Partecipare con i social media

  • 444 views
Uploaded on

Laboratorio Cecina, 16 dicembre 2011

Laboratorio Cecina, 16 dicembre 2011

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
444
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
0
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide
  • mariaranieri mtitti70 Contursi2010 https://contursi2010.wikispaces.com/

Transcript

  • 1. Partecipare con i social media Maria Ranieri Facoltà di Scienze della Formazione Università di Firenze
  • 2. La Rete. Un po’ di storia Anni ‘60 Anni ‘90 Nuovo Millennio
  • 3. Video-Storia
    • http://www.youtube.com/watch?v=URieXGX4TME
    • http://www.youtube.com/watch?v=5xDITZBizfY
  • 4. Web 1.0
  • 5. Web 2.0
  • 6.
    • User generated content: utente produttore di contenuti
    • Applicazioni web-based: tutto solo con il web
    • Social networking: generazione di reti sociali, contatti, networking
    Web 2.0: concetti fondamentali Il web realizzato dagli utenti.
  • 7.
    • Immagini
    • Flickr (www.flickr.com/)
    • Zoto (www.zoto.com/)
    • Video
    • YouTube ( www.youtube.com/ )
    • TeacherTube (www.teachertube.com/)
    • Documenti
    • Scribd (www.scribd.com/)
    • Presentazioni
    • SlideShare (www.slideshare.net/)
    Strumenti di condivisione
  • 8. Un esempio in Youtube http://www.youtube.com/watch?v=ohJCdihPWqc&feature=fvw
  • 9.
    • Con i blog e i Wiki è possibile scrivere testi e inserire immagini in rete, come se si trattasse di normali applicazioni di videoscrittura.
    • I blog (web log), o "traccia su rete“, nascono nel 1997, principalmente come “diari personali”, luoghi di espressione e di esibizione, rappresentano una interessante opportunità per favorire la scrittura, la riflessione e il dialogo tra studenti.
    • I wiki (“rapido, veloce” in hawaiano) sono particolari tipi di siti web che consentono a più utenti di creare e modificare, contemporaneamente, pagine ipertestuali. Sono l'emblema della scrittura collaborativa dal momento che uno degli utilizzi più diffusi è proprio quello di consentire a diverse persone di lavorare contemporaneamente e a distanza su uno stesso insieme di pagine interconnesse attraverso link.
    Strumenti di produzione: blog e wiki
  • 10. Un esempio in wikispace http://belmesseri.wikispaces.com/
  • 11.
    • Scrittura rapida e sintetica: 140 caratteri
    • Seguire e essere seguiti (no interazione)
    • Aggiornamento costante su un evento convegno
    • Prendere appunti
    • Seguire esperti
    Strumenti di produzione: Twitter e il microblogging
  • 12.
    • Dalla condivisione della musica…
    • Last.FM (www.lastfm.it/)
    • … al podcasting
    • (diffusione di contenuti riproducibili su lettori MP3)
    • iTunes (www.apple.com/it/itunes/)
    • PodcastNet (http://www.podcast.net/)
    • podOmatic (www.podomatic.com/)
    Le lezioni (“episodi” o “puntate”) vengono rese disponibili su un sito Internet e, attraverso un meccanismo (RSS feeds), viene notificata agli interessati ("abbonati“) la disponibilità di nuovi podcast pubblicati. Strumenti di produzione: il Podcasting
  • 13. Strumenti di comunicazione: Skypecasts
  • 14. Laboratorio di Tecnologie dell’Educazione - Università di Firenze Strumenti di social bookmarking Condivisione risorse Tagging Folksonomy
  • 15. Laboratorio di Tecnologie dell’Educazione - Università di Firenze Social network Gruppi professionali
  • 16. Focus su wiki: realizzazione di un WikiMagazine
  • 17.
    • Ambiente che supporta la scrittura collaborativa con i seguenti vantaggi:
    • Dinamicità dello strumento nella rilettura del processo di apprendimento.
    • • Multimedialità, ovvero capacità di integrare diversi media: video, audio,testi, immagini.
    • • Rapidità di accesso alla revisione individuale e collettiva dei contenuti didattici e/o di alcune sue componenti.
    • • Possibilità di ripercorrere gli step di avanzamento nel percorso di lavoro.
    • • Partecipazione attiva nello svolgimento del compito.
    Uso del wiki nella didattica: principali vantaggi
  • 18.
    • Un obiettivo comune
    • Una chiara definizione dei ruoli (costituzione della redazione)
    • Condivisione di una «WikiQuette» , ossia un insieme di regole di comportamento cui attenersi per facilitare gli scambi discorsivi e ridurre i possibili rischi di conflitti e incomprensioni.
    • Strutturazione del magazine
    • Produzione cooperativa
    • Revisione reciproca
    • Pubblicazione e commenti
    WikiMagazine: Ingredienti essenziali
  • 19. Grazie! [email_address]