RIZOM@ - Ignazio Licata (second life)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

RIZOM@ - Ignazio Licata (second life)

on

  • 1,150 views

Intervento di Ignazio Licata a RIZOM@ - convergenze fra arte e scienza tenutosi al Brain 2 Brain club il 15 aprile 2010 nella sim della Long Island University

Intervento di Ignazio Licata a RIZOM@ - convergenze fra arte e scienza tenutosi al Brain 2 Brain club il 15 aprile 2010 nella sim della Long Island University

Statistics

Views

Total Views
1,150
Views on SlideShare
1,149
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
2
Comments
0

1 Embed 1

http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs LicenseCC Attribution-NonCommercial-NoDerivs License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

RIZOM@ - Ignazio Licata (second life) RIZOM@ - Ignazio Licata (second life) Presentation Transcript

  • Enzo Melandri ha mostrato che l’analogia si oppone al principio dicotomico che domina la logica occidentale. L’analogia svela le trappole nascoste nelle dicotomie logiche: particolare/universale; forma/contenuto; soggetto/oggetto. Le somiglianze di rapporto tra scienza ed arte non possono essere analizzate sulla base di una formula predefinita, ma all’interno di scelte contestuali. arte scienza
  • Tessuto comune: -Atto creativo -su un corpus di conoscenze storicizzate -scelta di point of view sul mondo -giocare un gioco ed arricchirlo (importanza delle regole) -medium (matrice generativa di convenzioni derivate (ma non identiche) dalle condizioni materiali, uno  spazio disciplinato  di possibilità che si apre all'artista ed allo scienziato.
  • Sintassi e Semantica
  • L’osservatore e l’osservato Diego Velázquez “Las meninas” 1656
  • anamórphosis, composto di ana + morphee nuova + forma  ; rigenerazione Anamorfosi dello spettatore (rif. Lacan) individuando la giusta prospettiva lo spettatore “vede” individuando la giusta la chiave lo spettatore accede, interpreta e trasforma
  • Teresa Iaria “Twistors” 2008
  • Gino De Dominicis 1969 “ Tentativo di far formare dei quadrati invece che dei cerchi attorno ad un sasso che cade nell’acqua” e “Tentativo di volo”, Gino De Dominicis e il fascino dell’entropia
  • “ Che cosa veramente la interessa nella costruzione di un quadro? “Che una volta terminato mi sorprenda e mi rimandi più energie di quante ne ho messe per realizzarlo. Così l’opera essendo ‘antientropica’ contraddice il ‘secondo principio della termodinamica’ e si riappropria del problema della morte e dell’immortalità del corpo, che è sempre stata l’istanza principale dell’arte visiva, senza delegarlo alla scienza e agli scienziati, il che sarebbe pericoloso.” Ma l’opera d’arte obbedisce, secondo lei, a criteri oggettivi o soggettivi? “Per metà la faccio io e per metà si autodetermina.” Da una intervista apparsa su “ll Foglio” nel 1997
  • La scienza non è un algoritmo! Non esistono “ricette” per fare scienza; i problemi scientifici fecondi producono nel tempo sempre nuove forme. Particella: meccanica newtoniana Onda: fluidodinamica; elettromagnetismo; relatività generale Particella + onda: meccanica quantistica Né onde né particelle ma modi del campo: Teoria quantistica del campo, gravità quantistica
  • Ma come si crea il linguaggio vincolato delle teorie e dei modelli scientifici? Anche qui la soggettività dell’approccio individuale gioca un ruolo fondamentale. Nel 1926-27 si affermarono ben tre forme di meccanica quantistica: quella estremamente astratta e generale degli operatori di Dirac, quella “matriciale” di Heisenberg, Jordan e Pauli e quella “ondulatoria” di Schrödinger. Pur riferendosi allo stesso oggetto fisico, le tre formulazioni erano estremamente diverse per ispirazione epistemologica e stile. La differenza è data dalla questione del “realismo” in fisica, ossia la possibilità di descrivere i fenomeni quantistici dentro o fuori una tradizionale “cornice” spazio-temporale. Heisenberg riteneva che possiamo descrivere fisicamente solo ciò che possiamo misurare, per cui il concetto di “osservabile” è l’unico centrale e vengono espulsi tutti i concetti “classici” come quello di “traiettoria”, mentre per Schrödinger la funzione d’onda aveva non soltanto un valore probabilistico ma una sorta di esistenza nello spazio-tempo. Tre “qualia” per una meccanica quantistica
  • Samuel Beckett: una scrittura “quantistica” Nella trilogia i personaggi sono in stato di sovrapposizione, permutano secondo Statistiche che violano il principio d’identità, fino a sovvertire i rapporti casuali spazio-temporali.
  • Bill Viola, The Visitation, 1995, video Visitazione di Jacopo Pontormo (1528–1529),
  • Scienza e Arte: una conclusione provvisoria (come tutte le buone conclusioni!) Sono la stessa cosa? Evidentemente NO! Sono due cose totalmente diverse? NO (ma non è così evidente) Dunque: Sono spazi disciplinati in cui la soggettività radicale incontra il mondo, le regole e la loro storia; in entrambe la teoria e l’opera realizzano “ concrezioni del mondo” (E.Bloch e N.Goodman)