Lezione 3
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lezione 3

on

  • 887 views

 

Statistics

Views

Total Views
887
Views on SlideShare
887
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
16
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Lezione 3 Lezione 3 Presentation Transcript

  • Guida sicura in strade di emozioni
    Lezione 3
    Mattia Clerici
    Corso ispirato da: “intelligenza emotiva”, di Daniel Goleman
  • Due cervelli al prezzo di uno
  • Tutti noi siamo dotati di una miscela di abilità intellettuali ed emozionali. la mente di ognuno di noi è composta da due macrocircuiti di elaborazione cerebrale, i quali analizzano le informazioni in modo diverso, portando talvolta a risultati differenti (“cuore vs ragione”).
    La mente razionale ci fa sapere cosa secondo noi è giusto, analizzando la logica delle ragioni che portano a tale convinzione
    La mente emozionale ci fa sentire cosa secondo noi è giusto, analizzando la logica associativa delle sensazioni che portano a tali convinzioni
  • Mente razionale e mente emozionale: un confronto tra tipi puri
    Il tipo dotato di un elevato Qi (lasciando da parte l’intelligenza emotiva) è quasi una caricatura dell’intellettuale, abile nel regno della mente ma inetto in quello personale. I profili sono leggermente diversi a seconda che si tratti di uomini o donne: il maschio è caratterizzato da un’ampia gamma di interessi e di capacità intellettuali. E’ ambizioso e produttivo, fidato e ostinato, e non è turbato da preoccupazioni autoriferite. Tende anche ad essere critico e condiscendente, esigente e inibito, a disagio nella sfera della sessualità e delle esperienze sensuali, distaccato e poco espressivo, freddo e indifferente dal punto di vista emozionale.
  • Passando alle donne, il tipo puro con elevato Qi ha la prevedibile sicurezza intellettuale, è fluente nell’esprimere i propri pensieri, ha un’ ampia gamma di interessi intellettuali ed estetici ai quali attribuisce molto valore. Queste donne tendono anche ad essere introspettive, soggette all’ansia, ai ripensamenti e ai sensi di colpa, ed esitano ad esprimere apertamente la propria collera (sebbene lo facciano indirettamente).
  • Il tipo dotato di un’elevata intelligenza emotiva (lasciando da parte l’intelligenza razionale): il maschio dotato di grande intelligenza emotiva è socialmente equilibrato, espansivo e allegro, non soggetto a paure o al rimuginare di natura ansiosa. Ha la spiccata capacità di dedicarsi ad altre persone o ad una causa, di assumersi responsabilità, e di avere concezioni e prospettive etiche; nelle loro relazioni con gli altri sono comprensivi, premurosi e protettivi. La loro vita emotiva è ricca ma appropriata; queste persone si sentono a proprio agio con sé stesse, con gli altri e nell’ universo sociale nel quale vivono.
  • Le donne emotivamente intelligenti, invece, tendono ad essere sicure si sé, ad esprimere i propri sentimenti in modo diretto e a nutrirne di positivi riguardo a sé stesse; per loro la vita ha un senso. Sono estroverse e gregarie, ed esprimono i propri sentimenti in modo equilibrato (senza abbandonarsi, ad esempio, ad esplosioni delle quali debbano pentirsi); si adattano bene allo stress. Questo equilibrio sociale consente loro di stringere facilmente nuove conoscenze; si sentono abbastanza a proprio agio con sé stesse da essere allegre, spontanee e aperte alle esperienze dei sensi. Raramente si sentono in ansia o colpevoli, e raramente sprofondano nel rimuginare.
  • Caratteristiche di funzionamento della mente emozionale
  • Una reazione rapida ma imprecisa
    La mente emozionale è assai più rapida di quella razionale
    La risposta consiste nella decisione più essenziale, basata sulle prime impressioni
    Le azioni scaturite dalla mente emozionale sono accompagnate da una sensazione di sicurezza particolarmente forte
  • Prima i gli impulsi poi i pensieri
    Esistono due tipi di reazioni emozionali verso uno stimolo emotigeno: 1 Il primo impulso ad agire in una situazione emotiva è dettato «dal cuore». 2 Il secondo tipo di reazione emotiva, più lenta e consapevole,elabora i nostri pensieri portando poi ad un sentimento
    un pensiero può produrre un sentimento
    Le emozioni si presentano come un fatto compiuto, ma la mente può controllare il corso di queste reazioni
  • Una realtà simbolica e infantile
    La logica di funzionamento della mente emozionale è associativa: per essa gli elementi che simboleggiano una realtà o ne suscitano il ricordo equivalgono a quella stessa realtà.
    Ciò che conta è come le cose vengono percepite
    Più cresce l’emozione, più la mente diventa infantile: modalità tipiche di funzionamento sono:
    ->pensiero categorico.
    ->pensiero personalizzato.
    ->pensiero autoconvalidante.
  • Passato imposto su presente
    Quando un qualche aspetto di un fatto appare simile ad un ricordo del passato dotato di forte carica emotiva, la mente emozionale reagisce provocando i sentimenti che si accompagnano all’evento passato
    Pensieri e reazioni al momento presente assumeranno il tono dei pensieri e delle reazioni del passato, anche se potrà sembrare che la reazione sia dovuta soltanto alla circostanza momentanea.
  • Realtà legata ad uno specifico stato
    Nella meccanica delle emozioni ogni sentimento ha il suo distinto repertorio di pensiero, di reazioni e perfino di ricordi
    Un segnale che tale repertorio è attivo è la memoria selettiva: l’emozione provoca un riordinamento della memoria e delle opzioni per l’azione, in modo che le più pertinenti trovino una posizione gerarchicamente più alta e siano più facilmente messe in pratica
  • Una risposta legata ad uno stimolo specifico
    L’esplodere di un’emozione è legata ad uno stimolo specifico e dura solo qualche secondo
    Affinchè le emozioni durino a lungo, il fattore scatenante deve perdurare, suscitando cosi continuamente l’emozione