Navicelli per una Mobilita Sostenibile

867 views
661 views

Published on

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
867
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Navicelli per una Mobilita Sostenibile

  1. 1. Presidente/Amm. Delegato Navicelli di Pisa Spa Ing. Giovandomenico Caridi
  2. 2. INDICE
  3. 3. LA NAVICELLI DI PISA SPA Società a capitale pubblico (33% Comune di Pisa, 33% Provincia di Pisa e 33% Camera di Com. di Pisa) Costituita nel 1982 Comando di porto sul Canale  Amministrazione e gestione patrimonio demaniale  Manutenzione e dragaggio del Canale  Coordinamento e controllo della navigazione
  4. 4. IL CANALE DEI NAVICELLI• Idrovia navigabile realizzata in epoca medicea (1560-1576) da Cosimo I dei Mediciper collegare il Porto di Livorno a Pisa• Oggi è caratterizzata da una forte presenza cantieristica (megayacht di lusso)
  5. 5. D AR SE CONSORZIO N A “I NAVICELLI” PISVILUPPO NAVICELLI SPA SA N A SVILUPPO NAVICELLI SPA 480.000 mq DARSENA PISANA (CNA) 56.000 mqCONSORZIO “I NAVICELLI” (CNA) 70.000 mq
  6. 6. MOBILITÀ URBANA  Il tema dell’accessibilità e mobilità è oggigiorno sempre più centrale per una corretta gestione e vivibilità del territorio urbano.  Le continue problematiche derivanti da congestione stradale ci costringono a pensare a nuove infrastrutture di comunicazione e di accesso, con l’intenzione di tendere sempre più verso l’eco-sostenibilità.  Lintegrazione modale permette in generale di razionalizzare le possibilità di spostamento sul territorio, di creare un effetto di sinergia tra mezzi di trasporto differenti e dunque anche un risparmio.
  7. 7. MOBILITA’ SOSTENIBILE Lespressione mobilità sostenibile è riferita a delle modalità di spostamento che sono in grado di diminuire gli impatti ambientali generati dai veicoli e cioè:  linquinamento atmosferico e le emissioni di gas serra;  linquinamento acustico;  la congestione ;  lincidentalità.  il degrado delle aree urbane (causato dallo spazio occupato dagli autoveicoli a scapito dei pedoni)  il consumo di territorio (causato dalla realizzazione delle strade e infrastrutture) Un esempio di mobilità sostenibile è dato dallintermodalità tra bici e mezzo di trasporto pubblico (ferrovia, autobus, acqua): si ha un effetto moltiplicatore sia sulle potenzialità turistiche, sia su quelle del trasporto quotidiano (mobilità casa-lavoro, casa- scuola, casa-tempo libero) insite nella bicicletta.
  8. 8. MOBILITÀ SOSTENIBILE IN EUROPA: LE VIE D’ACQUA A livello europeo (Francia, Olanda, Germania) le vie d’acqua sono da anni utilizzate come mezzi di trasporto alternativo e sostenibile per il:  Trasporto merci  Turismo Fluviale  Mobilità urbana
  9. 9. LE VIE D’ACQUA IN EUROPA L’Europa comprende più di 30.000 km di canali e corsi d’acqua che collegano centinaia di grandi città e zone di concentrazione industriale; 11.500 navi fluviali con una capacità di carico complessiva di 11 milioni di tonnellate. Queste flotte producono circa 125 miliardi ton/km ogni anno. Grazie ad una numerosa serie di porti e canali di facile accesso, la rete navigabile principale in Europa collega i Paesi Bassi, il Belgio, il Lussemburgo, la Francia, la Germania e l’Austria;
  10. 10. TRASPORTO MERCI VIA ACQUA IN EUROPA Fonte: Eurostat 2009
  11. 11. TRASPORTO MERCI VIA ACQUA IN EUROPA La navigazione interna assorbe solo il 6% del traffico merci europeo. Il quadro europeo della ripartizione modale del trasporto per via navigabile per Paese vede in testa l’Olanda con il 44,2%, seguita dal Belgio e dalla Germania. Fanalini di coda nell’utilizzo di questa modalità più sostenibile sono Italia e Inghilterra con lo 0,1%;
  12. 12. TURISMO FLUVIALE Il turismo fluviale è un turismo verde, all’aria aperta, dove si ha la possibilità di fare varie attività una volta scesi dal battello (escursioni, pic-nic, ecc.). E’, allo stesso tempo, anche un turismo culturale ed educativo: infatti non sarà difficile trovare durante il percorso monumenti che richiamano la storia di ogni regione; Oggi il turismo fluviale è riconosciuto nel ventaglio dei prodotti turistici che uniscono il riposo alla vacanza attiva e alla scoperta della convivialità La maggior parte della rete fluviale è concentrata in Europa Centrale
  13. 13. TURISMO FLUVIALE IN EUROPA Francia Germania Olanda Lunghezza vie d’acqua  Lunghezza vie d’acqua  Lunghezza vie d’acqua navigabili: navigabili: 8.800 km navigabili: 7.300 km 6.000 km Ci sono circa 50.000  Tutte le vie di navigazione  Ci sono all’incirca 500.000 imbarcazioni da diporto sono controllate dal governo imbarcazioni da diporto (di cui La rete navigabile è nazionale tramite il “Federal 200.000 ormeggiate nelle marine caratterizzata da molte chiuse ed Waterways and Shipping e nei canali) è una delle più antiche (17° Administration”  Amsterdam viene chiamata la secolo)  Principali canali/fiumi: “Venezia del Nord” per la sua fitta Principali canali/fiumi:  L’Elba rete di canali, circa 1.600  Il Reno  Il Reno  Principali canali/fiumi:  Il Rodano  Finow Canal  la Mosa  La Senna  Friesland-Groningen  Canal du Midi
  14. 14. LE VIE D’ACQUA IN ITALIA Anche l’Italia (Veneto, Lombardia, Emilia Romagna) sta seguendo questa direzione strategica, grazie anche all’impegno dell’UNII (Unione Navigazione Interna Italiana), soprattutto per quanto riguarda il trasporto merci e il turismo fluviale, mentre si deve ancora sviluppare l’utilizzo delle vie d’acqua come mezzo di trasporto urbano
  15. 15. LE VIE D’ACQUA IN ITALIA I principali canali navigabili del Nord Italia sono:  Venezia e dintorni (circa 760 km)  Il fiume Po fino a Cremona, e diramazioni (Rovigo, Ferrara, Ravenna)  Milano e dintorni (es. Naviglio Grande) Fonte: VNF final report • Uno degli ultimi progetti proposti è la realizzazione della Locarno – Milano – Venezia , così da collegare la Svizzera con l’Adriatico e incentivare la piccola industria dei territori interessati
  16. 16. MOBILITÀ IN PISA La Città di Pisa necessita di nuove modalità di trasporto urbano per risolvere i problemi connessi alla congestione del traffico e all’inquinamento. Una possibile soluzione a tali problemi è legata all’utilizzo del Fiume Arno (che attraversa la città) come “metropolitana d’acqua” (es. i “river shuttle”), che rappresenti un’alternativa eco-sostenibile al traffico stradale e sia complementare al servizio pubblico di trasporto, attraverso l’impiego di battelli elettrici o ad energia solare.
  17. 17. BATTELLO SULL’ ARNO Dal 19 aprile 2003 la cooperativa “IL NAVICELLO” ha riattivato il servizio di navigazione in Arno con i seguenti itinerari turistici: - Escursioni cittadine con veduta dei lungarni, delle chiese e dei palazzi - Escursioni naturalistiche da Pisa verso Caprona o in direzione di Bocca dArno - Collegamento con il Parco Naturale di Migliarino-S.Rossore-Massaciuccoli - Escursioni personalizzate - Cene e/o feste in battello
  18. 18. BATTELLO SULL’ ARNO: OPPORTUNITA’ FUTURE  E’ in fase di studio il progetto “l’Arno come Metropolitana d’Acqua” (a cura della Navicelli di Pisa Spa), che prevede:  L’attivazione di tratte fluviali a favore del trasporto dei pendolari, dalla periferia verso il centro città  Ipotesi per i punti di partenza delle tratte: Cisanello (nord-est) e Porta a Mare (sud-ovest)  Ipotesi di imbarcazione da utilizzare: battelli ecosostenibili da circa 50 posti  Ipotesi di potenziare l’uso della bicicletta e la rete delle piste ciclabili all’interno della città  L’obiettivo è quello di decongestionare il centro storico della città dal traffico veicolare e dai conseguenti impatti ambientali negativi.
  19. 19. MOBILITÀ IN PISA La prossima apertura dell’Incile (Porta a Mare) permetterà inoltre il collegamento diretto del Canale dei Navicelli con il Fiume Arno e la conseguente realizzazione del Circuito fluviale Pisa – Marina di Pisa – Livorno Canale dei Navicelli Incile (Porta a Mare) Fiume Arno
  20. 20. CIRCUITO FLUVIALEPISA – MARINA DI PISA – LIVORNO  Il circuito fluviale ha come importanti vertici:  Porto di Marina di Pisa (porto turistico di prossima apertura)  Porto di Livorno (porto commerciale/crocieristico)  Possibile ampliamento del circuito fluviale attraverso l’utilizzo dello Scolmatore (Interporto Toscano A.Vespucci)
  21. 21. SISTEMA LOGISTICO DEL TERRITORIOLa Città di Pisa è caratterizzata da un importante sistema logistico intermodale che comprende le seguenti infrastrutture di trasporto: Aeroporto Internazionale “G.Galilei”• Autostrada A12 Genova –Livorno• SGC FI-PI-LI (Firenze-Pisa-Livorno)• SS1 Aurelia• Snodo Ferroviario• Canale dei Navicelli (con prossimo collegamento al fiume Arno)
  22. 22. SISTEMA LOGISTICO DEL TERRITORIOSnodo stradale:• Autostrada A12 Genova –Livorno Stazione• SGC FI-PI-LI (Firenze-Pisa- FerroviariaLivorno) Centrale di Pisa• SS1 Aurelia Spa Navicelli di Pisa (Darsena Pisana) Fiume Arno AeroportoCanale dei Navicelli Internazionale•Larghezza: 33m G. Galilei•Lunghezza: 17.000m•Profondità: 3m
  23. 23. TRASPORTO MERCI SUI NAVICELLIImportanza della riattivazione del trasporto sul canale: • Intercettazione delle rotte mediterranee • Punto d’accesso per l’ autostrada del mare tirrenica
  24. 24. TRASPORTO MERCI SUI NAVICELLISalaise Sur Sanne (FR) - Darsena PisanaTrasporto vetro per lo stabilimento della Saint Gobain940 tonnellate di vetro a viaggio 1 nave 32 camionAbbattimento dei costi di trasporto e delle emissioni inquinanti: 32 camion = 45.000 euro 1 nave = 30.000 euro 32 camion = 1.400 tonn di CO2 1 nave = 20 tonn di CO2
  25. 25. BATTELLO SUI NAVICELLICollaborazione con Il Navicello - Servizi Fluviali, Linnea Soc. Coop. a r.l., Grifone Vacanze, Consorzio Nautica Pisana Gite scolastiche (2009) Gite a scopo didattico - culturale lungo il tratto Darsena Pisana-Tombolo Crociere Livorno - Pisa Mini-crociere per i passeggeri delle navi-crociere che fanno tappa al porto di Livorno per raggiungere Pisa
  26. 26. LE POTENZIALITÀ TURISTICHE:LE HOUSE BOAT L’house boat rappresenta la tipica imbarcazione utilizzata per le vacanze fluviali. Si tratta di vere e proprie “case galleggianti” a basso impatto ambientale che permettono di visitare una o più città da una prospettiva diversa, seguendo specifici itinerari fluviali Sono imbarcazioni generalmente a noleggio che non necessitano di alcuna patente nautica.
  27. 27. PISTA CICLABILE In collaborazione con FIAB Percorso ciclabile adiacente al Canale di circa 35 kmVariegato panorama naturalistico del territorio circostante il Canale, in continuità con la variegata gamma faunistica e vegetale presente nel Parco di Migliarino S. RossoreOgni anno la società organizza per la seconda domenica di Ottobre la classica biciclettata lungo il Canale
  28. 28. CONCLUSIONI La Città di Pisa ha grandi potenzialità ancora non sfruttate a pieno per quanto riguarda l’impiego delle vie d’acqua L’utilizzo delle vie d’acqua pisane rappresenta in termini di mobilità urbana uno step importante al fine di ovviare ai problemi caratteristici del traffico stradale, eguagliando così le altre città fluviali europee Dal punto di vista turistico, si possono ottenere rilevanti benefici grazie ad una maggiore interazione con l’elemento acqueo, così presente nel territorio pisano
  29. 29. Presidente/Amm. Delegato Navicelli di Pisa Spa Ing. Giovandomenico Caridi

×