• Save
I social network nell'educazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

I social network nell'educazione

on

  • 2,139 views

Presentazione del libro su Insegnalo

Presentazione del libro su Insegnalo

Statistics

Views

Total Views
2,139
Views on SlideShare
2,058
Embed Views
81

Actions

Likes
19
Downloads
0
Comments
2

6 Embeds 81

http://www.scoop.it 63
https://twitter.com 7
http://www.linkedin.com 6
http://www.pearltrees.com 3
https://www.linkedin.com 1
http://www.itsos-mariecurie.it 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • ho acquistato il libro, complimenti, chiaro e ricco di spunti e di riflessioni. Un caro saluto Francesca Storace
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
  • Complimenti! mi pare di capire, per la velocità con cui ho letto la presentazione (sorry), che il libro rappresenti un approfondimento importante sul valore dei sn a livello educativo. Mi piacerebbe leggere in particolare degli effetti relazionali di questi strumenti, e su 'come si riconfigurano le relazioni e gli affetti in ambienti saldamente ancorati all'idea di essere sempre connessi'...bell' argomento...ahimè.....
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

I social network nell'educazione I social network nell'educazione Presentation Transcript

  • 1
  • Struttura L’ampia diffusione dei social network sta sollevando nuovi interrogativi anche sul versante educativo, dato che il loro impiego ha un impatto sulla vita socio-relazionale delle persone e sulle modalità di fruizione e produzione della conoscenza. Il problema può essere affrontato distinguendo tre dimensioni rilevanti: 1.Educare ai social network: in questo caso, l’attenzione è posta sui social network come oggetto d’apprendimento nell’ottica di promuovere nel soggetto capacità critiche di uso consapevole e creativo. 2.Apprendere con i social network: in questo caso, l’interesse cade sull’individuazione delle potenzialità dei social network per l’apprendimento, tenendo conto da un lato delle loro peculiari caratteristiche e dall’altro delle coordinate teorico-pedagogiche utili per identificarle. 3.Formarsi con i social network: ci riferiamo a quelle forme di apprendimento informale che possono generarsi dall’esperienza stessa dei social network e, in particolare, ai potenziali benefici legati all’appartenenza a gruppi informali d’interesse, specie nel campo dello sviluppo professionale e del lifelong learning. 2
  • Contenuti Prefazione* Introduzione Social network: origini e definizioni Educare all’uso consapevole dei social network Insegnare e apprendere con i social network Formarsi nei social network: comunità informali e gruppi professionali Conclusioni APPENDICE 1 Schede di buone pratiche** APPENDICE 2 Schede tecniche*** Glossario * A cura di Guglielmo Trentin. **Contributi di Manuela Delfino, Lorenzo Denicolai, Mauro Coccoli e Emanuela Cotroneo, Santi Scimeca ** *A cura di Luca Caviglione. Contributi su «Geolocalizzazione e servizi basati sulla posizione geografica», «Aspetti di sicurezza nei siti di social network» e «Suggerimenti pratico-operativi per allestire attività formative nei social network» 3 View slide
  • ALCUNI CONCETTI FONDAMENTALI 4 View slide
  • Reti sociali e siti di social network RETE SOCIALE: una struttura composta da un qualsiasi gruppo di attori (siano essi individui o gruppi) connessi tra loro da diversi legami sociali. Si tratta, quindi, innanzitutto di una rete fisica che può riferirsi a una comunità lavorativa, culturale, sportiva, religiosa, ecc. Una rete è costituita da una serie di nodi (gli individui) e di legami (le relazioni tra gli individui), la cui configurazione interna caratterizza la struttura di ogni specifica rete. 5 SITI DI SOCIAL NETWORK(ING): «servizi Web che consentono alle persone di (1) costruire un profilo pubblico o semi-pubblico all’interno di un sistema definito, di (2) articolare una lista di altri utenti con cui instaurare delle connessioni, e di (3) visualizzare e navigare la lista di connessioni di questi utenti e quelle di altri all’interno del sistema» (boyd & Ellison, 2007: 211). Esempi più noti sono Facebook, Twitter, LinkedIn, Google Plus, ecc.
  • Tipologie di legami FORTI: i legami di sangue e i vincoli di parentela, le relazioni amicali e di luogo quali il vicinato. Si tratta di rapporti reciproci che tendono a rendere le persone simili tra loro e che creano dei vincoli stabili o permanenti. DEBOLI: quelli riferibili agli incontri occasionali o strumentali mediante i quali le persone si raccordano sulla base di una serie di principi comuni. A differenza dei legami forti, quelli deboli poggiano sulla natura transitoria ed emotivamente lasca della relazione, oltre che sul loro carattere di impermanenza. LATENTI: connessioni (deboli) tecnicamente possibili ma non ancora attivate socialmente. I legami latenti che sono stati attivati diventano legami deboli che confluiscono all’interno del capitale sociale di tipo bridging, quello che consente il rinnovamento all’interno della rete sociale grazie al contributo di nuove immissioni. 6
  • I social network e il capitale sociale CAPITALE SOCIALE: l’«insieme delle risorse attuali o future collegate al possesso di una rete durevole di relazioni di conoscenza o riconoscimento reciproco più o meno istituzionalizzate» (Bourdieu, 1986: 248). Il capitale sociale svolge un ruolo molto importante all’interno delle comunità umane dal momento che ne facilita il coordinamento e la cooperazione per mutui benefici, che vanno dallo scambio di risorse e di informazioni utili alle relazioni personali, alla capacità di creare e gestire i gruppi. CAPITALE SOCIALE di tipo BONDING: struttura di rete composta principalmente da legami forti e stabili che si riferisce soprattutto al supporto emotivo e ai benefici che solitamente le persone traggono dalle relazioni intime CAPITALE SOCIALE di tipo BRIDGING: presenza prevalente di legami deboli e occasionali, si basa sullo scambio di informazioni utili CAPITALE SOCIALE di tipo MAINTAINED: rete di legami che si mantiene nel tempo (Ellison et al, 2007) 7
  • I social network per l’educazione 8
  • Social network chiusi e aperti SOCIAL NETWORK CHIUSI: Ambienti studiati specificamente per obiettivi didattici che consentono l’accesso solo a chi è utente registrato per quel determinato ambiente. Esempi noti sono Elgg, Ning, Edmodo, Schoology, ecc. Oltre a mettere a disposizione una serie di strumenti pensati appositamente per la didattica, offrono il vantaggio di offrire un ambiente protetto, riproducendo in qualche misura i confini e le caratteristiche della classe o di un ambiente di apprendimento circoscritto e delimitato. 9 SOCIAL NETWORK APERTI: Social network nati con finalità di socializzazione, quali Facebook e Twitter, che consentono l’iscrizione a qualunque utente. Il loro valore aggiunto è quello di mescolare i diversi piani dell’apprendimento – sia esso di tipo formale, informale o non formale – con la dimensione sociale e ludica della quotidianità, con molteplici vantaggi per quanti vi sono coinvolti. Allo stesso tempo, questa ibridazione di contesti, di ruoli e di obiettivi pone una serie di sfide e di criticità di cui occorre essere consapevoli.
  • EDUCAZIONE ALL’SUO CONSAPEVOLE DEI SOCIAL NETWORK TRA PROTEZIONE E EMPOWERMENT 10
  • Social network tra vecchi meccanismi e nuove sfide La diffusione dei social network ha rinvigorito il dibattito su alcuni aspetti chiave che caratterizzano il nostro essere e interagire nei social network, generando nuove sfide per chi si occupa di media ed educazione. Come gestire la propria identità nei social network? In che modo coniugare le esigenze di visibilità, che in alcuni casi – si pensi, ad esempio, ai social network professionali – possono essere di rilevante importanza, con il bisogno di tutelare la privacy e la sicurezza? Fino a che punto possiamo fidarci dell’autenticità delle informazioni che gli utenti condividono online? Vi sono indizi che possono corroborare le nostre credenze e la nostra fiducia negli altri? Come si riconfigurano le relazioni e gli affetti in ambienti saldamente ancorati all’idea di “essere sempre connessi”? 11
  • Social network tra vecchi meccanismi e nuove sfide tra esplorazione di sé e esibizione narcisistica e IDENTITA’. Il gioco dell’identità 12 frammentata. «Un avatar, spiega [Audrey, ndr], “è un profilo di Facebook che prende vita”. […] L’importante è offrire “una esibizione di te stesso”» (Turkle, 2012, p. 242) PARTECIPAZIONE E e-ENGAGEMENT. I social network possono offrire ai giovani l’opportunità di fare esperienza di ruoli partecipativi con implicazioni positive sullo sviluppo delle loro capacità critico-argomentative e dialogiche. PRIVACY. Il paradosso della privacy nei social network: da un lato, le persone manifestano preoccupazioni sulla protezione dei propri dati, dall’altra, rivelano informazioni personali dettagliate nel loro profilo. CREDIBILITA’. «La formazione della fiducia online è un processo difficile, ma una volta che si è stabilita essa aiuta a mitigare le percezioni di rischio, incertezza e vulnerabilità che sono associate alla rivelazione di informazioni personali e identificative» (Mesh, 2012, p. 1471). EMOZIONI. L’ambivalenza di certe pratiche segnala la complessità. Ad es. se, da un lato, la pratica del defriending suggerisce l’esistenza di una dimensione riflessiva nella gestione delle relazioni nei social network, dall’altro, è indicativa anche di pratiche semplicistiche di gestione degli affetti (= analfabetismo affettivo).
  • Social network: quali skills? • Decodificare e valutare l’affidabilità delle informazioni condivise nei social network e la credibilità delle fonti • Creare contenuti attraverso il remix •Comprensione della grammatica del dispositivo •Capacità di valutarne il potenziale per la soluzione di problemi vicini alla vita reale •Tutelare la propria privacy, tenendo conto della dinamicità di questo concetto • Comportarsi in modo adeguato e nel rispetto degli altri 13 •Lavorare in modo collaborativo attraverso gli strumenti di social networking •Partecipare attivamente a reti di interesse
  • Formare le social network skills DIMENSIONE TECNOLOGICA Un primo nucleo di attività ruota intorno allo sviluppo di consapevolezza sulle pratiche tecnologiche personali e di capacità di problem solving tecnologico. La familiarità con i dispositivi può indurre ad automatismi dalle conseguenze incerte e non sempre desiderabili. Accanto a ciò, è importante anche far riflettere gli studenti sul potenziale dei social network come strumenti che possono aiutarci nella soluzione di problemi della vita quotidiana. Esempi: diario degli usi, esplorazioni semiguidate, problem solving tecnologico DIMENSIONE COGNITIVA Un secondo nucleo di attività riguarda lo sviluppo di capacità di ricerca e uso critico delle informazioni e di produzione di contenuti. In ambienti come Facebook o LinkedIn, vengono condivise ingenti quantità di informazioni: offerte di lavoro, segnalazioni di articoli, etc. Chi garantisce la loro autenticità? Bisogna imparare a riconoscere gli indizi e a fare inferenze corrette. Al tempo stesso, i social network non sono solo ambienti di fruizione, ma anche di condivisione di informazioni o contenuti prodotti da noi. Esempi: Information problem solving, produzione e 14 condivisione di contenuti
  • Formare le social network skills DIMENSIONE ETICA Un terzo nucleo di attività mira allo sviluppo della capacità di gestire in modo sicuro i propri dati personali e di utilizzare i social network per scopi eticamente accettabili. Per lavorare su queste dimensioni, il ricorso a tecniche simulative come il gioco di ruolo risulta particolarmente interessante poiché consente di fare esperienze in una situazione protetta. Esempi: gioco di ruolo, simulazione, gioco di gruppo DIMENSIONE SOCIALE un quarto nucleo di attività punta allo sviluppo di capacità sociocomunicative e partecipative in senso stretto. Tipicamente, la discussione, il lavoro in piccoli gruppi, la partecipazione a reti, consentono di concentrarsi su queste dimensioni e di maturare una consapevolezza dei doveri che abbiamo nei riguardi di coloro con i quali comunichiamo. Esempi: definizione di una socioquette, lavoro collaborativo, partecipazione a reti 15
  • POTENZIALITÀ E CRITICITÀ DEI SOCIAL NETWORK APERTI. ALCUNE LINEE GUIDA 16
  • Le affordance pedagogiche dei social network tra apprendimento formale e edutainment Socializzazione, comunicazione e costruzione della comunità Apprendimento sociale e attività collaborative Condivisione di risorse e di materiali originali Ampliamento dei contesti di apprendimento 17
  • Le principali criticità dei SN aperti (Facebook) Digital divide e tasso di adozione incompleto da parte di docenti e studenti Mancanza di funzionalità specifiche per l’apprendimento formale Mancanza di tempo e ulteriore carico di lavoro per i docenti e studenti Erosione dei ruoli docente/studente e ridefinizione delle identità professionali Essere o non essere amici su Facebook? Facebook come attività volontaria? Potere distraente e incidenza sul rendimento scolastico/accademico Perdita del calore dei contatti reali Mancanza di strategie di valutazione adeguate Incertezza legata all’identificazione Carenza di buone pratiche Questioni relative alla privacy e sicurezza online 18
  • Alcune linee guida 1/2 Dimensione socio-tecnica –Garantire che tutti gli studenti siano registrati su FB –Promuovere negli insegnanti e negli studenti lo sviluppo di abilità tecniche e sociali per partecipare nei SN – social networking skills Dimensione amministrativa e gestionale –Supportare gli insegnanti sia negli aspetti tecnici che pedagogici attraverso la formazione e la condivisione di buone pratiche –Utilizzare i SN come uno strumento opzionale dentro e fuori la classe Dimensione istituzionale –Definire a livello istituzionale un regolamento sull’uso dei SN in ambito educativo tenendo conto dei problemi relativi alla privacy e alla sicurezza, e del supporto per insegnanti e studenti –Negoziare una visione comune sulla relazione insegnanti-studenti 19
  • Alcune linee guida 2/2 Dimensione pedagogica –Utilizzare i SN come strumenti per supportare e facilitare la discussione e la collaborazione a scopo educativo –Promuovere lo sviluppo di capacità metacognitive e autoregolative per gestire il rischio della distrazione –Valutare le riflessioni degli studenti sul proprio apprendimento nei SN sotto forma di valutazione formativa –Sviluppare strategie di valutazione che includano la partecipazione alle attività in Facebook attraverso dispositivi come rubriche, portfolio e riflessioni –Essere consapevoli delle pedagogie implicite che informano il modo in cui le attività di apprendimento e i ruoli sono concepiti Dimensione etica –Promuovere negli studenti la consapevolezza sui problemi inerenti la privacy e la sicurezza 20
  • In sintesi… 1) Cauto ottimismo… 2) Attenzione alle PEDAGOGIE IMPLICITE!!! 3) Importanza delle SOCIAL NETWORKING SKILLS 21
  • FORMARSI NEI SOCIAL NETWORK 22
  • Verso il ‘professional facebooking’ e altro Benché social network come Facebook siano nati principalmente per scopi di socializzazione, stiamo assistendo a una sorta di transizione da un uso meramente ricreativo di simili ambienti a un impiego di tipo professionale. Del resto, gli adulti sono sempre più presenti nei social network e a questo fenomeno sembra accompagnarsi l’emergere di nuove pratiche d’uso di questi dispositivi, legate alle esigenze della professione. 23
  • Insegnanti nei SN. Benefici e criticità Vantaggi • Costruzione e negoziazione dell’identità professionale • Condivisione delle pratiche e delle esperienze didattiche, confronto metodologico e sulle pedagogie implicite • Mentoring continuo per i docenti novizi e confronto con risorse esterne per supporto tra pari • Supporto emotivo e sociorelazionale rispetto alle problematiche relative al vissuto professionale • Contaminazione tra reale e virtuale come fattore di innesco per nuove iniziative 24 Svantaggi • Erosione dei confini tra identità personale e professionale, con conseguente difficoltà di gestione delle identità • Possibile controllo da parte dei superiori di quanto viene reso pubblico nel social network con conseguenze imprevedibili sul piano amministrativo • Livelli relativamente bassi di adozione di tecnologie come i social network • Livelli bassi di capacità d’uso dei social network
  • Medici nei SN. Benefici e criticità Vantaggi • Espressione e negoziazione dell’identità professionale • Condivisione delle informazioni Problem solving in ambiente d’apprendimento “allargato” 25 Svantaggi • Rischi per la reputazione e l’immagine professionale • Rischi per la privacy propria e altrui, in particolare i pazienti • Rischi legati all’affidabilità delle informazioni
  • Accademici nei SN. Benefici e criticità Vantaggi • Riduzione dei tempi del ciclo della ricerca con ricadute positive sui costi • Allargamento dell’accesso all’informazione scientifica attraverso la disseminazione aperta dei prodotti della ricerca • Maggiori possibilità per la collaborazione, la condivisione e la generazione di nuove idee 26 Svantaggi • Tempi eccessivi per la gestione del profilo personale su uno o più social network • Rischi per la qualità legati alla disseminazione di semilavorati o lavori in progress (problema dell’affidabilità) • Mancanza di procedure valutative alternative dei risultati della ricerca e di metriche spendibili ai fini della carriera
  • Uno sguardo al futuro  Un primo ambito di riflessione riguarda il rapporto tra formale e informale nell’apprendimento. L’esposizione crescente a informazioni per così dire autentiche, senza per questo essere necessariamente affidabili, la difficoltà a stabilire confini tra spontaneo e istituzionale, la tendenza degli utenti ad appropriarsi dei social network non solo per il divertimento ma anche per apprendimento e formazione, tutto ciò sta generando tensioni per le quali non si intravvedono all’orizzonte facili soluzioni.  Una seconda area di interesse ha a che fare con il tema dell’identità professionale. Questo tema riguarda la reputazione, l’immagine e la credibilità del professionista, ossia aspetti cruciali della rappresentazione sociale della professione. I social network stanno erodendo i confini tra identità personale e professionale, rimettendo seriamente in discussione il concetto di reputazione con conseguenze significative sul piano sociale.  Un terzo campo di ricerca, infine, concerne lo studio delle nuove pratiche emergenti: dall’online people tagging alla content curation all’uso dei social mobile media per la formazione. 27
  • Grazie!  28