L'alimentazione, da fattore di rischio a determinante positivo di salute - di Michele Zonno
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

L'alimentazione, da fattore di rischio a determinante positivo di salute - di Michele Zonno

on

  • 793 views

a cura del Dott. Michele Zonno

a cura del Dott. Michele Zonno
Dottore di ricerca in “Ambiente, Medicina e Salute

Statistics

Views

Total Views
793
Views on SlideShare
793
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
11
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

L'alimentazione, da fattore di rischio a determinante positivo di salute - di Michele Zonno L'alimentazione, da fattore di rischio a determinante positivo di salute - di Michele Zonno Presentation Transcript

  • L’ALIMENTAZIONE: DA FATTORE DI RISCHIO A DETERMINANTE POSITIVO DI SALUTE a cura del Dott. Michele Zonno Dottore di ricerca in “Ambiente, Medicina e Salute”
  • La salute La salute è “uno stato di completo benessere fisico,mentale e sociale e non la semplice assenza dello stato di malattia o infermità”.Trattato istitutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, OMS, 1946
  • La Promozione della SaluteLa Promozione della Saluteconsiste in un “processo checonsente alla gente di esercitareun maggiore controllo sulla propriasalute e di migliorarla”.
  • Determinanti di saluteNon Sociali ed Ambientali Stili di vita Accesso aimodificabili economici serviziGeni Povertà Qualità Dieta Istruzione dell’ariaSesso Occupazione Qualità Attività fisica Servizi sanitari dell’acqua e degli alimentiEtà Esclusione Abitazione Fumo Servizi sociali sociale Ambiente Alcol Trasporti socio-culturale Abitudini Tempo libero sessuali Farmaci e stupefacenti
  • Modificazione del pattern alimentare-sanitarioA partire dal secolo scorso si è verificata una modificazione del pattern alimentare-sanitario. Questa è stata determinata dai seguenti fattori:• Il progresso medico-scientifico;• L’aumento dell’aspettativa di vita;• La transizione epidemiologica;• La modificazione delle abitudini alimentari e degli stili di vita.
  • Transizione alimentarePrima: consumo moderato e prevalente di prodotti Fate clic per modificare  provenienti dal mondo il formato del testo dell’agricoltura (cereali, legumi, della struttura frutta e ortaggi), realizzati artigianalmente.  Secondo livello struttura − Terzo livello strutturaOra: consumo massiccio di alimenti  Quarto livello contenenti grassi saturi e struttura idrogenati, proteine animali e − Quinto zuccheri, di produzione livello
  • Le abitudini alimentari attualiLe abitudini alimentari attuali  Fate clic per modificare Iperalimentazione = Iponutrizione sono caratterizzati da un il formato del testo tipo di alimentazione: della struttura• Iperlipidica; Secondo livello IPONUTRIZIONE • Iperproteica; struttura − Terzo livello• Iperglidica; struttura• Carente, sotto il profilo  Quarto livello O Z AT NE ML AREP I nutrizionale, di fibra struttura alimentare e sali minerali. I − Quinto livello I
  • Alimentazione come fattore di rischioDal punto di vista alimentare l’insorgenza delle patologie può dipendere da due ordini di fattori:• Cattiva alimentazione: abitudini alimentari sbagliate, sia sotto il profilo quantitativo, che qualitativo. Esigenza di una alimentazione sana.• Alimenti insalubri: il cibo costituisce, insieme all’acqua e all’aria, uno dei fattori che concorre a determinare l’equilibrio dell’organismo. Esigenza di
  • Lo scenario epidemiologico contemporaneoAttualmente, a livello globale, il principale fattore di rischio per la salute degli individui è costituito dalle seguenti malattie non trasmissibili:• Malattie cardiovascolari;• Diabete;• Cancro;• Malattie respiratorie.Piano d’azione Oms 2008-2013
  • Incidenza delle patologie non trasmissibiliSecondo le stimedell’OMS, questequattro malattiesono responsabili
  • I fattori di rischioL’80% delle patologie non trasmissibili potrebbe essere prevenuto eliminando i seguenti fattori di rischio:• Tabacco;• Abitudini alimentari errate;• Stile di vita sedentario;• Consumo eccessivo di alcolici.
  • I costi delle malattie non trasmissibili• Costi diretti: spese dei sistemi sanitari per i farmaci, le prestazioni sanitarie e le ospedalizzazioni nei confronti degli individui malati.• Costi indiretti: ascrivibili all’assenteismo sul lavoro, alla ridotta prestazione lavorativa, all’incremento degli incidenti professionali, al maggiore ricorso al pensionamento anticipato.
  • ObesitàLa principale conseguenza delle abitudini alimentari errate è costituita clic per modificare  Fate attualmente dal fenomeno il formato del testo dell’obesità. Si tratta di una patologia struttura della caratterizzata da un eccesso di massa grassa (BMI≥30) che ha gravi  Secondo livello ripercussioni sullo stato di salute. struttura − Terzo livello strutturaHa origine dall’interazione di due componenti:  Quarto livello struttura• Una componente alimentare (eccesso − Quinto calorico); livello
  • Criteri diagnostici obesità Fate clic per DEL BMI VALORI modificareLa valutazione del  il formato del testo Condizione Min Max sovrappeso e della struttura peso ≥ 40.00 Obesità / dell’obesità classeSecondo livello  III struttura Obesità 35 39.9 viene fatta classe II Obesità − Terzo livello 30 34.9 attraverso il classe I struttura Sovrappeso 25 29.9 Quarto livello calcolo del Body  Peso regolare struttura24.9 18.5 Mass Index − Quinto livello
  • Obesità e patologie correlateL’eccesso ponderale, nella forma del sovrappeso e/o dell’obesità, si associa spesso alle seguanti patologie:• Patologie cardiovascolari;• Diabete di tipo 2;• Alcune forme tumorali;• Patologie respiratorie;• Osteoartrite ;• Steatosi;• Declino cognitivo;
  • Eccesso ponderale: da indicatore di salute… Fate clic per modificare In passato, presso il formato del testo molte della struttura popolazioni e, per Secondo livello  moltissimo tempo,struttura l’eccesso ponderale è stato− Terzo livello spesso visto come: struttura  Quarto livello struttura• Un indicatore − Quinto dell’efficienza fisica e, più livello
  • GlobesitàSecondo le stime dell’OMS nelFate clic per modificare  mondo circa un miliardo diil formato del testo persone sono in sovrappeso e, di della struttura queste, 300 milioni sono obese. L’obesità costituisce una vera e  Secondo livello propria pandemia che coinvolge struttura sia l’Occidente che i Paesi in via di sviluppo. − Terzo livello struttura  Quarto livelloLa European Association for the struttura Study of Diabetes (EASD) definisce − Quinto l’obesità “il più importante livello
  • L’obesità negli USANegli USA gli obesi sono più di 61 milioni di individui(oltre il 31% della popolazione adulta). Se però siprendono in considerazione anche coloro che, pur nonrientrando nei criteri diagnostici dell’obesità, sonocomunque in sovrappeso, questa percentuale sale adoltre il 65%.Secondo le stime del National Institutes of Health,inoltre, circa il 5% dei cittadini americani sono affetti daobesità estrema (BMI≥40).Sono obesi o comunque in sovrappeso circa un terzodei bambini e degli adolescenti americani.
  • L’obesità in ItaliaAttualmente in Italia la percentuale di coloro cherisultano obesi è di circa il 10% della popolazioneadulta, per un costo sociale annuo del 6,7% della spesasanitaria pubblica.Nel 2003 i costi sanitari diretti per l’obesità sono stati di23 miliardi di euro e il 60% di questi sono stati spesi peri ricoveri ospedalieri.La percentuale dei soggetti adulti nei quali si riscontraun eccesso ponderale è del 45,2% della popolazionetotale. È in sovrappeso o palesemente obeso il 31,6%dei bambini in età scolare (6-11 anni).
  • Elaborazione INRAN su dati ISTAT, INRAN e dati ricavati dalla letteratura nazionale (2011).
  • Le patologie cardiovascolariLe patologie cardiovascolari hanno una natura invalidante e costituiscono la prima causa di morte dei Paesi sviluppati. I principali fattori di rischio che favoriscono l’insorgenza di queste patologie sono:• L’obesità di tipo addominale;• L’ipertensione arteriosa;• Il diabete di tipo 2;• I valori del colesterolo elevati;
  • Mortalità per patologie cardiovascolariSolo nel 2005 a causa delle patologie cardiovascolari sisono verificati nel mondo 17,5 milioni di decessi (30%delle morti totali). 7,6 milioni di queste morti hannoavuto luogo a causa di patologie cardiache, 5,7 milionia causa di ictus. A differenza di quanto avveniva inpassato, attualmente l’80% dei decessi si verifica neiPaesi in via di sviluppo o in quelli a economiaemergente.
  • Le patologie cardiovascolari in ItaliaDal Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 si evince comeun italiano su quattro sia attualmente affetto damalattie cardiache.Queste “rappresentano la principale causa di disabilitàfra gli anziani. La frequenza di nuovi eventi coronaricinella fascia di età 35-69 anni è di 5,7/ 1000/anno negliuomini e di 1,7/ 1000/anno nelle donne; la spesa per gliinterventi cardiochirurgici è stimabile in circa 650milioni di Euro/anno e rappresenta da sola l’1% dellaspesa sanitaria”.
  • Il diabeteIl diabete costituisce una delle patologie croniche maggiormente diffuse nei Paesi industrializzati. La diffusione di questa patologia è ascrivibile ai seguenti fattori:• Le abitudini alimentari scorrette;• Il numero crescente di soggetti obesi e/o comunque in sovrappeso;• Il diffondersi di stili di vita all’insegna della sedentarietà;
  • Incidenza del diabete a livello mondialeNel 2009 le persone fra i 20 e i 79 anni affetti dadiabete nel mondo erano stimate intorno ai 302milioni. A livello globale vengono diagnosticati ognianni circa 7 milioni di nuovi casi.La Federazione Internazionale del Diabete (IDF) hacalcolato che solo nel 2007 sono stati spesi a livellomondiale 232 miliardi di dollari per prevenire econtrastare questa patologia e le sue complicanze.
  • Il diabete di tipo 2 in ItaliaLa situazione italiana è caratterizzata da:• 3 milioni di individui (4,9% della popolazione) affetti da diabete di tipo 2 diagnosticato;• 1 milione di individui (1,6% della popolazione) affetti da diabete di tipo 2 non diagnosticato;• 2,6 milioni di individui (4,3% della popolazione) con problemi glicemici a rischio di diabete di tipo 2.I costi che il SSN italiano è chiamato a sostenere per contrastare questa patologia e le sue complicanze si aggirano sui circa 7,7 miliardi di euro annui (7% della
  • La sindrome metabolicaL’obesità viscerale, il diabete di tipo 2 e l’ipertensione,  Fate clic per modificare insieme alle alterazioni del il formato del testo metabolismo glucidico e della struttura lipidico, rientrano nei criteri diagnostici della sindrome  Secondo livello metabolica, un quadro struttura clinico caratterizzato dalla − Terzo livello compresenza di più fattori di struttura rischio e/o patologie che compromette gravemente lo  Quarto livello stato di salute e la qualità struttura della vita di chi ne è affetto. − Quinto livello
  • I tumoriI tumori, sia a livello europeo che mondiale,costituiscono la seconda causa di morte.A livello globale circa un decesso su otto è attribuibileal cancro: questa patologia miete più vittime dellamalaria, della tubercolosi e dell’AIDS messi insieme.Fra i fattori di rischio che hanno favorito l’insorgenzadei tumori su vasta scala vi sono l’insalubrità degliambienti di vita e di lavoro, gli stili di vita errati el’invecchiamento generale della popolazione.Le abitudini alimentari sbagliate determinano circa il
  • I tumori: la situazione italianaSecondo i dati ISTAT, nel 2009, su oltre 588.000 decessiverificatisi in quell’anno, circa 175.000 sono stati causati dalcancro. I Registri tumori hanno rilevato come nel 2012 sonostati diagnosticati 364.000 nuovi casi di tumore maligno.Solo nel 2004 il SSN ha speso per i tumori 6,7 miliardi dieuro, corrispondenti al 6,6% della spesa sanitaria totale.A questi costi diretti vanno aggiunti quelli indiretti a caricodel soggetto malato e dei suoi familiari: l’Italian Survey ofthe Dying of Cancer (ISDOC) evidenzia come ogni anno,all’interno di circa 40.000 nuclei familiari un componente ècostretto a lasciare il proprio lavoro, o a ridurne le ore, perassistere un parente malato.
  • Cibo come medicina?"Lascia che il cibo sia la  Fate clic per modificare tua medicina, e la il formato del testo medicina sia il tuo della struttura cibo.”  Secondo livello struttura − Terzo livelloIppocrate di Cos, V sec. a. C. struttura  Quarto livello struttura − Quinto livello
  • La riscoperta della valenza terapeutica degli alimenti “Ogni eccesso genera malattia.”  Fate clic per modificare il formato del testo Eschilo della struttura  Secondo livello L’idea che l’alimentazione possa avere una struttura valenza terapeutica era già in vigore − Terzo livello nell’antica Grecia e ha accompagnato tutta la storia della medicina struttura occidentale.  Quarto livello struttura − Quinto È tornata prepotentemente in auge nel livello
  • Alimentazione e malattia FATTORI DI DIAGNOSI DIAGNOSI RISCHIO PRECOCE CONSUETAFASE LIBERA FASE DI FASE MALATTIA LATENZA SUBCLINICA CLINICA Geni Alimentazione Alimentazione Alimentazione Aspettativa di vita PREVENZIONE PRIMARIA PREVENZIONE PREVENZIONE SECONDARIA TERZIARIA
  • Dieta come equilibrioNel linguaggio comune con  Fate clic per modificare il concetto di “dieta” si il formato del testo allude ad un regime della struttura alimentare restrittivo la  Secondo livello cui adozione è finalizzata struttura alla riduzione del peso − Terzo livello corporeo e che sarebbe struttura quindi destinata solo a  Quarto livello coloro che sono in struttura sovrappeso o − Quinto palesemente obesi. livello
  • Caratteristiche di una dieta correttaPerché si possa definire corretta una dieta deve essere:• Equilibrata: rispettare le proporzioni fra i principi nutritivi energetici (10-15% proteine, 55-60% carboidrati, 25-30% grassi);• Bilanciata: essere in grado di soddisfare il fabbisogno energetico individuale;
  • Il ciboQuello che comunemente viene definito cibo è costituito da un insieme di prodotti, detti alimenti, i quali contengono due tipologie di sostanze biochimiche:• I nutrienti energetici (glicidi, lipidi, proteine);• I nutrienti non energetici (acqua, vitamine e sali minerali).
  • Organismo umano come macchina biochimicaL’organismo umano può essere visto come una macchina che utilizza gli alimenti come combustibile per il proprio corretto funzionamento. Gli alimenti introdotti assolvono a tre funzioni specifiche:• Funzione plastica;• Funzione energetica;
  • Nutrienti energeticiNutriente Potere energetico Principale funzione Principali alimenti espresso in kcal/g assolta in cui sono contenutiGLUCIDI 4 kcal/g Funzione Cereali e derivati, energetica dolci, patate, frutta, legumi, …LIPIDI 9 kcal/g Funzione Latticini, oli, energetica margarina, frutta secca oleosa,…PROTEINE 4 kcal/g Funzione plastica Carni, salumi, formaggi, uova, pesce, legumi,…
  • Ripartizione attuale dei nutrienti energetici
  • Nutrienti non energeticiI sali minerali e le vitamine non costituiscononutrienti energetici, ma hanno comunque unruolo fondamentale per la sopravvivenza e ilmantenimento di un buono stato di salutedell’organismo.Assolvono, infatti, alla funzione protettiva obioregolatrice: la loro assunzione da partedell’organismo è essenziale per regolare iprocessi metabolici e, in tal modo, modulare inmaniera armonica ed equilibrata le attività
  • Linee Guida per una Sana Alimentazione Italiana Controlla il peso Fate clic per modificare1.  il formato del testo e mantieniti della struttura sempre attivo Secondo livello  struttura2. iù cereali, P − Terzo livello legumi, ortaggi e struttura frutta Quarto livello  struttura3. rassi: scegli la G − Quinto livello
  • La Dieta Mediterranea• Elevato consumo di  Fate clic per modificare frutta, verdura, il formato del testo della struttura patate, legumi, noci,  Secondo livello semi, pane e cereali struttura• Uso dell’olio di oliva − Terzo livello struttura come condimento  Quarto livello• Moderate quantità di struttura − Quinto pesce, ma pochissima livello
  • Fabbisogno calorico e attività fisica
  • Fabbisogno calorico e dispendio energeticoFabbisogno calorico Dispendio energeticoFattori che condizionano il fabbisogno calorico:• Età;• Sesso;• Peso e composizione corporea (massa magra/massa grassa);• Altezza;• Stato fisiologico;• Livello di attività fisica;• Temperatura.
  • Dispendio energetico quotidiano DISPENDIO ENERGETICO TOTALE METABOLISMO BASALE (60-75% sulINTROITO CALORICO dispendio energetico totale) TDI CALORIE (7-15% sul METABOLISMO dispendio ALIMENTARI energetico totale) ATTIVITA’ FISICA (5- 30% sul dispendio energetico totale)
  • Bilancio energetico ed eccesso ponderaleL’eccesso ponderale è  Fate clic per modificare il risultato di un il formato del testo della struttura bilancio energetico positivo protratto nel  Secondo livello tempo: l’organismo struttura tende a introdurre − Terzo livello più calorie di quante struttura ne bruci.  Quarto livello struttura − QuintoPoiché a livello di livello
  • Benefici di salute di uno stile di vita attivo• Previene il sovrappeso e l’obesità• Protegge e migliora la salute del sistema cardiocircolatorio• Riduce il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2• Riduce il rischio d’insorgenza di alcune forme tumorali• Contribuisce alla salute dell’apparato muscolare e scheletrico• Aiuta, dal punto di vista psicologico, a ridurre i sintomi di ansia, stress e depressione• Aiuta a prevenire, soprattutto fra i più giovani, tutta una serie di comportamenti a rischio che hanno ripercussioni negative
  • L’attività fisicaBastano appena 30 minutiFate clic per modificare  al il formato del testo giorno di attività fisica di della struttura moderata intensità, Secondo livello  associati ad un regime struttura alimentare bilanciato, per − Terzo livello tenere sotto controllo il struttura peso corporeo e, più in Quarto livello  generale, trarre una serie di struttura significativi benefici di − Quinto salute. livello
  • Più cereali, legumi, ortaggi e fruttaQuesti prodotti sono caratterizzati da:• Valore calorico contenuto;• Ottimo contenuto in sostanze nutritive;• Grande volume associato ad un alto potere saziante.
  • I cereali
  • Cereali: caratteristiche nutrizionali Fate clic per modificareDal punto di  il formato del testo della strutturavista  Secondo livello strutturanutrizionale i − Terzo livello strutturacereali  Quarto livello strutturacontengono: − Quinto livello
  • − Ottavo livello Cereali? Si, ma quali? struttura Nono livello strutturaFare clic per modificare stili delNella scelta dei cereali • Chicco di cereale testo dello schemaandrebbero modificare il Fate clic per privilegiati  Fate clic per modificare ilquelli integrali rispetto formato del testo della formato del testo dellaa quelli raffinati. struttura struttura Secondo livello   Secondo livelloQuesti ultimi, struttura pur strutturaconservandolivello − Terzo − Terzo livellol’endosperma (fonte di struttura strutturaamido eQuarto livello  proteine),  Quarto livelloattraverso struttura il processo struttura − Quinto livello − Quinto livellodi raffinazione, struttura struttura
  • La “questione” dell’indice glicemicoL’indice glicemico (IG) di un  Fate clic per modificare Cibi ad alto Indice glicemico alimento esprime la velocità il formato del testo Cereali raffinati (e i loro derivati) • con cui questo aumenta la Patate • della struttura Riso • concentrazione di glucosio nel sangue. Cibi aSecondo glicemico  basso indice livello struttura •Cereali integrali (e i loro derivati) •Frutta − Terzo livelloUn’alimentazione a base di •Verdura prodotti ad alto indice •Legumi struttura glicemico favorisce:  Quarto livello struttura• L’eccesso ponderale; − Quinto• L’insulino-resistenza e il livello
  • La fibra alimentareLa fibra alimentare può essere di due tipi:• Fibra insolubile: presente nella frutta e nei legumi. Ha la capacità di assorbire l’acqua trasformandosi in una sostanza gelatinosa che da un senso di sazietà e contrasta l’assorbimento del colesterolo e degli zuccheri;• Fibra idrosolubile: è costituita prevalentemente dalla cellulosa presente nei cereali integrali e negli ortaggi ed è molto utile nel mantenimento delle corrette funzioni intestinali.
  • I cerali favoriscono l’eccesso ponderale?I cereali, in virtù del loro contenuto in carboidrati,Fate clic per modificare  costituiscono pur sempre degliil formato del testo alimenti calorici. Il lorodella struttura consumo eccessivo,  Secondo livello accompagnato a quello di altri struttura prodotti altamente energetici ed entro degli stili di vita − Terzo livello caratterizzati da un basso struttura livello di attività fisica,  Quarto livello comporta quindi, struttura inevitabilmente un aumento − Quinto ponderale e predispone livello
  • Cereali e legumi Fate clic per modificareI legumi sono ricchi  il formato del testo di: della struttura  Secondo livello• Proteine; struttura Terzo livello• Amido; − struttura• Fibra;  Quarto livello struttura• Vitamine del − Quinto livello
  • Utilizzo ottimale dei cerealiPer prevenire l’eccesso ponderale derivato dal consumo dei cereali è utile seguire alcune semplici regole:• Prestare attenzione alle quantità e alle porzioni;• Evitare di accompagnare i piatti e/o le
  • Gli zuccheriGli zuccheri li si ritrova nello  Fate clic per modificare zucchero da cucina il formato del testo (saccarosio), nel della struttura miele, nei prodotti  Secondo livello dolciari, nelle struttura bevande − Terzo livello zuccherate, in parte struttura dei cereali raffinati,  Quarto livello nella frutta, nei struttura prodotti caseari. − Quinto livello
  • Frutta e ortaggi
  • Frutta e ortaggi: caratteristiche nutrizionali Fate clic per modificareLa frutta e gli  il formato del testo ortaggi della struttura  Secondo livello contengono struttura soprattutto: − Terzo livello struttura• Vitamine;  Quarto livello struttura• Sali minerali; − Quinto livello
  • Gli antiossidantiAlla base di molte patologie cronico-degenerative, così comedello stesso invecchiamento precoce, sembra esserci ilfenomeno dello stress ossidativo, termine con il quale si indica larottura nell’organismo vivente dell’equilibrio fra la produzione elo smaltimento dei radicali liberi.Diete troppo ricche di proteine e grassi animali, eccessi alcolici,tabacco, esposizione prolungata ai raggi solari e altri stili di vitainsalubri favoriscono l’incremento dei danni ossidativi causati dairadicali liberi. Al contrario vi sono alcune sostanze nutritive,contenute soprattutto nei prodotti di origine vegetale, checontrastano l’azione dei radicali liberi.
  • Principali agenti antiossidanti• Pigmenti vegetali (polifenoli, bioflavonoidi);• Vitamine (C, E, provitamina A);• Micronutrienti ed enzimi (selenio, rame, zinco, glutatione, melatonina, acido urico, ecc.).
  • COLORI ORTAGGI E FRUTTA EFFETTI SULLA SALUTE NUTRIENTIBLU/VIOLA Melanzane, ribes, radicchio, Effetti positivi su tratto Antocianine, vit. C, uva nera, prugne, fichi, urinario, memoria e magnesio, carotenoidi, frutti di bosco. invecchiamento. Riduzione potassio, fibra. rischio patologie cardiovascolari e tumori.VERDE Spinaci, kiwi, prezzemolo, Effetti positivi su occhi, ossa e Clorofilla, carotenoidi, insalata, cetrioli, zucchine, denti. magnesio, vit. C, ac. broccoli, basilico, asparagi. Riduzione rischio tumori. folico.BIANCO Aglio, cavolfiore,cipolle, Effetti positivi su livelli di Quercetina, fibra, finocchi, mele, pere, colesterolo. potassio, vit. C, banane, funghi. Riduzione rischio patologie isotiocinati, flavonoidi, cardiovascolari e tumori. allisolfuro, selenio.GIALLO/ARANCIO Zucca, carote, peperoni, Effetti positivi su occhi, Beta-carotene, vit. C, albicocche, arance, limoni, sistema immunitario e pelle. flavonoidi, antocianine. clementine, mandarini, Riduzione rischio patologie pesche, pompelmi. cardiovascolari e tumori.
  • Razioni consigliate di frutta e ortaggiSecondo l’INRAN il consumo ottimale di fruttae ortaggi dovrebbe essere di 5-6 porz/die.Ciascuna porzione dovrebbe essere di 150 gper la frutta e 250 g per gli ortaggi (a foglia50g).Per quanto riguarda gli apporti giornalieriraccomandati di ortaggi e frutta calcolati ingrammi, questi dovrebbero rientrare fra unmin 950g/die e un max 1100 g/die. Talequantità risulta adeguata a coprire i fabbisogni
  • Regole per un consumo ottimale di frutta e ortaggi • Consumare questi prodotti crudi o comunque evitando metodi di cottura troppo lunghi. • Variare la tipologia dei prodotti consumati quanto più possibile. • Consumare possibilmente prodotti biologici, di stagione e a km 0.
  • I grassi
  • I grassi: caratteristiche nutrizionaliI grassi sono molecole organiche che  Fate clic per modificare in natura si possono trovare sia in formato del testo il forma visibile, che in forma della struttura “nascosta”.  Secondo livello strutturaCostituiscono la principale fonte di − Terzo livello energia di riserva dell’organismo e fungono da isolante termico. Il struttura tessuto adiposo, inoltre, partecipa  Quarto livello alla funzione strutturale e funge da struttura organo endocrino attraverso la − Quinto produzione e l’immissione nel livello
  • Grassi: scegli la qualità e limita la quantitàI grassi saturi sono I grassi insaturi sono contenuti in prodotti  contenutiper modificare Fate clic alimentari, il formato del testo nei prevalentemente prevalentemente di della struttura origine prodotti di origine animale, che vegetale, livello  Secondo sono più tendono ad alzare i livelli facilmente digeribili e struttura di colesterolo. comportano un aumento del − Terzo livello colesterolo piùRientrano nei seguenti struttura modesto. prodotti:  Quarto livello Rientrano nei seguenti• Burro; struttura prodotti: − Quinto• Formaggi; Oli vegetali (oliva, semi, • livello
  • Eccesso lipidico e problemi di saluteIl consumo eccessivo dei grassi, ed in  Fate clic per modificare particolare di quelli saturi, il formato del testo è associato a: della struttura  Secondo livello• Obesità e complicanze; struttura − Terzo livello struttura• Un aumento dei livelli di  Quarto livello colesterolo LDL e dei problemi a struttura carico del sistema − Quinto cardiocircolatorio; livello
  • Gli acidi grassi transSi tratta di un insieme di  Fate clic per modificare prodotti grassi il formato del testo presenti in natura in della struttura forma liquida che, per  Secondo livello poter essere spalmati, struttura vengono resi più densi − Terzo livello attraverso un struttura processo detto di  Quarto livello “idrogenazione”. struttura − Quinto livello
  • − Ottavo Gli acidi grassi essenziali livello struttura Nono livello strutturaFare clicGli Omega 3 sono contenuti: Gli Omega 6 sono contenuti: per modificare stili del• Nel pesce, in particolare testo dello schema spremuti a • Negli oli vegetali quello azzurro; modificare il  Fate clic per  Fatefreddo (mais, girasole); clic per modificare il formato del testo della formato del testo della• In alcuni prodotti vegetali struttura struttura prodotti vegetali • In alcuni (olio di lino, noci, legumi, (cereali, legumi, noci,  Secondo livello foglie verdi).  Secondo livello semi). struttura struttura Gli acidi grassi essenziali agiscono in sinergia e contribuiscono a determinare ilivello benefici: − Terzo seguenti − Terzo livello • Un abbassamento del livello del colesterolo struttura struttura totale; • Una minore incidenza del rischio di patologie cardiovascolari;  Quarto livello confronti dei radicali Quarto livello  • Un’azione di contrasto nei liberi; • struttura Una funzione energizzante; struttura • Un ruolo di contrasto nei confronti dell’artrite reumatoide. livello − Quinto livello − Quinto struttura struttura
  • L’olio extravergine d’oliva: caratteristichenutrizionali Dal punto di vista chimico l’olio d’oliva è costituito  Fate clic per modificare • il formato del testo al 99% da frazione saponificabile (Trigliceridi); della struttura • all’1% da una frazione insaponificabile (componenti minori).  Secondo livello struttura Il consumo di olio extravergine di oliva si associa a:− Terzo livello • Funzione energizzante; struttura  Quarto livello • Prevenzione delle patologie cardiovascolari; struttura • Protezione da alcune forme di tumori; − Quinto • Rallentamento del processo di invecchiamento livello
  • Regole per un consumo ottimale dei grassi• Consumare i grassi in modo moderato• Privilegiare i grassi di origine vegetale, rispetto a quelli di origine animale• Privilegiare le carni magre, rispetto a quelle grasse• Consumare regolarmente e moderatamente pesce• Evitare i grassi idrogenati• Evitare la frittura come modalità di preparazione
  • Ulteriori accorgimenti per perseguire e mantenereun buono stato di salute Dal punto di vista alimentare occorre: • Variare le scelte a tavola; • Privilegiare le proteine vegetali (2/3), rispetto a quelle animali (1/3); • Non eccedere con il consumo di sale; • Non eccedere con il consumo degli alcolici; • Bere acqua in abbondanza.
  • Grazie per l’attenzione