• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Osteoporosi cause conseguenze e trattamenti
 

Osteoporosi cause conseguenze e trattamenti

on

  • 2,474 views

 

Statistics

Views

Total Views
2,474
Views on SlideShare
2,444
Embed Views
30

Actions

Likes
0
Downloads
21
Comments
0

1 Embed 30

http://www.dottnet.it 30

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • I dati provenienti dalla conferenza northern Sydney Hip Fracture mostrano che delle donne che risiedevano nella propria abitazione prima della frattura di femore il 22% necessita di un ricovero in una struttura assistenziale nei 12 mesi successivi alla frattura e solo il 24% erano in grado di camminare come prima della frattura. Altri studi dimostrano che il 20% dei pazienti decede entro i 12 mesi successivi alla frattura e i dati derivanti dalla tecnica dello studio sull‘impiego del tempo residuo che ottengono una stima sulla preferenza per lo stato di salute individuano il punto al quale i soggetti non mostrano alcuna preferenza tra una più lunga sopravvivenza ma una minore qualità di vita e una sopravvivenza ridotta ma in piena salute. Disegno: studio randomizzato sui protettori d‘anca esterni per donne anziane a rischio di frattura di femore. La popolazione di questa analisi è costituita da 194 donne di età  a 75 anni e/o donne arruolabili per lo studio sui protettori d‘anca ma che hanno rifiutato di partecipare allo studio. Tutte le donne risiedevano presso la propria abitazione. I criteri di inclusione erano: età 74 anni o superiore, due o più cadute oppure una caduta che comportava il ricovero ospedaliero nell‘ultimo anno, almeno una delle due anche senza pregressi interventi chirurgici.
  • In linea teorica La scelta del sito dove misurare la densità minerale ossea dovrebbe dipendere dall’età del soggetto. E’ noto che la diminuzione della densità ossea della colonna vertebrale (osso trabecolare) precede di circa 10 anni quella di altri distretti scheletrici, quali ad esempio il femore. Il riconoscimento di una osteoporosi vertebrale consente di identificare una categoria di soggetti a maggior rischio di frattura di femore, e quindi di mettere in atto tempestivamente gli adeguati interventi preventivi. Inoltre, va ricordato come nei soggetti ultrasessantenni aumenti la possibilità della presenza di osteofitosi vertebrale, con il conseguente errore di sovrastima della densità minerale ossea. In considerazione di ciò, può essere indicata, come sede preferenziale la colonna vertebrale fino ai 60-65 anni, mentre successivamente viene suggerito di valutare il collo del femore o, ove indicato, entrambe le sedi. Riguardo alla scansione eseguita all’avambraccio, essa conserva la propria validità, in quanto è stato dimostrato come il rischio di frattura sia correlato alla massa ossea misurata anche in questa sede. E’ necessario che l’esame venga eseguito correttamente, in questo caso, in virtù della buona precisione, è possibile utilizzare la densitometria radiale anche nel monitoraggio del paziente. Per quanto riguarda l’esecuzione della scansione del corpo intero (total body), essa è indicata solo nel caso che non siano eseguibili o valutabili le scansioni vertebrale e femorale, oppure quando si voglia valutare la massa ossea in soggetti in accrescimento

Osteoporosi cause conseguenze e trattamenti Osteoporosi cause conseguenze e trattamenti Presentation Transcript

  • OSTEOPOROSI FRATTURA FRAGILITA’ SCHELETRICA DEFICIT QUANTITATIVO DI MASSA OSSEA ALTERAZIONE DELLA ARCHITETTURA OSSEA L’osteoporosi è un disordine scheletrico caratterizzato da compromessa resistenza ossea che predispone l’individuo ad un aumentato rischio di frattura. La resistenza ossea riflette principalmente l’integrazione di densità ossea e qualità ossea.
  • Osso normale Osteoporosi
  • Osteoporosi primaria (involutiva): Post-menopausale Senile Idiopatica del giovane adulto Osteoporosi secondaria: A malattie (artrite reumatoide, malattie endocrine etc.) A farmaci (cortisone, eparina etc) Ad immobilità
  • Cause di osteoporosi secondaria
    • Endocrine:
    • Iperparatiroidismo
    • Ipertiroidismo
    • Sindrome di Cushing
    • Ipopituitarismo
    • Neoplastiche
    • Mieloma multiplo
    • Mastocitosi
    • Congenite
    • Osteogenesi imperfetta
    • Omocistinuria
    • Malattia di Gaucher
    • Da farmaci
    • Corticosteroidi
    • Eparina
    • Anticonvulsivanti
    • Ormoni tiroidei
    • Da immobilità
    • Allettamento prolungato
    • Fratture
    • Paralisi
    • Miscellanea
    • Artrite reumatoide
    • Cirrosi epatica
    • Insufficienza renale
    • Malassorbimento
    • Anoressia nervosa
  • LA BMU: Fasi Cellulari del Processo di Rimodellamento Osteoclasti attivi apoptosi Active osteoclast Neoformazione (3 mesi) Riassorbimento (2 settimane) Fase quiescente Lining cell (osteoblasti inattivi) “ Reversal Phase”” Osteoblasti attivi
  • Bilancio osseo osteoclasta osteoblasti
  • 0 10 20 30 40 50 60 MASSA OSSEA (g/cm2) ETA’(anni) 1000- 500 - 0 - Picco di massa ossea DETERMINANTI DEL PICCO DI MASSA OSSEA GENETICA NUTRIZIONE CALCIO VIT D PROTEINE ATTIVITA’ FISICA ASSETTO ORMONALE ETA’ PUBERTA’ ORMONE CRESCITA AMENORREA
  • Osteoporosi postmenopausale Osteoporosi senile Ruolo della vitamina D Ruolo degli estrogeni
  • Ruolo del calcio Adeguato apporto di calcio: Essenziale per il raggiungimento di un adeguato picco di massa ossea Supplementazione calcica Riduce la perdita ossea, aumenta BMD e riduce l’incidenza di fratture nell’anziano Fabbisogno calcico giornaliero medio : 0 -6 mesi 400 mg/die 6 - 12 mesi 600 mg/die 1 - 10 anni 800-1200 mg/die 11 -24 anni 1200- 1500 mg/die uomini 25 - 65 anni 1000 mg/die donne 25 - 50 anni 1000 mg/die donne gravide 1500 mg/die postmenopausa 1200 - 1500 mg/die uomini > 65 anni 1500 mg/die
    • La riduzione della massa ossea è ASINTOMATICA pertanto il quadro clinico dell’osteoporosi dipende:
    • dalla sua EZIOPATOGENESI
    • (osteoporosi primitive o secondarie)
    • dalla sua complicanza ( FRATTURA)
    • dalle SEQUELE CLINICHE della frattura
    • Forti fattori di rischio per osteoporosi
    • Forte familiarità positiva Storia materna di fratture (femore)
    • Menopausa precoce < 45 anni (naturale o chirurgica)
    • Amenorrea secondaria > 6 mesi
    • Basso BMI < 19 Kg/m 2
    • Terapia prolungata con:
    • Glucocorticoidi > 5 mg/die di prednisone > 3 mesi
    • Ormoni tiroidei Dosaggi soppressivi
    • Immobilizzazione prolungata > 6 mesi
    • Malattie endocrine Iperparatiroidismo, Ipogonadismo,
    • Ipertiroidismo, Sindrome di Cushing
    • Malattie gastrointestinali Malassorbimento, epatopatie croniche
    • Anoressia nervosa
    • Trapianti d’organo
  • Tipo di frattura Colles Vertebrale Femorale Eta’ (anni) > 55 > 65 > 75 Femmine:Maschi 4 : 1 3 : 1 2 : 1 Tipo di tessuto osseo Trabecolare Trabecolare Corticale
    • Sequele cliniche
    • Dolore
    • Modificazioni dell’aspetto fisico
    • Disabilità
    • Perdita dell’indipendenza
    • Aumento della morbidità e della mortalità
  • SCHELETRICI FATTORI DI RISCHIO FRATTURATIVO EXTRASCHELETRICI Massa ossea Geometria schel. Micro-architettura Turnover Struttura collagene Genetica Precedenti fx Peso/cambio di peso Attivita’ fisica Cadute defict funzione: -neuromusc. -cognitiva -visiva Farmaci Dinamica caduta
  • Rischio di frattura 50 60 70 80 90 anni Bone quality Falls EFFETTO CUMULATIVO DI FATTORI DI RISCHIO INDIPENDENTI SCHELETRICI ED EXTRASCHELETRICI PER FRATTURA OSTEOPOROTICA Perdita di massa ossea Turnover Frattura Qualità collagene Assetto genetico Cadute
    • Le fratture osteoporotiche più comuni sono quelle vertebrali.
    • Il 30-50% circa delle donne ed il 20-30% circa degli uomini andrà incontro nell’arco della vita a questo tipo di frattura e la metà di loro avrà fratture vertebrali multiple.
    • Solo 1/3 delle fratture vertebrali sono clinicamente sintomatiche e, di queste, un quarto circa richiede l’ospedalizzazione.
    • Sono generalmente localizzate a livello medio-toracico e lombare alto (le due regioni della colonna vertebrale più compromesse dal punto di vista biomeccanico)
    • Meno spesso si rilevano a livello toracico e lombare basso
    • Le vertebre cervicali e quelle dorsali alte sono raramente o mai coinvolte
    • Dal punto di vista morfologico possono essere:
    •  fratture biconcave (le altezze vertebrali anteriore e posteriore sono integre con compressione centrale), tipiche in sede lombare;
    •  fratture a cuneo (l’altezza posteriore è relativamente conservata con collasso anteriore), più frequenti nella regione medio-toracica;
    •  fratture dell’intero corpo vertebrale
    • La frattura a cuneo è la più frequente (51%), seguita rispettivamente da quella biconcava (17%) e da quella dell’intero corpo vertebrale (13%)
  • Osteoporosi: cifosi da deformazioni a cuneo delle vertebre toraciche
  • Osteoporosi iatrogenica da corticosteroidi: fratture da compressione dei somi vertebrali lombari
    • Clinica delle fratture vertebrali
    • Dolore acuto
    • Intenso e invalidante (da 2 a 6 settimane)
    • Talvolta preceduto da un episodio traumatico di modesta entità
    • Irradiato anteriormente, esacerbato dai movimenti del tronco o dallo starnuto, recede con il riposo
    • Peggiora con la stazione eretta
    • Raramente si irradia agli arti inferiori
    • Possono essere presenti sintomi di accompagnamento come nausea, dolore addominale e toracico
    • Clinica delle fratture vertebrali
    • Conseguenze a lungo termine
    • Rachialgia cronica, associata a fratture multiple, cifosi dorsale, riduzione della statura
    • Riduzione dei volumi polmonari
    • Protrusione addominale (sensazione precoce di sazietà, eruttazioni, stipsi)
    • Modificazioni posturali che, interferendo con il mantenimento della stazione eretta e dell’equilibrio, aumentano il rischio di caduta
    • Aumento del rischio di nuove fratture (le fratture vertebrali prevalenti sono associate a un rischio aumentato di circa cinque volte di sviluppare nuove fratture vertebrali e, dopo la prima frattura, un paziente su cinque si rifrattura entro un anno)
    • Ulteriore riduzione della densità minerale ossea in rapporto all’inattività fisica
    • Aumento, per le fratture vertebrali clinicamente sintomatiche, della mortalità a 5 anni rispetto a quella attesa, in entrambi i sessi
    • Significativa compromissione della qualità della vita
    • Perdita dell’autonomia
  • Le conseguenze della frattura di femore
    • Entro 12 mesi dopo una frattura di femore
    • 24% recupera una piena autonomia 2
    • 20% dei pazienti muore 1
    • 22% dei pazienti viene ammesso in una struttura assistenziale 2
    1 Cooper C et al., Am J Epidemiol 1993; 137:1001-1005 2 March L et al., Report of Northern Sydney Area Health Service 1996
  • PRINCIPALI FATTORI CHE CONTRIBUISCONO AL RISCHIO DI CADUTA NELL’ANZIANO
    • Riduzione dell’acuità visiva
    • Modificazioni vestibolari
    • Deterioramento cognitivo
    • Scarsa coordinazione motoria
    • Instabilità posturale
    • Ridotta forza muscolare
    • Diminuita elasticità dei movimenti
    • Ipotensione posturale
    • Riduzione della prontezza dei riflessi
    • Calzature inappropriate
    • Mancanza di ausilio nel corso della deambulazione
    • Pericoli ambientali (ostacoli, pavimenti scivolosi)
    • Presenza di animali domestici
    • Clinica delle fratture femorali
    • La frattura del femore è quasi sempre sintomatica e richiede l’ospedalizzazione
    • Quando la frattura è scomposta, all’evento traumatico fa seguito la comparsa del dolore e dell’impotenza funzionale, con incapacità di mantenere la stazione eretta e di deambulare
    • In seguito a trauma lieve, la frattura può risultare composta o ingranata ed il paziente riesce a camminare, lamentando solo un modesto dolore alla coscia e all’inguine
    • L’esame clinico del paziente può essere completamente negativo soprattutto se la frattura risulta composta secondarie
    • Clinica delle fratture femorali
    • Nei casi più eclatanti, quando la frattura è scomposta, l’arto si presenta accorciato ed extraruotato, può rilevarsi ecchimosi dei tessuti molli e la mobilizzazione passiva dell’anca risulta dolorosa
    • La radiografia tradizionale consente, nella maggior parte dei casi, di accertare la presenza della frattura; nei casi dubbi la scintigrafia scheletrica e la risonanza magnetica rappresentano le metodiche di valutazione più opportune
    • La frattura di femore è la più grave complicanza dell’osteoporosi per l’elevata morbidità e mortalità
    • L’incidenza aumenta esponenzialmente con l’età in entrambi i sessi
    • L’eccesso di mortalità è particolarmente marcato fra i pazienti di sesso maschile di età superiore ai 75 anni, in rapporto alla più frequente coesistenza di altre malattie, alla demenza e alla maggiore incidenza di osteoporosi secondarie
    • Frattura di Colles
    • Si osserva tipicamente nel sesso femminile (rapporto femmine: maschi 4:1);
    • la sua incidenza aumenta linearmente a partire dalla menopausa, raggiungendo il picco nella settima decade di vita;
    • pressochè sempre conseguente ad una caduta a terra a braccia tese;
    • una percentuale inferiore al 20% richiede l’ospedalizzazione
    • La sintomatologia clinica è quasi sempre presente, con dolore, tumefazione locale e impotenza funzionale;
    • in una notevole percentuale di pazienti residua una sindrome algodistrofica complessa caratterizzata da dolore persistente, impotenza funzionale, neuropatie periferiche ed artrosi post-traumatica;
    • è stata riportata una significativa compromissione delle attività della vita quotidiana (cucinare, fare la spesa, salire e scendere dall’automobile, fare le scale)
  • Densitometria ossea: Tecniche utilizzabili
    • La misurazione in un sito dello scheletro è un valido indice predittivo del rischio di frattura in tutte le sedi
    • Fino ai 65 anni consigliata la DEXA a livello lombare, dopo tale età preferibile la misurazione a livello appendicolare
    Ossa appendicolari: SXA (densitometria a raggiX, singolo raggio) DEXA (densitometria a raggiX, doppio raggio) QUS (ultrasuoni) Colonna e scheletro in toto DEXA QCT (densitometria mediante TC)
    • Applicazioni cliniche della DEXA
    • stabilire la diagnosi di osteopenia (riduzione della BMD)
    • predire il rischio di frattura da fragilità
    • monitorare le modificazioni scheletriche nel tempo
  • Determinazione della massa ossea
    • BMD: Bone mineral density (g/cm 2 )
    • Sedi : collo del femore, polso, rachide lombare
    Dual Energy X-ray Absorptiometry DEXA
  • Categoria diagnostica T-Score Rischio di frattura (RR) Normale > -1 Basso Osteopenia da -1 a -2,5 Medio (2 - 5) Osteoporosi < -2,5 Alto (>5) Osteoporosi < -2,5 Molto alto (>10) conclamata (presenza di frattura osteoporotica) Criteri OMS per la diagnosi di osteoporosi
    • valore assoluto
    • percentuale (vs pari età o adulto giovane)
    • Z-score o T-score
    • percentili
    • Z-SCORE
    • misura in DS della differenza tra il paziente
    • e i controlli normali di stessa età e sesso
    • T-SCORE
    • misura in DS della differenza tra il paziente
    • e i controlli normali giovani dello stesso sesso
    Modalità di espressione della densità ossea
  • Bone density interpretation
  • Principali farmaci utilizzati nel trattamento dell’osteoporosi - supplementazione calcica - derivati della vitamina D - calcitonina - terapia ormonale sostitutiva - SERMs - bisfosfonati - nuove terapie (PTH intermittente)