• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
SL e la Didattica delle Lingue
 

SL e la Didattica delle Lingue

on

  • 1,271 views

 

Statistics

Views

Total Views
1,271
Views on SlideShare
1,255
Embed Views
16

Actions

Likes
1
Downloads
1
Comments
0

4 Embeds 16

http://calleslingua.wikispaces.com 12
http://www.slideshare.net 2
http://calleslingua.pbworks.com 1
https://www.linkedin.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    SL e la Didattica delle Lingue SL e la Didattica delle Lingue Presentation Transcript

    • SL e la didattica delle lingue
    • LL_Project1_Rezzed Object Creazione di oggetti 3D per un corso avanzato di inglese in modalità inworld
      • Gli oggetti 3D contengono:
      • - un file audio con la pronuncia dell’oggetto rappresentato
      • una nota informativa con la spiegazione del termine e i suoi usi.
      • Il meccanismo viene attivato con un click del mouse.
    • Obiettivo : l’oggetto 3D sostituisce il dizionario cartaceo o quello più moderno online, ma presenta nuove funzioni: oltre alla lettura delle informazioni e all’ascolto della pronuncia l’oggetto è “rezzato” ovvero si materializza, diventando strumento attraverso cui apprendere (strumento) o in cui apprendere (ambientazione).
    • IL CORSO basato su 3Ps presentation practice production 4 abilità combinate listening writing reading speaking
      • Attraverso questo approccio gli studenti imparano:
      • la pronuncia delle parole toccando gli oggetti “ parlanti ” (listening and speaking);
      • - il significato e l’uso delle parole attraverso la lettura delle note informative (notecard) che ricevono con un click sull’oggetto “ parlante ”;
      • - la pratica contemporaneamente di abilità diverse, individuali e interpersonali.
      • Questo metodo sottolinea l’ importanza di alcuni elementi fondamentali del processo di apprendimento:
        • l’ edutaiment (playing by learning, learning by doing, cooperative learning);
        • l’ emotività (role-play, group-work, task based activity);
        • la verifica delle competenze grammaticali focalizzandosi sulla loro comprensione e produzione contestualizzata;
        • l’ interdisciplinarietà ovvero la convergenza di diversi argomenti e tipi di comunicazione;
        • l’ “interactive challenge”, che produce piacere e gratificazione, facendo migliorare l’autostima.
      • Questo metodo può essere applicato a qualsiasi campo lessicale e può essere usato sia in corsi di lingua con docente che per l’apprendimento autonomo
    • Insegnanti e studenti sono virtualmente rappresentati -> realismo e apprendimento collaborativo/costruttivo -> comunicazione multimodale. Ma quali benefici si possono ricavare dall’uso di SL nell’insegnamento?
      • Caratteristiche di questo nuovo strumento:
      • immersione,
      • apprendimento per esperienza (learning by doing)
      • senso di condivisione
      • interoperabilità
      • cumulabilità delle esperienze
      • apprendimento interattivo e collaborativo
      • Applicazione della teoria didattica del “ costruzionismo ”
      • (Vygotsky,1978)
      • la conoscenza si sviluppa costruendo, interagendo, progettando ( learning by-making ), ma in un contesto sociale, in cui gli individui dialogano e negoziano con il resto della comunità che apprende spunti, idee, soluzioni da tradurre in azioni effettive e la conoscenza perciò non è più un processo cognitivo individuale.
      Utilizzando questo strumento, sia gli insegnanti che gli apprendenti possono sperimentare attività collaborative e di costruttive (problem-solving, decision making…).
      • SL permette di lavorare sulle quattro abilità di una lingua (lettura, scrittura, ascolto e parlato) attraverso la chat testuale e quella vocale. Una combinazione di tutte queste può portare allo sviluppo di altre abilità come la raccolta di dati (forme di lingua, dialoghi, aspetti della comunicazione interculturale), l’intervista, l’osservazione e la partecipazione, la riflessione sulla propria identità, ecc.
      • L’apprendimento di una lingua così diventa comprensione non solo delle regole e dell’ uso della lingua ma anche conoscenza della sua cultura (arte, cultura, consuetudini).
      Altre foto: http://www.flickr.com/photos/shivanthan/archives/date-posted/2007/12/19/
      • Il National Center for Cultural Competence definisce “cultura” un insieme integrato di comportamento che include pensieri, modi di comunicare, lingue, usi, credenze, valori, abitudini, rituali, modi di interagire e ruoli, relazioni umane e comportamenti religiosi, etnici e di gruppi sociali.
      • .
      Molte città reali sono state ricostruite su Sl e questo permette agli studenti di poterle visitare o di approfondire la loro conoscenza se già nella RL le hanno visitate. In un corso di lingua, per esempio, si può prevedere una fase durante la quale gli studenti apprendono la cultura di quella lingua attraverso la visita virtuale ad alcune località famose per l’arte e la letteratura di quella cultura.
    • Ad esempio entrando nella cappella Sistina ci si accorge subito della ricchezza e minuzia dei particolari con cui è stato ricreato l’ ambiente. In aggiunta è possibile ‘volare' vicino ai dipinti e sedersi su una balconata ad osservare da vicino gli affreschi. La visita virtuale in SL può essere un complemento di quella reale, permettendoci di conoscere lo stesso “oggetto” didattico in modi diversi.
    • Report on LL Teacher Training Project#1: Rezzable objects in the classroom
      • Mentor : Iffaf Ling
      • Team :
      • Beatrice / Bees Despres
      • Stepanka / Stefi Kohime
      • Wlodek / Wlodek Barbosa
      • Carmen / Misy Ferraris
      • Indice
      • Introduzione
      • Scelta del lexical set
      • Scelta delle attività
      • La definizione del vocabolario
      • La prova generale
    • Introduzione
      • Il progetto è stato sviluppato tra il 12 Novembre e il 17 Dicembre dalla scuola di lingue LanguageLab in SL. Lo scopo era quello di sperimentare una varietà di modi in cui una banca di oggetti “materializzabili” potessero essere utilizzati dall’insegnante in una situazione formale di insegnamento. Questa banca di parole deve essere ancora completamente sviluppata da LanguageLab e comprende le parole più comuni in inglese su set di suso quotidiano per diversi livelli linguistici.
    • La scelta dell’ambito lessicale
      • L’ambito lessicale su cui si è sviluppato il progetto è stato quello relativo al “cibo” e all’abbigliamenyo”.
      • Motivazioni della scelta degli oggetti:
      • (a) sono più tangibili, manipolabili e materializzabili;
      • (b) sono relativamente neutrali in riferimento alla cultura e quindi più adattabili all’ambientazione multiculturale di SL;
      • (c) offrono una certa varietà di oggetti che cambiano nelle varie culture e per questo rappresentano un potenziale pedagogico in una classe multiculturale;
      • (d) l’abbigliamento è al centro dell’interesse dei residenti di SL, sia nuovi che veterani;,
      • (e) il “cibo” è un elemento fondamentale nell’appprendimento di una lingua, a prescindere da quale sia l’interesse di chi apprende.
    • La scelta delle attività
      • Il gruppo ha inventato una diverse situazioni ed attività accompagnate da una varietà di:
      • funzioni comunicative :
        • complaining
        • ordering
        • reporting
        • describing
      • strutture grammaticali :
        • countability
        • passive voice
        • modal + perfect infinitive
        • etc…
    • La definizione del vocabolario
      • I vocaboli dovevano rispondere ai seguenti criteri:
      • (a) appropriati per gli studenti di tutti livelli,
      • (b) facilmente materializabili (per ciò concreti/immaginabili/tangibili),
      • (c) relativamente di uso comune in inglese,
      • (d) rilevanti per le situazioni previste,
      • (e) aggiungere valore alle situazioni selelzionate,
      • (d) limitati nel numero (per ragioni di scedenza della consegna),
      • (e) adattabili a una serie di attività .
    • La prova generale degli oggetti
      • La prova generale è stat realizzata con due lezioni (10 e 12 Dicembre 2007):
      • prova 1
      • prova 2
      • Le lezioni sono state condotte dallo stesso gruppo che aveva preparato gli oggetti e programmato le attività.
      Second trialing First trialing
      • La maggior parte di questi oggetti 3D possono essere usati per l’auto-apprendimento. Questo progetto si interfaccia con altri progetti di LanguageLab.Essi potrebbero essere raccolti in un dizionario 3D, illustrato e parlante assieme al contenuto lessicografico (definizioni e usi).
      • Questo progetto vuole essere solo un inizio della sperimentazione didattica delle lingue in SL.
    • Prova 1
      • Durante la prima lezione gli oggetti sono stati disposti sul terreno del parcheggio di LanguageLab, nell’area delle attività di business. In questo modo gli studenti potevano raggiungerli più facilmente, toccarli e “navigare” il terreno per le attività di fonetica (toccare l’oggetto, ascoltare il suono e rispondere a delle domande sulla struttura fonetica del suono).
      • Strumenti didattici utilizzati:
      • - oggetti 3D
      • lavagna per la proiezione di slide
      • note informative
      • chat vocale e scritta
      • Importanza degli oggetti 3D
      • catturare l’attenzione degli studenti e la loro partecipazione attiva coinvolgendo l’aspetto emotivo (per es, lo studente che vive nel deserto non avrà mai la possibilità di toccare i mirtilli in una classe reale, the student living in a desert would probably
      • dare alla classe un ritmo appropriato,
      • ridurre i tempi per le sistruzioni dell’insegnante e aumentare il tempo per l’attività di “speaking” dello studente ,
      • applicare l’approccio dell’imparare facendo .
    • Prova 2
      • La seconda prova era stat programmata per un livello intermedio basso. Il vocabolario utilizzato era lo stesso di quello della 1 prova così come pure gli oggetti £D. L’ambientazione questa volta era contestualizzata all’interno della ricostruzione 3D di un supermarket ( McTeague's Finer Foods in Living 124, 11, 25).
      • Le attività e le funzioni grammaticali erano connesse con la situazione e il ruolo dei partecipanti.
      • Strumenti didattici utilizzati:
      • oggetti 3D con acclusi suoni e informazioni,
      • lavagna per proiezione slide,
      • projettore con l’agenda delle attività,
      • note informative,
      • distributore di note
      • timer per le attività,
      • HUD per la trascrizione della chat vocale
    • Filmato prodotto da Misy Ferraris in SL http://call-slingua.blogspot.com/ http://calleslingua.wikispaces.com http://it.groups.yahoo.com/group/CALL_SLingua