La fascia d’età compresa tra i 15 e i 20 anni è quella interessata dall’intervento di Educativa di strada, attività principale in questa fase di start up del progetto. I dati riportati sono relativi al solo anno 2009, primo anno di avvio del progetto ChiaVe, per mostrare la popolazione destinataria delle attività progettuali. Per essere precisi, nella zona di Sesto-Vergiate ci sono 966 ragazzi residenti italiani e stranieri, tra i 15 e i 20 anni. Questa porzione rappresenta quasi il 5% della popolazione residente sul territorio considerato. 38 La distribuzione per età dei ragazzi è mostrata nel grafico 6: le sei fasce 38 sono composte da un numero simile di adolescenti. Grafico 6: Ragazzi tra i 15 e i 20 anni residenti nei comuni di Vergiate e Sesto Calende, al 1° gennaio 2009, suddivisi per età64 64 Fonte ISTAT 2010.
  • Il progetto ChiaVe si occupa in particolare di due gruppi di giovanissimi: la popolazione femminile e quella straniera. I grafici che seguono servono per illustrare qual è impatto di questi gruppi sull’intera popolazione giovanile. Grafico 7: Percentuale di maschi e di femmine italiani e stranieri, tra i 15 e i 20 anni residenti nei comuni di Vergiate e Sesto Calende, al 1° gennaio 200965 39 39 Grafico 8: Percentuale di italiani e di stranieri tra i 15 e i 20 anni residenti nei comuni di Vergiate e Sesto Calende, al 1° gennaio 200966 Si veda: http://demoistat.it/pop2009/index.html, consultato il 07.01.2010. 65 Fonte ISTAT 2010. Si veda: http://demoistat.it/pop2009/index.html, consultato il 07.01.2010. 66 Fonte ISTAT 2010.
  • Approfondendo le ricerche, scopriamo che la percentuale femminile è pari al 47,7% degli adolescenti presenti sul territorio (grafico 7) e i ragazzi stranieri residenti sono quasi il 10% della popolazione giovanile (grafico 8). Per completezza, la popolazione femminile straniera è pari al 5,7% di tutti i giovani. Se gli educatori percepiscono dei problemi da parte delle adolescenti di sesso femminile, le percentuali dimostrano che il disagio potenzialmente riguarda la metà della popolazione giovane. Discorso analogo per la componente straniera: se in questo territorio l’integrazione tra italiani e immigrati è più difficoltosa è bene intervenire sulla popolazione giovane, dove il rapporto è uno straniero ogni dieci italiani. 2.2.4 Abbandono scolastico Il fenomeno della dispersione scolastica, definito anche drop out, è una 40 problematica multidimensionale, i cui fattori in gioco sono il singolo, il 40 singolo nel gruppo dei pari, il singolo nel mondo del lavoro e le Istituzioni.67 Il progetto ChiaVe, attraverso le borse lavoro, si occupa dei giovani che hanno interrotto gli studi senza conseguire un titolo oppure che non hanno assolto l’obbligo scolastico. Il seguente grafico mostra la situazione degli abbandoni scolastici tra gli adolescenti nella provincia di Varese. Si veda: http://demoistat.it/pop2009/index.html e http://demoistat.it/strasa2009/index2.html, consultati il 07.01.2010. 67 Si veda: Mian, E., Canelles, M., F., Abbandono Scolastico. Esiste una relazione con comportamenti devianti? Cause, osservazioni e proposte d’intervento. I.R.I.D.S.A. Il documento è scaricabile dal sito http://www.nuovapedagogia.com/abbandono_scolastico.pdf, consultato il 07.01.2010.
  • Grafico 9: Andamento abbandoni scolastici degli adolescenti residenti in provincia di Varese, dall’anno scolastico 2003/2004 al 2008/0968 L’andamento di questo fenomeno è in ascesa e sicuramente questo è un 41 41 segnale positivo e confortante, come manifestato anche dalla soddisfazione delle Istituzioni.”69 Anche se il fenomeno dei drop out sta diminuendo, è importante che questi ragazzi non vengano lasciati soli dalle Istituzioni. I problemi maggiori sono due: il primo è che questa categoria non è particolarmente tutelata dalla legge e il secondo è che questi ragazzi appartengono soprattutto a famiglie disagiate, che non affrontano il problema. Nel 2006 i ragazzi drop out erano quasi il 10% in tutta la provincia, mentre nel 2009 si è scesi al 6%. Da notare che, nella ricerca presa in considerazione, si parla solo di minorenni, mentre le attività del progetto ChiaVe sono rivolte anche ai giovani adulti. 68 Si veda: Osservatorio Permanente sull’Istruzione della Provincia di Varese. Dispersione scolastica, Anno scolastico 2008/2009. Il documento è sfogliabile e scaricabile dal sito http://www.provincia.va.it/ente/istruzione/sis_opi/pdf/letture_commenti_2.pdf, consultato il 07.01.2010. 69 Si veda: http://iflsommalombardo.blogspot.com/2009/08/centri-per-limpiego-della-provincia- di.html, consultato il 07.01.2010.
  • Nonostante la situazione generale stia migliorando, vale comunque la pena di interessarsi dell’istruzione dei giovani, soprattutto quando è utile a trovare un posto di lavoro. 2.2.5 Uso di sostanze psicoattive L’uso e l’abuso di sostanze stupefacenti sono diffusi tra i giovani del territorio, come rivelano gli operatori dell’Educativa di strada. Per dimostrare questa affermazione nel seguente capitoletto si riportano i dati del report dell’Osservatorio Dipendenze della provincia di Varese70. La ricerca cui si fa riferimento si riferisce alle sostanze psicoattive legali e illegali, prendendo in considerazione: • droghe pesanti: eroina e cocaina • droghe leggere: cannabis • bevande alcoliche e tabacco • stimolanti: anfetamine, ecstasy, GHB, ecc. 42 42 Il target considerato nella ricerca è composto da studenti e studentesse dai 15 ai 19 anni residenti in regione Lombardia e in provincia di Varese; la nostra attenzione si focalizzerà esclusivamente sul secondo gruppo. I grafici che seguono presentano le percentuali di giovani maschi (grafico 10) e femmine (grafico 11) che fanno uso delle singole sostanze, con indicazione dell’andamento dal 2006 al 2007. 70La ricerca presa in considerazione è l’ultima che è stata fatta nella provincia di Varese, ma risale al 2008 e presenta dati del 2006 e 2007. Non è possibile fare un confronto con ricerche passate dell’Osservatorio poiché gli indicatori sono diversi e non confrontabili. Anche se i dati non sono aggiornati sono comunque interessanti perché offrono una panoramica dell’uso di sostanze, tabacco e alcol tra i giovani della provincia. È possibile scaricare la ricerca al link http://www.indipendenze.org/public/files/Report_Varese_2008.pdf, consultato il 01.12.2009.
  • 43 43 Grafico 10: Percentuali relative agli studenti maschi, residenti nella provincia di Varese, che fanno uso delle sostanze indicate, negli anni 2006 e 2007. Indicazione dell’andamento per ciascuna sostanza71 Dal grafico 10 si evince che il consumo delle droghe pesanti e degli stimolanti sia invariato nel biennio, presentando un lieve calo. I consumi di cannabis, tabacco e alcol hanno subito una flessione più pesante, secondo le dichiarazioni. Le percentuali dimostrano più ragazzi che hanno fumato cannabis (30%) rispetto al tabacco (26%). L’88% consuma saltuariamente bevande alcoliche, che rimane il “vizio” maggiore tra i ragazzi. 71 Si veda: Ibidem. Al link http://www.indipendenze.org/public/files/Report_Varese_2008.pdf, consultato il 01.12.2009.
  • 44 44 Grafico 11: Percentuali relative alle studentesse, residenti nella provincia di Varese, che fanno delle sostanze indicate, negli anni 2006 e 2007. Indicazione dell’andamento per ciascuna sostanza72 I dati che riguardano le ragazze sono molto simili a quelli dei coetanei maschi. In generale, le ragazze fanno meno uso di queste sostanze, ad eccezione del tabacco, fumato da quasi il 26% dei maschi e dal 29% delle ragazze, in media nei due anni. 72 Si veda: Ibidem. Al link http://www.indipendenze.org/public/files/Report_Varese_2008.pdf, consultato il 01.12.2009.
  • 2.2.6 Considerazioni degli educatori sui giovani73 La fotografia che gli educatori fanno dei giovani del territorio mostra ragazzi che non frequentano più luoghi tradizionali di aggregazione, ma, allo stesso tempo, manifestano l’esigenza di avere spazi in cui ritrovarsi con coetanei. Hanno bisogno di luoghi dove poter giocare a calcio o a pallavolo, usare lo skate, ascoltare musica, ballare, studiare, parlare dei primi amori, incontrare e accettare gli educatori e avere, grazie a loro, una possibilità di confronto con il mondo adulto. Descrivere questi giovani non è semplice, anche se, sicuramente, sono ragazze e ragazzi ben disposti nei confronti di chi si mostra desideroso di conoscerli e capace di ascoltarli. La sensazione che gli educatori hanno quando sono in contatto coi ragazzi è che questi siano delusi dal mondo adulto e sfiduciati nel futuro. Questo li rende apatici e rassegnati. Questo porta molti giovani a non avere obiettivi e a non impegnarsi per la propria realizzazione. In realtà, i giovani sono un vulcano pronto ad esplodere, perché non 45 aspettano altro che un’occasione per attivarsi e organizzarsi. 45 I più grandi, dai 17 anni in poi, se stimolati discutono volentieri di tematiche importanti, come droga, razzismo, rapporto coi genitori e relazioni affettive oppure partecipano con intensità ed entusiasmo ad attività proposte dagli adulti. I più piccoli – dai 14 ai 16 anni – invece sono vivaci ma un po’ scocciati, il che spesso li porta a commettere piccoli atti vandalici o a comportarsi da bulli. 2.2.7 Conclusioni I dati emersi dalle ricerche sulla provincia di Varese sono confermati quasi per tutti gli aspetti dall’esperienza sul campo degli educatori, anche su un territorio più ristretto. I problemi maggiori che emergono sono legati all’integrazione dei ragazzi stranieri, che nel territorio di riferimento è un problema sentito: non a 73 Rielaborazione delle risposte date dagli educatori della Cooperativa L’Aquilone a due questionari via mail. È stato scelto di raccogliere i dati in questo modo perché era impossibile riuscire a incontrare gli operatori di persona, a causa dei loro impegni lavorativi.
  • caso più della metà dei ragazzi dell’Eds è immigrata. Molti hanno problemi con la scuola e il lavoro: i dati sul campo non sembrano positivi come quelli ufficiali della provincia. Infine, il rapporto con le sigarette e il consumo di droghe leggere manifesta una situazione di disagio: i ragazzi sono molto giovani e con questi comportamenti potrebbero voler dimostrare a loro stessi e agli altri di essere più grandi, indipendenti e importanti. Questi dati rispecchiano le tendenze mostrate dalle ricerche degli anni scorsi. Altro tema delicato è la crescita delle ragazze, che, infatti, preferiscono ritrovarsi in occasioni a loro dedicate, invece che insieme ai coetanei maschi (i gruppi dell’Eds sono quasi completamente maschili). Possiamo concludere che, osservati più accuratamente i giovani del territorio, il progetto ChiaVe focalizza la sua attenzione su aspetti salienti e importanti, su problemi reali e rilevanti: immigrazione, femminilità e lavoro. 46 46 2.3 I giovani, le nuove tecnologie e la rete In questa terza parte del capitolo poniamo l’attenzione sul rapporto tra i giovani, le nuove tecnologie e internet. L’obiettivo è mostrare che i ragazzi sono interessati e favorevoli all’uso degli strumenti web e presentare i dati effettivi su quanto e come già li utilizzino. 2.3.1 I giovani e le nuove tecnologie: i dati Eurisko Eurisko ha svolto una ricerca interessata ad analizzare il rapporto dei giovani con le nuove tecnologie. I risultati mostrano l’esistenza di 5 gruppi, posizionati in base al loro pensiero: • il 46% dei teenager dichiara di essere interessato e di usare il più possibile le nuove tecnologie • il 35% dichiara che per stare al passo coi tempi è necessario sapere usare le nuove tecnologie
  • • l’11% dichiara che le nuove tecnologie sono al di là delle proprie possibilità • Solo il 2%, infine, che le nuove tecnologie fanno paura74 Grafico 12: Cosa pensano i giovani italiani delle nuove tecnologie75 47 47 Altri dati dello studio mostrano che 1 ragazzo su 2 (56%) ha una vita “on- line” e che i giovani non rinunciano alle nuove tecnologie, alla musica, ai social network e ai consumi “globali”. In particolare, interessante notare che i social network sono visti come mezzi che aiutano la costruzione dell’identità e facilitano l’allargamento della cerchia di amici. Se i giovani si avvicinano sempre più agli strumenti tecnologi per costruire la propria identità, conoscere nuove persone e comunicare con gli altri, allora è necessario che gli adulti riflettano su come poter raggiungere i ragazzi. I giovani del nostro tempo hanno bisogno di essere sempre connessi o in comunicazione con gli altri e hanno bisogno di fare, dire, 74 Cfr: Antonietti, L., I giovani non rinunciano. Uno sguardo internazionale, GFK Eurisko, 2009. Questa ricerca è consultabile e scaricabile all’indirizzo internet http://www.gfk.com/imperia/md/content/gfk_eurisko/pressroom/i_giovani_non_rinunciano_10_feb_2009.pdf, consultato il 22.11.09. 75 Dati Eurisko 2009.
  • mostrarsi, per “essere”, [cioè hanno bisogno di essere in] connessione continuativa e di avere un protagonismo almeno illusorio. Di conseguenza, i giovani prediligono sempre di più i media attivi, che favoriscono una connessione incessante, [come] telefono mobile, Messenger [e] che permettono di essere protagonisti, [come il] web (siti social network, gruppi, blog, ecc.).76 2.3.2 I giovani e le nuove tecnologie: il punto di vista degli educatori È stato mostrato il grafico 12 agli educatori della Cooperativa L’Aquilone, che si occupano in prima persona dell’Educativa di strada. I loro commenti confermano questo avvicinamento dei giovani alle nuove tecnologie. Gli educatori notano che i ragazzi – soprattutto dai 15 anni – sono affascinati e utilizzano le tecnologie, in particolare il cellulare. Molti 48 48 possiedono telefonini di ultima generazione, sono sempre alla ricerca del modello più innovativo, anche se non tutti sono in grado di usarlo al massimo delle potenzialità. Le nuove tecnologie rappresentano realmente la loro nuova prassi di comunicare, non potrebbero parlare di sé e con altri, con altri mezzi. Un gruppo di ragazzi, in particolare, usa regolarmente attrezzature professionali per creare e mixare la musica tecno o house. Altri sono più appassionati ai video. Dal punto di vista degli educatori questa moda risponde soprattutto alla necessità di apparire. 76 Cfr: Ivi, pp. 70-71.
  • 2.3.3 I giovani e la rete: i dati Eurisko Una seconda ricerca Eurisko77 mostra in modo più approfondito l’uso di internet tra i giovani. Di seguito verranno presentati alcuni grafici che illustrano chiaramente la diffusione del fenomeno. Il quadro nazionale presentato da Eurisko78 mostra una tendenza in continua ascesa per quanto riguarda l’uso di internet e le ore settimanali medie di collegamento. Per avere un’idea generale sulla popolazione, il 44% degli italiani dai 6 agli over 75 dichiara di usare internet, il 22% di loro tutti i giorni. Per quanto riguarda l’utilizzo di internet da parte dei giovani italiani, ecco i dati aggiornati al 2009, rappresentati nel grafico 13. 49 49 Grafico 13: Percentuali di giovani italiani nella fascia d’età 15-24 anni che utilizzano internet con relativa frequenza, nell’anno 200979 È evidente come la maggior parte dei giovani (83,4%) usi internet; il 45,5% tutti i giorni o spesso durante la settimana (28,9%). Gli accessi alla rete da 77 Si veda: Savoldelli, R., I giovani italiani del Terzo Millennio, GFK Eurisko, 2009. La ricerca è reperibile e scaricabile all’indirizzo http://www.youmark.it/files/applications/2009/02/8491.pdf. Consultata in data 30.11.2009. 78 I dati Eurisko fanno riferimento alla tendenza nazionale fino all’anno 2007. 79 Fonte ISTAT 2009.
  • parte dei giovani sono in numero decisamente più elevato rispetto alla media nazionale. Oltre ai dati sulla frequenza di utilizzo del mezzo, è interessante scoprire che i giovani vedono internet come uno strumento interattivo. Difatti i ragazzi in rete dichiarano di avere tre obiettivi principali: • comunicare con gli amici, • stare in contatto col mondo grazie ai social network • fare acquisti80 Nel grafico 14 sono presentate le percentuali di giovani che compiono queste tre azioni in rete. La differenza maggiore tra adolescenti e giovani si nota nella categoria “acquisti”, giustificabile dal fatto che i teens hanno meno libertà e possibilità economica dei giovani adulti. 50 50 Grafico 14: Motivazioni interazione con internet dei giovani nelle due fasce d’età considerate, all’anno 200781 80 Si veda: Savoldelli, R., I giovani italiani, Cit., pg. 3. 81 Dati Eurisko 2007.
  • I consumi dei giovani on e offline ricalcano quegli ambiti della vita legati allo stare connessi, in comunicazione col mondo, incontrare le altre persone, sedurre ed essere ben visti dagli altri. Infatti, la prima categoria di spesa, per entrambe le fasce d’età, è la ricarica del cellulare, seguita dai consumi legati ai luoghi d’incontro, come bar, pizzerie, fast food e dagli acquisti nel settore dell’abbigliamento82. Le affermazioni del dott. Prada, nella sua intervista all’inizio del capitolo, su ciò che i giovani cercano attraverso l’uso nuove tecnologie sembrano poter dare giustificazione sia ai consumi dei giovani, sia dagli obiettivi che hanno quando navigano in rete: comunicazione, aggregazione, connessione, seduzione e approvazione degli altri. 2.3.4 I giovani e la rete: il punto di vista degli educatori Gli educatori hanno confermato un’elevata frequenza d’uso di internet tra i ragazzi, soprattutto per comunicare e stare in contatto tra loro. Un’operatrice afferma che “L’immagine dell’adolescente che pretende di 51 51 studiare mentre è collegato a Facebook, ascolta l’I-pod, chatta su MSN e guarda la tv è reale!” È stato chiesto agli educatori di scoprire quali sono i siti e gli strumenti più usati dai ragazzi coinvolti nell’Eds. La maggior parte di loro utilizza regolarmente Facebook: quasi tutti i ragazzi sopra i 15 anni hanno un account e lo tengono aggiornato quotidianamente. In rete si divertono a guardare video su YouTube, ma difficilmente li caricano. Gli appassionati di musica scaricano brani, non sempre legalmente. Alcuni si tengono in contatto con i coetanei attraverso Messenger. In virtù del forte coinvolgimento dei giovani per le nuove tecnologie gli educatori sono concordi all’unanimità dell’importanza di questi strumenti. Tutti gli operatori, soprattutto i più restii alle novità in campo informatico, 82 Si veda: Savoldelli, R., I giovani italiani, Cit., pg. 4.
  • desiderano conoscere gli strumenti disponibili, in modo da saperli utilizzare in modo responsabile e costruttivo. Il gruppo ritiene che le nuove tecnologie siano utili sia ai ragazzi sia agli educatori. Gli adolescenti sono già abituati ad usare questi strumenti e continuerebbero a usarli come mezzi d’espressione, coinvolgimento e partecipazione alle attività proposte. Gli educatori avrebbero un nuovo veicolo di informazione e promozione più veloce, immediato e coinvolgente: potrebbero raggiungere un numero sempre maggiore di ragazzi, incuriosendoli e “fidelizzandoli” a seguire le iniziative suggerite. Inoltre, potrebbero usare questi strumenti per dialogare coi ragazzi e raccogliere i loro suggerimenti, in modo alternativo, talvolta più semplice e proficuo. Una possibilità interessante è data dall’opportunità di monitorare le attività e i ragazzi attraverso una mappatura del territorio ed evidenziare quali sono i luoghi di ritrovo dei ragazzi (bar, parchi, vie, …), quali le zone battute dagli operatori, dove sono spazi riservati ai giovani (edubar, sale 52 prove, palestre, piscine, …) oppure indicare la località del prossimo evento 52 organizzato. Un educatore suggerisce che gli strumenti web 2.0 potrebbero essere usati nelle fasi di aggancio di un gruppo e di promozione delle attività. Questi sono canali di comunicazione che i ragazzi conoscono bene e sanno usare. Gli operatori concordano nell’idea che la conoscenza e il saper usare le tecnologie permettere di capir meglio i ragazzi, proprio perché questi strumenti sono parte integrante dell’universo adolescente. 2.3.5 I giovani e la rete: la mappatura on-line del territorio di Sesto Calende e Vergiate Sono stati esaminati alcuni strumenti web per capirne la diffusione e l’uso, nel territorio di Sesto Calende-Vergiate. I siti analizzati sono: Facebook e YouTube. È possibile stimare quanto materiale è stato prodotto o pubblicato dai giovani, a detta degli educatori.
  • Anche se non è possibile sapere l’età di ciascun utente che pubblica, visualizza o commenta in questi siti, questi sono gli strumenti web più diffusi tra i giovani del territorio. In particolare, per Facebook si sono presi in considerazione le pagine, i gruppi e le persone83 che rappresentano gli enti, che rispondono al criterio di ricerca “sesto calende” e “vergiate”. 53 53 Grafico 15: Gruppi su Facebook che rispondono ai criteri di ricerca “sesto calende” (SC) e “vergiate” (V), suddivisi per argomento Per quanto riguarda le pagine, ce ne sono 6 in tutto. A Sesto sono 5 (3 di associazioni no profit, 1 di un bar e un’altra di un club incontri) con una media di 87 iscritti ciascuna, mentre a Vergiate è 1 (di una società sportiva), con solo 5 iscritti. Anche le persone-enti non sono molte, in tutto 8: a Sesto 2 (1 palestra e 1 ristorante) e a Vergiate 6, riguardanti politica, sport e associazioni, tra cui segnaliamo la pagina dell’Informagiovani del comune, Giovani Vergiate. 83 Non è stato possibile trovare il numero di persone residenti a Sesto Calende e Vergiate iscritte a Facebook perché non tutti inseriscono questo dato o lo rendono pubblico.
  • Invece, i gruppi sono molto più diffusi e dalle tematiche più disparate. In totale si contano 164 gruppi, 96 a Sesto e 68 a Vergiate. Sesto presenta più gruppi concernenti politica, sport, arte/musica e scuola rispetto a Vergiate. Effettivamente sul territorio sestese sono presenti più associazioni politiche e sportive, sono organizzati numerosi eventi musicali – dalla banda cittadina ai gruppi giovanili – e hanno sede numerose scuole, soprattutto di grado superiore, che a Vergiate mancano. Relativi a Sesto Calende si possono ricondurre ai giovani circa una trentina di gruppi, soprattutto legati alle attività commerciali (bar), attività sportive (sport), gruppi studenteschi (scuola) e a tematiche varie (altro). Relativi, invece, a Vergiate si possono ricondurre ai giovani circa una decina di gruppi, soprattutto legati a discoteche e luoghi d’incontro (bar). La mappatura di YouTube, mostra che a Sesto sono dedicati 236 video e 2 canali, a Vergiate 128 video e 2 canali. I canali sestesi sono entrambi 54 54 destinati allo sport, contano 38 video e 8 iscritti totali. I canali vergiatesi sono dedicati alla musica (con 5 video e 2 iscritti) e ad 1 persona (con 7 video e 3 iscritti). L’osservazione dei temi dei video è più indicativa. Come si vede dal grafico 16, a Sesto sono associate tematiche più serie e impegnate, come le iniziative legate ai giovani, con eventi, concerti e attività organizzate da loro o per loro. Tra queste è presente l’iniziativa Fuori chi Legge, che fa parte del Progetto ChiaVe. Vergiate spicca per tematiche più "frivole", come video dedicati allo svago, dove sono protagoniste persone che si divertono o sono in stato di ebbrezza.
  • Grafico 16: Video caricati su YouTube che rispondono ai criteri di ricerca “sesto calende” e “vergiate” Dei video considerati, quelli appartenenti alle categorie “scuola/oratorio”, 55 “persone”, “svago” e “giovani” hanno per la maggior parte come 55 protagonisti ragazzi e giovani. Si può dedurre che siano stati caricati dai ragazzi stessi o da educatori a stretto contatto con loro. Per quanto riguarda le visualizzazioni, a Vergiate, il numero maggiore si ha nelle sezioni “città”, dove sono presenti video dell’Augusta Westland, e “altro”, dove sono visibili due video relativi ad un sexy shop. In riferimento a Sesto, gli utenti preferiscono guardare, oltre allo sport, filmati che ritraggono persone in momenti di divertimento. 2.3.6 Conclusioni I dati delle ricerche condotte da istituti nazionali, le riflessioni di esperti in pedagogia e sociologia, le osservazioni degli educatori a diretto contatto con un gruppo di ragazzi del territorio convergono in un’unica direzione. Gli adolescenti e i giovani adulti utilizzano le nuove tecnologie e fanno un largo uso di internet, soprattutto per cercare di instaurare e mantenere
  • relazioni coi coetanei e conoscere nuove persone. In base alle azioni che compiono sulla rete sono giudicati e modificano il loro status sociale, anche nella vita reale. Perché quello che succede online ha sempre dei riscontri nella realtà fisica. La maggior parte delle volte questi riscontri evidenziano il lato negativo e problematico di questo “ab-uso” della rete. Si condividono dati e contenuti sensibili, magari di persone ignare, con l’intento di schernirle davanti ad un vasto pubblico. Oppure si fanno conoscenze con sconosciuti che non si rivelano sinceri o con buone intenzioni. Le prime azioni sono definite cyberbullismo84 e hanno forti conseguenze reali: si incorre in una sanzione amministrativa oppure, per gli illeciti penali, si può essere anche querelati. La soluzione corretta a questi problemi non è la demonizzazione del web e dei suoi strumenti, ma è la conoscenza di tali strumenti da parte degli adulti e un controllo sull’uso che ne fanno i ragazzi. È importante 56 conoscere le nuove tecnologie e imparare ad usarle, per capirle, 56 padroneggiarle e poter sfruttare al meglio le potenzialità positive che possiedono. A questo proposito, i giovani educatori della Cooperativa L’Aquilone hanno chiesto di organizzare degli incontri formativi per conoscere più a fondo i nuovi strumenti e saperli usare in modo costruttivo coi ragazzi. La sfida più grande, cui non è possibile venire a capo con la formazione, è capire le motivazioni degli adolescenti. Capire se i giovani sono attratti dalle nuove tecnologie per una naturale propensione alla novità o se sono costretti a reinventarsi con le nuove tecnologie, a causa di una situazione ambientale che li porta inevitabilmente ad usare/abusare della rete per non sentirsi soli. 84 Il cyberbullismo è “l’utilizzo di informazioni digitali e nuovi dispositivi di comunicazione per effettuare azioni di bullismo o molestare in qualche modo una persona o un gruppo.” Cfr: Stop al Cyberbullismo, reperibile al link http://www.hillandknowltongaia.it/wp- content/uploads/cs_cyberbullismo_inembargo.pdf, consultato il 09.01.2010.
  • 3. Progetto ChiaVe Il progetto intende riprendere e rilanciare le azioni messe in atto dai precedenti interventi di Educativa di strada, che da così tanti anni sono attivati sul territorio del Distretto di Sesto Calende. Il progetto si raccorda con i Centri di Aggregazione Giovanile di Vergiate e le azioni di informazione e formazione destinate ai genitori su temi educativi. 3.1 Motivazioni e origini del progetto Il progetto nasce dall’incontro tra soggetti, di natura e territori differenti, che da tempo si occupano di progetti e servizi sociali. I Comuni di Sesto Calende e di Vergiate da anni collaborano nella progettazione di interventi rivolti ai minori in partnership con la Cooperativa L’Aquilone. L’incontro con il Comune di Chiasso risale ad alcuni anni fa, durante un convegno alle Politiche Giovanili del 25 novembre 2006. Da allora diversi incontri tra i referenti hanno portato all’ideazione di un 57 57 progetto condiviso che potesse permettere uno scambio più concreto di competenze e metodologie e un confronto più puntuale e portatore di cambiamento sulle politiche sociali. Da qui ha origine il progetto ChiaVe che ha l’ambizione di aprire le frontiere, di accorciare le distanze, di avvicinare tecnici, politici, educatori, giovani, di sperimentare e attivare azioni innovative che vanno a rispondere ai reali e concreti bisogni che i territori esprimono. Il progetto promuove l’incontro come esperienza educativa e formativa, diventa il luogo del dialogo e del confronto tra culture che vanno oltre alle identità nazionali, che incrociano provenienze multi-etniche, multi- esperienziali, multi-generazionali e multi-culturali. 3.2 Obiettivi del progetto Il progetto prevede differenti obiettivi in base ai destinatari. Per gli adolescenti:
  • • prevenzione del disagio e del conseguente uso e abuso di sostanze stupefacenti lecite e illecite. • aumento della capacità di costruzione di modalità alternative di aggregazione e di svago. • sviluppo della partecipazione nelle attività di Educativa di strada e di progettazione di attività per il tempo libero della popolazione adolescente femminile e straniera. • promozione del protagonismo e dell’imprenditorialità giovanile legati alla realizzazione di eventi artistici transfrontalieri. Per i giovani: • sostegno e accompagnamento ai giovani appartenenti a fasce fragili per un inserimento nel mondo del lavoro. • favorire la conoscenza di alcuni aspetti sociali, politici ed economici del proprio territorio per meglio comprendere regole e logiche del mercato • del lavoro. aumento della conoscenza di strumenti e tecniche utili per la ricerca di 58 58 una nuova occupazione. Per gli operatori sociali: • sviluppo delle competenze degli operatori sociali nel campo delle politiche giovanili. • miglioramento delle attività dirette alla popolazione giovanile attraverso la verifica e la condivisione di buone prassi nel campo dell’Educativa di strada e nella gestione dei centri di aggregazione giovanile. • acquisizione di competenze specialistiche per realizzare progetti individualizzati attraverso il colloquio di orientamento ed il bilancio di competenze. 3.3 Attività del progetto Le attività che fanno parte del progetto ChiaVe sono le seguenti: • interventi di Educativa di strada
  • • interventi focalizzati alla popolazione adolescente femminile e straniera, con la costituzione di équipe di sole educatrici e équipe con mediatore culturale. • accompagnamento al lavoro dei giovani fragili che presentano difficoltà di inserimento nel mercato del lavoro • eventi sportivi, musicali, artistici e culturali promossi attraverso il protagonismo dei giovani • formazione operatori sociali per aumentare le capacità progettuali e la competenza specialistica • attivazione di un centro di aggregazione “de-istituzionalizzato” a misura di giovane • percorsi di formazione e condivisione del progetto con educatori grezzi Le prime cinque attività indicate sono già avviate in questi primi mesi di vita del progetto, partendo dal lavoro che era già stato svolto nei Comuni. Le restanti due sono previste, ma non si sa quando verranno intraprese. 59 Degli interventi già attivi è possibile conoscere qualche dettaglio sulle loro 59 caratteristiche. 3.3.1 Educativa di strada L’Eds è una metodologia di lavoro educativo che mira a contattare adolescenti e giovani nel loro territorio di appartenenza attraverso strumenti flessibili che vengono tarati di volta in volta in base al gruppo. Le prime esperienze di Eds in Italia sono da collocarsi alla fine degli anni Sessanta: si tratta soprattutto di attività di volontariato realizzate nelle realtà urbane, a favore di un maggior contatto con poveri ed emarginati. Solo all'inizio degli anni Ottanta si comincia a parlare di Eds nell'ambito dei servizi sociali ed educativi. Questo passaggio è stato favorito anche dagli scambi culturali e professionali con operatori di altri paesi, come
  • l’America Latina e l’Asia, in cui erano già state svolte attività rivolte ai minori in situazioni di povertà estrema e di totale abbandono85. L’Eds permette agli educatori di relazionarsi agli adolescenti e ai giovani nella loro quotidianità. L’immagine della strada evoca l’idea dell’educatore che si reca là dove “abita” il bisogno, anziché attenderlo in servizi più stabili, strutturati ma anche più statici. L’uscire e lo stare per strada permette agli educatori di: • verificare la possibilità e l’utilità di una presenza adulta qualificata nella quotidianità dei ragazzi, alle prese con il difficile compito di attraversare una tappa evolutiva, tanto complessa quanto delicata, qual è l’adolescenza. • avvicinare i gruppi informali di giovani e di lavorare sulle dinamiche di gruppo. • approfondire e problematizzare in gruppo e con i singoli le tematiche di interesse tipiche di quest’età, con particolare attenzione al tema delle 60 sostanze e dei comportamenti a rischio. 60 • entrare in contatto con le realtà locali, ricche di agenzie educative, di servizi, di leader formali ed informali. Nel lavoro di strada si individuano 5 fasi di intervento: 1. Mappatura: in questa fase gli educatori conoscono il territorio, con l’intento di captare le peculiarità dello stesso ed essere ricettivi ai segnali che esso manda. 2. Aggancio dei gruppi di strada: è una delle fasi più delicate che gli educatori si trovano ad affrontare. Questo momento prevede un’attenta osservazione del gruppo e una strategia di aggancio mirata e pensata su di esso. 3. Realizzazione: questa è la fase che occupa l’arco temporale più ampio. È la fase che crea la storia e le opportunità di crescita di un gruppo. Questo lungo momento vede svilupparsi una relazione stabile e di 85 AA. VV., Origine e storia del lavoro di strada. Articolo scaricato dal sito www.edupolis.org/illavoro%20di%20strada.pdf, consultato il 05.01.2010.
  • fiducia con il gruppo che può dare vita ad attività e iniziative che sono occasioni di crescita, protagonismo e sperimentazione. 4. Valutazione: è la verifica degli obiettivi di progetto e dei risultati raggiunti, condivisi con la committenza. Questa è una fase preziosa per il progetto che permette ai diversi attori coinvolti di fermarsi e riflettere sul lavoro fatto per poi riprogettare una nuova attività. 5. Chiusura: è il momento in cui gli educatori riconoscono di aver raggiunto gli obiettivi prefissati con il gruppo e rimandano al gruppo stesso il percorso fatto e l’autonomia raggiunta. 3.3.2 Interventi focalizzati alla popolazione adolescente femminile e straniera Il progetto prevede una particolare attenzione alle ragazze e agli stranieri nell’azione di Eds. Per quanto riguarda il lavoro sulla femminilità, si parte dalla costituzione di un’equipe composta di sole donne che si occuperà dell’Educativa di 61 61 strada dedicata alle ragazze. È convinzione dei responsabili che il genere femminile, soprattutto in età adolescenziale, abbia bisogno e ricerchi forme di aggregazione diverse da quelle maschili. Una modalità di lavoro con l'universo femminile prevede di dedicare a questo mondo tempo e pensiero specifici per permettere una scoperta e una risposta ai bisogni delle ragazze. È quindi importante individuare luoghi accoglienti dove poter trovare il giusto clima che ricostruisca il nido che spesso le ragazze cercano. Durante l'intera durata del progetto si prevede di affrontare temi particolarmente vicini al mondo femminile, sviluppandoli sia attraverso momenti riflessivi in gruppo sia proponendo uscite ed esperienze dirette che aiutino la presa di coscienza e la conoscenza. Invece, l’esigenza di occuparsi dei giovani stranieri nasce dal fatto che in questi territori del varesotto l’immigrazione è spesso vissuta come elemento fortemente problematico. Il progetto prevede un’attenzione
  • particolare al coinvolgimento dei ragazzi stranieri nei gruppi di Educativa di strada già esistenti, costituendo un’equipe formata da educatori e mediatori culturali in grado di agganciare con maggiore facilità i ragazzi di etnie diverse. Gli adolescenti stranieri vivono spesso tra due culture, due mondi, due lingue. L’immagine del proprio nucleo famigliare si scontra con le aspettative e l’immagine imposta dall’esterno. L’adolescente straniero vive, dunque, una problematicità più complessa nella ricerca di una propria identità. Questa diversità così marcata può sfociare in esplicite forme di rifiuto delle regole e nell’adesione a gruppi di giovani devianti. Un’attenzione all’accoglienza e all’elaborazione di questi vissuti di inadeguatezza mira a portare l’adolescente straniero a concepirsi più come risorsa per la società che come ostacolo. In questo senso le attività legate all’Educativa di strada si orienteranno verso lo sviluppo di processi di ibridazione culturale che vedono coinvolti come protagonisti gruppi composti da adolescenti stranieri e non. Gli spazi di aggregazione in 62 progetto sono luoghi in cui promuovere valori come la solidarietà, la 62 responsabilizzazione, la tolleranza, l'antirazzismo e l’uguaglianza. 3.3.3 Accompagnamento al lavoro L’idea della “borsa lavoro” nasce dall’impegno degli operatori dell’Informagiovani-Informalavoro del Comune di Vergiate, in collaborazione agli assistenti e agli operatori sociali. La loro esperienza ha fatto nascere la consapevolezza della mancanza di un accompagnamento al lavoro per le categorie più fragili e non considerate dalle Istituzioni, come i drop-out. La difficoltà di queste persone era duplice: da un lato la complessità di trovare un lavoro, dall’altro l’incapacità di saperlo mantenere. Nell’arco dei tre anni di vita del progetto Chiave sono previste 10 borse lavoro l’anno; nel 2009 ne sono state attivate 8. Con le “borse lavoro”, il progetto propone a queste persone un percorso formativo retribuito di qualificazione o riqualificazione, per offrire un
  • bagaglio di esperienze, conoscenze e capacità da poter sfruttare nel mondo lavorativo, oltre all’affiancamento di un tutor professionista. Le borse lavoro prevedono una durata di 5 mesi, un lavoro part time ed un rimborso spese mensile di 500 euro, e il costante monitoraggio dell’esperienza da parte del tutor. Queste azioni sono rivolte a ragazzi di ambosessi in età compresa tra i 16 i 24 anni circa. La retribuzione durante il periodo di formazione permette ai destinatari di vivere più serenamente questo momento, poiché queste persone hanno necessità di avere un posto di lavoro e uno stipendio. Si tratta, quindi, di un’esperienza che consente di sperimentare concretamente cosa sia il lavoro – come funziona il mondo del lavoro, le regole, i diritti e i doveri – e offrire al giovane la possibilità di acquisire qualche consapevolezza non solo del mondo del lavoro ma anche di sé, del “sé sociale e lavorativo”. Le aziende che ospitano gli stagisti vengono contattate dall’Informalavoro di Vergiate, che propone loro di partecipare al progetto. Viene chiesto di 63 definire quali profili professionali offrano, in modo da fare la miglior scelta 63 possibile tra il lavoro disponibile e le caratteristiche dei potenziali stagisti. L’obiettivo è, da un lato, proporre allo stagista una buona esperienza lavorativa e, dall’altro, di offrire all’azienda uno stagista adatto. 3.3.4 Formazione degli operatori sociali Il progetto prevede dei percorsi di auto-aggiornamento, corsi di formazione e seminari con formatori esterni per gli operatori sociali, sia in ambito pedagogico sia in quello informatico. Obiettivi dell’aggiornamento pedagogico sono aumentare le capacità progettuali degli operatori e la competenza specialistica del lavoro di rete sul territorio, nell’ottica di accrescere la capacità di interventi in sinergia, potenziare le abilità comunicative e di accompagnamento degli operatori all’interno della cultura giovanile. Obiettivi della formazione informatica sono spiegare il senso e le potenzialità del web 2.0, presentare gli strumenti disponibili ed affiancare
  • gli educatori nella creazione di un social network per il progetto e di altri materiali multimediali. A tal proposito è stata pensata una scaletta di cinque incontri formativi. Di seguito una piccola descrizione di ciascun incontro, trattato nel dettaglio nel capitolo 4. 1) Introduzione al web 2.0: filosofia, tecnologia, infrastruttura ed effetti Gli incontri di formazione si aprono parlando dell’evoluzione del web, per inquadrare l’argomento del corso. Si pone l'accento sul cambio di paradigma, dall’1.0 al 2.0 e sulla nuova centralità dell'utente. Quest’evoluzione è supportata dalle tecnologie, dagli strumenti e dalle infrastrutture. 2) Strumenti web 2.0: forum, blog, chat, video, social network Nella seconda lezione si spiegano gli strumenti definibili web 2.0. Si mostrano esempi di forum, blog, chat, wiki, social bookmarking, 64 videosharing, instant messaging e social network. 64 3) Format utilizzabili Il terzo aspetto interessante da affrontare negli incontri teorici è la ricerca di un format giovane, dinamico e originale da utilizzare nel social network del progetto. Esempi interessanti sono i video blog, blog fotografici, creazione di itinerari corredati da mappe o videointerviste. 4) Come scrivere un post sul blog Il penultimo incontro è di natura teorico-pratica in cui sono spiegati le norme e i suggerimenti per scrivere bene sul web. 5) Interazione su Ning Il ciclo di formazione si conclude con l’iscrizione al social network da parte degli educatori e il primo utilizzo del mezzo.
  • 3.3.5 Eventi culturali: Fuori chi Legge Fuori chi Legge, una della attività già avviate sponsorizzate dal progetto ChiaVe, è un programma di incontri culturali rivolto ai ragazzi dai 14 ai 25 anni e si conclude con una festa di fine corso, che rappresenta solo il punto d’arrivo di percorsi svolti durante l’anno. Il progetto è stato ideato dal Sistema Bibliotecario dei Laghi, con lo scopo di promuovere la lettura durante un momento di aggregazione giovanile. Per la realizzazione del progetto è stata chiesta la collaborazione delle cooperative operanti nei comuni del SB Laghi. Con l’intento di far avvicinare ragazze e ragazzi al mondo dei libri sono stati ideati e realizzati laboratori espressivi di vario genere – fumetto, improvvisazione teatrale, musica rap – accomunati dall’attenzione alle parole, scritte o parlate. Il programma è stato promosso sul sito www.fuorichilegge.com, attraverso la pagina di Facebook dedicata, con la realizzazione di video promozionali girati dai ragazzi e poi caricati su YouTube, ma anche attraverso MySpace 65 65 e blog. Radio ADO e Punto Radio hanno trasmesso i programmi di approfondimento sull’evento. La conclusione del progetto 2009 si è concretizzata in un evento al parco Europa di Sesto Calende con musica, letture e laboratori. Per questa edizione l’evento finale sarà a Laveno il 12 giugno 2010. 3.4 Chi partecipa al progetto86 3.4.1 I committenti: le amministrazioni comunali Le amministrazioni comunali coinvolte all’interno del progetto ChiaVe sono quelle dei due Comuni capifila di Vergiate e di Chiasso e quella di Sesto Calende, partner del progetto grazie alla sua esperienza educativa. 86 Le denominazioni e le definizioni usate in questo capitolo sono state prese direttamente dal piano di progetto.
  • Il lavoro sul progetto è stato portato avanti dai tecnici dei tre Comuni con l’approvazione e il consenso delle rispettive amministrazioni, superando per la sua validità anche il cambiamento istituzionale dato dalle elezioni. Pur nell’apparente lontananza fisica, i comuni coinvolti – piccoli centri con una popolazione intorno ai 10.000 abitanti – esprimono diverse similitudini per quanto riguarda la popolazione giovanile. Sul piano delle azioni le strategie politiche hanno fatto in modo che i territori investissero in azioni difformi ma efficaci e significative su ciascun territorio. Chiasso porta con sé la storia di un Centro Giovani che o nel 2008 i suoi 15 anni di vita, un centro culturale e di aggregazione che vede la presenza e la convivenza di giovani e adolescenti svizzeri e stranieri. Vergiate ha festeggiato nel 2009 i 15 anni di vita del suo Centro d’Aggregazione, con obiettivi in realtà più educativi che aggregativi e attività rivolte ad un’utenza più giovane, prevalentemente di italiani; inoltre da circa 5 anni ha avviato un servizio di Educativa di strada. 66 Sesto Calende ha festeggiato nel 2009 i suoi 10 anni di Educativa di 66 strada, che racconta di un’idea e di una scelta politica differente, indirizzata ad adolescenti, italiani e stranieri, con un’attenzione particolare al mondo femminile. 3.4.2 I partner: L’Aquilone Società cooperativa sociale87 L’Aquilone è una realtà imprenditoriale in forma di cooperativa sociale nata nel 1993. Negli anni, L’Aquilone, in risposta ad esigenze contingenti del territorio, ha promosso servizi e progetti a supporto di tutto il ciclo di vita della persona. La fascia d’età con cui si è maturata la maggiore esperienza resta indubbiamente quella dei minori e, in modo particolare i soggetti tra i 6 e i 18 anni. Le progettualità si sviluppano lungo un continuum di interventi che vanno dalla prevenzione alla promozione del benessere, dall’assistenza al 87 La cooperativa sociale L’Aquilone ha sede a Sesto Calende (VA). Presto sarà online il sito ufficiale all’indirizzo www.laquilonescs.it.
  • sostegno, dalla consulenza alla presa in carico. Le equipe di lavoro si sono formate in particolare per la gestione di CAG, Educativa di strada, interventi di assistenza domiciliare e tutela dei minori, assistenza scolastica e doposcuola, centri estivi e gioco teche. Attualmente, l’equipe è composta da un gruppo di ottanta persone – tra educatori, animatori e psicologi – con sensibilità sociale, competenze teoriche e pratiche diverse. Gli educatori che ho conosciuto ed intervistato sono un gruppo di sette giovani sotto ai trent’anni, tutti laureati – 3 in Scienze dell’educazione, 2 in Filosofia, 1 in Scienze della formazione e 1 in Scienze della comunicazione interculturale – che ora lavorano presso L’Aquilone. Raccontano di essersi trovati quasi per caso a svolgere queste attività coi ragazzi. Un’operatrice rivela di aver intrapreso questa strada “perché ho capito che ciò che mi interessava era costruire percorsi educativi, che aiutassero i destinatari a raggiungere, una dopo l’altra, tante piccole mete 67 con lo scopo di raggiungere un equilibrio esistenziale.” 67 Sono tutti soddisfatti del lavoro che svolgono. La parte che più amano del loro incarico è il contatto coi ragazzi, “[quando loro] si aprono e ti raccontano i loro vissuti più profondi.”. “Fa piacere vedere i ragazzi riconoscerti, salutarti e parlarti senza che si sentano obbligati a farlo”. Gli educatori apprezzano la persona umana e prestano particolare attenzione alla situazione di ciascuno dei loro ragazzi. Il gruppo è consapevole “di avere un ruolo privilegiato rispetto agli altri adulti” nel rapporto con gli adolescenti, i quali apprezzano le loro attività e il loro impegno. Seppur giovani questi educatori sono già consapevoli degli ostacoli del loro lavoro, difatti riconoscono che sia “complicato dover improvvisare in situazioni conflittuali, per il rischio di sentire distanze o delusioni”. Loro sanno che ci sono momenti “frustranti, [quando] ti rendi conto che i ragazzi non vogliono cambiare le loro condizioni e di fronte a questo ogni
  • sforzo educativo risulta vano. Momenti difficili ci sono anche quando gli adulti non comprendono l’importanza del mio lavoro”. 3.4.3 I destinatari del progetto: i ragazzi dell’Educativa di strada e i giovani delle borse lavoro I destinatari del progetto ChiaVe sono i giovani del territorio, che frequentano le varie attività proposte in modo più o meno continuo. In questo capitoletto sono presentati i gruppi di ragazzi che seguono con costanza le attività già iniziate, quali l’Eds, e le borse lavoro. In questo modo è possibile avere un quadro dei giovani che effettivamente prendono parte al progetto. I ragazzi coinvolti nel progetto di Educativa di strada nel territorio di Sesto Calende-Vergiate sono circa 35, di età compresa fra 13 e i 19 anni. La maggior parte di loro, quasi il 90%, sono maschi, mentre la presenza delle ragazze è minore e saltuaria. Circa il 60% dei teens è straniera, 68 soprattutto di origine marocchina e albanese. 68 La maggior parte dei ragazzi proviene da famiglie di ceto medio. Alcuni vivono in famiglie con problemi, conosciute ai servizi sociali: la situazione famigliare delicata è evidente soprattutto per quanto riguarda il dialogo e la relazione coi genitori. I ragazzi che provengono da famiglie con precedenti con la legge sono più inclini a commettere reati, come il furto. Nonostante le famiglie non abbiano tutte grandi disponibilità economiche, pochissimi ragazzi lavorano, circa il 10%. Anche il rapporto con la scuola non è ottimo: nel gruppo c’è un solo liceale e solo altri 6 frequentano le scuole professionali. Alcuni, soprattutto gli stranieri, seguono corsi serali. Quasi la metà del gruppo è stata bocciata anche più volte: molti dei ripetenti frequentano ancora la terza media. Circa il 20% dei ragazzi ha, invece, abbandonato gli studi. La situazione di disagio si manifesta anche dall’alta percentuale di fumatori, quasi il 90%, e dei consumatori di droghe leggere, quasi la metà del gruppo. Bere alcolici non è un comportamento diffuso; anzi è piuttosto
  • saltuario e riguarda una decina di ragazzi. Sempre una decina sono i giovanissimi che hanno già provato o che consumano droghe pesanti. Questi adolescenti sono interessati soprattutto alla musica e al calcio, che amano commentare ma non praticare, se non a livello di passatempo. Pochissimi fra loro fanno attività sportiva: due ragazzi giocano in una squadra di calcio, uno a basket, uno a pugilato e un altro a hockey. I loro luoghi di ritrovo preferiti sono i bar e le discoteche; non frequentano l’oratorio. Per quanto riguarda invece le attività dedicate alle ragazze, stiamo parlando di un progetto di Eds pensato per un target di adolescenti femmine, in cui sono proposte ed affrontate dalla coppia di educatrici varie tematiche, come il corpo, l’affettività, l’amicizia, la prevenzione e la sessualità, attraverso metodi “rosa”, femminili. Il gruppo cui le attività sono rivolte è composto da 10 ragazze italiane, di età compresa tra i 15 e i 20 anni. Il loro comportamento e i loro interessi, 69 in generale, sono molto diversi rispetto a quelli dei coetanei maschi. 69 Sono ragazze molto differenti anche tra loro: alcune sono particolarmente attente all’aspetto fisico e si curano molto, altre hanno uno stile particolare e ricercato mentre altre ancora sono più “alternative”, nel modo di vestire e negli atteggiamenti. Sono tutte ragazze intelligenti e curiose; affrontano la realtà già con un certo spirito critico e si dimostrano interessate agli aspetti politici, artistici, culturali dell’ambiente in cui vivono. Alcune di loro svolgono attività sportive – pallavolo, atletica e piscina – o artistiche, come il teatro e il cinema. Altre sono impegnate in associazioni come gli scout. Tutte sono molto appassionate di musica e si identificano in base al genere ascoltato. Infine, la situazione scolastica del gruppo mostra due ragazze iscritte all’università ai corsi di Scienze dei beni culturali, quattro frequentanti il liceo (due all’artistico, una allo scientifico e un’altra al socio-psico- pedagogico), una l’istituto per geometri e un’altra alla scuola professionale per parrucchiera.
  • Per quanto riguarda le borse lavoro, queste sono un'azione pensata per giovani fragili, ma non disabili. Si intendono ragazzi con qualche difficoltà che li rende non completamente adatti al lavoro. Ne consegue che il loro inserimento nel mercato del lavoro sia più complicato rispetto agli altri, ma gli operatori ritengono che con un aiuto ce la potrebbero fare. Si tratta di ragazzi che hanno interrotto gli studi perché non sono in grado di mantenere un impegno nel tempo, che hanno difficoltà familiari, relazionali, economiche, che li rendono vulnerabili e spesso poco consapevoli dei propri limiti. Le borse lavoro sono rivolte a ragazzi e ragazze in età 16-24 anni circa e non esiste una griglia definita di requisiti di accesso, ma si valuta caso per caso. Queste persone si presentano allo sportello dell’Informalavoro in cerca di occupazione ed evidenziano fragilità sociale o situazioni segnalate dal servizio sociale comunale. 70 Le prime borse sono iniziate a maggio 2009: in tutto ad oggi ne sono state 70 attivate otto, 4 a maschi e a 4 femmine, tutti italiani. Si tratta di un borsista di 25 anni (nato nel 1985), un altro di 24 (nato nell’84), 3 ventenni (nati nel 1990), un diciannovenne (nato nel 1991) e due nati nel 1992. Non sono state registrate informazioni specifiche su sport, hobby, tempo libero e nemmeno sull’uso sostanze. In merito alla legalità, invece, nessuno di loro ha mai avuto problemi. Ben 7 degli 8 stagisti attuali appartengono a famiglie in carico – ora o in tempi passati – al servizio sociale comunale. L’ottavo è un minorenne con famiglia adeguata ma con studi interrotti e nessuna prospettiva di occupazione, né lavorativa né di tempo libero. Quasi tutti hanno alle spalle percorsi scolastici interrotti e tutti appartengono a nuclei familiari multiproblematici.
  • 4. Start-up del progetto ChiaVe Il mio ruolo all’interno del Progetto ChiaVe è stato quello di gestire la prima comunicazione, affiancata dagli esperti dell’agenzia Hagam, un’agenzia che supporta progetti di comunicazione sociale affiancando le realtà del settore no profit nella progettazione della propria comunicazione, con particolare attenzione ai linguaggi multimediali, all'audiovisivo e ai nuovi media. I miei compiti nella fase di start up del progetto nell’ambito della comunicazione possono essere così riepilogati: • stesura piano di comunicazione • creazione del logo • creazione materiale cartaceo per la conferenza • collaborazione alla preparazione e conduzione degli incontri formativi degli educatori 71 • gestione sezione ChiaVe su www.con-tatto.it 71 • creazione social network su Ning • creazione materiale pubblicitario 4.1 Piano di comunicazione Il primissimo step è stato stendere il piano di comunicazione, consultabile in allegato, che servisse come base per le azioni comunicative future. La struttura del piano presenta obiettivi iniziali, strumenti e risorse disponibili nella fase di avvio del progetto, ponendo poi l’attenzione sulle caratteristiche e le potenzialità del web 2.0 e cercando di ipotizzarne l’uso all’interno del progetto. I punti salienti del piano sono i seguenti. 1. Creare una sezione dedicata a ChiaVe nel portale già esistente www.con-tatto.it. L’esperienza di Con-t@tto Spazio Adolescenti è stata molto importante, perché ha mostrato che per i giovani il web è un media
  • privilegiato per comunicare con gli altri e i ragazzi ne fanno già molto uso. Avvicinarsi ai giovani usando i loro mezzi è sicuramente un metodo per entrare più facilmente in contatto e proporre iniziative interessanti. 2. Creare un social network con NING, dedicato al gruppo di adolescenti partecipanti al progetto e ai loro educatori, probabilmente focalizzandosi sull’attività dell’Eds. Con questa attività si vuole cercare di sperimentare l’Educativa di strada nel mondo virtuale, integrandola all’attività tradizionale. Con queste azioni si vuole favorire la comunicazione e lo scambio di informazioni tra i diversi attori, quali istituzioni, professionisti dell’educazione e ragazzi, mantenendo comunque distinti i rispettivi ruoli. L'intenzione è di attivare un processo partendo dall'alto – dagli operatori – per raggiungere e poi coinvolgere direttamente i ragazzi. 72 L'obiettivo è quello di rendere i ragazzi protagonisti, incentivarli a 72 raccontare e condividere le loro storie anche attraverso l'uso di articoli, commenti e video. 3. Affiancare coerentemente l'attività online da una comunicazione tradizionale offline, ad esempio con manifesti e cartoline sia per quanto riguarda la comunicazione coi ragazzi, che quella istituzionale. 4. Preparare e condurre l’attività formativa sul web 2.0 per gli educatori, per spiegare le caratteristiche generali del web 2.0 e come sfruttare gli strumenti 2.0 all’interno del progetto. 4.2 Con-t@tto Spazio Adolescenti Con-t@tto è un portale dedicato ai giovani nato nel 2004 per volontà dell’ASL di Varese, dove il progetto ChiaVe ha potuto inserirsi e avere visibilità. Scopo di Con-t@tto è dare spazio e voce ai ragazzi della
  • provincia, permettendo di scrivere post su musica, cinema, droghe, affettività e leggere gli articoli di esperti in vari settori. Per quanto riguarda ChiaVe, la comunicazione da questo sito è istituzionale, rivolta tanto agli adulti quanto ai ragazzi. Qui si trovano informazioni sul progetto e sulle attività che ne fanno parte, oltre che spunti di riflessione e discussione. La voce dedicata al progetto è stata aggiunta nel menù dell’home page, tra i canali esistenti. Cliccandoci sopra si apre una sezione con una propria home e un nuovo menù sulla sinistra composto, per ora, da sei voci. Di seguito la descrizione di ciascuna di esse: • Attività: sono le iniziative del progetto. Ci sono articoli riguardanti l’accompagnamento al lavoro, l’Educativa di strada, gli interventi mirati per ragazze e stranieri e la formazione informatica degli operatori. • Dis-agio: è un gioco di parole per indicare la condizione giovanile, 73 73 talvolta di difficoltà e talvolta di serenità. Si è cercato di ridimensionare la parola disagio inserendo il trattino, che, tra l’altro, richiama le altre voci di con-tatto. In questa sezione ci sono spunti per riflettere sulla condizione giovanile oggi, estratte da interviste ad esperti o articoli sull’argomento. • Formazione: in questa parte sono consultabili i riassunti degli incontri formativi con slide e documenti allegati. Rappresenta una miniguida per chi fosse interessato o un promemoria per chi ha seguito il corso. • Mappatura online: questa sezione è dedicata all’analisi di siti e social network, per vedere quanto sono presenti i territori del progetto ChiaVe e i ragazzi della provincia e con quali contenuti. • Progetto: questa parte è quella più istituzionale, in cui è presentato il progetto con estratti dal bando e dai documenti ufficiali. In rilievo sono posti obiettivi e attività.
  • • Social network: quest’ultima sezione presenta il social network dedicato all’attività dell’Eds del progetto ChiaVe. 74 74 Figura 1: Home page di www.con-tatto.it
  • Figura 2: Home page di ChiaVe su Con-t@tto 75 75 4.3 Logo del progetto ChiaVe Il passo successivo alla stesura del piano di comunicazione è stato la creazione di un logo per il progetto ChiaVe, con l’obiettivo di dare un’identità riconoscibile e coerente al progetto e alle attività che ne fanno parte. Dopo un’attenta analisi dei loghi presenti sul mercato, si è giunti alla conclusione che per distinguere un progetto dedicato ai giovani era importante usare il colore e un font che richiamasse un prodotto usato dai ragazzi dai 14 ai 20 anni. In questo senso le scelte sono cadute sui colori arancio, azzurro ciano, verde, fucsia, giallo e rosso e il font richiama il marchio Converse All Stars.
  • Il logo del progetto ChiaVe è composto da sei quadrati dagli angoli smussati disposti su due colonne. Sul lato destro sono presenti il nome del progetto e il payoff, girati a 90° antiorari. Figura 3: Logo del progetto ChiaVe Nella versione piccola del logo pensata per dimensioni e spazi ridotti, per motivi di leggibilità, è stato eliminato il payoff. Inoltre, da un punto di vista pratico, si è pensato di poter riutilizzare in 76 modo adeguato questi elementi grafici colorati per altre forme di 76 comunicazione. 4.4 Materiale cartaceo per la conferenza Come anticipato, prima di intraprendere le iniziative legate al web, ci si è concentrati sulla promozione tradizionale e istituzionale. La prima occasione è stata l’incontro Come l’aceto sulle fragole88 per il quale erano necessari i seguenti materiali: • invito sia da stampare sia da spedire via mail • cartelloni pubblicitari • sintesi cartacea del progetto da distribuire ai partecipanti. Con l’aiuto dei colleghi dell’agenzia ho preparato l’invito di formato 210 mm x 100 mm, fronte e retro, riproposto in figura 4. 88 Si vedano il capitolo 2.1 e le relative note.
  • 77 77 Figura 4: Fronte e retro dell’invito alla conferenza Come l’aceto sulle fragole L’idea di inserire l’immagine della fragola con l’aceto balsamico è abbastanza scontata, considerando il titolo dell’incontro. Credo che, oltre ad essere in tema, mostrare il frutto rimandi alla mente il fatto che la conferenza sarà un momento serio e conviviale.
  • Con la stessa impostazione grafica è stato pensato il manifesto per l’ingresso della sala, in formato 100 cm x 70 cm (figura 5). È stato scelto di tenere la stessa impostazioni grafica per questi due materiali perché sono entrambi legati al medesimo evento, la conferenza. 78 78 Figura 5: Manifesto per l’ingresso alla sala il giorno della conferenza Come l’aceto sulle fragole
  • La grafica della sintesi del progetto è legata al logo e non all’evento, proprio perché il piano del progetto ChiaVe è indipendente dalla conferenza di presentazione (figura 6). La copertina mostra una porzione di logo in scala di grigio ingrandita e ruotata, in cui si intravedono alcuni quadrati e parte della scritta. L’interno è stato pensato per essere semplice e leggibile. È stato usato un carattere bastoni e un’ampia interlinea doppia. Le sei sezioni del testo sono associate ad un quadratino colorato. Nel bordo di destra appaiono incolonnati in verticale i quadrati in scala di grigio: l’unico ad essere colorato è quello corrispondente al capitolo presente nella pagina. Il contenuto della sintesi era stato preparato dai tecnici dei Comuni di Vergiate e Sesto Calende per la candidatura del progetto. È stato riadattato per la conferenza, in modo da presentare il progetto in modo completo ma non eccessivamente dettagliato. 79 79
  • 80 80 Figura 6: Sintesi cartacea del Progetto ChiaVe presentata alla conferenza Come l’aceto sulle fragole
  • 4.5 Incontri per la formazione degli educatori Già dal primo incontro con gli educatori della Cooperativa L’Aquilone è subito emerso un rapporto ambivalente tra loro e le nuove tecnologie, soprattutto in ambito web. Gli operatori erano consapevoli dell’importanza della comunicazione online, ma probabilmente non si sentivano in grado di avviarla. Per aiutarli a capire gli strumenti web e imparare ad usarli al meglio, abbiamo organizzato un ciclo di incontri, tre dedicati all’“Alfabetizzazione sul web 2.0” e due focalizzati su Ning. 4.5.1 Organizzazione degli incontri I momenti di formazione sono stati svolti in cinque giornate, presso la sede della Cooperativa L’Aquilone in Sesto Calende. Gli incontri erano dedicati agli addetti del progetto, educatori e responsabili, ma erano aperti a tutti coloro lo desideravano. Il gruppo dei sette educatori della cooperativa insieme al loro superiore sono stati 81 81 presenti a tutti i momenti formativi, anche se non sempre al completo. Al primo incontro hanno partecipato anche un tecnico del comune di Vergiate e la responsabile dell’Informalavoro, oltre che ad un’altra educatrice esterna al progetto. Nelle due lezioni finali, invece, hanno partecipato sei educatori, il loro superiore e due ragazzi del servizio civile dei comuni di Vergiate e Sesto Calende. L’impostazione del corso prevedeva di affrontare il tema del web 2.0, in modo semplice, non eccessivamente tecnico ma comunque abbastanza completo, per dare un quadro esauriente della situazione web che potesse essere apprezzato anche da persone non amanti né esperte di tecnologia e internet. L’obiettivo era di aggiornare gli educatori sul tema del web 2.0 e pensare ad un format ideale per il social network su Ning.
  • 4.5.2 Primo incontro di formazione: introduzione al web 2.0 L’incontro introduttivo, della durata di 3 ore, è stato molto teorico e non si è fatto ricorso alle slide. Si è preferito evitare l’uso del computer a favore di una maggior comunicazione e partecipazione col gruppo, aiutati anche dalla lavagna. Potremmo così sintetizzare per punti gli argomenti trattati. • Inquadramento del web 2.0 con alcuni concetti chiave come condivisione, partecipazione/interazione, relazione orizzontale, socializzazione e creazione di contenuti significativi. • Caratteristiche e potenzialità del web 2.0: l'accesso a servizi di “creazione della rete” anche per l'utente poco evoluto, in cui il ruolo centrale è ricoperto dal singolo utente. • Esempio importante riportato è stato la campagna elettorale del presidente Barak Obama, che grazie alla rete ha costruito la propria campagna elettorale, il consenso nonché la raccolta fondi più ampia della storia. 82 82 • Cambio di paradigma col web 2.0. La relazione che si crea fra gli utenti è una relazione alla pari, in cui tutti possono offrire il loro contributo, commentando un articolo o un post, offrendo la loro riflessione. La conoscenza si distribuisce orizzontalmente e non è più dall'alto. • Contenuto online in continua evoluzione: ciascuno propone il proprio contributo arricchendo un articolo, un'informazione, offrendo uno spunto anche critico per intensificare una discussione. • Presentazione dei social network come emblema della modalità d'interazione orizzontale. • Effetti micro e macro dell’azione dei social network. • Miglioramenti tecnologico e infrastrutturale che hanno contribuito ad un notevole aumento di utenti internet attivi con gli strumenti di condivisione. • Attivazione pratica
  • Questo primo incontro si è concluso con un’attivazione pratica. I partecipanti sono stati divisi in quattro gruppi in base alla loro rete di amicizie o di lavoro, poi è stato consegnato un foglio a ciascuno, con tre domande e uno spazio di una riga per la risposta: 1. Cosa stai pensando? 2. Cosa fai stasera? 3. Qual è la cosa più bella che hai fatto nel week end? Una volta che le persone hanno risposto alle tre domande passano il proprio foglio ad un’altra persona della propria rete, che può commentare quello che è già stato scritto, usando la riga segnata sotto. Il foglio passa ad ogni persona appartenete al gruppo fino a quando sono stati gli educatori stessi ad essere incuriositi e a chiedere di leggere i fogli delle altre persone presenti. Con questo semplice giochino – che non è altro che la dinamica alla base di Facebook – gli educatori hanno scoperto soprattutto il lato divertente dei social network. In realtà, ci sono stati un paio di casi in cui le persone 83 si sono aperte con dichiarazioni più profonde o serie, dimostrando la 83 possibilità di usare lo strumento in modo più responsabile. 4.5.3 Secondo incontro di formazione: strumenti web 2.0 In questo incontro, della durata di 3 ore, si è mostrata una panoramica degli strumenti definibili web 2.0. Questa volta sono state preparate delle slide dove erano presentati schemi riepilogativi e indicati i link per ciascuna categoria di strumento. Le slide di questo incontro sono consultabili in Appendice. Di seguito, la sintesi dell’incontro. • Contenuti in rete: testi, foto, immagini, video, musica, link, commenti. • Piattaforme più o meno specifiche e adatte a ciascun contenuto, presentate in ordine cronologico.
  • • Esempi veri di ciascuno strumento. Casi reali particolarmente interessanti o emblematici di forum, blog, chat, wiki, social bookmarking, video sharing, instant messaging e social network • Considerazioni sul fatto che le caratteristiche dei singoli strumenti confluiscono nei social network. Ning, in questo senso, può essere un esempio più completo, offrendo funzionalità di base come blog, chat, forum, videosharing, photosharing, condivisione di musica e altre nuove applicazioni. • Considerazioni sul fatto che questi strumenti confluiscano nel mobile. 4.5.4 Terzo incontro di formazione: format per il social network Il terzo momento formativo, durato sempre 3 ore, si è focalizzato su esempi innovativi e dinamici di format, che potrebbero essere usati nell’interazione su Ning. Anche questa lezione è stata supportata da 84 alcune slide che riportano link e punti salienti degli esempi fatti. Le slide 84 sono consultabili in Appendice. Di seguito, gli esempi presentati con le relative considerazioni. • Akkilodici, video blog di Con-tatto89. Questo format potrebbe essere usato per caricare video di presentazione degli educatori oppure video che presentano o raccontano un evento. • Olivia e Marino90, linea di cracker Pavesi, legata all’idea dei valori veri e dello stile italiano. Sul web questa linea ha attivato un blog dove sono proposti da altri utenti gli Itinerari dello Sfizio, percorsi interessanti per gastronomia, arte, design e musica. Il blog di Olivia e Marino presenta diversi format. In particolare, è molto interessante l’uso che fanno di Google Maps per segnalare un itinerario. Nel progetto questo potrebbe essere usato per localizzare 89 Si veda: www.contatto.org/sx_canale/home.asp?sez=Akkilodici&id_sezione=57&id_subSez=0&th=1&sm=1. 90 Si veda: www.oliviaemarino.it.
  • luoghi di ritrovo, eventi o attività dei ragazzi. Inoltre, sul loro blog sono presenti i social button, per condividere post coi principali social network e il pulsante della fan page di Facebook. • A voi Comunicare91 di Telecom, il blog dell’azienda telefonica italiana presenta i punti di vista di personaggi famosi attraverso video interviste, commentabili col testo. Anche nel social network del progetto si potrebbero caricare videointerviste ad esperti in vari settori, trovate in rete o registrate dal gruppo. • Fiat 500 – The best car92, è un blog esclusivamente fotografico, in cui la ricchezza delle immagini indica più delle parole. Si può ipotizzare nel social network del progetto una sezione dedicata al racconto di un evento per immagini. 4.5.5 Quarto incontro di formazione: ABC della scrittura su web Il quarto incontro è stato di natura teorico-pratica ed è durato un paio d’ore. 85 85 Ci si è focalizzati su come scrivere sul web, prendendo spunto anche dai consigli presenti sul sito www.mestierediscrivere.com. Di seguito, per punti, gli aspetti spiegati. • Come strutturare un articolo. L’approccio della piramide rovesciata, con cui si comunica immediatamente ai lettori cosa c'è di speciale nel proprio articolo. • Come gli utenti leggono sul web. Le persone non leggono gli articoli per intero sul web, ma guardano solo la prima parte e con poche informazioni decidono se continuare a leggere o cercare altrove. • Cosa sono i link e l’ipertesto: come sfruttarli per dare il maggior numero di informazioni senza appesantire un solo articolo. 91 Si veda: www.avoicomunicare.it 92 Si veda: http://500blog.blogspot.com/.
  • • Come organizzare il testo per migliorare la leggibilità: il chunking e la titolatura per suggerire al lettore il contenuto di una parte e aiutarlo a capire se le informazioni scritte gli interessano. • Formattazione del testo: l’allineamento e il carattere. • Stile del testo: guida all’uso di grassetto, corsivo, sottolineato e colore. 4.5.6 Quinto incontro di formazione: primi passi nel social network su Ning Questo ciclo di incontri si è concluso con una parte pratica, l’iscrizione e l’uso del social network dell’Educativa di strada su Ning. Questo è stato l’oggetto del quinto incontro, durato un’intera giornata lavorativa. Nonostante gli educatori mostrassero ancora qualche perplessità sull’uso di questo strumento per integrare le attività di Eds, si sono convinti a sperimentarlo in prima persona. 86 Le attività pratiche sono state le seguenti: 86 • Registrazione a Ning e iscrizione al social network. • Attenzione alle domande del profilo. • Panoramica del menù e delle funzionalità presenti. • Gestione della privacy del proprio account e dei propri contenuti. • Creazione di gruppi ed eventi. • Avvio di piccole reti di amici. • Scrittura di articoli su argomenti a loro noti, cercando di seguire i suggerimenti dati. • Domande tecniche sull’inserimento di foto e video. • Pubblicazione e condivisione degli articoli. • Rivalutazione della privacy • Lettura e commento dei post con occhio critico, cioè verificando la messa in pratica dei consigli dati all’inizio.
  • 4.5.7 Considerazioni degli educatori sulla formazione Dopo i primi tre incontri l’equipe non era particolarmente soddisfatta del lavoro formativo svolto. Secondo loro, il corso aveva semplicemente stimolato gli operatori a pensare ad una strategia educativa sul web 2.0, con il risultato di aver migliorato le competenze “educativo - informatiche” del gruppo. L’equipe avrebbe desiderato, invece, una maggiore qualità dei contenuti trattati, preferendo approfondire aspetti più tecnici e specifici. Il gruppo degli educatori ha manifestato la necessità di creare il social network e dedicarlo alla sola attività dell’Educativa di strada, e non all’intero progetto ChiaVe, per specificare meglio l’oggetto cui il social network è dedicato. Conclusi tutti gli incontri, gli operatori hanno ammesso che la formazione informatica ha arricchito il loro profilo di un nuovo tassello, saper usare gli strumenti web 2.0. Queste competenze, seppur di base, sono state 87 assimilate dagli educatori. I frutti del corso sono evidenti se si pensa che 87 nei programmi per il 2010 internet è una della azioni prese in considerazione. 4.5.8 Considerazioni sugli strumenti proposti Nonostante nell’ultimo incontro tutti gli operatori si siano iscritti al social network e si siano dimostrati da subito attivissimi, l’equipe ha manifestato di non essere ancora completamente convinta dello strumento. Di seguito sono esposte le loro perplessità. 1. Rischio di screditare il ruolo educativo e rovinare il rapporto di asimmetria nella relazione tra educatore e ragazzo. L’osservazione è lecita se si considera che il web 2.0 è basato sull’orizzontalità dei ruoli. Gli educatori sono convinti che la relazione che li lega ai ragazzi abbia il suo cuore nella relazione stessa: per questo motivo devono stare molto attenti a come la gestiscono per non perderne la conduzione e non raggiungere l’obiettivo.
  • 2. Il concetto di amicizia. Usare la parola “amici” su questo social network è molto delicato. Il concetto di amicizia oggi è stato un po’ travisato, però, un educatore non può usare il termine con la stessa leggerezza. Il problema si può risolvere cambiando la parola “amici” con un'altra, ma non è semplice trovare un sinonimo che non sia freddo o astratto. “Persone”, “connessioni”, “contatti”, “conoscenti” sono tutte ipotesi su cui riflettere con attenzione. L’uso di “amici” o di un altro termine sbagliato potrebbe indurre i ragazzi a credere di essere entrati in una relazione più profonda con gli educatori, mutando così il rapporto esistente. Questa preoccupazione è radicata in base all’esperienza degli educatori. I ragazzi dell’Eds chiedono l’amicizia su Facebook agli educatori, che la respingono. Gli adolescenti quando li incontrano chiedono aggiornamenti e gli operatori motivano il loro rifiuto spiegando ai ragazzi che preferiscono entrare in contatto su Facebook 88 con loro pari, mentre la relazione tra educatore e ragazzo è diversa. 88 Questi giovani non comprendono le ragioni, perché a loro volta sono “amici” su Facebook dei loro genitori e insegnanti, persone con cui dovrebbero avere una relazione impari. All’educatore pare veramente strano che un ragazzo ammetta nella propria cerchia di amici un genitore ma pare altrettanto strano che il genitore cerchi il contatto con il proprio figlio su Facebook. All’educatore pare ancora più inverosimile che un insegnante entri a così stretto contatto con i propri alunni. La figura dell’educatore è simile a quella dell’insegnate e proprio per questo motivo i ragazzi non comprendono le motivazioni del rifiuto da parte degli educatori, e questi ultimi non capiscono le posizioni degli insegnanti. 3. Tutela della privacy degli educatori. Da un lato è una preoccupazione generale, legata al web e alla diffusione di dati personali senza controllo. Dall’altro è un timore connesso alla
  • possibilità di perdere la propria riservatezza e il proprio status di educatore nei confronti dei ragazzi che s’iscrivono al social network. Per questo motivo gli operatori hanno deciso che la propria pagina fosse visibile solo agli amici, decidendo di concedere l’amicizia su Ning solo ai propri pari e non ai ragazzi. In questo modo si difende anche il ruolo dell’educatori di cui si parlava al punto 1. 4. Volontà di agire online esattamente come in strada. Solitamente non sono singoli operatori ma è la coppia di educatori che fa Eds. Così l’equipe avrebbe voluto mantenere questa identità di coppia anche all’interno del social network, creando profili per le coppie di educatori. In questo modo ci sarebbe stato un numero alto di doppi profili, cioè educatori iscritti sia come persona sia come coppia. Questa soluzione avrebbe creato confusione all’interno del social network invece di dare continuità rispetto alla strada. Inoltre, gli educatori si sarebbero trovati in difficoltà a gestire i doppi profili. 89 89 5. Sfruttamento positivo delle potenzialità degli strumenti, senza cadere nella banalità. Quest’aspetto è legato non solo alla scelta di un format interessante per i ragazzi, ma anche alla costanza di attività e alla presenza degli educatori nel social network. Il gruppo di educatori è consapevole che gli strumenti web non presidiati o poco aggiornati sono inutili e dannosi, ma ammette che tenerli attivi e aggiornati in modo costruttivo sarebbe molto faticoso. 6. Tempi e capacità di gestione. L’equipe ha ammesso che sarebbe molto impegnativo dedicarsi all’aggiornamento di questi strumenti, a causa della poca dimestichezza con le nuove tecnologie e allo scarso tempo disponibile. Gli educatori lavorano già molto su diversi progetti ed è impensabile occuparsi della comunicazione sul web all’esterno dell’orario lavorativo. L’attività di Eds comporta una o due uscite settimanali di un paio d’ore ciascuna in ogni comune. Una possibilità sarebbe di portare notebook e chiavetta per la connessione internet durante le
  • uscite e lavorare sul web insieme ai ragazzi. Questa potrebbe essere un’ipotesi interessante, ma credo si renderà necessario che un educatore designato trovi altro tempo e si dedichi all’interazione sul social network, come accade per l’Informagiovani di Vergiate. 7. Facebook e il suo dominio. C’è spazio per un’alternativa? Gli educatori, quando discutono con i ragazzi dell’amicizia su Facebook, capiscono che per gli adolescenti questo social network rappresenta molto. Ultimamente, hanno cercato di sondare il terreno per capire se uno strumento alternativo potesse essere utile per comunicare con loro. I ragazzi sembrano accettare il compromesso di avere uno strumento dedicato per entrare in relazione con i loro educatori. Sotto questo punto di vista Ning potrebbe essere una soluzione ottimale. La competizione con Facebook rimane comunque forte. Questo significa che un’azione sul social network più famoso è necessaria per 90 far capire che si sta al passo coi tempi. L’aspetto che preoccupa di più 90 gli educatori è legato al contenuto. Su Facebook questi ragazzi trattano di argomenti divertenti ma piatti, mentre quando Ning era stato provato a dicembre poneva al centro il blog, un’attività più complessa. Un’impostazione di questo tipo sarebbe ottimale per persone più grandi, mentre sarebbe un insuccesso coi ragazzini. Non per questo il social network su Ning è un’idea da abbandonare. Infatti, dando spazio alla mappa e ai video, si è sicuramente raggiunto un format più vicino agli adolescenti. 8. Foto, video e musica: tra divertimento e privacy. I ragazzi sono molto interessati video, musica foto, materiali che presentano però un problema rilevante legato alla privacy dei minori. Durante le attività o gli eventi organizzati dagli educatori, nei limiti del possibile, informano le persone che potrebbero essere riprese, ma non è semplice gestire eventi con molti partecipanti.
  • Per evitare complicazioni gli educatori preferiscono limitare la pubblicazione delle foto e non permettere ai ragazzi di caricarne su questo sito. Per questo motivo la sezione è al momento disabilitata. Problemi analoghi sono legati ai video. L’esperienza degli educatori li porta a credere che sia più semplice gestire questo materiale. La maggior parte dei video sarebbe prima caricata su YouTube, con un bacino di utenza più ampio, ed è ipotizzabile pensare che se ci fossero problemi si presenterebbero prima in quella sede. Discorso diverso per il caricamento dei programmi della Radio Web. È ovvio che si debba pagare i diritti, ma questa procedura è già avviata anche per altre iniziative, quindi non preoccupa particolarmente. Tra l’altro questo sarebbe un investimento utile considerato che i ragazzi sono attirati dalla Radio Web e partecipano volentieri alle trasmissioni. 9. Idee per il futuro: il rapporto sulle dipendenze L’equipe ha lanciato una proposta su come poter sfruttare 91 91 ulteriormente Ning. La Cooperativa ha intenzione di raccogliere dati sull’uso delle sostanze e sulle dipendenze nel Distretto di Sesto Calende. Non solo per avere un quadro aggiornato del fenomeno, ma anche per programmare interventi di informazione e prevenzione. In merito a questo progetto, il gruppo di educatori crede che Ning potrebbe essere una sede idonea per raccogliere dati e fare informazione, un ambiente si spera vissuto, frequentato e riservato. 4.6 Ning La creazione del social network usando Ning è la parte centrale della mia attività. Digitando l’indirizzo www.progettochiave.ning.com è possibile raggiungere il social network, guardare liberamente i contenuti e richiedere l’iscrizione. La prima versione era dedicata all’intero progetto ChiaVe, ma effettivamente creare un social network dedicato a tutto il progetto era
  • un’azione ambiziosa e utopistica. Bisogna considerare che, in realtà, non tutte le attività che rientrano nel progetto sono già state attivate: ChiaVe è un’azione che si sviluppa in tre anni e in questi primi mesi pochissime iniziative hanno già preso forma. Cercare di racchiudere tutte le persone o gli enti che si occupano di ciascun aspetto sarebbe stato eccessivo e inutile. Per questo, dopo varie riflessioni insieme agli educatori, si è arrivati alla conclusione che fosse meglio dedicare questo social network alla sola Educativa di strada, attività già in svolgimento che fa parte del progetto ChiaVe. L’obiettivo generale di creare un social network è di integrare l’attività di Eds tradizionale con un’azione online. Lo scopo più specifico è quello di avvicinarsi ai giovani attraverso i mezzi che loro stessi usano e sfruttare questi strumenti sia in fase di aggancio sia di organizzazione dei lavori. Per l’Eds questi obiettivi sono doppiamente importanti. Oltre a queste motivazioni già espresse, gli educatori sono portati ad avvicinarsi ai 92 giovani nei luoghi di svago e ritrovo. Spesso i ragazzi in situazioni difficili 92 si trovano in posti degradati, ma non per questo si evitano, anzi. Lo stesso principio è rapportabile alla rete: non tutti i siti e i contenuti pubblicati in rete sono buoni, ma schivarli non risolve la questione. Proprio per questo è importante che gli educatori capiscano questi strumenti e imparino ad usarli. La scelta del format e delle funzionalità da inserire è stata fatta in base agli interessi dei giovani e alle mode del momento. In un breve incontro con il coordinatore dell’equipe, si è pensato di focalizzarsi sugli aspetti importanti per i ragazzi e gli educatori dell’Eds. Per trasmettere l’idea che si parli di un’azione sul territorio, il modo migliore era comunicare attraverso una mappa. Questo format richiama in modo diretto la strada, che è il luogo di incontro tra educatori e ragazzi, mostra luoghi di ritrovo e di interesse per i giovani della zona. Anche le
  • altre sezioni sono state inserite per fare notare le attività più stimolanti per i giovani, come video, radio ed eventi. Al momento il menù è così organizzato. • Mappa: è stata inserita questa sezione dove sono proposte le immagini di Google Maps per mostrare luoghi di interesse giovanile sui territori dell’Eds. Molto probabilmente verranno predisposte delle sottosezioni per ogni comune interessato dall’attività. • Eds: in questa sezione sono spiegati i dettagli dell’Eds nei singoli territori, come giorni e orari in cui incontrare gli educatori. È ancora da decidere come impostare questa sezione e se inserire queste informazioni in altre parti. • Partecipanti: in questa pagina è possibile vedere tutti quelli che partecipano al social network. • Gruppi: gli educatori si occupano di Eds su diversi territori, perciò è molto probabile che si desideri creare dei gruppi legati ai paesi. Inoltre, si è ipotizzato che la stessa equipe di educatori volesse 93 93 creare un gruppo riservato per condividere e comunicare. • Video: i ragazzi si mostrano molto incuriositi dai video e trascorrono molto tempo su YouTube. Selezionarne alcuni di varie categorie – video musicali, eventi, incontri, videointerviste, svago – e caricarli in questa sezione pare essere una buona idea. • Radio: la Radio Web93 è un’iniziativa molto importante e seguita su questo territorio. L’idea sarebbe di avere nel lettore multimediale una playlist con i programmi trasmessi. • Eventi: la sezione dedicata agli eventi serve per porre in evidenza una festa o un incontro. Inoltre, queste informazioni possono integrarsi con quelle pubblicate sugli altri social network. • Blog: è una sezione interessante dove poter condividere con gli altri riflessioni e commenti, ma è stata volutamente lasciata per ultima perché forse un po’ complessa per gli adolescenti. 93 Si veda: http://hubcreativi.it/index.php?p=news&o=DisplayNews&id=39.
  • Un’attenzione particolare è da dedicare all’impostazione della privacy. Tema analogo si presentava per la visibilità degli articoli scritti e per la possibilità di commentarli. È stato spiegato agli educatori che lo scopo di pubblicare post su Ning era di scrivere contenuti significativi e competenti su temi che riguardassero i giovani. Per questo non era da escludere che un articolo risultasse interessante anche ad un estraneo. Per favorire la diffusione di informazioni e temi stimolanti era opportuno permettere a chiunque, anche esterno al network, di leggere i post. Inizialmente questa idea non è stata accolta da tutti. Chi si è rifiutato si è ricreduto quando si è reso conto che i suoi articoli non potevano essere letti da tutti, o che era spiacevole non poter leggere il post di un altro. In conclusione, tutti gli educatori hanno impostato una visibilità massima per i loro articoli, ricordandosi di poter gestire la privacy per ciascun post. Discorso differente per quanto riguarda il commento. Può essere fastidioso ricevere un commento negativo e non costruttivo da una persona estranea 94 e disinteressata. Come può essere seccante dover aspettare l’approvazione 94 del proprio commento. In questo caso è stata proposta una soluzione intermedia: concedere di far commentare liberamente i post a tutti i membri del social network. È vero che tra i membri ci potrebbero essere diverse personalità, ma se sono stati ammessi nel social network, c’è garanzia che siano persone conosciute e interessate.
  • Figura 7: Home page del social network dell’Educativa di strada su Ning 4.6.1 Facebook 95 Questa ultima parte è invece dedicata alle iniziative del progetto su 95 Facebook. Gli addetti dell’Informagiovani di Vergiate hanno aperto una pagina su questo social network, curata da una giovane educatrice molto comunicativa. Giovani Vergiate ha stretto amicizia con più di 150 persone, da novembre 2009, quando ha attivato la pagina in occasione della festa dei quindici anni del CAG di Corgeno. Il suo profilo è aggiornato con riferimenti ad eventi, corsi e feste organizzate per i giovani da una rete di operatori del territorio. Ad esempio, in questo momento gli ultimi link inseriti riguardano l’informatica, ai viaggi per i giovani, ad un cineforum della zona e alla programmazione della Radio Web.
  • 96 96 Figura 8: Profilo di Giovani Vergiate, account dell’Informagiovani di Vergiate La pagina dedicata al servizio Informagiovani è seguita da un’educatrice che dedica circa due ore la settimana all’aggiornamento del profilo. I risultati di questa iniziativa sono ottimi: ragazzi, educatori e operatori del comune sono entusiasti del suo successo, legato innanzitutto al disuso dello sportello fisico dell’Informagiovani. L’azione su web è l’attività principale ed ha riavvicinato l’ente ai ragazzi. Il bacino di Facebook è molto grande e già circa 150 ragazzi hanno stretto amicizia con Giovani Vergiate. Gli addetti hanno preferito non creare una fun page o un gruppo e iscriversi come una persona perché volevano poter instaurare una relazione con chi li contattava. Spesso i nuovi amici chiedono nella chat qualche informazione in più su chi segue direttamente la pagina, dimostrando di essere attenti e interessati a conoscere chi è dall’altra parte. Talvolta la formatrice rifiuta l’amicizia di alcuni ragazzi perché li
  • conosce e sa che hanno meno di 15 anni, il che significa che non potrebbero essere iscritti a Facebook. Solitamente alla prima occasione d’incontro si discute di questo fatto. Le iniziative di Giovani Vergiate sono legate soprattutto all’organizzazione di eventi sul territorio della provincia che riguardano i giovani, organizzati sia nell’ambito di ChiaVe sia da altre società, gruppi o istituzioni. La risposta dei destinatari è positiva sia online – con la richiesta di informazioni o l’adesione – che offline, con la partecipazione effettiva a corsi o eventi. L’azione di Giovani Vergiate su Facebook funziona solo quando è l’Informagiovani che raggiunge direttamente tutti i ragazzi, ad esempio attraverso un messaggio o un invito. Altrimenti pochi consultano il profilo per vedere se ci sono aggiornamenti e danno feedback sui nuovi contenuti. Sono stati veramente rari i casi in cui i giovani per primi hanno cercato gli operatori. Un caso importante è stato quello di un gruppo di ragazzi 97 97 amanti della musica, che è entrato in contatto con l’ente per sapere se era possibile organizzare eventi o fare radio. Questo contatto è stato subito sfruttato e con questi ragazzi si sono organizzati eventi musicali. L’altra pagina su Facebook da segnalare è quella dell’Eds di Taino. Questa attività non rientra territorialmente nel progetto ChiaVe, ma gli operatori che se ne occupano sono gli stessi, appartenenti alla Cooperativa L’Aquilone. La pagina è stata aperta su Facebook a dicembre, quando la formazione era ancora in corso. Si può affermare che questo è stato il primo passo autonomo degli educatori nell’uso degli strumenti web 2.0. La pagina in questione è utilizzata soprattutto per promuovere e gestire gli eventi organizzati da ragazzi ed educatori sul territorio di Taino. “Educativa di strada di Taino” è il profilo della coppia di educatori, che interagiscono coi ragazzi.
  • 98 98 Figura 9: Pagina dedicata all’Eds di Taino 4.7 Manifesto pubblicitario L’ultimo materiale preparato è stato un manifesto per far conoscere le attività del Progetto ChiaVe nei comuni di Vergiate e Sesto Calende. L’affissione, inizialmente prevista per dicembre 2009, è stata posticipata a febbraio 2010. Il cartellone, formato 100 cm x 70 cm, presenta le sei macro attività usando bande colorate effetto bordi rovinati, con le tonalità dei quadrati del logo. La novità introdotta in questo manifesto è l’indirizzo web dove reperire informazioni sul progetto: www.progettochiave.it è l’indirizzo a cui si accede al social network su Ning.
  • 99 99 Figura 10: Manifesto del Progetto ChiaVe da affiggere sui muri cittadini
  • 5. Conclusioni e sviluppi futuri 5.1 Considerazioni finali Nella fase di start up del progetto le attività di comunicazione sono state prevalentemente di carattere istituzionale, mentre si è dato l’incipit alle azioni sul web, anche attraverso la formazione degli educatori. Di seguito un riepilogo del lavoro svolto: • Stesura del piano di comunicazione • Creazione del logo • Preparazione materiale per la conferenza: invito, manifesto e documento di sintesi • Creazione e gestione della sezione ChiaVe sul portale Con-t@tto e scrittura dei primi articoli • Preparazione del social network su Ning dedicato all’Eds e scrittura dei primi contenuti 100 • Formazione web 2.0 per gli operatori e collaborazione nelle prime 100 interazioni sul social network. Osservazioni più importanti si possono fare sulla formazione agli operatori e sulla scelta del format per il social network su Ning. Per quanto riguarda la formazione, complessivamente si può essere soddisfatti del risultato ottenuti. Ecco un breve riepilogo degli argomenti trattati durante gli incontri. • Introduzione al web 2.0 • Strumenti web 2.0 • Format giovani per il social network • ABC della scrittura su web • Prime azioni nel social network L’approccio tenuto durante il corso non è stato molto tecnico. Questa scelta è giustificata dal fatto che, sin dal primissimo incontro di presentazione, gli educatori non hanno manifestato grande dimestichezza
  • con gli strumenti informatici. Per questo motivo si è preferito adottare un taglio semplice, che fornisse una panoramica abbastanza completa ma non eccessivamente specialistica. L’obiettivo principale del corso era mettere a disposizione nozioni e strumenti idonei per indicare un format esistente o pensarne uno nuovo adatto all’Eds. Questo obiettivo è stato raggiunto con la scelta di inserire la mappatura dell’Eds attraverso le mappe di Google Maps. È importante riconoscere che la formazione ha avuto altri riscontri positivi. Per la prima volta, gli educatori hanno inserito interventi sul web nei nuovi programmi e hanno aperto le pagine su Facebook dell’Eds di Taino e dell’Informagiovani di Vergiate. Per quanto riguarda i contenuti del social network è ovvio che ci si debba avvicinare ai gusti e alle tendenze dei ragazzi interessati. La scelta di focalizzarsi sulle mappe dell’Educativa di strada, attraverso 101 Google Maps è molto interessante. L’Eds è un’attività che nel suo nome 101 richiama già l’idea della strada e non c’è modo migliore di rappresentarla se non attraverso una mappa. La possibilità di segnalare punti strategici per i giovani, arricchendo il segnaposto con immagini e video oltre al testo è sicuramente un aspetto molto importante, che renderebbe il format ancora più originale. Sulla cartina si possono indicare i posti interessanti per i giovani, in particolare: • luoghi di ritrovo “spontanei” dei ragazzi: parchi, bar, piazze, … • luoghi di ritrovo in collaborazione con l’Eds o altre attività giovanili: bar e altri locali convenzionati • luoghi di ritrovo “istituzionali”: CAG, Edubar, biblioteche, sale polivalenti, … • luoghi per hobby e tempo libero: sale prove, sede della Radio Web, piste da skate, campi sportivi, muri legali, …
  • • sedi di corsi, concorsi o eventi promossi dall’Eds o da altre organizzazioni • percorso fatto dagli educatori di strada e luoghi d’incontro nei momenti di Eds In conclusione, la mappa del territorio è un’ottima idea perché: • rappresenta il collegamento tra le attività reali e il social network virtuale • offre informazioni utili in modo immediato e diverso dal solito testo • può essere un primo motivo di interazione, nel momento in cui i ragazzi segnalano nuovi luoghi o eventi 5.2 Sviluppi futuri Con il lavoro fin qui svolto si è raggiunto l’obiettivo di integrare alle attività tradizionali, offline alcune iniziative online: 102 • sezione riservata al progetto ChiaVe su Con-t@tto 102 • social network dedicato all’Eds su Ning • pagine su Facebook rivolte all’Eds di Taino e all’Informagiovani di Vergiate. Queste iniziative online rappresentano un punto d’incontro tra la strada e il web. In questo luogo mediato si sviluppa una relazione virtuale tra i ragazzi partecipanti alle attività proposte e gli adulti che le gestiscono, che vivono già una relazione nel mondo reale. Per dare un senso alle azioni su web, l’interazione in questo luogo non deve’essere fine a sé stessa. Da questa interazione devono scaturire altre iniziative reali, fisiche e concrete. Ecco alcuni esempi di attività che potrebbero essere organizzate in modo più collaborativo online, usando gli strumenti web 2.0: • eventi e concorsi sportivi, musicali o artistici • concerti, attività o feste
  • • corsi di varia natura (per fonici, barman, …) • trasmissioni di programmi dalla Radio Web. Un aspetto importante riguarda la gestione e l’aggiornamento delle pagine web, soprattutto quando gli strumenti usati aumenteranno. L’esperienza diretta ci porta a riflettere su tre questioni: • gli educatori vorrebbero essere tranquilli della serietà dei contenuti e del possesso di eventuali autorizzazioni alla pubblicazione • gli educatori hanno problemi di tempo per gestire questi strumenti • la filosofia web 2.0 porterebbe ad un’attiva collaborazione di tutti i partecipanti In virtù di queste riflessioni, credo che, per quanto riguarda l’inserimento dei contenuti, il passaggio sarà graduale. Inizialmente il controllo da parte degli educatori sarà maggiore, ma l’obiettivo finale è quello di collaborare insieme ai ragazzi. Ciò significa che verrà permesso loro di pubblicare e 103 condividere materiale senza chiedere permessi interni, il controllo sarà 103 solo a posteriori. 5.2.1 Prossime iniziative sul web È sicuramente auspicabile che nella prosecuzione del progetto si intraprendano nuove attività online, per arricchire questo luogo d’incontro di nuove possibilità. Azione compatta su Facebook Facebook è il social network più famoso e usato. Quasi tutti gli adolescenti hanno un profilo e gli iscritti dedicano molto tempo alla propria pagina. Per questo motivo Facebook è un luogo dove gli educatori dell’Eds devono essere presenti perché ci sono i ragazzi. Dal mio punto di vista la creazione di una fan page è una buona soluzione. In questo modo la pagina rappresenterebbe solo un canale promozionale per far conoscere le attività, le iniziative e gli eventi. Non si
  • dovrebbe lasciare spazio a commenti o interazioni, promuovendo per questo il social network su Ning. L’azione dell’Eds deve sfruttare questo strumento per avvicinare i ragazzi e portarli in siti più protetti, dove potersi incontrare e comunicare in modo più tutelato. Affacciarsi a Facebook per l’Eds significherebbe apparire moderna, aggiornata e vicina ai giovani. Questa posizione sarebbe sicuramente apprezzata e il movimento dell’Eds acquisterebbe nuovo fascino agli occhi dei ragazzi. Gestione istituzionale di video e foto: la questione della privacy, il canale su YouTube e gli l’album su Flickr Video e foto sono contenuti interessanti per i giovani d’oggi. La proposta è di creare un canale su YouTube e un album su Flickr. La questione principale che riguarda la pubblicazione di questo materiale, è legata al rispetto della privacy nella pubblicazione di video e foto. È bene che i responsabili si attivino per trovare il modo di ottenere 104 l’autorizzazione a condividere il materiale, così da rispettare la normativa 104 ed essere tranquilli delle proprie azioni. Creare un canale dedicato a ChiaVe o ai singoli progetti, con un chiaro riferimento al territorio, è sicuramente un modo migliore di porsi, dà l’idea della serietà dell’organizzazione del progetto. Un discorso analogo è da fare per le fotografie. Sarebbe bene creare un profilo e un album su Flickr, in modo da organizzare al meglio le immagini legate al progetto. Dall’analisi online del territorio è emerso che Flickr è usato da persone più adulte rispetto ai giovani dell’Eds ed anche il contenuto è meno superficiale. Non per questo il canale foto è da sottovalutare. Se i giovani e gli adulti vedono un’organizzazione seria dietro a questo progetto, saranno sicuramente più favorevoli e ben disposti alle iniziative programmate.
  • Apertura a Twitter Twitter, emblema della comunicazione veloce e in tempo reale, è l’ultimo social network da prendere in considerazione in questo momento. L’uso diffuso dei cellulari e della navigazione in rete con i dispositivi mobili sono alla portata di tutti, soprattutto dei ragazzi. Gli adolescenti si connettono ad internet dal cellulare e navigano soprattutto in Facebook. Dare la possibilità di interagire anche con Twitter credo sia un’iniziativa stimolante. I ragazzi sono sicuramente aperti a nuove esperienze e se ancora non conoscono questo social network, lo potranno facilmente apprezzare. Un aspetto interessante è dato dal fatto che strumenti come Twitter, Facebook ed ora anche Ning si possano integrare fra loro, condividendo automaticamente i contenuti caricati su uno di questi social network. Con-t@tto l’aggregatore Con-t@tto – Spazio Adolescenti credo che fra tutti gli strumenti 2.0 105 rimanga quello più tradizionale, nonostante sia impostato in modo 105 interattivo e solitamente gestito dai ragazzi. Se anche le altre iniziative web proposte andranno a buon fine, è possibile che l’attenzione dei giovani per Con-t@tto diminuisca. In ogni caso questo sito offre la possibilità di informare tutta la popolazione interessata al progetto delle iniziative che si svolgono. Per questo motivo, la sezione ChiaVe è bene che sia sempre aggiornata, in modo da far conoscere le attività che si fanno sia online sia offline. Affiancamento della comunicazione cartacea Nonostante i ragazzi ormai siano proiettati verso gli strumenti web, credo sia importante affiancare una comunicazione cartacea. È doveroso valutare l’azione più efficace da adottare per avvicinare i ragazzi. Probabilmente la cartolina è una buona idea. Il formato è piccolo e maneggevole, ma nello stesso tempo si possono inserire le informazioni
  • più importanti. Forse i manifesti non sarebbero troppo considerati, anche se potrebbero richiamare l’attenzione. Nella cartolina si vede un potenziale in più. Il ragazzo la prende perché ne è incuriosito oppure perché ne ha parlato con l’educatore e può leggerla con calma quando desidera. Ovviamente la cartolina deve fare riferimento ad un sito dove reperire le informazioni: il social network e Con-t@tto sono entrambe buone ipotesi. 106 106
  • 6. Allegati Allegato 1: Piano di comunicazione PIANO DI COMUNICAZIONE PER UN PROGETTO DI EDUCATIVA DI STRADA Nell’ambito del progetto ChiaVe proponiamo una serie di interventi coerenti ed integrati con le linee progettuali e con gli attori coinvolti. Per quanto riguarda il web pensiamo a due iniziative. La prima è l'evoluzione in stile web 2.0 del portale www.con-tatto.it già esistente, sfruttando i suoi punti di forza quali la semplicità e l'idea di interattività. La seconda è la creazione di un social network usando lo strumento NING, dedicato ai ragazzi che partecipano al progetto e ai loro educatori. QUALI OBIETTIVI E QUALI STRUMENTI Obiettivi Il centro del progetto sarà quello di avvicinare le realtà istituzionali e 107 professionali al mondo giovanile usando i mezzi che questo predilige: per questo 107 motivo ci sarà un'attenzione particolare agli strumenti web che si useranno. Con questa attività si vuole cercare di sperimentare l’educativa di strada nel mondo virtuale, integrandola all’attività tradizionale. Un’azione fondamentale sarà iniziare e agevolare lo scambio di informazioni tra i diversi attori: • istituzioni: dirigenti, assessori • professionisti: operatori e formatori • pubblico: ragazzi Ovviamente saranno possibili modalità di interazione distinte, a seconda degli interlocutori: • comunicazione tra le diverse realtà istituzionali e professionali coinvolte • comunicazione tra operatori, formatori e ragazzi, in tre modalità: 1.1. verticale (indice di una comunicazione istituzionale e formale) 1.2. pari (indice di una comunicazione informale) 1.3. leggermente asimmetrica (più o meno informale a seconda dei casi)
  • A seconda della modalità d'interazione il linguaggio e la forma saranno differenti, pur volendo mantenere uno stile amichevole. • comunicazione alla pari tra i ragazzi L'intenzione è di attivare un processo partendo dall'alto – dagli operatori – per raggiungere e poi coinvolgere direttamente i ragazzi. L'obiettivo è quello di rendere i ragazzi protagonisti, incentivarli a raccontare e condividere le loro storie anche attraverso l'uso di articoli, commenti e video (cellulare, camera, ...), in stile web 2.0. Ai ragazzi saranno specificati alcuni paletti da rispettare, che potranno essere più o meno rigidi a seconda dei casi e degli argomenti. Ad esempio in alcune sezioni ai ragazzi sarà impedito di scrivere poiché dedicate ad alcuni esperti che offrono consigli o danno informazioni su droghe, alcol o malattie, oppure sono riservate a norme e leggi pubblicate dagli educatori. Strumenti Per incentivare i ragazzi a prendere parte alle attività su web in prima persona, si prevede di creare un social network dedicato al gruppo di ragazzi partecipanti al 108 108 progetto e agli educatori, usando la piattaforma NING. Verrà creata una sezione dedicata al progetto ChiaVe, che sarà da un lato “autonoma”, cioè raggiungibile con un url diretto, e dall’altro apparterrà al portale. Infatti, verranno inseriti un canale e una voce di menù destinati al progetto. Inoltre, vista l'attenzione posta agli eventi musicali e all'uso di sostanze stupefacenti, sarà possibile prevedere dei collegamenti ad articoli riguardanti questi temi nelle relative sezioni, con-musica e con-sostanza. L'attività on-line dovrà essere coerentemente affiancata e supportata da una comunicazione tradizionale off-line, ad esempio con manifesti e cartoline. In tal senso, il primo passo sarà la creazione di un logo del progetto ChiaVe per dare identità riconoscibile e coerente al progetto e alle attività che ne faranno parte. In questa prima attività non si prevede la cooperazione con ragazzi e operatori, preferendo studiare il logo in agenzia.
  • Risorse Accanto alla società Hagam parteciperà al progetto Nicole Colombo, in qualità di tesista del corso di laurea specialistica in Teoria e tecnologia della comunicazione, dell'interfacoltà di Psicologia e Informatica dell'Università degli Studi di Milano-Bicocca. Il compito della laureanda nella fase di start up del progetto consisterà nella: • partecipazione alla creazione del logo • attivazione e mantenimento del processo di coinvolgimento dei ragazzi sul web, attraverso la pubblicazione di articoli e video inerenti al progetto • creazione social network su piattaforma NING • redazione dei primi contenuti • partecipazione ai momenti formativi degli operatori. PERCHÈ IL WEB? Con l’esperienza di Con-t@tto Spazio Adolescenti si è capito che i giovani hanno già la tendenza ad interagire coi coetanei ed oggi il web è un media privilegiato in tal senso, poiché i ragazzi ne fanno già molto uso. 109 Avvicinarsi ai giovani usando i loro mezzi è sicuramente un metodo per entrare 109 più facilmente in contatto e proporre iniziative interessanti. I dati mostrano che sempre più i giovani utilizzano internet, come strumento di interazione sociale per condividere esperienze, scambiarsi foto, video, messaggi, per gioco, per studio, per trascorrere il proprio tempo libero. Il social network sostituisce il vecchio "muretto" e rappresenta un luogo di incontro virtuale, dove poter esprimere la propria personalità e ampliare le proprie conoscenze, anche culturali, tramite lo scambio di opere multimediali. Cos’è il web 2.0 Il web 2.0 è una locuzione utilizzata per indicare uno stato di evoluzione di internet rispetto alla condizione Precedente, definita 1.0. Si tende ad indicare come web 2.0 l'insieme di tutte quelle applicazioni online che permettono uno spiccato livello di interazione sito- utente. Il filo conduttore del web 2.0 è una nuova filosofia all'insegna della collaborazione, dell’interazione sociale realizzata grazie alla tecnologia. Il web 2.0
  • dà grande spazio alla dimensione sociale e alla condivisione delle risorse: sebbene dal punto di vista tecnologico gli strumenti della rete possano apparire invariati (come forum, chat e blog) è proprio la modalità di utilizzo della rete ad aprire nuovi scenari fondati sulla compresenza nell'utente della possibilità di fruire, creare e modificare i contenuti multimediali. Questa situazione è dovuta anche alla facilità di accesso ai servizi, grazie al basso costo e alle poche competenze tecnologiche richieste. Ciò permette anche all’utente poco evoluto di scrivere, commentare e pubblicare contenuti. Il web 2.0 nel progetto ChiaVe Il web 2.0 sembra calzare perfettamente con l’idea del progetto ChiaVe di volersi avvicinare ai giovani usando i mezzi a loro più congeniali, in modo interattivo, favorendo una partecipazione attiva e non una comunicazione passiva calata dall’alto. L’idea di fondare un social network “personale” piuttosto che usarne altri più conosciuti e diffusi (es. Facebook, MySpace, Twitter, …) ci pare migliore per “fare gruppo” tra i ragazzi. 110 La piattaforma NING ha notevoli vantaggi circa i temi di privacy e usabilità: 110 • essendo un social network personale con cui possiamo gestire gli accessi, sarà possibile condividere informazioni, foto, video con persone che realmente si conoscono e con cui già si condividerebbero. In questi modo il problema della protezione della propria privacy è notevolmente ridotto rispetto ai social network più diffusi • la piattaforma NING è veramente molto usabile sia dal punto di vista dell’utente “semplice” che dal lato amministrativo e questo permette a tutti i partecipanti di poter dare il proprio contributo on-line. Gli operatori – non molto esperti di nuove tecnologie – saranno sicuramente incentivati all’uso di tale piattaforma grazie a queste caratteristiche di attenzione alla privacy ed elevata usabilità. Al fine di rendere possibile e migliore l’interazione sul web saranno previsti dei momenti formativi per sviluppare le competenze degli operatori circa l'uso del PC e in ambito web, spiegando loro l'ABC redazionale on-line (scrittura testo, inserimento video) e il funzionamento del social network su NING lato client.
  • Un modo per coinvolgere e interessare i ragazzi, sfruttando al meglio le possibilità offerte da social network, web e tecnologie, potrebbe essere quello di mostrare le attività che si svolgono, in modo che siano incuriositi da un'esperienza reale e siano motivati ad avvicinarsi al gruppo. Sul web questo obiettivo potrebbe essere raggiunto attraverso il racconto delle attività: • aiutare gli operatori iniziando l’interazione attraverso il social network, pubblicando articoli e altri contenuti e dall’altro • gli operatori potrebbero esporre le attività tipo che si svolgono • alcuni ragazzi potrebbero raccontare una specifica attività che hanno svolto Questi racconti potrebbero essere in diversi formati quali video, foto o articoli. Dal mio punto di vista le testimonianze degli operatori dovranno trasmettere la serietà del progetto e della attività, mantenendo uno stile informale data la giovane età degli educatori. I ragazzi potranno permettersi uno stile più informale e spontaneo. Queste caratteristiche dovranno trasferirsi al materiale prodotto. Così, è 111 preferibile che i video degli operatori siano ripresi con una videocamera, mentre 111 quelli dei ragazzi potranno anche essere ripresi con il cellulare; stesso discorso vale per le fotografie. Per quanto riguarda gli articoli, lo stile dovrà essere sempre amichevole e semplice ma più o meno formale a seconda del ruolo ricoperto.
  • Allegato 2: Slide secondo incontro di formazione 112 112
  • 113 113
  • 114 114
  • 115 115
  • 116 116
  • Allegato 3: Slide terzo incontro di formazione 117 117
  • 118 118
  • 119 119
  • Bibliografia Antonietti, L., 2009. I giovani non rinunciano. Uno sguardo internazionale, GFK Eurisko Anzivino, M., Antonini, M., 2009. Esperienze di politiche giovanili in provincia di Milano. Terzo rapporto dell’Osservatorio Giovani della Provincia di Milano. I dati statistici sui giovani. Istituto IARD, Milano de Michelis, G., 2006. Un’organizzazione che parte dal basso, “Monthly Vision” Di Bari, V. (a cura di), 2007. Web 2.0. Internet è cambiato . E voi? Il Sole 24 Ore, Milano Grassi, R. (a cura di), 2009. Esperienze di politiche giovanili in provincia di Milano. Terzo rapporto dell’Osservatorio Giovani della Provincia di Milano, Istituto IARD, Milano Minoia, G., 2009. I giovani non rinunciano. Avanti giovani, alla riscossa., GFK Eurisko Savoldelli, R., 2009. I giovani non rinunciano. Come raggiungere i 120 120 giovani italiani, GFK Eurisko Savoldelli, R., 2009. I giovani italiani del Terzo Millennio, GFK Eurisko
  • Sitografia AA. VV., Facebook è una trappola per la privacy? http://www.dgmag.it/hi-tech/facebook-e-una-trappola-per-la-privacy- 11756, consultato il 15.11.2009. AA. VV. La Commissione UE contro Facebook: “La privacy a rischio”. http://iltempo.ilsole24ore.com/2009/04/14/1012986- commissione_contro_facebook_privacy_rischio.shtml, consultato il 15.11.2009. AA. VV., Origine e storia del lavoro di strada. www.edupolis.org/illavoro%20di%20strada.pdf, consultato il 07.01.2010. Boyd, D. M., Ellison, N. B., “Social network sites: definition, history and scholarship”, Journal of Computer-Mediated Communication, 13 (1). http://jcmc.indiana.edu/vol13/issue1/boyd.ellison.html, consultato il 23.01.2010. Mian, E., Canelles, M. F., Abbandono Scolastico. Esiste una relazione con comportamenti devianti? Cause, osservazioni e proposte 121 d’intervento. I.R.I.D.S.A. 121 http://www.nuovapedagogia.com/abbandono_scolastico.pdf, consultato il 07.01.2010. Montalto, M., Web 2.0: Internet volta pagina http://www.microsoft.com/italy/pmi/marketing/internetmarketing/w eb20.mspx?pf=true, consultato il 10.07.2009. Good., R., A Fundamental Shift In How We Communicate: George Siemens, Twitter And Real-Time Web. http://www.masternewmedia.org/it/2009/11/06/twitter_e_il_realtime _web_un_cambiamento.htm, consultato il 28.12.2009. *********** http://www.2puntozeropertutti.it/?p=96, consultato il 04.01.2010. http://500blogspot.com/, consultato il 06.11.2009. http://www.avoicomunicare.it/, consultato il 06.11.2009.
  • http://www.alexa.com, consultato il 15.11.2009. http://blog.oliviaemarino.it/, consultato il 06.11.2009. http://www.con- tatto.org/sx_canale/home.asp?sez=Akkilodici&id_sezione=57&id_subS ez=0&th=1&sm=1, consultato il 06.11.2009. www.delicious.com. http://demoistat.it/pop2006/index.html, consultato il 07.01.2010. http://demoistat.it/pop2007/index.html, consultato il 07.01.2010. http://demoistat.it/pop2008/index.html, consultato il 07.01.2010. http://demoistat.it/pop2009/index.html, consultato il 07.01.2010. http://demoistat.it/strasa2006/index2.html, del 07.01.2010. http://demoistat.it/strasa2007/index2.html, del 07.01.2010. http://demoistat.it/strasa2008/index2.html, del 07.01.2010. http://demoistat.it/strasa2009/index2.html, del 07.01.2010. 122 122 http://www.desmm.com/cose-un-video-virale-590.html, consultato il 16.11.2009. http://www.downloadblog.it/post/10950/flickr-raggiunge-i-4-miliardi- di-foto-caricate, consultato il 15.12.2009. http://www.dynamick.it/web-20-una-definizione-in-10-punti- 534.html, consultato il 10.07.2009. http://www.edscuola.it/archivio/esami/disciplina.htm, consultato il 16.12.2009. http://en.wikipedia.org/wiki/Real-time_web, consultato il 28.12.2009. http://en.wikipedia.org/wiki/Freemium, consultato il 15.12.2009. http://en.wikipedia.org/wiki/Eric_E._Schmidt, del 04.01.2010. http://en.wikipedia.org/wiki/Video_blogging, del 16.11.2009. http://en.wikipedia.org/wiki/Video_chat, del 16.11.2009. http://www.essericomunicazione.it, consultato il 16.10.2009.
  • www.facebook.com. www.flickr.com. www.friendfeed.com. www.fuorichilegge.it. http://www.gfk.com/imperia/md/content/gfk_eurisko/pressroom/i_gi ovani_non_rinunciano_10_feb_2009.pdf, consultato il 22.11.09. http://www.hillandknowltongaia.it/wp- content/uploads/cs_cyberbullismo_inembargo.pdf, del 09.01.2010. http://hubcreativi.it/index.php?p=news&o=DisplayNews&id=39, consultato il 20.01.2010. http://iflsommalombardo.blogspot.com/2009/08/centri-per-limpiego- della-provincia-di.html, consultato il 07.01.2010. www.ilmestieredisrivere.com. http://www.indipendenze.org/public/files/Report_Varese_2008.pdf, consultato il 01.12.2009. 123 123 http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Bu siness/2009/12/facebook-aumenta-privacy.shtml?uuid=8460842e- df5d-11de-a6d3-46f5b7efdae3&DocRulesView=Libero, del 15.12.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Blog, consultata il 12.10.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Cloud_computing, del 28.12.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Delicious, consultato il 15.11.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Facebook, consultato il 07.10.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Flickr, consultato il 15.12.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Forum_(internet), del 12.10.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/FriendFeed, consultato il 28.12.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Marketing_virale, del 16.11.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Photosharing, consultato il 15.12.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Tumblelog, consultato il 15.11.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Tumblr, consultato il 15.11.2009.
  • http://it.wikipedia.org/wiki/Twitter, consultato il 15.11.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Video_sharing, consultato il 10.11.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/Web_2.0 , consultato il 10.07.2009. http://it.wikipedia.org/wiki/YouTube, consultato il 10.11.2009. www.lucaconti.it, consultato il 16.10.2009. http://www.minervaeurope.org/publications/handbookwebusers_it/ch apter1_2.html, consultato il 12.10.2009. www.ning.com. http://overstated.net/2009/03/09/maintained-relationships-on- facebook, consultato il 07.10.2009. http://www.pandemia.info, consultato il 16.10.2009. http://www.pianeta.com/map/index.php/idQ21895/tipoQ/shwDAQsi /ricercaQ31/shSCQ48/pidQ18, consultato il 28.12.2009. http://www.provincia.va.it/ente/istruzione/sis_opi/pdf/letture_comm enti_2.pdf, consultato il 07.01.2010. 124 124 http://www.pubblica.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/errata_corrige.sh tml, consultato il 30.11.2009. http://www.pubblica.istruzione.it/mpi/pubblicazioni/index.shtml, consultato il 30.11.2009. http://www.tomshw.it/business.php?guide=20090715, consultato il 28.12.2009. http://www.tomshw.it/news.php?newsid=18269, del 28.12.2009. www.twitter.com. http://web.splesh.net/social-network/facebook/privacy-facebook- nuove-impostazioni-a-breve/, del 10.07.2009. http://www.youmark.it/files/applications/2009/02/8491.pdf, consultato in data 30.11.2009. www.youtube.com.
  • Ringraziamenti Al termine di questo lavoro desidero ringraziare le persone che, in modi diversi, mi hanno sostenuta nella realizzazione della tesi. Prof. Roberto Polillo che mi ha spronata ad accettare questo progetto e mi ha poi aiutata con i suoi consigli nella stesura della tesi. Dott. Marcello Sarini che con la sua lettura critica, mi ha dato utili suggerimenti per correggere il mio elaborato. Dott. Giorgio Prada che mi ha dedicato il suo tempo, permettendomi di integrare la mia tesi con spunti unici e materiale “introvabile”. Dott. Sangiorgio Giuseppe che più di tutti in Hagam mi ha sostenuta e sopportata. Mi auguro che possa essere soddisfatto del lavoro che porta anche il suo nome. Tutti i “ragazzi” di Hagam che hanno contribuito a realizzare tasselli 125 importanti. Senza il loro aiuto questo lavoro non sarebbe lo stesso. 125 Dott.ssa Luisa di Matteo, Massimiliano Tappari e Silvana Dal Pozzo per la loro disponibilità a ricevermi e darmi informazioni in tempi brevissimi. Marco Bernardi e gli educatori della Cooperativa L’Aquilone che, rispondendo ai questionari, mi hanno aiutata a ricostruire il quadro dei ragazzi dell’Educativa di strada e a dare un senso al lavoro svolto. Vorrei, infine, ringraziare anche le persone che mi sono state accanto nel mio percorso di studi. I miei compagni di corso con cui ho condiviso gioie e dolori in questi anni di università. La mia famiglia e i miei amici che mi hanno sempre sopportato e incoraggiato in tutti questi anni. Nicole