Olio extra-vergine di oliva:  toccasana di longevità - di Giuseppe Palasciano
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Olio extra-vergine di oliva: toccasana di longevità - di Giuseppe Palasciano

on

  • 1,020 views

Olio extra-vergine di oliva: toccasana di longevità - di Giuseppe Palasciano.

Olio extra-vergine di oliva: toccasana di longevità - di Giuseppe Palasciano.

Statistics

Views

Total Views
1,020
Slideshare-icon Views on SlideShare
954
Embed Views
66

Actions

Likes
0
Downloads
23
Comments
0

2 Embeds 66

http://www.medoliveoil.eu 65
https://twitter.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment
  • Abbiamo focalizzato la nostra attenzione sull’olio extravergine di oliva. L’olio di oliva rappresenta uno dei principali componenti della dieta mediterranea nonché la sua fonte principale di grassi. L’olio di oliva viene considerato un alimento funzionale, dotato di proprietà anti-infiammatorie, anti-ossidanti ed anti-trombotiche. Numerosi studi hanno mostrato la sua potenziale efficacia terapeutica nella prevenzione dei fattori di rischio cardiovascolari, nella modulazione del metabolismo, dell’apparato epatobiliare ed intestinale, e del sistema immunitario.
  • In studi sperimentali l’olio di oliva, ed in particolare gli acidi grassi monoinsaturi e i polifenoli in esso contenuti, hanno mostrato proprietà protettive nei confronti dei fattori di rischio cardiovascolari, in particolare dell’insulino-resistenza, del profilo lipidico, e dell’ipertensione arteriosa. Quando gli acidi grassi saturi vengono rimpiazzati dai MUFAs nella dieta, si verificano due importanti fenomeni: la riduzione del colesterolo LDL e l’incremento dei livelli di colesterolo HDL. Questo non si verifica quando si sostituiscono i saturi con i PUFAs (polinsaturi) o con i carboidrati.
  • Abbiamo quindi determinato i livelli di espressione genica dei PBMCs, valutata con metodica Microarray . Dei geni che mostravano differenze statisticamente significative, 200 aumentavano dopo assunzione di olio.
  • Lo stato di salute non dipende solo dal corredo genetico ma anche dall’influenza dell’alimentazione; Attraverso una corretta alimentazione è possibile orientare l’organismo verso un migliore stato di salute; La comprensione dei potenziali effetti nutrigenomici dell’olio extravergine di oliva può costituire una chiave di lettura per spiegare come la nutrizione sia in grado di modificare i nostri geni e quindi la nostra suscettibilità a sviluppare patologie cardiovascolari; In attesa di ulteriori dati scientifici di conferma dei meccanismi di protezione, è comunque consigliabile assumere un cucchiaino a pranzo ed uno a cena di olio extravergine di oliva.

Olio extra-vergine di oliva:  toccasana di longevità - di Giuseppe Palasciano Olio extra-vergine di oliva: toccasana di longevità - di Giuseppe Palasciano Presentation Transcript

  • Interclub con Rotaract Bisceglie“OLIO EXTRA-VERGINE DI OLIVA: TOCCASANA DI LONGEVITA’” Giuseppe Palasciano Clinica Medica “A. Murri” Università degli Studi di Bari
  • La triade alimentare mediterranea dalla Mesopotamia al Mediterraneo sino alla …
  • LA DIETA MEDITERRANEAElevato consumo di frutta, verdura, patate,legumi, noci, semi, pane e cerealiUso dell’olio di oliva per cucinare e percondireModerate quantità di pesce, ma pochissimacarneModerate quantità di formaggio grasso eyogurt interoConsumo moderato di vino, di solito ai pastiAlimentazione basata su prodotti locali,stagionali e freschiStile di vita attivo
  • DIETA MEDITERRANEA e DIETA AMERICANA Ieri: grassi insaturi di origine vegetale Oggi: grassi saturi di origine animale
  • LA DIETA MEDITERRANEA Ancel Keys ha dimostrato che:  la dieta mediterranea è un fattore protettivo nei confronti delle malattie croniche cardiovascolari  l’olio d’oliva è il principale fattore protettivo della dieta mediterranea
  • LA DIETA MEDITERRANEA RIDUCEpatologie cardiovascolarineoplasiepatologie neuro-degenerativemorbilità e mortalità Trichopoulou A et al., N Engl J Med. 2003, Adherence to a Mediterranean diet and survival in a Greek population.
  • ULIVO E OLIO D’OLIVA IN PUGLIAL’Italia è il 2° paese produttore di olio d’oliva nel mondo (8-9.000 q.li/anno) • La Puglia è la prima regione produttrice di olio d’oliva in Italia (40%) • Le cultivar pugliesi presentano caratteristiche ecologiche specifiche
  • Olio extravergine di oliva• Componente principale della Dieta Mediterranea• Principale fonte di grassi della Dieta Mediterranea• Alimento funzionale dotato di proprietà anti- infiammatorie, anti-ossidanti ed anti-trombotiche• Potenziale efficacia terapeutica: sistema cardiovascolare; metabolismo; apparato epatobiliare ed intestinale; sistema immunitario
  • OLIO DI OLIVA98-99% componenti maggiori:lipidi, soprattutto trigliceridi, e mono- e digliceridi in minor misura0.5-2% componenti minori:alcoli, steroli, idrocarburi, tocoferoli, fenoli, sostanze volatili
  • OLIO DI OLIVA COSTITUENTI MAGGIORIAcidi grassi insaturi (85%): acido oleico: acido grasso monoinsaturo (70-80% dei grassi totali) lacido linoleico (omega 6): acido grasso polinsaturo (dal 4 al 12%)Acidi grassi saturi (presenti in quantitativi minori): acido palmitico (dal 7 al 15%) acido stearico (dal 2 al 6%)
  • OLIO D’OLIVA COSTITUENTI MINORIconferiscono all’olio di oliva: proprietà organolettiche: profumo, odore e gusto proprietà antiossidanti: determinano stabilità, conservabilità e qualità terapeutiche.
  • OLIO D’OLIVA I POLIFENOLITra i composti fenolici di maggiore interesse sono OLEUROPEINA: sostanza amara di struttura β-glucosidicapresente esclusivamente nelle olive IDROSSITIROSOLO: derivante dalla decomposizionedell’oleuropeina In un olio sottoposto a raffinazione tali sostanze non sono presenti.
  • L’OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA Preserva i costituenti minori dell’olio d’oliva È ricco di Oleuropeina e Idrossitirosolo Gli estratti di olio extravergine d’oliva contengono una misceladi composti fenolici il cui effetto sinergico incrementa il potereantiossidante
  • OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA Caratteristiche specifiche cultivar composizione del terreno fattori climatici proprietà organolettiche processi di produzioneQuesti fattori rendono ogni olio di oliva un prodotto tipico ed unico della zona di produzione
  • I POLIFENOLI Riducono il danno ossidativo indotto dai lipidi Riducono la disfunzione endoteliale Riducono lo stato pro-trombotico Riducono lo stato pro-infiammatorio proprietà anti-infiammatorie anti-ateroscleroticheNutr Metab Cardiovasc Dis. 2010, Olive oil and health: summary of the II international conference on olive oil and healthconsensus report, Jaén and Córdoba (Spain) 2008.
  • IMPORTANZA NUTRIZIONALE DELL’OLIO DI OLIVA Una dieta mediterranea ricca in Olio d’Oliva si associa ad una maggiore longevità.Gli acidi grassi monoinsaturi della dieta mediterranea potrebbero essereprotettivi nei confronti del decadimento cognitivo legato all’età e del Morbo diAlzehimer.Trichopoulou A et al., N Engl J Med. 2003, Adherence to a Mediterranean diet and survival in a Greek population; Féart C et al., JAMA.2009, Adherence to a Mediterranean diet, cognitive decline, and risk of dementia.
  • IMPORTANZA NUTRIZIONALE DELL’OLIO D’OLIVANei paesi in cui c’è l’Olio d’Oliva è la principale fonte di lipidi, come Italia, Grecia eSpagna il tasso di incidenza di cancro è più basso rispetto agli altri paesi europei.Recenti studi sperimentali hanno messo in evidenza un potenziale effetto protettivodell’Olio d’Oliva sul cancro. Menendez JA et al. Curr Pharm Biotechnol. 2006, Mediterranean dietary traditions for the molecular treatment of human cancer: anti-oncogenic actions of the main olive oils monounsaturated fatty acid oleic acid.
  • PROPRIETA’ PROTETTIVE DELL’OLIO DI OLIVA Variabile clinica Componente Effetti benefici del della SM funzionale putativo consumo • Polifenoli • Può esercitare effetti Insulino-resistenza • Acidi grassi benefici sulla monoinsaturi sensibilità all’insulina (MUFAs) • Acidi grassi • Modesto incremento Basso colesterolo monoinsaturi dei livelli di HDL (MUFAs) colesterolo HDL • Polifenoli • Riduce il rischio di Ipertensione • Acidi grassi ipertensione, riduce i arteriosa monoinsaturi valori pressori (MUFAs)Fito M, Mol Nutr Food Res 2007; Paniagua JA, J Am Coll Nutr 2007; Perez-Jemenez F, Mol Nutr Food Res 2007
  • Clinica Medica A. Murri Università degli Studi di Bari P.O.R. Regione PugliaOlio di Oliva Studio clinico: “ I costituenti minori Influenza della dieta dell’Olio di oliva” mediterranea nei soggetti con Sindrome Metabolica Studio sperimentale: Influenza dell’introito di Olio di oliva a livello del genoma
  • Modificazioni dell’espressione genica dei polimorfonucleati del sangue (PBMCs) in pazienti con Sindrome Metabolica dopo assunzione acuta di olio extravergine di olivaValutazione in vivo, in una popolazione di soggetti affetti da Sindrome Metabolica, degli effetti anti-infiammatori, anti-ossidanti ed anti-trombotici dell’olio extravergine di oliva;Analisi Microarray dei PBMC: • 98 geni differentemente espressi dopo somministrazione di olio di oliva ad elevato contenuto di fenoli (79 geni down-regolati e 19 up- regolati); • L’olio extravergine di oliva ricco in fenoli determina la soppressione di alcuni geni coinvolti nei meccanismi fisiopatolocici alla base di: Camargo et al. BMC Genomics 2010
  • RISULTATI PRELIMINARI up: 200 GenesILMN_GENE T0 Signal T1 Signal Ratio p-valueCX3CR1 436,68 1669,17 3,82 0,007GIMAP4 1285,19 3789,84 2,95 0,006C5ORF29 199,10 488,53 2,45 0,033SAC3D1 104,07 250,14 2,40 0,009C17ORF87 102,23 240,40 2,35 0,009GIMAP8 270,85 627,00 2,31 0,016VPS35 222,30 509,68 2,29 0,025APOBEC3G 331,16 728,07 2,20 0,007GLS 104,07 222,80 2,14 0,019TLR5 125,95 266,19 2,11 0,021HS.546375 1333,79 2764,77 2,07 0,043MRPS31 219,83 455,63 2,07 0,021DNCL1 1013,68 2094,25 2,07 0,016PCMT1 845,81 1740,86 2,06 0,007CBR4 120,50 247,76 2,06 0,033NFE2 228,83 470,04 2,05 0,025DYNLL1 473,72 958,45 2,02 0,021HS.534439 385,23 769,91 2,00 0,037DENND2D 443,15 880,24 1,99 0,013ATP6V1D 301,74 598,66 1,98 0,007SAMD9L 381,28 749,07 1,96 0,043TERF2 119,88 230,70 1,92 0,013MFSD3 130,29 248,16 1,90 0,019HSPA1L 113,68 213,76 1,88 0,013AARS 441,93 811,93 1,84 0,021RGS18 348,15 625,67 1,80 0,043C17ORF62 682,83 1226,29 1,80 0,007LOC642755 251,04 450,23 1,79 0,040RAB10 959,38 1719,33 1,79 0,011PAK1 238,33 426,37 1,79 0,016SLC35A1 569,49 1010,56 1,77 0,010C8ORF55 104,43 184,64 1,77 0,029PARP1 661,21 1165,28 1,76 0,009FIG4 163,93 288,33 1,76 0,021OBFC2A 168,13 295,39 1,76 0,021F8A1 180,25 316,08 1,75 0,025EDG6 672,06 1170,75 1,74 0,016C20ORF55 285,27 496,62 1,74 0,016RAB22A 210,78 366,27 1,74 0,019ARPC1B 612,90 1061,34 1,73 0,021DNAJA3 421,15 726,69 1,73 0,049ACTR3 356,41 613,82 1,72 0,037CD79B 325,65 560,73 1,72 0,040TFCP2 191,96 328,67 1,71 0,025VPS72 124,46 212,79 1,71 0,010RALBP1 144,46 246,24 1,70 0,049SEPX1 1169,46 1991,58 1,70 0,029RNF20 242,43 411,85 1,70 0,019APBB1IP 874,67 1469,79 1,68 0,019KIAA0146 160,68 269,99 1,68 0,011PTPRCAP 516,91 868,47 1,68 0,029LYL1 793,87 1331,96 1,68 0,006ICAM2 1391,28 2332,19 1,68 0,011RPA2 936,01 1567,31 1,67 0,021WASPIP 749,86 1255,08 1,67 0,033RPUSD3 209,45 349,46 1,67 0,013RASSF7 404,49 674,62 1,67 0,021ORAI1 156,85 261,60 1,67 0,029GIYD1 100,19 166,94 1,67 0,022DNAL4 167,51 279,00 1,67 0,019SRBD1 174,21 289,98 1,66 0,033TSC22D4 253,23 421,21 1,66 0,013LOC731486 102,93 171,19 1,66 0,049MITD1 367,97 611,80 1,66 0,019UBL4A 111,10 184,46 1,66 0,006ARRB1 194,00 321,19 1,66 0,011MCM3 404,56 669,25 1,65 0,018C10ORF26 216,75 357,52 1,65 0,009HSD17B4 431,88 711,97 1,65 0,025DYNC1I2 240,19 395,87 1,65 0,009CISD1 314,97 517,91 1,64 0,040MLL 138,69 227,65 1,64 0,033RNASE6 342,16 559,59 1,64 0,025POU2F2 145,50 237,35 1,63 0,029M6PR 500,85 811,96 1,62 0,011LRRC8D 116,86 189,24 1,62 0,029ASH2L 357,40 577,12 1,61 0,006FKBP15 162,42 259,48 1,60 0,013COQ5 333,72 533,05 1,60 0,009APEX2 142,00 226,38 1,59 0,016APBA3 265,09 421,16 1,59 0,049TTLL12 113,92 180,75 1,59 0,006XTP3TPA 211,53 334,85 1,58 0,025DAXX 114,17 180,72 1,58 0,049COPB2 238,21 376,65 1,58 0,037TPST2 583,95 920,66 1,58 0,023ABI3 181,55 286,07 1,58 0,029AMICA1 2283,71 3584,22 1,57 0,007UBAP2L 350,86 548,84 1,56 0,013AP4E1 170,47 266,48 1,56 0,006ZFYVE21 175,18 273,12 1,56 0,033CHCHD4 109,90 171,13 1,56 0,016WDR67 102,80 159,18 1,55 0,037PSMA5 983,74 1518,78 1,54 0,021STIP1 307,16 472,03 1,54 0,025LOC653888 1843,08 2818,51 1,53 0,011RNF5P1 206,80 316,24 1,53 0,017SP1 244,07 373,12 1,53 0,025SNUPN 134,74 205,50 1,53 0,033TMCO1 610,32 930,16 1,52 0,037SUCLG1 314,16 478,21 1,52 0,021FRAT2 536,26 813,00 1,52 0,043MRPL51 535,53 811,63 1,52 0,007LOC401397 248,87 376,80 1,51 0,049STK38 1588,12 2398,78 1,51 0,049SMUG1 155,50 234,75 1,51 0,029ZNF524 304,35 459,28 1,51 0,049CDK4 229,75 346,50 1,51 0,006ARHGAP30 1167,40 1755,68 1,50 0,014
  • DEGUSTAZIONE “DIGITALE” DELL’OLIO DI OLIVA
  • DEGUSTAZIONE “DIGITALE”Degustazione interattiva dell’olio di oliva (e di altri prodotti tipici locali, quali olive, vino, formaggi) attraverso cui valorizzare la storia e le peculiarità enogastronomiche della Puglia con la collaborazione delle associazioni dei produttori di olio.
  • CONCLUSIONI• Lo stato di salute non dipende solo dal corredo genetico ma anche dall’influenza dell’alimentazione;• Attraverso una corretta alimentazione è possibile orientare l’organismo verso un migliore stato di salute;• La comprensione dei potenziali effetti nutrigenomici dell’olio extravergine di oliva può costituire una chiave di lettura per spiegare come la nutrizione sia in grado di modificare i nostri geni e quindi la nostra suscettibilità a sviluppare patologie cardiovascolari;• In attesa di ulteriori dati scientifici di conferma dei meccanismi di protezione è consigliabile l’assunzione giornaliera di quantità moderate di olio extravergine di oliva.