Your SlideShare is downloading. ×
Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete
Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete
Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete
Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete
Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete
Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Il monitoraggio aifa per i farmaci per il trattamento del diabete

972

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
972
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. G It Diabetol Metab 2011;31:76-81Lavoro originaleIl monitoraggio AIFA dei nuovifarmaci per il trattamentodel diabeteRIASSUNTOGli incretino-mimetici (exenatide) e gli inibitori della dipeptidil-peptidasi-4 (DDP-IV) (sitagliptin e vildagliptin) sono nuovi farma- S. Moscatiello, L. Montesi, G. Forlani,ci, attualmente disponibili in Italia, sviluppati per il controllo della G. Marchesiniglicemia in pazienti con diabete di tipo 2. Nel febbraio 2008,AIFA ha attivato un sistema di monitoraggio per valutare i reali SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica,vantaggi in termini di efficacia e di sicurezza di questi farmaci Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bolognaaltamente innovativi; questa fase si è chiusa nell’agosto 2010, S. Orsola-Malpighicon la registrazione di oltre 90.000 piani terapeutici. L’analisi deidati ha sostanzialmente confermato quanto emerso dagli studi Corrispondenza: prof. Giulio Marchesini,preregistrativi. Tutti i farmaci migliorano il compenso metabolico SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica,di circa 1 punto di HbA1c; exenatide produce un significativo calo Azienda Ospedaliera di Bologna, via Massarenti 9,ponderale, mentre gli inibitori DPP-IV risultano sostanzialmente 40138 Bolognaneutri sul peso. Sono state inviate alla Farmacovigilanza molte e-mail: giulio.marchesini@unibo.itsegnalazioni di sospette reazioni avverse (ADR), in questo facili-tate dal sistema informatico, particolarmente con exenatide, G It Diabetol Metab 2011;31:76-81dove si sono concentrate anche le ADR più gravi. Per tutti i far- Pervenuto in Redazione il 02-03-2011maci, l’ipoglicemia è risultata un evento molto raro, osservato Accettato per la pubblicazione il 03-03-2011soprattutto in terapia di associazione con sulfoniluree. Datoanche l’alto costo saranno necessari ulteriori approfondimenti Parole chiave: analoghi del GLP-1, inibitori della DPP-4,per meglio definire il fenotipo del paziente che con maggior van- diabete di tipo 2, eventi avversitaggio può usufruire di questi farmaci e i possibili effetti di que-ste molecole sui fattori di rischio cardiovascolare e sulle compli- Key words: GLP-1 analogues, DPP-4 inhibitors,canze micro- e macroangiopatiche. Interessante sarà conferma- type 2 diabetes, adverse drug reactionsre in vivo le capacità rigenerative e proliferative di queste mole-cole sulla beta-cellula.SUMMARYThe AIFA monitoring system of new drugs for diabetes treatmentThe incretin mimetic (exenatide) and dipeptidyl peptidase-4(DDP-IV) inhibitors (sitagliptin and vildagliptin) are new drugs,developed for the control of blood glucose in patients with type2 diabetes. In February 2008, the Italian Drug Agency (AIFA)established a monitoring system to assess the real benefits interms of efficacy and safety of these highly innovative drugs; themonitoring phase ended in August 2010 when 90,000 treatmentplans had been registered. Data analysis has largely confirmedthe results of registration studies. All drugs improve metabolic
  • 2. Il monitoraggio AIFA dei nuovi farmaci per il trattamento del diabete 77control, leading to a HbA1c reduction in the order of 1%; exena- periodo compreso tra febbraio 2008 e agosto 2010, riporta-tide produces a significant weight loss, while the DPP-IV inhibi- ti nel volume pubblicato da AIFA e disponibili sul sitotors are essentially weight neutral. Over one thousand reports of https://antidiabetici.agenziafarmaco.it/, a disposizione di tuttisuspected adverse drug reactions (ADR) were registered to gli utenti del sistema.pharmacovigilance authorities, facilitated by the computerizedsystem. In general, ADRs were more common and severe withthe use of exenatide, but the results were fairly in keeping withregistration studies. For all drugs, hypoglycemia was a very rare Materiale e metodievent, observed mainly in combination therapy with sulfonylu-reas. Given the high cost of these new drugs, there is an urgent Il campioneneed to define the phenotype of the patients who will benefitmost from these therapy; the analysis of treatment interruption Il registro dei farmaci antidiabetici sottoposti a monitoraggiofor failure, non-compliance and ADR is providing important clues è stato attivato il 12 febbraio 2008 con i principi attivi exena-to this issue. Future studies are also needed to confirm the anti- tide (Byetta®) e sitagliptin (Januvia/Xelevia®). Vildagliptin èapoptotic and neo-regenerative in vivo capacity of these mole- stato inserito nel registro in data 21 aprile 2008 (Galvus®).cules on beta-cell, as well as the possible effects on cardiova- Dal 22 agosto è stata attivata anche la scheda di sitagliptinscular risk factors and micro-and macrovascular complications. (Tesavel®). Dal 13 gennaio 2009 è stato inserito il farmaco in associazione vildagliptin + metformina cloridrato (Eucreas®) e dal 27 febbraio 2009 sono stati inseriti anche i farmaci inIntroduzione associazione sitagliptin + metformina (Velmetia®, Janumet®, Efficib®). Il monitoraggio si è concluso l’11 agosto 2010.I nuovi farmaci per la terapia del diabete di tipo 2 (DM2),incretino-mimetici e inibitori della dipeptidil-peptidasi-4 Tipo di analisi(DPP-IV), agiscono attraverso un meccanismo totalmenteinnovativo, o mimando la secrezione di glucagon-like pepti- L’analisi descrittiva iniziale è stata condotta sul totale deide 1 (GLP-1) o inibendo la degradazione del GLP-1 endoge- piani terapeutici (PT) per singola specialità, depurando quin-no, prodotto in modo insufficiente nel DM21-3. L’aumento dei di la banca dati dalle registrazioni che non hanno portatolivelli circolanti di GLP-1 o analogo, realizzato dal trattamen- all’emissione di un PT. Le analisi successive sono state con-to farmacologico, aumenta la secrezione di insulina delle dotte aggregando i dati per principio attivo (indipendente-beta-cellule pancreatiche in risposta al glucosio, inibisce la mente dall’associazione precostituita con metformina) e ana-secrezione di glucagone, rallenta lo svuotamento gastrico e lizzando il dato per singolo paziente, indipendentemente dall’afflusso di carboidrati in circolo nella fase postprandiale4-6. nome commerciale. Sull’intero insieme dei PT sono stati poiAttraverso questi meccanismi, nella fase registrativa, questi riportati i dati derivati dalle schede di sospette reazioni avver-farmaci hanno dimostrato di favorire il compenso metabolico se, anche in questo caso per principio attivo.in soggetti con DM2 in fallimento con altri antidiabetici orali È poi stata condotta un’analisi sui PT riferiti ai centri che(variamente combinati a seconda del farmaco) sull’end-point hanno avuto un follow-up ≥ 80% per almeno uno dei tre prin-dell’emoglobina glicata (HbA1c). Inoltre, è stato segnalato un cipi attivi. Questi centri forniscono infatti una visione più rea-effetto favorevole o almeno neutro sul peso corporeo e la listica delle cause di interruzione di trattamento, degli effettimancanza di necessità di aggiustamenti posologici con rela- metabolici e sul peso, dell’incidenza di sospette reazionitiva riduzione del rischio di ipoglicemia rispetto a quanto avverse (ADR) e degli episodi di ipoglicemia relativi all’uso deidocumentato con le sulfoniluree. Questi farmaci però, pur vari farmaci. I valori al basale fanno riferimento alla primaessendo innovativi dal punto di vista del meccanismo valutazione del paziente al momento della compilazione deld’azione, non hanno prodotto negli studi registrativi prove di PT per lo specifico principio attivo: gli effetti sui parametri cli-efficacia superiore rispetto alle alternative già disponibili e nici e metabolici si riferiscono all’ultimo follow-up disponibileconsolidate nella terapia del DM2 e sono pertanto stati con- per il paziente, per lo stesso principio attivo. Su questo insie-siderati dalla Commissione Tecnico Scientifica dell’Agenzia me di PT sono state infine condotte analisi multivariate perItaliana del Farmaco (AIFA) come “innovazioni terapeutiche valutare il rischio di interruzione di trattamento (totale e distin-potenziali”. Come previsto per questa tipologia di trattamen- to per varie cause) e di ipoglicemia.ti, i farmaci exenatide, sitagliptin, vildagliptin e le loro associa-zioni, sono stati sottoposti a un monitoraggio intensivo. Dati di sintesiScopo primario del monitoraggio, durato 30 mesi, è statoquello di verificare l’appropriatezza d’uso e la sicurezza di Il numero di pazienti registrati all’11 agosto 2010 è risultatoquesti farmaci, metterne in luce eventuali aspetti critici e, essere di 82.365 unità, ma solo in 81.475 la registrazione èdato l’attuale costo elevato, trovarne giustificazione in un stata seguita dall’emissione di PT. A partire dal momentoreale vantaggio clinico per il paziente. dell’attivazione del monitoraggio, la registrazione dei pazien-L’obiettivo di questo lavoro è riassumere i molti dati ricavati ti è proceduta in modo spedito con un rapido incremento deidal monitoraggio intensivo riferibili a tutti i pazienti avviati alla PT inizialmente al ritmo di circa 100 PT al giorno per salire aterapia con incretino-mimetici e con inibitori della DPP-4 nel valori di circa 200 PT giornalieri. Il numero di centri registrati
  • 3. 78 S. Moscatiello et al.in Italia è stato di 1682, comprendenti 1022 centri ospeda- Registrazione delle sospette reazioni avverselieri e 660 centri convenzionati o territoriali. Il numero di PTprodotti in rapporto alla popolazione adulta residente ha pre- La registrazione di ADR, così come i dati di follow-up, è statasentato un’ampia variabilità, con la Valle d’Aosta che ha incompleta. Delle 1116 ADR registrate il 93,10% era segna-avuto il più basso rapporto, con un fattore prossimo a lato come “non grave” e, infatti, la sospensione del farmaco8,23/10.000 abitanti di età maggiore di 18 anni e la Calabria, conduceva al miglioramento o alla totale remissione dellaove è stato massimo l’arruolamento. Queste differenze sono reazione (circa l’80% dei casi segnalati). Solo il 9% dei casisolo in parte spiegabili con la diversa prevalenza del diabete non si è concluso con alcun miglioramento della ADR. Leo con una diversa età media della popolazione residente, ADR di exenatide, sia gravi sia non gravi (633 segnalazioni)riflettono verosimilmente il differente impatto della novità si sono concentrate nell’ambito di manifestazioni gastrointe-terapeutica nelle varie strutture. La prevalenza media nazio- stinali o di reazioni nella sede di iniezione. Il numero maggio-nale di emissione di PT è stata di 16,5/10.000 abitanti. re di ADR a carico dell’apparato gastrointestinale ha riguar- dato l’uso di exenatide 5 g bid, da riferire pertanto al primo mese di somministrazione, confermando che l’incidenzaCaratteristiche dei pazienti registrati degli effetti collaterali non sembra essere dose-dipendente8.I pazienti di sesso maschile hanno rappresentato il 51,8% Tra le ADR gravi da exenatide spiccano alcuni episodi di pan-del totale del campione, dato in linea con il riscontro di una creatite acuta, condizioni di vomito incoercibile, quadri dimaggiore prevalenza del diabete nella popolazione maschile insufficienza renale (che hanno richiesto temporaneamentecome documentato dall’Osservatorio ARNO-Diabete7 men- la dialisi in un solo caso), un episodio di reazione anafilatticatre l’età media si è attestata sui 61 anni, sostanzialmente al e fenomeni allergici generalizzati e localizzati in sede di inie-di sotto della media della popolazione con DM2 afferente ai zione. Sono riportati in letteratura rari casi di pancreatitecentri diabetologici italiani e mette quindi in luce una selezio- acuta in soggetti in trattamento con exenatide9, ma la preva-ne operata nei centri prescrittori. Per tutti i principi attivi è lenza di questi eventi è bassa e secondo alcuni sovrapponi-stato segnalato un valore di BMI di circa due punti superiore bile a quella che si registra nel DM2 per sé, sia in presenzanelle femmine rispetto ai maschi, senza differenze nel grado sia in assenza di classici fattori di rischio per pancreatite.di controllo metabolico. Tra i tre principi attivi è risaltata inve- Il numero di ADR per gli inibitori della DPP-IV è molto più limi-ce una differenza di oltre 5 punti di BMI tra i soggetti trattati tato (307 e 176 segnalazioni, rispettivamente per sitagliptin econ exenatide (scelta prevalentemente nella popolazione vildagliptin). Anche in corso di trattamento con sitagliptin sifemminile dove maggiore è la prevalenza di obesità) e quel- rileva una pancreatite acuta e un episodio di shock anafilat-li trattati con i due inibitori delle DPP-IV. L’analisi dettagliata tico, mentre per vildagliptin sono stati segnalati due episodidei percentili della popolazione arruolata ha messo in rilievo di pancreatite acuta e un quadro di dermatite. Dato il nume-come circa 8000 PT siano stati aperti a soggetti con obesi- ro decisamente limitato di ADR, gli inibitori della DDP-IV sità morbigena (BMI > 40 kg/m2), il 5% dell’intera popolazione sono dimostrati quindi farmaci sicuri e ben tollerati nella nor- male pratica clinica.per sitagliptin e vildagliptin, ma ben il 25% dei casi trattaticon exenatide. Relativamente al compenso glicemico, i valo-ri di HbA1c erano superiori di circa 0,5 punti nella popolazio- Analisi degli effetti terapeuticine trattata con exenatide (HbA1c media, 8,8%) rispetto aquella con sitagliptin e vildagliptin (HbA1c media, rispettiva- Come accennato, l’incompletezza delle schede di follow-upmente 8,3% e 8,2%) e circa 5000 PT sono stati aperti a sog- è stata uno dei punti deboli del sistema. L’adesione ai con-getti con HbA1c > 10,5%, (10-12% per exenatide, 5% per i trolli periodici è stata maggiore per exenatide, dove il 54,5%DPP-IV inibitori). dei pazienti arruolati ha raggiunto il follow-up a 24 mesi, seguita da sitagliptin (53,3%) e vildagliptin (48,1%) con una variabilità regionale simile tra i vari principi attivi. Ovviamente anche l’analisi degli effetti terapeutici di questi farmaci, basa-Risultati ta sull’elaborazione condotta nella sottopopolazione dei cen- tri con follow-up maggiore dell’80%, risente di questo limiteCause di interruzione del trattamento del sistema, anche se i dati di questo sottoinsieme non dif- feriscono dalla popolazione generale, dando quindi forza aiIl numero totale di pazienti che hanno interrotto il trattamen- risultati ottenuti. Confrontando i dati all’ultimo follow-up conto per i 3 principi attivi è stato di 10.250, maggiore con exe- quelli al basale l’efficacia in termini di miglioramento del com-natide. A eccezione dell’interruzione per fallimento terapeuti- penso glicemico dei vari principi attivi si è confermata in lineaco, exenatide ha avuto una percentuale più alta di interruzio- con gli studi preregistrativi. Nello specifico l’exenatide hani sia per non compliance alla terapia sia per sospette rea- confermato una riduzione dell’HbA1c pari a 0,8-1,2%10-12zioni avverse (ADR). La non compliance trova spiegazione (∆ HbA1c medio, –0,93%) lievemente superiore rispetto anella modalità di somministrazione (via iniettiva di exenatide sitagliptin (∆ HbA1c medio, –0,84%) e vildagliptin (∆ HbA1cvs via orale per gli inibitori della DDP-IV), mentre la percen- medio, –0,85%) pressoché sovrapponibili in termini di effica-tuale di interruzione per ADR è stata del 16% per exenatide cia13-18. La diminuzione dell’HbA1c si è verificata già nei primivs 9% per sitagliptin e vildagliptin. quattro mesi di terapia tendendo poi a rimanere stabile nel
  • 4. Il monitoraggio AIFA dei nuovi farmaci per il trattamento del diabete 79tempo. La lieve superiorità dell’exenatide in termini di riduzio- indicati come “non gravi” e non causa di interruzione del trat-ne dell’HbA1c è riscontrabile soprattutto nel primo follow-up, tamento, ma sarebbe da attribuire a un effetto centrale deglimentre successivamente i valori di HbA1c in funzione dei vari incretino-mimetici con riduzione dell’appetito e aumento deltrattamenti tendono ad allinearsi, provando che l’efficacia di senso di sazietà20.questi principi attivi è sostanzialmente sovrapponibile nelmedio-lungo termine. I dati del monitoraggio confermano Analisi delle cause di fine trattamentoinoltre la potenzialità di exenatide nel produrre un calo pon-derale medio di circa il 4% del peso iniziale, decisamente Un’analisi di regressione logistica multivariata è stata con-maggiore rispetto alle gliptine, per le quali si conferma un dotta sulle cause di fine trattamento per principio attivo pereffetto pressoché neutro sul peso8. Peraltro, anche in corso chiarire i fattori associati a questo evento. Gli outcome con-di terapia con exenatide, il peso tende progressivamente a siderati nella regressione logistica sono stati l’interruzione darisalire a partire dal follow-up a 18 mesi, pur non tornando ai ogni causa e, separatamente, l’interruzione per fallimentovalori basali. Questo dato è in contrasto con il follow-up “in terapeutico, per non compliance, per comparsa di ADR eaperto” di pazienti trattati con exenatide arruolati nei trial infine per passaggio a nuova terapia. Le variabili indipenden-registrativi, ove è stato dimostrato – con le limitazioni di studi ti testate sono state il sesso e l’età dei pazienti, la durata dinon controllati – un calo ponderale persistente e continuo malattia e di terapia, l’associazione con altri ipoglicemizzantifino al terzo anno di follow-up con una perdita di peso com- orali, il grado di compenso metabolico (HbA1c e glicemia aplessiva di circa 5 kg19. Il calo ponderale associato al tratta- digiuno) e il valore del body mass index (BMI).mento con incretino-mimetici non sembra correlato agli Per tutti i farmaci, si osserva un ridotto rischio di interruzioneeffetti indesiderati gastrointestinali (nausea e vomito), spesso nel sesso maschile, un rischio accentuato con la durata di Tabella 1 Fattori di rischio di interruzione di trattamento da ogni causa nella popolazione con diabete di tipo 2 trattata con exenatide e inibitori della DPP-IV.* Exenatide Sitagliptin Vildagliptin Causa OR IC al 95% OR IC al 95% OR IC al 95% Sesso: comparatore, femmine maschi 0,77 0,69-0,85 0,75 0,68-0,93 0,83 0,72-0,95 Età: comparatore, < 55 anni 55-60 anni 1,09 0,95-1,24 0,97 0,85-1,12 0,72 0,58-0,89 61-65 anni 1,13 0,97-1,31 0,81 0,69-0,94 0,75 0,60-0,94 > 65 anni 1,47 1,25-1,64 0,81 0,71-0,92 0,73 0,61-0,88 Durata malattia: comparatore, < 10 anni 11-20 anni 1,14 1,02-1,28 1,13 1,00-1,27 1,13 0,95-1,35 > 20 anni 1,51 1,24-1,84 1,52 1,26-1,83 1,49 1,102,01 Durata terapia: comparatore, < 12 mesi 13-24 mesi 0,16 0,14-0,18 0,22 0,19-0,25 0,21 0,17-0,26 > 24 mesi 0,02 0,01-0,03 0,03 0,02-0,06 0,02 0,00-0,06 Associazioni: comparatore, no associazione metformina 0,83 0,69-1,00 0,94 0,75-1,17 0,28 0,23-0,34 sulfoniluree 1,44 1,29-1,60 0,45 0,40-0,51 – – glitazoni – – 1,66 1,23-2,25 0,47 0,32-0,69 Parametri clinici Hb glicata (%) 1,05 1,00-1,09 1,08 1,03-1,13 1,07 0,99-1,15 2 BMI (kg/m ) 0,95 0,94-0,96 0,99 0,99-1,00 0,99 0,99-1,00*In corsivo le associazioni significative.Fonte: rapporto farmaci incretino-mimetici e DPP-4 inibitori (periodo febbraio 2008-agosto 2010) disponibile sul sito http://antidiabetici.agenziafarmaco.it/
  • 5. 80 S. Moscatiello et al.malattia e ridotto con il tempo in trattamento con questa modo più accurato le caratteristiche fenotipiche dei pazienticlasse di farmaci (Tab. 1). Infine il rischio è particolarmente cui maggiormente indirizzarne l’uso. La difficoltà nella sele-ridotto con l’aumentare dell’indice di massa corporea ed è, zione del paziente cui prescrivere questi farmaci è emersacome atteso, aumentato col grado di scompenso metaboli- chiaramente nel monitoraggio AIFA, nel quale le indicazionico (non riportato in dettaglio). terapeutiche sono state globalmente rispettate, ma il gradoEsistono peraltro differenze sugli outcome secondari. Per di scompenso metabolico e i dati antropometrici dei pazien-exenatide, l’associazione con le sulfoniluree aumenta il ti all’ingresso sono risultati estremamente variabili.rischio di interruzione per fallimento terapeutico (odds ratio Le attese maggiori nei confronti di questa classe di farmaci(OR), 1,70; intervallo di confidenza (IC) al 95%, 1,56-1,97) e riguardano gli effetti rigenerativi e antiapoptotici sulla beta-cel-per ADR (OR, 1,56; IC al 95%, 1,23-1,98), mentre un eleva- lula. Sono in corso trial clinici atti a verificare la capacità di que-to BMI riduce tutti i rischi (fallimento: 0,94; 0,93-0,95; non ste molecole di garantire un controllo glicemico duraturo nelcompliance: 0,97; 0,95-0,98; ADR: 0,95; 0,93-0,96). tempo. Studi preclinici hanno infatti dimostrato che il GLP-1L’aumentato rischio di interruzione per ADR con sulfoniluree può inibire l’apoptosi22 e attivare la rigenerazione beta-cellulla-può essere riferito al rischio incombente di ipoglicemia. re con conseguente aumento della massa cellulare23-25. Non viAl contrario, l’uso di sitagliptin in associazione alle sulfonilu- sono al momento chiare dimostrazioni che un simile effetto siaree riduce il rischio di fallimento (OR, 0,56; IC al 95%, 0,48- presente in vivo nell’uomo dopo somministrazione di incretino-0,65), di non compliance (0,35; 0,26-0,48) e di ADR (0,39; mimetici o inibitori della DPP-VI, ma le attese sono grandi.0,27-0,55), e il fallimento viene particolarmente abbattuto Questi farmaci potrebbero così giocare un ruolo fondamenta-con l’aumentare dell’età. Ugualmente il rischio di interruzio- le in termini di prevenzione e progressione della malattia dia-ne per fallimento viene ridotto in modo significativo in rappor- betica e ottenere una nuova indicazione per il trattamento delleto all’avanzare dell’età con vildagliptin, così come è ridotto forme di prediabete: studi ad hoc in popolazioni con prediabe-dall’associazione con metformina (OR, 0,24; IC al 95%, te sono peraltro in corso. Oltre alla riduzione dell’iperglicemia0,18-0,31) e glitazoni (0,48; 0,28-0,83), come peraltro osser- con basso rischio ipoglicemico e il discreto calo ponderale,vato in altri studi21. sarà inoltre fondamentale approfondire l’azione di questi far- maci sugli altri principali fattori di rischio cardiovascolare. I sog- getti con diabete presentano un tasso di ospedalizzazioneIpoglicemie del follow-up molto più elevato rispetto alla popolazione senza diabete, prin-L’ipoglicemia è l’effetto collaterale più frequente e più temu- cipalmente motivato da una precoce insorgenza di complican-to della terapia ipoglicemizzante. La frequenza di questo ze d’organo26. Nei trial finora condotti con gli analoghi del GLP-1 si è osservata una riduzione dei valori di pressione arte-evento in corso di trattamento con incretino-mimetici e inibi- riosa e della frequenza cardiaca, un miglioramento della vaso-tori della DPP-IV, in virtù del loro peculiare meccanismo dilatazione endotelio-mediata27-29 e un modesto miglioramen-d’azione, è abbastanza rara. Anche in questo ambito i dati to del quadro lipidico30. Se questo profilo d’azione complessi-del monitoraggio evidenziano una situazione in linea con vamente favorevole sul rischio cardiovascolare si concretizzas-quanto atteso. Per tutti i tre principi attivi si conferma il mag- se in una significativa riduzione dell’incidenza di complicanzegior rischio di avere un episodio ipoglicemico quando asso- micro- e macrovascolari con relativa riduzione dei costi legaticiati all’uso di sulfoniluree, da sole (rischio relativo, RR: exe- all’ospedalizzazione per la cura e la gestione delle stesse, lanatide, 1,22; sitagliptin, 2,40; vildagliptin, 1,96) o in combina- spesa aggiuntiva associata all’utilizzo di questi farmaci sareb-zione con la metformina (ove consentito) (RR: exenatide, be compensata. In conclusione, il monitoraggio AIFA sull’uso3,02; sitagliptin, 2,22) e in rapporto all’HbA1c precedente dei farmaci antidiabetici, il primo applicato a farmaci di larghis-l’episodio. Per tale motivo è consigliabile ridurre il dosaggio simo impiego nella popolazione, offre alcuni spunti interessan-delle sulfoniluree con l’inizio della terapia con incretino- ti per decidere dei pazienti futuri e per trovare la migliore collo-mimetici e inibitori della DDP-IV. cazione di questa classe nell’ambito dei farmaci che agiscono per la cura del diabete.DiscussioneGli incretino-mimetici e gli inibitori della DPP-IV si sono dimo- Conflitto di interessistrati una nuova classe di farmaci particolarmente interes- Nessuno.sante per il trattamento del diabete. L’analisi condotta sullapopolazione del monitoraggio AIFA ha sostanzialmente con-fermato i dati dei trial clinici preregistrativi, ossia modestieffetti collaterali nella quasi totalità delle segnalazioni di ADR, Bibliografiala sostanziale assenza di rischio di ipoglicemia e l’effetto 1. Drucker DJ, Nauck MA. The incretin system: glucagon-like pep-favorevole o neutro sul peso, oltre che ovviamente l’efficacia tide-1 receptor agonists and dipeptidyl peptidase-4 inhibitors insul compenso glicemico. Sicuramente l’alto costo rimane un type 2 diabetes. Lancet 2006;368:1696-705.limite importante per l’utilizzo di queste molecole come 2. Karasik A, Aschner P, Katzeff H, Davies MJ, Stein PP. Sitagliptin, aprima scelta terapeutica ed è pertanto necessario definire in DPP-4 inhibitor for the treatment of patients with type 2 diabetes: a
  • 6. Il monitoraggio AIFA dei nuovi farmaci per il trattamento del diabete 81 review of recent clinical trials. Curr Med Res Opin 2008;24:489-96. ves glycemic control in subjects with type 2 diabetes. Horm Metab Res 2006;387:423-38.3. Ahrèn B. Vildagliptin: novel pharmacological approach to treat type 2 diabetes. Therapy 2008;5:79-90. 18. Pi-Sunyer FX, Schweizer A, Mills D, Dejager S. Efficacy and tole-4. Nauck M, Stockmann F, Ebert R, Creutzfeldt W. Reduced incretin rability of vildagliptin monotherapy in drug-naïve patients with effect in type 2 (non-insulin dependent) diabetes. Diabetologia type 2 diabetes. Diabetes Res Clin Pract 2007;76:132-8. 1986;29:46-52. 19. Klonoff DC, Buse JB, Nielsen LL, Guan X, Bowlus CL,5. Vilsboll T, Krarup T, Deacon CF, Madsbad S, Holst JJ. Reduced Holcombe JH et al. Exenatide effects on diabetes, obesity, car- postprandial concentrations of intact biologically active gluca- diovascular risk factors and hepatic biomarkers in patients with gons-like peptide 1 in type 2 diabetic patients. Diabetes 2001; type 2 diabetes treated for at least 3 years. Curr Med Res 50:609-13. Opinion 2008;24:275-86.6. Nauck MA, Kleine N, Orskov C, Holst JJ, Willms B, Creutzfeldt 20. Vilsboll T, Brock B, Perrild H, Levin K, Lervang HH, Kølendorf K W. Normalization of fasting hyperglycaemia by exogenous glu- et al. Liraglutide, a once-daily human GLP-1 analogue, improves cagons-like peptide-1 (7-36 amide) in type 2 (non insulin depen- pancreatic B-cell function and arginine-stimulated insulin secre- dent) diabetic patients. Diabetologia 1993;36:741-4. tion during hyperglycaemia in patients with type 2 diabetes mel- litus. Diabet Med 2008;25:152-6.7. Marchesini G, Forlani G, Rossi E, Berti A, De Rosa M; on behalf of the ARNO Working Group. The direct economic cost of pharma- 21. Schweizer A, Dejager S, Foley JE, Shao Q, Kothny W. Clinical cologically-treated diabetes in Italy-2006. The ARNO observatory. experience with vildagliptin in management of type 2 diabetes in Nutr Metab Cardiovasc Dis 2010;Feb 12 [Epub ahead of print]. a patient population 75 years: a pooled analysis from a databa- se of clinical trials. Diabet Obes Metab 2011;13:55-64.8. Amori RE, Lau J, Pittas AG. Efficacy and safety of incretin the- rapy in type 2 diabetes: systematic review and meta-analysis. 22. Farilla L, Bulotta A, Hirshberg B, Li Calzi S, Khoury N, JAMA 2007;298:194-206. Noushmehr H et al. Glucagon-like peptide 1 inhibits cell apop- tosis and improves glucose responsiveness of freshly isolated9. Denker PS, Dimarco PE. Exenatide (exendin-4) induced pan- human islets. Endocrinology 2003;144:5149-58. creatitis: a case report. Diabetes Care 2006;29:471. 23. Brun T, He KH, Lupi R, Boehm B, Wojtusciszyn A, Sauter N et10. Buse JB, Henry RR, Han J, Kim DD, Fineman MS. Effects of al. The diabetes-linked transcription factor Pax4 is expressed in exenatide (exedin 4) on glycemic control over 30 weeks in sul- human pancreatic islets and is actived by mitogens and GLP-1. fonylurea-treated patients with type 2 diabetes. Diabetes Care Hum Mol Genet 2008;17:478-89. 2004;27:2628-35. 24. Xu G, Kaneto H, Lopez-Avalos MD, Weir GC, Bonner-Weir S.11. DeFronzo RA, Ratner R, Han J, Kim DD, Fineman MS, Baron GLP-1/exendin-4 facilities beta-cell neogenesis in rat and human AD. Effects of exenatide (exedin-4) on glycemic control and weight over 30 weeks in metformin-treated patients with type 2 pancreatic ducts. Diabetes Res Clin Pract 2006;73:107-10. diabetes mellitus. Diabetes Care 2005;28:1092-100. 25. Abraham EJ, Leech CA, Lin JC, Zulewski H, Habener JF.12. Kendall DM, Riddle MC, Rosenstock J, Zhuaang D, Kim DD, Insulinotropic hormone glucagon-like peptide-1 differentiation of Fineman MS et al. Effects of exenatide (exedin-4) on glycemic human pancreatic islet-derived progenitor cells into insulin-pro- control and weight over 30 weeks in patients with diabetes mel- ducing cells. Endocrinology 2002;143:3152-61. litus treated with metformin and a sulfonylurea. Diabetes Care 26. Brocco S, Visentin C, Fedeli U, Schievano E, Avogaro A, 2005;28:1083-91. Andretta M et al. Monitoring the occurrence of diabetes mellitus13. Scott R, Wu L, Sanchez M, Stein P. Efficacy and tolerability of and its major complications; the combined use of different data- the dipeptidyl peptidase-4 inhibitor sitagliptin as monotherapy bases. Cardiovasc Diabetol 2007;6:5. over 12 weeks in patients with type 2 diabetes. Int J Clin Pract 27. Bose AK, Mocanu MM, Carr RD, Brand CL, Yellon DM. 2007;61:171-80. Glucagon-like peptide 1 can directly protect the heart against14. Hanefeld M, Herman G, Mickel C, McGowan A, Wu M, Zhao P ischemia/reperfusion injury. Diabetes 2005;54:146-51. et al. Efficacy of MK-0431, a dipeptidyl peptidase IV (DPP-IV) 28. Sokos GG, Nikolaidis LA, Mankad S, Elahi D, Shannon RP. inhibitor, on glycemic control after 12 weeks in patients with type Glucagon-like peptide-1 infusion improves left ventricular ejec- 2 diabetes. Diabetologia 2005;49(suppl. 1):A287. tion fraction and functional status in patients with chronic heart15. Aschner P, Kipnes MS, Luncefors JK, Sanchez M, Mickel C, failure. J Card Fail 2006;12:694-9. Williams-Herman DE. Effect of the dipeptidyl peptidase-4 inhibi- 29. Giorgino F, Natalicchio A, Leonardini A, Laviola L. Exploiting the tor sitagliptin as monotherapy on glycemic control in patients pleiotropic action of GLP-1 for the management of type 2 dia- with type 2 diabetes. Diabetes Care 2006;29:2632-7. betes mellitus ad its complications. Diabetes Res Clin Pract16. Ristic S, Byers S, Foley J, Holmes D. Improved glycaemic con- 2007;78S:S59-S67. trol with dipeptidyl peptidase-4 inhibition in patients with type 2 30. Bergenstal RM, Wysham C, Macconell L, Malloy J, Walsh B, Yan diabetes: vildagliptin (LAF237) dose response. Diabet Obes P et al.; for the DURATION-2 Study Group. Efficacy and safety Metab 2005;7:692-8. of exenatide once weekly versus sitagliptin or pioglitazone as an17. Pratley RE, Jauffret-Kamel S, Galbreath E, Holmes D. Twelve- adjunct to metformin for treatment of type 2 diabetes (DURA- week monotherapy with the DDP-4 inhibitor vildagliptin impro- TION-2): a randomised trial. Lancet 2010;376:431-9.

×