Your SlideShare is downloading. ×
0
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.

396

Published on

flavia rubino, giuliana laurita …

flavia rubino, giuliana laurita
http://www.veremamme.it

Published in: Technology, Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
396
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Se i mercati sono conversazioni, è ora di prendere la parola.
  • 2. La parte abitata della Rete ha sviluppato i codici di questa conversazione. Le aziende sanno che in Rete si parla dei loro brand, ma continuano ad utilizzare i codici che conoscono meglio, le logiche di broadcasting. Tesi 1, Cluetrain Manifesto (1999): I mercati sono conversazioni
  • 3. Per questo nasce
  • 4. La nostra sfida Ideare, proporre e promuovere nuove forme di collaborazione tra aziende e utenti
  • 5. <ul><li>È un’aggregazione volontaria di persone attive in Rete </li></ul><ul><li>che si propone di: </li></ul><ul><ul><li>ridurre le distanze tra aziende e Rete </li></ul></ul><ul><ul><li>promuovere l’empowerment del consumatore </li></ul></ul><ul><ul><li>attraverso il marketing della conversazione </li></ul></ul>
  • 6. Cerchiamo punte di creatività, insights emotivi, spinta all’innovazione, toni e idee per una comunicazione efficace in Rete. Non la rappresentatività del campione: non parliamo con persone nella media L’unicità del nostro valore aggiunto è dato dal background delle due blogger “iniziatrici”, stimolatrici di idee e traduttrici simultanee tra aziende e rete Chi partecipa a The Talking Village I partecipanti al Village non sono un panel fisso ma vengono coinvolti sulla base degli obiettivi del singolo progetto e delle loro spontanee associazioni “tribali”.
  • 7. <ul><li>Il manifesto di The Talking Village </li></ul><ul><li>Noi crediamo nella Rete come strumento ideale per instaurare una conversazione tra brand e consumatori. </li></ul><ul><li>Vorremmo che gli attori di questa conversazione fossero onesti, trasparenti, rispettosi degli interlocutori, consapevoli, competenti . </li></ul><ul><li>Brand e Rete possono impegnarsi in un dialogo autentico solo se comprendono davvero le reciproche esigenze . </li></ul><ul><li>I contenuti sono il vero valore della Rete. Brand e utenti possono collaborare nell’elaborazione e nella condivisione di contenuti di valore. </li></ul><ul><li>Attraverso la loro comunicazione, i brand propongono modelli culturali. Noi vogliamo collaborare nella creazione di modelli il più possibile sostenibili. </li></ul><ul><li>L’identità degli utenti della Rete è espressa dai contenuti che essi producono e condividono e non dal loro profilo socio – demografico. </li></ul><ul><li>L'empatia come capacità di immedesimazione e di ascolto è la chiave di una corretta conversazione: gli utenti della Rete possono pensarsi brand, i brand possono pensarsi consumatori. </li></ul>
  • 8. I valori di The Talking Village L'etica La Trasparenza Il Dialogo Il Rispetto La Consapevolezza L’Empatia La Conoscenza La Libertà di scelta La Coerenza
  • 9. Siamo partite dalle mamme blogger Perché le donne prendono di solito le decisioni d’acquisto Perchè spesso la “blogosfera delle mamme” è approcciata con modalità non del tutto corrette Per assumere un ruolo attivo e propositivo, far sentire la nostra voce su temi di interesse generale Per la voglia di cambiare una comunicazione troppo spesso fatta di luoghi comuni Perchè le donne possono cambiare una cultura di marketing fatta di termini bellici in una cultura di comunicazione
  • 10. 1.    ascolto 2.   conversazione 3.   supporto 4.   creatività collaborativa
  • 11. Un Osservatorio / Laboratorio permanente La community PROPONE dal basso issues, domande, spunti, trends (ad es: il biologico. Miti e verità) La community PRODUCE dal basso idee – ad es. prodotti o pubblicità - che sono a disposizione di chi le vorrà realizzare, in cambio della comunicazione del marchio e dell’idea TTV   Una Rivoluzione permanente Coinvolgiamo la community TTV nella generazione continua di nuove meccaniche di marketing delle comunicazione
  • 12. Il nostro primo esperimento: i diari delle Spighe con Mulino Bianco <ul><li>Non è un Focus Group! E’ un nuovo modo di fare marketing, basato sulla relazione personale. </li></ul><ul><li>E’ un modo per dare segnali tangibili alla Rete (in questo caso i blogger), per farla sentire parte di un’iniziativa nuova: </li></ul><ul><ul><li>La loro creatività viene ricercata e apprezzata da una grande azienda </li></ul></ul><ul><ul><li>I partecipanti sono parte attiva di un team e di un progetto </li></ul></ul><ul><ul><li>Si divertono insieme a un team di marketing di una grande azienda </li></ul></ul>
  • 13. Come nasce
  • 14. La visione di VereMamme.it http://photo.net/ Una campagna per una maternità autentica
  • 15. Sincerità, profondità, duro lavoro e tanto cuore Il manifesto VereMamme “ Se sei mamma da poco o da tanto o stai per diventarlo, qui troverai tutto quello che ti serve: TE.”
  • 16. Missione e Visione <ul><li>La missione </li></ul><ul><li>Aiutare tutte le mamme a vivere serenamente il loro ruolo, ad esprimere il loro stile personale, libere dai condizionamenti e dai miti della perfezione = mother empowerment </li></ul><ul><li>Promuovere una visione di mamma moderna imperfetta ma autentica (=vera) senza ricette prefabbricate </li></ul>Empowerment Autenticità Autostima Focus <ul><li>I core values: </li></ul><ul><li>Autostima, Autenticità, Empowerment, Focus </li></ul><ul><li>La visione </li></ul><ul><li>VM diventera’ un catalizzatore di idee per le mamme “di alto livello”, il loro punto di ritrovo e cassa di risonanza </li></ul><ul><li>Il blog e i contenuti circostanti raccoglieranno la massima expertise in materia di mamme: i loro insights, i loro trends </li></ul>
  • 17. Grazie dell’attenzione <ul><li>Contatti </li></ul><ul><li>Flavia Rubino [email_address] </li></ul><ul><li>Giuliana Laurita [email_address] </li></ul>

×