Your SlideShare is downloading. ×

Psoriasi fattori scatenanti: l'alternativa naturale - "L’equilibrio dell’ecosistema intestinale e il suo rapporto con la salute"

3,749
views

Published on

Presentazione del Dott. Maurizio Salamone, biologo, al 2° convegno del gruppo "Psoriasi fattori scatenanti: l'alternativa naturale". La presentazione dal titolo "L’equilibrio dell’ecosistema …

Presentazione del Dott. Maurizio Salamone, biologo, al 2° convegno del gruppo "Psoriasi fattori scatenanti: l'alternativa naturale". La presentazione dal titolo "L’equilibrio dell’ecosistema intestinale e il suo rapporto con la salute" affronta le tematiche della permeabilità intestinale, la leaky gut syndrome, il microbiota intestinale, il ruolo dei nutrienti ed il loro rapporto con la salute generale, della pelle ed in particolare nei pazienti affetti da psoriasi.

Published in: Health & Medicine

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
3,749
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
23
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • La leaky gut syndrome promuove un invecchiamento precoce attraverso la disregolazione di funzioni fondamentali del nostro organismo quali la risposta immunitaria e infiammatoria, l’interferenza con il metabolismo energetico e dei carboidrati, la produzione di sostanze regolatorie e neurotrasmettitori. Questi processi si instaurano gradualmente per cui c’è ampio spazio per un intervento terapeutico prima che i danni organici diventino irreversibili.
  • Il microbioma intestinale contiene oltre mille specie (1014 cellule) di batteri + virus e funghi.Le cellule di batteri presenti nel nostro intestino sono 1000 volte piu’ numerosedelle cellule umane dell’intero organismo
  • Fos e Inuline per esempio sono molecole molto lunghe che vengono metabolizzate dai batteri per formare butirrato, una fonte energetica per gli enterociti.
  • Il ruolo della Vitamina D per il mantenimento e la modulazione della riposta immunitaria viene studiato da oltre 20 anni anche se solo recentemente sono emerse evidenze sciaccianti con la definizione degli esatti meccanismi e mediatori dell'azione della vitamina/ormone.Nelle linee guida italiane per la prevenzione ed il trattamento delle Ipovitaminosi D  Reumatismo 2011 (3) leggiamo “E’ nota la capacità della vitamina D di modulare l’attività del sistema immunitario attraverso azioni esercitate sui linfociti B e T e sulle cellule della linea monocito-macrofagica”. Nell’immagine di sinistra, tratta da una review del 2012 (2) vengono riassunti gli effetti della Vitamina D sulle differenti cellule del sistema immunitario.  Ricordiamo che l'azione piu' importante è quella legata all'attivazione dei linfociti B che è Vit D dipendente. Nell’immagine di destra, tratta da una review della Mayo Clinic 2013 (1) le cause più frequenti di carenza di vitamina D.
  • L’effetto della Vitamina D a livello di regolazione genica e programmazione fetale epigenetica potrebbe spiegare i suoi benefici generalizzati sulla salute in tutto l’arco della vita (2)
  • Transcript

    • 1. Milano 30 Novembre 2013 “L’equilibrio dell’ecosistema intestinale e il suo rapporto con la salute” Dott. Maurizio Salamone, biologo e naturalista Sales support expert/product specialist
    • 2. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Risposta immunitaria • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 3. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Risposta immunitaria • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 4. Salute come stato di equilibrio tra i pricipali sistemi funzionali dell’organismo Produzione di energia cellulare e meccanismi di riparazione del materiale genetico Ecosistema intestinale Sistema immunitario Infiammazione Funzione detossicante epatica Gestione dello stress ossidativo Identità personale e attività psichica
    • 5. I sistemi omeostatici si influenzano a vicenda in maniera rilevante Produzione di energia cellulare e meccanismi di riparazione del materiale genetico Ecosistema intestinale Sistema immunitario Infiammazione Funzione detossicante epatica Gestione dello stress ossidativo Identità personale e attività psichica
    • 6. L’espressione del potenziale genetico individuale e quindi anche lo stato di salute dipendono dalle predisposizioni Intossicanti genetiche ma soprattutto Geni dallo STILE DI VITA Ambiente Potenziale genetico Attività fisica Professione Nutrizione
    • 7. Cosa significa salute intestinale ? Un ecosistema intestinale in equilibrio… Microbiota Sistema immunitario Epitelio
    • 8.   Un ecosistema intestinale in equilibrio… Che possa assicurare le funzioni intestinali le funzioni intestinali Le funzioni digestive Le funzioni di difesa immunitaria Le funzioni di informazione e di regolazione sistemica
    • 9. Le diverse funzioni intestinali Alimento Digestione Assorbimento dei nutrienti e micronutrienti Crescita Metabolismo Difesa Tolleranza immune Prevenzione Delle infezioni Prevenzione dell'allergia Informazione e regolazione sistemica Omeostasi Comportamento
    • 10. Funzione Immunitaria L’intestino è il nostro “secondo cervello” ed “il piu’ grosso organo del nostro sistema immunitario” (con il 60% delle cellule immunitarie dell’intero organismo).
    • 11. L’epitelio intestinale  Una importante superficie di scambio  Villosità  Un solo strato di cellule  Giunzioni intercellulari
    • 12. Ecosistema, sinergia e interazioni
    • 13. Zoom su …l’epitelio intestinale Lume intestinale Strato di mucoo Giunzioni serrate Barriera epiteliale Enterocita Lamina propria - Sistema nervoso enterico Cellula dendritica Linfociti - Sistema immunitario - Sistema endocrino Gangli mesenterici
    • 14. Le giunzioni serrate
    • 15. Mucosa intestinale Microvilli Giunzione serrata
    • 16. La permeabilità selettiva  La permeabilità fisiologica è selettiva  PASSANO i nutrienti, micronutrienti, ioni, acqua…  NON PASSANO: macromolecole, batteri, lieviti, LPS, antigeni,
    • 17. Una permeabilità di 2 tipi La permeabilità selettiva Transcellulare Para cellulare Trasporto di soluti Fessure intercellulari della mucosa Membrana apicale e basale Ruolo delle giunzioni
    • 18. In definitiva: una permeabilità complessa Muco Enterocita Microbiota Complesso giunzionale
    • 19. “Qualsiasi progresso della gastroenterologia nei prossimi 10 anni dovrà passare dalla conoscenza e dal controllo della permeabilità intestinale”. Prof. A. Gasbarrini – Cattedra di Epatologia e Gastroenterologia del Policlinico Gemelli di Roma – Congresso FISMAD 2012 “Simposio sulla Funzione di Barriera Intestinale” La funzione di barriera intestinale rappresenta un obiettivo terapeutico prioritario
    • 20. Diregolazione risposta immunitaria Aumento rischio CV Infiammazione Disregolazione metabolica LEAKY GUT SYNDROME AGING PRECOCE Disturbi neurologici Obesità
    • 21. Leaky gut e Malattie infiammatorie    MICI Morbo celiaco Sindrome dell'intestino irritabile irritabile  Disfunzioni di barriera  Esposizione alle cellule immunitarie  Risposta immunitaria esacerbata  Aumento della zonulina  Alterazione delle proteine  Disfunzioni dell'occludina  TNF alfa delle giunzioni
    • 22. Leaky gut e patologie metaboliche croniche  Sovrappeso, diabete, dislipidemie, obesità  Aumento della zonulina  LPS  Effetti metabolici
    • 23. Valutazione clinica  Eziologia locale :  Disturbi funzionali intestinali  Sindrome dell'intestino  irritabile Le patologie infiammatorie a distanza  Stati infiammatori di basso livello  Malattie metaboliche, diabete  Sovrappeso e obesità  Le patologie immunitarie  Allergie e intolleranze  Malattie autoimmuni  Infezioni
    • 24. Valutazione biologica  I test funzionali  Il test lattulosio/mannitolo
    • 25. Valutazione biologica  I bio marcatori  LPS  Endotossine
    • 26. Il nostro microbiota   Un secondo genoma « acquisito » dalla nascita Una simbiosi straordinaria Tratto digerente sterile 1-2 GIORNI LATTE MATERNO LATTE IN POLVERE
    • 27. Siamo uomini o batteri ? Il microbioma intestinale contiene oltre mille specie (1014 cellule) di batteri + virus e funghi. Le cellule di batteri presenti nel nostro intestino sono 1000 volte piu’ numerose delle cellule umane dell’intero organismo
    • 28. Zoom sul …microbiota  Enterotipi specifici
    • 29. Ruolo della flora intestinale Protezione contro i germi patogeni Regolazione del transito Produzione di acidi grassi enterotrofici Sintesi di Vitamine e batteriocine Stimolazione dell'immunità
    • 30. I principali patogeni studiati  Dati storici  Escherichia coli  Clostridium perfringens  Vibrio cholerae  Dati più recenti  Staphylococcus aureus  Candida albicans  Parasitoses helminthes
    • 31. Tossine batteriche  Anche le tossine di agenti patogeni alterano le giunzioni serrate  Proteasi  Infiammazione  Via MLCK
    • 32. FUNGO appartenente al gruppo dei Lieviti Colonizza l’uomo a livello: - Apparato digerente (dalla bocca all’ano) -Vie genito/urinarie (zone perigenitali, vagina) - Pelle e annessi (unghia) In condizioni favorevoli si estende a tutti i tessuti con Infezioni opportunistiche ( comuni negli immuno-compromessi)
    • 33. DIAGNOSTICARE LA CANDIDOSI: La presenza di Candida puo’ essere diagnosticaca con: -Candida Immune Complex Assay Test; - Ricerca nelle feci; - Una coltura può essere condotta a partire da campioni prelevati dalla cavità orale o durante una visita ginecologica; - Ricerca di cataboliti fungini nelle urine
    • 34. Condizioni comuni associate alla presenza di Candida ● Oral Thrush - A mouth infection caused by Candida that manifests with white sores or spots around the lips, on the tongue, gums, and inside the cheeks ● Esophagitis - Candida that spreads to the esophagus from the mouth ● Skin candidiasis - A diaper rash that is common in babies ● Vaginal yeast infection - A white, curd-like discharge occurs along with itching and severe burning while urinating or during sex ● Deep candidiasis - Candida spreads through the bloodstream to the entire body which causes fever, shock, and multiple organ failure.
    • 35. - ESTRATTI VEGETALI CON ATTIVITA’ ANTI-FUNGINA Berberina (Hcl o rstratti come Coptis (Coptis chinensis) Noce (Juglans regia); Artiglio del gatto (Uncaria tomentosa); Acido caprilico Oli essenziali (Melaleuca, Tee Tree, Lavender, Rosmary, Sage, Oregan Aglio estratti (Allium sativum); Semi di pompelmo estratti Melissa officinalis estratti; FUNGICIDE ROTATION RESTORE INTESTINAL BARRIER REINOCULATION OF GOOD BACTERIA IMMUNE SYSTEM REPAIR Vit D, - Pantotenic Acid, Molibdenum, Zinc, Selenium HELP YOUR LIVER DETOX ACTIVITY N acetylcisteine (NAC), - Glutatione DONT FORGET YOUR MOUTH AND ANUS
    • 36. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 37. Infiammazione • La reazione infiammatoria è un processo fisiologico indispensabile alla sopravvivenza dell’organismo costantemente aggredito da microrganismi agenti fisici Agenti chimici…
    • 38. Rubor INFIAMMAZIONE (rossore) CALOR (rossore) TUMOR (gonfiore) DOLOR (dolore)
    • 39. Acuto / Cronico Difesa / Offesa tFaringite Artrite reumatoide
    • 40. Disfunzione erettile Tumori CRONICO Depressione RESISTENZA INSULINICA Diabete Tipo2 CRONICO Patologie cardiovascolari INFIAMMAZIONE INFIAMMAZIONE Psoriasi Osteoarticolare
    • 41. Infiammazione cronica e psoriasi Reazione esagerata rispetto all'aggressione Reazione contro un antigene non patogeno  Allergie Reazione contro una molecola del self  Patologie autoimmuni Patients with psoriasis have a 5-year shorter life expectancy, most frequently due to CVD. Psoriasis is associated with a chronic inflammatory state and with elevated levels of CRP and other inflammatory cytokines and these may play a causative role in the increased risk of psoriatic patients for CVD. Patients with psoriasis may represent an emerging risk population and patients with moderate to severe psoriasis should be screened and aggressively treated for CVD risk factors.
    • 42. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Risposta immunitaria • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 43. Risposta immunitaria 3a linea Immunità Acquisita 2a linea Immunità Anticorpi, citochine innata aspecifica C di Kuppfer, microglie (= macrofagi) 1a linea Funzione di barriera
    • 44. Patologie immunitarie   La tolleranza alimentare acquisita Presentazione filtrata dell'antigene  Stato fisiologico :  Filtrazione selettiva
    • 45. Curr Gastroenterol Rep. 2008 Oct;10(5):443-9. The measurement and clinical significance of intestinal permeability. Teshima CW, Meddings JB. Evidence is provided from several representative diseases for a proposed model of abnormal intestinal permeability in autoimmune disease Am J Pathol. 2008 Nov;173(5):1243-52. Epub 2008 Oct 2. Physiological, pathological, and therapeutic implications of zonulin-mediated intestinal barrier modulation: living life on the edge of the wall. Fasano A. Understanding the role of zonulin-dependent intestinal barrier dysfunction in the pathogenesis of autoimmune diseases is an area of translational research that encompasses many fields Ann N Y Acad Sci. 2009 May;1165:195-205. Tight junctions, intestinal permeability, and autoimmunity: celiac disease and type 1 diabetes paradigms. Visser J, Rozing J, Sapone A, Lammers K, Fasano A. There is growing evidence that increased intestinal permeability plays a pathogenic role in various autoimmune diseases including CD and T1D. Therefore, we hypothesize that besides genetic and environmental factors, loss of intestinal barrier function is necessary to develop autoimmunity Curr Opin Gastroenterol. 2008 Nov;24(6):701-6. Leaking gut in type 1 diabetes. Vaarala O. The leaking gut syndrome with subclinical inflammation is associated with beta-cell autoimmunity and type 1 diabetes.
    • 46. Tipi di ipersensibilità
    • 47. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Risposta immunitaria • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 48. Fase I Fase II Funzionalizzazione Coniugazione Antiossidanti Molecole lipo-solubili Cofattori Metaboliti intermedi reattivi Radicali liberi Molecole Idro-solubili • Cofattori • Agenti di coniugazione Fase III Eliminazione Tampone Citrati Sillibum marianum Cynara scolymus Punica granatum Nasturtium officinale Coleretici Colagoghi
    • 49. Conseguenze della Leaky Gut l’impatto sul fegato e sulla detossificazione « Food » or Medications Nel momento in cui la funzione di barriera intestinale si altera, il fegato va incontro a un superlavoro. La “Leaky gut syndrome” spinge il fegato a metabolizzare grandi quantità di “tossici”.Uno stress che può condurre a stati di maggior infiammazione sistemica.
    • 50. ..” In particular, nonalcoholic fatty liver disease affects about half of patients..”
    • 51. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 52. Rinforzare la funzione di protezione dallo STRESS OSSIDATIVO Protezione cellulare Meccanismi di riparazione cellulare Acido alfa lipoico E.G.C.G dal te verde Acido ellagico Quercetina Esperidina Limonene Vitamina C Vitamina E
    • 53. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 54. L’invecchiamento è strettamente correlato alla disponibilità energetica cellulare che gestisce i processi fondamentali: - RIPARAZIONE DEI DANNI AL DNA-RNA - MANUTENZIONE DEL SISTEMA DI TRASCRIZIONE - PROTEZIONE DALLO STRESS OSSIDATIVO - Aminoacidi ramificati - Leucina - Arginina -Creatina - Ribosio - CoQ10 - Micronutrienti (Vitamine minerali)
    • 55. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Risposta immunitaria • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 56. Siamo parte di un sistema vivente complesso in cui ogni essere è strettamente connesso a tutti gli altri
    • 57. L’esistenza individuale è solo illusoria. Ogni individuo scambia continuamente -materia -energia con il sistema vivente di cui fa parte.
    • 58. Da un punto di vista scientifico L’essere umano somiglia più ad un ecosistema che a un singolo organismo
    • 59. “L’esterno” è dentro di noi. Miliardi e miliardi di esseri viventi... vivono nella nostra pancia
    • 60. “L’interno” è anche fuori di noi..... Il campo elettromagnetico cardiaco è un toroide che si estende oltre il corpo fisico per un raggio di circa 2.4 metri
    • 61. “Il self e la tolleranza immune”: La pelle e la mucosa intestinale sono il nostro contatto con il mondo fuori e dentro di noi Interno Esterno
    • 62. Il valore della salute ed il nostro rapporto con l’universo Egoismo Altruismo Apatia Stress Sottostima proprie capacità Megalomania Collaboratività Competitività Voglio una vita spericolata Ortoressia Innovazione Attaccamento alle abitudini
    • 63. Robert Dilts e “Beliefs” Conoscere e contrastare le credenze limitanti per trovare un allineamento ed allargare la nostra zona di comfort
    • 64. Intestino e psiche sono strettamente connessi: « Gut-brain axis » Fattori inflammatori DA iperreattivitàcorticotropa Cellule immuni attivate Barriera e giunzioni alterate 5HT S.neuropsichiatriche (timiche / cognitive)
    • 65. • Il concetto di salute: un approcio sistemico • Ecosistema intestinale: • Componenti funzionali • Leaky gut syndrome • Il ruolo del microbioma intestinale (positivo e negativo) • Infiammazione • Risposta immunitaria • Funzionalità epatica e capacità detossicante • Gestione dello stress ossidativo • Riparazione dei danni al DNA ed Aging • Psiche e salute un rapporto da “curare” • Epigenetica: il ruolo dei nutrienti (Es. Vit. D)
    • 66. IL RUOLO DEI NUTRIENTI: • FONTE ENERGETICA (Potere calorico) • FONTE DI MACRO e MICRONUTRIENTI (Per la rigenerazione tissutale) • AZIONE REGOLATORIA SUL METABOLISMO e OMEOSTASI SISTEMICA • AZIONE EPIGENETICA (Sull’espressione dei geni)
    • 67. IL RUOLO DEI NUTRIENTI: • RUOLO DEL SINGOLO NUTRIENTE • RUOLO DI ALIMENTI FUNZIONALI ° RUOLO DI UN REGIME DIETETICO • Dieta mediterranea • Dieta vegetariana • Dieta vegana • Dieta Paleo • Dieta Paleo Autoimmune • Dieta Zona • Dieta Dunkan • Dieta Low Carb • Dieta Low Fat • Dieta Chetogenica
    • 68. Il cibo non e’solo calorie…. Esso e’ Informazione
    • 69. Nutrienti e salute della pelle Beta carotene, Carotenoidi, Vit. E, Vit. C, EGCG, CoQ10 Protezione solare Anti-Aging PUFA, Vit. E ed Isoflavoni Barriera cutanea, mantenimento ed Idratazione Protezione dallo Stress Ossidativo Carotenoidi, EGCG, Vitamine C ed E, Resveratrolo Vit. B2, B5, B6, Biotina, Vit. A, Mantenimento della Struttura ed Idratazione della Pelle
    • 70. Antinutrienti: i Fitati
    • 71. Ecosistema intestinale
    • 72. Equilibrio dei nutrienti   Lipidi acidi grassi saturi Zuccheri semplici ad alto IG Plasma endotoxin (pg/ml) Una dieta ricca di grassi saturi aumenta l'infiammazione e l'endotossemia * 12.5 10.0 7.5 5.0 2.5 0.0 CT HF Am J Clin Nutr 2007 N=12 healthy men; LPS (median values 0-240 min); HF: 900 kcal toast/butter
    • 73. Probiotici  Prebiotici, simbionti e probiotici
    • 74. Cosa sono i probiotici ? Ministero della salute - Linee guida italiane sui probiotici (Maggio 2012) Da un punto di vista generale, sulla base della recente letteratura, si può ritenere che la quantità sufficiente per ottenere una temporanea colonizzazione sia di almeno 109 cellule vive per giorno e per persona adulta. Risultati dell'indagine nazionale sugli integratori di probiotici in Italia 87 % delle confezioni vendute non è conforme alle linee guida ministeriali (ceppi certificati, >10 miliardi di batteri vivi e vitali) è un obiettivo importante, al fine di evitare che la fiducia da parte dei consumatori venga meno.” *) Aureli P et al, Int Journal of Food Microbiology 2010 Feb 28;137(2-3):265-73. Epub 2009 Dec 22
    • 75. Sicurezza ed efficacia dei probiotici Limiti degli studi sugli effetti clinici:  DEFINIZIONE DEL CEPPO USATO NELLO STUDIO: Gli eventuali benefici sono ceppo-specifici. Un ceppo può avere effetti positivi nel caso di una specifica patologia ma non per un'altra. E' indispensabile che gli effetti clinici vadano confermati per patologia e per ceppo. 
    • 76. Composizione della flora intestinale: amici, nemici e compagni di viaggio... Batterio con proprietà benefiche per la salute Batterio dotato di effetti patogeni Batterio commensale (simbionte)
    • 77. Composizione della flora intestinale Sempre benefici Sempre patogeni Ps-Aeruginosa Proteus Staffilococchi Clostridia Veillonellae Enterococchi E. coli Lattobacilli Streptococchi Eubatteri Bifidobatteri Batteroidi Number/g faeces Log 10 scale Gibson & Roberfroid, 1994
    • 78. Sviluppo della flora intestinale Inizio della colonizzazione batterica dopo la nascita 1° – 3° giorno di vita: Colonizzazione da batteri aerobi 4° – 7° giorno di vita: Fase di transizione 7° – 10°giorno di vita Allattamento al seno Artificiale Principalmente Bifidobat., lattobacilli Flora diversa Inizio svezzamento: microflora diversa Dai 2-3 anni: microflora adulta
    • 79. Effetti clinici dei probiotici Classificati secondo i dati disponibili +++ ++ + Intolleranza al lattosio  Diversi tipi di diarree e gastroenteriti Diarrea infettiva (rotavirus, Clostridium difficile, proliferazione batterica) Diarrea indotta da antibiotici Lesioni intestinali da chemioterapia  Prevenzione delle allergie  Irritable Bowel Syndrome  Diarrea del viaggiatore  Diminuzione delle allergie  Malattie infiammatorie intestinali (Crohn, colite ulcerosa, pouchite)  Prevenzione delle infezioni da Helicobacter pylori  Prevenzione del cancro  Infezioni virali  Effetti di ipercolesterolemia e obesità 
    • 80. Il nome del probiotico in questo nuovo studio è Bifidobacterium infantis 35624, che è stato scoperto nei primi anni 1990 dai microbiologi di un Istituto di salute alimentare con sede a Cork, in Irlanda, in collaborazione con Procter & Gamble.
    • 81. http://www.bacterio.net/b/bifidobacterium.html
    • 82. V ideo_s1.mp4
    • 83. Fibre prebiotiche Inulina & Fruttoligosaccaridi • • • • • • • Stimolano la crescita di batteri benefici Aumentano la produzione di N-butirrato Modulano i biomarkers dell’infiammazione Migliorano i sintomi nei pazienti con IBD o IBS Possibile ruolo nella riduzione del cancro al colon Aumentano l’assorbimento di micronutrienti come il calcio In quanto fibre esercitano azione osmotica cotribuendo al transito intestinale Roberfroid et al. Prebiotic effects : metabolic and health benefits. Br J Nutr2010;104:suppl2:S1-63
    • 84. Acidi Grassi a Catena Corta (SCFA) da Rombeau e Kripke 1990 Acido Acetico Colon Fegato Produzione di energia Convertito in LCFA e corpi chetonici Acido Butirrico Il butirrato costituisce per il 70% la fonte energetica degli enterociti del colon Maurizio Salamone – Metagenics Italia 2013 Acido Propionico Colon Fegato Produzione di Neo glucogenesi e energia sintesi del colesterolo
    • 85. Amminoacidi  La glutammina
    • 86. Enterociti Vita : 5 giorni 100 miliardi al giorno si desquamano nel lume intestinale  20 g di proteine Tessuto particolarmente sensibile a  antimitotici  Carenze nutrizionali
    • 87. Il ruolo dello Zinco  Lo zinco
    • 88. Il ruolo dello Zinco  Lo zinco
    • 89. Carenze utrizionali possono compromettere il processo di guarigione delle ferite cutanee Vit. A, Vit. C , Zinco e Glucosammina possono ridurre il tempo di recupero e milgliorare la condizione delle ferite MacKay D, Miller AL. Nutritional support for wound healing. Altern Med Rev. 2003;8:359–377
    • 90. Acidi grassi e lipidi  Acidi grassi polinsaturi omega 3
    • 91. Acidi grassi omega 3 e ruolo antinfiammatorio
    • 92. Acidi grassi omega-3 EPA Acido eicosapentanoico DHA Acido docosaesanoico •Si trovano in pesci come sardine, salmone •Fonti vegetali di ALA sono i semi di lino (purtroppo solo una piccola % viene convertita in EPA e DHA) E’ sempre piu’ frequente un profilo degli acidi grassi sbilanciato, con carenza di omega 3
    • 93. Ruoli strutturali e immunologici degli acidi grassi omega-6 e omega-3 •Mantenimento della funzione di barriera dello strato corneo; •Maturazione e differenziazione dello strato corneo; •Formazione e secrezione dei corpi lamellari; •Inibizione degli eicosanoidi pro-infiammatori; • innalzamento della soglia di scottattura da raggi solari; • inibizione delle citochine pro-infiammatorie (TNF alfa, interferone gamma, IL 12); • inibizione della lipossigenasi; •Promozione dell’apoptosi nelle cellule tumorali;
    • 94. Polisaccaridi Grassi monosaccaridi Acidi grassi / mono gliceridi proteine Aminoacidi polipeptidi Acidi nucleici nucleotidi
    • 95. Gli enzimi digestivi Gli enzimi digestivi sono implicati nell’idrolisi delle macromolecole. Le 3 famiglie principali di enzimi digestivi sono: - proteasi, - lipasi, - saccaridasi
    • 96. Principali enzimi digestivi Ghiandole salivari: amilasi, lipasi Stomaco: pepsina, lipasi Pancreas: amilasi, lipasi,fosfolipasi,tripsina,chimotripsina Epitelio intestinale: enterochinasi (attiva la tripsina), disaccaridasi (come saccarasi, maltasi, lattasi), peptidasi (endopeptidasi,esopeptidasi)
    • 97. Gli effetti benefici delle proteasi per applicazioni sistemiche sono stati attttribuiti alla riduzione dei processi infiammatori, della produzione di citochine, induzione di antiproteinasi e attività immunomodulatoria References 1. Jackson D, Walker-Smith JA, Phillips AD. Macromolecular absorption by histologically normal and abnormal small intestinal mucosa in childhood: an in vitro study using organ culture.J Pediatr Gastroenterol Nutr 1983;2:235-47. 2. Maurer HR. Bromelain: biochemistry, pharmacology and medical use. Cell Mol Life Sci 2001;58:1234-45. 3. Rothman S, Liebow C, Isenman L. Conservation of digestive enzymes Physiol Rev 2002;82;1-18. 4. Gaspani L, Limiroli E, Ferrario P, Bianchi M. In vivo and in vitro effects of bromelain on PGE2 and SP concentrations in the inflammatory exudate in rats. Pharmacology 2002;65:83-6. 5. Walker AF, Bundy R, Hicks SM, Middleton RW. Bromelain reduces mild acute knee pain and improves well-being in a dose-dependent fashion in an open study of otherwise healthy adults.Phytomedicine 2002;9:1-6. 6. Klein G, Kullich W. Short-term treatment of painful osteoarthritis of the knee with oral enzymes: a randomised, double-blind study versus diclofenac. Clin Drug Invest 2000;19:15-23. 7. Kane S, Goldberg M. Use of bromelain for mild ulcerative colitis. Ann Intern Med 2000;132:680 [Letter].
    • 98. riduzione dei processi infiammatori Riduzione della produzione di citochine Induzione di antiproteinasi Attività immunomodulatoria Miglioramento della funzione digestiva Riduzione delle intolleranze e risposta allergica
    • 99.  Ruolo dei polifenoli  Attività antinfiammatoria  Anti- NF b  Antiossidanti  Effetto sulle giunzioni serrate
    • 100. Vitamine per colmare le carenze nutrizionali indotte, ma non solo..  Vitamina D
    • 101. Vitamina D e risposta immunitaria
    • 102. Ruolo epigenetico dei nutrienti: la Vitamina D La vitamina D è un ormone dagli effetti pleiotropici. Essa agisce su oltre 2.100 geni con effetti scheletrici ed extra-scheletrici (1) Vitamin D for Health: A Global Perspective Arash Hossein-nezhad, Michael F. Holick Mayo Clinic proceedings
    • 103. Approccio nutrizionale integrativo al trattamento della PSORIASI