• Save
Webinar MED Digital&Media Literacy18042013
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Webinar MED Digital&Media Literacy18042013

on

  • 677 views

On digital and media literacy education

On digital and media literacy education

Statistics

Views

Total Views
677
Views on SlideShare
677
Embed Views
0

Actions

Likes
4
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Webinar MED Digital&Media Literacy18042013 Webinar MED Digital&Media Literacy18042013 Presentation Transcript

  • Digital & Media Literacy Education Introduzione al toolkit Maria Ranieri – 18 aprile 2013
  • Posizione del problema Media, tecnologie e competenze A che punto siamo…?
  • Competenze mediali (MED) Lettore Cittadino Scrittore attivo Critico Fruitore
  • Competenza digitale (Calvani, Fini, Ranieri 2010)
  • Digital e media literacy (Hobbs, 2010) Accedere Analizzare Agire e valutare Riflettere Creare
  • Punti di contatto• Slittamento dalle dimensioni tecniche a quelle educative;• Enfasi sulle dimensioni critico-cognitive di analisi e valutazione della qualità e credibilità dei messaggi e dell’informazione;• Attenzione alle dimensioni etico-sociali, partecipative e di costruzione collaborativa della conoscenza.
  • Dalla teoria alla pratica: il toolkit Partecipazione- Credibilità- Identità- Privacy- Autorialità/creatività [rif. bibl. JAMES C., DAVIS K., FLORES A., FRANCIS J.M., PETTINGILL L., RUNDLE M., GARDNER H., Young People, Ethics, and the New Digital Media, A synthesis from the Good Play Project, The Mit Press, Cambridge, Massachusetts, London, England 2009]
  • Tema 1: PartecipazioneLa partecipazione online può assumere varie forme, dalla comunicazione in un web forum alla creazione di un contenuto in un wiki, e può dar luogo a benefici differenti quali sviluppare abilità sociali e cognitive utili per l’esercizio della piena cittadinanza e anche per la vita professionale. Vi sono, però, anche delle criticità come il digital divide e dei rischi, derivanti dalla possibilità di attuare o essere oggetto di comportamenti aggressivi come ad esempio il trolling o il cyber- bullismo.E’ allora essenziale formare gli adolescenti all’assunzione di comportamenti comunicativi consapevoli e responsabili nel rispetto di se stessi e degli altri.
  • Tema 2: CredibilitàLo sviluppo delle tecnologie digitali ha offerto la possibilità di accedere a vaste quantità di risorse informative e di partecipare a scambi di esperienze intellettuali ricche e motivanti. Ciò costituisce un indubbio beneficio.Al tempo stesso, però, si affacciano all’orizzonte nuovi problemi, legati in particolare alla credibilità e affidabilità delle informazioni dato che chiunque può pubblicare senza controlli di qualità preventivi. I giovani sono tra i più esposti sia perché sono «grandi consumatori» di informazioni digitali sia perché la loro percezione del rischio può essere inferiore rispetto a quella degli adulti.Tutto questo richiede interventi educativi saldamente orientati allo sviluppo del pensiero critico.
  • Tema 3: IdentitàL’adolescenza rappresenta la fase in cui il soggetto, uscito dall’infanzia, comincia a riflettere su stesso per assumere una propria fisionomia. La rete può offrire ai giovani l’opportunità per esplorare la propria identità ed auto-esprimersi (Turkle, 1997).Possono esservi, però, anche dei rischi (Turkle, 2011): nella relazione con gli altri, il gioco dell’identità può scivolare nell’inganno o nell’assunzione di identità pericolose; l’esperienza della molteplicità dell’io esperibile online può tradursi in frammentarietà; l’auto- riflessione può trasformarsi in forme di narcisismo ed egocentrismo.Per questo, anche in questo caso, è importante accompagnare le nuove generazioni nella conoscenza dei nuovi media digitali, cercando di favorire lo sviluppo armonico della loro personalità.
  • Tema 4: PrivacyI media digitali, specie i siti di social network (SNS), consentono di condividere pubblicamente informazioni personali e ciò solleva nuove questioni per la tutela della privacy. Molti giovani condividono con disinvoltura informazioni personali sui SNS, senza interrogarsi sulle possibili conseguenze.Vi è inoltre il problema del tracciamento delle informazioni personali per usi commerciali. Le strategie di web marketing si basano sulla possibilità di delineare un profilo dell’utente attraverso il tracciamento delle sue azioni e di utilizzare gli utenti stessi come promotori di contenuti pubblicitari.Per un uso consapevole e sicuro dei social media occorre rendere le persone capaci di gestire in modo selettivo e pertinente le informazioni condivise elettronicamente.
  • Tema 5: Autorialità e creativitàLa diffusione di strumenti di pubblicazione e condivisione online sempre più semplici da usare ha ampliato le opportunità per l’utente di creare contenuti, consentendo di spingersi oltre il consumo passivo.Emergono però anche nuovi problemi. Attività come quelle del «cut and paste» («taglia e incolla») sono quotidianamente praticate da migliaia di adolescenti, senza alcuna trasformazione creativa.Accanto a ciò, pratiche come quelle del file sharing e downloading illegale sollevano nuovi quesiti, non facilmente risolvibili se non attraverso una pratica educativa attenta e sensibile verso le nuove istanze emergenti dal mondo della rete e da quello giovanile.
  • Il toolkit: la struttura•Parte introduttiva•Concetti chiave (partecipazione, credibilità, identità,privacy, autorialità/creatività)•Come usare il toolkit•Come documentare i percorsi•Cinque unità didattiche (una per ogni concetto chiave) –Per ogni unità didattica tre attività•Glossario•Bibliografia•Sitografia
  • Il toolkit: l’approccio metodologico• Partire sempre dalle pre-conoscenze e dalle esperienze concrete dei ragazzi (Attivazione)• Fornire occasioni per lavorare concretamente sulle tematiche affrontate (Pratica)• Sollecitare in itinere e alla fine del percorso riflessioni di carattere ‘meta’ sulle attività in corso (Riflessione metacognitiva)
  • Il toolkit: articolazione didattica• Pre-work: domande di attivazione, input visuali o narrativi, richiami all’esperienza personale• Work: attività concrete di ricerca, analisi, produzione, costruzione ecc.• Post-work: debriefing finale con discussioni su quanto fatto, confronto tra visioni in ingresso e visioni in uscita, ragionamenti ‘what if…’
  • Esempio 1: Costruiamo una netiquetteScopo - Lo scopo di questa attività è di far riflettere gli allievi sulle criticità della comunicazione mediata dal computer e sulle responsabilità che l’individuo ha verso gli altri e la comunità cui appartiene quanto interagisce online. A questo scopo gli alunni dovranno prima analizzare e valutare alcune situazioni critiche tipiche e successivamente costruire una Netiquette, ossia un insieme di regole di buona comunicazione e interazione online.
  • Il Blog di ZoeSabato 10, marzo 2011 Contenuti del sito Home Chi sonoieri ho fatto shopping per le vie di roma con la mia Linkamica giulia scarpe nuove (sono quelle che Contattiho messo nella foto del profilo!!!), un paio dijeans, occhiali da sole ultima moda!ho dato fondo a tutti i risparmi, ma ne è valsa lapena. mi sento una donna nuova!!! estate Chi sonoaspettami!!! Mi chiamo Zoe,Commenti 6 ho sedici anni e vivo a Roma.
  • Il Blog di ZoeCommenti 6 11 Marzo 2011- da Stella WOW che bello! Ci farai vedereeeeeeeeeeeee!!! Contenuti del sito Home Chi sono 11 Marzo 2011- da anonimo Link Contatti Non ce ne importa nulla dei fatti tuoi!! Sei solo una vanitosa!!! 11 Marzo 2011- da Zoe Ma chi sei anonimo? Tira giù la maschera, se hai il coraggio!
  • Il Blog di ZoeCommenti 6 12 Marzo 2011- da Luca Zoe, al posto tuo, manderei anonimo a quale paese!!! Non merita altro che insulti!!!! Contenuti del sito Home Chi sono 12 Marzo 2011- da Zoe Link Forse hai ragione, Luca. Non ha nemmeno il Contatti coraggio di firmarsi… 12 Marzo 2011- da Stella Calma ragazzi! Certi commenti vanno ignorati!
  • Facebook GroupSport Equo e Solidale Info Eventi Foto Documenti Notifiche Scrivi un post Che bella pedalata! :D Compleanni Fai gli auguri a Paola! Sì, è stata una bella esperienza con Fai gli auguri a Giusy! ragazzi da tutto il mondo… Andrea Fai gli auguri a Ugo! Gamberini SPORT- Speciale Fai gli auguri a Luca! promozione biciclette. Foto degli amici Gamberini Posizione :Genova Nazionalità: Italiana Rieccoci con questo Gamberini! E’ Amici: 128 la decima volta che pubblica lo spot Zoe Amici Fuori Gamberini dal gruppo!!!!!!! Utenti suggeriti Noemi Aggiungi Giovanni Marta Andrea Noemi Zoe Calma ragazzi, Gamberini alla fine Aggiungi Umberto fa il suo e non fa male a nessuno… Ugo Aggiungi Daniela Ale Giusy Luca Ugo
  • Community di Programmare , che passione!45 utenti Web forum Chi è questo Fabio? Lunedì 13 febbraio 2012, h. 13.28 Chi è questo fabio? E’ nella lista degli iscritti, ma nonMarta è mai intervenuto… Lunedì 13 febbraio 2012, h. 13.30 E’ vero, diamine! Eppure vedo che si connette Paolo spesso e legge i nostri messaggi!!! Lunedì 13 febbraio 2012, h. 13.32 Uhhh…quanto vi scaldate…e che male c’è?!? Luca Lunedì 13 febbraio 2012, h. 13.34 Scusa, Luca, ma non ti capisco…se uno guarda e Marta prende, deve poi anche dare! Che almeno si presenti!
  • Community di Programmare , che passione!45 utenti Web forum Benvenuti in questo forum! Lunedì 16 marzo 2012, h. 9.00Vania Un saluto di benvenuto a tutti/e! Questo forum è dedicato agli studenti e alle studentesse del corso di Arte e immagine. Per garantire una buona interazione comunicativa, vi invito al rispetto di alcune regole basilari: 1. Scrivere messaggi chiari e sintetici 2. Specificare sempre l’oggetto del messaggio 3. Non scrivere messaggi offensivi 4. Rispondere in modo adeguato e pertinente 5. Partecipare con impegno e costanza
  • Esempio 2: La parola al giudiceScopo - Lo scopo di questa attività è di avvicinare gli allievi ai concetti di diritto d’autore, copyright, copyleft e creative commons. Agli allievi viene richiesto, prima, di riflettere su esperienze personali di uso dei contenuti multimediali presenti in Internet, e successivamente di analizzare tre casi di uso di materiale rilasciato sotto licenza creative commons allo scopo di comprendere quali comportamenti sono leciti e quali no, alla luce delle condizioni d’utilizzo stabilite dall’autore. Al termine dell’attività si ripropone agli allievi di riflettere sulle proprie esperienze personali e di valutare l’appropriatezza delle proprie pratiche e azioni sulla base di quanto appreso.
  • Il giocoIl ‘gioco guidato’ alla fine di ogni unità ha lo scopo di sollecitare i ragazzi a mettere in pratica quanto appreso nel corso dell’esperienza didattica. E’ una sfida per tutti/e!
  • Valutazione e autovalutazione• Per ogni attività è prevista una scheda di autovalutazione• La scheda di autovalutazione andrebbe presentata all’inizio dell’attività, illustrando gli indicatori in essa contenuti• Tipicamente si chiede all’allievo di valutare: le conoscenze acquisite, il livello di partecipazione all’attività, la qualità dei risultati/prodotti finali.• E’ importante anche il feedback dell’insegnante che può essere inserito nella colonna dedicata
  • CreditsIl Toolkit è stato realizzato da Maria Ranieri all’interno del progetto europeo Virtual Stages Against Violence (VSAV) ed è interamente scaricabile in quattro lingue (italiano, tedesco, rumeno, inglese) dal sito del progetto: http://virtualstages.eu/it/project. Il progetto VSAV, di durata biennale, ha goduto del finanziamento del Programma Daphne III della Commissione Europea e ha coinvolto quattro Stati Europei: Austria (die Berater: http://www.dieberater.com), Germania (Associazione Turingia dei Centri di Educazione per Adulti: http://www.vhs-th.de), Italia (CESIE: http://cesie.org; Università di Palermo: www.unipa.it) e Romania (Salvati Copiii – Save the Children, Romania: http://www.salvaticopiii.ro).
  • Summer School MED 2013• Un’occasione per approfondire sul piano teorico e pratico i temi relativi al rapporto tra media ed educazione.• La Summer School è promossa dall’Associazione Italiana di Educazione ai media e alla comunicazione www.mediaeducationmed.it• Per iscrizioni alla Summer School:http://www.mediaeducationmed.it/iscrizioni-2013/162-%20iscrizioni- summer-school-2013.html• Il tema di questa summer è “Media e Inclusione: il contributo della Media Education”. Il programma completo è disponibile sul sito dell’associazione: http://www.mediaeducationmed.it
  • Summer School MED 2013: Le parole chiave
  • Un webinar tira l’altro: Prossimi appuntamenti Gio 02 maggio - Videogame education, con Damiano Felini, Max Adreoletti e Anna Ragosta Mer 15 maggio - Progettare e valutare la media education, con Alberto Parola e Roberto Trinchero Gio 30 maggio - Educare all’immagine: dalla fotografia al video, Angela Castelli e Luciano di Mele
  • Grazie!maria.ranieri@unifi.it