Bortoletti, etica, transparency international, verona, 22 marzo 2010

267 views

Published on

Cost of corruption in Italy.
The estimate of “… 50/60 billion euro as the cost of corruption, 1000 euro per capita, including the newborn…” is incorrect. The author who submitted this estimate has only considered a part of the “Kauffman Report” 2004 of the World Bank, from which it can be deduced that the cost of corruption in the world amounts to about 3% of the world GDP: hence, according to the author, the 50/60 billion euro amounting to 3% of the Italian GDP.
However, the author has neglected carrying on reading to the passage where the World Bank itself states that: “…First, as shown clearly by the data, the scale of corruption varies significantly from country to country…": this would have been sufficient to avoid a serious mistake, which then became a very serious mistake due to a paradoxical ECO EFFECT, which revived this estimate without any assessment and, in some instances, even assuming higher costs.
Furthermore, from the very text of the World Bank – indicating 3% as overall cost of corruption in the world GDP - emerges that “…the $1 trillion figure, calculated using 2001-02 economic data compares with an estimated size of the world economy at that time of just over US$30 trillion, Kaufmann says, ...”: Italy, therefore, still according to the author of this calculation having no scientific background, would eventually answer for 10% (50/60 billion euro) of the worldwide cost of corruption (1,000 billion US dollar worldwide, amounting to about 700 billion euro).
There is no need to comment on this data.

Published in: Economy & Finance
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
267
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bortoletti, etica, transparency international, verona, 22 marzo 2010

  1. 1.   Liceo Scientifico “Angelo MESSEDAGLIA” Verona, 22 marzo 2010 I VALORI ETICI IN UNA SOCIETA’ RESPONSABILE Maurizio Bortoletti Consigliere del Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione
  2. 2. I termini del problema dalla Rassegna stampa di sabato 21 marzo 2010
  3. 3. I termini del problema
  4. 4. Percezione della estensione della corruzione o di altri illeciti nella pubblica amministrazione nazionale. Cittadini che dichiarano di aver ricevuto la richiesta di una tangente negli ultimi 12 mesi. CITIZENS’ PERCEPTIONS OF FRAUD AND THE FIGHT AGAINST FRAUD IN THE EU 27 Indagine richiesta dall’European Anti-Fraud Office e realizzata dalla Gallup Organization ( consultabile su http://ec.europa.eu ).
  5. 5. 1.  Tra le aziende analizzate la media è di 17 punti su 50. 2.  L’Italia si posiziona sopra la media mondiale davanti a Paesi come Germania, Svezia, Francia, Belgio. TRAC - Transparency in Reporting on Anti-Corruption
  6. 6. La morfologia della corruzione 2004 2005 2006 2007 2008 I sem. 2009 Delitti registrati 3.403 3.552 5.499 3.368 3.317 1372 Persone denunciate F M F M F M F M F M F M 2.774 9.708 2.914 10.611 5.634 14.342 3.516 10.844 2.918 10.486 1638 3936 12.482 13.525 19.976 14.360 13.404 5574 Fonte : Sistema di Indagine del Ministero dell’Interno.
  7. 7. La morfologia della corruzione 2004 2005 2006 2007 2008 I sem. 2009 corruzione (art. 318, 319, 320 cp) 158 126 112 128 140 44 concussione (art. 317 cp) 138 115 80 130 135 58 peculato (art. 314 cp) 273 279 243 270 272 133 abuso d’ufficio (art. 323 cp) 1016 1051 935 1097 1.134 475 truffa per il conseguimento … ( art.640 bis cp) 824 893 2.725 778 737 336 indebita percezione (art. 316 ter cp) 462 598 858 393 334 99 Fonte : Sistema di Indagine del Ministero dell’Interno. ANALISI: La reale minaccia proviene da REATI di tipo PREDATORIO rispetto a fondi/ finanziamenti pubblici COMMESSI DA CHIUNQUE. Le denunce per la violazione degli artt. 640 bis e 316 ter c.p. sono: •  nel 2004, 1.276 sui 3.403 delitti totali registrati, il 38 % ; •  nel 2005, 1.491 sui 3.552, il 42 %; •  nel 2006, 3.583 sui 5.449, il 66 %: •  nel 2007, 1.171 sui 3.368, il 35 %, •  nel 2008, 1.071 sui 3.317, il 32%, •  nel I semestre del 2009, 435 sui 1372, il 31,7%.
  8. 8. La mappatura della corruzione: dati dalla Corte dei Conti IMPORTI DELLE CITAZIONI IN GIUDIZIO DELLE PROCURE REGIONALI, PER TIPOLOGIA DI EVENTO DANNOSO. ANNO 2008. € 57.607.164,42 € 1.386.038.981,65 € 36.859.370,20 € 139.297.932,34 € 578.637,80 € 394.505,17 € 69.013.083,11 € 1,00 € 10.000,00 € 100.000.000,00 € 1.000.000.000.000,00 PERSONALE (Consulenze) MALADMINISTRATION ALTRETIPOLOGIE EROGAZIONE CONTRIBUTIE FINANZIAMENTI- FRODICOMUNITARIE INCIDENTI DANNO ALL'IMMAGINE CORRUZIONE, TANGENTI, CONCUSSIONEED ALTRIREATI Fonte : allegato V alla Relazione scritta del Procuratore generale, cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario, Adunanza dell’11 febbraio 2009. Il “problema corruzione”, seppure considerato insieme ad altri reati contro la P.A., pesa il 4% del totale degli importi delle citazioni in I grado: i 69 Meuro del 2008 restano stazionari nel 2009 E’ chiarissima l’importanza del dato relativo alla maladministration: l’82% degli importi fa riferimento a questa macroarea. Quasi il 10% invece fa riferimento a reati che hanno inciso sulla corretta allocazione di fondi e finanziamenti pubblici, nazionali e comunitari commessi da CHIUQUE. Slide 6
  9. 9. 568 290 246 113 159 103 96 130 111 125 109 84 0 100 200 300 400 500 600 2004 2005 2006 Corruzione Concussione Istigazione alla Corruzione Abuso d'Ufficio Fonte : Istat. Nei dati forniti dall’Istat, e qui pubblicati, vi è l’indicazione dell’assenza dalla rilevazione di quelli relativi al Distretto di Torino. Le statistiche giudiziarie o della criminalità Relativamente al delitto d i A B U S O D’UFFICIO, norma residuale e di chiusura del sistema, emerge il “costo” annuale per il Paese, in termini di risorse finanziarie ed umane impiegate, tra il rilevante numero di denunce che emerge dall’attività delle Forze di Polizia e il numero di condanne. Numero di persone condannate. Slide 4
  10. 10. Slide 7 Molta confusione a danno del Paese Il tema della corruzione è evocativo ed eclatante, ed è naturale utilizzarlo con termini quali “allarme” ed “emergenza”, alimentando una nebbia nella quale NESSUNO distingue tra: 1.  l’infedeltà del dipendente pubblico, che è alla base di gravi delitti (corruzione, concussione e peculato), 2.  la cattiva amministrazione (la cd. maladministration), l’inefficienza della PA, 3.  la congerie di condotte criminali tentate o consumate da chi, il più delle volte privato cittadino, ha scambiato la Pubblica Amministrazione, disattenta e indifesa, per un bancomat senza plafond. La percezione della corruzione, quella comunicata annualmente da Transparency International: 1.  NON è una misurazione del livello di corruzione di un Paese, 2.  NON consente di stilare classifiche e graduatorie; 3.  NESSUNO dice che la stessa Transparency segnala una INTRINSECA IMPRECISIONE del suo Indice : “… la deviazione standard e il numero delle fonti utilizzate per la costruzione dell’indice. Queste informazioni servono per evidenziare che vi è una intrinseca imprecisione. Inoltre viene fornita l’informazione del range tra il valore più basso/più alto.…”, con l’Italia che fa segnare abitualmente una deviazione standard tra le più elevate, chiaro indicatore di un sostanziale disaccordo tra le diverse fonti e, quindi, una significativa imprecisione della misurazione.
  11. 11. Il cd. numero oscuro: cautele nella lettura delle statistiche della delittuosità Il numero dei reati registrati rappresenta solo una parte di quelli effettivamente consumati: le statistiche della delittuosità e della criminalità fotografano, quindi, quella che possiamo definire “criminalità apparente” o registrata, considerato che la rilevazione non “percepisce”, per diverse ragioni, un numero più o meno rilevante di reati che compongono il sommerso della criminalità, il cd. numero oscuro. Il numero oscuro varia sensibilmente da reato a reato, e anche all’interno della stessa tipologia delittuosa: è pari a zero per i furti di beni mobili registrati o quelli coperti da assicurazione ( auto e moto), è elevatissimo nel caso di furti di beni di modico valore. In tema di reati contro la PA, in particolare, emerge una ulteriore difficoltà nella misurazione del dato: questi delitti sono in larga parte “reati senza vittima”, caratterizzati cioè dal fatto che manca il tipico vettore della denuncia, nel senso che non vi è una vittima, persona fisica o giuridica, che, quale soggetto passivo, può presentare una denuncia alle Forze di Polizia, facilitando, quindi, la rilevazione e l’intervento sulla condotta criminale. E’ evidente, con immediatezza, che tanto più si enfatizza questo “dato nascosto”, tanto più risulta facile muoversi lungo altre piste rispetto a quelle che emergono dall’analisi del dato statistico. Slide 5
  12. 12. LA TRASPARENZA UCCIDE LA CORRUZIONE • Il ddl 1 marzo 2010 • Patti di integrità • l’attività con l’AVCP: • Osservatorio - Fascicolo d’impresa - Il registro degli esperti MERITOCRAZIA, EFFICIENZA, RESPONSABILITA’ DIRIGENZIALE RIDUCONO MALADMINISTRATION E OCCASIONI DI ILLECITO • La Riforma Brunetta ( legge 15/2009 e dlgs 150/2009) • La lotta all’assenteismo • Consulenze, incarichi, stipendi e cv on line CONTROLLI E MODELLO REPUTAZIONALE • e bay - World Bank Listing of Ineligible Firms • focus su amministrazioni sciolte per infiltrazione mafiosa e truffe fondi comunitari INNOVARE, per prevenire la corruzione
  13. 13. IL PATTO DI INTEGRITÀ COME OPERA IL PATTO DI INTEGRITÀ 1.  viene recepito tramite l’inclusione di clausole negli avvisi e nei bandi di gara; 2.  la sottoscrizione diventa obbligatoria per la partecipazione alle gare pubbliche; 3.  tale sottoscrizione ha valore di obbligo giuridico e morale al fine di prevenire tutti gli atti di corruzione e comunque tutti gli atti in contrasto con le regole di libero mercato e di trasparenza amministrativa; 4.  la mancata sottoscrizione dell’impegno comporta l’automatica esclusione dalla gara per il concorrente; 5.  lo sottoscrivono anche i dirigenti dedicati alle gare. 6.  l’EELL si impegna a rendere pubblici i dati più rilevanti riguardanti la gara, rendendo trasparente e facilmente controllabile e conoscibile il procedimento. NEL CASO DI MANCATO RISPETTO DEGLI IMPEGNI ASSUNTI il concorrente accetta che possano essergli applicate specifiche sanzioni, fino alla estromissione dalla gara. IL PATTO DI INTEGRITÀ
  14. 14. PATTI DI INTEGRITA’ da una IDEA di Transparency International è un accordo tra stazione appaltante e imprese partecipanti soluzione a costo zero, per prevenire la corruzione migliora il sentiment di chi partecipa alle gare È una opportunità, in un momento di crisi nel quale riemerge il tema etico favorisce una maggiore concorrenza … ma vi sono diverse soluzioni alternative IL PROTOCOLLO SOTTOSCRITTO
  15. 15. IL PATTO DI INTEGRITÀIL PATTO DI INTEGRITÀ: le alternative IL MODELLO SUA Sono clausole contrattuali che gli operatori economici saranno chiamati a sottoscrivere, pena la inammissibilità della loro offerta. Le clausole contrattuali, comunque previste dalle norme nazionali e regionali in vigore, che saranno espressamente richiamate negli atti di gara della SUA saranno le seguenti. CLAUSOLE CONTRATTUALI 1 – DENUNCIA DEI TENTATIVI DI REATO 2 - INFORMAZIONI INTERDITTIVE 3 - TUTELA DEL LAVORO E SICUREZZA 4 - TRACCIABILITÀ DEI PAGAMENTI E TRASPARENZA DEI SUBCONTRATTI IMPEGNI SUA NELLA GESTIONE DELLE PRECEDURE Oltre alla applicazione delle clausole contrattuali richiamate, che gli operatori economici saranno chiamati a sottoscrivere come condizione necessaria per la ammissibilità della loro offerta, vi è l’impegno a gestire tutte le procedure di gara di propria competenza assumendo i seguenti impegni. 1 - REGOLARITÀ E CREDIBILITÀ DELLE OFFERTE 2 - COLLEGAMENTI E CONTROLLO DEI REQUISITI 3 – PERSEGUIMENTO INTERESSI SOCIALI
  16. 16. Grazie per l’attenzione Dipartimento della Funzione Pubblica Servizio Anticorruzione e Trasparenza Maurizio Bortoletti telefono : 0668997552 m.bortoletti@governo.it

×