Uploaded on

Prot

Prot

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
1,612
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • Reazione di condensazione tra due aa.
  • Fig. 1.9 Lodish

Transcript

  • 1.
    • Struttura delle Proteine e
    • loro Funzioni
  • 2. La struttura delle Proteine determina la loro funzione
    • Le Proteine sono singole, catene non-ramificate di monomeri di amminoacidi
    • Nelle cellule sono presenti 20 differenti amminoacidi
    • La sequenza aa di una proteina ne determina la sua struttura 3D (conformazione)
    • A sua volta, la struttura di una proteina determina la funzione di quella proteina
  • 3. Tutti gli amminoacidi hanno la stessa struttura generale, ma il gruppo laterale ( R group ) è differente
  • 4. Amminoacidi Idrofilici
  • 5. Amminoacidi Idrofobici e “ speciali ”
  • 6.  
  • 7. I legami Peptididi legano gli amminoacidi in catene lineari
  • 8. I legami Peptidici legano gli amminoacidi in catene lineari
  • 9. I legami Peptidici legano gli amminoacidi in catene lineari
  • 10. Quattro livelli di struttura determinano la forma delle proteine
    • Primaria : la sequenza lineare di ammino acidi
    • Secondaria : l’organizzazione locale di porzioni di una catena poli-peptidica ( α helix o β sheet )
    • Terziaria : l’ arrangiamento 3-dimensionale di una catena poli-peptidica
    • Quaternaria : l’associazione di 2 o più poli-peptidi in complessi composti da più sub-unità
    • Sopramolecolare - Assemblaggi multimolecolare
  • 11. Struttura Primaria e Secondaria dell’ Emagglutinina
  • 12. Struttura Terziaria e Quaternaria dell’ Emagglutinina
  • 13. Differenti rappresentazioni grafiche di una stessa proteina
  • 14. Struttura secondaria: alfa helix alfa helix
  • 15. Struttura secondaria: Beta sheet
  • 16. Struttura secondaria: beta sheet
  • 17.  
  • 18. Struttura Funzione delle Proteine
  • 19.  
  • 20.  
  • 21. Esempi di macromolecole cellulari
  • 22. Funzione Coperativa di Proteine
  • 23. Motifs sono combinazioni regulari di strutture secondarie Un motif arrotolato ( coiled ) è formato da due o più eliche arrotolate fra di loro
  • 24. Altri esempi di motifs
  • 25. I domains sono moduli strutturali e funzionali di strutture terziare
  • 26. Omologie fra sequenze suggeriscono l’esistenza di relazioni funzionali fra proteine
  • 27. Folding , modificazione e degradazione di proteine degradazione di proteine
    • Un poli-peptide appena sintetizzato richiede che sia sottoposto ad un appropriato folding e spesso anche a modifiche chimiche per generare la proteina finale
    • Tutte le molecule proteiche adottano una singola conformazione (lo stato nativo), che è la forma più stabile di una certa molecola
  • 28. L’ informazione per il folding di una proteina è solo in parte codificato nella sequenza aa
  • 29. Chaperones The Protein Universe
    • Assuming an average protein length of 200 aa, there can be theoretically 20 200 different protein sequences,
    • A number that is much greater than the number
    • of electrons in our Universe !
    • Assuming again that there are 10 7 species on Earth today and that the average genome of each species consists of only 5,000 genes , there are 5 x 10 10 unique protein sequences.
    • We can only guess how many species have existed so far on Earth, may be 10 9 thus at least 5 x 10 12 unique protein sequences have emerged and properly folded !
  • 30. In vivo , il folding di proteine è regolato da chaperones chaperones
  • 31. ANIMATION on CHAPERONES
  • 32. Confinamento di Proteine in GroEL/GroES
    • Il confinemento di proteine non folded in uno stretto spazio idrofilico del complesso delle chaperonine
    • riduce il quantitativo di energia per il folding di alcune proteine, aumentando il flusso di forme intermedie verso lo stato nativo, e riduce il numero di possibili conformazioni
  • 33. Confinamento di Proteine
    • Confinamento in un complesso chaperoninico accelera fortemente il folding appropriato e viene stabilizzato dal confinamento stesso
  • 34. Modificazioni chimiche e processing alterano l’attività biologica delle proteine
  • 35. Degradazione delle proteine tramite l’ ubiquitina Le cellule contengono diverse altre pathways per la degradazione delle proteine in aggiunta a questa pathway
  • 36. ANIMATION on UBIQUITIN U B I Q U I T I N
  • 37. Proteine con folding errato sono coinvolte in malattie che evolvono molto lentamente Una placca amiloide in Alzheimer’s è composta da un ammasso di filamenti di proteine
  • 38. Proteine con folding errato sono coinvolte in malattie che evolvono molto lentamente • Improper protein folding (misfolding) can lead to the formation of disordered (amorphous) or ordered (amyloid fibril) aggregates. • transmissible spongiform encephalopathies • prion diseases • Parkinson's disease • Lewy body variant of Alzheimer's disease • diffuse Lewy body disease • dementia with Lewy bodies • multiple system atrophy • neurodegeneration with brain iron accumulation type I. • familial amyloid polyneuropathy (FAP) • familial amyloid cardiomyopathy (FAC) • familial central nervous system amyloidosis • senile systemic amyloidosis (SSA) • Amyloidosis (Alzheimer disease) etc. Membrane proteins represent at least 30% of the all currently sequenced genomes and represent 60 percent of drug targets.
  • 39. Lipid-Assisted Protein Folding Lipids act as molecular chaperones in folding of proteins Lipids act as molecular chaperones in folding of proteins LacY E. coli LacY assembled in a PE-lacking mutant ( pssA null mutant) only carried out facilitated but not active transport of substrate and misfolding of domain P7 (P7 is denatured) Monoclonal antibody Proper folding did NOT occur by addition of PE Changing the lipid composition of the membrane can reverse topology of a polytopic membrane protein, and lipids composition is a determinant of TM orientation
  • 40. Disegno funzionale di proteine
    • La funzione delle proteine, generalmente, comprende cambi conformazionali
    • Le proteine sono prodotte per legare diversi ligandi:
    • il legame è caratterizzato da 2 proprietà:
    • affinità e specificità
    • Gli anticorpi hanno una specificità di legame
    • molto alta
    • Gli enzimi sono catalizzatori specifici:
    • il loro sito attivo lega il substrato ed esegue la catalisi
  • 41. Cambiamenti conformazionali nella subunità catalitica di cAPK
  • 42. Meccanismi che regolano la funzione delle proteine
    • Transizioni allosteriche
    • Rilascio delle subunità cataliche, stati attivo - inattivo, legami cooperativi de ligandi
    • Fosforilazione / de-fosforilazione
    • Attivazione proteolitica
    • Compartimentalizzazione
  • 43. Rilascio allosterico delle subunità catalitiche delle subunità catalitiche
  • 44. Transizione allosterica tra stati attivi e stati inattivi tra stati attivi e stati inattivi
  • 45. Fosforilazione / de-fosforilazione
  • 46. Taglio proteolitico delchimotripsinogeno che produce chimotripsina attiva
  • 47. Proteine di membrana
    • Ogni membrana ha proteine specifiche che le permettono di svolgere le sue funzioni specifiche
    • Le proteine di membrana possono essere integrali o periferiche
    • Proteine integrali di membrana contengono una o
    • più α-eliche
    • Altre proteine integrali sono ancorate alla membrana tramite legami covalenti con catene idrocarburiche
    • Proteine periferiche sono associate alle membrane tramite interazioni con proteine integrali
  • 48. Proteine di membrana in un lipid bilayer
  • 49. Proteine di membrana in un lipid bilayer
  • 50. Glycophorin: un esempio di proteina trans -membranica
  • 51. Ancoraggio di proteine integrali alla membrana plasma plasmatica tramite catene idrocarburiche
  • 52. Proteine integrali di membrana possono essere solubilizzate con detergenti non-ionici con detergenti non-ionici
  • 53. RAFTS
    • Un raft è un microdominio ricco
    • in colesterolo / sfingolipidi
    • nelle membrane cellulari
  • 54. RAFTS
    • I Raft domains rappresentano uno stato fisico specifico del lipid bilayers:
    • La fase liquida ordinata
  • 55. RAFTS
    • Nei rafts sono presenti i recettori (GPCR) delle signaling pathways
    • I Patogeni adoperano i rafts della cellula ospite come luogo di entrata e di comunicazione con l’interno della cellula
  • 56. RAFTS single particle tracking
  • 57. MOTORI MOLECOLARI
    • Il dominio della testa del motore (flagello) lega lo stator che è immerso nella membrana e al rotore.
    • Gli ioni che passano attraverso lo stator generano una forza rotatoria al rotore che fa muovere il flagello .
  • 58.