Your SlideShare is downloading. ×
Newsletter sui Percorsi di Educazione Finanziaria: La Pianificazione. 16/01/2014
Newsletter sui Percorsi di Educazione Finanziaria: La Pianificazione. 16/01/2014
Newsletter sui Percorsi di Educazione Finanziaria: La Pianificazione. 16/01/2014
Newsletter sui Percorsi di Educazione Finanziaria: La Pianificazione. 16/01/2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Newsletter sui Percorsi di Educazione Finanziaria: La Pianificazione. 16/01/2014

290

Published on

Giorno 16 Gennaio: si è svolto il terzo degli incontri a tema denominati “percorso di educazione finanziaria” al teatro politeama Garibaldi di Palermo. …

Giorno 16 Gennaio: si è svolto il terzo degli incontri a tema denominati “percorso di educazione finanziaria” al teatro politeama Garibaldi di Palermo.
Abbiamo parlato di pianificazione finanziaria la ricetta ideale per costruire un futuro sereno.

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
290
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  1. MAURIZIO NICOSIA– PFB Newsletter sui Percorsi di educazione finanziaria La pianificazione finanziaria-elementi per orientarsi nel mondo del riparmio e tutelareil patrimonio Giorno 16 Gennaio,,nella splendida sala Gialla del Politeama Garibaldi di Palermo, abbiamo affrontato il terzo dei temi del percorso di educazione finanziaria : la pianificazione finanziaria. Quali sono le corrette regole del risparmio per raggiungere al meglio i propri obiettivi di vita. In prima analisi abbiamo parlato di che cosa generalmente induce il risparmiatore a fare le scelte di investimento . Abbiamo convenuto che storicamente si sono sempre seguite le mode del momento sull’onda emotiva della ricerca del risultato immediato. Ma le mode essendo passeggere ed effimere hanno prodotto spesso risultati disastrosi e spinti dalla ricerca di guadagni facili i patrimoni sono andati dispersi. Allora occorre seguire tre regole auree: partire dalle proprie esigenze per determinare la corretta durata dell’investimento; conosce- re il rischio finanziario del proprio investimento inteso come oscillazione o scostamento dell’investimento rispetto al rendimento atteso; determinare il rendimento medio desiderato in funzione del grado di rischio od oscillazione che vogliamo assumere. Il tempo è come il vino stabilizza il rendimento: più tempo passa più l’investimento si avvicinerà al rendimento atteso; Il rischio finanziario quando l’investimento è diversificato in modo corretto (cd.rischio sistemico)è misurabile statisticamente; Ad ogni rendimento atteso corrisponde un livello di rischio: conoscerlo.è indispensabile per evitare brutte sorprese al verificarsi di eventi negativi.Queste semplici regole quando applicate determinano la consapevolezza che due soggetti della stessa età con le stesse disponibilità avendo situazioni familiari diverse hanno esigenze diverse, capacità di assumere rischi diversi e pertanto una corretta pianificazione delle lro esigenze porta a soluzioni di investimento completamente diverse. Inoltre la pianificazione delle esigenze porta ad un corretto equilibrio della distribuzione delle proprie risorse rispetto al tempo. Questo induce ciascuno di noi a prepararsi ed a costruirsi un futuro più sereno. Infine la pianificazione determina un assunto : nessuno strumento finanziario è valido in assoluto. L’insieme degli strumenti composto in modo adeguato rispetto agli obiettivi di tempo, rischio e rendimento determinano il risultato migliore .Ci siamo comportati così con i nostri risparmi? Il passaggio generazionale 30 Gennaio Sala Gialla Politeama Garibaldi 17,45 Conosciamo la normativa in termini di passaggio generazionale? Quai strumenti si possono utilizzare per ottimizzare al meglio il passaggio? Quali imposte si subuscono e quali sono i beni esenti? A queste domande cercheremo di dare una risposta nel corso del terzo appuntamento del percorso di educazione finanziaria quello relativo al passaggio generazionale.Ciascuno di noi ha l’esperienza per capire che i cambiamenti intercorsi nella società, nella fami- glia e nella normativa degli ultimi anni inducono ad assumere decisioni in merito all’argomento che fino a qualche tempo addietro sembravano distanti. Cosa possiamo fare per consentire un sereno passaggio dei nostri beni? Come possiamo salvaguardare chi ci sta a cuore? lo scopriremo durante la serata grazie anche alle domande che scaturiranno dal consueto confronto finale che caratterizza i nostri incontri.. Per iscrizioni 091 6124336 maurizio.nicosia@promozionefinnziaria.mps.it Volume 1, Numero 1II 16/01/2014
  2. Pagina 2 Newsletter sui Titolo brano interno Questo brano può contenere 150-200 parole. brevi oppure includere un programma degli eventi o un'offerta speciale per un nuovo prodotto. È inoltre possibile ricercare articoli specifici oppure trovare articoli di “supporto” nel World Wide Web. Nonostante lo scopo principale di un notiziario sia quello di vendere un prodotto o un servizio, un notiziario di successo deve innanzitutto interessare i lettori. Didascalia dell'immagine o della fotografia L'utilizzo di un notiziario come strumento promozionale consente di riutilizzare il contenuto di altro materiale, ad esempio comunicati stampa, studi specifici e rapporti. In Microsoft Publisher è infatti possibile convertire un notiziario in una pubblicazione per il Web. In questo modo, al termine della creazione del notiziario, sarà sufficiente convertirlo in un sito Web e pubblicarlo. È consigliabile scrivere articoli “Per attirare l'attenzione del lettore, inserire qui un richiamo o una frase tratta dal testo.” Titolo brano interno Questo brano può contenere 100-150 parole. Gli articoli di un notiziario possono essere di qualsiasi tipo, ad esempio articoli sulle nuove tecnologie. È inoltre possibile descrivere tendenze economico-finanziarie o previsioni che possono risultare utili ai lettori. Se il notiziario viene distribuito internamente, è possibile inserire commenti sull'introduzione di nuove procedure o informazioni sul fatturato. In alcuni notiziari è presente una colonna che viene aggiornata in ogni numero, ad esempio per consigli, recensioni di libri, lettere dei lettori o un editoriale, oppure per la presentazione di Titolo brano interno Questo brano può contenere 75125 parole. Didascalia dell'immagine o della fotografia La selezione di immagini ed elementi grafici è un passaggio importante in quanto questi elementi consentono di aggiungere impatto alla pubblicazione. Analizzare l'articolo e valutare se le immagini inserite sono coerenti con il messaggio che si desidera trasmettere. Evitare immagini che risultino fuori contesto. In Microsoft Publisher sono disponibili migliaia di immagini ClipArt, nonché numerosi strumenti che consentono di disegnare forme e simboli. Dopo aver scelto l'immagine corretta, posizionarla accanto all'articolo e inserire una didascalia. nuovi dipendenti o nuovi clienti.
  3. Pagina 3 Volume 1, Numero 1II Titolo brano interno Questo brano può contenere 150-200 parole. gramma degli eventi o un'offerta speciale per un nuovo prodotto. L'utilizzo di un notiziario come strumento promozionale consente di riutilizzare il contenuto di altro materiale, ad esempio comunicati stampa, studi specifici e rapporti. È inoltre possibile ricercare articoli specifici oppure trovare articoli di “supporto” nel World Wide Web. Nonostante lo scopo principale di un notiziario sia quello di vendere un prodotto o un servizio, un notiziario di successo deve innanzitutto interessare i lettori. In Microsoft Publisher è infatti possibile convertire un notiziario in una pubblicazione per il Web. In questo modo, al termine della creazione del notiziario, sarà sufficiente convertirlo in un sito Web e pubblicarlo. Didascalia dell'immagine o della fotografia È consigliabile scrivere articoli brevi oppure includere un pro- Titolo brano interno Questo brano può contenere 100-150 parole. Gli articoli di un notiziario possono essere di qualsiasi tipo, ad esempio articoli sulle nuove tecnologie. È inoltre possibile descrivere tendenze economico-finanziarie o previsioni che possono risultare utili ai lettori. Se il notiziario viene distribuito internamente, è possibile inserire commenti sull'introduzione di nuove procedure o informazioni sul fatturato. “Per attirare l'attenzione del lettore, inserire qui un richiamo o una frase tratta dal testo.” In alcuni notiziari è presente una colonna che viene aggiornata in ogni numero, ad esempio per consigli, recensioni di libri, lettere dei lettori o un editoriale, oppure per la presentazione di nuovi dipendenti o nuovi clienti. Titolo brano interno Questo brano può contenere 75125 parole. La selezione di immagini ed elementi grafici è un passaggio importante in quanto questi elementi consentono di aggiungere impatto alla pubblicazione. Analizzare l'articolo e valutare se le immagini inserite sono coerenti con il messaggio che si desidera trasmettere. Evitare immagini che risultino fuori contesto. In Microsoft Publisher sono disponibili migliaia di immagini ClipArt, nonché numerosi strumenti che consentono di disegnare forme e simboli. Dopo aver scelto l'immagine corretta, posizionarla accanto all'articolo e inserire una didascalia. Didascalia dell'immagine o della fotografia
  4. Nome società Indirizzo ufficio 1 Indirizzo 2 Tel.: 555-555 5555 Fax: 555-555 5555 Indirizzo 3 Posta elettronica: Indirizzo 4 prova@example.com Organizzazione Slogan aziendale Inserire qui una breve descrizione dell'organizzazione, includendo la data di fondazione e un profilo cronologico. È inoltre possibile inserire un elenco dei tipi di prodotti, servizi o programmi offerti, l'area geografica servita e un profilo dei tipi di clienti o membri. È consigliabile specificare il nome di un referente per quei lettori che desiderano ricevere ulteriori informazioni sull'organizzazione. Titolo brano facciata posteriore Questo brano può contenere 175-225 parole. Didascalia dell'immagine o della fotografia Se il notiziario verrà ripiegato e quindi spedito per posta, questo articolo apparirà sulla facciata posteriore. Per tale motivo, è consigliabile che il testo sia di facile lettura e attiri l'attenzione del lettore. Ideale per questo tipo di spazio è un elenco di domande e risposte che interessi i lettori. È inoltre possibile rispondere alle domande ricevute dai lettori oppure proporre una risposta generica ai quesiti posti più di frequente. Per conferire al notiziario un aspetto personale, inserire l'elenco dei nomi e degli incarichi dei responsabili. Se l'organizzazione è piccola, inserire l'elenco dei nomi di tutti i dipendenti. Se sono disponibili i prezzi di prodotti o servizi standard, includerne un elenco dei più significativi. È inoltre possibile menzionare i mezzi di comunicazione più avanzati adottati dalla organizzazione. Questo spazio potrebbe inoltre essere utilizzato per ricordare ai lettori eventi di particolare interesse, ad esempio un seminario di aggiornamento. Per occupare tutto lo spazio disponibile, inserire un'immagine ClipArt oppure un altro tipo di elemento grafico. Siamo su Internet! example.com

×