Your SlideShare is downloading. ×
0
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Il Mendicante C
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il Mendicante C

419

Published on

Il mendicante, scultura di Silvestro Migliorini, testo GiEffebis e musica di Ennio Morricone

Il mendicante, scultura di Silvestro Migliorini, testo GiEffebis e musica di Ennio Morricone

Published in: Spiritual, Health & Medicine
1 Comment
3 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total Views
419
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
111
Comments
1
Likes
3
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1.  
  • 2. Lo vidi lì, all’angolo di una Chiesa: elegante, ben vestito, col cilindro in una mano. Non vedevo il volto ma seguivo il gesto: una mano che, dalla tasca, si apriva a mezz’aria in un punto astratto, per ritrarla subito , tremante.
  • 3. Lo rividi qualche giorno dopo, seduto sugli scalini della stessa Chiesa, quasi accasciato su se stesso, la testa reclinata, col cilindro poggiato a terra tra le sue gambe… Mendicava.
  • 4. Un pensiero mi folgorò e d’improvviso compresi: quel tendere e ritrarre la mano era la proiezione della sua nuova vita!
  • 5. Domandavo, avrei voluto sapere quale tragitto di vita e di scelte lo aveva condotto fin lì da una esistenza che, si vedeva, doveva essere stata ben diversa.
  • 6. Rispose soltanto, con calma rassegnazione: “ non so prendere”. E subito si richiuse in se stesso, assente e sordo al coro di gioia proveniente dalla Chiesa; cieco di fronte alla mia mano tesa che avrebbe voluto sostenerlo.
  • 7. Com’è lontano ora il censo, il buon nome, la ricchezza, tutto è perduto: resta solo un vago ricordo simbolico del passato che è quel cilindro poggiato a terra
  • 8. dentro , solo pochi spiccioli, a fare l’esigua differenza tra poco e nulla.
  • 9. E’ davvero grande quella solitudine oscura, quell’abisso impenetrabile in cui, a volte, l’uomo confina se stesso…
  • 10. Quando, sapendo di aver fatto molti errori, non riesce a perdonarsi, si ritiene immeritevole e non sa prendere, neppure quando gli viene dato con spontaneità.
  • 11. Vorrei che sollevassi il mento, ora, prima che anche il tempo, ultimo amico rimasto, lentamente e inutilmente, ti abbandoni…
  • 12. Vorrei che salissi quello scalino per varcare la soglia di quella Chiesa; potresti scoprire che l’amore di Dio, grande e misericordioso, accoglie tutti i Suoi figli, indistintamente… e chissà, forse allora, finalmente, anche tu riuscirai a perdonare a te stesso!
  • 13. Scultura: Silvestro Migliorini www.silvestromigliorini.it [email_address] Testo e grafica: [email_address]

×