Your SlideShare is downloading. ×
0
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
150 anni
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

150 anni

752

Published on

Lavoro della Scuola Media Statale Alighieri/Fermi

Lavoro della Scuola Media Statale Alighieri/Fermi

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
752
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. SCUOLA MEDIA STATALE ALIGHIERI/FERMI RIMINI
  • 2. SCUOLA MEDIA STATALE ALIGHIERI/FERMI - RIMINI
  • 3. 150 anni fa l’Italia e l’Europa: la Musica racconta l’anima dei popoli… Programma <ul><li>“ Giuseppe Mazzini e Ferdinando Carulli: esuli chitarristi del Risorgimento italiano” </li></ul><ul><li>F. Carulli: Andante sostenuto </li></ul><ul><li>per chitarra solista </li></ul><ul><li>Le voci delle giubbe rosse di Giuseppe Garibaldi </li></ul><ul><li>Canto garibaldino: “ Camicia rossa” </li></ul><ul><li>per voce e pianoforte </li></ul><ul><li>Il valzer “tricolore” e il “Kaiser” Waltz: due mondi vicini ma lontani </li></ul><ul><li>2 Danze europee </li></ul><ul><li>R. Strauss: Kaiser Waltz </li></ul><ul><li>N. Rota: Valzer del Commiato </li></ul><ul><li>(dal film “Il Gattopardo”) </li></ul><ul><li>Orchestra d’archi, pianoforte, flauti, chitarre </li></ul><ul><li>Fantasia Italiana </li></ul><ul><li>Melodie popolari italiane </li></ul><ul><li>per voce, chitarre, flauti, pianoforte, tastiera, percussioni </li></ul><ul><li>L’ Inno di Mameli: “Fratelli d’Italia” </li></ul><ul><li>Musica di Novaro </li></ul><ul><li>Coro della Scuola Media “Alighieri-Fermi” ed Ensemble Cameristico </li></ul><ul><li>(flauti, chitarre, pianoforte, percussioni) </li></ul>
  • 4. <ul><li>Giuseppe Mazzini e Ferdinando Carulli </li></ul><ul><li>due Italiani esuli a Parigi </li></ul><ul><li>Un probabile incontro... </li></ul>
  • 5. <ul><li>Molti italiani incrociarono le loro esistenze fuori d'Italia durante gli anni del Risorgimento, gli interessi e le tradizioni comuni che formano l'identità di un popolo permisero spesso di ritrovare i sentieri degli intellettuali esuli nelle città d'Europa </li></ul>
  • 6. <ul><li>Oggi vi racconteremo brevissimamente come l'amore per la chitarra </li></ul><ul><li>permise probabilmente l'incontro di due italiani a Parigi tra il 1831 e 1833 </li></ul>
  • 7. Giuseppe Mazzini 1805 - 1872 fu un assiduo amatore della chitarra che suonò per tutta la sua vita, essa fu sua compagna nell'esilio, motore della memoria della tradizione musicale melodica italiana
  • 8. <ul><li>La chitarra appartenuta a Giuseppe Mazzini fu del liutaio celeberrimo italiano Gennaro Fabricatore, Napoli, </li></ul><ul><li>Strada San Giacomo n. 42, 1821 </li></ul><ul><li>Oggi è proprietà dell’Istituto Mazziniano del Comune di Genova </li></ul>
  • 9. <ul><li>Ferdinando Maria Meinrado Francesco Pascale Rosario Carulli </li></ul><ul><li>( Napoli , 9 febbraio 1770 – Parigi , 17 febbraio 1841 ) </li></ul><ul><li>pur essendo stato uno dei più importanti compositori italiani di musica strumentale del XIX secolo dovette produrre la sua attività artistica al di fuori dell'Italia per potere affermarsi. </li></ul><ul><li>Come usualmente succedeva per molti italiani già nel secolo precedente visse al di fuori della sua patria diffondendo la musica italiana in Europa. </li></ul><ul><li>Si trasferì a Parigi nel 1808 dove rimase fino alla morte. </li></ul>
  • 10. <ul><li>Giuseppe Mazzini fu esule a Parigi dal 1831 al 1833, negli stessi anni a Parigi viveva e insegnava anche Ferdinando Carulli </li></ul><ul><li>considerato nella capitale francese come il massimo chitarrista vivente. </li></ul><ul><li>A Parigi Carulli intrattenne rapporti artistici anche con un altro celeberrimo italiano, Nicolò Paganini genovese di nascita </li></ul><ul><li>come Giuseppe Mazzini </li></ul><ul><li>La musica strumentale di Carulli come quella di Paganini trasporta sullo strumento la tradizione della cantabilità italiana trasformando la chitarra (che suonava anche Paganini) in una memoria di voci lontane...voci dell'esilio... </li></ul><ul><li>voci dall'esilio... </li></ul>
  • 11. Casuali Incroci… <ul><li>Giuseppe Mazzini nasce Genova </li></ul><ul><li>Nicolò Paganini nasce a Genova </li></ul><ul><li>Giovan Battista Fabricatore nasce e vive a Napoli </li></ul><ul><li>Ferdinando Carulli nasce a Napoli dove si forma musicalmente </li></ul><ul><li>Nicolò Paganini oltre la chitarra suona il violino </li></ul><ul><li>Ferdinando Carulli assiste al concerto di Paganini a Parigi </li></ul><ul><li>La chitarra di Giuseppe Mazzini è del napoletano G.B.Fabricatore </li></ul><ul><li>Napoli – Genova - Napoli </li></ul><ul><li>Le due città continuano ad intrecciare le loro storie e il loro artigianato portandone le memorie a Parigi </li></ul>
  • 12. <ul><li>Oggi, nel ricordo dell'unità d'Italia, dedicheremo la musica di Ferdinando Carulli all'amore che uno dei fondatori della nostra patria, Giuseppe Mazzini, ebbe per la chitarra e la musica. </li></ul><ul><li>Ascolterete: </li></ul><ul><li>Andante con Moto op.320 </li></ul><ul><li>di Ferdinando Carulli </li></ul><ul><li>Giuseppe Mazzini scrisse nel 1836 un saggio intitolato: </li></ul><ul><li>Filosofia della Musica </li></ul>
  • 13. leggeremo quattro brevi stralci mazziniani dalla Filosofia della Musica di Giuseppe Mazzini come introduzione evocativa dell'Andante op.320 di Ferdinando Carulli <ul><li>“ Chi scrive non sa di musica, se non quanto gl'insegna il cuore, o poco piú; ma nato in Italia, ove la musica ha patria, e la natura è un concerto, e l'armonia s'insinua nell'anima colla prima canzone che le madri cantano alla culla dei figli, egli sente il suo diritto, e scrive senza studio, come il core gli detta, quelle cose che a lui paiono vere e non avvertite finora, pure urgenti a far sí che la musica e il dramma musicale si levino a nuova vita dal cerchio d'imitazioni ove il genio s'aggira in oggi costretto, inceppato dai maestri e dai trafficatori di note.” </li></ul><ul><li>Giuseppe Mazzini Filosofia della Musica 1836 </li></ul>
  • 14. <ul><li>“ ...Ma, nella musica, dove, come ho detto, l'azione della legge generale non fu mai avvertita, né indagata, né sospettata, siffatte tendenze riescono pure piú evidenti ch' altrove. La melodia e l'armonia sono i due elementi generatori. La prima rappresenta l'Individualità, l'altra il pensiero sociale. E nell'accordo perfetto di questi due termini fondamentali d'ogni musica -- poi nella consacrazione di questo accordo a un sublime intento, ad una santa missione -- sta il segreto dell'Arte, il concetto della musica europea davvero che noi tutti, consci o inconsci, invochiamo. ...” </li></ul><ul><li>Giuseppe Mazzini Filosofia della Musica 1836 </li></ul>
  • 15. <ul><li>“ ... Oggi alle due tendenze che fan perno dell'uno o dell'altro di quegli elementi, corrispondono due scuole, due campi, anzi due zone distinte: il nord ed il mezzogiorno; la musica germanica e l'italiana. D'altra musica esistente per sé, e indipendente nel concetto vitale da queste due, non so: né credo ch' altri, comunque illuso da vanità di paese, possa trovarne. ...” </li></ul><ul><li>Giuseppe Mazzini Filosofia della Musica 1836 </li></ul><ul><li>“ ...La musica italiana è in sommo grado melodica. ...” </li></ul><ul><li>Giuseppe Mazzini Filosofia della Musica 1836 </li></ul>
  • 16. <ul><li>Giuseppe Garibaldi </li></ul><ul><li>Nizza 4 luglio 1807 – Caprera 2 giugno 1882 </li></ul>
  • 17. 150 anni fa l’Italia e l’Europa: la Musica racconta l’anima dei popoli… Programma <ul><li>“ Giuseppe Mazzini e Ferdinando Carulli: esuli chitarristi del Risorgimento italiano” </li></ul><ul><li>F. Carulli: Andante sostenuto </li></ul><ul><li>per chitarra solista </li></ul><ul><li>Le voci delle giubbe rosse di Giuseppe Garibaldi </li></ul><ul><li>Canto garibaldino: “ Camicia rossa” </li></ul><ul><li>per voce e pianoforte </li></ul><ul><li>Il valzer “tricolore” e il “Kaiser” Waltz: due mondi vicini ma lontani </li></ul><ul><li>2 Danze europee </li></ul><ul><li>R. Strauss: Kaiser Waltz </li></ul><ul><li>N. Rota: Valzer del Commiato </li></ul><ul><li>(dal film “Il Gattopardo”) </li></ul><ul><li>Orchestra d’archi, pianoforte, flauti, chitarre </li></ul><ul><li>Fantasia Italiana </li></ul><ul><li>Melodie popolari italiane </li></ul><ul><li>per voce, chitarre, flauti, pianoforte, tastiera, percussioni </li></ul><ul><li>L’ Inno di Mameli: “Fratelli d’Italia” </li></ul><ul><li>Musica di Novaro </li></ul><ul><li>Coro della Scuola Media “Alighieri-Fermi” ed Ensemble Cameristico </li></ul><ul><li>(flauti, chitarre, pianoforte, percussioni) </li></ul>
  • 18.  

×