Your SlideShare is downloading. ×
Social media, comunità virtuali, università. Quali intersezioni?
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Social media, comunità virtuali, università. Quali intersezioni?

877
views

Published on

Intervento di Maria Ranieri alla tavola rotonda "Insegnare e apprendere nell'era digitale. L'Alta formazione tra vecchie e nuove sfide", Firenze, Aula Magna d'Ateneo, 29 febbraio 2012

Intervento di Maria Ranieri alla tavola rotonda "Insegnare e apprendere nell'era digitale. L'Alta formazione tra vecchie e nuove sfide", Firenze, Aula Magna d'Ateneo, 29 febbraio 2012

Published in: Education

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
877
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Social media, comunità virtuali, università. Quali intersezioni? Maria Ranieri Facoltà di Scienze della formazione Università di Firenze [email_address]
  • 2. Argomenti
    • Social media. A che punto siamo?
    • Formazione e tecnologie. Quali tensioni?
    • Formazione e tecnologie. Quali miti?
    • Social media/social network all’università. Quali potenzialità?
    • Attenzione alle ovvietà!
    Social media. Innovazione. Apprendimento.
  • 3. Social media Anni ‘60 Anni ‘90 A che punto siamo? Nuovo Millennio
  • 4.
    • User generated content: utente produttore di contenuti (ad es. con applicativi come il blog)
    • Social networking: generazione di reti sociali, contatti, networking (ad es. con siti di SN come Facebook)
    • Applicazioni web-based: tutto solo con il web
    • Social mobile network : interfacciamenti sempre più significativi con i dispositivi mobili
    Social media. A che punto siamo? Parole chiave: condividi, partecipa, collabora/crea
  • 5. Formazione e tecnologie. Quali tensioni? Quantità Qualità Parole chiave: apertura, affidabilità, mediazione T1
    • Abbondanza delle informazioni
    • Nuove forme d’accesso (mobile)
    • Contenuti aperti
    • Moltiplicazione delle ‘fonti del sapere’
    • Affidabilità delle informazioni
    • Ripensamento ruolo di mediazione
    • Nuove competenze
  • 6. Wikipedia vs Accademia: 1 – 0????
  • 7.
    • T2
    Formazione e tecnologie. Quali tensioni? Formale Informale Parole chiave: scollamento, istituzioni, descolarizzazione
    • Scollamento dalla vita reale
    • Scollamento rispetto ai bisogni degli studenti
    • Distanza dalle pratiche tecnologiche quotidiane
    • Apprendimenti legati alle esperienze personali
    • Appropriazione tecnologica
    • Descolarizzazione digitale
  • 8. Il caso dei MOOC Massive Open Online Course (si veda Fini, 2009)
  • 9.
    • T3
    Formazione e tecnologie. Quali tensioni? Esclusione Inclusione Parole chiave: digital divide, competenze digitali
    • Mancanza di accesso tecnologico
    • Mancanza di competenze digitali
    • Basso capitale sociale
    • Ampliamento dell’accesso
    • Contenuti e software open
    • Competenze digitali
  • 10. Il caso delle OER Open Educational Resources (si veda Fini, 2011)
  • 11.
    • Distribuzione delle tecnologie implica appropriazione e innovazione tecnologica (dimensione organizzativa)
    • L’impiego di tecnologie comporta un miglioramento degli apprendimenti; in particolare l’uso di social media rende gli studenti produttori attivi di conoscenze (dimensione didattica)
    • L’impiego di tecnologie (in particolare di social media) conduce sempre e comunque ad una maggiore partecipazione degli studenti (dimensione etica)
    • Le nuove generazioni di studenti sviluppano “naturalmente” le competenze digitali necessarie per l’uso delle NT
    Formazione e tecnologie. Quali miti? Per una trattazione analitica si vedano Selwyn, 2011; Ranieri, 2011
  • 12.
    • Sul versante didattico
    Si veda Crook ( in corso di stampa ) Social media/Social network. Quali potenzialità? Opportunità Descrizione Ricerca (Inquiry) ‘ Assemblaggi’, Strutture narrative, Non documentati Collaborazione Coordinamento continuo, Prospettiva cumulativa Pubblicazione Comunità informali, Post conversazionali, Cultura dei rapporti tra pari Literacy Orientamento alla multimodalità, Fruizione
  • 13. Esempi Social bookmark e assembramento di risorse Ambienti di scrittura collaborativa Comunità e post conversazionali Multimodalità
  • 14. Social media/Social network. Quali potenzialità?
    • Sul versante istituzionale
    Tassonomia personale Opportunità Descrizione Informazione Comunicare notizie e informazioni, Comunicazione Mantenere i contatti con gli ex-studenti oppure comunicare con i futuri studenti Comunità Alimentare senso di appartenenza istituzionale Erogazione Creazione di canale broadcasting per erogazione di contenuti multimediali
  • 15. Esempi Informazione Comunicazione Comunità Erogazione
  • 16. Social media/Social network. Quali potenzialità?
    • Sul versante sociale
    Si vedano ad es. Madge et al., 2009; Selwyn, 2009. Opportunità Descrizione Socializzazione “ in ingresso” Inserimento nel nuovo contesto, comunicazione con nuovi amici Socializzazione “in uscita” Mantenere i contatti con vecchi amici dei luoghi d’origine Attività informali legate allo studio Scambio di materiali, commenti sulle lezioni e lo staff Identità di studente Socializzazione del ruolo di studente e formazione dell’identità studentesca
  • 17. Un esempio Comunità di studenti
  • 18.
    • Non dare per scontato che tutti gli studenti abbiano accesso ai nuovi media
    • Non dare per scontato che le nuove generazioni facciano un uso attivo e creativo dei social media
    • Non dare per scontato che gli studenti vogliano utilizzare i social media per attività di studio
    • Non dare per scontato che gli studenti vogliano comunicare con i loro insegnanti attraverso i social media
    Attenzione alle trappole dell’ovvio! Si vedano ad es. Hargittai, 2008 e Madge et al., 2009
  • 19.
    • Calvani A., Fini A., Ranieri M. (2010), La competenza digitale nella scuola, Trento, Erickson.
    • Crook C. (in stampa). The ‘Digital Native’ in Context: Tensions Associated with Importing Web 2.0 Practices into the School Setting. Oxford Review of Education.
    • Fini A. (2011),  Open Educational Resources: origini e stato dell'arte,   AEIT 7/8. 6-13 luglio/agosto 2011.
    • Fini A. (2009),  The Technological Dimension of a Massive Open Online Course: The Case of the CCK08 Course Tools,   IRRODL - The International Review of Research in Open and Distance Learning 10: 5.  
    • Hargittai E. (2008). Whose Space? Differences Among Users and Non-Users of Social Network Sites. Journal of Computer-Mediated Communication, 13 (1), 276-297.
    • Madge C., Meek J., Wellens J., Hooley T. (2009), Facebook, social integration and informal learning at university: ‘It is more for socialising and talking to friends about work than for actually doing work’, Learning, media and technology, 34:2, 141-155.
    • Ranieri M. (2011), Le insidie dell’ovvio. Tecnologie educative e critica della retorica tecnocentrica, Pisa, ETS.
    • Selwyn N. (2009), Faceworking: Exploring Students’ Education-Related Use of Facebook. Learning, Media and Technology, 34 (2), 157-174.
    • Selwyn N. (2011), Education and Technology. Key Issues and Debates, Continuum International Publishing Group, London-New York.
    Riferimenti bibliografici
  • 20. Grazie  Maria Ranieri Facoltà di Scienze della formazione Università di Firenze [email_address]

×