• Like
In presnetazione a Milano, 28 Febbraio 2012
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

In presnetazione a Milano, 28 Febbraio 2012

  • 173 views
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
173
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1

Actions

Shares
Downloads
3
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. LA SANITÀ DI DOMANI: CONTRIBUTO DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO - MILANO - Nicola C. Salerno (CeRM - Roma)28 FEBBRAIO 2011 ATAHOTEL EXECUTIVE
  • 2. PROIEZIONI DI SPESA EFFICIENTAMENTO RIFORME DI STRUTTURAIL CONTRIBUTO DELLA DISTRIBUZIONE
  • 3. TREND STORICINegli ultimi 50 anni, incidenza sul Pil della spesa sanitaria (pubblicae privata) almeno raddoppiata in tutti Paesi a economia e welfaresviluppati (bismarkiani, beveridgiani, a prevalenza pubblica oprivata)L’incremento già sconta gli interventi di policy di stabilizzazioneNon ci sono evidenze di effetti che dall’allungamento della vita sitraducano in riduzione/stabilizzazione della spesa (l’ipotesidell’healthy ageing)Tra il 1960 ad oggi, l incremento della spesa primaria sul Pilpotenziale è attribuibile per più della metà alla sanità. Nel G-7 il56%, negli Usa il 68%
  • 4. PROIEZIONIWga di Ecofin, Ocse e Fmi sono concordi nell’indicare che il trendpotenziale della spesa sanitaria va verso un raddoppio o un più cheraddoppio dell incidenza sul Pil tra 50 anniAlla base di questa dinamica: elasticità al Pil > 1, avanzamento scientifico-tecnologico, ampliamento della domanda, diffusione e formalizzazionedelle prestazioni Ltc, effetto BaumolDal1960 ad oggi, il tasso di crescita della spesa pro-capite ha sovrastatoquello del Pil pro-capite di 1-2 p.p. a seconda del Paese. Sia nel compartodella spesa pubblica che nel complesso pubblico + privatoPer gli Stati Uniti, il Congressional Budget Office proietta un +13 p.p. di Pilal 2050
  • 5. DEMOGRAFIA Popolazione italiana per fasce di età - proiezioni Istat1.080.0001.030.000 980.000 930.000 880.000 830.000 780.000 730.000 680.000 630.000 580.000 530.000 480.000 430.000 380.000 330.000 280.000 230.000 180.000 2011 130.000 80.000 2030 30.000 -20.000 2065 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 22 24 26 28 30 32 34 36 38 40 42 44 46 48 50 52 54 56 58 60 62 64 66 68 70 72 74 76 78 80 82 84 86 88 90 92 94 96 98 100 + -70.000 -120.000 delta 2065-2011 -170.000 delta 2030-2011 -220.000 -270.000 -320.000
  • 6. 2011 2030 2065 popolazione 60.626.442 63.482.851 61.305.219 totale età modale 46 55 e 60 56 età media 43,5 47 49,7 65+ / tot 20,29% 26,12% 32,64% 85+ / tot 2,76% 4,54% 10,00% 65+ / [20-64] 33,31% 45,99% 63,95% aumento su intervalli oltre 2 mesi ca. 1 mese e mezzo età media [11:30] [11:65] / anno / anno !L’80% della spesa ospedaliera si concentra al di sopra dei 65 anni, e così pureoltre il 50% della spesa per diagnostica-specialistica, e oltre il 70% della spesafarmaceutica territoriale convenzionata (“A”). La spesa per Ltc, ancora molto pocoosservata in Italia vista la scarsa copertura di questo capitolo, si concentra quasitutta al di sopra dei 75-80 anni.
  • 7. 5.400 PROFILO DI SPESA5.2005.0004.8004.6004.4004.2004.0003.8003.6003.4003.2003.0002.8002.6002.4002.2002.0001.8001.6001.4001.2001.000 800 600 400 200 0 <1 1-4 5-9 10 - 14 15 - 19 20 - 24 25 - 29 30 - 34 35 - 39 40 - 44 45 - 49 50 - 54 55 - 59 60 - 64 65 - 69 70 - 74 75 - 79 80 - 84 85 - 89 90 - 94 95 - plus EMI spesa lorda LOM spesa lorda UMB spesa lorda average spesa lorda
  • 8. BENCHMARKING standardizzata delta delta % effettiva 2010 !"#$%&(() pop 1/1/2011 pop 1/1/2011 pop 1/1/2011 BOL 1.106.974 850.463 -256.511 -23,17% VdA 296.811 233.403 -63.408 -21,36% TRE 1.117.869 927.054 -190.815 -17,07% LAZ 11.271.541 10.147.563 -1.123.978 -9,97% CAM 10.402.783 9.401.462 -1.001.321 -9,63% PUG 7.499.234 6.985.821 -513.413 -6,85% SAR 3.158.152 2.961.193 -196.959 -6,24% CAL 3.668.295 3.467.783 -200.512 -5,47% MOL 627.511 594.409 -33.102 -5,28% FVG 2.474.842 2.363.385 -111.457 -4,50% BAS 1.094.244 1.048.109 -46.135 -4,22% PIE 8.656.944 8.432.924 -224.020 -2,59% SIC 8.794.089 8.621.111 -172.978 -1,97% VEN 8.935.292 8.772.827 -162.465 -1,82% LIG 3.344.810 3.295.211 -49.599 -1,48% ABR 2.453.780 2.457.656 3.876 0,16% TOS 7.126.774 7.157.105 30.331 0,43% EMR 8.228.392 8.298.280 69.888 0,85% LOM 17.515.019 17.670.211 155.192 0,89% MAR 2.881.878 2.931.638 49.760 1,73% UMB 1.636.616 1.719.763 83.147 5,08%ITALIA 112.291.850 108.337.372 -3.954.478 -3,52% = Nord = Centro = Sud e Isole (Mezzogiorno)
  • 9. PROIEZIONI SPESA CORRENTE SSN % Pil PIE VdA LOM BOL TRE VEN FVG LIG EMR TOS UMB2011 6,60% 5,46% 5,43% 5,05% 5,78% 6,00% 6,59% 7,50% 6,03% 6,77% 7,91%2012 6,81% 5,63% 5,63% 5,24% 5,99% 6,21% 6,80% 7,70% 6,23% 6,99% 8,15%2013 6,85% 5,68% 5,69% 5,30% 6,06% 6,27% 6,84% 7,71% 6,29% 7,03% 8,21%2014 6,89% 5,72% 5,75% 5,36% 6,12% 6,33% 6,88% 7,72% 6,35% 7,08% 8,27%2015 6,96% 5,79% 5,82% 5,44% 6,21% 6,41% 6,94% 7,75% 6,42% 7,15% 8,35%2016 6,99% 5,82% 5,87% 5,50% 6,27% 6,47% 6,97% 7,75% 6,47% 7,18% 8,40%2017 7,04% 5,88% 5,94% 5,59% 6,36% 6,55% 7,03% 7,78% 6,54% 7,24% 8,47%2018 7,07% 5,92% 5,99% 5,65% 6,43% 6,60% 7,06% 7,77% 6,58% 7,27% 8,51%2019 7,12% 5,98% 6,06% 5,73% 6,52% 6,68% 7,12% 7,80% 6,66% 7,33% 8,59%2020 7,16% 6,02% 6,11% 5,79% 6,59% 6,74% 7,16% 7,80% 6,71% 7,37% 8,64%2021 7,18% 6,05% 6,16% 5,85% 6,66% 6,79% 7,19% 7,80% 6,76% 7,41% 8,69%2022 7,27% 6,14% 6,26% 5,96% 6,78% 6,91% 7,28% 7,86% 6,87% 7,50% 8,81%2023 7,30% 6,18% 6,31% 6,03% 6,86% 6,97% 7,32% 7,87% 6,93% 7,54% 8,86%2024 7,34% 6,22% 6,37% 6,10% 6,94% 7,03% 7,36% 7,88% 6,99% 7,59% 8,92%2025 7,42% 6,31% 6,47% 6,21% 7,07% 7,14% 7,45% 7,94% 7,10% 7,69% 9,05%2026 7,46% 6,35% 6,52% 6,28% 7,15% 7,21% 7,49% 7,95% 7,16% 7,73% 9,11%2027 7,55% 6,44% 6,62% 6,40% 7,29% 7,33% 7,59% 8,02% 7,28% 7,83% 9,24%2028 7,59% 6,48% 6,68% 6,48% 7,37% 7,39% 7,63% 8,03% 7,35% 7,88% 9,31%2029 7,68% 6,57% 6,79% 6,60% 7,51% 7,52% 7,73% 8,11% 7,47% 7,99% 9,45%2030 7,75% 6,65% 6,87% 6,70% 7,63% 7,62% 7,81% 8,16% 7,57% 8,07% 9,56% % Pil MAR LAZ ABR MOL CAM PUG BAS CAL SIC SAR ITALIA2011 7,17% 6,06% 8,45% 9,26% 9,41% 9,71% 9,24% 10,00% 9,79% 8,60% 6,92%2012 7,39% 6,27% 8,71% 9,50% 9,69% 10,01% 9,48% 10,28% 10,06% 8,89% 7,14%2013 7,44% 6,33% 8,76% 9,52% 9,75% 10,08% 9,51% 10,34% 10,11% 8,96% 7,20%2014 7,50% 6,39% 8,82% 9,55% 9,80% 10,15% 9,54% 10,38% 10,15% 9,04% 7,25%2015 7,58% 6,46% 8,91% 9,61% 9,89% 10,24% 9,59% 10,46% 10,23% 9,15% 7,33%2016 7,62% 6,51% 8,95% 9,62% 9,94% 10,30% 9,60% 10,50% 10,27% 9,22% 7,37%2017 7,70% 6,59% 9,03% 9,66% 10,02% 10,38% 9,64% 10,57% 10,33% 9,32% 7,44%2018 7,74% 6,64% 9,07% 9,67% 10,06% 10,43% 9,64% 10,59% 10,36% 9,38% 7,48%2019 7,82% 6,71% 9,16% 9,72% 10,15% 10,52% 9,69% 10,67% 10,44% 9,49% 7,56%2020 7,86% 6,77% 9,21% 9,74% 10,20% 10,57% 9,70% 10,70% 10,48% 9,55% 7,60%2021 7,92% 6,82% 9,26% 9,76% 10,26% 10,63% 9,71% 10,74% 10,52% 9,62% 7,65%2022 8,03% 6,92% 9,39% 9,85% 10,39% 10,76% 9,79% 10,85% 10,64% 9,76% 7,76%2023 8,08% 6,98% 9,45% 9,88% 10,45% 10,81% 9,80% 10,90% 10,68% 9,83% 7,81%2024 8,14% 7,04% 9,51% 9,90% 10,50% 10,87% 9,82% 10,93% 10,73% 9,89% 7,86%2025 8,26% 7,15% 9,64% 10,01% 10,64% 11,01% 9,91% 11,06% 10,86% 10,03% 7,97%2026 8,32% 7,21% 9,71% 10,04% 10,71% 11,06% 9,93% 11,10% 10,91% 10,10% 8,02%2027 8,44% 7,32% 9,85% 10,15% 10,85% 11,20% 10,02% 11,23% 11,04% 10,24% 8,14%2028 8,51% 7,38% 9,92% 10,19% 10,92% 11,26% 10,05% 11,28% 11,09% 10,31% 8,19%2029 8,64% 7,50% 10,07% 10,30% 11,06% 11,40% 10,15% 11,41% 11,23% 10,45% 8,31%2030 8,74% 7,59% 10,19% 10,39% 11,18% 11,50% 10,21% 11,51% 11,33% 10,56% 8,40%
  • 10. SPESA NON GIUSTIFICABILE % Pil PIE VdA LOM BOL TRE VEN FVG LIG EMR TOS UMB2011 0,18% 1,48% -0,05% 1,52% 1,19% 0,11% 0,31% 0,11% -0,05% -0,03% -0,38%2012 0,18% 1,53% -0,05% 1,58% 1,23% 0,12% 0,32% 0,12% -0,05% -0,03% -0,39%2013 0,18% 1,54% -0,05% 1,60% 1,25% 0,12% 0,32% 0,12% -0,05% -0,03% -0,40%2014 0,18% 1,56% -0,05% 1,62% 1,26% 0,12% 0,32% 0,12% -0,05% -0,03% -0,40%2015 0,18% 1,57% -0,05% 1,64% 1,28% 0,12% 0,33% 0,12% -0,05% -0,03% -0,40%2016 0,19% 1,58% -0,05% 1,66% 1,29% 0,12% 0,33% 0,12% -0,05% -0,03% -0,41%2017 0,19% 1,60% -0,05% 1,68% 1,31% 0,12% 0,33% 0,12% -0,06% -0,03% -0,41%2018 0,19% 1,61% -0,05% 1,70% 1,32% 0,12% 0,33% 0,12% -0,06% -0,03% -0,41%2019 0,19% 1,62% -0,05% 1,73% 1,34% 0,12% 0,34% 0,12% -0,06% -0,03% -0,42%2020 0,19% 1,63% -0,05% 1,75% 1,36% 0,12% 0,34% 0,12% -0,06% -0,03% -0,42%2021 0,19% 1,64% -0,05% 1,77% 1,37% 0,13% 0,34% 0,12% -0,06% -0,03% -0,42%2022 0,19% 1,67% -0,05% 1,80% 1,40% 0,13% 0,34% 0,12% -0,06% -0,03% -0,43%2023 0,19% 1,68% -0,06% 1,82% 1,41% 0,13% 0,35% 0,12% -0,06% -0,03% -0,43%2024 0,19% 1,69% -0,06% 1,84% 1,43% 0,13% 0,35% 0,12% -0,06% -0,03% -0,43%2025 0,20% 1,71% -0,06% 1,87% 1,45% 0,13% 0,35% 0,12% -0,06% -0,03% -0,44%2026 0,20% 1,72% -0,06% 1,89% 1,47% 0,13% 0,35% 0,12% -0,06% -0,03% -0,44%2027 0,20% 1,75% -0,06% 1,93% 1,50% 0,14% 0,36% 0,12% -0,06% -0,03% -0,45%2028 0,20% 1,76% -0,06% 1,95% 1,52% 0,14% 0,36% 0,12% -0,06% -0,03% -0,45%2029 0,20% 1,79% -0,06% 1,99% 1,55% 0,14% 0,36% 0,12% -0,06% -0,03% -0,46%2030 0,21% 1,81% -0,06% 2,02% 1,57% 0,14% 0,37% 0,12% -0,06% -0,03% -0,46% % Pil MAR LAZ ABR MOL CAM PUG BAS CAL SIC SAR ITALIA2011 -0,12% 0,67% -0,01% 0,52% 1,00% 0,71% 0,41% 0,58% 0,20% 0,57% 0,25%2012 -0,13% 0,69% -0,01% 0,53% 1,03% 0,74% 0,42% 0,59% 0,20% 0,59% 0,26%2013 -0,13% 0,70% -0,01% 0,53% 1,04% 0,74% 0,42% 0,60% 0,20% 0,60% 0,26%2014 -0,13% 0,71% -0,01% 0,53% 1,04% 0,75% 0,42% 0,60% 0,20% 0,60% 0,26%2015 -0,13% 0,72% -0,01% 0,54% 1,05% 0,75% 0,42% 0,61% 0,21% 0,61% 0,27%2016 -0,13% 0,72% -0,01% 0,54% 1,06% 0,76% 0,42% 0,61% 0,21% 0,61% 0,27%2017 -0,13% 0,73% -0,01% 0,54% 1,07% 0,76% 0,42% 0,61% 0,21% 0,62% 0,27%2018 -0,13% 0,74% -0,01% 0,54% 1,07% 0,77% 0,42% 0,61% 0,21% 0,62% 0,27%2019 -0,13% 0,74% -0,01% 0,54% 1,08% 0,77% 0,43% 0,62% 0,21% 0,63% 0,28%2020 -0,13% 0,75% -0,01% 0,54% 1,09% 0,78% 0,43% 0,62% 0,21% 0,64% 0,28%2021 -0,13% 0,76% -0,01% 0,54% 1,09% 0,78% 0,43% 0,62% 0,21% 0,64% 0,28%2022 -0,14% 0,77% -0,01% 0,55% 1,11% 0,79% 0,43% 0,63% 0,21% 0,65% 0,28%2023 -0,14% 0,77% -0,01% 0,55% 1,11% 0,79% 0,43% 0,63% 0,21% 0,65% 0,28%2024 -0,14% 0,78% -0,01% 0,55% 1,12% 0,80% 0,43% 0,63% 0,22% 0,66% 0,29%2025 -0,14% 0,79% -0,02% 0,56% 1,13% 0,81% 0,44% 0,64% 0,22% 0,67% 0,29%2026 -0,14% 0,80% -0,02% 0,56% 1,14% 0,81% 0,44% 0,64% 0,22% 0,67% 0,29%2027 -0,14% 0,81% -0,02% 0,57% 1,16% 0,82% 0,44% 0,65% 0,22% 0,68% 0,30%2028 -0,14% 0,82% -0,02% 0,57% 1,16% 0,83% 0,44% 0,65% 0,22% 0,69% 0,30%2029 -0,15% 0,83% -0,02% 0,57% 1,18% 0,84% 0,45% 0,66% 0,23% 0,70% 0,30%2030 -0,15% 0,84% -0,02% 0,58% 1,19% 0,85% 0,45% 0,67% 0,23% 0,70% 0,31%
  • 11. QUALITÀ
  • 12. INFRASTRUTTURE
  • 13. LA CONVERGENZACompletamento della responsabilizzazione fiscale rispetto agli sforamentiI piani di rientro dovrebbero divenire tutt’uno con la convergenza aglistandardVerifica annuale di Programmi di Stabilità Ssr, approvati in Conferenza e daiquali scaturiscono anche policy-guideline cogentiResponsabilizzazione di mandato/ufficio per politici e amministratori che nonraggiungono il targetAzioni di rafforzamento infrastrutturale, ma coerenti con le “parole chiave”della nuova sanità: deospedalizzazione, integrazione socio-sanitaria, Ltcdomiciliare, prevenzione, valutazione delle pratiche terapeutiche perdiffusione best-practice, ottimizzazione acquisti, farmacia dei serviziUniversalismo selettivo: compatibilità risorse/Lea; strumento distandardizzazione e di responsabilizzazione individuale; strumento di coesioneterritoriale
  • 14. IL CONTRIBUTO RIFORMA della DISTRIBUZIONE FARMACIA DEI SERVIZI pianta organica, bundling proprietà-gestione, divieto di tassello di incorporation, limiti alle catene, deospedalizzazione e margini di ricavo % prezzo integrazione socio-sanitaria e prevenzioneINFORMAZIONEcampagne informative di REGOLAZIONEmassa: pari efficacia degliequivalenti e ragioni [1] reference-pricing off-patentdell’universalismo selettivo [2] copay % sul prezzo di riferimento [3] scontrino intelligente [4] copay % sul prezzo in-patent [5] prezzo max al consumo (eliminazione uniform price) parte del passaggio all’universalismo selettivo che abbracci tutte le prestazioni, Drg inclusi [refernce pricing anche su farmaci ospedalieri] prontuari unici su scala nazionale
  • 15. SCONTRINOINTELLIGENTE
  • 16. GRANDEZZE “IN BALLO”
  • 17. CHE COSA FA IL “CRESCI ITALIA”Allarga la pianta organica. Concorsi riservati a farmacisti non titolari e farmacisti‘rurali’, senza prelazione dei ComuniNuove aperture in stazioni ferroviarie e marittime, aeroporti internazionali, aree diservizio autostradali con strutture alberghiere, purché non si sia farmacia inprossimità [a]Nei centri commerciali con superficie superiore a 10mila mq, purché non ci siafarmacia vicino [b]Serve parere della Asl e dell’Ordine dei Farmacisti. Sulle nuove aperture [a] e [b]c’è prelazione dei Comuni sino al 2022Niente più limiti massimi agli orari e ai turni di aperturaPossibilità di praticare sconti sui farmaci a carico dei cittadiniFondo di solidarietà Enpaf a sostegno delle farmacie collocate nei Comuni piùpiccoliSaranno definite soglie di fatturato oltre le quali scatta obbligo di assunzionefarmacisti collaboratori
  • 18. “FALSI MITI”Antitrsut vs. Corte Costituzionale e Antitrust vs. TarCommissione Europea vs. Corte di Giustizia EuropeaGli oneri del servizio universale possono essere affrontati solo regolandola capacità di offerta. Per inciso, questo sino a ieri veniva detto anchedegli orari e dei turni …Il diritto di prelazione dei Comuni serve a garantire sempre e dovunque lapresenza di offertaIl Ssn ha convenienza a mantenere inalterata la normativa settorialeLa regolazione dell’offerta serve per compensare i ritardi nei pagamentidella Pubblica AmministrazioneSolo la proprietà di farmacisti garantisce la qualità del servizioSop e Otc, se commercializzati fuori dalla farmacia, possono esporre arischi (son passati più di 5 anni …)Lo uniform price è garanzia di equità
  • 19. LA POLIFUNZIONALITÀNel futuro del sistema sanitario nazionale: deospedalizzazione,integrazione socio-sanitaria, prevenzione, informazione e presidio delterritorio, domiciliazione delle cure, somministrazione di farmaci adomicilioLe farmacie possono inserirsi da protagoniste in questa trasformazioneSinora i decreti sulla farmacia dei servizi (Legge n. 69-2009) hannoriguardato:prestazioni analitiche di prima istanza (test auto-diagnostici e alcuneanalisi diagnostiche-specialistiche (D. M. 16 Marzo 2010 su G.U. 10Marzo 2011);prestazioni infermieristiche e fisioterapiche sia in loco che a domicilio (D.M. 16 Dicembre 2010, in G. U. 19 Aprile 2011);funzioni di prenotazione, pagamento copay, ritiro referti (D. M. 8 Luglio2011, in G. U. 1° Ottobre 2011)Manca decreto sul ruolo futuro delle farmacie comunali
  • 20. ECONOMIE DI SCALA/SCOPOReti di farmacie per ottimizzare gestione acquisti e magazzinoUnbundling di proprietà e gestione, per favorire la crescita dimensionale ela diversificazione dei servizi offerti (verso centri polifunzionali,poliambulatoriali, in collaborazione con i Ssr, in diretta collaborazionecon i medici di famiglia …)Se si permettono reti e unbundling, scompare differenza tra farmaciainterna alla Gdo e farmacia collegata alla Gdo ma fisicamente separata (eanche distante dai punti Gdo)Su nuove moderne basi organizzative, avrà modo di ritornare al centro,valorizzata, la figura professionale del farmacista, sia come singolo checome parte di team multi-specialisticoPiù farmacie, ciascuna capace di generare più valore aggiunto al passocoi tempi e in sintonia con le esigenze del sistema salute e della società
  • 21. Antonio Gramsci - «Avanti!», anno XXI, n. 98, 8 Aprile 1917<<Il ministro dellInterno, rispondendo per iscritto a una interrogazione chechiedeva se non si riteneva prudente soprassedere alla chiusura di alcunefarmacie colpite da una legge recente, dichiara che ormai questa legge deveritenersi definitiva e che a Torino per omnia saecula saeculorum avrannodiritto di esercizio quelle farmacie che la legge ha dichiarato legittime.Cosi lesercizio della farmacia è stato tagliato fuori dallo sviluppo che si èdeterminato fatale nelle altre forme economiche. Una determinata formaeconomica è fissata. La legge diventa la legittimazione di un privilegio, di unmonopolio. Lutile dei cittadini è subordinato allutile di una ristrettacategoria. Questa, non avendo più da lottare con possibili concorrenze, fisserài prezzi che le piacerà, porrà in vendita quei soli prodotti che le piacerà.I prezzi e la qualità dei prodotti saranno quelli che più converranno aifarmacisti, non quelli che più converranno ai cittadini. È reso impossibile ilpassaggio dallarte medioevale alla moderna forma capitalistica. Gli speziali,per un complesso di cause, sono sopravvissuti quasi integralmente nel loroordinamento corporativistico. La legge ormai sanziona in eterno il privilegiodellarte. Sono resi impossibili, nelle grandi città italiane, quei grandi emporifarmaceutici che sono sorti nelle città inglesi, facendo scomparire in parte ilminore esercentato, con utile grandissimo dei consumatori.>>
  • 22. Nel 1888, in un discorso tenuto in Parlamento, il Presidente del Consigliodell’allora Regno d’Italia, Francesco Crispi, ebbe a dire:<<La professione dei farmacisti è la sola che conserva ancora le formemedioevali delle corporazioni e dei mestieri e quindi può durare solotransitoriamente. Ogni limite, o Signori, è un privilegio che torna a danno dellepopolazioni. Dalla libertà dell’esercizio delle farmacie non si può  ricavare chebeneficio ed io non capisco il concetto dell’espropriazione accennato dai variOratori. Espropriazione di che? Se domani voi dichiarerete libero l’eserciziodella farmacia voi non lo torrete certo a coloro che già lo posseggono. Questiultimi avranno forse una diminuzione di lucro, se però sapranno far meglio deinuovi venuti il loro spaccio non temerà concorrenza. La libertà, o Signori,nacque prima di tutti questi vincoli e dobbiamo dolerci ché per la solaprofessione della farmacia la libertà non sia ancora spuntata, mentre è giàadulta per tutte le altre.>>Perorazione a favore della Legge 22 dicembre 1888, n. 5849
  • 23. GRAZIE