Your SlideShare is downloading. ×
Noi e gli schermi moviecamp venezia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Noi e gli schermi moviecamp venezia

376
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
376
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Da Sandokan a Lost, da Apocalypse Now ad Avatar. Com’è cambiato il nostro rapporto con la narrazione video? Noi e gli schermi Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Simone Corami
  • 2. La linea del cambiamento: Massa – Consumo – Spettacolo – Rete Cinema – TV – Reality Show – UGC Spesso i fenomeni tendono ad essere permeabili e simultanei Può l’immagine in movimento aver causato la più grande accelerazione sociale della storia? Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Ipotesi per una timeline non cronologica
  • 3. • La rete diventa modello, • Verticale VS Orizzontale, • Narrazione disseminata (L’Attrazione di Derrida) • Narrazione non-lineare, • Moltiplicazione dello schermo e dell’accesso, • La morte dell’eroe e le nuove mitologie. Moderno, Tardo-Moderno e Post Moderno: fine del progetto unitario della modernità e molteplicità irriducibile Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Linea di pensiero Benjamin, Pasolini, Debord, Lyotard…
  • 4. • Regia di Francis Ford Coppola, 1979, USA • Basato su Heart of Darkness di Joseph Conrad, • Mitologia del suo making of, 10 anni per farlo, da cui il documentario Heart of Darkness, • Ha la fama di essere il set dove si è consumata più droga nella storia del Apocalypse Now il film più atteso della modernità Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Apocalypse Now ad Avatar
  • 5. • Viaggio nel lato oscuro dell’uomo, • Wagner, Brando, Vietnam come simboli della modernità, • Ogni elemento è metafora del conflitto, • Noi addestriamo dei giovani a scaricare Napalm sulla gente, ma i loro comandanti non gli permettono di scrivere "cazzo" sui loro aerei perché è osceno. (Col. Kurtz) Apocalypse Now il film più atteso della modernità Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Apocalypse Now ad Avatar
  • 6. • Regia di James Cameron, USA, 2009 • Il film con il più investimento della storia, soprattutto per marketing, oltre il merchadising, • Il film che ha incassato di più nella storia, • La tecnologia 3D più avanzata oggi esistente, • Cameron è un innovatore del set e del making of, Avatar, per una mitologia della community Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Apocalypse Now ad Avatar
  • 7. • Il conflitto diventa orizzontale, Avatar è un film di superficie, • La metafora si trasforma in simulacro, • Avatar è una community, dove gli utenti spostano il significato, ricombinandolo, • Ma Avatar è solo un capitolo, quasi una vulgata. Altri esempi più importanti. Avatar, per una mitologia della community Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Apocalypse Now ad Avatar
  • 8. • Regia di Sergio Sollima, 1976, Ita, • Tratto dai romanzi di Emilio Salgari, il mitografo di generazioni di italiani, • Il più visto in tutta la storia della nostra tv, fino a 26 milioni di spettatori, • Venduto molto bene anche all’estero, Sandokan, l’ultimo sceneggiato Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Sandokan a Lost
  • 9. • Esotismo e Modernità, • L’Eroe come protagonista assoluto, • Logica dell’appuntamento televisivo, • Dopo Sandokan la tv italiana entra in crisi, • La crisi dello sceneggiato porta alla nascita della neo-televisione in Italia, fine della narrazione classica. Sandokan, l’ultimo sceneggiato Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Sandokan a Lost
  • 10. • J.J. Abrams e Damon Lindelof, 6 stagioni, • Da film per la tv, poi 4 stagioni, per finire con 6, • Per la puntata finale gli spazi più costosi della storia per l’advertisement, • Come si misurano gli spettatori di Lost, • I post su Lost sono centinaia di milioni, Lost, oltre ogni dimensione Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Sandokan a Lost
  • 11. • Un database di storie, l’eroe è morto, • La narrazione postmoderna, • Oltre il tempo e lo spazio, la vita e la morte, • La tv è il territorio della nuova narrativa, • La narrazione invasa e ricombinata, • Esiste davvero un finale? Lost, oltre ogni dimensione Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Da Sandokan a Lost
  • 12. • Si supera la logica dell’appuntamento tv, • Si mettono in gioco le identità stesse, • Cambio essenziale delle dinamiche sociali e psicologiche dei personaggi e degli spettatori, • Ognuno crea il suo percorso nella narrazione, • Quale sarà il prossimo territorio narrativo? La narrazione visiva diventa un gioco. Ha ancora senso parlare di audience? Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Dove stiamo andando?
  • 13. • La post-modernità dei social network, • L’abbattimento di ogni limite fisico, • Il flusso della comunicazione diviene racconto, • Si costruisce la propria community come fosse un cast ed il flow come una narrazione, • Dal Prosumer al Narrowcoder. I Social Network e la rete sono il prossimo territorio della narrazione Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 The Next Big Thing: NarrowCoder
  • 14. • Pone simulacri,significanti, significati e crea codici, • Polimediale, Policanale e oltre, • La comunicazione prende una codifica ed un simulacro diverso a secondo del canale, • Lo schermo diviene piattaforma e non media, • Cambia anche il modo di fare marketing. Narrowcoder: me as a flow Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010 Il Narrowcoder è il flaneur digitale
  • 15. Simone Corami www.facebook.com/simonecorami simone.corami@gmail.com Grazie per la vostra attenzione e godetevi Moviecamp Moviecamp Venezia 9 Settembre 2010