ECONOMIA Università degli Studi di Padova CONFIGURAZIONI DEL MODELLO DI BUSINESS        DELLAMEDIA IMPRESA ITALIANA       ...
Struttura                                   Teoria sui        Media impresa                                         il met...
Media impresa top-performer                                      Medie imprese               Medio - grandi            Gru...
Dalla dimensione al modello di business    • Performance superiore a livello strutturale          – Resilienza di fronte a...
Il Business Model in Letteratura (1/2)    • Varieta’ di definizioni                              (Amit, Massa e Zott 2011;...
Il Business Model in Letteratura (2/2)    • Multi – dimensionalita’          – Diversi componenti e loro interazione      ...
Configurazioni di Base                 (Schweizer 2005; Heuskel 1999)                                                     ...
Canvas e Aspetti MappatiEconomia e Direzione Aziendale     Nicola Cenedese      8
Condizioni Causali e Outcome                                                         Condizioni causali                   ...
Metodo fs/QCA                                                   (Ragin 1987; 2000;2008)    • Casi = combinazioni di condiz...
Risultati -      Modello Integrato                                                       Driver principali                ...
Risultati -         Modello Orchestrator                                                              Driver principali   ...
Risultati -      Modello Layer - player                                                            Driver principali      ...
Key findingsEconomia e Direzione Aziendale   Nicola Cenedese              14
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

MSc, Thesis Presentation

236

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
236
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

MSc, Thesis Presentation

  1. 1. ECONOMIA Università degli Studi di Padova CONFIGURAZIONI DEL MODELLO DI BUSINESS DELLAMEDIA IMPRESA ITALIANA Un’analisi empirica con l’approccio fs/QCA Nicola Cenedese 13/12/2012
  2. 2. Struttura Teoria sui Media impresa il metodo Risultati e modelli di top-performer fs/QCA Interpretazione business Configurazioni Configurazioni testate per crescita/ empiricamente performance Business Model Base Canvas configurazionale e KSFEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 2
  3. 3. Media impresa top-performer Medie imprese Medio - grandi Gruppi Maggiori INDICATORE 06 -11 Crisi* 06 -11 Crisi* 06 -11 Crisi* ROA 5% 4,75% 3,9% 3,31% 0,7% 0,17% FCF/ATT.TANG. 9,75% 7,87% 8,2% 7,52% 1,7% 0,63% CCN/ATT.TANG. 39,6% 39,55% 32,3% 33,12% 17,3% 17,81% OF/DF MEDI 5,1% 5,56% 6,3% 6,76% 9,4% 10,23% COVERAGE RATIO 3,5 3,04 2,3 1,83 0,3 -0,05 Spread di leva 2% 1,07% -1% -2,32% -8,4% -9,96% PN/ATTIVO IMMOB. 1,11 1,1 0,85 0,84 0,67 0,66 LIQUIDITA PRIMARIA 2011 (medie impr. rispetto a) +40% +110% DINAMICA INDEB. (09/06) 88% 99% 115% Fonte: elaborazioni personali su dati Mediobanca *: Periodo 2008- 2009Economia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 3
  4. 4. Dalla dimensione al modello di business • Performance superiore a livello strutturale – Resilienza di fronte alla crisi – Redditivita’ del core business • Affermazione Quarto Capitalismo su Gruppi Maggiori – La dimensione non e’ la chiave della performance ( Costa 2012; Gagliardi 2009; Coltorti 2008, 2006; Ginzburg e Bigarelli 2008; ) – Parziale smentita delle tesi c.d. decliniste (es: Onida 2004; Ciocca 2003; e altri) • BM puo’ spiegare differenziali di performance (Afuah e Tucci 2001) Configurazione modello di Performance stabilmente business superioreEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 4
  5. 5. Il Business Model in Letteratura (1/2) • Varieta’ di definizioni (Amit, Massa e Zott 2011; Hedman e Kalling 2003; Bock e George 2011; Linder, Shafer e Smith 2005; e altri) – Prospettiva narrativa (Magretta 2002) – Prospettiva transazionale e sistema di attivita’ (Amit e Zott 2001;2010) – Rete di relazioni per creare valore (Dubosson-Torbay et alii 2001) – Logica di business di un’impresa (Osterwalder et alii 2005) – Set di scelte aziendali e loro conseguenze (Casadesus-Masanell e Ricart 2010;2011) • Creazione/appropriazione di valore – 2 momenti distinti, in cui intervengono diversi componenti del BM (Christensen, Johnson e Kagermann 2008) – Logica imprenditoriale per generare un beneficio e modalita’ di appropriazione di parte del valore creato (Teece 2010) – Set di attivita’ per creare valore e catturarne una porzione (Afuah 2004)Economia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 5
  6. 6. Il Business Model in Letteratura (2/2) • Multi – dimensionalita’ – Diversi componenti e loro interazione (Baden-Fuller e Morgan 2010; Osterwalder e Pigneur 2010) – Dimensione interna ed esterna all’azienda (Hedman e Kalling 2003; Linder, Shafer e Smith 2005) • Sostenibilita’ – Scelte che si rinforzano reciprocamente e robustezza del BM (Casadesus-Masanell e Ricart 2010;2011) – Adattabilita’ al cambiamento ed innovazione del BM (Govindarajan e Trimble 2011; Doz e Kosonen 2010) – Complementarieta’ tra i componenti (Amit e Zott 2010) • Criticita’ – Dimensione descrittiva e rappresentativa – Relazione con risultati d’impresa non approfondita e industry-specific (Teece 2010; Camuffo et alii 2005; Benedetti e Pozzana 2011 ) – Mancanza approccio empirico di tipo configurazionale (es: Malone et alii 2006; Camuffo et alii 2005)Economia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 6
  7. 7. Configurazioni di Base (Schweizer 2005; Heuskel 1999) MODELLO INTEGRATO MODELLO ORCHESTRATOR MODELLO LAYER - PLAYER SubfornitoreEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 7
  8. 8. Canvas e Aspetti MappatiEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 8
  9. 9. Condizioni Causali e Outcome Condizioni causali Configurazioni Outcome redditivita’ Outcome crescita Configurazioni del BM nelle Superiori al settore (min. + 20%) per 9 anni medie imprese top-performerEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 9
  10. 10. Metodo fs/QCA (Ragin 1987; 2000;2008) • Casi = combinazioni di condizioni causali – Fuzzy set per misurare ogni condizione causale  Indicatori costruiti  Calibrazione (Crilly, Hansen e Zollo 2012, AMJ; Fiss 2011, AMJ; Crilly 2011, JIBS) • Algebra Booleana • Causalita’ congiunturale e multipla (Kogut 2010; Fiss 2011, AMJ) • Studio legame causale – Formule di consistenza (Ragin 2006; 2009) – Test della necessita’ su singole condizioni causali • Soluzioni (Ragin e Fiss 2008) – Condizioni core – Condizoni periferiche – IrrilevanzaEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 10
  11. 11. Risultati - Modello Integrato Driver principali • Controllo congiunto R&D e Produzione • Investimenti • Attenzione alle fasi a valle • Controllo distribuzione + InternazionalizzazioneEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 11
  12. 12. Risultati - Modello Orchestrator Driver principali • Controllo R&D + Assenza Distrib. + Alleanze Produzione • Capacita’ di coordinamento del network •InternazionalizzazioneEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 12
  13. 13. Risultati - Modello Layer - player Driver principali •Sviluppo competenze interne •Attivita’ innovativa •VP differenziata •Estensione layer • Evoluzione del subfornitoreEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 13
  14. 14. Key findingsEconomia e Direzione Aziendale Nicola Cenedese 14

×