Open data-day-bologna-2013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Open data-day-bologna-2013

on

  • 1,734 views

International Open Data Day 2013

International Open Data Day 2013

Statistics

Views

Total Views
1,734
Views on SlideShare
1,134
Embed Views
600

Actions

Likes
2
Downloads
14
Comments
0

2 Embeds 600

http://www.dirittodisapere.it 597
https://www.google.it 3

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Open data-day-bologna-2013 Presentation Transcript

  • 1. Open Datariflessioni informatico-giuridiche Bologna, Open Data Day Italia Michele Martoni | Monica Palmirani CIRSFID Università di Bologna
  • 2. ODD-Italia 2013 Gruppo Giuridico• Gruppo di lavoro sugli aspetti legali degli Open Data nell’ambito del Gruppo Open Data Day (Coordinatori: Monica Palmirani, Giovanni Menduni) – Fornire solide basi giuridiche per sostenere le scelte delle PPAA nell’apertura dei dati e per sbloccare resistenze spesso non giustificate Rispondere alla domanda: “Quali dati si possono, non si possono, si devono aprire?” – Far emergere proposte di modifiche normative da suggerire al legislatore
  • 3. Conflitto• Norme che impongono l’apertura dei dati• Norme che impongono la chiusura• Norme che impongono la pubblicità delle informazioni per un certo tempo• Norme che vietano la pubblicità delle informazioni• Norme che riconoscono il diritto di accesso• Norme che vietano il diritto di accesso
  • 4. Normativa di Riferimento• D.lgs 32/2010 INSPIRE PRIVACY• Copyright e Segreto Industriale ACCESSO• Segreto di Stato d.lgs. 196/2003• Tutele specifiche: L.241/90 – Dati ambientali Open – Dati anagrafici OPEN DATA data – Dati elettorali – Beni culturali d.l. 179/2012 – Dati statistici d.lgs. 82/2005 d.l. 83/2012 – Etc.????? d.l. 5/2012 d.lgs. 36/2006 CAD - eGOV d.lgs. 150/2009 TRASPARENZA
  • 5. Art. 50 CAD Disponibilità dei dati delle pubbliche amministrazioni1. I dati delle pubbliche amministrazioni sono formati, raccolti, conservati, resi disponibili e accessibili con luso delle tecnologie dellinformazione e della comunicazione che ne consentano la fruizione e riutilizzazione, alle condizioni fissate dallordinamento, da parte delle altre pubbliche amministrazioni e dai privati; restano salvi i limiti alla conoscibilità dei dati previsti dalle leggi e dai regolamenti, le norme in materia di protezione dei dati personali ed il rispetto della normativa comunitaria in materia di riutilizzo delle informazioni del settore pubblico.2. Qualunque dato trattato da una pubblica amministrazione, con le esclusioni di cui allarticolo 2, comma 6, salvi i casi previsti dallarticolo 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali, è reso accessibile e fruibile alle altre amministrazioni quando lutilizzazione del dato sia necessaria per lo svolgimento dei compiti istituzionali dellamministrazione richiedente, senza oneri a carico di questultima, salvo per la prestazione di elaborazioni aggiuntive è fatto comunque salvo il disposto dellarticolo 43, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445.3. Al fine di rendere possibile lutilizzo in via telematica dei dati di una pubblica amministrazione da parte dei sistemi informatici di altre amministrazioni lamministrazione titolare dei dati predispone, gestisce ed eroga i servizi informatici allo scopo necessari, secondo le regole tecniche del sistema pubblico di connettività di cui al presente decreto.
  • 6. Art. 52 CAD Accesso telematico e riutilizzo dei dati delle pubbliche amministrazioniLe pubbliche amministrazioni pubblicano nel proprio sito web, allinterno della sezione "Trasparenza, valutazione e merito", il catalogo dei dati, dei metadati e delle relative banche dati in loro possesso ed i regolamenti che ne disciplinano lesercizio della facolta di accesso telematico e il riutilizzo, fatti salvi i dati presenti in Anagrafe tributariaI dati e i documenti che le amministrazioni titolari pubblicano, con qualsiasi modalita, senza lespressa adozione di una licenza di cui allarticolo 2, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36, si intendono rilasciati come dati di tipo aperto ai sensi allarticolo 68, comma 3, del presente Codice.Le attivita volte a garantire laccesso telematico e il riutilizzo dei dati delle pubbliche amministrazioni rientrano tra i parametri di valutazione della performance dirigenziale ai sensi dellarticolo 11, comma 9, del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150.
  • 7. Art. 68 CADAgli effetti del presente decreto legislativo si intende per:a)formato dei dati di tipo aperto, un formato di dati reso pubblico, documentato esaustivamente e neutro rispetto agli strumenti tecnologici necessari per la fruizione dei dati stessi;b)dati di tipo aperto, i dati che presentano le seguenti caratteristiche: a)sono disponibili secondo i termini di una licenza che ne permetta lutilizzo da parte di chiunque, anche per finalita commerciali, in formato disaggregato;
  • 8. D.Lgs. 36/2006• Il presente decreto legislativo disciplina le modalità di riutilizzo dei documenti contenenti dati pubblici nella disponibilità delle pubbliche amministrazioni e degli organismi di diritto pubblico.
  • 9. Art. 31. Sono esclusi dallapplicazione del presente decreto i seguenti documenti:a) quelli detenuti per finalità che esulano dallambito dei compiti istituzionali della pubblica amministrazione o dellorganismo di diritto pubblico;b) quelli nella disponibilità delle emittenti di servizio pubblico e delle società da esse controllate e da altri organismi o loro società controllate per ladempimento di un compito di radiodiffusione di servizio pubblico;c) quelli nella disponibilità di istituti distruzione e di ricerca quali scuole, università, archivi, biblioteche ed enti di ricerca, comprese le organizzazioni preposte al trasferimento dei risultati della ricerca;d) quelli nella disponibilità di enti culturali quali musei, biblioteche, archivi, orchestre, teatri lirici, compagnie di ballo e teatri;e) quelli comunque nella disponibilità degli organismi di cui agli articoli 3, 4, 5 e 6 della legge 24 ottobre 1977, n. 801;f) quelli relativi ai dati di cui alla borsa continua nazionale del lavoro, allanagrafe del lavoratore ed i dati assunti in materia di certificazione dei contratti di lavoro, disciplinati dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e dai rispettivi provvedimenti attuativi;g) quelli esclusi dallaccesso ai sensi dellarticolo 24 della legge 7 agosto 1990, n. 241;h) quelli sui cui terzi detengono diritti di proprietà intellettuale ai sensi della legge 22 aprile 1941, n. 633, ovvero diritti di proprietà industriale ai sensi del decreto legislativo 10 febbraio 2005, n. 30.
  • 10. Legge 241/1990Art. 22. (Definizioni e princìpi in materia di accesso)1. Ai fini del presente capo si intende:a) per “diritto di accesso”, il diritto degli interessati di prendere visione e di estrarre copia di documenti amministrativi; b) per “interessati”, tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale, corrispondente ad una situazione giuridicamente tutelata e collegata al documento al quale è chiesto l’accesso;c) per “controinteressati”, tutti i soggetti, individuati o facilmente individuabili in base alla natura del documento richiesto, che dall’esercizio dell’accesso vedrebbero compromesso il loro diritto alla riservatezza;d) per “documento amministrativo”, ogni rappresentazione grafica, fotocinematografica, elettromagnetica o di qualunque altra specie del contenuto di atti, anche interni o non relativi ad uno specifico procedimento, detenuti da una pubblica amministrazione e concernenti attività di pubblico interesse, indipendentemente dalla natura apubblicistica o privatistica della loro disciplina sostanziale;e) per “pubblica amministrazione”, tutti i soggetti di diritto pubblico e i soggetti di diritto privato limitatamente alla loro attività di pubblico interesse disciplinata dal diritto nazionale o comunitario.
  • 11. Legge 241/19902. L’accesso ai documenti amministrativi, attese le sue rilevanti finalità di pubblico interesse, costituisce principio generale dell’attività amministrativa al fine di favorire la partecipazione e di assicurarne l’imparzialità e la trasparenza, ed attiene ai livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale ai sensi dell’articolo 117, secondo comma, lettera m), della Costituzione. Resta ferma la potestà delle regioni e degli enti locali, nell’ambito delle rispettive competenze, di garantire livelli ulteriori di tutela.3. Tutti i documenti amministrativi sono accessibili, ad eccezione di quelli indicati all’articolo 24, commi 1, 2, 3, 5 e 6. 4. Non sono accessibili le informazioni in possesso di una pubblica amministrazione che non abbiano forma di documento amministrativo, salvo quanto previsto dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in materia di accesso a dati personali da parte della persona cui i dati si riferiscono.
  • 12. Art. 24 Esclusione dal diritto di accesso1. Il diritto di accesso è escluso:a) per i documenti coperti da segreto di Stato ai sensi della legge 24 ottobre 1977, n. 801, e successive modificazioni, e nei casi di segreto o di divieto di divulgazione espressamente previsti dalla legge, dal regolamento governativo di cui al comma 6 e dalle pubbliche amministrazioni ai sensi del comma 2 del presente articolo;b) nei procedimenti tributari, per i quali restano ferme le particolari norme che li regolano;c) nei confronti dell’attività della pubblica amministrazione diretta all’emanazione di atti normativi, amministrativi generali, di pianificazione e di programmazione, per i quali restano ferme le particolari norme che ne regolano la formazione;d) nei procedimenti selettivi, nei confronti dei documenti amministrativi contenenti informazioni di carattere psico-attitudinale relativi a terzi.2. Le singole pubbliche amministrazioni individuano le categorie di documenti da esse formati o comunque rientranti nella loro disponibilità sottratti all’accesso ai sensi del comma 1.3. Non sono ammissibili istanze di accesso preordinate ad un controllo generalizzato dell’operato delle pubbliche amministrazioni.
  • 13. d) quando i documenti riguardino la vita privata o la riservatezza di persone fisiche, persone giuridiche, gruppi, imprese e associazioni, con particolare riferimento agli interessi epistolare, sanitario, professionale, finanziario, industriale e commerciale di cui siano in concreto titolari, ancorché i relativi dati siano forniti all’amministrazione dagli stessi soggetti cui si riferiscono;
  • 14. 7. Deve comunque essere garantito ai richiedenti l’accesso ai documenti amministrativi la cui conoscenza sia necessaria per curare o per difendere i propri interessi giuridici. Nel caso di documenti contenenti dati sensibili e giudiziari, l’accesso è consentito nei limiti in cui sia strettamente indispensabile e nei termini previsti dall’articolo 60 del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, in caso di dati idonei a rivelare lo stato di salute e la vita sessuale.
  • 15. D.Lgs. 150/2009Art. 11 Trasparenza8. Ogni amministrazione ha lobbligo di pubblicare sul proprio sito istituzionale in apposita sezione di facile accesso e consultazione, e denominata: «Trasparenza, valutazione e merito»:a) il Programma triennale per la trasparenza e lintegrità ed il relativo stato di attuazione;b) il Piano e la Relazione di cui allarticolo 10;c) lammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e lammontare dei premi effettivamente distribuiti;d) lanalisi dei dati relativi al grado di differenziazione nellutilizzo della premialità sia per i dirigenti sia per i dipendenti;e) i nominativi ed i curricula dei componenti degli Organismi indipendenti di valutazione e del Responsabile delle funzioni di misurazione della performance di cui allarticolo 14;f) i curricula dei dirigenti e dei titolari di posizioni organizzative, redatti in conformità al vigente modello europeo;g) le retribuzioni dei dirigenti, con specifica evidenza sulle componenti variabili della retribuzione e delle componenti legate alla valutazione di risultato;h) i curricula e le retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico amministrativo; i) gli incarichi, retribuiti e non retribuiti, conferiti ai dipendenti pubblici e a soggetti privati.
  • 16. D.L. 83/2012Art. 18 Pubblicazione in formato aperto di determinate tipologie di informazioni, in specifico “la concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e l’attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere di cui all’articolo 12 della legge 241/1990 ad enti pubblici e privati”.
  • 17. Art. 19 D.Lgs. 196/20033. La comunicazione da parte di un soggetto pubblico a privati o a enti pubblici economici e la diffusione da parte di un soggetto pubblico sono ammesse unicamente quando sono previste da una norma di legge o di regolamento“Linee guida in materia di trattamento di dati personali contenuti anche in atti e documenti amministrativi, effettuato da soggetti pubblici per finalità di pubblicazione e diffusione sul web” marzo 2011
  • 18. Posizione• Disinteressati: non mi interessano gli open data• Conservatori: volontaria chiusura dei dati• Timoroso: approccio eccessivamente prudente• Entusiasti: apertura spregiudicata dei dati• Consapevole: Approccio attento e ponderato ma consapevole del grande valore civile ed economico del fenomeno• Delusi: nessuno!
  • 19. Informazioni
  • 20. Lati della medaglia• Richiedente le informazioni – Utente di Open data – Etc.• Interessato dell’informazione
  • 21. Relatività• Diritto all’oblio• De-anonimizzazione del dato
  • 22. “Ordem e Progresso”Gruppo Giuridico ODD:• Vademecum giuridico e Check list• Questionario-censimento• Raccolta della normativa in materia di OD• Mappa comparativa delle Licenze• Proposte di modifica per le Licenze
  • 23. Vademecum1 Quadro normativo 3 Privacy1.1 Definizione di Open Government 3.1Anonimizzazione Data. 3.2Aggregazione e i dati statistici1.2 Accesso e trasparenza. Diritto del 3.3De-anonimizzazione cittadino allaccesso al dato 3.4Diritto all’Oblio1.3 Norme che abilitano la PA ad aprire i 4 Responsabilità civili, penali e dati amministrative1.4 Accesso e Trasparenza Il concetto 4.1Responsabilità civile attuale di trasparenza 4.2Diffamazione2 Limiti di pubblicazione 4.3Segreto amministrativo2.1Segreto industriale e diritto dautore 5 Licenze 6 Utilizzo economico dei dati2.2Sicurezza pubblica 6.1Recupero dei soli costi marginali2.3Segreto di stato 6.2Servizi ad hoc a pagamento2.4Limiti normativi specifici
  • 24. Check listStrumento per autovalutarsi, per riflettere, per deciderePrivacyProprietà intellettuale della sorgenteLicenza di rilascioLimiti alla pubblicazioneSegretezzaCondizioni economicheTemporalizzazione
  • 25. Questionario• Istruzioni per la compilazione• 1. CONTESTO• In quale area tematica lavori in prevalenza ?• 2. DATI LEGATI ALLE PERSONE FISICHE• A1 Lavori con dati legati alle informazioni personali degli individui?• A2 Lavori con dati legati alla salute, alla etnia, alla religione, alle convinzioni politiche delle persone?• A3 Lavori con dati geografici o ambientali?• A4 Lavori con dati legati ai procedimenti legali degli individui?• A5 Lavori con dati nei quali vengono in evidenza situazioni di disabilità o patologie sanitarie legate agli individui?• A6 Lavori con dati relativi alle utenze (gas, luce, telefonia, etc.) che possono essere collegati agli individui?• A7 Lavori con dati relativi al personale (es. presenze, stipendi, assenze per malattia, rilevazione permessi ex lege 104/92?, etc.)?• 3. DATI LEGATI ALLE PERSONE GIURIDICHE• B1 Lavori con dati legati alle informazioni delle persone giuridiche?• B2 Lavori con dati legati alle pratiche edilizie delle persone giuridiche?• B3 Lavori con dati legati alle pratiche di attività produttiva delle persone giuridiche?• B4 Lavori con dati legati agli appalti assegnati (es. contratti e/o gare)?• B5 Lavori con dati legati ai brevetti od opere protette dal diritto dautore di qualche impresa o individuo?• B6 Lavori con materiali che possono essere protetti da segreto industriale (es. mappe topografiche, soluzioni tecniche incluse nelle offerte, negli appalti, etc.)?• 4. DATI LEGATI ALLE RISORSE DELLA PA• C1 Lavori con dati contabili della PA (es. bilanci, spese,entrate)?• C2 Lavori con dati territoriali e cartografici (mappe catastali, rilievi, etc.) legati agli agglomerati urbani e non urbani ?• C3 Lavori con dati relativi ai costi degli organi di governance della tua PA (es. costi della giunta, spesa informatica annuale, etc.)?• C4 Tratti dati di beni in possesso della PA o di altre PA incluse le partecipate (beni materiali, immateriali, immobili, piscine, parchi, etc.)?• C5 Lavori con dati di beni NON di competenza della PA (ristoranti, cinema, discoteche, etc.)?• C6 Lavori con dati legati al patrimonio artistico e museale dello stato, provincia, comune?• C7 Lavori con dati legati ai tragitti dei mezzi di trasporto (fermate dellautobus, orari di treni, etc.) o in generale legali alla mobilità?• C8 Lavori con dati legati alle strutture di accoglienza e ai servizi sociali o ospedali del territorio?• C9 Lavori con dati legati al monitoraggio dellambiente (es. inquinamento) urbano e non urbano (es. industriale), allo smaltimento dei rifiuti urbani e non urbani?
  • 26. e successivamente• Gruppi tematici verticali• FAQ con le domande più frequenti• Seminari e corsi
  • 27. Schema di D.Lgs. Obblighi di Pubblicità, Trasparenza e Diffusione• http://www.foia.it/docs/foia- it_decreto_trasparenza_def_20130214.pdf (approvato in data 14 febbraio 2013)• http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/ docweb/-/docweb-display/docweb/2243168 (parere del Garante 7 febbraio 2013)
  • 28. GrazieMichele MartoniProfessore a contratto Informatica GiuridicaPh.D. in Informatica GiuridicaAvvocatomichele.martoni@unibo.it | www.unibo.it